Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

di Dario Tamburrano (parlamentare UE)

Il colosso dell’agrochimica Monsanto ha scritto o influenzato alcuni degli studi in base ai quali l’UE ha stabilito che il diserbante Glifosato non é cancerogeno. Lo dice un’inchiesta della testata giornalistica EUobserver. In fondo a questo post la traduzione completa in italiano.

La Monsanto ha brevettato il Glifosato negli Anni 70. Continua ad essere uno dei suoi prodotti di punta, anche se il brevetto é scaduto nel 2001. E’ il diserbante più diffuso nel mondo e anche in Italia, che ne ha usato 1795,1 tonnellate nel 2012. Nel 2011 (difficile trovare dati più recenti) in tutto il mondo ne sono state vendute  650.000 tonnellate. L’Europa  rappresenta il 16,6% del mercato.

Lo IARC, l’Agenzia mondiale per la ricerca sul cancro legata all’Organizzazione mondiale della sanità, ha definito nel marzo 2015 il Glifosato “probabilmente cancerogeno”. L’EFSA (Agenzia europea per la sicurezza alimentare) é giunta nel novembre dello stesso anno alla conclusione opposta: il Glifosato non causa il cancro negli esseri umani. Di conseguenza é stata prorogata l’autorizzazione (allora in scadenza) a vendere il Glifosato nell’UE.

EUobserver ha ricostruito il ruolo della Monsanto in due degli studi in base ai quali l’EFSA asserisce che il Glifosato non é cancerogeno. Per farlo, ha incrociato i documenti utilizzati dall’EFSA nella valutazione del Glifosato con le email scambiate fra dipendenti della Monsanto che sono state rese pubbliche da un tribunale degli Stati Uniti nell’ambito del procedimento intentato da oltre 200 agricoltori convinti di essersi ammalati di cancro in seguito all’uso di questa sostanza. Le email rivelano appunto le strategie usate dalla Monsanto per difendere il Glifosato dall’accusa di essere cancerogeno.

In sostanza, EUobserver dice che nel primo caso la Monsanto ha scritto uno studio poi attribuito ad altri; nel secondo caso, ha modificato l’architettura di un lavoro scientifico affinché gli effetti avversi del Glifosato risultassero minimizzati.

Alla ricostruzione effettuata da EUobserver si può aggiungere una cosa. Alla base del parere favorevole dell’EFSA al Glifosato, e della conseguente ri-autorizzazione UE, non ci sono solo studi con le impronte digitali della Monsanto: l’EFSA stessa afferma che hanno avuto un ruolo chiave studi e dati mai resi pubblici e mai soggetti a revisione da parte della comunità scientifica internazionale perchè l’UE li considera legati a segreti commerciali.

Dal momento che l’EFSA ha giudicato sicuro il Glifosato, nell’estete 2016 l’UE ha rinnovato l’autorizzazione all’uso fino al 31 dicembre di quest’anno, in attesa di una valutazione aggiuntiva da parte dell’ECHA, l’agenzia europea per le sostanze chimiche. L’ECHA si é già pronunciata: non ritiene cancerogeno il Glifosato. Per impedire che a dicembre l’autorizzazione venga nuovamente prolungata, é stata lanciata un’ECI, che é uno strumento istituzionale a disposizione dei cittadini UE. La campagna é ancora in corso, questo sito internet raccoglie le adesioni: é necessario almeno un milione di firme.

Ecco, in traduzione italiana, l’inchiesta di EUobserver sulla valutazione del Glifosato da parte dell’UE. Download qui.

Fonte Dario Tamburrano

Aggiungi Commento   

peonia
#1 peonia 2017-05-11 21:28
Non ha scoperto nulla, però ben vengano note aggiuntive... se ce lo chiedeva a noi glielo avremmo detto ben prima... :-P
clim77
#2 clim77 2017-05-11 21:49
Intanto, sempre per stare in tema di lavori scientific modificati e altre sciocchezzuole, un blitz del Nas a Parma: in manette 19 medici e imprenditori farmaceutici.
Scoperto un sistema di “corruzione e riciclaggio”. Tra gli arrestati un luminare.
Sarebbero stati svolti test illeciti su ignari pazienti.
Indagato il rettore dell’Università.

www.lastampa.it/.../pagina.html

Breve servizio riassuntivo, sulla TV locale:

tvparma.it/.../...

Alcuni aggiornamenti:

tvparma.it/.../...
Starburst2
#3 Starburst2 2017-05-12 07:13
Anche noi non ci facciamo mancare nulla.Dalle dichiarazioni di quella che dovrebbe essere il ministro della salute emerge che dal rogo della eco-x di pomezia non e' fuoriuscito niente!!!La qualita' dell'aria e' buona nonostante i controlli degli addetti ai lavori dicano altro.
La somministrazione di veleno e narcotico continua ;-) .


"Meglio arrivare tardi che morti"...."Non si muore mai davvero" Lucy di L. Besson
Giuggiolo
#4 Giuggiolo 2017-05-12 07:19
purtroppo faccio parte dei consumatori di glifosato.. .. (contadino)... che dire... cerco di usarne il meno possibile... è un disseccante totale.... se non lo uso dovrei fare il doppio dei giri con altra robaccia... e finché voi pagate le pesche 2 euro....e a me ne arrivano solo 0.25 cent... non so davvero come fare.... senza contare che qui da me tutta manodopera in regola (ravenna) ma so di aziende nel meridione che vanno a cottimo.... (vietato)... poi ci mettiamo Grecia e Spagna..hanno affossato l'agricoltura....
Uhr
#5 Uhr 2017-05-12 07:42
Visto le ultime giravolte concettuali sui vaccini del M5S sarei molto curioso di sapere cosa pensa Grillo della Monsanto e del Glifosato .Io mi ricordo bene cosa diceva e sosteneva in passato.
Purtroppo mi pare già di sapere che tra qualche mese o anno ci sarà un'altra bella capriola anche su questo tema....
Parsifal79
#6 Parsifal79 2017-05-12 08:09
UhrCitazione:
sarei molto curioso di sapere cosa pensa Grillo della Monsanto e del Glifosato
e quale malattia ti impedisce di usare le tue ditina magiche per fare una ricerca?

Se tu fossi veramente curioso lo avresti già fatto, invece di aspettare lo stronzo di turno che si deve fare il culo per soddisfare le tue curiosità

A me sembra che ogni scusa è buona per mettere in cattiva luce il M5S.

Manco ti sei accorto chi è l'autore dell'articolo:

it.wikipedia.org/wiki/Dario_Tamburrano
fabiomln
#7 fabiomln 2017-05-12 08:35
... d'altronde anche i vaccini non sono un trattamento sanitario e non hanno effetti collaterali.
Anzi vista l'innocuità del glifosato, si potrebbe metterne un po' nei vaccini così poi, nel caso remoto che il glifosato possa avere avere qualche minimo effetto collaterale, si acquisisce comunque immunità al glifosato stesso.
Anzi questo è un invito alla ministra Lorenzin, con diploma di maturità classica, a prendere in seria valutazione quanto sopra.
Puskin
#8 Puskin 2017-05-12 09:07
Che stillicidio di battaglie luddiste, togli il glifosfato e te lo sostituiscono con l'assfottazzo.
Comunque visti i soliti commenti provocatori, non vorrei ricordare male ma mi sa che il beppazzo abbia scritto qualcosa contro.
Non infiammatemi il Parsifal.
E votate in massa Movimento 5 Stelle, tappandovi tutti gli orifizi possibili, è prodotto Anglo-Usraelico certo, non potrà mai funzionare certo, ma almeno cacciamo sta fogna, apriamo le finestre e facciamo entrare l'aria fresca, poi chissà magari qualche cittadino con personalità riuscirà ad emergere e a fare qualcosa di positivo, prima che lo sfondino di cause o che muoia in qualche incidente stradale.
Davide71
#9 Davide71 2017-05-12 11:24
Ciao a tutti:

a me puzza il fatto che facciano tutte queste storie sul glifosato da quando é scaduto il brevetto. Per me lo possono anche vietare, ma cosa useranno al posto? Mica la Monsanto ha nel cappello un diserbante nuovo nuovo brevettato con tanto di studi che lo dichiarano assolutamente atossico?
Giuggiolo
#10 Giuggiolo 2017-05-12 13:28
ecco... questo è gia più interessante.. .. da quello che so io in campagna non si sa nulla.... comunque...non si tratta del diserbo in se.... ma anche di tutte le culture trans resistenti a tale diserbare...milioni....
Uhr
#11 Uhr 2017-05-12 13:47
@ Parsifal79

Citazione:
e quale malattia ti impedisce di usare le tue ditina magiche per fare una ricerca? Se tu fossi veramente curioso lo avresti già fatto, invece di aspettare lo stronzo di turno che si deve fare il culo per soddisfare le tue curiosità A me sembra che ogni scusa è buona per mettere in cattiva luce il M5S. Manco ti sei accorto chi è l'autore dell'articolo: it.wikipedia.org/wiki/Dario_Tamburrano
Io al contrario di te per fortuna non giudico ciò che è scritto da chi l'ha scritto ma valuto COSA è scritto, indipendentemente dall'autore.Se uno che stimo scrive una stronzata , scrive una stronzata, senza se e senza ma.Lo so benissimo senza l'aiuto di nessuno stronzo , fisso o di turno,cosa pensa ora Grillo. Come ho già indicato il problema è vedere cosa ne penserà tra un po' di tempo.Nessuna volontà di fare il processo alle intenzioni o di mettere in cattiva luce chi sta tradendo da solo certe idee e principi , ce la fanno da soli senza l'aiuto o l'incipit di quelli privi di paraocchi come me ( che per altro hanno votato il movimento fino a ieri) che fanno notare ,prendendo come esempio la posizione attuale riguardo alle vaccinazioni, solo l'inizio del grande tradimento delle "filosofia di vita e di ideale società" pentastellate di qualche anno fa che io conosco bene .Il mio dubbio ora riguarda semplicemente quale sarà la prossima capriola che smentirà una precedente certa idea di società e di gestione del paese dei 5S.

Poi uno può anche decidere che pur di arrivare nei gangli del potere la coerenza sia solo un 'inutile orpello da eliminare ,ma ricordati che a furia di abbassare sempre di più l' asticella ci si trova inevitabilmente a sguazzare nel fango...
hvsky
#12 hvsky 2017-05-12 13:59
Due post che racchiudono la ns condanna a morte : vaccini e diserbanti....... il mondo ci domina giocando a domino .... e indovinate chi sono le pedine?
Ma noi cosa possiamo fare ? Beh come si evince dai 215 commenti all articolo precedente.... non possiamo fare proprio un accidente...... che umana tristezza..... che antropologica amarezza :cry:
SuperGulp
#13 SuperGulp 2017-05-12 15:13
CITAZIONE GIUGGIOLO

....e finché voi pagate le pesche 2 euro....e a me ne arrivano solo 0.25 cent... non so davvero come fare....
____________________________________________________________________________________________

Domanda da incompetene, ma facendo il biologico... vero, producendo molto meno e vendendo direttamente a km zero,
potrebbe essere una soluzione?
Piramis
#14 Piramis 2017-05-12 16:09
E io mi ricordo sempre del detto "se riesci a porre la domanda sbagliata, nessuno potrà dare la risposta giusta".
Il glifosato non è cancerogeno? (anche se fosse) E allora? mica il cancro è l'unica malattia esistente.
Se si dichiara non cancerogeno vuol dire che si può usare tranquillamente? e la celiachìa, ad esempio, che da quando si usa il glifosato segue pedissequamente la stessa curva di crescita?
E chissà quante altre conseguenze non vengono messe in relazione diretta e men che meno investigate.

Questo, senza considerare tutto il discorso piante brevettate e sterili che devono essere acquistate di volta in volta, argomento trito e ritrito.

Poi, adesso, la Monsanto è di fatto "europea", essendo stata acquistata dalla Bayer, quindi la pressione che può effettuare sui politicanti europei, decuplica.

Hanno fatto il colpo di stato in Ucraina, tra le prime leggi adottate ci sono state quelle sull'uso degli OGM, adesso il FMI chiede che vendano i terreni per pagare i debiti, nel giro di tre anni hanno trasformato "il granaio d'Europa" nel "soiaio d'Europa" e OGM a gogo, tutto legale.
Però è la Russia che ha invaso la Crimea.

E Giuggiolo deve vendere le pesche a 25 centesimi il chilo.
Stai contento, Giuggiolo, stanno arrivando centinaia di migliaia di braccianti che lavoreranno per un chilo di pesche al giorno.
Peccato che poi non ci sarà più nessuno che potrà comprare le pesche a 2 euro al chilo.
Anteater
#15 Anteater 2017-05-12 17:17
Esistono alternative al glifosato?
www.slowfood.it/esistono-alternative-al-glifosato/
Perché abbandonare l’uso del glifosato?

Perché pone problemi seri di tipo ambientale, primo fra tutti l’accumulo della molecola nel terreno e nelle falde, fenomeno indipendente rispetto al tempo di irrorazione dell’erbicida. L’altra questione riguarda la nostra salute: il glifosato è un probabile agente cancerogeno (e lo dice l’Iarc Agenzia internazionale sulla ricerca sul cancro) – , se ne trovano residui sulle piante e poi sul cibo che mangiamo. Ovvio che se viene distribuito pre semina, non si incorrerà in questo aspetto, ma rimane pur sempre il grave danno ambientale.

Campagna Slow food contro il Glifosato
www.slowfood.it/slow-food-ogm/stop-al-glifosato/


GiuggioloCitazione:
purtroppo faccio parte dei consumatori di glifosato.. .. (contadino)... che dire... cerco di usarne il meno possibile... è un disseccante totale.... se non lo uso dovrei fare il doppio dei giri con altra robaccia... e finché voi pagate le pesche 2 euro....e a me ne arrivano solo 0.25 cent... non so davvero come fare.... senza contare che qui da me tutta manodopera in regola (ravenna) ma so di aziende nel meridione che vanno a cottimo.... (vietato)... poi ci mettiamo Grecia e Spagna..hanno affossato l'agricoltura....
Ispra: pesticidi nel 64% delle acque italiane. Aumentano i livelli di contaminazione e le sostanze censite
www.ilfattoquotidiano.it/.../2709211
Pericoloso pesticida glifosato nell'acqua: la mappa della contaminazione
In Emilia-Romagna c'è una "vasta contaminazione delle acque" da glifosato ed esiste "un rischio concreto per la salute dei cittadini"
ravennatoday.it/.../...


Beh...usi veleni ed è chiaro che per convertire, oltre ai costi, alla mancanza di cultura sugli equilibri armonici tra pianta è pianta..ti ritrovi comunque un terreno inquinato...e un approvigionamento idrico (il Po) non proprio ideale...Se poi devi abbattere i prezzi...diventa quasi impossibile...Comunque gli allevatori sono messi peggio...

Slobbysta
Giuggiolo
#16 Giuggiolo 2017-05-12 19:22
allora.... biologico...fattibile... ma tu (consumatori) vuoi la mela senza veleni...e senza" bigatto "... cosa impossibile.... se si parla di fresco... poi il trasformato.... è gia più fattibile... se invece si fare 100 ali di pesche... ne faccio 10... voi mi aumentate di 10 volte il prezzo?? io credo in un futuro cisgenico.. il trans forse è troppo... ma il cisgenico il lo farei...purtroppo arriverÀ il trans cattivo... invece del cisgenico buono....
Spiderman
#17 Spiderman 2017-05-12 19:36
fabiomln
Citazione:
Anzi vista l'innocuità del glifosato, si potrebbe metterne un po' nei vaccini così poi, nel caso remoto che il glifosato possa avere avere qualche minimo effetto collaterale, si acquisisce comunque immunità al glifosato stesso.
Non ti preoccupare, ci hanno già pensato. www.greenme.it/.../21547-vaccini-bambini-glifosato
SuperGulp
#18 SuperGulp 2017-05-12 20:14
CITAZIONE GIUGGIOLO

allora.... biologico...fattibile... ma tu (consumatori) vuoi la mela senza veleni...e senza" bigatto "... cosa impossibile.... se si parla di fresco... poi il trasformato.... è gia più fattibile...

____________________________________________________________________________________________

Da quando abbiamo cominciato a produrci frutta e verdura... allo stato brado, abbiamo scoperto che in molti sono disposti ad acquistare frutta e verdura non trattati, fragandosene se l'insalata ha qualche buco da lumaca, o se l'albicocca e il cachi hanno il bigatto. Per le lumache nudacchie abbiamo risolto con la birra, bicchiere interrato a filo terra, con tre dita di birra, due trattamenti a distanza di qualche giorno, ridotta la popolazione del 95/99 %, sto studiando un altro modo che salvi pure le lumache, l'intenzione è escogitare un metodo semplice che impedisca loro di arrivare alla pianta. Abbiamo preso altri accorgimenti non chimici per risolvere altri problemi, pacciamatura per impedire la crescita di erbe selvatiche nell'orto, soluzione con acqua e sapone di marsiglia per debellare i pidocchi, lasciare ove non coltivato che le piante spontanee crescano e completino il ciclo, ciò favorisce ovviamente la presenza di una grande quantità di insetti, il decespugliatore si utilizza per lasciare dei sentieri liberi dalle erbe spontanee tra gli ulivi, la terra non è stata più fresata da tempo, anche prima della nostra presenza, è ricca, le talpe fanno i cavoli loro e arieggiano il terreno, lombrichi non ti dico, farfalle, maggiolini, i ferretti.. pieno, è bastata un po di paglia sotto i meloni e tutti salvi.

Tempo fa lessi un articolo in cui si sottolineva il fatto che l'agricoltura biologica (in particolare la permacoltura), a parità di territorio occupato produce quanto se non più dell'agricoltura intensiva. Credo i costumi stiano cambiando e in molti stanno capendo che... chissenefrega del frutto per forza bello.. il che non significa che poi non lo sia se biologico. Spendiamo già ora almeno 1,50 euro al kg per comprare frutta e verdura di dubbia provenienza, credi che una buona parte di noi non sia disposta a pagare qualcosa in più per mangiare meglio, certo che si.
Giuggiolo
#19 Giuggiolo 2017-05-12 23:36
ottimista.... chissà come mai... da me preferiscono andare alla coop... che costa meno che a casa mia...
SuperGulp
#20 SuperGulp 2017-05-13 00:00
... mi rendo conto che coltivare la terra è più semplice per chi produce per se e pochi altri, ma non credo sia impossibile per estensioni più importanti.
Forse sono ottimista, ma mi baso sulle richieste di persone con tenore di vita medio, amici e non che hanno chiesto di acquistare verdure e frutti freschi.
Se molti vanno al supermercato, molti altri cercano il genuino garantito, nel paesino ove vivo, il fruttivendolo... meglio, il cravattaro, riesce a vendere in questo momento albicocche che chissà da quale sprofonno vengono, a 4, dico quattro euro al kg e c'è il beota che se le compra. Non so quale sarebbe il giusto prezzo, ma prodotti dell'orto certificati e senza intermediari, a 2 euro al kg dovrebbero andar via come il pane.
Calvero
#21 Calvero 2017-05-13 01:23
Giuggiolo:

Citazione:
purtroppo faccio parte dei consumatori di glifosato.. .. (contadino)... che dire... cerco di usarne il meno possibile... è un disseccante totale.... se non lo uso dovrei fare il doppio dei giri con altra robaccia... e finché voi pagate le pesche 2 euro....e a me ne arrivano solo 0.25 cent... non so davvero come fare.... senza contare che qui da me tutta manodopera in regola (ravenna) ma so di aziende nel meridione che vanno a cottimo.... (vietato)... poi ci mettiamo Grecia e Spagna..hanno affossato l'agricoltura....
Direi a Mazzucco, che l'intervento di Giuggiolo (ovviamente considero la sua buonafede, in questo senso) sia il più importante in questo Topic; quello che tratta in maniera pragmatica la questione senza astrazioni e chiama le cose col loro nome. Problemi e tristi dinamiche comprese nel prezzo. Sarebbe interessante che un "Giuggiolo" come altri utenti e/o lettori, che hanno una medesima o simile esperienza, buttassero giù non dico un articolo, ma un quadro delle loro esperienze, da presentare a Luogocomune o a Massimo, che dir si voglia. Per poi considerare la faccenda in maniera ancora più "Terra Terra" - e scelgo questo gioco di parole scanzonato, ma certamente appropriato, per chi ha orecchie per sentire, come sempre in questi discorsi.
Giuggiolo
#22 Giuggiolo 2017-05-13 06:39
Oh... beh a disposizione. .... sulla genuinità posso fornire "referenze"......una cassa di pesche o di mele........ comunque... il problema non è quanto pagate voi le pesche... ma quanto arrivi a noi contadini... che se arrivano 40 centesimi (intendo prima scelta ) è già tanto...poi ad arrivare a voi arriva a 2 euro.... ho 2 aneddoti da raccontare... primo.. ho la moglie che lavora in un supermercato privato... 6 casse.... giusto per avere un'idea. .... ma sotto marchio (conad)... siccome andando alavorare tutti i gg potevo usufruire del passaggio... avevo preso accordi per fornire qualche cassa di frutta mia... niente di eccezionale 1 cassetta al gg circa... in particolare erano mele. .. il super mercato le vendeva a 1,40 (fornite da conad)... io feci la proposta di fornirle a 40/50cent loro le rivende vano ad 1 euro... ed eravamo tutti contenti.... il tutto ha funzionato per 1 mese... poi il padrone ricevette ordine. (Conad) che tutti i prodotti dovevano passare dalla loro piattaforma...secondo aneddoto.... ricordo una decina di anni fa... al mare... in un piccolo supermercato (4 casse) c'erano delle pesche brutte....e dico brutte sul serio. ...ad un prezzo esagerato.... siccome anche li conoscevo il padrone feci la battuta "dai così brutte a quel prezzo... te le porto io molto più belle e fai più bella figura"... e lui.."non posso abbassare il prezzo la gente non le comprerebbe, già sono brutte, con il prezzo basso non le compra nessuno..così ne vendo molte di più! !!!" Mah......
Spiderman
#23 Spiderman 2017-05-13 08:18
Parsifal
Citazione:
Manco ti sei accorto chi è l'autore dell'articolo: it.wikipedia.org/wiki/Dario_Tamburrano
Visto che il glifosato è stato trovato nei vaccini (chiedere a Montanari per conferma), glielo dici tu a Tamburrano di avvertire Dibba, Dimma e la Taverna che è il caso di rivedere le proprie affermazioni recenti sui vaccini?
Parsifal79
#24 Parsifal79 2017-05-13 08:48
SpidermanCitazione:
glielo dici tu a Tamburrano di avvertire Dibba, Dimma e la Taverna
gli ho telefonato adesso, e mi hanno detto che tra poco andranno in tv a consigliare a tutti gli italiani che è meglio non vaccinarsi.
peonia
#25 peonia 2017-05-13 09:06
:-D :hammer:
Spiderman
#26 Spiderman 2017-05-13 09:47
Citazione:
gli ho telefonato adesso, e mi hanno detto che tra poco andranno in tv a consigliare a tutti gli italiani che è meglio non vaccinarsi.
Sì, ho appena avuto conferma da Crimi della tua telefonata, speriamo ti ascoltino!
Puskin
#27 Puskin 2017-05-13 10:11
Citazione:
gli ho telefonato adesso, e mi hanno detto che tra poco andranno in tv a consigliare a tutti gli italiani che è meglio non vaccinarsi.
Azz! ... Mazzucco è più temuto di Soros.
Uhr
#28 Uhr 2017-05-13 12:00
Citazione:
"Manco ti sei accorto chi è l'autore dell'articolo: it.wikipedia.org/wiki/Dario_Tamburrano "

Visto che il glifosato è stato trovato nei vaccini (chiedere a Montanari per conferma), glielo dici tu a Tamburrano di avvertire Dibba, Dimma e la Taverna che è il caso di rivedere le proprie affermazioni recenti sui vaccini?


@ Spiderman

Come volevasi dimostrare...

Grazie mille dell'informazione, questa cosa non la sapevo.
Spiderman
#29 Spiderman 2017-05-13 12:32
Uhr
Citazione:
Grazie mille dell'informazione, questa cosa non la sapevo.
Figurati, grazie a te per l'attenzione. Qua sotto ti linko il punto esatto diove Montanari parla di vaccini e glifosato. Se però hai un'oretta scarsa da dedicare a tutta l'intervista, te la consiglio.

youtu.be/rbb1IfPOQKk?t=31m20s
DaemonZC
#30 DaemonZC 2017-05-13 14:16
A mio avviso, il problema principale è che vogliamo mangiare tutto, in grande quantità, gettare cibo e mangiarne di eco-insostenibile, ma ora lo vogliamo anche "sano" e senza additivi e concimi

Secondo me dobbiamo maturare tutti, e decidere come sfamare 9 miliardi di persone.

Citazione:
#4 Giuggiolo 2017-05-12 07:19
purtroppo faccio parte dei consumatori di glifosato.. .. (contadino)... che dire... cerco di usarne il meno possibile... è un disseccante totale.... se non lo uso dovrei fare il doppio dei giri con altra robaccia... e finché voi pagate le pesche 2 euro....e a me ne arrivano solo 0.25 cent... non so davvero come fare.... senza contare che qui da me tutta manodopera in regola (ravenna) ma so di aziende nel meridione che vanno a cottimo.... (vietato)... poi ci mettiamo Grecia e Spagna..hanno affossato l'agricoltura....
Ma io verrei volentieri da te (o da un produttore) a comprarmi le pesche a due euro, ma come? Secondo te è possibile organizzarsi in comunità di dimensioni regionali o provinciali e accorciare la filiera? In questo modo il consumatore ne guadagna di qualità e il produttore si mette in tasca qualcosa in più.

Poi personalmente il vermetto nella frutta non mi da fastidio..è una questione culturale, siamo abituati alla mela "Mentadent" con la tizia dai denti sfavillanti, ma la cultura cambia e deve cambiare. Senza contare che con le giuste risorse un agricoltore può fare ricorso a metodi naturali per diserbare e contrastare insetti e parassiti. Meno produzione maggiore qualità, correggimi se sbaglio

Il problema semmai sarebbe la mancanza a quel punto di terreni da coltivare, dal momento che 9 miliardi di persone non le sfami con la coltura biologica se il 60/70% dei terreni coltivabili mondiali sono destinati a foraggio e mangimi per l'allevamento.

Per cui ci lamentiamo dell'inquinamento ma non facciamo la cosa più semplice che si dovrebbe fare per risolverlo, e cioè mangiare meno prodotti di origine animale (che da un punto di vista meramente fisico, è un assurdo dispendio di risorse in cui i bilanci di quantità di materia proteica sono spaventosamente a sfavore della sostenibilità ambientale)

Cowspiracy è un buon documentario per capire come siamo messi a livello internazionale. Nemmeno le organizzazioni ambientaliste come Greenpeace ammette il problema per timore di ritrovarsi senza finanziatori.

A mio avviso più che andare a firmare petizioni e chiedere l'abolizione del Glifosato (che poi verrebbe sostituito da qualcos'altro, magari più dannoso) bisogna smettere di comprare prodotti che hanno richiesto un utilizzo massiccio di tale strumento, e in cima alla lista abbiamo Carne, latte e uova. Se tutti facessero così, ci ritroveremmo nel giro di pochi anni con un sistema agroalimentare mondiale completamente restrutturato, bioetico, sostenibile e con la foresta amazzonica ancora lì con la sua preziosa biodiversità.
DaemonZC
#31 DaemonZC 2017-05-13 14:18
A mio avviso, il problema principale è che vogliamo mangiare tutto, in grande quantità, gettare cibo e mangiarne di eco-insostenibile, ma ora lo vogliamo anche "sano" e senza additivi e concimi

Secondo me dobbiamo maturare tutti, e decidere come sfamare 9 miliardi di persone.

Citazione:
#4 Giuggiolo 2017-05-12 07:19
purtroppo faccio parte dei consumatori di glifosato.. .. (contadino)... che dire... cerco di usarne il meno possibile... è un disseccante totale.... se non lo uso dovrei fare il doppio dei giri con altra robaccia... e finché voi pagate le pesche 2 euro....e a me ne arrivano solo 0.25 cent... non so davvero come fare.... senza contare che qui da me tutta manodopera in regola (ravenna) ma so di aziende nel meridione che vanno a cottimo.... (vietato)... poi ci mettiamo Grecia e Spagna..hanno affossato l'agricoltura....
Ma io verrei volentieri da te (o da un produttore) a comprarmi le pesche a due euro, ma come? Secondo te è possibile organizzarsi in comunità di dimensioni regionali o provinciali e accorciare la filiera? In questo modo il consumatore ne guadagna di qualità e il produttore si mette in tasca qualcosa in più.

Poi personalmente il vermetto nella frutta non mi da fastidio..è una questione culturale, siamo abituati alla mela "Mentadent" con la tizia dai denti sfavillanti, ma la cultura cambia e deve cambiare. Senza contare che con le giuste risorse un agricoltore può fare ricorso a metodi naturali per diserbare e contrastare insetti e parassiti. Meno produzione maggiore qualità, correggimi se sbaglio

Il problema semmai sarebbe la mancanza a quel punto di terreni da coltivare, dal momento che 9 miliardi di persone non le sfami con la coltura biologica se il 60/70% dei terreni coltivabili mondiali sono destinati a foraggio e mangimi per l'allevamento.

Per cui ci lamentiamo dell'inquinamento ma non facciamo la cosa più semplice che si dovrebbe fare per risolverlo, e cioè mangiare meno prodotti di origine animale (che da un punto di vista meramente fisico, è un assurdo dispendio di risorse in cui i bilanci di quantità di materia proteica sono spaventosamente a sfavore della sostenibilità ambientale)

Cowspiracy è un buon documentario per capire come siamo messi a livello internazionale. Nemmeno le organizzazioni ambientaliste come Greenpeace ammette il problema per timore di ritrovarsi senza finanziatori.

A mio avviso più che andare a firmare petizioni e chiedere l'abolizione del Glifosato (che poi verrebbe sostituito da qualcos'altro, magari più dannoso) bisogna smettere di comprare prodotti che hanno richiesto un utilizzo massiccio di tale strumento, e in cima alla lista abbiamo Carne, latte e uova. Se tutti facessero così, ci ritroveremmo nel giro di pochi anni con un sistema agroalimentare mondiale completamente restrutturato, bioetico, sostenibile e con la foresta amazzonica ancora lì con la sua preziosa biodiversità.
Uhr
#32 Uhr 2017-05-13 18:57
DaemonZC

Citazione:
bisogna smettere di comprare prodotti che hanno richiesto un utilizzo massiccio di tale strumento, e in cima alla lista abbiamo Carne, latte e uova. Se tutti facessero così, ci ritroveremmo nel giro di pochi anni con un sistema agroalimentare mondiale completamente restrutturato, bioetico, sostenibile e con la foresta amazzonica ancora lì con la sua preziosa biodiversità.
Dunque non ci sarebbe altro modo per avere prodotti di origine animale ....

Ahahahahhaha !! "Ma mi faccia il piacere !"

Questa mi SEMBRA la solita ridicola "tiritera" vegana che vorrebbe usare una giusta e da mecondivisa lotta contro l'uso di certe sostanze per arrivare un giorno vietare a chiunque di mangiare prodotti animali .

Dovrete passare sul mio corpo .
poveraccio
#33 poveraccio 2017-05-13 23:39
@fabiomln
Citazione:
Anzi vista l'innocuità del glifosato, si potrebbe metterne un po' nei vaccini così poi, nel caso remoto che il glifosato possa avere avere qualche minimo effetto collaterale, si acquisisce comunque immunità al glifosato stesso
Già fatto. :-D Probabilmente non in modo volontario.
Il glifosato è arrivato nei vaccini grazie alla coltura dei virus (?) su carne suina che era stata nutrita con cibi derivati da colture trattate col glifosato.

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO