Analisi crollo Ponte Morandi

Di più
19/10/2018 18:18 - 19/10/2018 18:22 #21712 da Ary_anna
Risposta da Ary_anna al topic Analisi crollo Ponte Morandi

italofranc ha scritto: IGOR 21704

3) Sai spiegare perché la Guardia di finanza ha pubblicato in sequenza invertita due filmati peraltro contenenti tagli?

In assenza di spiegazioni, le tre domande evidenziano azioni fatte con precisa volontà di fare e non per caso o errore.
La terza, addirittura, si riferisce ad un Corpo di polizia, la Guardia di Finanza, che dovrebbe essere al di sopra di sospetti di copertura di terzi (Benetton o altri).


Il tuo punto 3 fa paura, l'avevo già detto ma qualcuno mi aveva preso per il culo. Fa paura! Perchè dimostra che le forze dell'ordine non lavorano per noi ma bensi' per dei criminali. Siamo sicuri che la Guardia di Finanza era al corrente della diffusione dei suoi video tagliati ? Se era al corrente equivale a un Colpo di Stato.

Per altro: Procura di Genova dispone sequestro monconi viadotto Morandi.
Quello che a me sembra strano è il termine ''monconi'', molto specifico! Poteva essere dei campioni dello strallo visto che all'inizio si parlava solo di quello. No! Monconi! Che coincidenza! Sono i monconi che a noi mancono per vedere cosa hanno usato per buttarlo giu?


Eh sì, fa paura eccome.
Comunque il secondo video della GdF è ancora più taroccato, e lo è in modo così spudorato da aver fatto sorgere in alcuni il sospetto che le forze dell'ordine stiano tentando in tutti i modi di lanciarci un messaggio. Della serie: "Ragazzi, non possiamo parlare perché se parliamo ci fanno la pelle, ma guardate con i vostri occhi e rendetevi conto da soli: è tutto manipolato per nascondervi la verità".

Ultima Modifica 19/10/2018 18:22 da Ary_anna.

Di più
19/10/2018 19:30 - 19/10/2018 20:34 #21713 da gnaffetto

lo è in modo così spudorato da aver fatto sorgere in alcuni il sospetto che le forze dell'ordine stiano tentando in tutti i modi di lanciarci un messaggio. Della serie: "Ragazzi, non possiamo parlare perché se parliamo ci fanno la pelle, ma guardate con i vostri occhi e rendetevi conto da soli: è tutto manipolato per nascondervi la verità".


questa è una puttanata grande come una casa ! ho esagerato nel commento, volevo dire che se una cosa è pericolosa per le forze dell'ordine perche' mai questi dovrebbero far rischiare dei semplici cittadini...al loro posto


Qua stiamo parlando di un intero sistema paese compatto nella versione crollo. compresa l'informazione alternativa (stare in silenzio è una tecnica). il brutto è che la maggioranza magari non è nemmeno collusa ma è allora significativo il livello di rincitrullimento, indifferenza, incapacita', pigrizia, della popolazione.

l'11/9 americano ha risollevato l'economia americana che si basa sulla guerra, in italia l'11/9 ha intenzione di risollevare l'economia (quella dello sfruttamento dei ricchi sulle masse) basandosi sull'edilizia (tra l'altro nota per essere in mano anche alla criminalita' e per il bassissimo rapporto soldi spesi-posti di lavoro)?

ricordo alcuni miei spunti:

www.luogocomune.net/LC/17-politica-itali...n-giro#comment-97754 4 ottobre

NESSUNA ricostruzione (new york time (..), universita' tedesca, ricostruzione russa ripresa col telefonino) ne tiene conto.
O sono degli incompetenti o sono ammanicati (e vuol dire che ce ne sono tanti... di tutte e 2 le tipologie).
il fatto che si smuovano generali, ex sisde, carabinieri, guardia di finanza vuol dire (come qualcuno ha fatto notare) che questo governo ha l'appoggio dei militari. Facendo il paio con le richieste NATO il quadro si fa' molto chiaro.
La posizione conservativa e attendista di molti utenti qua' su LC non mi trova d'accordo anche perche' mi sembra di intuire che le forze armate non si stanno muovendo in una direzione di interesse nazionale ma di interesse sovranazionalimperialista, cioe' eseguono ordini nato, sostanzialmente forze armate americane, cioe' quelle che ci controllano in virtu' dell'occupazione-vittoria (loro) dal 43.
stiamo assistendo ad un cambio di pupazzi, marionette ma l'artista è lo stesso, con una nuova storia da raccontare e un nuovo modo di trasformare soldi fasulli in opere concrete e dipendenze certe.
il ponte morandi è un insidejob nazional-multinazional-internazional


www.luogocomune.net/LC/17-politica-itali...n-giro#comment-97769

Il Commissario alla Ricostruzione sarà il Sindaco di Genova, Marco Bucci.

ecco che si spiegano molte cose ...
dato che un evento come il crollo deve essere stato progettato molto tempo fa' (piu' di un anno almeno) nelle stanze dei bottoni ci dovevano essere persona fidate al momento giusto.
Ecco spiegato il ripudio della candidata 5stelle marika cassimatis che rischiava sull'onda dei successi roma e torino di portare persone esterne al sistema all'interno dei giochi. Grillo sempre piu' gate keeper!
inoltre il personaggio è legato agli USA, proTAV, DIRIGENTE MULTINAZIONALI DEL FARMACO....


www.luogocomune.net/LC/17-politica-itali...n-giro#comment-97819

questa storia del ponte è una bomba.. perche' su questo fatto si imposta tutta la politica di investimento per spendere i soldi nei rifacimenti , si parla di miliardi ! ecco spiegato il silenzio.
il capitalismo per mantenersi ha bisogno di crisi, ha bisogno di fare e disfare, di rifare.


www.luogocomune.net/LC/17-politica-itali...n-giro#comment-98087 6 ottobre

in ogni caso ora che si delinea un 11 settembre italiano (tra le altre cose, MASSIMO-REDAZIONE riesci ad aprire un forum a livello 11/9, cannabis sul ponte morandi? ho il sospetto che se ne parlera' molto) le implicazioni politiche e sociali sono molte.
se domani uscisse il vedeo che mostra la dinamica reale, cosa succederebbe?
che figura ci farebbe l'informazione ufficiale e soprattutto CHI puo' ergersi a riferimento per la gente come affidabilita'
La questione è anche di come sia profondo il cancro, quanta gente ne sia implicata, e quanti sono al vertice: classe dirigente, professionisti, industria, universita', informazione.
Ma la questione ancora piu' importante è capire che credere alla versione ufficiale CONVIENE a tutti: piu' lavoro, piu' consumi, piu' guadagni. Conviene a tutti tranne alla povera gente e all'ambiente. Con una tragedia-shock si supera l'ostacolo psicologico di destinare decine di miliardi in opere (non necessarie) invece che nel welfare.

Dobbiamo allora interrogarci se questo sistema capitalistico e di conseguenza consumistico e classista mantenuto da una finanza predatrice e truffaldina non sia da abbandonare.
E quindi proporre un modello , anzi 2 modelli alternativi, uno che serva per traghettare senza troppi scompensi (che rischierebbero di innescare una repressione o una restaurazione ) l'attuale sistema verso un secondo dove la vita di miliardi di persone non sia decisa e pilotata da una elite e soprattutto che ognuno possa decidere come organizzarsi economicamente (la guerra fredda è stata in sostanza un continuo distruggere gli stati che volevano essere INDIPENDENTI dal sistema USA).
Io credo che i militari dovrebbero ragionare su questo punto e, anche con uno scontro interno, propendere per la soluzione di indipendenza nazionale, anche scegliendo a loro gradimento persone da installare nei punti politici chiave , diversamente da questo governo che rappresenta un chiaro continuum con la subordinazione americana.


www.luogocomune.net/LC/17-politica-itali...n-giro#comment-98203 7 ottobre

massimo?
ho riguardato una tua analisi


non credi che sul bagliore sia il caso di ricredersi? Non capisco tutto questo aspettare che rilascino i video prima di approfondire le varie incongruenze. Perche' senno' c'e' il rischio che la gente si ribelli ai miliardi di investimenti in ristrutturazioni , come avevi sottolineato tu nel primo post del 14 agosto?

purtroppo quando E' il sistema marcio che fa' lavorare le persone queste saranno le prime ad opporsi al cambiamento e a non voler ammettere la verita' (quella nuova e ultima arrivata s'intende).

cioe' se venissero fornite le prove della NON esistenza di dio, come pensi reagirebbero i credenti? o se venisse scoperta la "cura" del cancro (o che cosa lo fa' venire) come pensi reagirebbero i milioni di persone che portano a casa la pagnotta perche' lavorano nel campo delle cure, della ricerca, delle analisi, della produzione? Il capitalismo è subdolo proprio perche' ti tiene dipendente mentre ti sta distruggendo

l'11/9 americano ha risollevato l'economia americana che si basa sulla guerra, in italia l'11/9 ha intenzione di risollevare l'economia (quella dello sfruttamento dei ricchi sulle masse) basandosi sull'edilizia (tra l'altro nota per essere in mano anche alla criminalita' e per il bassissimo rapporto soldi spesi-posti di lavoro)?


www.luogocomune.net/LC/17-politica-itali...n-giro#comment-98502 9 ottobre

direi che bisogna tener conto della non sincronizzazione dei vari orologi. ormai bisogna ritenere tutti i video manipolati, proprio per non far capire piu' nulla.
io credo che in 30 secondi sia crollato tutto.
Marciano' lo ritengo ormai un ingranaggio del depistaggio. E' stato condannato quindi fa' quello che gli viene chiesto, mischiare elementi credibili con altri ingannevoli: c'e' un nome per questa figura? debunker no, insider no, infiltrato no ma quasi, prpongo DECOYER !


www.luogocomune.net/LC/17-politica-itali...n-giro#comment-98652 10 ottobre

credo che invece quella che stiamo percorrendo sia una Ipotesi di lavoro, che è un metodo scientifico (altro che ricostruzioni nyt !)

Citazione:

nella metodologia scientifica, è detta ipotesi di lavoro un presupposto preliminare non provato, usato come base provvisoria per organizzare una ricerca. Se l'ipotesi abbraccia un campo di fenomeni abbastanza ampio, una volta verificata sperimentalmente e formulata in modo completo, essa si trasforma in una teoria

la discriminante è nella onesta intellettuale di chi fa' ricerca e di chi è chiamato a farsi una opinione. io credo che siano "abbracciati" molti fenomeni coerenti con l'ipotesi, quindi per me siamo alla formulazione di quella che finora sembra a tutti gli effetti una demolizione programmata

a questo proposito, ho finalmente risolto una domanda che mi perseguitava : se l'autista del camion doveva fermarsi proprio sul bordo della trave gerber per non cadere e contemporaneamente essere visibile come simbolo mondiale come faceva a riconoscere il punto esatto?

ecco come!

sono state cancellate le righe di mezzeria, 2 volte: la prima per avvisare che sarebbe arrivato il luogo e la seconda segnalava il punto definitivo. Probabilmente c'e' stata la retromarcia per posizionarsi perfettamente (l'autista è sceso per far indietreggiare le macchine, ricordate?)



www.luogocomune.net/LC/17-politica-itali...n-giro#comment-98169

continuo a non capire perche' molti utenti di LC che sono certamente piu' svegli di me e hanno trovato particolari davvero difficili nella dinamica dell'11/9 sono silenti....


www.luogocomune.net/LC/17-politica-itali...n-giro#comment-96713 28 settembre

e se fosse in atto un repulisti tra i dirigenti in funzione di un nuovo corso politico? le figuracce dei protagonisti pubblici nella vicenda morandi ne richiederebbero la rimozione.

Ultima Modifica 19/10/2018 20:34 da gnaffetto.

Di più
20/10/2018 03:30 #21715 da FranZeta
Risposta da FranZeta al topic Analisi crollo Ponte Morandi

italofranc ha scritto: Franz
quindi è vero che, pur avendo fatto l'università e aver studiato il pendolo, non sei capace di farci un calcolo della resistenza degli stralli che ti chiediamo. Ma allora cosa ti è servito andare all'università e avere la dispensa scritta di un professore di Meccanica Analitica, protetta da password? Ti serve solo per ventartene e darti il permesso di criticare il lavoro degli altri di scuola media, senza provare che tu sai fare meglio? Fai sto cazzo di calcolo se sei capace e smettila solo di criticare! Continuare su questa strada potresti fare la figura del coglione, anche se hai fatto l'università.

PS: le equazioni differenziali le ho fatte prima che tu nascessi.


Premettendo che non c’è niente di più noioso di un calcolo aritmetico inutile, eccoti accontentato, anche se da quanto seguirà la figura del coglione rischia di essere tutta tua (il PS sulle equazioni differenziali è una chicca, visto che hai ampiamente dimostrato di non conoscere nemmeno le funzioni trigonometriche).

Innanzitutto la sezione di un trefolo d'acciaio da mezzo pollice è 1 cm2 (scarso, si veda ad esempio qui a pag. 6), quindi 352+112= 464 trefoli hanno una sezione totale di 464 cm2, data la resistenza a rottura di 17000 kg/cm2 si ottiene:

resistenza a rottura di ogni strallo = 7888 tonnellate

Veniamo al calcolo del peso dell'impalcato, sulla scorta dell' articolo di Morandi , in particolare della Tavola V a pag.10. Abbiamo sei nervature lunghe 88*2=176 metri, altezza 4.50 metri (l'altezza è quasi costante, solo nel tratto terminale si riduce), spessore fra i 30 e i 16 cm, prendiamo il valore massimo dato che non è noto come vari lo spessore rispetto alla lunghezza, inoltre questi arrotondamenti per eccesso compensano il fatto che nel punto di ancoraggio degli stralli è presente una ulteriore trave trasversale di cui non sono note le caratteristiche. Poi ci sono due solette larghe 18 metri e spesse 16 cm che ricoprono il tutto, in totale:

volume impalcato = 6*(176*4.5*0.3)+2*(176*18*0.16) ≈ 2440 m3

Moltiplicati per il peso specifico del cemento armato, circa 2500 kg/m3 risulta una massa totale:

massa impalcato ≈ 6100 tonnellate

Poi ci sono i due elementi di raccordo, i prefabbricati da 36 metri di luce. Solo metà del peso dei due raccordi grava sugli stralli, quindi bisognerà sommare il peso di un elemento. Qui abbiamo 6 nervature da 2 metri circa di altezza per 16 cm di spessore più una soletta sopra e mezza soletta sotto (solo le nervature 1-2, 3-4, 5-6 sono inscatolate), perciò risulta:

volume Gerber = 6*(36*2*0.16)+1.5*(36*18*0.16) ≈ 225 m3

e la relativa massa è:

massa Gerber ≈ 560 tonnellate

Poi c'è la massa degli stralli, che non è trascurabile. La lunghezza è di circa 90 metri, la sezione della guaina in cemento è 1.22x0.98 metri, quella dell'acciaio (già vista) 0.0464 m2, usando una densità per l'acciaio di 7800 kg/m3 risulta:

massa strallo = (1.22*0.98-0.0464)*90*2500+0.0464*90*7800 ≈ 290 tonnellate

Con questi dati la massa sospesa complessiva del sistema equilibrato risulta:

Massa sospesa = 6100+560+4*290 = 7820 tonnellate

Per gli amanti della numerologia la massa sospesa esclusi gli stralli sarebbe di 6660 tonnellate...

Nel caso in cui venissero a mancare gli appoggi dei cavalletti, cioè che tutto il peso dovesse essere sostenuto dagli stralli, ammesso poi che la travata dell'impalcato non cedesse sotto il suo stesso peso, questa massa sospesa comporterebbe una tensione di:

tensione = 7820/0.54 ≈ 14480 tonnellate

mentre il carico di rottura da progetto degli stralli è:

carico rottura stralli = 7888*4 ≈ 31 550 tonnellate

Quindi, supposti efficienti al 100%, gli stralli in questa situazione non sarebbero nemmeno al 50% del loro carico teorico di rottura, sarebbero però oltre il carico di esercizio di 12992 tonnellate. In queste circostanze, cioè con la struttura sostenuta solo dagli stralli, il ponte si comporterebbe come un enorme pendolo con un periodo di circa 20 secondi (non riporto il calcolo perchè tanto @italofranc non lo capirebbe), questo comporterebbe che un carico mobile che si muove a 70 km/h o giù di lì potrebbe generare effetti di risonanza.

Cosa dimostra tutto ciò? Assolutamente nulla, se non che il ponte, anche se in avanzato stato di degrado, era presumibilmente ancora in grado di reggere il proprio peso. Peccato che un ponte serva a reggere il suo peso più altri pesi che si muovono sopra di esso. L'unica cosa di qualche interesse è il periodo di oscillazione del sistema impalcato-stralli, ma dubito che sia di utilità nella vostra discussione, visto che ve le suonate e ve le cantate da soli, seppure moderati dal sempre ragionevole e cortese @Aigor.

FranZη

Di più
20/10/2018 07:17 #21716 da gnaffetto
@franzeta

non riporto il calcolo perchè tanto @italofranc non lo capirebbe


per correttezza e rispetto degli altri utenti potresti invece, anche se son sicuro che italofranc sia in grado.

il ponte, anche se in avanzato stato di degrado, era presumibilmente ancora in grado di reggere il proprio peso.


se ho ben capito, presupponendo il cedimento del cavalletto gli astralli anche usurati avrebbero retto ancora il peso. ma la situazione opposta, cioe' con 1 o 2 stralli saltati il cavalletto centrale avrebbe potuto sorreggere l'intero impalcato? questa è la domanda cruciale.

un carico mobile che si muove a 70 km/h o giù di lì potrebbe generare effetti di risonanza.

un carico mobile di che peso? perche' credo sia importante questo dato

non credo bastino 40 tonnellate (il tir rosso) su circa 8000 (totale impalcato) e comunque sempre nell'ipotesi che NON ci sia il cavalletto centrale! ma guarda te...

Di più
20/10/2018 09:48 #21718 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Grazie Fran dei calcoli e dei complimenti (carino il 6660 :-D )

Chiederei, visto che anche fra schermaglie la discussione non è troppo degenerata, di proseguire prendendo in considerazione questi ultimi calcoli.

Se ho lasciato correre senza intervenire è perchè non mi piace fare il poliziotto :-D a volte le situazioni si calmano da sole, ma vi prego di mantenere il giusto senso della discussione.

Come già detto si lavori su ipotesi. Per chi ha la mente più razionale può sembrare un lavoro a perdere, ma finchè non si scende nelle offese non si fa male a nessuno, quindi chi vuole continui, chi non vuole faccia dell'altro.

Se diciamo cazzate chiedo comunque cortesemente di evidenziarlo 1) in modo certo 2) senza presaperilculismo, il tempo è prezioso per tutti (almeno per me lo è) e se lo impiego per scrivere qualcosa è perchè sono in buona fede, e così ritengo sia per gli altri utenti che partecipano a questa discussione con tesi "poco popolari"
Grazie comunque a tutti e andiamo avanti

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
20/10/2018 11:25 #21719 da gnaffetto
@fran

forse è sfuggita o ho formulato male una domanda che ho fatto nel commento precedente :

è possibile fare un calcolo di resistenza del cavalletto centrale se era capace di sopportare da solo l'impalcato supponendo assenti tutti gli stralli? ed eventualmente i punti di rottura dove si sarebbero potuti formare ?

grazie

Di più
20/10/2018 11:53 - 20/10/2018 12:24 #21720 da italofranc
Ma allora non mi ero sbagliato. Non mi conosci e ti permetti di sputtare sentenze. La trigonometria la conosco piu' di te, sono geometra di formazione, diplomato nei anni 60 quando un geometra poteva fare tutti i calcoli del cemento armato che voleva. Vedi che parli a vanvera, ti comporti come un ragazzino.

Detto questo ti ringrazio per il tuo calcolo. Ho dovuto provocarti per averlo. Quindi il tuo risultato, con la legge del pendolo che non conosco, è:
Cosa dimostra tutto ciò? Assolutamente nulla, se non che il ponte, anche se in avanzato stato di degrado, era presumibilmente ancora in grado di reggere il proprio peso.

E' quello che ho provato con il mio povero calcolo senza pendolo di Franz. Non sono gli stralli che hanno ceduto per primi, almeno che qualcuno li abbia fatto esplodere e tagliati (purtroppo non so con che cosa)

Grazie FRANZ. Vedi che poi tutto sommato non sono cosi' coglione!
Ultima Modifica 20/10/2018 12:24 da italofranc.

Di più
20/10/2018 11:59 #21721 da charliemike

gnaffetto ha scritto: è possibile fare un calcolo di resistenza del cavalletto centrale se era capace di sopportare da solo l'impalcato supponendo assenti tutti gli stralli? ed eventualmente i punti di rottura dove si sarebbero potuti formare ?

grazie

Non sono né matematico ne strutturista.
Sono solo un poveraccio che cerca di usare la testa avuta in dotazione con il resto del corpo alla nascita.

Senza tanti calcoli si può vedere dalle foto dell'epoca durante la costruzione che l'impalcato (la strada?) non poteva stare su da sola senza gli strati.
C'erano dei tiranti provvisori proprio sopra l'impalcato.

La mia è solo una risposta. Non voglio offendere nessuno.


Countdown to 1984

Di più
20/10/2018 12:39 #21722 da DanieleSpace

Una teoria del complotto è ridicola solo quando sono ridicoli i suoi moventi.

Di più
20/10/2018 13:30 #21723 da charliemike

Di più
20/10/2018 15:14 - 20/10/2018 16:26 #21726 da italofranc
Ora dunque con il reperto chiave che è talmente chiaro e evidente da dover mandarlo in Svizzera perchè i nostri ingegneri italiani non sono all'altezza di giudicare dei ferri d'armatura, potranno farci vedere finalmente questo cazzo di video che chiediamo da mesi. Oppere bisogna mandarlo in Svizzera anche lui?

Dopo di che, non dobbiamo accettare questa versione ufficiale perchè:

1) Con un solo strallo che cede, non si puo' aver un crollo di tutta la struttura. Voglio che mi facciano il calcolo per dimostrarlo, sfido anche gli ingegneri svizzeri. Con un solo strallo che cede, l'antenna non crolla!
2) La probabilità che due stralli cedano in quindici secondi, è impossibile. Questo non potranno farcelo digerire almeno che ci lasciamo corrompere.
3) Questi si ricordono dell'9/11 che ha funzionato e quindi stanno tentando la stessa cosa qui in Italia. La differenza, come dice Massimo, che il movente non è evidente come allora. Ma quando sono crollate le torri, Massimo, neanche tu sapevi il movente, l'hai saputo in seguito. Quindi tranquillo! Vedrai che a forza di menarla qualche loro cazzata verrà fuori.
Ultima Modifica 20/10/2018 16:26 da italofranc.

Di più
20/10/2018 15:24 - 20/10/2018 15:25 #21728 da Ary_anna
Risposta da Ary_anna al topic Analisi crollo Ponte Morandi

gnaffetto ha scritto:

lo è in modo così spudorato da aver fatto sorgere in alcuni il sospetto che le forze dell'ordine stiano tentando in tutti i modi di lanciarci un messaggio. Della serie: "Ragazzi, non possiamo parlare perché se parliamo ci fanno la pelle, ma guardate con i vostri occhi e rendetevi conto da soli: è tutto manipolato per nascondervi la verità".


questa è una puttanata grande come una casa ! ho esagerato nel commento, volevo dire che se una cosa è pericolosa per le forze dell'ordine perche' mai questi dovrebbero far rischiare dei semplici cittadini...al loro posto


Eh lo so.
Ma dimmi, allora, quale spiegazione razionale si può proporre per un video così pesantemente e puerilmente manipolato. Talmente malfatto che lo capirebbe anche un bambino di tre anni. Perché fanno delle operazioni del genere, sapendo di esporsi al ridicolo?
Tu parli di livello spaventoso di rincitrullimento, e hai ragione, ma la vostra stessa presenza qui dentro (e non siete gli unici) dimostra che non siamo rimbecilliti fino a questo punto.

Certamente lo schieramento compatto di TUTTE le forze istituzionali, compresi i media al loro servizio, è un muro di omertà spaventoso; ma è tanta la gente, soprattutto a Genova, che a questa stronzata del crollo per incuria non ci crede.
Siamo di fronte ad un'operazione di occultamento della verità semplicemente diabolica, ma si sa: il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi.
Prima o poi la verità viene a galla.
Ultima Modifica 20/10/2018 15:25 da Ary_anna.

Di più
20/10/2018 15:27 #21729 da Ary_anna
Risposta da Ary_anna al topic Analisi crollo Ponte Morandi

charliemike ha scritto: Anche sul Secolo XIX
m.ilsecoloxix.it/p/genova/2018/10/20/ADi...appato_tirante.shtml


Che immane cazzata.
Continuano a pigliarci per idioti.

Di più
20/10/2018 17:32 #21730 da gnaffetto
il potere , proprio perche' potere è in grado di imporre la sua verita' , la sua storia sulle masse.
Oggi è piu' facile perche' le masse non hanno piu' quella organizzazione (PCI) che dava loro la forza almeno di controbattere alle menzogne. Quello che resta di quel partito è infiltrato da comparse messe la' dal potere.
si sono impossessati del brand sinistra, del brand ecologico, del brand autonomista.

Tutto cio' è possibile perche' la gente si puo' COMPRARE con il denaro, e oggi di denaro a disposizione delle elite ce ne è di infinito, tanto da comprarsi praticamente anche una citta' (come dirigenza, cioe' polizia, giornali, sindacalisti, politici, universitari, artisti, militari, industriali, commercianti).

se hai letto il rissunto del mio pensiero poche righe fa', il problema è il sistema economico ostaggio del mezzo finanziario, l'economia ostaggio del capitalismo che ha bisogno di corrompere e snaturare tutto.

il terreno di scontro è quello tra chi ha o desidera il denaro (sopra ogni cosa) e chi invece mette le persone e le relazioni in cima al comportamento umano: alieni contro umani.



ecco che se i vantaggi (illusori) di una ripresa dell'economia (piu' lavoro, piu' sicurezza) sono percepiti dalla maggioranza maggiori del fatto di denunciare un fatto che potrebbe "rovinare tutto" , il gioco è servito.
Ringraziano per il messaggio: Ary_anna

Di più
20/10/2018 18:05 #21731 da FranZeta
Risposta da FranZeta al topic Analisi crollo Ponte Morandi
@gnaffetto

per correttezza e rispetto degli altri utenti potresti invece, anche se son sicuro che italofranc sia in grado.

Ho adottato la semplificazione che stralli e impalcato fossero elementi rigidi, a partire dalle masse già riportate ho calcolato momento d'inerzia I e baricentro del sistema, poi ho usato la formula per il periodo:

T=2*π*(I/(m*g*d))1/2

dove m è la massa totale del sistema, d la distanza del baricentro dal vertice del pendolo e g l'accelerazione di gravità.

se ho ben capito, presupponendo il cedimento del cavalletto gli astralli anche usurati avrebbero retto ancora il peso. ma la situazione opposta, cioe' con 1 o 2 stralli saltati il cavalletto centrale avrebbe potuto sorreggere l'intero impalcato? questa è la domanda cruciale.

In realtà ha pochissima importanza perchè era la travata stessa a non poter reggere il suo peso. Venendo a mancare sia il vincolo degli stralli che la compressione che questi esercitavano sulla travata stessa, questa si sarebbe spezzata da qualche parte fra cavalletti e stralli. Ne avevo già discusso con @Bandini qui .

un carico mobile di che peso? perche' credo sia importante questo dato

No, la risonanza, se c'è, può essere generata anche da carichi modestissimi, perchè l'effetto è cumulativo. E' il principio dell'altalena, non serve essere forzuti per farla arrivare in alto, ci si arriva anche con piccole spinte, solo che serve più tempo.

@italofranc

Ma allora non mi ero sbagliato. Non mi conosci e ti permetti di sputtare sentenze. La trigonometria la conosco piu' di te, sono geometra di formazione, diplomato nei anni 60 quando un geometra poteva fare tutti i calcoli del cemento armato che voleva. Vedi che parli a vanvera, ti comporti come un ragazzino.

Anch'io sono geometra, ma nel senso della specializzazione matematica. Per il resto in pratica stai dicendo:

- 4x4=20. 20:5=3.
- Guarda che 4x4:5 fa 3,2...
- Vedi che non mi sono sbagliato!

Lasciamo perdere va...

FranZη

Di più
20/10/2018 19:08 - 21/10/2018 01:23 #21732 da italofranc
Senti Franz, onestamente e senza prenderla, hai mai partecipato alla costruzione di qualche grossa opera, come un viadotto, una diga, una galleria? Non mi sembra che hai molta pratica di grossi cantieri, forse sbaglio.

Io ti chiedo questo non per offenderti, ma perchè se hai partecipato a un grosso cantiere avresti visto come si fanno le campionature degli acciai quando arrivano in cantiere prima di metterli in opera. La Direzione lavori chiede all'impresa costruttrice di mandare i campioni dei ferri e dei tiranti per calcestruzzo, di solito lunghi 120 cm. a un laboratorio ufficiale prove materiali che si trova di solito in un università d'ingegneria. Nel laboratorio i tecnici provano i campioni d'acciaio a trazione fino alla rottura. Questo si fa da secoli.
ORA ASCOLTATEMI BENE TUTTI . VI STANNO PRENDENDO ANCORA PER IL CULO. QUANDO FANNO DIVULGARE CHE E' STATO UNO STRALLO A CEDERE, FANNO SCRIVERE AI GIORNALI CHE E' CORROSIONE, NE SONO CERTI PRIMA ANCORA DI FARE LE PROVE. SI GUARDANO BENE D'IPOTIZZARE UN ATENTATO, GUAI AL MONDO! NON OCCORRE MANDARE LO STRALLO IN SVIZZERA! E' UNA COGLIONATA. BASTA RICAVARE DALLO STRALLO SOSPETTO DI CORROSIONE DEI CAMPIONI DI TREFOLO DA MANDARE A QUALSIASI LABORATORIO UFFICIALE , MEGLIO A PIU' LABORATORI, PER CONOSCERE LA LORO RESISTENZA ALLA ROTTURA E BASTA. SEMPLICISSIMO! SOLO QUANDO SI HANNO I RISULTATI SI POTRA' DIRE CHE E' STATO UNO STRALLO A CEDERE PER PRIMO PER MANCANZA DI RESISTENZA ALLA ROTTURA. I GIORNALI CHE VOMITANO LA NOTIZIA CHE LA RESITENZA DELL'ACCIAIO DELLO STRALLO ERA INSUFFICIENTE, SONO DA DENUNCIARE PER DIVULGARE IL FALSO E PER COMPLICITA' AL DEPISTAGGIO (pubblico servizio che ostacola o svia un'indagine).
Ultima Modifica 21/10/2018 01:23 da italofranc.

Di più
20/10/2018 19:17 - 20/10/2018 19:20 #21733 da italofranc
CharlieMike

Non sono né matematico ne strutturista.
Sono solo un poveraccio che cerca di usare la testa avuta in dotazione con il resto del corpo alla nascita.

Senza tanti calcoli si può vedere dalle foto dell'epoca durante la costruzione che l'impalcato (la strada?) non poteva stare su da sola senza gli strati.
C'erano dei tiranti provvisori proprio sopra l'impalcato.


Bravo, questo si chiama buonsenso! Purtroppo pochi hanno quella qualità. E' vero che c'erano dei tiranti provvisori fuori opera sull'impalcato. Per essere precisi, i tiranti servivono a tenere su le due parti di impalcato al di là degli appoggi del cavalletto.
Ultima Modifica 20/10/2018 19:20 da italofranc.

Di più
21/10/2018 09:56 - 21/10/2018 12:09 #21734 da italofranc
DALLA STAMPA :

Soprattutto: dimostra in maniera forse definitiva come fosse impossibile avere il polso reale sulla tenuta del manufatto, senza condurre ispezioni dentro il rivestimento in cemento che proteggeva gli stralli. Era l’aspetto più critico del Morandi ed era stato segnalato per anni dai consulenti e dal personale stesso di Autostrade.

FALSO, BUGIARDI! Ma gli ingegneri italiani non si vergognano quando leggono delle simili cazzate!

Delle prove non distruttive per il controllo della corrosione dell'acciaio all'interno dei calcestruzzi armati sono da molti anni usati in tutto il mondo. Qui di seguito ben 49 studi con i rispettivi test. LA PRESA PER IL CULO CONTINUA!



REFERENCES
[1]
Andrade, C. and González, J.A., ‘Quantitative measurements of
corrosion rate of reinforcing steels embedded in concrete using
polarization resistance measurements’,
Werkstoffe und
Korrosion
29
, (1978) 515-519.
[2]
Stern, M. and Geary, A.L., ‘Electrochemical Polarization: I.
A. theoretical analysis of the shape of polarization curves’,
Journal of Electrochemical Soc.
104
(1) (1957) 56-63.
[3]
Stern, M. and Weisert, E.D., ‘Experimental observations on the
relations between polarization resistance and corrosion rate’,
Proc. American Society Testing, Materials
59
(1958) 1280.
[4]
Feliú, S., González, J.A., A
ndrade and C., Feliú, V., ‘On-site
determination of the Polarization Resistance in a reinforced
concrete beam’,
Corrosion
(USA)
43
(Sept. 1987) 1-9.
[5]
Andrade, C., ‘New electrochemical technique for the
corrosion measurement in reinforced and presstressed
concretes. Use of inhibitor admixtures as prevention
method’, Ph.D Thesis - Faculty of Chemistry, Complutense
Univ. of Madrid, July 1973.
[6]
Lorenz, W.J. and Mansfeld, F., ‘Determination of corrosion
rates by electrochemical DC and AC methods’,
Corrosion
Science
21
(9) (1981) 647-672.
[7]
Epelboin, I., Gabrielli, C., Keddam, M. and Takenouti, H.,
‘Alternating-current impedance measurements applied to
corrosion studies and corrosion-rate determination’,
Electrochemical Corrosion Testing, ASTM STP 727. F.
Mansfeld and U. Bertocci, Eds., American Society for
Testing and Materials (1981) 150-166.
[8]
Gabrielli, C., Keddam, M., Takenouti, H., Vu Quang Kinh
and Bourelier, F., ‘The relationship between the impedance
of corroding electrode and its polarization resistance
determined by a linear voltage sweep technique’,
Electrochimica Acta
24
(1979) 61-65.
[9]
McDonald, D.D. and McKubre, M.C.H., ‘Electrochemical
Impedance Techniques in corrosion science’,
Electrochemical Corrosion Testing ASTM STP 727 - F.
Mansfeld and U. Bertocci Eds. (1981) 110-149.
[10] González, J.A. and Andrade, C., ‘Effect of carbonation,
chlorides an relative ambient humidity on the corrosion of
galvanized rebars embeded in concrete’,
British Corrosion
Journal
17
(1) (1982) 21-28.
[11] Gouda, V.K., Shater, M.A. and Mikhail, R. Sh., ‘Hardened
portland blast-furnace slag cement pastes, II. The corrosion
behaviour of steel reinforcement’,
Cement and Concrete
Research
5
(1975) 1-13.
[12] Glass, G.K., Page, C.L. and Short, N.R., ‘Factors affecting
the corrosion rate steel in carbonated mortars’,
Corrosion
Science
32
(12) (1991) 1283-1294.
[13] Hardon, R.G., Lambert, P. and Page, C.L., ‘Relationship
between electrochemical noise and corrosion rate of steel in
salt contaminated concrete’,
British Corrosion Journal
23
(4) (1988) 225-228.
[14] Lambert, P., Page, C.L. and Vassie, P.R.W., ‘Investigations
of reinforcement corrosion. 2. Electrochemical monitoring
of steel in chloride-contaminated concrete’,
Materials and
Structures/Matériaux et Constructions
24
(1991) 351-358.
[15] Polder, R, Tondi, A. and Cigna, R., ‘Concrete resistivity and
corrosion rate of reinforcement’, TNO report 93-BT-r0170,
TNO Delft (1993).
[16] Pollet, V. and Raharinaivo, A., ‘Assessment of damage by
corrosion: Techniques for predicting the extension of rebar
corrosion’, International Symposium on Bridge Engineering
and Management in Asian countries, PIARC, Jakarta
(Indonesia) 10-13 September (1996).
[17] Raharinaivo, A.L. and Carpio, J.J., ‘The steeping down the
current method: a new corrosion control for cathodic
protection of steel’, NACE Conference Corrosion '92,
Nashville, Paper 228, (1992) 9.
[18] Dhouibi-Hachani, L, Raharinaivo, A., Triki, E. and Fiaud,
C., ‘Assessing the corrosion of rebars in concrete
deteriorated by sulfates and carbonation’, Int. Conference on
Corrosion and Corrosion Protection of steel in Concrete. Ed.
R.N. Swamy, Sheffield, July (1994) 258-267.
[19] Berke, N.S., Shen, D.F. and Sundberg, K.M., ‘Comparison
of the polarization resistance technique to the macrocell
corrosion technique’, Corrosion Rates of steel in Concrete,
ASTM-1065, N. Berke, V. Chacker and D. Whiting Eds.
(1990)38-51.
[20] Hope, B.B. and Ip, A.K.C., ‘Corrosion of steel in concrete
made with slag cement’,
ACI Materials Journal
(Nov.-Dec.
1987) 525-531.
[21] Hansson, C.M., ‘Comments on electrochemical
measurements of the rate of corrosion of steel in concrete’,
Cement & Concrete Res.
14
(1984) 574-584.
[22] Gulikers, J., ‘Numerical simulation of corrosion rate
determination by linear polarization’, Rilem PRO 18,
Workshop on Measurement and interpretation of on-site
corrosion rate (Mesina), C. Andrade, C. Alonso, J. Fullea, J.
Polimón and J. Rodríguez Eds., Madrid, Feb. (1999).
[23] Pedeferri, P., ‘Corrosion and Protection of Metallic
Materials’, Librería Politécnico de Milano, Italy (1978)
(only in Italian).
[24] González, J.A., Molina, A., Escudero, M.L. and Andrade,
C., ‘Errors in the electrochemical evaluation of very small
corrosion rates. Part I. Polarization resistance method
applied to corrosion of steel in concrete’,
Corrosion Science
(UK)
25
(1985) 917-930.
[25] Glass, G.K., Page, C.L.,
Short, N.R. and Yu, S.W., ‘An
investigation of galvanostatic transient methods used to
monitor the corrosion rate of steel in concrete’,
Corrosion
Science
35
(5-8) (1993) 1585-1592.
[26] Newton, C.J. and Sykes, J.M., ‘A galvanostatic pulse
technique for investigation of steel corrosion in concrete’,
Corrosion Science
28
(1988) 1051-1074.
[27] Pollet, V., Grimaldi, G. and Raharinaivo, A., ‘Corrosion rate
of steel in carbonated concrete measured with polarization
resistance method and a new transient technique’, Paper I-
OR14, EUROCORR'96, Nice, France 24-27 Sept. (1996).
[28] Elsener, B., Klinhoffer, O., Frolund, T., Rislund, E.,
Schiegg, Y. and Böhni, H., ‘Assessment of reinforcement
corrosion by means of glavanostatic pulse technique’, Int.
Conference on Repair of Concrete Structures, Svolvær,
Norway, Edited by A. Blackvoll, May (1997) 391-400.
[29] Feliú, S., González, J.A., Andrade, C. and Feliú, V., ‘The
determination of the corrosion rate of steel in concrete by a
non-stationary method’,
Corrosion Science
26
(1986) 961-
970.
[30] Hladky, K., Callow, L.M. and Dawson, J., ‘Corrosion rates
from impedance measurements: an introduction’
,
British
Corrosion J.
15
(1) (1980) 20-25.
[31] Wenger, F., Galland, J., Lemoine, L., ‘Méthode de contrôle
de la corrosion des armatures de béton en milieu marin’,
International Symposium on Behaviour of offshore concrete
structures, Brest, France, October (1980).
[32] Andrade, C. and Castelo, V., ‘Practical measurement of the
A.C. Impedance of steel bars embedded on concrete by means
of a Spectrum Analyzer, Fast Fourier Transform’,
British
Corrosion Journal
(UK)
19
(1984) 93-100.
[33] Sagüés, A., ‘Electrochemical impedance of corrosion
macrocells on reinforcing steel in concrete’, NACE
Corrosion
90
, Las Vegas, USA, Paper 132 (1990).
[34] Sagüés, A.A., ‘Evaluation of corrosion rate by
electrochemical impedance in a system with multiple
polarization effects’,
Corrosion
89
, New Orleans (USA),
paper 25, April 17-21, 1989.
[35] Andrade C., Soler L. and Nóvoa, X.R., ‘Advances in
electrochemical impedance measurements in reinforced
concrete’, 5
th
Intern. Symposium on electrochemical
methods in Corrosion Research, EMCR’94, Sesimbra,
Portugal, Sept. 1994.
[36] Epelboin, I., Gabrielli, C., Keddam, M. and Takenouti, H.,
‘Alternating-current impedance measurements applied to
corrosion studies and corrosion rate determinations’, ASTM
STP 727 “Electrochemical Corrosion Testing”, F. Mansfeld
and U. Bertocci, Eds., American Society for Testing and
Materials (1981) 150-166.
[37] Hachani, L., Carpio, J., Fiaud, C., Raharinaivo, A. and Triki,
E., ‘Steel corrosion in concretes deteriorated by chlorides
and sulphates: electrochemical study using impedance
spectrometry and stepping down the current method,
Cement
and Concrete Research
22
(1992) 55-66.
[38] Feliú, S., Galvan J.C., Feliú Jr.,
S., Bastidas, J.M., Simancas,
J., Morcillo, M. and Almeida, E.M., ‘An electrochemical
impedance study of the behaviour of some pretreatments
applied to rusted steel surfaces’,
Corrosion Science
35
(5-8)
(1993) 1351-1358.
[39] Mansfeld, F., ‘Recording and analysis of AC impedance data
for corrosion studies. I. Background and methods of analysis’,
Corrosion
(NACE)
36
(5), Mayo (1981).
[40] Elsener, B., Hug, A., Bürchler, D. and Böhni, H., ‘Evaluation
of localized corosion of steel in concrete by galvanostatic
pulse technique’, Conference on “Corrosion of Reinforcement
in Concrete Construction”, C.L. Page, P.B. Bamforth and J.L.
Figg Eds. SCI, Cambridge (1996) 264-272.
[41] González, J.A., Andrade, C., Alonso, C. and Feliú, S.,
‘Comparison of rates of general corrosion and maximum pitting
penetration on concrete embedded steel reinforcements’,
Cement & Concrete Research
25
(2) (1995) 257-264.
[42] Andrade, C., Alonso, C. and González, J.A., ‘An initial
effort to use corrosion rates measurements for estimating
rebar durability’, Corrosion Rates of Steel in Concrete
ASTM STP-1065, N. Berke, V. Chacker and D. Whiting
Eds. (1990) 29-37.
[43] Mansfeld, F., ‘The relationship between galvanic current and
dissolution rates’,
Corrosion
(NACE)
29
(10) (1973) 403-405.
[44] Andrade, C., Maribona, I.R., Feliú, S., González, J.A. and
Feliú Jr., S., ‘The effect of macrocells between active and
passive areas of steel reinforcements’,
Corrosion Science
33
(2) (1992) 237-249.
[45] Andrade, C., Merino, P., Nóvoa, X.R., Pérez, M.C., M.C.
and Soler, L., ‘Passivation of reinforcing steel in concrete’,
Materials Science Forum
192-194
(1995) 891-898.
[46] Andrade, C., Bolzoni, F., Cabeza, M., Nóvoa, X.R. and Pérez,
M.C., ‘Measurement of steel corrosion in concrete by
electrochemical techniques: influence of the redox processes in
oxide scales’, in ‘Electrochemical Approach to Selected
Corrosion and Corrosion Control Studies, European Federation of
Corrosion Pub., no. 28, P.L. Bonora and F. Deflorian Eds., The
Institute of Materials, London, UK, Cap. 25, (2000) 332-343.
[47] Andrade, C., Keddam, M., Nóvoa, X.R., Pérez, M.C.,
Rangel, M.C. and Takenouti, H., ‘Electrochemical
behaviour of steel rebars in concrete: influence of
environmental factors and cement chemistry’,
Electrochimica
Acta
46
(24-25) (2001) 3905-3912.
[48] Alonso, C., Andrade, C. Izquierdo, M., Nóvoa, X.R. and
Pérez, M.C., ‘Effect of protective oxide scales in the
macrogalvanic behaviour of concrete reinforcements’,
Corrosion Science
40
(8) (1998) 1379-1389.
[49] Feliú, S., González, J.A.,
Andrade, C. and Feliú, V.,
‘Determining polarization resistance in reinforced concrete
slabs’,
Corrosion Science
29
(1) (1989)105-113.
Ultima Modifica 21/10/2018 12:09 da italofranc.

Di più
21/10/2018 15:53 #21736 da Sacco
Risposta da Sacco al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Ehm ma alla fine cosa avete scoperto?

Di più
21/10/2018 16:07 #21737 da Sacco
Risposta da Sacco al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Aigor

1) Sai spiegare perché sono stati cancellati ampi tratti di strisce stradali, alcune già ridipinte ex novo, per ottenere un tratto esattamente coincidente con il tratto crollato?
2) Sai spiegare perché sono stati cancellati due brevi tratti, già ridipinti ex novo, in coincidenza con lo stop del camion Basko?
3) Sai spiegare perché la Guardia di finanza ha pubblicato in sequenza invertita due filmati peraltro contenenti tagli?


1) Molto probabilmente si tratta di una nuova gettata di asfalto, non vedo il problema. Il fatto è che in teoria dovresti essere TU a provare quello che sostieni, parti dalle conclusioni per arrivare ai fatti ( striscie mancantiì uguale segnale occulto per avvertire i camionisti di fermarsi..)
2) E' uguale alla prima. Parti dalle conclusioni e ci adatti i fatti che fanno comodo alla tua teoria, come Gnaffetto e la sua trave appoggiata che ne è l'esempio perfetto.
3) Ci sono diverse possibilità tra cui, chiedilo a loro, controllo PER BENE che le fonti da cui attingi i filmati non abbiano fatti i furbetti come fa regolarmente Marcianò.

Diciamocelo, la "teoria" sul crollo "alternativo" non si regge se non su speculazioni parecchio avventate.
Questo non è l'11 settembre , che viene sempre citato a sproposito per dare una parvenza di dignità alle propie teorie, infatti non esiste una AeE per il Ponte Morandi e quasi nessuno mette in dubbio il cedimento strutturale del ponte ma per alcuni questo è sospetto, da qui l'attacco immeritato a Mazzucco.
Sei pagine di 3d, un sito dedicato e siete sempre qui in tre a darvi le pacche sulle spalle e poco più.

Di più
21/10/2018 18:11 #21738 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
:hammer: :hammer: :hammer:

La tua risposta
1) non risponde per niente, non si getta asfalto se non per un motivo e tu non ne hai fornito uno valido.
2) idem.
3) insomma devo chiederlo alla Guardia di Finanza, un po' come chiedere all'FBI perché mancano i video dell'impatto sul Pentagono, no? Che ci vuole.

Guarda che nessuno ti chiede di venire qui a scrivere, se non vuoi contribuire alla discussione, benissimo, altrimenti evita.

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
21/10/2018 18:13 #21739 da Carmelo Russo
Questa ricostruzione è molto simile a quella descritta nel mio blog timoleonte.wordpress.com/2018/09/24/pont...matica-di-un-crollo/
Qualcuno ha notato che parte dell'impalcato gerber è sotto il pilone/impalcato 10? Ho calcolato 19m. Qualcuno può darmi conferma?

Di più
21/10/2018 18:28 - 21/10/2018 18:44 #21740 da italofranc
Sacco!
Diciamocelo, la "teoria" sul crollo "alternativo" non si regge se non su speculazioni parecchio avventate.
Questo non è l'11 settembre , che viene sempre citato a sproposito per dare una parvenza di dignità alle propie teorie, infatti non esiste una AeE per il Ponte Morandi e quasi nessuno mette in dubbio il cedimento strutturale del ponte ma per alcuni questo è sospetto, da qui l'attacco immeritato a Mazzucco.
Sei pagine di 3d, un sito dedicato e siete sempre qui in tre a darvi le pacche sulle spalle e poco più.


Crollo alternativo a che cosa? Ma di cosa stai parlando? Tu ci rimproveri che non abbiamo scoperto niente. Ma a te hanno dato qualche vera prova di quello che dicono. Gli stralli devono mandarli in Svizzera e intanto nessun calcolo di rottura o di stabilità dell'intera struttura ipotizzando il cedimento di uno strallo da parte di qualche strutturista, solo delle animazioni in 3D del crollo che non stanno ne in cielo ne in terra, e che non rispecchiano i detriti fotografati, i loro video sono tagliati e lo hanno anche ammesso, il video integrale non te lo fanno vedere, non si sa che cazzo faceva quel l'impresa di tanto importante di notte sotto la pioggia con cosi' tante bombole di l'acetilene, e tu ci vieni rimproverare noi? Dunque cecondo te è merda ma non puzza!

PS: leggiti anche il seguente calcolo di questo strutturista CARMELO RUSSO e le sue conclusioni, poi sappiami dire!
timoleonte.wordpress.com/2018/09/24/pont...matica-di-un-crollo/
Ultima Modifica 21/10/2018 18:44 da italofranc.

Di più
21/10/2018 18:47 #21742 da italofranc
OTTIMA RICOSTRUZIONE, STESSE CONCLUSIONI NOSTRE:
E’ difficile ammettere che gli stralli si siano rotti contemporaneamente. Però il crollo sembra esser causato da tale evento. Sarebbe più verosimile pensare alla rottura di un solo strallo causando l’inflessione di un tratto di impalcato oltre i limiti di funzionalità, senza il crollo dell’intera struttura. In questo caso anche il solaio Gerber avrebbe mostrato analoga inflessione. Con la rottura di uno strallo sarebbe impensabile un crollo quasi istantaneo del ponte. L’evento avrebbe messo in allarme l’organo di gestione e il ponte sarebbe stato chiuso subito al traffico causando poche vittime umane.

Di più
21/10/2018 18:50 #21743 da italofranc
FRANZ
Lascia stare il pendolo e leggiti bene questo calcolo di un ingegnere strutturista, non di due cazzoni di geometri come noi.

Calcolo di un strutturista (con i cazzi!) di CARMELO RUSSO e le sue conclusioni, poi sappiami dire!
timoleonte.wordpress.com/2018/09/24/pont...matica-di-un-crollo/

Di più
21/10/2018 19:55 #21744 da italofranc
#125 BELLINI 2018-10-21 19:38
#124 eco3

E i cavi d'acciaio corrosi avrebbero causato il crollo del pilastro??

Visto che ci sono altre 2 campate da tirare giù, facciamo saltare i tiranti e vediamo se vengono giù i pilastri.
O se per tirare giù i pilastri servono bagliori e boati

Di più
21/10/2018 19:56 #21745 da italofranc
#128 BELLINI 2018-10-21 19:45
Non si vuole capire che se proprio si vuole trovare una giustificazione al crollo del ponte di Genova, bisogna parlare di cedimento del pilastro.
Perché la struttura portante si basa sul pilastro
La rottura degli stralli può causare un crollo parziale della strada, ma non la distruzione del pilastro.
Insomma se vi tagliano le braccia, non cadete per terra. Vi devono tagliare le gambe per finire col sedere per terra
Ringraziano per il messaggio: TdC Ghost

Di più
21/10/2018 19:57 #21746 da italofranc
Giano
#95 Giano 2018-10-21 12:57
Italofranc #92 Citazione:

Allora SALVINI ha visto anche le precedenti puntate quando si parlava del viadotto Morandi e fregandosi le mani avra' detto: ''meno male, anche Massimo non ci crede, un pensiero in meno, che culo!''

Mi dispiace deluderti ma l' altro giorno in tv ho intercettato un labiale di Salvini che parlando con due suoi collaboratori diceva "Raga state in campana finché Italofranc non pubblica il video con l' analisi definitiva!"
Forza, datevi una mossa! :-D

Si bisogna far presto! A parte gli scherzi, io sono convinto che a Salvini qualche notizia gli sia arrivata ma , come dice il bravo GNAFFETTO, se i vantaggi (illusori) di una ripresa dell'economia (piu' lavoro, piu' sicurezza) sono percepiti dalla maggioranza maggiori del fatto di denunciare un fatto che potrebbe "rovinare tutto" , il gioco è servito

Di più
21/10/2018 20:09 #21747 da Sacco
Risposta da Sacco al topic Analisi crollo Ponte Morandi

Aigor ha scritto: :hammer: :hammer: :hammer:

La tua risposta
1) non risponde per niente, non si getta asfalto se non per un motivo e tu non ne hai fornito uno valido.
2) idem.
3) insomma devo chiederlo alla Guardia di Finanza, un po' come chiedere all'FBI perché mancano i video dell'impatto sul Pentagono, no? Che ci vuole.

Guarda che nessuno ti chiede di venire qui a scrivere, se non vuoi contribuire alla discussione, benissimo, altrimenti evita.


Ho quotato infatti questo tuo commento con i tre quesiti che erano rivolti a chi non condivide la teoria alternativa al crollo.
Comunque non mi aspettavo diversamente, oramai devi difendere la tua posizione ad oltranza, è per questo che siete in tre a commentare.
In realtà si dovresti essere tu e gli altri a fare pressione alle autorità propio come i FOIA per l'11 settembre.
Qulae sarebbe l'altro motivo per cui si getta asfalto? Ma veramente ti sembra una cosa seria che abbiano messo il segnale per far fermare il furgone della Basko al momento prestabilito? Se tu la vedi così sei TU che lo devi provare.
E' come se io dicessi che il ponte lo ha fatto crollare gargamella e sei TU che devi provare che non è vero. La logica si è suicidata.
Comunque tranquillo non vi disturbo oltre, vedo siete presissimi tra calcoli e piloni appoggiati.

Di più
21/10/2018 20:12 #21748 da italofranc
BRAVO CARMELO RUSSO!

Non ho mai visto crollare una struttura in cemento armato in questo modo, con soli carichi e sovraccarichi. Il cemento armato fa miracoli: si piega ma non si pezza. Crolla dopo una lunga agonia.

Neanch'io, dopo 40 anni di cantieri simili!
Ringraziano per il messaggio: Ary_anna

Tempo creazione pagina: 0.649 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO