Antenati ancestrali - test genetico

Di più
19/05/2018 19:26 - 19/05/2018 19:31 #17666 da Maksi
Apro questo topic per condividere una ricerca fatta da me personalmente attraverso un test test genetico commerciale. Il test garantisce di ripercorrere il tuo albero genetico attraverso almeno 10 generazione. Piu' o meno si ferma al ridosso dell'epoca delle esplorazioni marittime, all'incirca 500 anni fa. Questo sopratutto perche' la colonizzazione di continenti ha scombussolato la demografia, percui la demarcazione genetica in aree geografiche non sarebbe piu' tanto attendibile.

Ci sono vari test a disposizione che offrono il medesimo servizio ad un prezzo simile. Se stringiamo il cerchio ne restano 3:

Esistono anche altri test, ma vi garantisco che per il rapporto prezzo e servizio offerto sono questi tre che bisogna tenere in considerazione. Se volete una recensione competente leggete questo articolo che esprime un giudizio/recensione sui 3 test a disposizione. La pagina e' gestita da un gruppo di antropoliogi italiani i quali hanno intrapreso un progetto di classificazione genetica della popolazione italiana. Non e' un progetto ufficiale o gestito da qualche ente statale, ma un progetto pubblico, dove le persone condividono i loro risultati genetici (quindi non mandano direttamente dei campioni fisici).

Lo so che molti cominceranno a pensare male e l'anima "complottista" verra' fuori. L'ho fatto anche io se devo essere sincero. In realta' penso che ci sia dietro (non al gruppo italiano, ma i laboratorti di ricerca) qualche ente che ricava da questi test determinate informazioni a loro utili. Non penso a clonazioni o altre manipolazioni fantascentifiche (non perche' non ne sarebbero capaci, ma hanno altre apparati per questo), ma a un utilizzo di informazioni sulla composizione genetica di vaste aree regionali e continentali. In effetti sarebbe una informazione utile se volessimo usare qualche strategia particolare per condizionare biologicamente qualche popolazione specifica (magari provando a meticciarla per questo). Personalmente non me ne frega, tanto la mia posizione e' chiara e se vogliono sapere della mia storia genetica, facciano pure. Comunque anche io ho fatto una selezione. Ho scartato 23andme e Geno DNA perche' americani e piu' direttamente collegati a circuiti subdoli. Non penso che Living DNA sia libero e immacolato, ma e' inserito in un cerchio di influenza piu' limitato.

Dette queste premesse necessarie facciamo un rapido excursus tecnico di base. Il test comprende 2 punti di ricerca. Ti offre la classificazione degli aplogruppi, che sono in definitiva la tua linea materna (cromosoma X) e la tua linea paterna (cromosma Y). La linea paterna e' a disposizione solo ai maschi. L'altro punto e' la classificazione autosomica, che determina la nostra "forma" genetica. Insomma il nostro mix di geni attraverso secoli. La precisioni degli aplogruppi dipende dalla profondita' della classificazione. I cromosomi mutano (sopratutto il Y), dalle quali mutazioni derivano le subcladi. Piu' sono profonde le subcladi e' piu' avremo chiara la nostra discedenza paterna o materna. L'autosomico invece confronta i tuoi geni con le popolazioni odierne di determinate aree geografiche. Se hai un 10% di Sud Italia vuol dire che i tuoi geni hanno ereditato una percentuale di geni che si sono conservati maggiormente nel sud Italia.

Questo test offre anche dati grezzi (raw data) per scaricarli ed utilizzarli con calcolatori autosomici, tipo Gedmatch . Ha molte funzionalita', come ricercare "cugini genetici" nel mondo o utilizzare i dati del test per verificare il tuo autosomico in periodi molto piu' antichi, fino al Mesolitico. . Diventa molto curiuso, perche' sposta i tuoi punti di riferimento geografici non di poco (verificato di persona).

Penso di aver fatto un discorso introduttivo comprensibile, ma potete fare domande se vi incuriosisce qualcosa in particolare o volete comprendere qualcosa di piu'. Nel prossimo post mostrero ed analizzero i miei risultati.

A presto.
Ultima Modifica 19/05/2018 19:31 da Maksi.
Ringraziano per il messaggio: Haytham

Di più
19/05/2018 20:00 #17670 da Calvero

Maksi ha scritto:
Penso di aver fatto un discorso introduttivo comprensibile, ma potete fare domande se vi incuriosisce qualcosa in particolare o volete comprendere qualcosa di piu'. Nel prossimo post mostrero ed analizzero i miei risultati.


Figata

Ipotizzando che tutti lo facessero, e ipotizzando che il mondo dei Mini Pony esistesse (non sto dicendo a Te o al tuo topic) e che quindi i risultati non venissero manipolati e non fossero utilizzati per secondi fini o disonestamente, quale tipo di diagramma ufficiale avremmo di fronte? In che senso, dico. Non nel senso che tu possa farne una previsione, ci mancherebbe, ma proprio quale il tipo di mappatura/modello ne verrebbe fuori e, fattivamente, a quale tipo di comprensione costruttiva potrebbe condurre?

[Misti mi morr Z - 283] Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.

Di più
19/05/2018 20:24 - 19/05/2018 20:30 #17675 da Maksi
Se devo essere sincero Calvero per me e' solo una curiosita' personale. Siccome penso che l'eredita' del sangue sia quella che ci consegna la nostra coscienza archetipica (la memoria piu' profonda), volevo sapere piu' dettagliatamente da dove deriva la mia origine ancestrale. Ho avuto delle risposte.

Forse in questo periodo storico tanto nichilistico dal punto identitario, avere una comprensione almeno sul piano empirico delle nostre origini, potrebbe aiutare uno spirito di conservazione. Ma forse mi illudo.

Comunque le companie di questi test seguono l'agenda di propaganda del "siamo tutti cittadini del mondo". Non mi sono simpatiche, ma non mi interessano, perche' la mia battaglia (Mein Kampf :ok: ) non e' morale, ma di energie differenti. Anche facendo il loro gioco non sono mai succube di loro. Abdicheranno loro stessi, quando la tigre si stanchera' e riposera'.

Una mappatura in realta' c'e' gia' ed e' gia' usata per effettuare la classificiazione geografica di popoli geneticamente affini. E' proprio con questi che ti danno i risultati.
Ultima Modifica 19/05/2018 20:30 da Maksi.

Di più
20/05/2018 07:43 #17690 da horselover
una volta c'era l'araldica, ora la presa per il culo è più sofisticata

Di più
20/05/2018 16:25 - 20/05/2018 16:26 #17711 da Maksi
Linea materna: cromosoma X

Inizio a esporre i risultati ricevuti con l'aplogruppo materno. Premetto fin da subito che le informazioni diiffuse avranno valenza ufficiale, integrabili nella teoria Out of Africa che rimane nel pieno filone evoluzionistico. Io a questa teoria ci credo poco, non soltanto per quanto riguarda l'origine dalla scimmia, ma anche per il percorso migratorio dell'uomo moderno, che io ritengo inverso: non da Sud (Africa appunto) al Nord, Est e Ovest, ma dal Nord (Artico) verso altre terre abitabili. Ci sono diverse teorie a riguardo (abbastanza boicottate), ma per ora non e' mia priorita' dibattere la questione. Per ora mi concetrero' sulle classificazioni chiare ed empiriche. Anche la teoria evoluzionistica non intacchera' molto il discorso, perche' non avra' molta rilevanza sull'esposizione delle informazioni.

Il mio aplogruppo materno: U5
Subclade: U5a1d1

Mappa filogenetica


Cosi' ovviamente non dice molto, ci sono solo numeri e lettere. Con la prossima foto avremo un quadro piu' chiaro.



Le percentuali che vedete sono in proporzione alla presenza dell'aplogruppo U5 tra le popolazioni (moderne) elencate. L'aplogruppo U5 e' tipicamente europeo e quasi assente in Africa. Le fonti ufficiali affermano che questo aplogruppo si formo' tra 35.000 e 50.000 annifa in Asia centrale e Siberia. Stiamo parlando di paleolitico. Questa madre ancestrale aveva probabilmente sembianze Cro-Magnon . La questione non finisce qui', perche' bisogna considerare la subclade (U5a1d1). La sublcade evidenzia una mutazione, che in questo caso sposta in avanti (di millenni) l'origine della madre ancestrale.


Sempre da fonti ufficiali appredniamo che la madre in orogine si trovava nell'odierna Ukraina nell'epoca della cd Cultura di Jamna . Questa cultura si formo' tra le popolazioni proto-indeoeuropee e proto-indoiraniane all'incirca tra il 3.500 AC e 2.500 AC. Abbiamo fatto un bel balzo in avanti. Insomma la mia madre ancestrale viveva nel Nord Est auropeo circa 5.000 anni fa. Questa madre ha avuto discendenti che si sono sparsi sopratutto nel Nord Europa, che poi dopo sono passati anche da qui.

Per dovere di cronaca posto anche la mappa delle ipotetica rotta dall'Africa che inizio' 100, 150, 200, 250 mila... boh non lo so anni fa.



Nel prossimo post mi occupero' dell'aplogruppo paterno, del cromosoma Y.
Ultima Modifica 20/05/2018 16:26 da Maksi.

Di più
21/05/2018 17:44 #17734 da Maksi
Per curiosita' sono andato a vedere la diffusione del mio aplogruppo materno (mtDNA) nella mia nazione d'origine, la Slovenia.

E' interessante notare che solo il 5,3% dei campioni esaminati (358) abbia l'aplogruppo U5.



Qui la tabella completa.

Grande predominanza dell'aplogruppo H che ha la maggiore diffusione per quasi la meta' della popolazione europea. Si stima che sia nato 25.000 -30.000 anni fa nel nord-est del Mediterraneo o anche in Italia (cit: Eupedia ). E' scarso invece proprio nelle regioni dove e' maggiormente diffuso l'aplogruppo U5.

La diffusione dell'aplogruppo materno e' molto piu' "statico" di quello maschile, perche' le mutazioni non sono cosi' specifiche ed anche perche' le migrazioni o invasioni sono state piu' ad appannaggio di maschi che femmine.

Di più
26/05/2018 20:11 - 26/05/2018 20:18 #17813 da Maksi
Linea paterna: cromosoma Y

Continuo la mia esposizione con i dati della mia linea paterna - il padre ancestrale. Questa parte e' piu' "dinamica" della linea materna, perche' il cromosoma Y tende a mutare di piu' e l'accuratezza della ricerca dipende da quanto abbiamo a disposizione la subclade piu' profonda. Tutto dipende da quanto il test riesca a sequenziare le variazioni del materiale genetico o SNP . Sono test commerciali, quindi non possiamo avere un quadro completo della situazione. Ci sono delle soluzioni pero', attraverso altri test specifici per una sequenza piu' profonda.
Bando ai tecnicismi, andiamo a vedere cosa e' venuto fuori.

Il mio aplogruppo paterno: E-V13
Subclade: non assegnata

Mappa filogenetica:


L'E-V13 deriva dal aplogruppo Eb1b, che avrebbe avuto origine nel Mar Rosso circa 26.000 anni fa. E' un aplogruppo Caucasoide presente soprattutto nell coste nord-africane, Mediterraneo, medioriente, alte concetrazioni nei Balcani, in generale presente un po' dapertutto in Europa.



Concentramoci sulla clade V-13, perche' ha un orgine molto piu' recente e di derivazione puramente europea che assimila popolazioni indoeuropee.




Le ricerche odierne parlano della assimilazione dell'E-V13 (originato circa 7.800 anni fa) da parte degli Indoeuropei avvenuta nel neolitico. E' ancora un mistero quale gruppo indoeuropeo abbia portato e diffuso l'E-V13 nei Balcani e un po' dapertutto in Europa. Alcuni parlano dei Greci (Dori, Micenei), i Celti, gli Illiri (che sarebbero loro gli antenati di una parte degli Albanesi e delle popolazioni balcaniche in generale), i Romani stessi. Non si sa di preciso nemmeno quando questo aplogruppo si stanzio' in maniera cosi' massiccia sopratutto nei Balcani. Si ipotizza che la diffusione balcanica sia avvenuta nei tempi anche abbastanza recenti (da 1.500 anni fa, fino al medioevo innoltrato), portato da popolazione germaniche (Goti) che stabilirono un'elite in aree circostanziate. In effetti la diffusione dell'E-V13 segue le espansioni indoeuropee. Insomma posso dire che il mio padre ancestrale abbia fatto parte delle espansioni indoeropee, ma in quale periodo in particolare non si sa. Potrebbe essere dal 2.500 avant cristo, sino al Medioevoi inoltrato. Per questo mi servirebbe la sublcade piu' profondo, attraverso un test specifico che io faro'.

Le subcladi dell'aplogruppo E-V13:


In conclusione vi riporto una notizia bomba :woa: riferita all'aplogruppo Eb1b in generale. Ebbene hanno fatto un test genetico sui discendenti maschi del ramo paterno di un certo Adolf Hitler. Orbene e' venuto fuori l'aplogruppo Eb1b1 appunto. Ovviamente hanno approfittao per misitificare la notizia blaterando di fantomatiche origini africane o ebraiche. Molto probabilmente era appunto il ramo E-V13, che sopratutto in Germania (o Austria) - che comunque si trova nel 10% della popolazione - e' probabilmente di origine gotica.

La prossima volta mostrero' i dati autosomici (la composozione genetica) che sono sicuramente la parte piu' divertente.
Ultima Modifica 26/05/2018 20:18 da Maksi.

Di più
17/06/2018 17:15 - 17/06/2018 17:20 #18057 da Maksi
DNA autosomico: il patrimonio genetico

Ora cominceremo a vedere a cosa o meglio a chi possiamo accostare il mio retaggio genetico attraverso la mia linea genealogica di madre e padre. Il DNA autosomico e' in definitiva la nostra natura biologica: la nostra forma e la nostra sostanza.

Guardiamo ora cosa sono:



Questa e' la mappa piu' generica. Si tratta di clasificazione a livello globale. In questo caso sarei il 96,8% Europeo e il restante 3,2 extraeuropeo (vicino oriente e Asia centrale). In realta' e' una classificazione geografica, non strettamente etnica. Quelle percentuali che vedete sono quanto una parte del mio DNA si e' conservata in una determinata area geografica. In questo caso quel 1,5% nella Turchia del nord e 1,7% in quella zona sul Mar Nero e' molto probabilmente un retaggio dell'era bizantina (questo test va indietro di almeno 10 generazioni), dato che quei territori sono stati per parecchio tempo sotto dominio di Bisanzio (retaggio greco sopratutto).

Un altro appunto prima di continuare. Quelle scritte che vedete sopra la mappa Complete, Standard, Cautious sono riferite all'attendibilita' della classificazione:
- Complete classifica tutto il genoma, pero' l'attendibilita' diventa piu' scarsa, perche' classificano per similitudine, anche se non c'e' un riscontro al 100%
- Standard e' una classificazione piu' cauta, perche' dove l'ascendenza non può essere attribuita a una delle loro popolazioni di riferimento viene indicata come "non assegnata".
- Cautious e' la classificazione piu' precisa, anche se meno profonda

Ci concentreremo sulla classificazione Complete, perche' anche se non e' 100% precisa e' comunque quella che spiega di piu'.

Vediamo la mappa dal punto di vista regionale (Europa):



Qui' entriamo piu' in profondita'.

Come si vede ho un retaggio genetico che proviene quasi 2/3 dall'Europa dell'est (verde scuro). Ha una sua logica. Penso che questo dimostri la mia origine slava per di piu'. Come secondo retaggio piu' influente c'e' l'Europa del sud (viola). Qui' presumibilmente sono influenze greche e molto probabilmente anche romane. Sulle aree extraeuropee abbiamo gia' dibattuto. Abbiamo un bun 9% che proveine dall'Europa occidentale (Germania e Francia) - qui' c'e' il retaggio germanico. Curioso poi che le Isole Britanniche (3,9%) siano separate dall''area occidentale, anche se probabilmente anche qui ci sono segni germanici (e perche' no anche romani).

Andiamo a vedere ancora piu' in profondita' nelle aree subregionali:



Qui' si fa ancora piu' interessante con l'Europa dell'Est parcellizzata. La componente principale diventa il Nord Est europeo. Ecco l'area indicata:



Se devo essere sincero non mi ha tanto sorpreso, perche' mi ritenevo proprio uno slavo nordico :wink:

Le altre percentuiali sono piu' o meno in linea con quello che mi aspettavo, dato la mia area d'origine balcanica (serbo-sloveno).

Poi ci sono piccole percentuali abbastanza cospicue dell'area Baltica, di Russia occidentale (dove e' molto presente la tipologia della sottorazza nordide, portata dagli Ariani dalle steppe) e Finlandia. C'e' anche la socnosciuta Mordovia, che io manco sapevo esistesse. Sono andato un po' a controllare e sono una popolazione di lingua Uralica (finnico, ungherese, estone). Il nome deriva da origini indoiraniane (Sciti), che mi pare interessante come cosa.

Seconda mappa dell'Europa del Sud e occidentale:



Qui' si evidenzia sopratutto il retaggio greco-romano. Il termine Tuscany sopratutto e' interesante, perche' ha una sua categoria specifica e si rifa' a genti romano-italiche all'epoca della Civilta' di Villanova . Retaggi latini (quelli veri ed Indoeropei).

Ecco qua l'area del Tuscany:



Sardegna e' anche interesante e secondo me conferma proprio l'origine romana, perche' e' proprio il lascito romano che viene evidenziato da quella precentuale. In Sardegna i Romani si sono insediati per di piu' sulle coste.

L'Europa occidentale e' per di piu' germanica.

Il retaggio anglo-gallese e' anche interessante perche' secondo me anche qui c'e' la componente romana. Il Galles sopratutto ha piu' preso dalla colonizzazione romana.

Insomma in conclusione possiamo dire che sono un misto (bastardo :laugh: ) slavo (per lo piu'), greco-romano e germanico. Non mi posso lamentare. :cheer:
Niente tracce africane o asiatiche (mongolidi).

Non e' finita pero', c'e' altro da racontare. Con Gedmatch , con calcolatori autosomici specifici, possiamo tornatre ancora piu' indietro, al ridosso del Paleolitico. E' un gioco per lo piu', pero molto interessante, sopratutto per me che reputo la ricerca delle origini la vera riscoperta di noi stessi.
Ultima Modifica 17/06/2018 17:20 da Maksi. Motivo: aggiunta

Di più
14/07/2018 12:51 #18523 da Maksi
Tempo fa vi dicevo di un test specifico per l'aplogruppo paterno (cromosoma Y) del quale volevo approfondire la sublcade. Il test l'ho fatto con la compania YSEQ Dna origins project . Hanno un pannello specifico per ogni clade di un determinato aplogruppo. Questa classificazione approfondita sposta in avanti l'origine del padre ancestrale e magari spiega un po di piu' da quale popolazione deriva.

Come detto il cromosoma Y muta ed il sequenziamento determina a quale mutazione sei compatibile o non (positivo o negativo).

I risultati:

Your final haplogroup is E1b-L241.
All known downstream branches have been confirmed negative.

Quick results summary:
Z5018 T+
S2979 T+
Z16659 C+
L241 Y+
Z38770 A-
A7065 G-
PH2180 T-


I simboli + o - indicano la mia positivita' o meno ad una clade/mutazione specifica. Sono ritenuto positivo alla sublcade L-241.

Posto la mappa filogenetica per comprendere meglio (ho evidenziato in rosso il percorso genetico):


Le popolazioni di riferimento elencate sono quelle dove questa clade e' piu' presente. Curioso che quetsa sublcade sia presnte in zone e popolazioni abbastanza sparse. Rimane comuqnue abbastanza marcata lo componente nord-est Europa, con anche Germania, Spagna e persino Tunisia. La clade si sarebbe formata nella tarda Eta' del Bronzo, circa 1550-1200 a.c.

Cosa comportano questi dati?

Probabilmente questa clade (come il precedente E-V13) sarebbe stata assimilata da popolazioni indeoeuropee con predominante componente Slava (R1a), ovvero discendenti di popolazioni indo-iraniche. La presenza di questa clade anche nel Mediterraneo (Spagna e Tunisia), potrebbe significare anche retaggio indoeuropeo romano (Latini), che lo diffusero nell'area mediterranea.

Per ora e' tutto, ma penso che ci saranno degli sviluppi interessanti per questa clade un po' enigmatica.

Di più
14/07/2018 14:34 #18524 da NiHiLaNtH

Ci sono vari test a disposizione


ti dicono anche se hai dna alieno? no? allora ono completamente inutili

Di più
19/07/2018 11:54 - 19/07/2018 14:40 #18710 da Maksi
Esiste un'interessante mappa genetica delle popolazioni, ragruppate in diverse aree di riferimento che delineano la distanza che intercorre tra una popolazione e l'altra, con anche colori differenziati per ogni gruppo razziale (in blu il ceppo euro-caucasoide):



Io ho fatto un test attraverso un calcolatore di Gedmatch K15 , dove vengono fuori le coordinate genetiche che ti posizionano in un detreminato punto (il puntino rosso in alto a sinistra sono io):



Niente di sconvolgente. Piu' omeno siamo nella mia area di riferimento etno-geografico.

Ora che piu' o meno abbiamo analizzato il mio genotipo, dovro' mostrare anche il mio fenotipo :popcorn: . Cosi' almeno non penserete che parli di diversi ceppi razziali, mentre in realta' sembro un mezzo amerindio arabide :goof:
Ultima Modifica 19/07/2018 14:40 da Maksi.

Di più
25/07/2018 18:47 - 25/07/2018 18:54 #18984 da Mrexani
Maksi

Ecco qua l'area del Tuscany:

File allegato:

Sardegna e' anche interesante e secondo me conferma proprio l'origine romana, perche' e' proprio il lascito romano che viene evidenziato da quella precentuale. In Sardegna i Romani si sono insediati per di piu' sulle coste.


Non può essere un lascito romano, i territori costieri e intercostieri della Sardegna erano altamente disabitati fino al XIX secolo a causa di circa mille anni di scorrerie piratesche, prima saracene e poi turche.
Se prendi anche una carta moderna della Sardegna vedrai che la Gallura, il Sulcis, il Sarrabus e le marine dell'Ogliastra, della Barbagia e delle Baronie hanno una densità di comuni minore che nel resto dell'isola.
Probabilmente è un apporto corso, furono loro infatti a rioccupare per primi la Gallura tra il XVIII e il XIX sec.
Non per niente il gallurese è lingua corsa.
Ultima Modifica 25/07/2018 18:54 da Mrexani.

Di più
26/07/2018 14:23 - 26/07/2018 20:59 #19027 da Maksi

Non può essere un lascito romano, i territori costieri e intercostieri della Sardegna erano altamente disabitati fino al XIX secolo a causa di circa mille anni di scorrerie piratesche, prima saracene e poi turche.
Se prendi anche una carta moderna della Sardegna vedrai che la Gallura, il Sulcis, il Sarrabus e le marine dell'Ogliastra, della Barbagia e delle Baronie hanno una densità di comuni minore che nel resto dell'isola.
Probabilmente è un apporto corso, furono loro infatti a rioccupare per primi la Gallura tra il XVIII e il XIX sec.
Non per niente il gallurese è lingua corsa.

Ciao Mrexani, grazie per il contributo.

L'occupazione romana aveva grossomodo interesse a colonizzare la parte costiera, come dimostra questa mappa:



Poi dopo certo, nel periodo post-romano e nel Medioevo, a causa della perdita del controllo del Mediterraneo, e' diventato tutto piu' anarchico. Poi OK ci sono state anche delle conquiste di "barbari" (nel 5° seccolo d.c.), come i Vandali, che sono popolazione germanica.

Sta di fatto che quel mio 1,8% riferito alla Sardegna (associato per similitudine) e' probabilmente un lascito romano, cioe' una parte del loro genotipo che si e' conservato li'. Il test genetico si spinge indietro di circa 500 anni e non penso che qualche Sardo doc si sia imperentato con un mio antenato in questo lasso di tempo, soprtatutto per ragioni geografiche, ma non solo. Diciamo che il genotipo romano et simila e' piu' congruo alla mia classificazion genotipica che si e' sparso un po' ovunque o quasi. Anche il riferimento al Galles e' riferito al loro lascito genetico romano, secondo me, ancora piu' che germanico.
Ultima Modifica 26/07/2018 20:59 da Maksi.

Di più
26/07/2018 21:05 - 26/07/2018 21:35 #19046 da Mrexani
Maksi

Beh puo darsi sia romano, o toscano, oppure corso, anche se i genetisti ritengono che in Sardegna non vi siano stati apporti genetici significativi in epoca storica, a parte forse l'uranio impoverito e Aga Briatore Can califfo delle Balneari , ma questa è già postistoria.
Chissà, forse è pure precedente ai romani, non è che etruschi e sardi vivessero in due pianeti diversi.

Quello che volevo dire, molto banalmente, è che non lo puoi far risalire all'occupazione romana della Sardegna.

http://m.lanuovasardegna.it/tempo-libero/2018/01/11/news/gli-etruschi-e-la-sardegna-c-e-un-ponte-tra-le-due-civilta-1.16338878


https://it.m.wikipedia.org/wiki/Tomba_dei_bronzetti_sardi
Ultima Modifica 26/07/2018 21:35 da Mrexani.

Di più
28/07/2018 12:13 - 28/07/2018 12:49 #19223 da Maksi
@Mrexani

La gens romana e' appunto una combinazione etrusco-latina. Cosa siano stati gli Etruschi e' ancora tutto da decifrare e ci sono diverse teorie a riguardo. La mia idea e' che siano frutto di migrazioni atlantiche, portatori di un antica civilta' atlantidea... come i Sumeri (qualcuno ricollega gli Etruschi anche a loro).

La composizione genetica dell'Italia centro-settentrionale (e pure la Corsica) e' prevalentemente celto-germanico e in alte concetrazioni proprio sulle coste continentali atlantiche: link a riguardo. Penso che l'elite Latina - e pure Etrusca - appartenga a questi ceppi.

Per quanto riguarda la Sardegna e' una questione apparte. La loro caratteristcia genetica e' piu' unica che rara a livello europeo. Sta di fatto che geneticamente hanno una fetta non indifferente di retaggio indo-europeo (R1b e anche R1a, ma questo e' poco significativo), che sulla mappa ha alte concetrazioni proprio sulle coste.



Questo prova della conservazione gentica di retaggi non propriamente autoctoni come l' aplogruppo antico I2 + I2a . Penso che il mio retaggio sardo sia da ricollegarsi alle colonizzazioni piu' recenti e non ad una parentela autoctona antica. Anche perche l'I2a ha alte concetrazioni pure nei Balcani:


La mia linea paterna appartiene ad un altro ceppo ed anche l'autosomico mi da' un retaggio piu' slavo-germanico e greco-romano. Quindi propendo per questa soluzione.
Ultima Modifica 28/07/2018 12:49 da Maksi.

Di più
29/07/2018 09:42 - 29/07/2018 09:43 #19321 da Mrexani
Io non è che mi fidi molto delle congetture storiche a cui si fanno risalire determinati tratti genetici delle varie popolazioni.
La cosa che mi appare evidentemente illogica è il fatto di mappare le coste della Sardegna sotto l'aspetto genico ricercandone antichi apporti quando il suo ripopolamento è molto recente. Prima ho citato la Gallura ripopolata da corsi, ma si potrebbe dire di Carloforte in cui vi abita una comunità di liguri fuggiti dal nordafrica qualche secolo fa, oppure di Alghero, ecc.
La stragrande maggioranza delle città costiere segnate sulla ricostruzione della Sardegna romana sono state abbandonate e distrutte; Davvero le coste della Sardegna erano sostanzialmente deserte.
Per dire ad Arborea( Mussolinia) ci sono veneti e friulani giunti in Sardegna dopo le bonifiche di epoca fascista. A Carbonia giunsero tecnici e minatori piu o meno da tutta Italia.
Tutto qui.
Ciao
Ultima Modifica 29/07/2018 09:43 da Mrexani.

Di più
30/07/2018 10:20 #19403 da Maksi

Io non è che mi fidi molto delle congetture storiche a cui si fanno risalire determinati tratti genetici delle varie popolazioni.
La cosa che mi appare evidentemente illogica è il fatto di mappare le coste della Sardegna sotto l'aspetto genico ricercandone antichi apporti quando il suo ripopolamento è molto recente. Prima ho citato la Gallura ripopolata da corsi, ma si potrebbe dire di Carloforte in cui vi abita una comunità di liguri fuggiti dal nordafrica qualche secolo fa, oppure di Alghero, ecc.
La stragrande maggioranza delle città costiere segnate sulla ricostruzione della Sardegna romana sono state abbandonate e distrutte; Davvero le coste della Sardegna erano sostanzialmente deserte.
Per dire ad Arborea( Mussolinia) ci sono veneti e friulani giunti in Sardegna dopo le bonifiche di epoca fascista. A Carbonia giunsero tecnici e minatori piu o meno da tutta Italia.
Tutto qui.
Ciao

Attenzione, che la mappatura genetica e' piu' una questione geografica che puramente etnica. Si tratta solo di conservazione di determinati geni in un determinato territorio. In questo caso potrebbe benissimo starci che il ripopolamento della Sardegna (sulle coste) e' abbastanza recente, pero' da popolazioni che hanno determinato retaggio genetico piu' antico. Esempio per semplificare: se una popolazione con retaggio genetico "francese" ripopola un determinato territorio inabitato fino ad oggi, il retaggio genetico di quella popolazione sara' sempre francese, anche se il ripopolamento e' avenuto molto tempo dopo. Questo dimostra il grado di parentela delle popolazioni, non quanto siano antichi o altro. C'e' da dire tutta via che l'esempio sardo e' molto particolare, dato proprio il retaggio patrilineare (cromosoma Y) con un aplogruppo parecchio antico pre-indoeuropeo. Insomma penso che la Sardegna abbia un retaggio di popolazioni parecchio antiche, riferirte a civilta' di qualche Yuga addietro.

Tempo creazione pagina: 0.131 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO