Forum

Commenti Recenti

rss

Secondo una nuova ricerca, uno degli insetticidi più diffusi ha come effetto collaterale di uccidere una percentuale significativa dello sperma delle api, offrendo così una possibile spiegazione per la drastica diminuzione nella popolazione mondiale di api.

Un gruppo di scienziati svizzeri ha indagato su come una categoria di insetticidi neuro-attivi, chiamati neonicotinoidi, possa danneggiare le api. I risultati del loro lavoro sono stati pubblicati sul Royal Society B’s journal Proceedings.

[...] L'esperimento ha mostrato che i maschi delle api che consumavano polline trattato con neonicotinoidi producevano il 39% in meno di sperma di quelli che non erano stati esposti alle stesse sostanze.

Secondo la ricerca, "il diffuso utilizzo profilattico dei neonicotinoidi potrebbe avere sottovalutato effetti contraccettivi sugli insetti, limitandone la capacità di conservazione". I ricercatori dell'università di Berna hanno commentato che "le funzioni riproduttive non sono state pienamente interrotte, ma è diventato chiaramente più difficile per le api regina concepire, accoppiandosi con maschi che hanno perso parte della loro forza virile".

[...] Al di là degli effetti negativi sullo sperma, anche la durata vitale delle api che sono state in contatto con l'insetticida si è ridotta da 22 a 15 giorni. Questo problema è stato attribuito al malfunzionamento del sistema immunitario.

La ricerca prosegue dicendo: "Studi recenti hanno rivelato che i composti agrochimici sono in grado di invalidare la funzione immunitaria. È quindi possibile che i maschi esposti al neonicotinoidi abbiano visto ridurre le proprie capacità di detossificazione, riducendo così la durata della loro vita".

Le colonie di insetti da pollinazione si stanno depopolando in Europa e Nord America, in un processo chiamato "sindrome dello spopolamento degli alveari", nel quale la maggioranza delle api operaie abbandonano la regina e le altre api immature, nonostante ci sia per loro una grande abbondanza di cibo di cui nutrirsi.

Questo disordine ha portato a significative perdite economiche, dal momento in cui le api ed altri insetti sono responsabili per la pollinazione di tre quarti delle coltivazioni mondiali. Nel 2013 i contadini che devono affittare le api per la pollinazione hanno dovuto affrontare un aumento di costi del 20% circa, dovuto alla scarsità di api.

Fonte RT

Traduzione di Massimo Mazzucco per luogocomune.net

Aggiungi Commento   

Mrexani
#1 Mrexani 2016-07-29 22:49
E va beh, che sarà mai... tanto c'è l'inseminazione artificiale pure per le api...
Blade1960
#2 Blade1960 2016-07-29 23:20
...dal momento in cui le api ed altri insetti sono responsabili per la pollinazione di tre quarti delle coltivazioni mondiali.


Senza api,il pianeta si spegne.
Mrexani
#3 Mrexani 2016-07-29 23:25


Bisogna appendere degli avvisi del genere nei campi in cui si usano i neonicotinoidi, rigorosamente in lingua apese, in modo che le api siano consapevoli del rischio che corrono.
Cheto
#4 Cheto 2016-07-30 05:42
Colony Collapse Disorder su it.wikipedia.org/.../... è tradotto con Sindrome dello spopolamento degli alveari e non con "disordine da distruzione delle colonie". Attenzione ai cosiddetti "falsi amici".
it.wikipedia.org/.../... In italiano e in altre lingue romanze i falsi amici più ingannevoli sono quelle parole della lingua inglese di derivazione latina che hanno evoluto il proprio significato in maniera indipendente.
redazione
#5 redazione 2016-07-30 08:50
CHETO: Ho corretto, grazie. In effetti, mi suonava male da morire...
Marzo
#6 Marzo 2016-07-30 11:41
Articolo molto interessante. Ancora una volta c'è bisogno di dire che l'uomo in quanto essere umano non capisce niente e non teme la natura. Ma neanche la Natura teme l'uomo, e prima capiremo questo, meglio è per tutti.
Anteater
#7 Anteater 2016-07-30 12:06
Questo è l'indirizzo e parte del lavoro di coloro che hanno fatto questo studio...
(È in tedesco ma credo ci sia la versione English)

www.unibe.ch/.../index_ger.html

Guardate la data...
_____________________________

Non solo le api stanno sparendo...e non solo i pesticidi contribuiscono a questo strazio...pure le antenne, i metalli pesanti...
treccani.it/.../Salvate_le_api_dall_alluminio.html

L'inquinamento più grave è appartato nei micronutrienti...è già una catastrofe...
Non è tanto la lavatrice, il copertone (visibili)...ma le micropolveri che usciranno da essi...le minzioni(pisciate) piene di ormoni, antibiotici e porcherie dal nome impronunciabile...

Slobbysta Ante-Ater
redazione
#8 redazione 2016-07-30 12:13
Siamo grandiosi. Stiamo distruggendo le api, però abbiamo tutti lo smartphone.
kamiokande
#9 kamiokande 2016-07-30 12:35
Giá, chi se ne frega delle api! Basta poter andare a caccia di Pokemon...che tristezza.
renatop
#10 renatop 2016-07-30 13:09
sono sempre più convinto che noi umani non siamo di questo pianeta, tutti gli esseri viventi (a parte noi) vivono in armonia con la natura....noi la distruggiamo......e distruggiamo noi stessi
Manrix
#11 Manrix 2016-07-30 14:52
@renatop, siamo come cavallette che consumano pianeti.
f_z
#12 f_z 2016-07-30 16:14
Citazione renatop:
sono sempre più convinto che noi umani non siamo di questo pianeta


Anch'io e' un pezzo che sono arrivato a questa conclusione...

L'unica via d'uscita passa attraverso la distruzione del capitalismo e lo sterminio dell'elite criminale che lo ha imposto, seguita da una "decrescita felice" con ritorno alla natura.
Mrexani
#13 Mrexani 2016-07-30 16:33
L'EFSA aveva sospeso i neonicotinoidi per due anni, dal 2013. Attualmente la sospensione non è stata ancora revocata in attesa che l'ente si pronunci nuovamente.
www.suoloesalute.it/.../
kirghiso
#14 kirghiso 2016-07-30 16:34
Citazione f_z:
Citazione renatop:
sono sempre più convinto che noi umani non siamo di questo pianeta


Anch'io e' un pezzo che sono arrivato a questa conclusione...

L'unica via d'uscita passa attraverso la distruzione del capitalismo e lo sterminio dell'elite criminale che lo ha imposto, seguita da una "decrescita felice" con ritorno alla natura.


Ci sarebbe comunque un ostacolo non indiffirente a tutto ciò... che l'uomo prima che cattivo è stupido.

Citazione Redazione:
Siamo grandiosi. Stiamo distruggendo le api, però abbiamo tutti lo smartphone.
Starburst
#15 Starburst 2016-07-30 16:55
Citazione:
Questo disordine ha portato a significative perdite economiche, dal momento in cui le api ed altri insetti sono responsabili per la pollinazione di tre quarti delle coltivazioni mondiali. Nel 2013 i contadini che devono affittare le api per la pollinazione hanno dovuto affrontare un aumento di costi del 20% circa, dovuto alla scarsità di api.
Non per fare il complottista,ma dove c'e' business ci vedo sempre qualcosa che non va,in questo caso meno api piu' costi,addirittura si sono inventati le api globetrotter!!! :-o
Parafrasando un vecchio film di spaghetti western....vado l'impollino e torno :-D

NO FAITHS NO PAIN / DANKO JUSTICE MINISTER
Escape2013
#16 Escape2013 2016-07-30 17:36
Api in diminuzione ma miele presente a vagoni in supermercati, mercati rionali, sagre e chioschetti (anche se non pare granché venduto) e pure a prezzi piuttosto bassi.

Quindi, com'è la storia?
Robin 1610
#17 Robin 1610 2016-07-30 17:56
Citazione Escape2013:
Api in diminuzione ma miele presente a vagoni in supermercati, mercati rionali, sagre e chioschetti (anche se non pare granché venduto) e pure a prezzi piuttosto bassi.

Quindi, com'è la storia?


estratto:

Il miele talvolta è sofisticato con l'aggiunta di glucosio, saccarosio, zucchero invertito, destrina, farina, acqua.


www.treccani.it/.../miele_(Enciclopedia-Italiana)/
Mrexani
#18 Mrexani 2016-07-30 18:00
Citazione:
Quindi, com'è la storia?
O hanno diluito il miele con sciroppo di glucosio oppure l'hanno diluito con miele estero diluito con sciroppo - oppure le api non hanno visto fiori ma solo sciroppo.
umax
#19 umax 2016-07-30 18:15
Oltre a questo non dimenticate le api adulte trovate morte in numero impressionante, fa tutto parte di un disegno per diminuire la popolazione mondiale distruggendo le api ? Se no non si spiega perchè non si vietano certi prodotti
Pyter
#20 Pyter 2016-07-30 18:16
Citazione Blade1960:
...dal momento in cui le api ed altri insetti sono responsabili per la pollinazione di tre quarti delle coltivazioni mondiali.


Senza api,il pianeta si spegne.



O forse cambia solo canale.



Colony Collapse Disorder.
Che terribile analogia o parallelo con il fenomeno dei migranti.
Sperma api assente - impotenza da fumo
Fenomeno new gwnder - arrivo negri nerboruti.
Svuotamento alveari - ?
blackbart
#21 blackbart 2016-07-30 18:45
Citazione umax:
Oltre a questo non dimenticate le api adulte trovate morte in numero impressionante, fa tutto parte di un disegno per diminuire la popolazione mondiale distruggendo le api ?


La cosa sarebbe piuttosto folle visto che verrebbe eliminata gran parte della flora dalla maggiorparte del pianeta.

Citazione:
Se no non si spiega perchè non si vietano certi prodotti
Interessi di tutti (lobby, produttori, consumatori, mercato, ecc...) e il fatto che sui risultati di questa ricerca non tutti sono d'accordo.
Probabile che in effetti ci siano diverse cause.
Farvatus
#22 Farvatus 2016-07-30 18:48
Umax
Citazione:
Oltre a questo non dimenticate le api adulte trovate morte in numero impressionante, fa tutto parte di un disegno per diminuire la popolazione mondiale distruggendo le api ? Se no non si spiega perchè non si vietano certi prodotti
La mentalità complottista, non è mimamante in grado di pensare il capitalismo. Non c'è niente da fare, siete ossessionati dal fatto che ci sia una razionalità dietro ogni cosa. Ma l'essenza del capitalismo è la sua completa totale irrazionalità. Sembrate i passaggeri di un aereo che accortisi che l'aereo è fuori rotta e si comporta stranamente, vi interrogate su quale intenzioni e astrusi piani di volo stia seguendo il pilota, ognuno inventa teorie sempre più fantasiose, per trovare un senso al fatto che l'aereo non fa altro che cercare di salire di quota, a volte stalla, cade un pò si riprende e ricomicia. Non vi viene in mente minimamante che il pilota non c'è mai stato ed è un semplice computer che esegue semplicemente un programma, un algoritmo. L'aereo cadrà quando finirà il carburante. Non a caso per il capaitalismo avanzanto, si usa la metafora dell'aereo senza pilota.
La borsa di Wall Street e la City di Londra sono connesse da linee a fibra ottica velocissime. Il loro scopo è effettuare scambi azionari, rapidissimi in modo che nessuno possa controllare cosa fanno, l'intelligenza artficiale legge i giornali ed in base ad interpretazioni spesso sbagliate di parole, compra e vende azioni. E voi pensate che un sistema del genere che continua a crescere in complessità e si riempie di bug, possa essere controllato da qualcuno? Che ottimismo! Stanno automatizzando tutto, non lo capite? Ecco cosa ammazza le api.
Ma non vi accorgete che il mercato azionario per questi pazzi sembra un dio, e i suoi operatori si pensano sempre più come sacerdoti?
La borsa sale, la borsa scende, tutti i giorni tg non fanno altro che parlare di un sistema che di fatto non capisce quasi nessuno, e che compra vende cose che nemmeno esistono. Fanno scambi su produzioni previste tra più di 10 anni e questo è un sistema che fa previsioni di non oltre tre mesi. Ma capite in che follia siamo tutti?
Pyter
#23 Pyter 2016-07-30 19:01
Citazione:
La borsa di wall street e la city di londra sono connesse da linee a fibra ottica velocissime. Il loro scopo è effettuare scambi azionari, rapidissimi in modo che nessuno possa controllare cosa fanno. Ecco cosa ammazza le api.
Scambi velocissimi si traduce in eiaculazione precoce.
Non è mancanza di sperma ma spreco. L'ennesimo spreco.
Mai me lo sarei aspettato dalle api.
Starburst
#24 Starburst 2016-07-30 19:07
Citazione:
Non è mancanza di sperma ma spreco. L'ennesimo spreco.
Mai me lo sarei aspettato dalle api.
Quando fanno cosi' le ammazzerei! :-D

NO FAITHS NO PAIN / DANKO JUSTICE MINISTER
medicialbe
#25 medicialbe 2016-07-30 21:02
Stabilito anche da un tribunale (ingannati.it/.../...)

Ricopio:
Una corte d’appello USA ha stabilito che l’EPA (l’ente di protezione ambientale) ha sbagliato nel concedere alla DOW Agrosciences la produzione e commercializzazione di un insetticida. Secondo la sentenza, tale insetticida, appartenente alla classe dei neonicotinoidi, contiene il sulfoxafor, che si è dimostrato essere altamente tossico per le api mellifere.

Il problema è molto grave in quanto, come affermato dallo stesso Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, le perdite di alveari hanno raggiunto la strabiliante quota del 42,1 per cento da aprile 2014 ad aprile 2015.

Cosa fa la Dow Agrosciences? Dal loro sito:

We are committed to increasing crop productivity through higher yields, better varieties, and more targeted pest management control.


che si legge:

Abbiamo l’impegno di aumentare la produttività dei campi attraverso una maggiore produzione dei raccolti, una migliore varietà ed un controllo più accurato dei pesticidi.

La risposta ufficiale sul loro sito:

Dow AgroSciences respectfully disagrees with the Ninth Circuit’s conclusion that EPA’s registration of products containing sulfoxaflor should be vacated. Dow AgroSciences will work with EPA to implement the order and to promptly complete additional regulatory work to support the registration of the products. Dow AgroSciences is also considering its available options to challenge the Court’s decision.

che si legge:

Dow… dissente con rispetto dalle conclusioni della Corte… lavorerà con l’EPA per ottemperare alla decisione … e fornirà materiale ulteriore per la registrazione del prodotto.

Anche ammesso che il problema della fame nel mondo fosse legato alla sottoproduzione dei raccolti (cosa che non è, stante la distruzione di milioni di tonnellate di cibo ogni anno), se avessero letto “La rivoluzione del filo di paglia” forse avrebbero fatto danni minori.
davlak
#26 davlak 2016-07-30 21:23
Citazione Blade1960:
...dal momento in cui le api ed altri insetti sono responsabili per la pollinazione di tre quarti delle coltivazioni mondiali.


Senza api,il pianeta si spegne.

il pianeta nemmeno se ne accorge...abbi fede ;-)


"The Planet is fine....the people are fucked!!" :-D (e se lo meriterebbe pure...se è per questo).





p.s.: qualcuno mi spiegherebbe gentilmente se e come cacchio si embedda un video youtube? a me non funziona nè col codice nè col link :-?
redazione
#27 redazione 2016-07-30 21:43
DAVLAK: Devi cliccare sull'icona di Youtube, e poi inserire SOLO la parte di URL che viene DOPO il segno uguale (cioè "bXa3LKAB3Mw", in questo caso).
blackbart
#28 blackbart 2016-07-30 22:09
Citazione Farvatus:
La mentalità complottista, non è mimamante in grado di pensare il capitalismo.


Penso che il problema, più che nel capitale, sia nello schizofrenico sistema finanziario.
Basterebbe consegnare a chi compra quello che ha comprato. Tipo Amazon.
Dottò... i due milioni di barili di petrolio glieli scarico in garage? Sa... ci sono già le 3000 tonnellate di mais che ha ordinato ieri... :perculante:
NoPlace
#29 NoPlace 2016-07-30 22:20
io sono un orto amatore e non uso mai pesticidi di nessun tipo, quest'anno tutti hanno avuto grossi problemi con le lumache causa delle piogge continue, hanno venduto barili del veleno per lumache, poi vai a vedere a leggere bene e anche solo un granello ti può stecchire sia cane che gatto o qualsiasi altro animale che entra anche in contatto con la lumaca avvelenata, stessa cosa per i topi...
Poi quest'anno le 3 viti che ho per il consumo da tavola si sono ammalate (non ricordo il nome) ho deciso per non perdere completamente il raccolto di dargli una medicina, bhè leggendo (e lo faccio sempre) attentamente a cosa stare attenti, diceva chiaro e tondo di non darlo alle piante quando sono in fiore o quando comunque ci sono in giro le api, ne causa la morte...a bene!...l'ho somministrato di notte foglia per foglia. Prodotto Bayer
davlak
#30 davlak 2016-07-30 22:20
Citazione Redazione:
DAVLAK: Devi cliccare sull'icona di Youtube, e poi inserire SOLO la parte di URL che viene DOPO il segno uguale (cioè "bXa3LKAB3Mw", in questo caso).

urca...sono 10 anni di LC e finalmente je l'ho fatta!!
grazie Massimo. :-)
Mrexani
#31 Mrexani 2016-07-30 23:00
Citazione:
io sono un orto amatore e non uso mai pesticidi di nessun tipo, quest'anno tutti hanno avuto grossi problemi con le lumache causa delle piogge continue, hanno venduto barili del veleno per lumache,
Eppure basterebbe raccoglierle in maniera metodica e poi mangiarle. Oppure in caso di grosse estensioni di terreno, venderle... :roll:
NoPlace
#32 NoPlace 2016-07-30 23:04
io le lancio dove non mi interessa, non so quanti secchi ne ho raccolti, mia figlia le accudiva.....
Mrexani
#33 Mrexani 2016-07-30 23:07
Citazione:
io le lancio dove non mi interessa, .
Nell'orto del vicino :-D
incredulo
#34 incredulo 2016-07-31 04:14
Citazione Farvatus:
Umax
Citazione:
Oltre a questo non dimenticate le api adulte trovate morte in numero impressionante, fa tutto parte di un disegno per diminuire la popolazione mondiale distruggendo le api ? Se no non si spiega perchè non si vietano certi prodotti


La mentalità complottista, non è mimamante in grado di pensare il capitalismo. Non c'è niente da fare, siete ossessionati dal fatto che ci sia una razionalità dietro ogni cosa. Ma l'essenza del capitalismo è la sua completa totale irrazionalità. Sembrate i passaggeri di un aereo che accortisi che l'aereo è fuori rotta e si comporta stranamente, vi interrogate su quale intenzioni e astrusi piani di volo stia seguendo il pilota, ognuno inventa teorie sempre più fantasiose, per trovare un senso al fatto che l'aereo non fa altro che cercare di salire di quota, a volte stalla, cade un pò si riprende e ricomicia. Non vi viene in mente minimamante che il pilota non c'è mai stato ed è un semplice computer che esegue semplicemente un programma, un algoritmo. L'aereo cadrà quando finirà il carburante. Non a caso per il capaitalismo avanzanto, si usa la metafora dell'aereo senza pilota.
La borsa di Wall Street e la City di Londra sono connesse da linee a fibra ottica velocissime. Il loro scopo è effettuare scambi azionari, rapidissimi in modo che nessuno possa controllare cosa fanno, l'intelligenza artficiale legge i giornali ed in base ad interpretazioni spesso sbagliate di parole, compra e vende azioni. E voi pensate che un sistema del genere che continua a crescere in complessità e si riempie di bug, possa essere controllato da qualcuno? Che ottimismo! Stanno automatizzando tutto, non lo capite? Ecco cosa ammazza le api.
Ma non vi accorgete che il mercato azionario per questi pazzi sembra un dio, e i suoi operatori si pensano sempre più come sacerdoti?
La borsa sale, la borsa scende, tutti i giorni tg non fanno altro che parlare di un sistema che di fatto non capisce quasi nessuno, e che compra vende cose che nemmeno esistono. Fanno scambi su produzioni previste tra più di 10 anni e questo è un sistema che fa previsioni di non oltre tre mesi. Ma capite in che follia siamo tutti?
Grazie Farvatus.

Giudico i tuoi commenti uno spettacolo, molto profondi e centrati.

Sono d'accorso su ciò che affermi.

Siamo tutti in volo, su un aereo senza pilota, un aereo impazzito che potrebbe precipitare da un momento all'altro ed il motivo principale di tutto ciò, è che questo volo è solo un sogno fondato sulla bugia e sull'inganno.

Da una bugia iniziale non possono nascere che altre bugie, sempre più sofisticate e complesse, per riuscire a nascondere la bugia iniziale.

Questo percorso è noto a tutti, tutti l'hanno sperimentato su di loro, tutti hanno detto una bugia a cui hanno fatto seguito innumerevoli altre bugie per coprire quella iniziale.

Questo sistema, quello capitalistico intendo, è nato sulla bugia che fosse possibile una crescita illimitata in un mondo limitato e, per mantenere in piedi questa bugia, si sono sacrificate la Verità, l'Umanità e l'ambiente naturale in cui viviamo sull'altare dei Mercati, quei Mercati che sono diventati ormai un ente metafisico senza volto, un ente virtuale ma mantenuto in vita e diventato reale grazie alle convinzioni ed i riti dei suoi sacerdoti laici in giacca e cravatta e alle abitudini degli abitanti del mondo che lo subiscono.

Ormai gli scambi finanziari nei Mercati, sono pari a 7 volte il PIL reale, ma per qualcuno sono ben 10 volte il PIL mondiale e sono per circa l'80% detenuti da 5 banche americane, (JP Morgan Chase, Bank of America, Morgan Stanley, Goldman Sachs e HSBC).

Questo immenso Blob metafisico, sta succhiando tutta la vita delle popolazioni mondiali per rimanere a galla, popoli che sono costretti a seguire pedissequamente le manovre economiche e le regole dei loro Governi, quei Governi ai cui vertici ci sono i loro uomini, per esempio Prodi, Monti, Letta da noi, oppure burattini che bucano il video come Renzi, sempre da noi, persone insomma che sono tutti controllate da questi colossi dell'economia mondiale.

Ma è così per tutti i Paesi dell'area europea, ormai è la finanza che comanda il mondo occidentale e detta la sua Legge ai popoli.

Questo sistema non si fermerà fino a quando non avrà distrutto tutto ciò che gli resiste, siano questi ultimi uomini, oppure Stati sovrani.

Questo sistema non si fermerà davanti a nulla per perpetuarsi e userà ogni arma a sua disposizione per "convincere" coloro che non vogliono uniformarsi.

Solo quando sarà caduto l'ultimo baluardo di resistenza al "nuovo che avanza" questo mostro fondato sulla sua bugia iniziale, cercherà di cristallizzarsi in una forma di "realtà consolidata" ed imposta al mondo, quel mondo sognato ed immaginato come un mondo di "Pace e Sicurezza, dove dominerà la regola della Legge", lo loro Legge.....

Ma la Verità ha la testa dura, la Verità "è fondata sulla roccia" e prima o poi si riaffaccia sulla scena del mondo per reclamare il Suo primato sull'uomo e sulla Vita.

La Verità vince sempre, nel tempo.

Per cui se vuoi, puoi scendere da quell'aereo senza pilota destinato a schiantarsi, puoi se vuoi, tornare alla Verità e scendere da quell'areo virtuale fondato sulla bugia senza alcun rimpianto.

Perchè quell'aereo che sembra così potente, in realtà è solo un sogno di qualcuno che ci ha martellato il cervello per farci credere che sia il massimo obiettivo possibile per l'Umanità, ci ha martellato il cervello per farci amare quel sogno come se quel sogno di pochi, fosse anche il nostro sogno e fosse anche l'unico sogno possibile.

Invece i nostri sogni più profondi sono molto diversi da quel sogno che viene continuamente propagandato in ogni salsa possibile con un bombardamento mediatico totalizzante, in un modo che non ha nessun precedente nella Storia umana che conosciamo e tu questo lo sai.

Perchè per credere a quel sogno, bisogna essere addormentati e tu invece sei bello sveglio.

Lascia che quel sogno vada per la sua strada e faccia il suo corso, quel sogno è senza consistenza reale, ognuno di noi può uscirne, se vuole.

Basta cominciare, basta fare un piccolissimo passo fuori da quell'aereo senza pilota che sembra impazzito, per accorgerci che quell'aereo è solo un sogno, per accorgersi che fuori da quell'aereo c'è il terreno solido e non il vuoto.

Su quell'aereo ci rimane solo chi non ha l'immaginazione e la fede di "un piccolo granellino di senape", gli altri invece, lasciano quell'aereo al suo destino.

Con stima.
Starburst
#35 Starburst 2016-07-31 08:40
Citazione:
La mentalità complottista, non è mimamante in grado di pensare il capitalismo. Non c'è niente da fare, siete ossessionati dal fatto che ci sia una razionalità dietro ogni cosa. Ma l'essenza del capitalismo è la sua completa totale irrazionalità.
Evidentemente qualche mio post ti sara' sfuggito, e' normale mica li puoi leggere tutti, sono anni che parlo della schizofrenia del mercato, pensa come puo' essere razionale,ma una cosa ho notato,il guadagno a tutti i costi e' una costante immutabile,quasi come fosse una pazzia lucida o una razionalita' che conferma la totale irrazionalita' del capitalismo.
Te lo posso assicurare su quell'aereo non ci sono nemmeno salito,non mi ci hanno voluto!! ;-)

NO FAITHS NO PAIN / DANKO JUSTICE MINISTER
redazione
#36 redazione 2016-07-31 09:20
Citazione Escape2013:
Api in diminuzione ma miele presente a vagoni in supermercati, mercati rionali, sagre e chioschetti (anche se non pare granché venduto) e pure a prezzi piuttosto bassi. Quindi, com'è la storia?
Non mi sembra logico valutare il numero di api esistenti al mondo con la quantità di miele disponibile nei supermercati. E' chiaro che fino ad oggi la produzione di miele è comunque sufficiente a soddisfare la richiesta di mercato, anche se nel frattempo il numero di api si è dimezzato.

(Quando le api non avevano ancora iniziato a morire, 20 anni fa, non è che i supermercati TRABOCCASSERO di miele da tutte le parti. La quantità disponibile sugli scaffali dipende sempre dalla richiesta di mercato, non dal numero di api in circolazione).
Sertes
#37 Sertes 2016-07-31 10:10
Peraltro il miele è l'unico prodotto che non scade mai... se tu trovassi il miele di Cleopatra nella sua tomba sarebbe commestibile e buono come quello di quest'anno.
Anteater
#38 Anteater 2016-07-31 12:00
Sertes Citazione:
Peraltro il miele è l'unico prodotto che non scade mai... 
L'unico...??? Poi la commestibilità di un miele "vecchio", non significa che non ha perduto quasi tutte le sue peculiarità...come enzimi..ecc..
Condizioni di conservazione ottimale...{massimo 5anni buio/secco/freddo}

Slobbysta
f_z
#39 f_z 2016-07-31 17:04
Citazione NoPlace:
quest'anno tutti hanno avuto grossi problemi con le lumache causa delle piogge continue

Se parli delle lumache senza guscio anche nel mio giardino si mangiano tutto, pero' ho letto da qualche parte un possibile "rimedio" che funziona abbastanza bene.

Mettere intorno alle piante dei piattini o piccoli sottovasi appena profondi pieni di birra leggermente interrati in modo che siano a filo col terreno: le lumache ci vanno dentro e si ubriacano o crepano.

Non e' necessario usare birra "buona": una leggera a bassisimo costo che ho usato io ha funzionato bene. :-)
Escape2013
#40 Escape2013 2016-07-31 20:18
# 36 Massimo

Il settore "agricoltura" va rifondato e regolamentato da cima a fondo.

Un'Europa degna del nome parlerebbe meno di stramaledette banche (per cui sarebbe ben ora di decidere una volta per tutte se sono contro il popolo o meno) e più di autosufficienza alimentare, tra le altre cose.

E l'argomento "api" sarebbe un ottimo punto di partenza, quale paradigma di un'agricoltura sostenibile.
NoPlace
#41 NoPlace 2016-08-01 12:05
Citazione f_z:
Citazione NoPlace:
quest'anno tutti hanno avuto grossi problemi con le lumache causa delle piogge continue

Se parli delle lumache senza guscio anche nel mio giardino si mangiano tutto, pero' ho letto da qualche parte un possibile "rimedio" che funziona abbastanza bene.

Mettere intorno alle piante dei piattini o piccoli sottovasi appena profondi pieni di birra leggermente interrati in modo che siano a filo col terreno: le lumache ci vanno dentro e si ubriacano o crepano.

Non e' necessario usare birra "buona": una leggera a bassisimo costo che ho usato io ha funzionato bene. :-)


Si oddio l'ho fatto, ma piovendo così spesso poi si inaquarisce tutto e poi dovrei comprare più birra per le lumache che per me...
NoPlace
#42 NoPlace 2016-08-01 12:16
Citazione Escape2013:
Api in diminuzione ma miele presente a vagoni in supermercati, mercati rionali, sagre e chioschetti (anche se non pare granché venduto) e pure a prezzi piuttosto bassi.

Quindi, com'è la storia?


Veramente l'hanno scorso ci fu un temporale molto forte durante la fioritura dell'acacia e nella mia zona era difficilissimo trovarlo e aveva dei costi esagerati. Il miele, quello vero! e non quello del supermercato che non so con cosa venga additivato e diliuto ha dei costi a volte inacessibili, sopratutto se si va a ricercare qualche miele con fiori specifici. Prova a cercare il miele di manuca :)

A parte questo che non è una prova sul fatto che le api stiano morendo, prova a chiedere nei famosi mercatini se c'è un apicoltore diretto che vende il suo miele chiedi un po' com'è la salute delle api...è un casino hanno mille predatori e mille malattie in più ci si mette l'uomo e tanti si ritrovano a doverle ricomprare quasi regolarmente perchè l'alveare muore.
Escape2013
#43 Escape2013 2016-08-01 19:54
Appunto, ci sarebbe molto da discutere (e soprattutto da indagare) su cos'è realmente il miele spacciato dalla grande distribuzione.
Il merito di LuogoComune è che qui almeno vengono portati a galla periodicamente questi ed altri VERI PROBLEMI.

Sulla scia dell'input di Massimo io, da parte mia, invio una PEC alla Coldiretti chiedendo qualche ragguaglio in merito: so che è poco ma è sempre meglio di niente.
Vediamo se e come rispondono (ricordo che io sono quello che nel marzo 2014 inviai 22 PEC ad altrettanti giornalisti veneti che non avevano nemmeno degnato di risposta negativa un invito a partecipare ad un incontro sull'11/9 - organizzato dall'utente MusicBand - e che ottenne ZERO risposte...)

Si capisce subito con chi si ha a che fare più per le sue omissioni che per le sue azioni.
Giuggiolo
#44 Giuggiolo 2016-08-03 21:10
Son contadino.....con il cellulare pieno di libri e conferenze varie...(biglino,spedicato,baccarini,mazzuco) ora.....durante la fioritura è vietato per legge fare trattamenti insetticidi.....per rispettare le api..... è pratica agronomica sfalciare erba prima di eseguirne.....api ne muoiono ma da quello che so io (proprio oggi mi hanno omaggiato di 30kg di miele come ringraziamento per ra postazione di arnie nei miei campi) non in maniera così esagerata....poi ovviamente se ho le arnie in campo non devo fare insetticidi!!....ma vorrei pure iniziare un discorso sul transgenico e cisgenico.....sarei curioso di sapere i vostri pareri (motivati) a tal proposito....visti che uno dei vantaggi sarebbe eliminare una gran parte di trattamenti appunto......ora non so se si può continuare qui o aprire altro post....fate voi che io non sono esperto....è dopo una giornata a pere sono un po' stanchino per studiare!!!

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO