FOTO : RADIAZIONI, ESPOSIZIONI E SORGENTI LUMINOSE.

Di più
29/03/2018 10:59 #16231 da charliemike

Sergioruoccoo ha scritto: @charliemike
È affascinante come riesci a essere solerte nel bacchettare i miei errori e non riesci proprio a vedere quelli degli altri, dando inoltre la colpa a me di accendere la miccia delle offese e delle volgarità.
Complimenti per il doppiopesismo


Per cominciare, non hai commentato quello che ho scritto, giusto o sbagliato che sia e ti sei concentrato esclusivamente sul mio PS.

In secondo luogo io ti ho dato solo un suggerimento per evitare inutili fraintendimenti. Non ti ho bacchettato.
Non hai capito il senso del mio post.

Io non sono giudice del comportamento di nessuno qui.
Per me ognuno, te o altri, può scrivere ciò che vuole.
I giudici qui siete solo tu e Redazione.

Io rispondo solo se gli attacchi sono rivolti a me o ai miei commenti.

Una cosa però, la posso dire ti te, senza offesa ovviamente.
Sei permaloso e con la coda di paglia.


Countdown to 1984

Di più
29/03/2018 11:14 #16232 da Ghilgamesh

Sergioruoccoo ha scritto: @marauder

A voi non è chiaro un punto. Le macchine radiogene degli aeroporti non c'entrano nulla!


E potresti avere ragione ... SE ci dicessi il valore ASSOLUTO di raggi x nello spazio ... altrimenti è la solita fesseria che spacci per dato di fatto.

Se lè ho citate è solo perché nel film a suffragio della tesi foto radiazioni viene citato un documento kodak che ne parla dimenticando che lo stesso studio kodak afferma che i passeggeri non dovrebbero preoccuparsi se le pellicole sono sotto i 400 asa....
Quindi la fonte non è congrua .


Scusa, uno studio dice una cosa, MA TU, se ci passi sotto, con le TUE foto, DIMOSTRI che lo studio si sbaglia, visto che SI ROVINANO!

Cosa vuoi dire con "non congrua"?
Tra l'altro, RIPETO, anche se hai sempre IGNORATO la cosa ... per la TUA definizione di prova, il materiale NASA, NON è congruo!

Per quanto concerne il resto mi è chiaro quanto affermato da altri , ma il problema è finto perché come già detto si parla di percentuali e se pure ammesso ci fosse una dose di raggi X nei raggi cosmici enorme tale da causare danni alle pellicole , comunque la dose di protoni ad alta energia ( che in ambito spaziale danneggiano si le pellicole) sarebbe 9 volte tanto. Quindi comunque troveresti un danno da protoni infinitamente superiore a quello da raggi x .


Dai che forse ci stai arrivando ... SE ci fosse una dose enorme di raggi X ... le foto sarebbero FALSE!

Perchè foto fatte DAVVERO nello spazio, SAREBBERO danneggiate parecchio!

Quindi la questione semmai non è perché i raggi X non danneggiano le pellicole , ma perché i raggi cosmici ( omnicomprensivi ) non le danneggiano.


Una buona risposta è: perchè le foto sono state fatte sulla Terra!

Ecco che si può fare riferimento solo ai dati che abbiamo che siano attinenti ( come giustamente ha fatto kamiokande). Le conclusioni ?


Oltre al fatto che dello studio di Kamio c'hai capito poco? Che di "dati attinenti", in quanto NON replicabili, NON ne esistono!

Sempre per la TUA definizione di PROVA!

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...
Ringraziano per il messaggio: Pagurus

Di più
29/03/2018 11:31 #16233 da Decalagon
Domanda ai sostenitori della versione ufficiale:

- Qual'è la quantità di radiazioni (in mSV) in grado di velare una pellicola di una macchina fotografica priva di protezioni e schermature?

Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità, la Vita. E grazie a Shenron risorgo quando mi pare.

Di più
29/03/2018 11:31 - 29/03/2018 11:33 #16234 da Aigor
@SR

Tu dici che:

B) la mia affermazione è giusta:
"LE FOTO A COLORI DELLA LUNA MOSTRATE NEL FILM A SUFFRAGIO DELLA MANCANZA DI DANNO DA RADIAZIONI , NON HANNO DANNI PERCHÉ NON DEVONO AVERNE


Kamiokande dice questo:

Possiamo affermare che c'è ampio spazio per ritenere che anche le foto a colori (scattate durante le EVA) di Apollo 14 avrebbero dovuto mostrare danni evidenti da radiazioni, e così anche le foto a colori delle EVA delle missioni Apollo 12, 16 e 17. Senza poi considerare gli effetti dei raggi cosmici, che sono differenti da quelli delle fasce di Van Allen, come ho già riportato in precedenza in questo post 13573 , ma che ricordo per completezza


e ribadisce:

Spero che questo basti ad instillare qualche dubbio nei sostenitori della VU, comunque onde evitare di ripetermi e autocitarmi ad infinitum


Evidentemente Kamiokande oltre al nick scrive anche i post in giapponese...

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Ultima Modifica 29/03/2018 11:33 da Aigor.

Di più
29/03/2018 13:12 - 29/03/2018 13:13 #16236 da Marauder
[/soundcloud]Sergio, io onestamente ho provato a farti capire che basta una bomba a mano per danneggiare un'automobile e tu continui a ribattere che è irrilevante perché sull'auto ci stai sganciando 1 bomba a mano e 9 testate nucleari per sostenere che non subisce danni: che vuoi che ti dica?

Ciao

You'll not see this coming.
Ultima Modifica 29/03/2018 13:13 da Marauder.
Ringraziano per il messaggio: Ghilgamesh, TdC Ghost

Di più
29/03/2018 22:43 #16264 da Sergioruoccoo
@Decalagon

Scusa ma La domanda è posta male.
Dipende dalla sensibilità della pellicola.
Le tabelle delle fonti citate ( NASA 1998 e NASA 1972) , ti danno una serie di indicazioni per una serie di sensibilità. I valori sono in RAD ( per trasformarli in mSv devi moltiplicare per 10 - 1RAD=10mSv)
Es.una pellicola da 250asa esposta fino a 50ore a 0.3rad(30mSv) non subisce danni rilevanti . Ovviamente presumo checse osservi al microscopio il negativo penso che si vedano , parliamo di danno su una foto stampata .
Stessi parametri se saliamo sopra i 400 Asa il danno è reale.
Attento però c'è anche il problema del tipo di radiazione . Mi riferisco ai raggi cosmici galattici. Singole tipologie non saprei dirti ma neanche ci interessano perché nello spazio non esistono come singole tipologie

Di più
29/03/2018 22:58 #16266 da Sergioruoccoo
@Aigor
Ciò che dice kamiokande è importante e interessante, ma non è uno studio scientifico certificato e non sono la tavola della legge. Quindi non ne fate un dogma di fede . Forse è dico forse potrebbe pure esserci qualche errore... o no? ( per me è molto corretto)
2) le valutazioni del suo studio mi pare dicano non esattamente questo sulle pellicole a colori .
La frase è la seguente:

" Per quanto riguarda invece le foto a colori, in maggioranza fatte con la pellicola SO-168 (Kodak Ektachrome EF Film, stessa emulsione della Kodak 5241), non ho riscontrato differenze così nette (parliamo di circa il 10% di riduzione del contrasto tra Apollo 14 e Apollo 11, e quest'ultima è la missione con la più bassa radiazione assorbita) e quindi ho preferito non fare indagini successive, considerando possibile il fatto che su di esse non si siano manifestati effetti evidenti di danni da radiazioni."

Ora ...ammesso kamiokande non abbia cambiato idea e visto che io faccio riferimento esattamente a queste pellicole quando parlo di foto a colori delle missioni apollo inserite nel film ( tutto verificabile) , commetto un errore se affermò che le foto a colori portate a suffragio del problema dei danni da radiazioni nel film è un finto problema perché le radiazioni non devono esserci? Anche in virtù del fatto che Ke foto mostrate nel film sono quelle ritoccate ai fini commerciali dalla nasa????
Dimmi ru

Di più
30/03/2018 02:27 #16268 da ahmbar

visto che io faccio riferimento esattamente a queste pellicole quando parlo di foto a colori delle missioni apollo inserite nel film ( tutto verificabile) , commetto un errore se affermò che le foto a colori portate a suffragio del problema dei danni da radiazioni nel film è un finto problema perché le radiazioni non devono esserci?

Se le pellicole con piu' radiazioni subite mostrassero il degrado no, quindi perche' lo consideri un "falso problema"? Se ne avesse mostrate di altre missioni cosa sarebbe cambiato?

Non solo Kamiokande nella sua ricerca ha riscontrato che non esistono foto dove questi danni siano visibili, ma anche n el thread dedicato non ho visto un singolo scatto che mostrasse il degrado che ci si aspetta
Foto rovinate si, ma nessuna con i danni tipici dell'esposizione a raggi X e quant'altro li accompagna oltre le fasce


Anche in virtù del fatto che Ke foto mostrate nel film sono quelle ritoccate ai fini commerciali dalla nasa????

Non sono un fotografo, ma credo di aver capito che i ritocchi non possono aver influenzato la sostanza, il degrado della pellicola (che non c'e')

Di più
30/03/2018 07:23 #16269 da charliemike
Resta da capire come sia possibile che le pellicole usate in tutte le missioni, esposte a tutte le radiazioni, FVA comprese, per tutta la durata delle missioni, quindi non solo la permanenza sulla Luna, abbiano riportato un quantitativo irrisorio di danni perlopiù imputabili ad altri fattori (sporcizia, colpi di luce, abrasioni, ecc.)
Prendo per buono le affermazioni sul fatto che alcune pellicole siano meno sensibili alle radiazioni cosmiche, ma restano le altre.

CM


Countdown to 1984

Di più
30/03/2018 09:23 #16271 da Sergioruoccoo
@ahmbar
Perdonami conosci qualcuno che ha visionato la pellicola? Tu sei sicuro che il degrado del negativo non c'è?
Il danno sul negativo non si può eliminare , questo è vero , ma mentre il danno lieve porta un effetto sulla foto stampata nullo o quasi, quello importante dovrebbe dare un effetto visibile importante anche sulla stampa positiva.. È questo che non è chiaro a molti .
Mi meraviglio come prima di dare sentenze non cercate una risposta .
Basta guardare la foto che kamiokande propone nel suo studio ( quella del lem ) Dove si vede come dovrebbe essere in base alle radiazioni subite e invece come è. ... Bene l'ipotesi di kamiokande è perfetta , se la foto( quella ritoccata da kamiokande x simulare il danno da radiazione) la paragoni a quella vera non processata della NASA, vedrai che sono identiche ( molto molto simili). .
2 se qualcuno di voi prendesse la briga di controllare gli originali unprocessed, guardando le foto fatte con le pellicole più sensibili, il danno da radiazione lo vedrebbe SÌ! CI sono tutti granulosità perdita di contrasto, appiattimento , striature marroni , cieli che vanno verso il marrone il rosso il grigio. ... certo sevi limitate a guardare le foto fatte a colori con una pellicola da 68 Asa che poi è stata ritoccata.... beh lascia il tempo che trova. ...

""Se ne avesse mostrate di altre missioni cosa sarebbe cambiato?""

Se porti a suffragio del fatto che le foto sono fatte sulla terra il fatto che le foto non hanno danni da radiazioni e per farlo mostri foto che già di loro non ne possono avere(per questioni di sensibilità ) e inoltre sono ritoccate, non è corretto. Se oltretutto per avallare questa tesi porti 2 studi , uno della kodak che dice che le pellicole sotto i 400 Asa possono passare sotto le macchine radiogene senza danni e uno NASA che testa pellicole super sensibili nello spazio e alla fine giunge alla conclusione che sotto i 400 Asa le pellicole per uso spaziale possono andare bene e più si abbassa la sensibilità più questa qualità salirà,...... poni un finto problema! Perché la foto che mostri sono fatte con una 60 Asa e con una 160asa e le radiazioni cosmiche che hanno subito in quei giorni non alterano quelle pellicole in modo significativo.

Di più
30/03/2018 09:27 #16272 da Sergioruoccoo
@charliemike
Prova a guardare il paragone che ho fatto nel mio post ...Comunque appena posso posto le foto con i danni da radiazione , come ti ripeto se ci soffermiamo sulle 3 o 400 foto che conosciamo meglio non risolviamo il dubbi perché vediamo ritocchi di foto prese da pellicole molto poco sensibili. ..Se guardiamo altro qualcosa c'è.

Di più
30/03/2018 09:41 #16274 da Aigor
Sai Sergio, quando dico che tu manchi di onestà intellettuale non è che uso frasi improprie.

Le due frasi di Kamiokande che ho citato sopra sono CHIARE ED ESAUSTIVE:
1) ...le foto a colori (scattate durante le EVA) di Apollo 14 avrebbero dovuto mostrare danni evidenti da radiazioni, e così anche le foto a colori delle EVA delle missioni Apollo 12, 16 e 17...
Cosa c'è nella frase "avrebbero dovuto mostrare danni evidenti da radiazioni" che non capisci? E' italiano non giapponese.

2) ...Spero che questo basti ad instillare qualche dubbio nei sostenitori della VU...
No caro Kamiokande, non basta, perché i sostenitori della VU i dubbi non se li pongono, mai.

PS: complimenti per la supercazzola:

Ciò che dice kamiokande è importante e interessante, ma non è uno studio scientifico certificato e non sono la tavola della legge. Quindi non ne fate un dogma di fede . Forse è dico forse potrebbe pure esserci qualche errore... o no? ( per me è molto corretto)

Riesci a contraddirti due o tre volte in tre righe, un record.

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Ringraziano per il messaggio: Pagurus

Di più
30/03/2018 10:47 #16283 da Ghilgamesh

Sergioruoccoo ha scritto: Ciò che dice kamiokande è importante e interessante, ma non è uno studio scientifico certificato e non sono la tavola della legge. Quindi non ne fate un dogma di fede . Forse è dico forse potrebbe pure esserci qualche errore... o no? ( per me è molto corretto)



Uno intellettualmente onesto, NON il tuo caso, avrebbe in primis ammesso che:

- le sue "fonti" NON sono studi scientifici!

- Che NULLA di quanto fatto dalla NASA è replicabile e quindi NON costituisce prova.

- Che l'unico a usare dogmi, proprio riguardo la NASA, è proprio il Sergio Ruocco!

Che so vari mesi che fai supercazzole ... ma Marauder te l'ha spiegato bene (a questo proposito @Marauder, posso usare questa tua frase per il mio libro? Mi sono ammazzato di risate!)

Sergio, io onestamente ho provato a farti capire che basta una bomba a mano per danneggiare un'automobile e tu continui a ribattere che è irrilevante perché sull'auto ci stai sganciando 1 bomba a mano e 9 testate nucleari per sostenere che non subisce danni: che vuoi che ti dica?


Qualcosa da dire su questo?

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...

Di più
30/03/2018 10:55 - 30/03/2018 10:56 #16284 da matrizoo

Ghilgamesh ha scritto: posso usare questa tua frase per il mio libro?


Ti prego fammi sapere quando esce, perchè costasse anche 1000€....LO VOGLIO!!!!!!
Ultima Modifica 30/03/2018 10:56 da matrizoo.

Di più
30/03/2018 11:44 #16286 da Michele Pirola
@Aigor
Appunto, sta storia delle radiazioni io non l'ho ancora capita. Mi sarò anche perso qualcosa, ma se i fotografi temono le radiazioni dei raggi X in aeroporto, come mai le missioni Apollo non hanno segni di radiazioni?
E ripeto, forse mi sono perso qualcosa, però sta storia non la capisco proprio

Cochi e Renato

Di più
30/03/2018 11:45 - 30/03/2018 11:45 #16287 da Michele Pirola

charliemike ha scritto: Resta da capire come sia possibile che le pellicole usate in tutte le missioni, esposte a tutte le radiazioni, FVA comprese, per tutta la durata delle missioni, quindi non solo la permanenza sulla Luna, abbiano riportato un quantitativo irrisorio di danni perlopiù imputabili ad altri fattori (sporcizia, colpi di luce, abrasioni, ecc.)
Prendo per buono le affermazioni sul fatto che alcune pellicole siano meno sensibili alle radiazioni cosmiche, ma restano le altre.

CM

Bellissima domanda charliemike

Cochi e Renato
Ultima Modifica 30/03/2018 11:45 da Michele Pirola.

Di più
30/03/2018 11:49 #16288 da Aigor
@ Michele.Pirola

Infatti l'argomento viene "evitato" con pagine e pagine di citazioni a studi ecc. ecc. quando la domanda, semplice semplice è:

Siccome sotto uno scanner le foto si rovinano, perché sulla Luna non si sono rovinate?
Uniche risposte possibili:
1) gli scanner producono più radiazioni di tipo X di quelle contenute nei raggi cosmici che arrivano sulla Luna, quindi le foto non si sono rovinate;
2) foto = fake

Sergio Ruocco con triplo salto mortale e doppio avvitamento è riuscito a:
- trasformare prove contro in prove a favore (vedi Kamiokande)
- dire che i danni ci sono ma non si vedono

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
30/03/2018 11:51 #16290 da Michele Pirola
Aigor, io della storia degli scanner non sapevo nulla fino a quando me l'avete detto voi (ossia una settimana fa circa). Sergio si sta sforzando senza dubbio nel spiegare certi problemi, però sta storia delle radiazioni non si capisce proprio

Cochi e Renato

Di più
30/03/2018 12:36 #16298 da Michele Pirola
A proposito di radiazioni:
www.repubblica.it/scienze/2017/03/06/new..._nel_2018-159914085/

Penso che non lasci alcun dubbio questo articolo

Cochi e Renato

Di più
30/03/2018 12:58 - 30/03/2018 12:59 #16299 da Marauder
@Ghilgamesh: certo, usala pure.
Grazie :)

You'll not see this coming.
Ultima Modifica 30/03/2018 12:59 da Marauder.

Di più
30/03/2018 13:12 #16302 da Sergioruoccoo
@Ahmbar

Perdonami . Chiedo a te che sei sicuramente più onesto di me ma questa frase che significa???

""Per quanto riguarda invece le foto a colori, in maggioranza fatte con la pellicola SO-168 (Kodak Ektachrome EF Film, stessa emulsione della Kodak 5241), non ho riscontrato differenze così nette (parliamo di circa il 10% di riduzione del contrasto tra Apollo 14 e Apollo 11, e quest'ultima è la missione con la più bassa radiazione assorbita) e quindi ho preferito non fare indagini successive, considerando possibile il fatto che su di esse non si siano manifestati effetti evidenti di danni da radiazioni."

Non è mia ma di kamiokande e si trova in neretto nel suo studio . Uno studio sufficientemente corretto a mio modesto avviso anche se fatto da qualcuno che dichiara di non avere competenze in materia di radiazioni e di fotografia ma che uno strano caso fa uno studio proprio su radiazioni e fotografia!
Voglio testare la tua onestà intellettuale ( io non ne ho) . Potresti rispondere a tutto il post precedente anziché soffermarsi solo su questo punto ?
Grazie

Di più
30/03/2018 13:27 #16303 da Ghilgamesh
Dall'articolo di Michele:

Progettata dalla israeliana Stemrad, è composta da un materiale multistrato per proteggere gli astronauti oltre la magnetosfera terrestre. Sarà vestita da manichini a bordo della capsula Orion nel 2018. In attesa di un vero equipaggio


Uno intellettualmente onesto, si chiederebbe COME mai, SE devono studiare le radiazioni SOLO per le strumentazioni, manderanno queste tute con dei manichini?

Che CASUALMENTE è proprio quello che ci si sarebbe aspettato dalla PRIMA missione oltre le FVL ... voglio dire, che le radiazioni Lunari NON facciano male agli esseri umani e manco il passaggio delle FVL, è provato!
Noo?

Ci sono già andati parecchie volte ... qualche astronauta ha MAI avuto problemi con tumori o altre malattie date da radiazioni?
No!
Quindi a che servono ste tute?

Per andare su Marte?
Ma non lo sanno già quante sono le radiazioni?
A che serve mandar dei manichini intorno alla Luna, per ricalcolare cose che già conosci?

Forse, COME DICEVO IO; tutti gli studi fatti, in quanto NON replicabili, in realtà NON hanno alcun valore?!
Forse perchè, in realtà, MAI fatti?

Io non lo so ... ma sembra ...


@Marauder

Grazie mille a te

@Matrizoo

Si si ... mo me lo segno ... (cit. Troisi)


p.s. Aggiungo che i dati misurati nello spazio, sono valori MEDI, se vieni investito da una supernova esplosa miliardi di anni fa, o ti becca un brillamento solare, ciao moro!
Ma a prescindere dalla tuta protettiva ... e comunque anche quei valori, (essendo più o meno casuali, va a fortuna, essere o no beccato da raggi pericolosi) puoi simularli sulla terra ... quindi mandarle nello spazio è solo aggiungere peso (quello che i russi non possono fare, perchè costa! ^__^) ... non ha senso, a meno che non debbano misurare le radiazioni che ci si becca attraversando le FVA, cosa che forse non è mai stata fatta... almeno da gente rimasta viva.

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...

Di più
30/03/2018 13:37 #16304 da Sergioruoccoo
@marauder
Scusa ma se tu fai esplodere una bomba a mano e 9 testate nucleari. ... Quale effetto riuscirai a verificare? Riuscirai a scindere quello della bomba a mano da quello della atomica ? E comunque visto che ti interessa l'effetto finale delle esplosioni perché dovresti scindere le cose?

Di più
30/03/2018 13:45 #16305 da tommy77

Uno intellettualmente onesto, si chiederebbe COME mai, SE devono studiare le radiazioni SOLO per le strumentazioni, manderanno queste tute con dei manichini?


Il problema è che la persona intellettualmente onesta non è la stessa persona che ha ''aperto'' questo thread.....

A parole..il tizio che ha aperto il thread,voleva cercare di ''approfondire''...la questione....con i fatti,sempre il tizio che ha aperto il thread,rigetta a priori tutte le BOMBE NASA ed accetta solo spiegazioni che convergono verso la VU.....ragion per cui.....il ''peccato originale'' è nella mente + che nelle parole....eh si....infatti l'antico diceva che :

LA BOCCA è RICCHEZZA .....si...ricchezza di SBRINCHIATE NEFANDE....e CAZZATE COLOSSALI

quello che conta è solo LA PAROLA (dalla Lettera di San Pietro)

Di più
30/03/2018 13:59 - 30/03/2018 14:03 #16307 da Marauder
mein Gott

Sergio io ti rispondo ancora sull'argomento, ma visto che non mi sembra che ci capiamo (vicendevolmente) direi che forse ci conviene partire dalla definizione delle basi comuni.
Come scritto in un post precedente, il #16194; non considerare la parte barrata:

Ho visto la parte in cui parla relativamente ai test eseguiti della maggior facilitá di penetrazione degli altri raggi rispetto agli X, tuttavia le cose che a noi sono note sono due:
1. negli scanner aeroportuali, a raggi X, le pellicole subiscono danni sufficienti a renderle inutilizzabili;
2. I raggi X fanno parte dei raggi cosmici e quindi a quelli, o come dici tu, anche a quelli ci si espone.
per cui comincerei dall'analizzare I valori assoluti dei raggi X nei due casi in questione.


Sul punto 1 sei d'accordo o no?
sul punto 2 direi che sei d'accordo per forza
L'ultima frase, quella relativa ai valori assoluti dei raggi X spaziali/da scanner ci serve per un raffronto per sciogliere I dubbi che sollevi relativamente ai diversi livelli di sensibilitá delle pellicole.
Tuttavia, se il documento che hai linkato specifica che puoi passare determinate pellicole dentro gli scanner aeroportuali e queste non subiranno alcun danno allora possiamo bypassare le verifiche sui valori assoluti.

Una volta chiarite queste parti proseguiremo.

Peró per non sembrare maleducato o che evito le tue domande ti rispondo di seguito:

Sergioruoccoo ha scritto: @marauder
Scusa ma se tu fai esplodere una bomba a mano e 9 testate nucleari. ... Quale effetto riuscirai a verificare?

Tutte assieme, nessuno.
Ma se io PRIMAfaccio una prova con la sola bomba a mano e verifico che é sufficiente a distruggere l'auto e POI una seconda prova dove OLTRE la bomba a mano (di per sé giá sufficiente a ottenere il risultato) ci metto pure alter cose molto piú potenti (le 9 testate nucleari) dubito di riuscire a ottenere un'auto meno danneggiata se al danno giá ceritifcato come sufficiente aggiungo ulteriore danno, di un'ordine di grandezza superior come quantitá e di parecchi come intensitá.

You'll not see this coming.
Ultima Modifica 30/03/2018 14:03 da Marauder.

Di più
30/03/2018 14:08 #16309 da Ghilgamesh

Sergioruoccoo ha scritto: @marauder
Scusa ma se tu fai esplodere una bomba a mano e 9 testate nucleari. ... Quale effetto riuscirai a verificare? Riuscirai a scindere quello della bomba a mano da quello della atomica ? E comunque visto che ti interessa l'effetto finale delle esplosioni perché dovresti scindere le cose?


Sono rimasto sconcertato ...

Intanto dovresti verificare che la tua auto, NON esiste più!

Invece, tu ci stai dicendo che è normale ne esca illesa!

Forse non l'hai capito, MA l'auto sono le pellicole, Mazzucco ti ha dimostrato che con una bomba a mano (lo scanner a raggi x) le foto si rovinano ...

TU ci stai dicendo che nello spazio, dove ci sono molti più raggi (parole tue ... che nel nostro esempio sono le atomiche) E' NORMALE che le pellicole non presentino danni evidenti!

E perdonami, ma questo normale NON è!

A che ti serve "scindere" i danni ... SE non ce ne sono!

Davvero ... post come questo mi fanno pensare che non stai bene ... davvero, una pesona sana di mente non può davvero scrivere (o peggio pensare) ste cose ... spero davvero tu sia pagato, senno te conviene sentì uno bravo ... e non sto offendendo, sono seriamente preoccupato.

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...
Ringraziano per il messaggio: TdC Ghost, Pagurus

Di più
30/03/2018 14:12 #16310 da Michele Pirola
@Sergioruoccoo
Sergio, ho linkato l'articolo di Repubblica che parla proprio della sperimentazione delle radiazioni.
DOMANDA:
Se oggi ci stiamo preparando con dei manichini per affrontare il problema e, come si vede dal film di Massimo, un ingegnere della NASA ha dichiarato che "le fasce di Van Allen sono pericolose per l'uomo e bisogna fare esperimenti prima di mandare degli uomini", come facevano 49 anni fa ad avere già risolto il problema?

Cochi e Renato

Di più
30/03/2018 14:16 #16312 da Michele Pirola
Inoltre, come ho già scritto sotto al thread dedicato ai commenti sul film American Moon, sulla Luna non esiste lo strato di Ozono che protegge in parte dalle radiazioni più violente.
Penso che non sia un particolare da poco

Cochi e Renato

Di più
30/03/2018 14:38 #16314 da Sergioruoccoo
@Marauder
Sono d'accordo procediamo così!

Punto 1 : non sono d'accordo l'affermazione è scorretta quella giusta è : la pellicole sottoposta ai raggi X degli scanner aeroportuali subiscono un danno rilevante se sono superiori a 400 Asa. Non lo dico io ma la kokak e Mazzucco(indirettamente ) quando cita questa fonte nel film .

Punto 2 : concordo

Infine il problema è la prova che porti le " bombe atomiche e la bomba a mano " nello spazio esplodono insieme non separatamente ecco perché dico che la fonte kokak è incongrua.
Inoltre se pure , come dici tu, " fai una prova solo con la bomba a mano e vedo che è sufficiente a far danni."... È una affermazione errata perché la prova fatta dalla kokak (sempre quella citata come fonte nel film) , dice che le pellicole subiscono si danni ma se queste sono superiori a una certa sensibilità.
Per dirla con il tuo paragone : se fai esplodere la bomba a mano creerà un danno Dove è esplosa in base alla "delicatezza" dei materiali presenti( sensibilità pellicola).
Se sei in una cristalleria (pellicole molto sensibili) ,avrai un danno .
Se sei in un bunker di cemento armato ( pellicole sotto i 400 asa) avrai Dani molto poco percettibili o nulli . Questo , perdonami se mi ripeto , non lo dico io ma la fonte kokak citata nel film .

Di più
30/03/2018 14:41 - 30/03/2018 14:43 #16315 da Crotti

Michele Pirola ha scritto: @Sergioruoccoo
Sergio, ho linkato l'articolo di Repubblica che parla proprio della sperimentazione delle radiazioni.
DOMANDA:
Se oggi ci stiamo preparando con dei manichini per affrontare il problema e, come si vede dal film di Massimo, un ingegnere della NASA ha dichiarato che "le fasce di Van Allen sono pericolose per l'uomo e bisogna fare esperimenti prima di mandare degli uomini", come facevano 49 anni fa ad avere già risolto il problema?

La risposta più logica è che 49 anni fa gli USA il problema NON l'hanno risolto, come non l'hanno ancora risolto adesso, nel 2018, per loro stessa ammissione; come non lo ha risolto l'Unione Sovietica, che però, molto più onestamente degli USA, prese atto dell'impossibilità di mandare uomini sulla luna e rinunciò; e come non lo ha ancora risolto la Cina, che nonostante non sappia più dove mettere i soldi talmente ne ha, non riesce manco a dare una presunta data entro la quale astronauti cinesi andranno sulla luna...dice solo di volerli mandare, ma non è dato sapere quando. infatti sarà la missione Orion, quando partirà (visto che continuano a posticiparla), la prima a portare uomini oltre la bassa orbita terrestre.Insomma ad oggi, anno del Signore 2018, nessuno è mai riuscito nè riesce a mandare uomini oltre le fasce di Van Allen, tranne la NASA in quei "magici 4 anni", tra il 1968 ed il 1972....pur avendo oggi a disposizione, rispetto agli anni 60, tecnologie,computer e materiali costruttivi umiliantemente superiori a quelli di quel periodo.
Ultima Modifica 30/03/2018 14:43 da Crotti.
Ringraziano per il messaggio: TdC Ghost

Tempo creazione pagina: 0.236 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO