666: il vero significato astronomico

Di più
26/06/2018 22:29 #18194 da abdullah15
Il numero 666 non simboleggia l'imperatore Nerone, bensì ha un complesso significato astronomico a cui si arriva facendolo interagire con altri numeri pure presenti nella Bibbia. Mia scoperta.

Di più
26/06/2018 23:25 #18195 da Nomit
non vedo l'ora di leggere il resto
Ringraziano per il messaggio: abdullah15

Di più
27/06/2018 08:18 #18199 da abdullah15
RELIGIONE, DOTTRINA SEGRETA, MITO, SCIENZA.
Prendo spunto dalla conferenza di Biglino in cui egli ipotizza che verso il V sec. a.C. gli Elohim si defilarono dalla presenza degli uomini, avendo cura allo stesso tempo di introdurre le religioni in ogni continente, allo scopo di usarle come strumento di controllo.
In sostanza, si passava da un controllo diretto degli Elohim sugli uomini, ad un controllo indiretto, mediato dalle religioni.
Gli Elohim smettevano di camminare in mezzo agli uomini, ed entravano nell'anonimato.
Se così stan le cose, ed io concordo con questa visione, mi pare abbastanza logico pensare che le religioni siano infarcite di messaggi segreti, destinati solo agli
"addetti ai lavori".
Cioè a dire, alle alte gerarchie del clero, le quali gestiscono "il gregge".
In che cosa consisterebbero tali messaggi segreti?
Visto che gli Elohim provengono dallo spazio, viene logico pensare che abbiano contenuti astronomici.
Sono espressi in simboli e numeri, e tutti insieme vengono a formare le "dottrine segrete" delle varie religioni nei vari continenti.
Ho usato il plurale: "dottrine segrete", perché sparse sulla Terra, ma come si può facilmente intuire si tratta della medesima, unica "dottrina segreta", quella degli Elohim nei confronti degli uomini.
Ora, per mettere nero su bianco la loro dottr. segreta fatta di messaggi astronomici, GLI ELOHIM AVEVANO BISOGNO DI UN LINGUAGGIO PARTICOLARE, diciamo pure... strano, che fosse comprensibile agli addetti ai lavori, ma non alle masse.
A tale scopo inventarono il linguaggio mitico, che consiste in una serie di favole strampalate a cui non daresti alcun valore, se non fosse che inseriti in esse appaiono "casualmente" dati astronomici, numeri, angoli, geometrie celesti.
Nel corso dei secoli, davanti al focolare, le fiabe mitiche, ma soprattutto i preziosi dati scientifici in esse contenuti, venivano trasmesse di generazione in generazione, da inconsapevoli narratori.
QUESTO È IL MITO!
... UN LINGUAGGIO SCIENTIFICO DISSIMULATO!
Gli storici delle religioni sono concordi nell'affermare che le religioni si esprimono tutte in termini mitici, anzi, che il Mito è figlio delle religioni.
Ma abbiamo appena visto che il Mito è un linguaggio scientifico creato dagli Elohim, per cui, mettendo insieme i pezzi e tirando le fila del discorso, arriviamo alla seguente equazione:
DOTTRINA SEGRETA ELOHIM = RELIGIONI = MITO = SCIENZA.
Conclusione: per arrivare a stretto contatto con gli Elohim (e ai dati scientifici di cui dispongono), è opportuno darsi da fare per decifrare il Mito.
In questa ottica vanno viste anche le modalità di interpretazione del fatidico numero biblico 666
(a cui io sono arrivato, naturalmente).

Di più
27/06/2018 08:18 #18200 da abdullah15
RELIGIONE, DOTTRINA SEGRETA, MITO, SCIENZA.
Prendo spunto dalla conferenza di Biglino in cui egli ipotizza che verso il V sec. a.C. gli Elohim si defilarono dalla presenza degli uomini, avendo cura allo stesso tempo di introdurre le religioni in ogni continente, allo scopo di usarle come strumento di controllo.
In sostanza, si passava da un controllo diretto degli Elohim sugli uomini, ad un controllo indiretto, mediato dalle religioni.
Gli Elohim smettevano di camminare in mezzo agli uomini, ed entravano nell'anonimato.
Se così stan le cose, ed io concordo con questa visione, mi pare abbastanza logico pensare che le religioni siano infarcite di messaggi segreti, destinati solo agli
"addetti ai lavori".
Cioè a dire, alle alte gerarchie del clero, le quali gestiscono "il gregge".
In che cosa consisterebbero tali messaggi segreti?
Visto che gli Elohim provengono dallo spazio, viene logico pensare che abbiano contenuti astronomici.
Sono espressi in simboli e numeri, e tutti insieme vengono a formare le "dottrine segrete" delle varie religioni nei vari continenti.
Ho usato il plurale: "dottrine segrete", perché sparse sulla Terra, ma come si può facilmente intuire si tratta della medesima, unica "dottrina segreta", quella degli Elohim nei confronti degli uomini.
Ora, per mettere nero su bianco la loro dottr. segreta fatta di messaggi astronomici, GLI ELOHIM AVEVANO BISOGNO DI UN LINGUAGGIO PARTICOLARE, diciamo pure... strano, che fosse comprensibile agli addetti ai lavori, ma non alle masse.
A tale scopo inventarono il linguaggio mitico, che consiste in una serie di favole strampalate a cui non daresti alcun valore, se non fosse che inseriti in esse appaiono "casualmente" dati astronomici, numeri, angoli, geometrie celesti.
Nel corso dei secoli, davanti al focolare, le fiabe mitiche, ma soprattutto i preziosi dati scientifici in esse contenuti, venivano trasmesse di generazione in generazione, da inconsapevoli narratori.
QUESTO È IL MITO!
... UN LINGUAGGIO SCIENTIFICO DISSIMULATO!
Gli storici delle religioni sono concordi nell'affermare che le religioni si esprimono tutte in termini mitici, anzi, che il Mito è figlio delle religioni.
Ma abbiamo appena visto che il Mito è un linguaggio scientifico creato dagli Elohim, per cui, mettendo insieme i pezzi e tirando le fila del discorso, arriviamo alla seguente equazione:
DOTTRINA SEGRETA ELOHIM = RELIGIONI = MITO = SCIENZA.
Conclusione: per arrivare a stretto contatto con gli Elohim (e ai dati scientifici di cui dispongono), è opportuno darsi da fare per decifrare il Mito.
In questa ottica vanno viste anche le modalità di interpretazione del fatidico numero biblico 666
(a cui io sono arrivato, naturalmente).

Di più
27/06/2018 11:35 #18201 da charliemike
Ciao Abdullah, puoi mettere il link alla conferenza di Biglino?

Grazie.


Countdown to 1984

Di più
28/06/2018 03:17 #18218 da qilicado
Ci sarebbe tanto da discutere, ma una prima cosa da dire è che il mito non andrebbe inteso in maniera monolitica. Dovresti immaginare che prima della scrittura il mito era un racconto orale, che veniva svolto secondo delle dinamiche e dei contesti che erano quelli tipici delle società arcaiche. Probabilmete non era mai scisso dal canto e dall'arte, in gran parte era basato sull'improvvisazione e attingeva con gran facilità all'inconscio collettivo. A quei tempi il mito era prima di tutto epressione di una particolare fisiologia del cervello umano, e non aveva tutte quelle funzioni esoteriche che tu giustamente potresti intravedere in altre forme di mito.
L'etimologia di mito è "racconto" ma sotto questo ombrello sematico si sono un sacco di situazioni molto differenti.
Anche io recentemente ho visto una conferenza di Massimo Barbetta sugli stargate nell'antico Egitto e la cosa che mi ha colpito è stata, sempre ammesso che l'ipotesi dello studioso sia vera, la distanza fra il contenuto, che noi moderni definiremmo "scientifico", e la rappresentazione grafica che gli egiziani ne davano, che era priva di qualsiasiasi naturalismo (animali e divinità stilizzate, sproporzionate, statiche, bidimensionali). Riallacciandomi al discorso precedente, secondo me tale apparente distonia non è dovuta alla volontà di nascondere un qualche segreto, ma semplicemente perché avevano un cervello che funzionava in maniera molto differente da quello che abbiamo oggi, e sopratutto perché avevano "sotto i piedi" una tecnologia con determinati presupposti, i quali erano completamente differenti da quelli della tecnologia moderna e postmoderna (uno di questi è l'assenza di schivitù nella società egizia).

χιλικάδο

Di più
28/06/2018 08:27 #18221 da Shavo

qilicado ha scritto: (uno di questi è l'assenza di schivitù nella società egizia).

mi dai da leggere?

Di più
29/06/2018 04:24 - 29/06/2018 04:27 #18243 da Shavo
beh niente di nuovo, si ridimensiona il fenomeno che nell'immaginario collettivo doveva essere molto più esteso-

comunque è interessante notare che l'interesse per la schiavitù in egitto è di volta in volta subordinato a quello per le tecniche di costruzione delle piramidi :laugh:

m'ero dimenticato di salutare :fedora:
Ultima Modifica 29/06/2018 04:27 da Shavo.

Di più
29/06/2018 08:20 #18246 da abdullah15
Eh, valla a ritrovare, ora!
Ne ha fatte tante ...
Ringraziano per il messaggio: charliemike

Di più
29/06/2018 08:23 #18247 da abdullah15
Si, anche tu hai ragione, ma torniamo al tema di oģgi" il 666.

Di più
29/06/2018 08:26 #18248 da abdullah15
Il numero 72 appare 4-5 volte nella Bibbia, in varie occasioni, sempre in ruolo chiave.
Lo stesso dicasi per il n. 144.000.
Lo stesso dicasi anche per il n.666.
Ora, io domando:
è mai possibile che nessuno mai prima di me si sia accorto che questi numeri non sono "sciolti", ma sono relazionati fra loro in un insieme logico che offre un senso complessivo?
E nessuno si è mai accorto che il senso complessivo è astronomico, e che quindi dietro vi è la regia di astronomi?

Di più
29/06/2018 08:36 #18249 da charliemike

Abdullah ha scritto: Eh, valla a ritrovare, ora!
Ne ha fatte tante ...

Grazie lo stesso. :ok:
Ne ho scaricate un po' dal suo sito.

CM


Countdown to 1984

Di più
29/06/2018 08:37 #18250 da abdullah15
Stando a quanto leggo, alcuni ritengono che qualunque calcolo strampalato che comunque conduca al numero 666 possa avere un senso e magari essere quello giusto. Esiste il tutto, ed il contrario di tutto. Insomma tutti hanno ragione, volémose bbene .
Non è così che funziona! La risposta giusta è una sola!
A questa linea di pensiero "caotica" vorrei opporre due argomenti:
1) Nella Bibbia il 666 ed il 144.000 sono vicini, sono associati, per cui è logico pensare che non siano indipendenti, ma siano omologhi, relazionabili.
2) Da 2.000 anni i mistici ebraici vanno ripetendo che
"ogni qual volta che la Bibbia usa il termine SAPIENZA, significa in realtà CONOSCENZA DELL'ASTRONOMIA". Per cui quando in Apocalisse leggiamo "Chi ha sapienza calcoli il numero della bestia", in realtà significa "Chi è astronomo può calcolare questo numero, che è astronomico, e trarne i suoi ragionamenti".
Intanto, qui sopra ho riportato il calcolo astronomico .....(omissia) che produce il 144.000, e lo metto a disposizione di tutti. I fattori di questa moltiplicazione ci parlano della relazione Terra-Sole.
Per simpatia, il 666 deve anche, necessariamente, essere un numero astronomico, ed io lo so perché ci sono arrivato.

Vorrei aggiungere che qualunque altro calcolo che arrivi per altre vie al 666, lascerebbe in sospeso il 144.000, che di fatto rimarrebbe orfano di significato.

Di più
29/06/2018 08:37 #18251 da charliemike

abdullah15 ha scritto: Il numero 72 appare 4-5 volte nella Bibbia, in varie occasioni, sempre in ruolo chiave.
Lo stesso dicasi per il n. 144.000.
Lo stesso dicasi anche per il n.666.
Ora, io domando:
è mai possibile che nessuno mai prima di me si sia accorto che questi numeri non sono "sciolti", ma sono relazionati fra loro in un insieme logico che offre un senso complessivo?
E nessuno si è mai accorto che il senso complessivo è astronomico, e che quindi dietro vi è la regia di astronomi?


Qualcuno ha mica pensato a fare notare la cosa a Biglino e sentire il suo parere?


Countdown to 1984

Di più
29/06/2018 11:11 #18254 da abdullah15
Ero proprio nel sito ufficiale di Biglino, ma poi non so perché sono stato oscurato , anzi addirittura non mi appare più il sito.

Di più
29/06/2018 15:04 #18258 da edo
sei riuscito ad capire qual'è il significato astrologico del 666???

L'origine nazista dello stato ebraico: www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&s...jCNFLlIYLaHakBPT5k6o ...

Di più
29/06/2018 18:56 #18267 da qilicado

Il numero 72 appare 4-5 volte nella Bibbia, in varie occasioni, sempre in ruolo chiave.
Lo stesso dicasi per il n. 144.000.
Lo stesso dicasi anche per il n.666.

Io mi/ti domando prima di tutto in quali passi della bibbia ricorrono insieme?

χιλικάδο

Di più
21/09/2018 08:54 #21052 da Mikahel
del 666 si parla in termini errati spesso, ovvero si dice che è associato a Lucifero, ma Lucifero significa si Luce che ferisce (luce ferina) ma anche far luce, quindi portare luce dove non c'è, portare saggezza, conoscenza ma soprattutto la vita [eterna speriamo].

6 viene dopo il 5 che nell'uomo rappresentano i sensi (l'ego o anima bassa) mentre il sesto senso è qualcosa che appartiene a ciò che è intuizione, ciò che non è concreto e materiale ma appartiene più alla parte spirituale, ovvero l'intelletto.

6, per la Genesi, è l'uomo, non vi è dubbio

Sappiamo che il male si appropria sempre dei segni del bene, e se lo fanno è per nascondere qualcosa.

Per incrementare la propria capacità intellettiva si usa il pensiero, si medita sopra ogni avvenimento, cosa o sentimento
Infatti l'uomo è fisico, mente e amore
666 è il metodo meditativo per la crescita e ricerca di equilibrio, di questi 3 fattori.
fisico sensi mente
1. 2. 3. Progressione crescita del corpo. 6 Corpo, equilibrio raggiunto tramite esercizi, esperienza e meditazione
1. 2. 3. " Dei sentimenti. 6 Sentimenti
1. 2. 3. " Intellettivo. 6 mente
totale finale o chiave di crescita progressiva ricercando l'equilibrio tra le entità distintie, portano all'uomo perfetto.
3. 6. 9
Ma ovviamente possono esserci altre chiavi di lettura.

Di più
21/09/2018 10:32 #21055 da Nomit
Una delle ipotesi più diffuse riguardo a questa cifra è che essa si riferirebbe all'imperatore Nerone in chiave ghematrica.
Nerone fu accusato di essere l'autore del "Grande Incendio di Roma" e di aver cercato di scaricare la colpa sui cristiani it.wikipedia.org/wiki/Grande_incendio_di_Roma
Nel 1666 ebbe luogo il "Grande Incendio di Londra" e si diffuse la voce che ad appiccarlo sarebbero stati i cattolici it.wikipedia.org/wiki/Grande_incendio_di_Londra

... ah, ma ne parla anche Wikipedia!

"C'erano state molte profezie di un disastro che avrebbe colpito Londra nel 1666, poiché nei numeri arabi comprendeva il Numero della Bestia e in numeri romani era una lista in ordine declinante (MDCLXVI). Walter Gostelo scrisse nel 1658 «Se il fuoco non fa ceneri della città, e delle tue ossa anche, ritienimi un bugiardo per sempre! ... il decreto è emesso, pentiti, o brucia, come Sodoma e Gomorra!» Sembrò a molti, che uscivano da una guerra civile e dalla peste, il terzo cavaliere dell'apocalisse"

Di più
21/09/2018 11:45 #21057 da giusavvo
abdullah15
continua a ripetere di essere arrivato "naturalmente", alla comprensione del significato del numero 666.
Ha intenzione di riferire la sua tesi anche a noi?

"L'uomo è misura di tutte le cose"
(Protagora)
Ringraziano per il messaggio: Mikahel

Di più
21/09/2018 15:10 #21061 da abdullah15
Scusate signori, siccome mi muovo male su intetnet, e siccome tutto sommato questa è una risposta che non si può dare in due righe pena una cattiva comprensione, alla fine ho deciso di scriverci sopra un libello di una sessantina di pagine, che voi se volete avrete la possibilità di essere fra i primi al mondo a leggere.. Ho appena finito il lavoro, ma ancora non so bene chi sarà l'editore, comunque a brave.
Ma voi seguite il titolo che ho deciso; "La scienza impossibile del numero 666"
e il mio nome Sergio Gatti.

Di più
21/09/2018 15:11 #21062 da abdullah15
"Tutto quello che NON avreste mai voluto sapere sui numeri biblici".

Di più
21/09/2018 15:19 #21064 da abdullah15
INTRODUZIONE del prof F.R. Arena Stavolta S.Gatti ha superato se stesso, giuro. Il medesimo bagaglio culturale, la medesima impostazione mentale che negli anni scorsi lo hanno spinto a calarsi nel pozzo profondo della dottr.segr. ebraica, gli hanno oggi consentito di 'sistemare' i numeri biblici inoltrandosi in un campo mai esplorato da alcuno...sino ad oggi. Gatti ha scritto un qualcosa di nuovo a dire poco, mai letto prima da nessuna parte. Un lavoro tutto da leggere dalla prima all'ultima pagina, perché fra l'altro ci sono delle sorprese, ma le sorprese fanno la loro comparsa lì dove non ci si aspetterebbe di trovarle. Se ci si lascia prendere dall'ansia e si salta la fase preparatoria, si rischia una comprensione errata, o carente. L'indubbia originalità assoluta del tema e delle argomentazioni portate viene comunque irrorata da robuste fonti. Ma ecco, è qui viene il bello...le fonti sarebbero addirittura innecessarie, perché, come dice l'Autore, tutto il contenuto è racchiuso in una serie di formulette matematiche, logiche e consequenziali, portatrici quindi di un senso compiuto di per sé sole, senza necessità di alcun sussidio da parte di alcuno. Addirittura esse troverebbero spazio sufficiente in un paio di paginette. Tutto il resto del lavoro è da considerarsi preparatorio ai calcoli, pertanto anch'esso è utile, sia per una migliore comprensione, sia per non sconfinare nell'aridità. Lungi da noi! Un lavoro breve ma assolutamente sorprendente, pieno di concetti su cui ragionare, in cui appunto la matematica e l'astronomia regnano incontrastate, anzi potremmo dire 'ruggiscono' per quanto appare chiaro il loro messaggio. L'astronomia in special modo, dismette gli abiti e le sembianze della favola mitica dietro cui si nascondeva, ed esce alla luce manifestandosi in maniera dirompente, spadroneggiando incontrastata. S.G. è un non-astronomo che si occupa felicemente di astronomia. O se vogliamo, imperversa in quella Terra di Nessuno che sta fra astronomia e mito.
Il contenuto... qui viene la nota dolente: che cosa potremmo in fondo aspettarci da un titolo del genere? Da un numero del genere?
Il quadro apocalittico dell'ultimo libro della Bibbia viene confermato, ma stavolta traducendosi in numeri. Veniamo a scoprire che dei numeri sino a ieri insignificanti, oggi parlano; una volta ordinati nel giusto modo, sono in grado di raccontare una storia, quasi trasmutandosi in letteratura... un salto, una sorta di artificio che fino a ieri ritenevamo improbabile, se non impossibile. Ma appunto, non c'è da aspettarsi una storia bella e a lieto fine, per cui - e questo è un rispettoso avvertimento - chi non se la senta di affrontare una storia di crudo realismo fa ancora in tempo a recedere, astenendosi dalla lettura. D'altra parte, riflettendoci su, che cosa avrebbe dovuto fare l'Autore? Astenersi dallo scrivere? Ebbene si, per lunghi anni è stato di questo avviso. Alla fine, anche spronato da amici, ha smesso i tentennamenti e ha lasciato che prevalesse la necessità di manifestare comunque quanto scoperto. O di
'rivelare', se vogliamo rimanere nella terminologia biblica. Sempre sperando che sia tutto un brutto sogno. O un sogno dentro a un sogno.

Di più
21/09/2018 15:21 #21065 da abdullah15
Qui sopra ho inserito l'introduzione fattami dal prof. Francesco Rocco Arena.

Di più
21/09/2018 15:33 #21066 da Giano
@abdullah15
S.Gatti del serpente piumato nel vecchio sito? Stesso Gatti?

Di più
21/09/2018 16:54 #21070 da abdullah15

Di più
21/09/2018 16:56 #21071 da abdullah15
Certo, rimango nello stesso filone.

Di più
21/09/2018 21:45 #21072 da Mikahel
Mi spieghi, se ti và, perchè ti fai chiamare servo di Allah ma segui le indicazioni di Biglino.
Ma è solo curiosità per capire meglio il tuo background.

Di più
22/09/2018 06:13 #21076 da abdullah15
Scusami, ora dovrei cercarla, non saprei dove.
Ma immagino che sia una cosa che ha ripetuto tante volte.

Tempo creazione pagina: 0.123 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO