Le Contrails sono persistenti? Pt 2 di 2

Di più
02/03/2019 20:55 #27208 da Tavernello Acido
A causa dei troppi link, ho dovuto togliere la fonte accanto alle varie foto. Dato che posseggo i collegamenti per ciascuna citazione, se non riuscite a trovare qualche fonte autonomamente, “chiedete e vi sarà dato”
Documentazioni Storiche di persistenza (PARTE 3)


Un must di chi crede alle scie chimiche come abbiamo detto è la mancanza della persistenza delle scie prima del 1995/1998. Tuttavia i più attenagliati, attaccandosi alla scusa di non poter dimostrare la persistenza con materiale fotografico (nonostante l'ovvietà) , negando il fenomeno, si chiederanno perché non si sia mai parlato di persistenza in tempi precedenti. In qualunque sito in cui vengano promosse le scie chimiche, si fanno affermazioni di questo tipo:
Scie chimiche la guerra segreta

<…Tanto che nelle vecchie e blasonate enciclopedie cartacee il lemma contrail, non compare>


:lies: :lies:

10 prove dell’esistenza delle scie chimiche (Luogocomune)

<1B– Puoi mostrare una tabella di classificazione delle nuvole precedente al 2000, presa da un qualunque libro scolastico, enciclopedia o atlante di meteorologia, in cui compaia anche la categoria di “contrail persistenti”?>



Accettiamo la sfida. Vediamo se esistono libri di meteorologia/enciclopedie/libri/documenti scientifici/articoli di giornale in cui si fa menzione di scie persistenti e magari che si allargano nel cielo col passare del tempo (altra fondamentale caratteristica secondo i Chemtrails Believers)

1991 National Audubon Society Field Guide to North American Weather
File allegato:

[Quando l'aria a livello di volo è vicina alla saturazione, una contrail può durare per un lungo periodo. Quando iniziano a diffondersi, le contrails possono allargarsi fino a formare una grande copertura nuvolosa]


1991 Sunset twilight and evening skies, pag 136

File allegato:

[Altre volte quando l'ambiente è più vicino alla saturazione, le scie persistono... finché il cielo non rimarrà avvolto da leggeri Cirri]


1988 Exploring the Sky By Day, Pag 49

File allegato:

[Le scie di condensa possono durare per ore, e possono anche scatenare la formazione di naturali nuvole cirro più estese]


1987 International Cloud Atas, pag 167
(Nonostante il libro sia degli anni 80, la pagina fa riferimento ad una foto scattata nel 44. Quindi andrebbe considerata come degli 40)

File allegato:
[Si espandono col passare del tempo...
Probabilmente create 15-30 min. prima dello scatto...
Si possono vedere numerose nuvole Cirro, potrebbero essere il risultato di altre Contrails precedenti]


1985 Come Osservare il cielo (De Agostini), pag 89 NOTA BENE: il libro è di un paio di anni dopo, ma è la traduzione di un libro dell’85

File allegato:
[La persistenza delle scie indica che probabilmente...]


1983 Encyclopedia Britannica

File allegato:

[... possono durare per molte ore]


1981 Peterson Field Guide to the Atmosphere, pag 137

File allegato:

[Alcune volte sono effimere, e si dissipano rapidamente subito dopo essersi formate, altre volte persistono e si diffondono in larghezza tanto da coprire una sostanziale porzione del cielo con una "lastra" di Cirrostrati]


1975 International Cloud Atlas, pag 66

File allegato:

[Spesso durano poco, ma... possono persistere per diverse ore. Le scie permanenti si ingrandiscono progressivamente... E di frequente acquistano l'aspetto di Cirri/Cirrocumuli/Cirrostrati. Infatti è spesso impossibile distinguere delle vecchie Contrails da queste nuvole]


1975 The Changing Global Enviroment, pag 221

File allegato:

[... scie di condensazione. Queste talvolta sono abbastanza persistenti]


1972 Clouds of the word, pag 130
File allegato:

[Una volta formata, la scia può durare per molte ore]


1972 Measurements of the Growth of the Ice Budget in a Persisting Contrails
Knollenberg

File allegato:

[Non traduco nulla, l'articolo stesso si chiama si chiama "Misurazioni della crescita della quantità di ghiaccio in una contrail persistente". Ed ho detto tutto]


1970 Airborne observation of Contrails effect on the thermal radiation budget, pag 1

File allegato:

[L'espansione delle Contrails in sottili nuvole Cirro è una visione familiare. Spesso, quando si creano delle Contrails persistenti...]


1969 Clouds and Weather, pag 28

File allegato:

[Alcune volte scompaiono velocemente, ma in altre occasioni persistono per un lungo periodo di tempo, si diffondono, e diventano un tipo di nuvola cirro o altocumulo]


1963 A Color guide to Clouds, pag 44

File allegato:
[Le Contrails persistono quando...
Possono permanere per diverse ore]


1961 Prediction of Aircraft Condensation Trails (Cornell Aureonatical Lab) pag 13

File allegato:

[Le Contrails che si formano in un ambiente saturo di ghiaccio cresceranno e persisteranno per un lungo periodo di tempo (per ore)]

1960 Enciclopedia Britannica
(Qui si vede come il fenomeno delle contrails a terra non sia qualcosa di inventato, o di recente causato dalle "scie chimiche", ma da sempre esistito. Seguirà altro)

File allegato:

[L’avvento dei jet che operano nella fredda alta atmosfera le ha rese un fenomeno molto comunemente osservato rispetto a prima, ad eccezione delle fredde regioni polari]


1957 Cloud Study: a pictorial guide, pag 70

File allegato:

[Alcune volte, diverse scie molto lunghe coprono gran parte del cielo come dei cirri. Se le scie sono molto persistenti l'aria dovrà essere satura di ghiaccio]


1957 Popular Mechanics October edition, pag 117
(Ritornano le scie di terra, inoltre la contrail in questione è persistente e si allarga a dismisura)

File allegato:

[Lo strano fenomeno polare è il risultato di questi decolli. Lunghe contrails bianche fuoriuscivano da dietro l'aereo...
In 5 minuti queste nuvole fluttuanti in superficie... avrebbero inghiottito tutto in una densa nebbia di ghiaccio.
In mezz'ora il cielo sarebbe diventato coperto da un orizzonte all'altro]
L'argomento è stato bloccato.
Di più
02/03/2019 20:56 #27209 da Tavernello Acido
1956 Some features of jet streams as shown by aircraft observations, pag 24

File allegato:

[C'erano grosse differenze tra le scie non-persistenti e quelle molto persistenti]


1955 Condensation Trails (Scorer)

File allegato:

[Alcune volte le scie permangono per molto tempo dopo il passaggio dell'aereo, altre rimangono per solo pochi secondi]


1955 Spokane Daily Cronical, pag 35

File allegato:

[Le scie di condensa viste a "inland empire" (vicino Los Angeles) sono state classificate come "moderatamente persistenti"... Una scia estremamente persistente può rimanere in cielo tutto il giorno]


1953 Flight, pag 563

File allegato:

[Si stavano formando delle scie molto persistenti... Le nostre stesse scie erano ancora visibili durante il viaggio di ritorno]


1952 Condensation Trails From Aircrafts, pag 6

File allegato:

[Se le scie quando si formano saranno pesanti e persistenti...]


1952 Stesso articolo di quello di sopra, pag 7
(ritornano le scie di terra, ennesima dimostrazione)

File allegato:

[È ovvio, tuttavia, che in posti come il Canada o la Siberia le temperature possono occasionalmente scendere sotto la temperatura necessaria, e tali scie possono essere formate dall'aereo al livello del terreno]


1946 Brewer, Condensation Trails, pag 35

File allegato:

[La scia si allarga e si diffonde dietro l'aereo, ma se l'aria è satura, la scia non può evaporare, o può farlo solo molto lentamente, e si formerà una scia molto lunga e persistente]


1943 Popular science (March), pag 55

File allegato:

[Alcune di queste... rimangono per diverso tempo]


1943 Cloud Reading For Pilots, pag 73

File allegato:

[... Che all'emissione si espande in larga misura formando una linea di nuvole che si dirama nel cielo per diverso tempo, espandendosi]


1943 Clouds and weather phenomenon, pag 10

File allegato:

[Alcune volte le scie sono molto piccole e di breve durate, altre volte sono invece molto persistenti]


1942 Wartime Report, pag 2

File allegato:

[... Di conseguenza sotto certe condizioni la scia sarà corta...
Se invece... la scia sarà persistente e non scomparirà]


1921 Us Air Service Newsletter, July 1921

File allegato:

[Quando l'aereo raggiunse l'altezza di 26.000-27.000 piedi alle 11:50 del mattino, fu osservata un lungo rilascio bianco che si stava formando dietro uno speck scuro che si muoveva rapidamente. La nube era della varietà cirrotica...
Dopo 20 minuti si era spostata e si era allargata fino a fondersi indisturbatamente con gli altri cirri visibili]


Prima Scia Persistente mai documentata
1919 Naturwissenschaften, Pag 625
(Avendo provato con la ripugnante traduzione automatica, mi sono dovuto rivolgere ad una persona che parla tedesco. Per questo motivo non posso sottolineare e riportare le varie frasi ma posso dire in generale quanto mi è stato detto)

File allegato:

[L’11 Maggio è stata avvistata in cielo una scia bianca che fuoriusciva dallo scarico di un aereo. L’aereo partito alle 9:46 ha raggiunto secondo le stime del barometro 8700/9300 metri.. Questa scia seguiva l’aereo in tutte le sue direzioni e movimenti. Ha iniziato a formarsi alle 10:40 ed aveva una lunghezza di 50 km, ma si è poi interrotta dopo che l’aereo è sceso di quota alle 11:07. Aveva una forma serpeggiante con delle vertebre regolari che fuoriuscivano dal suo scheletro. Ha continuato a rimanere trasformandosi in un Cirro. Alle 11:40 aveva superato il sole, e sempre sotto forma di nuvola si è poi ritirata verso est…]
Ringraziano per il messaggio: Primus eccetera, paglia53
L'argomento è stato bloccato.
Di più
02/03/2019 20:57 #27210 da Tavernello Acido
Perché oggi abbiamo più scie? (PARTE 4)

Avendo citato e risposto alla domanda 1B dell'articolo di Massimo mi sento in dovere essendo nello stesso paragrafo anche di rispondere all'altra

1A- Sai spiegare perchè il fenomeno delle "contrails persistenti", oggi diffuso dappertutto, non veniva quasi mai osservato sul finire degli anni ’90, quando l’intensità del traffico aereo era simile, se non addirittura maggiore, di quella odierna?


1) Iniziamo col dire che "quasi mai osservato" è probabilmente fuori luogo. Abbiamo visto diverse foto in cui si vedono anche più di 30 Contrails insieme e non solo durante la WWII. Inoltre moltissimi testi citati parlano di scie persistenti come fenomeno comune.

2) I motori rispetto a quelli vecchi, producono più scie. Massimo asserisce che non importa perché il problema è la persistenza. Ma come ho già spiegato, la formazione dipende prevalentemente dalla temperatura (pressione e umidità sono fattori importanti ma relativi), mentre l'umidità è la causa della persistenza.
I motori di oggi PRODUCONO più scie, sia corte che lunghe. Se poi ci sono le condizioni di umidità questa PERSISTERÀ. Ma se prima un aereo con condizioni esterne favorevoli a scie di permanenza, non le produceva, allora significa che gli aerei di prima che potevano produrre scie persistenti lo facevano con meno probabilità (anche se la differenza non è moltissima). Mi sembra semplice. Se si formano più spesso, più spesso ci sono le possibilità che trovino condizioni adatte alla persistenza. *

3) MOLTO più importante, mi ritrovo costretto a criticare il metodo di Massimo per il calcolo del traffico aereo, che non tiene conto dell'enorme incremento del traffico nei vari aeroporti del pianeta. È fondamentale sapere che gli aeroporti che Massimo considera già all'epoca erano affollatissimi. Chi conosce i ritmi degli aeroporti maggiori al mondo sa che ogni istante decolla o atterra un aereo sulle varie runways. Esempio:



Gli aeroporti si possono anche ampliare, ma oltre certi numeri di differenza non ci si potrà mai spingere.
A crescere in modo irrefrenabile e nascere sono stati infatti i vari aeroporti minori (intendo non quelli delle capitali). Il metodo utilizzato è fuori luogo. Equivale a dire "la popolazione mondiale non è aumentata negli ultimi anni perché a Roma e a San Francisco gli abitanti sono rimasti gli stessi o sono diminuiti". Il traffico aereo non può assolutamente essere calcolato in questo modo.

Vediamo un paio di dati veramente accurati. Nel paper "Past and Future Developments of the Global Air Traffic" (pag 14) del 2018 pubblicato su Springer, troviamo la tabella mondiale del traffico aereo
File allegato:


Vediamo che:
-Nel 1960 il traffico era di circa 150/200mln
-Nel 1970 era di circa 400mln
-Nel 1980 era di circa 800mln
-Nel 1990 era di circa 1200mln
-Nel 2000 era di circa 1700mln
-Nel 2010 era di circa 2500mln
-Nel 2015 era di circa 3500mln

L'articolo sulle scie è del 2010, mentre le irrorazione sarebbero iniziate nel 95 (circa 1300mln). Secondo i dati effettivi la differenza tra il 1995 e 2010 era di quasi il DOPPIO del traffico aereo.
Oggi se osserviamo un quintale di scie è perché rispetto a prima (quando ci sarebbe dovuto essere un cielo naturale) il traffico è aumentato a dismisura. Nel 2015 rispetto al 1990 il traffico è aumentato del 291,7%

Tutti i dati reali disponibili parlano dell'aumento esponenziale del traffico in questi anni, anzi secondo le stime più recenti si prevede nuovamente il raddoppio dei voli nei prossimi 10/20 anni, quindi preparatevi alle scie.

4) Le aerovie sono un discorso importante. Se prima sopra casa tua si trovavano un certo numero di percorsi, con l'avvento e lo sviluppo di nuove rotte, un numero certamente maggiore di aerei passerà sopra la tua testa. Infatti questo discorso si accentua in modo esponenziale per chi non abita nelle capitali, ma in altre città dalle più grandi alle più modeste. Infatti a crescere sono state le Regional e le Low Cost Che fanno collegamenti tra aereoporti minori, e non a lungo raggio. Non sono state le Major a vedere il ben di Dio, solo in parte.
Se negli anni 70 nel tuo paesino non passava nemmeno un aereo, è ovvio che con un tale sviluppo, oggi probabilmente ti potrai anche ritrovare con gli incroci sopra la testa.
E l'Italia non è da meno, come dicevo i piccoli aereoporti sono diventati "adulti", e sono nate quindi molte più aereovie
File allegato:


File allegato:


Tutti dicono che ci sono troppe scie, ma io sinceramente non capisco se alcuni hanno la minima idea di come sia il realmente traffico aereo ogni secondo
File allegato:


File allegato:


File allegato:


File allegato:



*Alcune persone, sono convinte che i motori più moderni che sono montati su alcuni aerei non possono produrre contrails.
Appena ho sentito questa cafonata pazzesca mi sono realmente messo a ridere come un cretino. Mettete dal minuto 10:45 fino a 11:10 di "scie chimiche la guerra segreta", per sentire perché


Perché è una porcata colossale?
Intanto cos' è un turbofan? Un Turbofan, è un motore composto da 2 parti principali, la camera di combustione ed il Bypass. A differenza dei vecchi motori Turbojet, in cui il rapporto di aria che entra nel core dopo essere stato aspirato dall'Inlet è di 1:1, si parla di motori Turbofan quando solo una parte di tutta l'aria che entra nel motore viene combusta. I due motori producono Thrust in modi differenti, infatti il TurboFan utilizza il Fan (la grossa elica esterna mossa dalla turbina ad alta pressione) che spinge l'aria all'interno dei Bypass, mentre il Turbojet si basa sulla spinta causata direttamente dal getto d'aria.

Esistono diversi tipi di Turbofan, che hanno diversi rapporti di Bypass, che vanno dai low agli high. Negli High Bypass, il rapporto dell'aria aspirata che non entra nella camera di combustione è di 5:1, da qui l'80% di aria di cui parla il film (esistono dei rapporti anche molto maggiori)
Bene, abbiamo verificato che quello che afferma è corretto.

Analizziamo l'affermazione del film.
-Afferma che non è possibile che si formino le scie negli High Bypass
- I gas combusti sono relativamente freddi non passando per la camera di combustione
-Solo una piccola parte di aria viene combusta
-Gli High-Bypass a differenza dei Turbojet, e dei Turbofan con Low e Medium Bypass, non possono produrre scie

Già notiamo subito qualcosa di molto strano. Chi non capisce molto di aviazione non avrà notato un particolare importantissimo.
La camera di combustione di un TURBOFAN È LA STESSA DI QUELLA DI UN TURBOJET, semplicemente nel primo viene montato il Fan che viene spinto da delle turbine. L'afflusso di aria che passa nella camera di combustione È LO STESSO IN ENTRAMBI I MOTORI. Semplicemente nei più grandi Turbofan l'80% dell'aria non passa nella camera di combustione perché è più grande il Bypass, NON PERCHÉ È MINORE LA QUANTITÀ RISPETTO AI PRIMI.

Facciamola semplice con lo schemino.
Quindi, questo è un Turbojet, che è formato unicamente dalla camera di combustione e che a detta di Marciano può produrre Contrail
File allegato:


Ora, questo è un Turbofan, praticamente un Turbojet con montato sopra "l'elica".
File allegato:


Che cosa diamine dovrebbe impedire al motore di produrre una scia, visto che la camera di combustione è la stessa, e che quindi passa sempre la stessa quantità di aria al suo interno?
Ringraziano per il messaggio: paglia53
L'argomento è stato bloccato.
Di più
02/03/2019 20:59 #27211 da Tavernello Acido
La situazione è sempre la stessa, questo è un Low Bypass
File allegato:


Bypass intermedi
File allegato:


File allegato:


File allegato:


High Bypass
File allegato:


Ma allora se la camera di combustione è la stessa, perché gli High Bypass producono più contrail?
Il motivo principale è che la maggiore parte dell'energia prodotta nella camera di combustione serve per muovere il Fan, e la temperatura quindi dello scarico sarà minore (minore, NON FREDDA, vi sfido a metterci la mano). In questo modo i gas raggiungono il punto dew point più rapidamente e quindi sono più propensi a formare scie di condensazione.


Nella carta ci siamo, ma nella realtà?
Vediamo un apposito esperimento del 1999/2000 tra un A340 (High Bypass ed efficienza 0.32) e un davvero vecchio B707 (Low Bypass ed efficienza 0.23)
File allegato:

Le immagini parlano da sole.
A causa di queste differenze dettate dal progresso dei motori, il famoso grafico di Appleman, ha dovuto subire infatti delle leggere modifiche in base al tipo di motore.
File allegato:


Magari le parole di un disinformatore, debunker, troll goblin o Shreck come me non valgono nulla in confronto a quelle di Marcianò o di Dane Wigington...
Non dovete "credere" solo a me, ma a tutti gli studi revisionati del settore.
Il procedimento però va applicato anche all'inverso, quindi fate pubblicare a uno dei 2 un bel documento scientifico in cui valida le sue parole

Influence of propulsion efficiency on Contrail formation
File allegato:


Calculation of Aircraft Contrails formation, Critical Temperature
File allegato:


Experimental test of the influence of propulsion efficiency on contrails formation
File allegato:


A new formulation of the Critical Temperature for Contrail formation
File allegato:


The testing and verification of contrail forecast using pilot observations from aircraft
File allegato:


A comparison of the exhaust Condensation Trails forecast Algorihtms at low relative humidity
File allegato:


È partito sapendo che gli High Bypass producono più scie. Invece di magari ribadire che non è vero, è arrivato addirittura a dire che non le possono formare, e spiegandolo addirittura in 20s scarsi. Un giro da formula 1


Se ci sarà una prossima volta, in futuro (non per adesso) parlerò degli schemi a griglia (o come qualcuno li chiama, "tris"), le scie circolari e i reticoli nei cieli; oppure delle scie non provenienti dai motori. A voi la scelta, così non mi dite che evito i problemi.
Ringraziano per il messaggio: Primus eccetera, paglia53
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 09:36 #27221 da Marauder
A me i link servono, non riesco a trovare i riferimenti delle parti postate e gli stralci, come è ben noto, possono indicare qualcosa che se decontestualizzato assume significato diverso se non opposto.
Per la maggior parte degli scritti è necessario sapere l'ambiente in cui sono state svolte le osservazioni perché, come dici anche tu, al polo o all'equatore le cose sono ben diverse, e dai ritagli postati non si ricava questa informazione.

You'll not see this coming.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 12:00 - 03/03/2019 12:02 #27224 da Tavernello Acido
Più tardi vedo di mandarteli in privato. Qua occuperei un'altra mezza pagina
Ultima Modifica 03/03/2019 12:02 da Tavernello Acido.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 12:13 #27225 da Marauder
Grazie.
Ad ogni modo puoi modificare il post in modo che la didascalia stessa sia il link:così facendo fornisci l'info e non occupi spazio, e tutti hanno accesso al dato.

You'll not see this coming.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 12:16 - 03/03/2019 12:17 #27227 da Tavernello Acido
No, viene bloccato per i troppi link, il post originale doveva essere proprio con i collegamenti accanto
Ultima Modifica 03/03/2019 12:17 da Tavernello Acido.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 13:14 #27230 da NiHiLaNtH
anche qui l'apertura di topic multipli
bah

quale può essere l'utilità di postare le stesse cose contenute nei più famosi siti di debunking ?
mah
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 13:32 - 03/03/2019 13:36 #27232 da Tavernello Acido
Anche qui un commento inutile,
Bah

Quale può essere l'utilità di un tale commento che non risponde a nulla?
Mah
Ultima Modifica 03/03/2019 13:36 da Tavernello Acido.
Ringraziano per il messaggio: paglia53
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 16:04 #27234 da paglia53
qui ci sono i link

Debunking "Contrails don't persist" with 70 years of books on clouds


1991: National Audubon Society Field Guide to North American Weather
www.flickr.com/photos/metabunk/sets/72157644020551293/


1988: Exploring the Sky By Day, Page 49
www.flickr.com/photos/metabunk/sets/72157643850292503/


1981: Peterson Field Guide to the Atmosphere, page 137
www.flickr.com/photos/metabunk/sets/72157641675780313/


1972: Clouds of the World, page 130
www.flickr.com/photos/metabunk/sets/72157641669574294/


1957: Cloud Study: A pictorial Guide, page 79
www.metabunk.org/sk/1957CloudstudyapictorialguideOCR.pdf

1943 -Clouds, C. J. P. Cave, page 10


1943 - Cloud Reading For Pilots, page 73
www.flickr.com/photos/metabunk/sets/72157642316592915/


1983: Encyclopedia Britannica:
books.google.com/books?id=SBM8AAAAMAAJ&q=contrails "last for several hours"

1975 International Cloud Atlas:
library.wmo.int/pmb_ged/wmo_407_en-v1.pdf
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 16:10 #27235 da paglia53

1A- Sai spiegare perchè il fenomeno delle "contrails persistenti", oggi diffuso dappertutto, non veniva quasi mai osservato sul finire degli anni ’90, quando l’intensità del traffico aereo era simile, se non addirittura maggiore, di quella odierna?


Ringraziano per il messaggio: Tavernello Acido
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 16:44 #27237 da paglia53

Tanto che nelle vecchie e blasonate enciclopedie cartacee il lemma contrail, non compare


The New Encyclopaedia Britannica: Macropaedia Page 357
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 16:58 #27238 da Tavernello Acido

qui ci sono i link

Glieli ho mandati tutti e 32 in privato. Aspettiamo sue notizie, che venga qui a sbugiardarci dimostrando che abbiamo ingannato tutti o magari a confermare che sono ok (ma la vedo difficile). Come diceva primus, appena viene pubblicata una foto con un paio di contrail persistenti, tutti a gridare "vergogna" "ci state uccidendo" "smettetela" "abbatteli quando passano" senza nemmeno chiedere se è persistente. Poi se arrivo io con delle vecchie foto di contrail persistenti mi viene detto che non valgono nulla, anche negando l'evidenza. L'onestà reincarnata...
Ringraziano per il messaggio: paglia53
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 17:00 - 03/03/2019 17:23 #27239 da paglia53
Ultima Modifica 03/03/2019 17:23 da paglia53.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 17:13 - 03/03/2019 17:22 #27240 da paglia53
Ultima Modifica 03/03/2019 17:22 da paglia53.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 17:19 - 03/03/2019 18:35 #27241 da Tavernello Acido
Questa l'ho scattata qualche sett. fa in biblioteca mentre cercavo materiale per le contrail. Ho avuto il tempo di guardare solo questo per via della chiusura, ma devo ritornarci anche perché ho intravisto delle vecchie Britannica

Tanto che nelle vecchie e blasonate enciclopedie cartacee il lemma contrail, non compare

Treccani 1986 (se non ricordo male)
File allegato:


Diventerà la frase più perculata di tutte :laugh: :cheer:
Ultima Modifica 03/03/2019 18:35 da Tavernello Acido.
Ringraziano per il messaggio: paglia53
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 17:20 - 03/03/2019 17:22 #27242 da paglia53
Ultima Modifica 03/03/2019 17:22 da paglia53.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 17:21 - 03/03/2019 17:24 #27243 da Tavernello Acido
Paglia, se sono le stesse da me citate, per favore non metterle così evitiamo di ingrombare. Chi vorrà le fonti deve chiedermelo in privato.
Altrimenti aggiungine pure altre nuove
Ultima Modifica 03/03/2019 17:24 da Tavernello Acido.
Ringraziano per il messaggio: paglia53
L'argomento è stato bloccato.
Di più
03/03/2019 21:52 #27248 da paglia53

Aspettiamo sue notizie

Ringraziano per il messaggio: Tavernello Acido
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 00:25 - 04/03/2019 00:31 #27249 da Primus eccetera
Grazie per le informazioni che hai raccolto.
Mi permetto però di contestarne una, l'ultima citazione testuale

Prima Scia Persistente mai documentata
1919 Naturwissenschaften, Pag 625/

Ultima Modifica 04/03/2019 00:31 da Primus eccetera.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 00:35 #27250 da Primus eccetera
Grr, ho fatto casino con i comandi, metto qui la mia osservazione relativa al commento di cui sopra:

Premesso che non sono un tecnico dell'argomento, a me risulta che i primi tentativi di pressurizzazione di aeromobili vennero realizzati dai crucchi intorno al 1930.
Mi suona strano che un aereo abbia raggiunto le quote citate dall'articolo (8700-9300m) nel 1919, senza pressurizzazione della cabina. Chi era il pilota, Superman, per resistere a quelle basse pressioni?
Se ti fosse possibile controllare la cosa m'interessa
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 07:46 - 04/03/2019 07:50 #27252 da Ghilgamesh

Iniziamo col dire che "quasi mai osservato" è probabilmente fuori luogo. Abbiamo visto diverse foto in cui si vedono anche più di 30 Contrails insieme e non solo durante la WWII. Inoltre moltissimi testi citati parlano di scie persistenti come fenomeno comune.


Vedere qualche foto rende il fenomeno diffuso?

Io non conosco NESSUNO che abbia assistito a scacchiere nel cielo come quelle attuali, da piccolo ... MANCO UNO!

L'unico sono io (tra quelli che conosco), che ricordo di aver visto una scia lunga da piccolo, SOLO UNA, non i reticolati attuali ... e mi stupì, perchè era strana, diversa!
Ne vedevo SPESSO di corte, che "seguivano l'aereo", ma una lunga mai.

Al giorno d'oggi accade ogni due, massimo tre giorni ... SEMPRE!

OVUNQUE!
Le ho viste in Italia, Germania, Svizzera, Inghilterra e Thaillandia ... primi 20 anni di vita, UNA VOLTA, ora dovunque vada, anche solo pe na settimana, le vedo!

TUTTI quelli che conosco, OGGI, hanno visto un simile fenomeno!

Non ho statistiche o libri a supporto, MA tutti quelli sopra i 40 anni ti diranno LA STESSA COSA!

Quindi il "quasi mai", a me sembra corretto.

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...
Ultima Modifica 04/03/2019 07:50 da Ghilgamesh.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 08:14 - 04/03/2019 08:56 #27253 da Tavernello Acido
Primus
La pressurizzazione non c'entra nulla. Se è per questo anche alcuni aerei della WWII non erano pressurizzati. In passato si usavano gli erogatori di ossigeno per salire ad alta quota, ed indumenti pesanti e riscaldati. Se guardi questo estratto si vedono i respiratori

Anzi, avevo trovato e visto tutto il documentario completo, ed ad un certo punto la voce diceva che proprio per via dell'altitudine dovevano indossare i respiratori, e si vedevano loro che iniziavano a metterli. Appena lo ritrovo ti mando il link del docu complet
Se è per questo la prima scia (non persistente) risale al 1915.

Ho trovato questo articolo. Parla di record di oltre 9700m a giugno 1919
www.repubblica.it/2009/06/motori/giugno2...ecord-bmw-aereo.html
Ultima Modifica 04/03/2019 08:56 da Tavernello Acido.
Ringraziano per il messaggio: Primus eccetera
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 09:08 #27254 da Tavernello Acido
La memoria non è un dato oggettivo. Le foto e gli articoli valgono più di qualunque "memoria". Inoltre ho spiegato il perché succede questo, non mi pare di aver svitato la risposta.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 09:14 #27255 da Marauder

paglia53 ha scritto:

Aspettiamo sue notizie


Bella foto, è tuo padre Covone?
Evidente la somiglianza

You'll not see this coming.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 09:19 - 04/03/2019 09:20 #27256 da Tavernello Acido
Ultima Modifica 04/03/2019 09:20 da Tavernello Acido.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 09:24 #27257 da Marauder

Come diceva primus, appena viene pubblicata una foto con un paio di contrail persistenti, tutti a gridare "vergogna" "ci state uccidendo" "smettetela" "abbatteli quando passano" senza nemmeno chiedere se è persistente.

1) Da chi?

Poi se arrivo io con delle vecchie foto di contrail persistenti mi viene detto che non valgono nulla, anche negando l'evidenza. L'onestà reincarnata...

2) Da chi?

Se le due risposte non coincidono abbiamo la dimostrazione della tua onestà. Coraggio :)

Se le due risposte

You'll not see this coming.
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 10:34 #27259 da Ghilgamesh

Tavernello Acido ha scritto: La memoria non è un dato oggettivo. Le foto e gli articoli valgono più di qualunque "memoria". Inoltre ho spiegato il perché succede questo, non mi pare di aver svitato la risposta.



Vero, lo avevo anche scritto ... MA le foto ti vanno bene?

Ok!

TU hai trovato quanto? 10 foto?

Oggi ce ne sono MILIONI!

Va bene che c'eano meno macchine fotografiche, MA c'erano le macchine fotografiche!
Mi aspetto che almeno UN fotografo in ogni grande città, vedendo il fenomeno per la prima volta, lo abbia fotografato, come succede anche oggi!
Invece di tutti gl anni 80 quante foto abbiamo con reticolati o scie iridescenti?

Se vuoi portare qualche dato oggettivo, comincia a contarle, calcola il rapporto ... e ti accorgerai che era "quasi mai osservato"!

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...
L'argomento è stato bloccato.
Di più
04/03/2019 11:00 #27261 da Tavernello Acido
O forse nessuno le fotografava proprio perché anche all'epoca erano scontate.
1937
Ad un tratto ho una fitta al cuore. Dal motore esce fumo in abbondanza; ho la sensazione che bruci. Ma è un attimo. Capisco che si tratta della BEN NOTA nuvola che forma l'apparecchio navigante alle alte quote
www.enricopezzi.it/archivio-storico/biog...aerei-a-pistoni.html

O forse anche perché oggi le "foto" le può fare un bambino di 8 anni con il cellulare, mentre prima ti dovevi portare appresso le macchine Fotografiche.

Io ho già spiegato perché c'è ne sono di più, ed ho portato una marea di dati oggettivi. Sta a te dimostrare il contrario.
L'argomento è stato bloccato.
Tempo creazione pagina: 0.213 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO