Analisi crollo Ponte Morandi

Di più
23/12/2018 09:29 #23858 da italofranc
le telecamere di sorveglianza IPTrendnet hanno quasi tutte un microforo incorporato. La mia che ho fuori dal ristorante qui a Marsiglia mi fa sentire le voci all'esterno via telefono amche stando a Trieste dove vado in vacanza.
Se poi quei suoni della RAI sono stati aggiunti questo è un altro paio di maniche.

Di più
23/12/2018 09:29 #23859 da ish bor
Risposta da ish bor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
@aigor
mi correggo
l'audio è del crollo
si sente il cambio da un video all'altro
la non sincronicità potrebbe essere dovuta ad un ritardo per la posizione del microfono

Di più
23/12/2018 09:55 #23860 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Bene, appurato che vi è la possibilità che le quelle videocamere abbiano un microfono, il mio dubbio rimane: quanto di quel sonoro è vero?

Posso dire, per quanto mi riguarda, che forse il primo tonfo con eco potrebbe essere originale anche se non sincronizzato (lascio aperta la possibilità).
Ma gli altri sono quasi sicuro che siano stati "editati" a partire, probabilmente, dal primo: sono troppo simili sia come tempistica che come timbrica.

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
23/12/2018 10:43 #23861 da ish bor
Risposta da ish bor al topic Analisi crollo Ponte Morandi

Di più
23/12/2018 12:15 #23862 da ish bor
Risposta da ish bor al topic Analisi crollo Ponte Morandi

Di più
23/12/2018 13:26 #23864 da italofranc
Bravo Ish Bor!
Allora con il tuo montaggio il botto è ancora piu' impressionante. Mi sa che a qualcuno potrebbe far cambiare le idee questa nuova manipolazione da parte delle autorità.

Di più
23/12/2018 18:55 - 24/12/2018 09:07 #23866 da 3aaa
Risposta da 3aaa al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Innanzitutto Buon Natale a Voi.

Chiedo scusa per la lunghezza del post ma l'argomento è complesso e più di tanto non si può sintetizzare.

In merito alla caduta e al salvataggio "miracoloso" dell'autista del TIR con il coil ILVA, eravamo rimasti che era appunto un "miracolo" oppure...beh lo so che avete le Vostre idee. Ho approfondito un poco il metodo di calcolo della caduta (di una trave incernierata ad un estremo) e provo a spiegarlo (sono calcoli che uno studente di ingegneria al secondo anno dovrebbe saper fare). Poi ognuno trae le sue conclusioni. Il punto importante è che NON è una caduta a "corpo libero" nel qual caso la campata Gerber sarebbe caduta in verticale, con una velocità di impatto dell'ordine dei 106 Km / h, cadendo da 45 metri di altezza

Partiamo da questi fatti: noi troviamo la Gerber avanzata di parecchi metri verso Genova (non è caduta a perpendicolo) e.....l'autista si sarebbe salvato. Come è possibile? Il modello qui proposto spiega entrambi questi eventi (o almeno lascia aperta una possibilità).

Spezziamo la caduta in 3 fasi (semplificando un po' perché forse la realtà è anche più complessa) ed immaginiamo di guardare la scena da monte (come se fossimo Di Giorgio):

---PRIMA FASE: la Gerber resta agganciata (come fosse incernierata) alla pila 10 e ruota (in senso orario) verso il basso fino ad assumere un angolo, diciamo, di 45 gradi (centro di rotazione = estremità lato Genova)
---SECONDA FASE: la Gerber si libera dall'aggancio e cade "a piombo" fino a che la sua estremità lato Savona non tocca terra
---TERZA FASE: la Gerber (facendo perno sulla estremità che ha già toccato terra) inizia una rotazione (in senso antiorario) che porta la sua estremità lato Genova ad adagiarsi al di là dei binari (centro di rotazione = estremità lato Savona)

IPOTESI: la lunghezza della Gerber è di 36 metri e la altezza dal suolo è di 45 metri

Calcolando correttamente le velocità di caduta, risulta che la prima fase dura circa 1,98 secondi, al termine della quale il baricentro, durante la rotazione, è sceso da 45 a 32,3 metri dal suolo e, contemporaneamente, si è spostato di circa 6 metri verso Genova (come in effetti è avvenuto), mentre l'estremità lato Savona è a 19.5 metri dal suolo

Nei successivi 1,24 secondi la Gerber cade in caduta libera e l'estremità lato Savona tocca terra (e ovviamente assume velocità =0). La velocità di impatto è dell'ordine dei 70 Km / h ma verosimilmente ci sono degli effetti ammortizzanti dovuti alla dissipazione dell'energia nella rottura delle strutture. Il TIR inoltre non è solidale ma solo appoggiato sulla Gerber. Subirà uno schiacciamento verso il basso la cui componente parallela al piano della Gerber si traduce in una discesa nel senso contrario a quello di marcia. L'autista sente solo la componente del "colpo" perpendicolare al piano della Gerber

Nei successivi 2,2 secondi la Gerber facendo "perno" sulla estremità lato Savona (che ha ormai toccato il suolo) ruota andando a poggiare a terra l'estremità lato Genova. La velocità di impatto col suolo nella zona centrale della Gerber è di circa 50 Km / h (nel primo quarto verso Savona sarebbe molto di meno, diciamo la metà, mentre la estremità lato Genova tocca terra a velocità superiore, diciamo doppia).

In conclusione, il fatto che la Gerber resti inizialmente agganciata alla pila 10 spiega un rallentamento della caduta e l'avanzamento verso Genova come, all'opposto, la Gerber lato Savona, rimasta agganciata alla pila 8 (video Di Giorgio), è arretrata verso Savona nella caduta e il suo baricentro, che inizialmente sovrastava via Greto di Cornigliano, si è posizionato fra due capannoni industriali.

La dinamica degli eventi ci permette inoltre di capire come, a seconda di dove era sistemato il TIR sulla Gerber al momento dell'effettivo impatto finale col suolo, la velocità di impatto sentita in cabina possa essere stata anche abbastanza bassa, così da permettere la salvezza. Ricordo che l'autista avrebbe detto di essersi sentito tirato indietro dal peso del coil trasportato. Se fosse vero che per qualsivoglia ragione il TIR è andato indietro spostandosi verso l'estremità Savona della Gerber, ecco che la velocità di impatto in cabina potrebbe essere stata sui 30 Km /h = salvezza. Insomma un "mazzo" poderoso.

A riprova che quanto sto argomentando è riscontrabile dai dati di fatto, porto questa considerazione. E' stato detto da qualcuno esperto che la caduta del coil viaggiante (diciamo) a 36 Km / h (10 m/s) sulla carreggiata, avrebbe sviluppato un'energia pari ad una cannonata. Ora, il medesimo coil in caduta libera da 45 metri, accumulerebbe un'energia circa 9 volte superiore! Non pare che ci sia nessun "cratere da super cannonata" nel terreno ove è stato trovato il coil. Quindi non è caduto in caduta libera, ma è arrivato a terra a velocità relativamente ridotta.

Ora qualcuno potrebbe giustamente chiedere: come mai non c'è stata "salvezza" per il TIR blu sulla Gerber lato Savona? Per me la risposta è che il verso del moto del TIR con il coil ILVA (che si è trovato di fronte una "salita") e la stessa massa del carico erano tali da favorire il permanere del mezzo sulla Gerber fino alla "lenta" rotazione finale. Il senso del moto del TIR blu (di fronte al quale si è spalancata una "discesa") era invece tale da rendere indipendente la caduta del TIR da quella della Gerber. Il TIR Alba infine, crollato dietro al TIR rosso, non ha fatto in tempo a salire sulla Gerber ed è precipitato a peso morto. Insomma, anche nella sfiga, vale trovarsi nel punto giusto al momento giusto.
Ultima Modifica 24/12/2018 09:07 da 3aaa.

Di più
24/12/2018 08:56 #23871 da antonioB
Risposta da antonioB al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Senza polemiche con nessuno.
Però pretendere di applicare modelli "standard",fisici o scientifici,ad eventi complessi come questo mi pare sempre azzardato.

Tipo chi sostiene che una elezione è truccata solo in base alla progressione dello spoglio.

Sul pinte Morandi c'è poco da dire.

Noi genovesi lo sappiamo bene che era da anni che era sotto osservazione per problemi tecnici e aveva bisogno di molta manutenzione.
Però per la mentalità italica:

1) nessuno si voleva prendere la responsabilità di chiuderlo.
2) nessuno si voleva prendere la responsabilità di decidere di restauralo adeguatamente vista la spesa da sostenere.
3) hanno preferito aspettare la tragedia.

Appunto la solita mentalità italica del piffero.
Ringraziano per il messaggio: Michele Pirola

Di più
24/12/2018 09:25 #23872 da 3aaa
Risposta da 3aaa al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Ad Antonio B

Ho solo voluto dimostrare che è possibile una soluzione diversa da quella cui crede la maggioranza del forum. L'autista potrebbe essersi salvato anche senza ipotizzare che fosse un figurante in un complotto. Poi ognuno la pensi come vuole. Basta mantenere la correttezza fra noi.

Di più
24/12/2018 10:18 #23873 da ish bor
Risposta da ish bor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
@3aaa
Condivido il tuo ragionamento
E credo che sia avvenuto "lo stesso" per la tiguan
Una gran botta di fisica cinematica

Di più
24/12/2018 10:49 - 24/12/2018 10:54 #23874 da 3aaa
Risposta da 3aaa al topic Analisi crollo Ponte Morandi
@ish bor

Grazie, almeno uno lo ho convinto.....chissà col tempo...............però, dai, mi diverto a stare in un consesso in cui sono esigua minoranza (diciamo il partito repubblicano della prima repubblica....). Basta farlo con educazione e correttezza, ci provo. Mi diverto molto meno quando qualcuno con enfasi mi accusa di dire cazzate ritenendo che esista una sola possibile verità. Dubitare è meglio (vale anche per me).

Per la Tiguan è drammaticamente più difficile da spiegare. Si deve ipotizzare che l'impalcato abbia fatto una rotazione completa di 180 ° mentre ancora era in aria, in modo da presentarsi in tempo all'appuntamento con la Tiguan che era in movimento sulla zona centrale. Successivamente deve essersi generato anche qui un movimento di caduta non "a piombo" ma con centro di rotazione ad una estremità, in modo da avere un movimento rallentato. Qui non credo ci siano equazioni o calcoli che tengano, almeno al momento non mi vengono in mente.

Aggiungo che oltre ai "precipitati" senza farsi male, ci sono stati almeno due (la estetista ucraina e il parrucchiere rumeno) che si sono salvati si, ma mi pare che siano ancora abbastanza mal presi con fratture varie. Tanto per dire che gli scenari possono essere stati diversi
Ultima Modifica 24/12/2018 10:54 da 3aaa.

Di più
24/12/2018 10:53 - 24/12/2018 11:21 #23875 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
:-D
Non è mica che rifiuto ragionamenti che vanno in direzione contraria a quello che penso, sia beninteso :wink:

E' solo che rimango aperto a tutte le possibilità, qualche dinamica ha possibilità basse o molto basse, altre hanno possibilità più alte, e così via.
Nessuna è definitiva, posso sempre cambiare idea al riguardo se ci sono elementi che mi fanno rimettere in discussione la cosa.
E, soprattutto, posso anche sbagliare.

Riguardo al TIR, la ricostruzione mi vede abbastanza d'accordo, anche se potrei obiettare varie cose, ma non riesco a spiegarle bene (ci ho provato) quindi non lo faccio, diciamo che sono ancora perplesso al riguardo ma meno di prima.
Se riuscirò a buttare giù quello che intendo in un italiano comprensibile lo farò :hammer:

EDIT: giusto per precisare: il fatto che propenda per la versione "complottista" è data dal fatto che l'insieme di eventi prima e dopo uniti alle dinamiche di crollo unito alle stranezze sulle macerie, ecc. ecc. danno, nella mia testa, probabilità più favorevoli all'evento voluto piuttosto che naturale.
Per me l'evento voluto, per le ragioni che ho più volte espresso, fa quadrare tante cose, l'evento naturale rende tutte queste cose semplicemente "coincidenze": beh, per me troppe coincidenze puzzano :wink:

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Ultima Modifica 24/12/2018 11:21 da Aigor.

Di più
24/12/2018 11:27 #23876 da antonioB
Risposta da antonioB al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Ma infatti sono d'accordo sul confrontarsi pacificamente.
Infatti se ho scritto su LuogoComune l'ho fatto solo per l'argomento di cui ho conoscenza diretta.
Quello delle questioni elettorali.
Poi é che é uscita questa questione relativa alla mia città.

Di più
24/12/2018 12:28 - 24/12/2018 12:32 #23877 da 3aaa
Risposta da 3aaa al topic Analisi crollo Ponte Morandi
@AntonioB @Aigor

Ovviamente non mi riferivo a Voi, assolutamente. E' che in passato, avevo appena messo il naso sul forum, e sono stato bruscamente cazziato da persona nota, diciamo così..............tanto da farmi pensare di lasciare perdere e abbandonarlo. Poi l'argomento mi interessa e la discussione costruttiva pure. Per inciso, sono anche io di Genova e quel ponte fa parte anche del mio vissuto.
Ultima Modifica 24/12/2018 12:32 da 3aaa.

Di più
24/12/2018 14:26 - 24/12/2018 14:28 #23880 da Ary_anna
Risposta da Ary_anna al topic Analisi crollo Ponte Morandi

antonioB ha scritto: Senza polemiche con nessuno.
Però pretendere di applicare modelli "standard",fisici o scientifici,ad eventi complessi come questo mi pare sempre azzardato.

Tipo chi sostiene che una elezione è truccata solo in base alla progressione dello spoglio.

Sul pinte Morandi c'è poco da dire.

Noi genovesi lo sappiamo bene che era da anni che era sotto osservazione per problemi tecnici e aveva bisogno di molta manutenzione.
Però per la mentalità italica:

1) nessuno si voleva prendere la responsabilità di chiuderlo.
2) nessuno si voleva prendere la responsabilità di decidere di restauralo adeguatamente vista la spesa da sostenere.
3) hanno preferito aspettare la tragedia.

Appunto la solita mentalità italica del piffero.

Conosco diversi Genovesi, alcuni dei quali erano presenti al crollo.
Nessuno di loro è convinto che si sia voluto "aspettare la tragedia". Una tragedia del genere non si compie in pochi secondi con la distruzione della pila 9, oltre che dell'impalcato.
Sapete, si dice che il diavolo faccia le pentole ma non i coperchi. I Greci parlavano di hybris per coloro che, sentendosi onnipotenti, perdevano il senso del limite.
Ecco, se tutto si fosse limitato al crollo dell'impalcato, credo che nessuno di noi starebbe qui a discutere la vigilia di Natale su un evento accaduto alla vigilia di Ferragosto; ma avere causato anche il crollo (totalmente inutile, diciamo "gratuito") della pila centrale è stato un atto di imperdonabile e puerile hybris.
Nessuno, mai, potrà convincermi che un bestione di quel genere si polverizzi in pochi secondi, mentre tutto "per combinazione" cede e crolla simultaneamente, sia a Ponente che a Levante.
Ultima Modifica 24/12/2018 14:28 da Ary_anna.

Di più
24/12/2018 16:31 - 24/12/2018 16:47 #23882 da SLG
Risposta da SLG al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Anch'io, come molti, sono rimasto sbalordito dalla veloce e disastrosa distruzione di un bel pezzo di ponte, nonchè della A (che qualcuno ha giustamente riconosciuto come simbolo lampante, quanto, se volete, fortuito, della classica squadra/compasso massonica (è noto che a loro piacciono queste "firme" simboliche di auto-cripto-celebrazione)), che hanno ceduto di schianto, manco fosse semplice cemento senza armatura e fatto con il 70% di sabbia. Certo che i tondini di ferro e lo stesso cemento erano parecchio logorati (non più di tante altre infrastutture di questo corrotto paese), ma fino a questo punto?
Qui si sta parlando di un vero e proprio atto criminale, da parte o del progettista, o del costruttore, o del manutentore/controllore che sia, e secondo voi verrà incriminato qualcuno per omicidio colposo?
Non sono un forcaiolo, ma come al solito le vere ragioni dei disastri che accadono nella nostra beneamata patria di mafiomassoni, non verranno mai alla luce e a rimetterci saremo sempre noi, poveri disgraziati, distratti dalla propaganda di regime fintodemocratico (internazionale, aggiungerei).
Per quale strac.zo di motivo, dare in pasto alla stampa spezzoni di filmato incollati insieme alla bellemeglio senza un continuum temporale e privi di parti salienti?
Se tirassero fuori adesso il filmato integrale, che garanzie avrei che non sia stato manomesso in qualche maniera?
Magari, se non dovessero riuscire a fare un lavoro credibile, potrebbe scoppiare qualche incendio inspiegabile in qualche ufficio contenente carte scomode. Non mi stupirei proprio di niente.
Ma, si sa, ormai il mio scetticismo è patologico.
Qualcuno è andato a chiedere a qualche operaio di quelli che la sera prima stavano armeggiando sul ponte, di notte, sotto la pioggia in un giorno prefestivo (a già non erano dipendenti pubblici) cosa minchia ci fosse di così urgente????

Orange69
Ultima Modifica 24/12/2018 16:47 da SLG.

Di più
24/12/2018 16:52 #23883 da italofranc
Aryanna
Ecco, se tutto si fosse limitato al crollo dell'impalcato, credo che nessuno di noi starebbe qui a discutere la vigilia di Natale su un evento accaduto alla vigilia di Ferragosto; ma avere causato anche il crollo (totalmente inutile, diciamo "gratuito") della pila centrale è stato un atto di imperdonabile e puerile hybris.
Nessuno, mai, potrà convincermi che un bestione di quel genere si polverizzi in pochi secondi, mentre tutto "per combinazione" cede e crolla simultaneamente, sia a Ponente che a Levante.


Mi ero detto di non scrivere piu' in questo forum.
Poi tu arrivi in una frase a riassumere così bene tutte le nostre perplessità su questo crollo, non resisto e devo complimentarmi con te.
Perfetto Aryanna, questo vuol dire aver buon senso. Una persona può essere intelligente ma può impuntarsi e andare fuori strada se gli manca il buon senso. Per questo in situazioni del genere non bisogna escludere niente a priori, soprattutto quando ci sono così tanti indizi analizzati in questo forum. Dire che abbiamo perso il nostro tempo è ingiusto.

Di nuovo buon Natale a tutti e che non ci siano mai piu' dei crolli di questo genere.

Di più
25/12/2018 08:18 #23885 da antonioB
Risposta da antonioB al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Certo certo.
Come chi dice che non era matematicamente possibile che Renzi nel 2014 prendesse il 40,8%.......

Di più
25/12/2018 08:32 #23886 da antonioB
Risposta da antonioB al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Che poi se davvero il ponte fosse stato fatto saltare dagli americani o da altri questo scagionerebbe autostrade e Benetton.
Che infatti per dire prima era uscita una relazione tecnica in cui si diceva che il Morandi poteva durare ancora 100 anni.
La relazione per cui i 5 stelle si opponevano alla gronda.
Cioè adesso se ci si vuole indignare verso qualcuno ci sono motivi che non richiedono indagini approfondite.
Perché appunto é una situazione lampante.

Di più
25/12/2018 19:43 #23890 da Ary_anna
Risposta da Ary_anna al topic Analisi crollo Ponte Morandi

italofranc ha scritto: Aryanna
Ecco, se tutto si fosse limitato al crollo dell'impalcato, credo che nessuno di noi starebbe qui a discutere la vigilia di Natale su un evento accaduto alla vigilia di Ferragosto; ma avere causato anche il crollo (totalmente inutile, diciamo "gratuito") della pila centrale è stato un atto di imperdonabile e puerile hybris.
Nessuno, mai, potrà convincermi che un bestione di quel genere si polverizzi in pochi secondi, mentre tutto "per combinazione" cede e crolla simultaneamente, sia a Ponente che a Levante.


Mi ero detto di non scrivere piu' in questo forum.
Poi tu arrivi in una frase a riassumere così bene tutte le nostre perplessità su questo crollo, non resisto e devo complimentarmi con te.
Perfetto Aryanna, questo vuol dire aver buon senso. Una persona può essere intelligente ma può impuntarsi e andare fuori strada se gli manca il buon senso. Per questo in situazioni del genere non bisogna escludere niente a priori, soprattutto quando ci sono così tanti indizi analizzati in questo forum. Dire che abbiamo perso il nostro tempo è ingiusto.

Di nuovo buon Natale a tutti e che non ci siano mai piu' dei crolli di questo genere.

Grazie, italofranc, ma CHI ti aveva detto di non scrivere più in questo forum??
Tu qui dentro sei preziosissimo.
Ricambio gli auguri. :wink:

Di più
26/12/2018 17:50 #23897 da FZappa
Risposta da FZappa al topic Analisi crollo Ponte Morandi

ish bor ha scritto: @fzappa
non è un problema, ma non mi sembra abbia senso modificarlo di nuovo.
il video è on-line. qualcuno lo avrà anche condiviso. non credo che chi lo ha visto se lo riguardi di nuovo
forse è più utile un "compendio"

non riesco ad aprire il link del tg1
poblema mio?
http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/edizioni/ContentSet-c33de60a-a1bf-4300-ac15-b69858f98313-tg1.html?item=undefined#

risolto


Non sapevo fosse già stato pubblicato …
Ma dov’è ??? Non lo trovo ….. salvo sul forum

Io avevo inteso che, una volta terminato, l’avrebbe pubblicato Mazzucco in home.
Avevo capito male ??

Comunque i dubbi di Aigor che il sonoro sia un fake NON mi sembrano infondati.
Ricordo che tempo fa era comparso il video da 4:11 con il sonoro della pioggia e qualche "rombo" ma l'autore aveva dichiarato che il sonoro era un fake.

Di più
26/12/2018 19:48 #23899 da FZappa
Risposta da FZappa al topic Analisi crollo Ponte Morandi

3aaa ha scritto: La verità è che mancando vero "materiale fresco" su cui far lavorare i neuroni, stiamo un poco pestando l'acqua nel mortaio e qualcuno si innervosisce e sbanda su questo thread. Sintetizzo a mio modo il punto in cui siamo:
---Chi crede ad un crollo per cause tecniche, non è al momento in grado di proporre una sequenza inoppugnabile per oggettiva carenza di tutti gli elementi di prova necessari
---Chi crede alla demolizione voluta, è costretto ad ipotizzare una rete di complicità e connivenze davvero impressionante (vedi ricostruzione sul forum "gnaffetto"), a cui è davvero difficile credere ("quasi" vittime scampate al disastro che si trasformano in testimoni fasulli, vigili del fuoco e forze dell'ordine conniventi, scena del crimine modificata ad arte, eccetera eccetera)


Abbi pazienza ma tu dai per scontato che qui le persone si dividano solo in 2 gruppi: chi crede a priori, in modo fideistico e preconcetto, che sia un crollo "provocato" e chi, al contrario, ritiene, sempre in modo fideistico, che sia un crollo "naturale".

E’ vero, ci sono ANCHE costoro (e anche tu, mi pare, faccia parte del secondo gruppo) ma non sono i soli; ci sono anche alcuni, come me, che cercano di capirci qualcosa partendo dall’analisi dei fatti e delle evidenze, possibilmente, senza una soluzione precostituita, come dovrebbe fare chiunque (o almeno qualunque tecnico) si avvicini ad eventi di questo tipo.
E’ solo l’”analisi” di dettaglio degli elementi certi, di quelli probabili e poi di quelli possibili che ti può consentire di arrivare ad una “sintesi” ragionevole, che non è detto sia quella giusta.
Altrimenti rimaniamo a discorsi da “Bar Sport”, di infima categoria, fra tifosi della Lazio o della Roma o del Napoli o degli “innominabili” …..:wink:

Infatti, tempo fa, avevo risposto, un po' in ritardo, al tuo primo post (#23245 pag. 45), dicendo, in estrema sintesi, che anche a me, con gli elementi che abbiamo, sembra più probabile, PER ORA, l’ipotesi di un crollo naturale. PERO’ continuano ad esserci, anzi ad aumentare, gli aspetti “strani, assurdi e incomprensibili” e ne citavo 4, per me, tra i più importanti ma ce ne sono altri …..
Ringraziano per il messaggio: Ary_anna

Di più
26/12/2018 20:10 #23900 da FZappa
Risposta da FZappa al topic Analisi crollo Ponte Morandi

antonioB ha scritto: Che poi se davvero il ponte fosse stato fatto saltare dagli americani o da altri questo scagionerebbe autostrade e Benetton.
Che infatti per dire prima era uscita una relazione tecnica in cui si diceva che il Morandi poteva durare ancora 100 anni.
La relazione per cui i 5 stelle si opponevano alla gronda.
Cioè adesso se ci si vuole indignare verso qualcuno ci sono motivi che non richiedono indagini approfondite.
Perché appunto é una situazione lampante.


Per favore, puoi mettere il link di questa “relazione tecnica in cui si diceva che il Morandi poteva durare ancora 100 anni” ??

Tra l’altro, proprio tu, qualche post prima (#23871) dici che a voi genovesi era noto che il ponte era sotto osservazione da anni per problemi tecnici e aveva bisogno di molta manutenzione; mi sembra in contraddizione con questa fantomatica “relazione tecnica”

Infatti, ho la netta sensazione (o certezza) che questa relazione tecnica proprio NON esista ……. e che questo COLOSSALE FAKE faccia il paio, al contrario, con quello di alcuni “esperti” televisivi che affermavano che i ponti si progettavano per una durata di 50 anni e, quindi, non c’era troppo da stupirsi del crollo del Polcevera …….

Di più
26/12/2018 20:31 #23901 da Ary_anna
Risposta da Ary_anna al topic Analisi crollo Ponte Morandi

FZappa ha scritto:

ish bor ha scritto: @fzappa
non è un problema, ma non mi sembra abbia senso modificarlo di nuovo.
il video è on-line. qualcuno lo avrà anche condiviso. non credo che chi lo ha visto se lo riguardi di nuovo
forse è più utile un "compendio"

non riesco ad aprire il link del tg1
poblema mio?
http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/edizioni/ContentSet-c33de60a-a1bf-4300-ac15-b69858f98313-tg1.html?item=undefined#

risolto


Non sapevo fosse già stato pubblicato …
Ma dov’è ??? Non lo trovo ….. salvo sul forum

Io avevo inteso che, una volta terminato, l’avrebbe pubblicato Mazzucco in home.
Avevo capito male ??

Avevi capito bene, ma evidentemente il video, pur ottimo, non è quello che Mazzucco si aspettava.
Anche noi, peraltro, ci aspetteremmo di vedere prima o poi quel maledetto video completo che è stato "secretato" (leggi: sequestrato): non è certo colpa nostra se è stato fatto sparire.
Ringraziano per il messaggio: FZappa

Di più
26/12/2018 20:38 #23902 da Ary_anna
Risposta da Ary_anna al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Vi segnalo intanto quest'ottima e preziosa galleria di immagini che sta allestendo Gnaffetto:
ipotesidilavoro.altervista.org/forum/app.php/gallery

Di più
26/12/2018 22:16 #23903 da FZappa
Risposta da FZappa al topic Analisi crollo Ponte Morandi
3aaa # 23872, #23866

Spero proprio che la maggioranza del forum NON creda alle amenità dei figuranti o simili ……:wink:

Forse ti sei sforzato inutilmente perché è sufficiente guardare le immagini della cabina di guida del Tir MCM, senza un graffio, neppure un vetro rotto e mi pare, neppure le gomme anteriori scoppiate,, per capire che la sua fortuna è stata atterrare al suolo ,“di piatto”, sulle ruote posteriori e con la cabina sollevata per capire che già le sole sospensioni di un tir del genere erano in grado di attutire parte dell’impatto.
Così non è successo al Tir “Alba” che lo seguiva immediatamente, che, purtroppo non era ancora sulla Gerber ed è atterrato, parzialmente, di “testa” semidistruggendo proprio la parte frontale della cabina.
La questione del coil, come possibile causa di crollo del ponte, poi, è assolutamente risibile. Anche qui, dalle foto dove si vede il coil appoggiato alle ruote posteriori del Tir MCM, si capisce subito che il coil si è sganciato solo nel momento in cui il Tir è arrivato a terra e si è piegato sul fianco destro.

Invece su questa Gerber, come sulla metà di appoggio, lato sud, della Gerber stessa sull’impalcato c’è qualche “piccolo” mistero che si aggiunge al GRANDE MISTERO che, per me, è il ribaltamento di 180° della parte di impalcato est; non riesco a trovarlo “compatibile” e “spiegabile” con nulla, ne esplosione ne crollo naturale e, credo, di aver già scritto che la soluzione di questo mistero cinematico potrebbe avvicinarci alla verità.

Rimaniamo sui 2 “piccoli misteri” che potrebbero anche essere collegati al “grande mistero”.

1) La trave Gerber est si è spostata in avanti di un bel pezzo. Confrontata con lo spostamento della Gerber ovest che è quasi impercettibile, rispetto alla verticale delle parti ancora in piedi, mi sembra che la differenza si veda a colpa d’occhio.
Condivido la tua ipotesi delle Gerber che perdono l’appoggio sulla Pila 9 rimanendo inizialmente incernierate alla 10 o alla 8 (dal video Oddio si vede chiaramente che quella ovest si comporta così).
Da questa ipotesi, deriva uno spostamento in avanti, simile delle 2 Gerber di 5-6 metri, secondo l’angolo che ipotizzi al momento del distacco totale.
Questo è il tuo risultato, che condivido, compatibile con quello che si vede dalle macerie della Gerber ovest ma, per me, troppo ridotto per la Gerber est.
Quando uscì la notizia che il Tir MCM andava a 29 km/h, rilevato dal controllo satellitare, avevo provato ad eguagliare l’energia cinetica del Tir con quello della Gerber, ipotizzando che, in un sistema isolato, dopo aver perso entrambi gli appoggi, tutta l’energia cinetica del Tir si fosse trasferita alla Gerber e fosse servita a farla spostare in avanti. Dai calcoli banali (con ipotesi Gerber da 1.000 t e Tir da 44t), se non li ho sbagliati, esce uno spostamento orizzontale di 5 metri circa.
Sommandolo allo spostamento del baricentro, verrebbe uno spostamento verso Genova di circa 10 metri che mi sembra ancora POCO, rispetto alla disposizione delle macerie di cui però non riesco a trovare un riferimento certo per misurarlo.
Se lo sposamento in avanti, verso Ge, è maggiore di 10 metri, COSA lo ha provocato ??

2) L’altro piccolo mistero è la mancanza della metà sud dell’appoggio della stessa Gerber sull’impalcato. Anche qui il confronto va fatto con l’analogo appoggio dell’altra Gerber (quello all’estremità della parte piantata a coltello nel Polcevera) che sembra del tutto intatto .
Nell’immagine, all’interno del cerchio, c’è l’appoggio della Gerber est di cui rimane SOLO la parte nord mentre la parte sud, quella in prossimità dell’attacco dello strallo Genova sud è del tutto scomparsa.
L'immagine è del giorno 15 agosto, di prima mattina (si capisce dalle ombre), è tratta dal filmato di oltre 10 ore di cui avevo già postato il link.
L’urgenza di demolire questa parte è ovvia: si cercano i dispersi che sono finiti sotto le 2-3.000 tonnellate dell’impalcato e di cui saranno poi trovati solo “resti umani”.
File allegato:

Perché NON c’è più lo strallo sud Genova, NON c’è più il relativo attacco all’impalcato nonché la contigua metà dell’appoggio della Gerber ??
Per questi fatti, non riesco ad immaginare una spiegazione “naturale”, mentre sarebbero compatibili con una modesta esplosione nella zona di attacco dello strallo all’impalcato.
Però NON c’è il minimo segno di esplosione provocata da un esplosivo convenzionale (tritolo e simili) e io non so nulla di altre tipologie di esplosivi.
E allora come spieghiamo queste “anomalie” ???

Di più
27/12/2018 12:17 #23905 da Sertes
Risposta da Sertes al topic Analisi crollo Ponte Morandi

Ary_anna ha scritto: Avevi capito bene, ma evidentemente il video, pur ottimo, non è quello che Mazzucco si aspettava.
Anche noi, peraltro, ci aspetteremmo di vedere prima o poi quel maledetto video completo che è stato "secretato" (leggi: sequestrato): non è certo colpa nostra se è stato fatto sparire.

Sul rilascio del video ufficiale non avete alcun controllo.
Potete solo creare voi un resoconto completo ed esauriente di tutti i problemi ed inserire pure, come elemento ulteriore, che il video completo del crollo esiste e hanno scelto di non farcelo vedere.
Però sono 6 mesi che rincorrete questo o quell'indizio, e non avete ancora stabilito una teoria base comune a tutti che possa essere avvalorata da fatti dimostrabili.
Questo è il vero problema.

Potete pure partire dal presupposto che lo scherno per i complottisti è quanto mai fuoriluogo: in questo crollo si è tutti complottisti, o si teorizza una demolizione controllata, o si teorizza un complotto di Autostrade e procura per nascondere video e responsabilità.

Forza ragazzi, questa volta tocca a voi darvi da fare per portare i risultati, perchè l'unico vero risultato raggiunto ad oggi è quello di convincere Mazzucco (a furia di insulti) a non occuparsi della questione

Di più
27/12/2018 12:31 - 27/12/2018 12:32 #23906 da redazione
FZAPPA:

Io avevo inteso che, una volta terminato, l’avrebbe pubblicato Mazzucco in home.

Non so a quale video tu ti riferisca, ma io ho SEMPRE detto che avrei pubblicato in home un video che RIASSUMESSE le prove a favore della demolizione.

Esiste questo video? Lo avete mai fatto? Se sì segnalatemelo perfavore. (E se no, domandatevi perchè non riuscite a farlo).
Ultima Modifica 27/12/2018 12:32 da redazione.

Di più
27/12/2018 17:03 #23909 da 3aaa
Risposta da 3aaa al topic Analisi crollo Ponte Morandi
FZappa ha scritto: Abbi pazienza ma tu dai per scontato che qui le persone si dividano solo in 2 gruppi: chi crede a priori, in modo fideistico e preconcetto, che sia un crollo "provocato" e chi, al contrario, ritiene, sempre in modo fideistico, che sia un crollo "naturale".

E' ovvio che ho schematizzato e semplificato. Come si dice, oltre al bianco e nero esistono le sfumature di grigio. Io non mi inserisco personalmente in nessuna categoria precostituita. Voglio credere al crollo per cause tecniche (non naturali, che di naturale non c'è nulla) perché mi fa troppo orrore ogni alternativa. Riconosco che ci sono degli eventi ancora non spiegati (e chissà se spiegabili). La rotazione di 180° dell'impalcato Est in primis. L'ipotesi più immediata (quella fatta propria dalla commissione MIT) di caduta verso il suolo con la estremità Est che tocca terra e successivo ribaltamento con la estremità Ovest che va a disporsi verso Genova, è quella che viene in mente subito, ma è inconciliabile con la posizione dell'auto Tiguan del vigile del fuoco.
L'altra ipotesi che qualcuno ha lanciato su youtube, è quella di una rotazione per così dire "in volo" dell'impalcato, che avrebbe ricevuto la necessaria "spinta" ed energia dal "momento" esercitato dall'impalcato Ovest mentre precipitava e fracassava la sezione centrale di giunzione. Non sono convinto.

In merito allo spostamento verso Genova della Gerber, è vero che io ho considerato solo la componente rotazionale diciamo così "geometrica" senza includere una "spinta" verso Est ed i metri calcolati non bastano. L'energia (o quantità di moto) trasmessa dal TIR sicuramente porta qualcosa. A me premeva solo dimostrare che l'autista si poteva salvare. Poi certo, basta vedere il coil che non ha fatto nessun cratere per capire che si è poggiato per terra a bassa velocità di caduta. Oggettivamente non ho pensato a zoomare sulla cabina che magari bastava per capire. Comunque il calcolo mi ha dato qualche certezza in più.

Di più
27/12/2018 19:49 #23914 da italofranc
Non so a quale video tu ti riferisca, ma io ho SEMPRE detto che avrei pubblicato in home un video che RIASSUMESSE le prove a favore della demolizione.

Esiste questo video? Lo avete mai fatto? Se sì segnalatemelo perfavore. (E se no, domandatevi perchè non riuscite a farlo).

Cerco di rispondere a Massimo a nome di tutti. Pregasi intervenire se siete in disaccordo.
Massimo, non avrai mai da noi un video che riassuma le prove a favore della demolizione controllata. Se avessimo le prove non servirebbe a niente domandare il video integrale. Con delle prove si potrebbe far partire già da ora una denuncia contro individui o organizzazioni criminali ignote per strage.
Abbiamo già un bel video pronto che riassume le manipolazioni dei video ricevuti dalla Questura di Genova e dalla Guardia di Finanza. Dopo le feste cercheremo di completarlo con la nostra ricostruzione del crollo, che è la migliore rispetto a tutte quelle che circolano sul web, e con il riassunto degli indizi che abbiamo raccolto in questi 4 mesi di forum che sono tanti ed tutti a favore della demolizione controllata.
D'altronde quelli che sono convinti del contrario non hanno fornito un bel niente fino ad ora, nessuna prova e nessun indizio, ma solo delle supposizioni e delle ricostruzioni ridicole. Quindi non siamo noi a sfigurare per il momento.

Buona fine e buon principio.
Ringraziano per il messaggio: Ary_anna

Tempo creazione pagina: 0.282 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO