Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

Vediamo prima la versione ufficiale dei fatti. Secondo questa versione l'Arabia Saudita, insieme all'Egitto, al Bahrein, agli Emirati Arabi e allo Yemen, hanno improvvisamente deciso di interrompere ogni relazione diplomatica con il piccolo Stato del Qatar. Frontiere chiuse, voli interni cancellati, spazio aereo negato, e al massimo due settimane di tempo per i cittadini catarioti che vivono in Arabia Saudita per rientrare casa loro. Gli emirati arabi addirittura hanno dato ai cittadini del Qatar soltanto quarantott'ore per fare le valigie ed abbandonare il paese.

Il motivo di tutto questo sarebbe, ufficialmente, il fatto che il Qatar "offre supporto a svariati gruppi terroristici come la Fratellanza Musulmana, l'ISIS e Al-Qaeda".

Ohibò - vien da dire - stai a vedere che di colpo gli arabi si sono resi conto che il terrorismo porta instabilità nella regione, ed hanno deciso di isolare e metterlo sotto accusa il loro principale finanziatore, il Qatar appunto.

Ma le cose non sono così semplici come vorrebbero raccontarcele.

Non soltanto gli stessi sauditi, fino a ieri, sono stati anch'essi finanziatori dell'ISIS, ma andando semplicemente a scavare un po' più a fondo scopriamo che il Qatar di recente ha detto che "Hezbollah e Hamas sono movimenti legittimi di resistenza",  e che l'Iran "non andrebbe osteggiato, perchè in fondo è una grande potenza islamica".

Ecco quindi il vero cuore del contendere: il Qatar, nel suo classico doppio gioco che dura da decenni, da una parte ha appena stretto la mano degli altri paese sunniti (al recente meeting voluto da Donald Trump), mentre dall'altra tiene aperti i canali e la simpatia proprio con il mondo sciita che dice di voler combattere.

E ora evidentemente la nuova alleanza firmata a Riad ha deciso che il Qatar deve pagare per questo suo doppio gioco. Il fronte sunnita si compatta, e non è difficile intuire chi ci sia dietro, e chi veramente possa trarre un vantaggio duraturo da una eventuale debacle definitiva dell'Iran.

Massimo Mazzucco

 

Aggiungi Commento   

Michele Pirola
#1 Michele Pirola 2017-06-05 21:52
I sauditi e non solo sono un po' ipocriti, pure loro finanziano l'Isis and company. Ora non simpatizzo Assad, ma mi sembra uno dei pochi (non dico assolutamente l'unico) leader del Medio-oriente a combattere l'Isis
Blade1960
#2 Blade1960 2017-06-05 22:45
Quanti giorni sono passati dalla visita di trump?
Anteater
#3 Anteater 2017-06-05 22:59
Chissà...qualcuno poi si prese i soldi di Gheddafi...magari è la stessa cosa, pochetto più raffinata...Ha un esercito buonino...troppi stranieri per un discorso "patriottico"...è immerdata in tante faccende e credo che la City anticiperà mosse curiose...comunque rimane un'affaire finanziario...
Non vedo come quella penisola possa avvantaggiare la Persia...anzi...

Slobbysta
Nomit
#4 Nomit 2017-06-05 23:10
Perfino questo noto e mainstrimmissimo youtuber dice la stessa cosa
www.youtube.com/watch?v=Cz-2Dvl-9aA&t=13m48s
Curziorufo
#5 Curziorufo 2017-06-05 23:20
I sauditi non rappresentano tutti i sunniti, ma solo i wahabiti cioè la parte più estremista e conservatrice dei sunniti
Aironeblu
#6 Aironeblu 2017-06-06 06:48
Ipotesi fondata:



al vertice di Riyadh del 21 maggio e' stato stilato un documento da parte dei paesi partecipanti in cui si dichiara l'Iran "paese sostenitore di terroristi", che l'emiro del Qatar Al Thani ha rifiutato di firmare in virtu' delle buone relazioni diplomatiche con l'Iran.
Al vertice di Riyadh e' stato stabilito infatti che per "terrorismo islamico" si dovranno intendere esclusivamente Hamas, Hezbollah, Assad in Siria e gli Houti in Yemen, ovvero le organizzazioni che difendono la propria patria dal reale terrorismo finanziato dagli organizzatoridel vertice.
(www.maurizioblondet.it/.../)

Risultato: il Qatar immediatamente isolato e senza rifornimenti alimentari (che arrivavano via terra dall'Arabia e sono stati bloccati). Se l'emiro Tamim Bin Hamad Al Thani non cambiera' all'istante le sue posizioni riguardo al terrorismo, tornando a collaborare come faceva nell'era obananiana nei prossimi giorni capitera' qualche disastro aereo alla Qatar Airlines, o addirittura un improvviso incidente per l'emiro Al Thani - per chi facesse fatica a ricordare questo nome, niente paura, ci pensera' il mainstream nelle prossime settimane a nominarlo ripetutamente descrivendolo come il nuovo Bin Laden.
Condor96
#7 Condor96 2017-06-06 08:34
Sembra barcollare, il già molto fragile, equilibrio geopolitico nella zona del Golfo Persico tra le varie potenze battenti titolo di maggior produttore ed esportatore di oro nero al mondo. Sembra una vera e propria congiura quella che si abbattuta sul Qatar. Paesi come Arabia Saudita, Maldive, Egitto, Bahrayn, Emirati Arabi Uniti (EAU), Kuwait e Libia hanno in queste ore interrotto letteralmente i rapporti, di qualsiasi genere, con il piccolo ma influente stato del Golfo.

albainternazionale.blogspot.it/.../...
mabel
#8 mabel 2017-06-06 08:52
...chi cè dietro? semplice, ovvio, i soliti usa-canaglia!
Redazione
#9 Redazione 2017-06-06 10:17
MABEL: Citazione:
..chi cè dietro? semplice, ovvio, i soliti usa-canaglia!
Forse è più corretto dire Usraele.
Giano
#10 Giano 2017-06-06 11:00
Dall' articolo
Citazione:
Vediamo prima la versione ufficiale dei fatti. Secondo questa versione l'Arabia Saudita, insieme all'Egitto, al Bahrein, agli Emirati Arabi e allo Yemen, hanno improvvisamente deciso di interrompere ogni relazione diplomatica con il piccolo Stato del Qatar.
Messa così, come la racconta la solita stampa, parrebbe che questa volta Arabia Saudita e Yemen stiano dalla stessa parte, finalmente uniti per combattere un nemico comune, il Quatar (strano stato con una popolazione di circa 2 milioni di persone di cui solo 300.000 quatarioti e il resto immigrati -dati wiki 2013: gli indiani sono la comunità più numerosa, stimata in circa 545 mila, seguiti da nepalesi (341 mila), filippini (185 mila), bengalesi (137 mila), cingalesi (100 mila) e pakistani (90 mila).
it.m.wikipedia.org/wiki/Qatar).
Ma lo Yemen che viene citato dai giornali è solo una delle due parti in conflitto nel paese, e cioè la parte sunnita sostenuta dai sauditi e dagli occidentali. Gli sciiti Houti che da tre anni occupano la capitale (e che per me sono lo Yemen, non so quanto questo possa essere rilevante sullo scacchiere internazionale :-D ) invece, e naturalmente, non si sono accodati perché sostenuti proprio da quegli stati accusati di terrorismo da parte dei sauditi.
Sostenere che quegli yemeniti siano lo Yemen sarebbe come credere che Gentiloni abbia veramente stretto accordi con la Libia quando ha firmato quel mucchio di cartastraccia con alSarraj, fantoccio occidentale che non comanda neanche nel giardino di casa propria.
Non sarebbe male se almeno noialtri smettessimo di legittimare queste marionette.
amantido17
#11 amantido17 2017-06-06 11:25
Ieri, alla una e rotti, il tg2, che ascoltavo vagamente (lo faccio per rimanere aggiornato sulla linea del mainstream) mentre cuocevo la pasta, ha fatto un servizio che letteralmente decantava come la migliore azione bellica dello scorso secolo gli eventi della guerra dei 6 giorni. Ieri, infatti, cadeva il 50esimo anniversario dell'inizio di quella guerra preventiva che il piccolo stato di Israele fu "costretto" ad intrapendere per garantire la propria sopravvivenza.

Sarà un caso che concida con lo stesso giorno della netta presa di posizione avverso il Qatar ? Un'altra forma di guerra ? Simbolismo ? ... questo naturalmente solo se si nota che gli stati arabi coinvolti non sembrano più tanto nemici di Israele.

Blondet ipotizza la possibilità di una guerra a breve all'Iran (si veda il link di #6 Aironeblu), vera spina nel fianco dello stato ebreo.

Il Qatar è l'unico paese della penisola araba che intrattiene rapporti con l'Iran. Inoltre al vertice arabo con Trump non ha voluto sottoscrivere il documento che qualificava l'Iran come stato che sostiene i terroristi.
curiosityfreethecat
#12 curiosityfreethecat 2017-06-06 11:45
Articolo del Guardian del *2008* (quindi ben lontano dalla stigma del "comblottismo")
www.theguardian.com/.../bae.armstrade
Erano emersi documenti dei servizi che riportavano le minacce (sic) da parte del principe Bandar di attacchi terroristici se fossero continuate le indagini sul traffico di armi che li coinvolgevano.

"Saudi Arabia's rulers threatened to make it easier for terrorists to attack London unless corruption investigations into their arms deals were halted, according to court documents revealed yesterday..."

Secondo me, nemmeno se dicessero che sono stati proprio loro ci sarebbe nessuna reazione da parte dei nostri cari regimi occidentali. I petrodollari sono troppo, troppo, troppo forti.
Anteater
#13 Anteater 2017-06-06 12:30
Qatar perfetto capro espiatorio..
italiaoggi.it/.../...
Nell'impero del Qia si trovato proprietà da Hollywood a New York, beni residenziali a Londra, aziende italiane nel settore della moda di lusso, il già citato Paris Saint-Germain. Il Qia è il principale azionista della casa automobilistica tedesca Volkswagen ed ha comprato una quota del 10% della società spagnola El Corte Inglés, la più grande catena di grandi magazzini dell'Europa occidentale. In Gran Bretagna tra le maggiori quote di Qia ci sono quelle nel distretto londinese di Canary Wharf, nel grattacielo Shard, nel grande magazzino di lusso Harrods...
●●●●●●●●●●●●●●●●●
Tutti gli investimenti del Qatar nel mondo...
milanofinanza.it/.../...
●●●●●●●●●●●●●●●●●
GUERRA O REGIME CHANGE?
In genere, accelerazioni come queste preannunciano destabilizzazioni profonde o addirittura un conflitto; è però improbabile che quest’ultimo si verifichi per tre fondamentali ragioni
blog.ilgiornale.it/.../...
●●●●●●●●●●●●●●●●●●

Il Qatar Stock Exchange, principale indice della borsa locale, ha ceduto oggi il 7,3%, anche se sul fronte finanziario le preoccupazioni potrebbero risultare esagerate, disponendo Doha di un grande fondo sovrano contro i rischi e ammontando al 5-10% la quota di azioni detenuta dagli investitori residenti nei paesi da cui sono scattate le sanzioni.


OPEC sempre più in frantumi


Attenzione, infine, a non sottovalutare l’impatto che lo scontro in atto avrà sull’OPEC. Il cartello appare già molto diviso...
progettoalternativo.com/.../...
●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●•••
RedazioneCitazione:
..chi cè dietro? semplice, ovvio, i soliti usa-canaglia!

Forse è più corretto dire Usraele...
Tutto ciò è assai buffo~dovessimo accontentarci della carta fedeltà, sarebbe una leggerezza tralasciare certi "inglesi" e la City stessa...AngloSionUS..casomai. Certo che farsi "anacronisticizzare" dai confini in un contesto globale...è come leggere la storia da quel simpatico film francese..I VISITATORI...piuttosto che capire che partiti NAZIONI religioni...sono filtri per avvantaggiare chi questa MERDA la indica come problema...quando invece sarebbe così semplice PASSARE DRITTO davanti alla retorica per non certo togliersi il cappello..sotto la cupola dell'evidenza...

Slobbysta

...La più grande base USA...i mondiali di calcio...cosa può fare tecnicamente per la Persia..il Qatar...diplomazia..fatemi ridere...
■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■
Il punto di vista Persiano.

Tension in Arab states ties result of Trump's visit: Iranian MP
www.irna.ir/en/News/82554910/

Maintaining logical ties with neighbors principled policy of Iran: Senior official
www.irna.ir/en/News/82555071/

PGCC on the verge of disintegration: Political analyst
www.irna.ir/en/News/82555655/

Zarif confers with Mogherini, Qatari FM
www.irna.ir/en/News/82555073/

Ante◆Ater
illupodeicieli
#14 illupodeicieli 2017-06-06 16:34
Non ho letto le reazioni di Cina e Russia. Né ho fatto caso alla posizione del nostro governo.
starburst3
#15 starburst3 2017-06-06 17:13
Il piccolo quatar come il kuwait? Un piccolo cuneo di provocazione come e' stato per l'iraq di saddam? Non e' la prima volta che gli stati "canaglietta" fanno il doppio e triplo gioco, questa volta nei confronti dell'iran che si sta dotando di atomica e che non fa dormire sonni tranquilli a quelli che il buon Grimaldi chiama "talmudisti".

IN RED WE TRUST
horselover
#16 horselover 2017-06-06 20:55
una coalizione di deboli non può impensierire l'iran. trump, al sisi e salman barcollano, libia e yemen non esistono le maldive non contano niente
aledjango
#17 aledjango 2017-06-06 21:43
Scusate.... ma USRAELE mi piace troppo... userò questa parola x sempre....
Giova1488
#18 Giova1488 2017-06-06 22:14
beh ma che "Hezbollah e Hamas sono movimenti legittimi di resistenza" e' vero
pero' non capisco una cosa, quando si tratta di politica estera allora il terrorismo esiste, mentre quando lo fanno in europa e' tutto una false flag con i crisis-actor :roll:
l'ideologia e' la stessa
Giova1488
#19 Giova1488 2017-06-06 22:18
va beh ma oramai s'era capito che trump e' un cazzaro da sbarco, e' un berlusconi all'americana, cioe' un puttaniere alla potenza
NiHiLaNtH
#20 NiHiLaNtH 2017-06-06 23:03
Citazione:
pero' non capisco una cosa, quando si tratta di politica estera allora il terrorismo esiste, mentre quando lo fanno in europa e' tutto una false flag con i crisis-actor
certo perchè da noi è praticamente impossibile trovare del'esplosivo decente
Anteater
#21 Anteater 2017-06-06 23:04
Al Jazeera si adegua al cambio di linea del Qatar
www.lantidiplomatico.it/.../82_20407







Ante◆Ater
mabel
#22 mabel 2017-06-07 07:39
Citazione:
#9 Redazione, Citazione: ..chi cè dietro? semplice, ovvio, i soliti usa-canaglia! Forse è più corretto dire Usraele.
Si, effettivamente è corretto dire Usraele.
...ancora meglio, Usraele-canaglia!
Uhr
#23 Uhr 2017-06-07 08:20
Vediamo se il tempo mi darà ragione :

Embargo al Qatar = Maggiore quantità di barili vendibili dall' Arabia Saudita che serviranno a pagare i 300 miliardi di dollari di armamenti provenienti dagli USA .
Redazione
#24 Redazione 2017-06-07 08:24
E ti pareva! Adesso è stata la Russia ad hackerare i computer del Qatar, per scatenare la crisi!

edition.cnn.com/.../index.html

Era proprio la ciliegina sulla torta che mancava.
Antdbnkrs
#25 Antdbnkrs 2017-06-07 09:21
Ma gli amiriCani non si rendono conto che continuando a dire "ci hanno hackerato" si rendono ridicoli in tutto il mondo? La grande potenza che ha creato quasi tutti i sistemi operativi esistenti... il mondo dovrebbe aver paura di essere hackerato da loro (e infatti immagino che i russi non usino windows ma linux con sorgenti russi). Ah gia' ma del resto la superpotenza è stata attaccata da 19 terroristi arabi che manco hanno preso l'aereo :hammer:
toussaint
#26 toussaint 2017-06-07 09:47
Breaking news:
Attacco terroristico a Teheran, assaltati il parlamento di Teheran e il mausoleo di Khomeini, l'agenzia Irna parla di diverse vittime. Ora forse si capisce il senso della visita di Trump in Arabia Saudita.
Antdbnkrs
#27 Antdbnkrs 2017-06-07 10:09
toussaint,

ma che stai addi'.... è tutto casuale :hammer:
veljanov
#28 veljanov 2017-06-07 10:14
Avrei capito l'attacco a qualche sede di ambasciata dei paesi traditori (visto dai terroristi ovviamente) ma al parlamento? cosa ripeterebbe allo sfinimento un giovane Gad Lerner?
Qui gatta ha giá mandato una cofanata di galli al militare...
mabel
#29 mabel 2017-06-07 10:30
Si, certo, i soliti usa-canaglia! Continuano imperterriti nel disegno di attacco costante a tutti i paesi da controllare geopoliticamente oppure da distruggere perchè ritenuti pericolosi per la propria libertà (solita balla di sempre, il solito jolly da usare a piacimento). Sono tutti paesi sovrani che rientrano nella lista dei paesi canaglia secondo l'opinione dell'impero del male, della menzogna, del potere, del denaro, del capitalismo estremo che sta distruggendo economicamente il mondo! E i paesi che non rientrano nella lista sono invece loro pedine completamente controllati, politicamente, economicamente e militarmente. Ma attenzione a rigar dritto. Perchè se sgarri anche di poco, come ha fatto gentiloni l'altro giorno lamentandosi di fronte i media del ritiro di tramp dagli accordi sul g7, ecco che allora per incanto accade qualcosa di brutto o tragico nel paese. Vedi, ad esempio, il panico delle migliaia di persone nella piazza di Torino. Casualità, ragazzata di qualcuno? No, no, non è un caso, non lo è mai. Sempre per il solito metodo "forze ordine" e anche da "bambini dispettosi" ecco che fanno rappresaglia! E nella storia italiana, guarda caso, è successo sempre in questo modo. Casualità? no, proprio no. E dietro ci sono sempre e solamente i soliti usa-canaglia. Perchè l'italia è, dal dopoguerra ad oggi, una stato colonia completamente gestito dai soliti usa-canaglia!
hendrix
#30 hendrix 2017-06-07 10:30
Questo articolo è di 2 giorni fa, e stamattina...
La CIA prepara dure operazioni segrete contro l’Iran
( RETE VOLTAIRE | 5 GIUGNO 2017 )

La CIA sta preparando operazioni segrete particolarmente dure contro l’Iran. Per questa ragione, il direttore della CIA, Mike Pompeo, ha nominato, come capo della sezione ad hoc, Michael D’Andrea, soprannominato “Principe oscuro” o ”Ayatollah Mike” (foto).

D’Andrea si è convertito all’islam. Ha ideato il programma di tortura per estorcere confessioni e, in particolare, ha creato la prigione segreta di Salt Pit (Afghanistan), dove ha supervisionato gli esperimenti su Abu Zubaydah, Abd al-Rahim al-Nashiri e Khalid Shaikh Mohammed. Questo psicopatico, estremamente intelligente e violento, è stato rappresentato in un film ispirato dalla CIA, Zero Dark Thirty, con il nome in codice “Lupo”. Nel 2008 ha organizzato l’assassinio a Damasco del capo militare dell’Hezbollah, Imad Mugniyah, e fino al 2015 ha diretto il programma dei droni assassini.

www.voltairenet.org/article196605.html
macco83
#31 macco83 2017-06-07 10:55
Quindi uno dei prossimi grandi attentati in occidente sara' montato contro l'Iran? Se l'obiettivo e' quello non stupiamoci..!!!
Aironeblu
#32 Aironeblu 2017-06-07 10:55
A pensarci bene, mettendo insieme un paio di cose... tutto sembra tornare:



- Se risaliamo alle origini del conflitto che da 5 anni sta lacerando la Siria, e' abbastanza evidente che alla radice di tutto vi sia la questione degli oleodotti, con il rifiuto di Assad al progetto a gestione USA della pipeline Qatar-Arabia-Giordania-Turchia, a favore del progetto avversario, a gestione russa, della pipeline Iran-Iraq-Siria. Certamente un motivo sufficiente a spingere il Qatar in prima linea nella destabilizzazione della Siria e del governo Assad, attraverso il finanziamento dei tagliagole ISIS coordinato con le amministrazione Obama, Hollande, Cameron (insomma, con la setta dei globalisti).

- La famiglia Al Thani e' un degli alleati principali della famiglia Clinton, insieme hanno organizzato la distruzione della Libia di Gheddafi e organizzato il colpo di stato in egitto con il presidente Morsi, prontamente sventato da Al Sisi. Il Qatar ha finanziato la campagna elettorale di Hillary Clintone attraverso la sua emittente Al Jazeera ha partecipato alla campagna denigratoria di Trump.

- Come ci ricorda @Slobbysta la famiglia Al Thani e' entrata a pieno titolo a far parte dell'oligarchia finanziaria mondialista, con investimenti a nove zeri in USA, Germania, Francia riuscendo anche ad aggiudicarsi il riconoscimento simbolico dei mondiali di calcio 2022 tramite il figlio di Platini (ancora piu' sporco del padre), e l'acquisto del Paris Saint germain... In poche parole, la famiglia Al Thani fa parte dello stesso gruppo di potere dei Clinton, dei Bush, Obama, Soros e Rockfeller, Merkel, Macron e tutti gli utili idioti al seguito come Renzi e Gentiloni, facendo del Qatar una delle piu' importanti fonti di finanziamento del progetto mondialista.

- Dopo il breve bluff giocato da Trump con il finto bombardamento in Siria, il presidente USA ha avuto modo di prendere tempo e raccogliere le forze (e le prove) per tornare alla caricacon il suo programma elettorale, che prevede lo smantellamento dell'apparato di potere clintoniano, di cui il Qatar e' uno dei tasselli piu' importanti. Per averne la prova matematica basti guardare le immagini e i titoli con cui il mainstream rappresenta il presidente USA: trucchetti di basso livello a cui la gente di basso livello non sa rinunciare.


- Ricapitolando, e unendo i tasselli, al vertice di Riyadh del 21 maggio Trump ha consolidato l'alleanza con i sauditi (che come sempre restano fedelissimi agli USA, a prescindere dall'amministrazione), convincendoli a schierarsi insieme all'Egitto nel gruppo di nazioni impeovvisamente ostili al Qatar. Conseguenze: un colpo molto duro per l'elite globalista, in particolare per la famiglia Clinton, che perde uno dei suoi migliori e fedeli finanziatori, vede sfumare il progetto della pipeline Qatar-Turchia, e perde la centrale di sostegno ai tagliagole ISIS per la destabilizzazione dell'area.
Un mossa non male per quello che viene descritto come un grezzo e incapace politico allo sbaraglio...

--- 000 --- 000 ---

Come contropartita purtroppo c'e' anche la crescita delle ostilita' verso l'Iran (Israele vuole la sua parte) e i conseguenti ostacoli alla pipeline Iran-Siria, sempre che anche questa volta non si tratti di un bluff per tenere buona la cabala mondialista che vede sgretolarsi i suoi progetti di dominio come sabbia al sole.

E come dulcis in fundo invece ci sara' con l'eliminazione dalla scena dei Clinton, anche la sparizione dei loro miseri tirapiedi come Renzi e Gentiloni.

Dopo il ridicolo tentativo di addossare a Putin la colpa dellla rottura tra Qatar e USA :-D ,
aggiungo come ulteriore tassello combaciante una notizia appena apparsa su ANSA:

TUTTI VOGLIONI CANDIDARSI CONTRO TRUMP
(ANSA) - WASHINGTON, 6 GIU - Il 2020, la scadenza naturale del primo mandato Trump, non è certo alle porte, eppure di già tutti vogliono candidarsi per sfidarlo. Almeno così sembra secondo il Washington Post e altri media Usa che sottolineano come giorno dopo giorno, indiscrezione dopo indiscrezione, si allunga la lista ipotetica, specialmente se si considera il fronte democratico dove - esaurita l'opzione Clinton - da tempo la situazione non appariva così fluida.


ansa.it/.../...

"Esaurita l'opzione Clinton"?!? Da quando? Da queste poche righe che ANSA riprende dal Washington Post emergono nel piu' chiaro dei modi moltissime indicazioni:
- lo Stato Profondo globalista e' sempre in guerra aperta contro Trump ma e' ormai rassegnato a non riuscire a farlo dimettere illegalmente, rimandando al 2020 i propri desideri di rivincita.
- La Clinton e' ufficialmente fuori dai giochi di potere, e' stata sacrificata e abbandonata (in molti siti si parla addirittura del suo imminente arresto) proprio in coincidenza con l'isolamento del suo compare Al Thani.
- Tra i nomi dei futuri candidati democratici vengono proposti Mark Zuckerberg e Oprah Winfrey, segno che i metodi di manipolazione dell'idiota comune restano sempre gli stessi.
Adonis
#33 Adonis 2017-06-07 11:08
Aggiungiamo anche questo...

Spari e kamikaze, Teheran sotto attacco

adnkronos.com/.../...
Antdbnkrs
#34 Antdbnkrs 2017-06-07 11:31
Aironeblu,

non 5 anni fa.. ma dal 2000 e non dal 2011 come dice ilsole24ore

ilsole24ore.com/.../...

perche' basta leggere l'originale
politico.eu/.../...

In their view, our war against Bashar Assad did not begin with the peaceful civil protests of the Arab Spring in 2011. Instead it began in 2000, when Qatar proposed to construct a $10 billion, 1,500 kilometer pipeline through Saudi Arabia, Jordan, Syria and Turkey. Qatar shares with Iran the South Pars/North Dome gas field, the world’s richest natural gas repository. The international trade embargo until recently prohibited Iran from selling gas abroad. Meanwhile, Qatar’s gas can reach European markets only if it is liquefied and shipped by sea, a route that restricts volume and dramatically raises costs.

Ma guarda un po' il caso.... 2000.... nel 2001 con la tragica farsa delle torri gemelli gli ameriCani si sono posizionati proprio vicino alla Siria.... e se non fosse stato per putin nel 2013, assad sarebbe gia' terra per i ceci... e probabilmente il progetto del 2000 sarebbe stato realizzato.
Ma Putin, che non è certamente un buon samaritano, MA difende semplicemente gli interessi russi (leggi gasdotto russia-iran-siria) non poteva e non puo' far cadere Assad. E cosa fanno allora gli ameriCani? Semplice.... rovesciano il governo in ucraina per mettere in difficolta' putin con il gasdotto russia-europa, creano i ribelli "moderati" di al-nusra che non riescono a detronizzare assad... e quindi ricorrono alle armi chimiche nel 2013... ma gli va male pure li perche' viene dimostrato che non è colpa di assad. Allora, non contenti, creano l'ISIS, che sta quasi per avere la meglio in siria (eh gia' perche' gli ameriCani invece di bombardarli li finanziavano) ma purtroppo per loro putin li combatte veramente (con le bombe e non con le parole) e nel giro di 6 mesi li annienta....cosa rimane ai simpatici ameriCani? Ovvio , dare la colpa ad Assad per le armi chimiche e con questa scusa bombardano uno degli aeroporti governativi che serviva proprio per combattere l'ISIS (ma guarda un po).
starburst3
#35 starburst3 2017-06-07 11:33
Aironeblu
Citazione:
TUTTI VOGLIONI CANDIDARSI CONTRO TRUMP :
:-D
Lapsus freudiano?

IN RED WE TRUST
toussaint
#36 toussaint 2017-06-07 11:43
@ Aironeblu:
ma veramente credi che esista uno yankee buono e uno cattivo?
Trump vs. Clinton sono solo riposizionamenti all'interno della Cabala mondiale, si tratta di spartirsi profitti ingenti e dunque si scatenano le guerre tra bande.
La stessa cosa che è successa nella Mafia italiana tra i Corleonesi e i Bontade/Buscetta.
Ma alla fine sempre mafiosi sono e dunque sempre si raggiunge la pax mafiosa.
In questo caso, la Pax Massonica...
toussaint
#37 toussaint 2017-06-07 12:01
Ma poi guardiamo i fatti e non ciò che vorremo che sia.
Il gabinetto Trump è stracolmo di ebrei sionisti, Trump ha additato l'Iran come il nemico dunque Trump è oggettivamente a fianco dell'ISIS, visto che l'Iran è l'unica entità statuale, oltre alla Russia, che sta aiutando Assad a debellare l'ISIS.
Piuttosto, è probabile che l'ala dem USA sia stata spazzata via dal potere USA proprio perché troppo tentennante con l'Iran, visto l'accordo che alla fine Obama concluse con l'Iran stesso.
Israele non perdona e se c'è uno che comanda, nel rapporto Israele-USA, è Israele, non certo gli USA.
toussaint
#38 toussaint 2017-06-07 12:14
Gli iraniani, invece, sanno bene quale sia la verità.
Al termine dell'attacco, una volta ripristinate le condizioni di sicurezza, i parlamentari si sono riuniti in aula, al di là delle divisioni politiche, intonando cori contro gli USA e i loro servi:
"Morte agli USA! Morte al suo servo, l'Arabia Saudita!"
toussaint
#39 toussaint 2017-06-07 12:20
I commando erano almeno tre, uno è stato neutralizzato prima che potesse agire, uno ha attaccato il Parlamento uccidendo una guardia e prendendo in ostaggio alcuni parlamentari, un terrorista è ancora asserragliato dicendo di avere una cintura esplosiva, un kamikaze si è fatto esplodere tra i pellegrini nel mausoleo di Khomeini, un altro sembra si sia fatto saltare sulla tomba di Khomeini, entrambi sembra siano donne.
L'attacco è stato rivendicato subito dall'ala libica dell'ISIS, rivendicazione diffusa con sospetto tempismo da Al Arabiya.
toussaint
#40 toussaint 2017-06-07 12:27
Ah, ovviamente insieme a Al Arabiya, il comunicato è stato diffuso anche da Site (e che te lo dico a fa').
Il problema ora è uno:
si tratta chiaramente di una provocazione, si vuole spingere l'Iran a reagire in modo da poterlo poi attaccare, esattamente la replica della Prima Guerra del Golfo.
In quell'occasione, gli USA convinsero Saddam che avrebbero tollerato l'invasione del Kuwait (su cui l'Iraq da sempre rivendica diritti storici, visto che lo sceiccato è una costruzione artificiosa dell'Occidente) e poi ne approfittarono per additarlo come "bestia da abbattere".
Ora ci provano con l'Iran, spingendolo ad attaccare l'Arabia Saudita, in modo di poter poi intervenire "per ripristinare l'ordine mondiale".
A Teheran devono stare molto calmi e ragionare, in questo spero Putin possa agire positivamente, altrimenti sono cazzi.
Antdbnkrs
#41 Antdbnkrs 2017-06-07 12:45
A Teheran devono stare molto calmi e ragionare, in questo spero Putin possa agire positivamente, altrimenti sono cazzi.


Ahi Ahi questa potrebbe essere la false flag di Horacio Villegas...

L' Iran (alleato di putin) attacca l'arabia saudita che viene difesa dagli AmeriCani...
Anteater
#42 Anteater 2017-06-07 12:47
Secondo me la chiave di lettura è piuttosto semplice se si mantiene il discorso sulle persone, aeree economiche e storiche...

Chiamarla USisraele è piuttosto scevro di personalità...e non è che aggiungendo un Anglo, cambino le cose...
Dopo l'epurazione e il "loro" integramento...quegli "inglesi" sionisti..controllando già dal 1500 l'impero Inglese...hanno poi fatto la stessa cosa con l'America...con deportazioni da fabbrica, nei confronti dei Nativi americani...creando una base alternativa...alla "City", la Federal(PRIVATA)Reserve...e Qatar Fondation...
La Persia ha sempre avuto ottimi rapporti con gli ebrei sefarditi...pure gli arabi iberici collaboravano...con l'avvento del SIONISMO qualcosa di storico si è strappato!...chi erano le vittime? E chi invece ci speculava sopra?
Il Qatar in realtà NON È! "Liberato" dal 1971 dagli inglesi..rimane l'ingenuità ritrovata in Lawrence d'Arabia...un bambinone che fa acquasplash nel deserto...e il parco FERRARI...brum brum...(Emirati..)

Entrare nel parlamento iraniano è metafora assai grave, questo disgraziato Paese confina con Pakistan Afghanistan Turchia eccetera..un colabrodo! Si possono introdurre malattie, armi per i "partigiani" iraniani, eccetera..
L'Iran comunque ha già perso la guerra...prima degli Scià era Russa (chiave di lettura)...culla delle religioni..altro che Gesùralemme...

Slobbysta
Aironeblu
#43 Aironeblu 2017-06-07 14:16
@Antdbnkrs
Citazione:
non 5 anni fa.. ma dal 2000 e non dal 2011 come dice ilsole24ore
Si' i motivi del conflitto risalgono alle origini del progetto pipeline Qatar-Turchia, ma quando io scrivo "il conflitto che da 5 anni sta lacerando la Siria", mi riferisco alla destabilizzazione materiale operata dal 2011 dai gruppi terroristici ISIS, non all'origine dei piani anti-siriani, tant'e' che come ribadisce il Sole24, l messaggio mafioso mandato dall'ambasciatore americano ad assad con l'abbraccio ai "ribelli" avviene a giugno 2011.
Comunque, grazie del link, qualche volta anche sul Sole 24 compaiono articoli seri e intelligenti!
Aironeblu
#44 Aironeblu 2017-06-07 14:37
@Toussaint
Citazione:
ma veramente credi che esista uno yankee buono e uno cattivo?
No. Perche' mai dovrei crederlo?

Citazione:
Trump vs. Clinton sono solo riposizionamenti all'interno della Cabala mondiale, si tratta di spartirsi profitti ingenti e dunque si scatenano le guerre tra bande. La stessa cosa che è successa nella Mafia italiana tra i Corleonesi e i Bontade/Buscetta. Ma alla fine sempre mafiosi sono e dunque sempre si raggiunge la pax mafiosa. In questo caso, la Pax Massonica...
Si' e no. Certamente siamo sempre all'interno dei giochi di potere massonici, ma come ti scrivevo in una precedente occasione, con la candidatura e l'elezione di Trump si e' verificato un enorme cambio di registro nelle regole dei giochi.
Fino al 2016 si trattava, come scrivi, di guerre (e soprattutto accordi) tra bande per spartirsi la torta, ma la regola del gioco, il progetto di fondo, era sempre la progressiva instaurazione di un GOVERNO UNICO MONDIALE diretto dall'oligarchia finanziaria mondialista e apolide.
Con l'elezione di Trump (e dei gruppi di potere che lo sostengono, quelli che magaldi definisce massoneria progressista), la regola cambia e si abbandonano i progetti globalisti per ritornare agli Stati Nazione:
"America Great Again" contro "New World Order".
Chiaramente Trump e i suoi sostenitori (tra cui Netanyahu) si faranno i fattacci loro e delle loro nazioni calpestando altre nazioni che gli saranno da ostacolo, come avveniva fino agli anni '80, ma questo significhera' anche la morte del disegno mondialista, con tutti i suoi corollari, dalla Unione Europea della Banche, alla Nato, alle multinazionali del farmaco e dell'alimentare, alla distruzione delle Nazioni europee con crisi economiche e migratorie, all'omologazione e appiattimento verso il basso dell'intera umanita' in vista del nuovo regime feudale.
Oggi, ripeto, la guerra dietro le quinte e' quella "GLOBALISTI contro NAZIONALISTI", e sincermanete preferisco milioni di volte i secondi ai primi, senza etichettare nessuno come buono o cattivo.
Alla faccia della Clinton, della Merkel e Micron. :pint:
toussaint
#45 toussaint 2017-06-07 14:42
@ Aironeblu:
cioè, vuoi dirmi che con Trump la Monsanto non avrà più il monopolio mondiale dei semi ibridati e quindi riprenderemo a mangiare i nostri magnifici pomodori San Marzano (ricordo quando facevo la conserva con mia madre che la buccia morbida faceva scoppiare mediamente una bottiglia ogni dieci)?
Permettimi di essere MOLTISSIMO scettico...
Aironeblu
#46 Aironeblu 2017-06-07 14:55
Ancora @Toussaint
Citazione:
Ma poi guardiamo i fatti e non ciò che vorremo che sia. Il gabinetto Trump è stracolmo di ebrei sionisti,
(Come qualunque organo o luogo di potere)
Citazione:
Trump ha additato l'Iran come il nemico dunque Trump è oggettivamente a fianco dell'ISIS, visto che l'Iran è l'unica entità statuale, oltre alla Russia, che sta aiutando Assad a debellare l'ISIS.
Ragionamento molto forzato: Trump ha alimentato le ostilita' verso l'Iran su richiesta israeliana, perche' Israele non vuole vicini potenzialmente pericolosi
Citazione:
Piuttosto, è probabile che l'ala dem USA sia stata spazzata via dal potere USA proprio perché troppo tentennante con l'Iran, visto l'accordo che alla fine Obama concluse con l'Iran stesso. Israele non perdona e se c'è uno che comanda, nel rapporto Israele-USA, è Israele, non certo gli USA.
Appunto: l'ostilita' del nobel-banana contro Netanyahu (ricordiamo anche l'ultima astensione al consiglio ONU sulla questione di Gerusalemme) conferma una volta di piu' l'alleanza di Netanyahu con Trump e contro il clan mondialista impersonificato dai Clinton-Bush-Obama.
Non cadiamo dunque in contraddizione parlando genericamente di "ebrei sionisti", poiche' alcuni di essi, come Netanyahu e pare Kissinger, appoggiano Trump e sono apertamente schierati contro altri "ebrei sionisti" del calibro di Soros, dei Rothschild e dei Rockfeller. Anche in questo caso vale la distinzione tra mondialisti e nazionalisti, tra chi vuole dominare il mondo intero e chi vuole dominare il territorio israeliano.
Aironeblu
#47 Aironeblu 2017-06-07 15:05
@Toussaint
Citazione:
cioè, vuoi dirmi che con Trump la Monsanto non avrà più il monopolio mondiale dei semi ibridati
Lo spero, la direzione in cui si muove l'amministrazione Trump e' quella. L'abolizione del TTIP, l'inchiesta sui vaccini e le misure di protezionismo economico, il non riconoscimento del trattato-truffa sulla CO2 di Parigi, non venivano certo da Hillary Clinton, e non sono certo favorevoli agli interessi dell'oligarchia finanziaria.
Diciamo che l'amministrazione Trump cerchera' come ogni amministrazione di fare i propri interessi, ma che questi interessi sono fortunatamente molto meno deleteri di quelli delle precedenti amministrazioni: con ogni probabilita' tra qualche anno spariranno anche le scie chimiche dai cieli.
toussaint
#48 toussaint 2017-06-07 15:10
@ Aironeblu:
mettiamola così, se anche fosse vero quello che dici tu, io non baratto i vantaggi che hai illustrato tu in Occidente con l'annessione di Cisgiordania e Gaza da parte di Israele.
Mi sentirei un verme e complice di un genocidio.
No grazie, ridatemi i miei nemici...

P.S.: ti ringrazio comunque per la chiarezza con cui esponi il tuo pensiero e che aiuta anche a precisare le posizioni sul campo e cosa le differenzia. Mi hai anche aiutato a ricordare uno slogan di qualche anno fa e che mi sembra sempre valido: "né con lo Stato, né con le BR". Il che mi da' anche un pretesto per dire una cosa che apparentemente non c'entra nulla ma c'entra.
Se passa la legge elettorale col sostegno del M5S con dentro il mantenimento delle liste bloccate (ossia dei nominati), il M5S con me ha chiuso.
Senza se e senza ma, perché c'è un limite anche ai tatticismi politici e alle scelte di opportunità quando vanno a confliggere con i tuoi paradigmi personali inconciliabili.
Aironeblu
#49 Aironeblu 2017-06-07 15:28
@Toussaint
Citazione:
mettiamola così, se anche fosse vero quello che dici tu, io non baratto i vantaggi che hai illustrato tu in Occidente con l'annessione di Cisgiordania e Gaza da parte di Israele. Mi sentirei un verme e complice di un genocidio. No grazie, ridatemi i miei nemici...
Su questo sarei anche d'accordo con te, ma temo che l'alternativa sia tra la colonizzazione mediorentale da parte di Israele, e la colonizzazione Mediorentale da parte di Israele + la colonizzazione del resto del pianeta da parte dei mondialisti.
Speriamo si scannino tra di loro e si tolgano di mezzo...
Uhr
#50 Uhr 2017-06-07 15:42
@Aironeblu

Citazione:
"America Great Again" contro "New World Order". Chiaramente Trump e i suoi sostenitori (tra cui Netanyahu) si faranno i fattacci loro e delle loro nazioni calpestando altre nazioni che gli saranno da ostacolo, come avveniva fino agli anni '80, ma questo significhera' anche la morte del disegno mondialista, con tutti i suoi corollari, dalla Unione Europea della Banche, alla Nato, alle multinazionali del farmaco e dell'alimentare, alla distruzione delle Nazioni europee con crisi economiche e migratorie, all'omologazione e appiattimento verso il basso dell'intera umanita' in vista del nuovo regime feudale. Oggi, ripeto, la guerra dietro le quinte e' quella "GLOBALISTI contro NAZIONALISTI", e sincermanete preferisco milioni di volte i secondi ai primi, senza etichettare nessuno come buono o cattivo.
Assolutamente d'accordo e ci aggiungo che anche lo sganciamento degli USA Trumpiani dalle politiche anti inquinamento di stampo globalista ed anti industrialista sul lungo periodo fanno parte, che piaccia o no, del "pacchetto" .
Condor96
#51 Condor96 2017-06-07 16:25
L'Iran per l'elite israeliana è una spina nel fianco, meglio estirparla immediatamente, secondo loro.

albainternazionale.blogspot.it/.../...
ZORRO
#52 ZORRO 2017-06-07 17:43
Il 5 giugno è uscito questo articolo: "La CIA prepara dure operazioni segrete contro l’Iran"
www.voltairenet.org/article196605.html
Oggi 7 giugno l'attacco al parlamento dell'Iran...
Anteater
#53 Anteater 2017-06-07 20:10
Sui media arabi continua la guerra tra filo-sauditi e filo-iraniani. Chi mette Isis e Iran sullo stesso piano e chi invece imputa la crisi attuale all’Arabia Saudita e alla diffusione del wahabismo. Tre articoli da tre diversi giornali arabi mostrano quanto è accesso lo scontro che sta dividendo (e distruggendo) il Medio Oriente. ..
oasiscenter.eu/.../...

books.google.ch/.../'Iran&source=bl&ots=KWZ4YkneUp&sig=EIQL66ViX5OJ4wOLdmwtXtr6XnQ&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwij2LPypqzUAhUCb1AKHe2EC5g4ChDoAQgwMAg#v=onepage&q=A%20chi%20appartiene%20l'Iran&f=false
books.google.ch/.../'Iran&source=bl&ots=EMZF9JaWDp&sig=TADPBntp2iUC4MJtwkPed257hXU&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwi8-IexpqzUAhUBElAKHXQ2CRY4ChDoAQgxMAE#v=onepage&q=A%20chi%20appartiene%20l'Iran&f=false

È buffo la difficoltà di trovar informazioni su Google se si è intelligenti e si formulano le parole "giuste"...il primo nemico è Internet..altro che Polendina/Trump&Co.
Le "rivendicazioni" in internet dell'Isis...se non stanate, rappresentano un bluff..

Non esistono più le Nazioni!

Slobbysta
SEBIN
#54 SEBIN 2017-06-08 11:47
Le guerre se esistono al mondo è colpa di due fattori che sono impliciti nella questione stessa: GLI USA e i finanziatori che sostengono il Qatar e quest'ultimo finanzia i fantomatici "terroristi islamici". Chiunque dica: evviva l'America mi auguro che lo prendano a schiaffi proprio perchè con qualunque presidente usa abbiamo avuto a che fare, i fatti non sono cambiati di una virgola.
Michele Pirola
#55 Michele Pirola 2017-06-08 20:20
Ragazzi, non c'entra molto con l'argomento del post, ma c'entra con l'Arabia Saudita: ad Adelaide, in Australia, durante la partita Australia-Arabia Saudita i giocatori sauditi si sono rifiutati di rispettare il minuto di silenzio, o forse uno l'ha rispettato, per gli attacchi a Londra continuandosi ad allenare. Ovviamente sono stati fischiati. La loro giustificazione è stata che non fa parte della loro cultura.
Fonte: www.google.it/.../

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO