Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

    • Avatar di FranZeta
    • Terra Piatta
    • Grazie per il prezioso contributo. D'altronde da un frammento dell'opera perduta di Eratostene Sulla misura...
    • Autore FranZeta
    • 30/05/2017 00:22
    • Avatar di Triac
    • Terra Piatta
    • Non posso credere che anche qui si discuta di questo argomento, non ci posso credere, avete mai preso un...
    • Autore Triac
    • 29/05/2017 21:43
    • Avatar di Gianlore
    • Cannabis Terapeutica
    • Probabilmente l'unica soluzione (al momento) è farsi un giro in Olanda alla faccia del ministero della...
    • Autore Gianlore
    • 29/05/2017 20:58
    • Avatar di Marauder
    • Terra Piatta
    • Grazie FranZ, a me è chiaro, volevo solo far vedere con una matematica intuitiva l assurdità della...
    • Autore Marauder
    • 29/05/2017 18:55
    • Avatar di FranZeta
    • Terra Piatta
    • In realtà la storia del "tot pollici per miglio" (non mi ricordo quanti) è una semplificazione che vale...
    • Autore FranZeta
    • 29/05/2017 18:43
    • Avatar di Marauder
    • Terra Piatta
    • Grazie FranZ, mi ricordavo vagamente di questa coglionata e mi chiedevo, anzi chiedo a chi pensa che sia una...
    • Autore Marauder
    • 29/05/2017 17:51
    • Avatar di FranZeta
    • Terra Piatta
    • Mi sa che siamo ancora agli argomenti dei famosi 200 punti di aruki, già confutati 64+50 pagine fa...
    • Autore FranZeta
    • 29/05/2017 17:34
    • Avatar di Marauder
    • Terra Piatta
    • Cosa dovrebero considerare e quali sarebbero gli effetti? Mi ricordo che se ne era parlato ma ora non mi...
    • Autore Marauder
    • 29/05/2017 16:04
    • Avatar di FranZeta
    • Terra Piatta
    • @grease In effetti credo di essere uno dei pochi che ha visto la tua foto, eccola: Nota tecnica: per...
    • Autore FranZeta
    • 29/05/2017 15:45
    • Avatar di Decalagon
    • Terra Piatta
    • @grease: Pensa invece che io quando mi affaccio dal mio balcone ogni tanto (non sempre), se non c'è...
    • Autore Decalagon
    • 29/05/2017 10:43
    • Avatar di Marauder
    • Terra Piatta
    • Grease non so gli altri, ma io non vedo nessuna tua foto. Hai mai visto la costa?
    • Autore Marauder
    • 29/05/2017 10:08
    • Avatar di macco83
    • Terra Piatta
    • Ti rispondo ad alcune 1. ci sono post precedenti che chiariscono il calcolo della distanza massima...
    • Autore macco83
    • 29/05/2017 10:01
    • Avatar di grease
    • Terra Piatta
    • Buongiorno. No, non è una provocazione, ma il dubbio mi è venuto dopo aver letto per caso questa storia...
    • Autore grease
    • 29/05/2017 08:43

Commenti Recenti

rss

Questo intervento di Valerio Lo Monaco ci mette in guardia dalla "tecnica della rana bollita", il lento processo di assuefazione allo stato di necessità a cui sta venendo sottoposto il cittadino medio. Quello che una volta era considerata la soglia della sconfitta sociale, oggi sta diventando addirittura uno status a cui ambire disperatamente. E avanti di questo passo...

di Valerio Lo Monaco

L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe ripudiare. Ci adattiamo a mangiare cibo spazzatura, a respirare veleni, a stare in coda un’ora al mattino in tangenziale per andare al lavoro e un’altra ora la sera per tornare a casa.

Ma gli adattamenti più subdoli sono quelli che riguardano stili di vita che inducono cambiamenti antropologici. Uno di questi riguarda una nuova figura sociale della nostra contemporaneità. Una figura sociale sconosciuta nella storia precedente: è la figura sociale del lavoratore povero. Cioè di colui che, pur lavorando, si trova in uno stato di povertà. Pur lavorando e percependo uno “stipendio” – diciamo così – riesce a malapena a far fronte alle sue necessità di base.

Una volta c’erano gli schiavi e c’erano i padroni. Poi i padroni sono rimasti. E agli schiavi è stato concesso un salario per accedere al consumo che li avrebbe fatti rimanere in cattività senza lamentarsene troppo. Un sistema messo a punto per consentire ai pochi privilegiati di continuare a rimanere tali, e anzi di continuare ad aumentare le proprie ricchezze. E ha funzionato, per un po’, perché ci siamo adattati a vivere in quello stato senza senso, paradossalmente perfino gratificante, del cosiddetto modello “lavora, consuma, crepa!“.

Oggi, però, che il consumo come si intendeva dieci anni fa non c’è più, cosa rimane di quel modello? Ben poco. Oggi è l’era del “lavoratore povero”. Il lavoratore che secondo il paniere Istat (cioè il costo dei dei beni di prima necessità che si devono acquistare perché siamo troppo occupati a lavorare per produrceli da soli) deve avere un salario minimo di mille euro al mese. Che sono del tutto inadeguati, lo sappiamo: basta pensare a quanto costa un litro di latte, oggi, oppure l’affitto di un monolocale in una grande città. Cosa ci si potrà mai fare con mille euro al mese? Nulla: una vita da lavoratore povero.

Eppure, a questa situazione ci siamo adottati. La consideriamo tanto normale da ambirla, andando addirittura in piazza a protestare per reclamare uno stipendio del genere. È chiaro che sia giusto protestare quando il lavoro non c’è, anche se si tratta di un lavoro del genere, che oltre a succhiare la vita non permette neppure di tornare a casa senza dover fare i conti con le bollette da pagare. Una condizione paragonabile a quella degli schiavi di una volta. Anzi, addirittura peggiore, perché almeno lo schiavo era certo di avere un posto dove dormire e di avere un piatto caldo in tavola.

Sino a che ci saranno in piazza persone disposte a protestare, con la sola ambizione di avere un lavoro del genere, nulla potrà mai veramente cambiare. Protestare per rivendicare un lavoro del genere, per ambire dunque a diventare schiavi, è come ostinarsi ad asciugare l’acqua caduta a terra da un lavandino otturato, senza rendersi conto che bisogna chiudere il rubinetto, invece di lasciarlo aperto.

La televisione – si dice – non fa che rispecchiare il mondo come è diventato. È vero, ma è anche vero che essa stessa contribuisce a formare quel mondo che poi racconta. E allora, se è vero che i lavori oggi disponibili non rispecchiano che il mondo nel quale viviamo, è altresì vero che noi continuiamo a perpetrare questo stesso mondo, decidendo di continuare ad adeguare le nostre pretese al minimo, continuando a ritenerlo normale e ineluttabile. Addirittura, nella speranza di farne parte.

Fonte Byoblu

Aggiungi Commento   

Canguro
#1 Canguro 2017-03-19 19:35
A 'sto cristiano gli farei una statua..
..pura Verita'.
Condivido a pieno il suo discorso.
Purtroppo spesso se fai questi discorsi anche con i tuoi conoscenti piu' stretti spesso finiscono per non capire e a guardarti male.
Ma, come dici tu Massimo, se non capiscono.. " mandiamoli a fan c..." e andiamo avanti. :hammer:
Adonis
#2 Adonis 2017-03-19 19:50
Completamente d'accordo con quanto dice Valerio anche se Massimo Fini queste cose le va ripetendo da anni e non è un caso che, proprio Valerio sia tra quelli considerabili suoi allievi. Anche Nietzsche parlava di schiavi salariati ma oggi le cose sono cambiate in peggio perché se gli schiavi di un tempo avevano qualche rigurgito di ribellione oggi gli schiavi moderni si adattano.
Un triste appiattimento delle coscienze veramente penoso. Anche l'adattamento verso questa politica infame, verso un sistema che non garantisce un minimo di benessere, verso le ingiustizie sociali....Piaget, psicologo dell'età evolutiva affermava che il sapersi adattare è logica conseguenza di un comportamento intelligente. Io continuo ad avere dubbi seri su questa cosa anzi l'adattarsi forzatamente a situazione avverse è sinonimo di pura imbecillità, conformismo e, in fondo, anche di menefreghismo.
peonia
#3 peonia 2017-03-19 20:48
Ora....con questo articolo che condivido in toto... vorrei che prendeste in seria considerazione quanto va dicendo il Coemm, con il suo Progetto Mondo Migliore,di cui faccio parte da oltre un anno e che, credetemi, può sembrare Utopia ma è realizzabile se davvero MOLTI ci credessero e si dessero da fare.. in fisica quantistica si dice che l'1 sposta 99.....quindi formando una massa critica che ha uno Scopo e lavora per quello,credendoci davvero, se po' fa... Noi co-creiamo...Se rimaniamo nel loop che TANTO LORO SONO PIU' FORTI, TANTO E' SEMPRE STATO COSI' etc. etc. NULLA CAMBERA' DAVVERO.... ma la colpa è di crede sia così...
Cosa ci aspettiamo davvero dalla Politica che comunque è così strutturata e legata bene o male, volente o nolente all'Elite?
Non è che voglia fare propaganda, non è un Multilevel...ma se cominciaste ad informarvi su cosa siamo, cosa vogliamo e cosa proponiamo, in ogni ambito sociale, dallo Stato, alla Finanza, alla Salute, al Lavoro, all'Istruzione, all'Ambiente, al Cibo ecc. ecc., capireste che insieme potremmo realizzare un "paradiso in Terra"...almeno provarci, invece di fare i "leoni da tastiera" ad incazzarci tutti i giorni per tutto, senza una meta...
Il Coemm, tanto attaccato e denigrato, deriso e calunniato, ovvio, è la risposta a Valerio Lo Monaco: un nuovo Umanesimo...
Junkers87
#4 Junkers87 2017-03-19 22:44
No, schiavi non era meglio.
Giova1488
#5 Giova1488 2017-03-19 23:57
Peccato non riesco a vedere il video per il momento, chi ha una chiavetta sa le pene che si passano; pero', al proposito, per l'angolo del "forse non tutti sanno che.."

In the 16th – 18th century, Africans enslaved 1.5 million White Europeans in the Barbary Slave Trade. African Muslims raided up the coastlines of Europe, particularly the British Isles but even as far as Iceland, kidnapping and enslaving White European Christians.

Che bello, da oggi posso rompere i coglioni al mondo e dare la colpa agli arabi che hanno messo i miei antenati in schiavitu' :-D
chissa' come funziona questa affirmative action
social_observ
#6 social_observ 2017-03-20 00:05
Schiavi non era meglio: il padrone poteva disporre di te e dei tuoi cari come voleva.

La società e l'economia sono creazioni umane quindi possono essere modificate: basta volerlo.
Anteater
#7 Anteater 2017-03-20 00:23
Siamo in troppi e quindi c'è questa situazione...schiavi perché c'è troppa offerta di forza lavoro...

Poi abbiamo robot...c'è sovraproduzione..le materie prime costano una cicca...

Sta tutto collassando...è pieno di krumiri...d'altronde ci è passata la voglia di far figli qui in occidente...

È frustrante avere accesso all'istruzione e rimaner incastrati delegando a sinistri personaggi che decidono i destini...

Slobbysta
Ghilgamesh
#8 Ghilgamesh 2017-03-20 00:24
Citazione:
Schiavi non era meglio: il padrone poteva disporre di te e dei tuoi cari come voleva.
Perchè? Adesso invece non possono?
La fondamentale differenza, è che una volta lo schiavo sapeva di esserlo, oggi stiamo pure peggio, ma la gente pensa di stare bene!

Che so, una volta lo schiavo lavorava gratis e forzatamente per il padrone, oggi, con la raccolta differenziata, non solo ogni cittadino è costretto a lavorare per il "padrone" ... MA deve pure pagarlo!
E in molti sono pure contenti!

Questo è solo un esempio, ma rende bene l'idea del rincoglionimento del genere umano.
(persone con del sale in zucca, chiederebbero intanto leggi per far pagare chi produce materiale non riciclabile e/o altamente inquinante ... e poi di dividere gli utili ricavati dal materiale riciclato!)
Jurij
#9 Jurij 2017-03-20 06:52
Si tutto bene tutto bene .... ma poi ?
Quale sarebbe l'alternativa ? Perché fino lì ci si arriva già da soli.
Io vorrei sentire proposte realiste alternative :-)
redribbon
#10 redribbon 2017-03-20 09:05
Citazione:
Protestare per rivendicare un lavoro del genere, per ambire dunque a diventare schiavi, è come ostinarsi ad asciugare l’acqua caduta a terra da un lavandino otturato, senza rendersi conto che bisogna chiudere il rubinetto, invece di lasciarlo aperto.
L'esempio non mi sembra calzante, e comunque non bisogna chiudere il rubinetto ma stasare il lavandino!
L'acqua poi sarebbe meglio lasciarla scorrere per la maggior parte del tempo, in un mondo dove non te la fanno pagare ma torna ad essere gratis come è giustamente in natura.
Che poi è esattamente la mentalità ANARCHICA che è quella che serve per rigettare nella fogna da dove si è sviluppata la mentalità borghese,
basterebbe che tutte le persone fossero educate da piccine a pensare anarchico per cambiare parecchie cose e risolvere buona parte dei problemi.

Citazione:
Sino a che ci saranno in piazza persone disposte a protestare, con la sola ambizione di avere un lavoro del genere, nulla potrà mai veramente cambiare


Per me il lavoro è un diritto, per le elite no, si tratta di vedere riconosciuto un diritto e protestare per un diritto negato non è mai sbagliato, è già qualcosa di importante, certamente meglio che non protestare affatto.

Citazione:
Eppure, a questa situazione ci siamo adattati. La consideriamo tanto normale da ambirla,


Così come ci siamo adattati ad ammalarci, o a vedere persone vicine ammalate, di cancro,
ogni volta mi girano i coglioni, peggio di quando devo pagare l'acqua in città.

Citazione:
Anzi, addirittura peggiore, perché almeno lo schiavo era certo di avere un posto dove dormire e di avere un piatto caldo in tavola.


Si era anche certo che la sua compagna sarebbe stata la concubina del padrone,
oggi invece, a volte, è la concubina di molti per denaro insufficiente.
Sudisti contro nordisti, chi vince?
Balanzone
#11 Balanzone 2017-03-20 09:53
Dissento su un termine dell'articolo: cioé che "agli schiavi è stato concesso un salario per accedere al consumo", perché gli schiavi se lo sono andati a prendere, hanno lottato letteralmente col coltello fra i denti contro i fucili dei Potenti, per anni sono caduti uccisi durante gli scioperi per conquistarsi dei diritti sociali corrispondenti ai diritti umani. Quel poco o molto che sia, se lo sono preso a prezzo della vita. Era la vera e propria lotta di classe fra chi ha e vuole tenersi stretto e chi non ha e vuole prendersi. Non c'é nessun alto ideale di uguaglianza quindi per la maggior parte dei contendenti, solo la solita vecchia lotta per la pozza d'acqua.

A proposito della "rana bollita" c'é un esperimento del genere in atto in Francia attualmente ve lo ricordate?
www.viaggiaresicuri.it/.../francia.html?no_cache=1 poi vai a SICUREZZA sullo stato di emergenza.
Sempre nello stile di creare il problema e proporre la soluzione limitativa dei diritti umani, in questo caso la privacy, la libertà di movimento, di pensiero, di espressione, invece che le condizioni di vita ma é lo stesso.

Come se ne esce? Per ora con delle esplosioni! Quando la misura é colma il popolo esplode e per evitare di rovinare gli affari i Potenti fanno finta di allentare la corda, per poi ritirarla quando saremo belli ingozzati di tramezzini e prosecco. Questo almeno finché la sensibilità della gente arriverà al punto di non ammettere più disparità sociali, per cui i diritti umani diventeranno un'evidenza e non materia del contendere. Affinché questo stato di cose finisca é necessario quindi lavorare per lo sviluppo della consapevolezza, per sé stessi e per gli altri.
Adonis
#12 Adonis 2017-03-20 10:18
Oggi è l’era del “lavoratore povero… con un salario minimo di mille euro al mese. Che sono del tutto inadeguati…Cosa ci si potrà mai fare con mille euro al mese? Nulla: una vita da lavoratore povero.

Un passo importante questo di Valerio sul quale si dovrebbe riflettere molto seriamente.
Perché questo stato di cose è la diretta conseguenza di quel potere infame che, soprattutto le aziende private, hanno sui lavoratori. Ho ti mangi questa ministra oppure…
Quante volte mi sono sentito dire: “dai abbozza, non ti ribellare, se perdi il lavoro è finita”, come a dire mettiti prono e bandisci ogni forma di ribellione.
Ecco la genesi dei lavoratori poveri ossia coloro che sono costretti ad accontentarsi del minimo indispensabile per sopravvivere laddove il motto è “meglio pochi che niente”. Ed è su questo che giocano a fanno affidamento i nuovi schiavisti, quelli che gestiscono i call center, i capicantiere, i capiufficio o i capisettore aziendali.
Loro hanno la parolina magica che incute terrore…licenziamento ed è su ricatti e prevaricazioni che si muovono tanto nessuno osa ribellarsi. Io mi sono ribellato molte volte in vita mia pagando il prezzo dovuto che – vi assicuro – è piuttosto salato. Ma almeno ho salvato la dignità il che non è poco.
E non è vero quanto ci danno da bere che siamo tutti uguali, alla faccia degli articoli costituzionali.

Aveva perfettamente ragione Nietzsche quando scriveva che “postulare l’uguaglianza in una società di schiavi e salariati vuol dire aver perso la testa”.
_IO
#13 _IO 2017-03-20 10:43
@ gentile Jurij:

Un lontano e antico (ma sembra parli all'uomo di oggi) sapiente disse:

Un piccolo paese con pochi abitanti, dove, sebbene esistano strumenti che fanno il lavoro di dieci o cento uomini, si possa indurre il popolo a non adoperarli!
Dove si possa indurre il popolo a considerare la morte una cosa grave e a non emigrare lontano!
Dove, sebbene esistano barche e carri, non ci sia motivo di caricarli, e sebbene esistano corazze e armi, non ci sia motivo di prepararli per l'uso!
Dove si possa indurre il popolo a tornare all'uso delle cordicelle annodate; a gustare il proprio cibo, ad ammirare le proprie vesti, ad accontentarsi delle proprie abitazioni, a godere dei propri costumi!
Dove, sebbene esista un paese vicino a portata d'occhio, in modo che dall'uno all'altro si odano cantare i galli e abbaiare i cani, gli abitanti sino alla loro morte in vecchiaia non si siano mai frequentati!

@ Redazione:
Come ci si disiscrive dal sito?
Teoclasto
#14 Teoclasto 2017-03-20 11:38
_IO aggiungiamo pure questa:

"XLVII - SCRUTARE CIO' CHE E' LONTANO

Senza
uscir dalla porta
conosci il mondo,
senza guardar dalla finestra
scorgi la Via del Cielo.
Più lungi te ne vai meno conosci.
Per questo il saggio
non va dattorno eppur conosce,
non vede e più discerne,
non agisce eppur completa."


In fondo, visto che la "realtà" è "creata" dalla nostra percezione -anche se non come comunemente inteso-, come dargli torto? ;-)
giu42su
#15 giu42su 2017-03-20 11:48
Tutto molto vero e condivisibile quello che è espresso nel video. Ma dovremmo porci anche altre domande. Per esempio: cosa aveva portato il gran benessere che vivevamo fino a, diciamo, 20 anni fa? Ad una società malata. Malata di consumismo e superficiale, fatta di individui (per lo più) vuoti, ignoranti, insensibili. Diciamo che non abbiamo saputo approfittare di questo benessere. Diciamo che abbiamo avuto una grande opportunità e ce la siamo fatta scappare da imbecilli. Se penso a qualche anno fa, mi vengono in mente solo individui che lavoravano e guadagnavano solo per riempire la propria vita di oggetti perlopiù inutili. Gente che ti guardava male se andavi in giro con una macchina datata. Bambini (bambini!!!!) già proiettati in un mondo di consumismo e competitività tra chi aveva il cellulare più costoso. Vivevo a Firenze allora, e ricordo ventenni (ventenni!!!!) che, annoiati, trascorrevano i pomeriggi e le domeniche nei grandi centri commerciali. A Firenze!!! Una città che offre bellezze a sfare, musei, convegni, dibattiti, una campagna magnifica a pochi passi. Oggi, quando penso ai Grandi Centri Commerciali mi sembrano anacronistici, fuori tempo. Per fortuna. Lo shopping mi sembra anacronistico. Avete rimpianto della società consumistica? Io no, sinceramente. Magari qualche soldo in più mi farebbe comodo, certo. Ma ci metterei la firma per non tornare a qualche decennio fa. Non preoccupatevi! Non tutto il male viene per nuocere! E forse era necessaria questa crisi. Per cambiare INTERIORMENTE e sono sicuro che molti di noi stanno cambiando interiormente, anche grazie a questa crisi. Vorrà dire la prossima stagione di benessere (che naturalmente mi auguro venga presto e per tutti) sarà davvero meravigliosa.
ps: sono andato un pò OT
Davide71
#16 Davide71 2017-03-20 11:59
Ciao a tutti:
io sono d'accordo nel senso che la classe del lavoratore salariato è una classe servile, lo è sempre strata e sempre lo sarà, e non c'è nulla che si possa fare in merito, perché la società moderna è, per il fatto stesso di essere una struttura sociale, strutturata col sistema delle caste indù: sacerdoti, guerrieri, mercanti e schiavi.
I sacerdoti sono coloro che ti dicono cosa devi pensare (non pensate solo ai preti, ma a tutti gli intellettuali, i professori, i giornalisti), i guerrieri quelli che ti dicono come ti devi comportare (anche lì, non pensate solo ai militari, ma alla magistratura, alla politica, alle Forze dell'Ordine...), i mercanti (imprenditori, si direbbe oggi) ti dicono quello che devi fare. Il fatto che oggi vi sia una mobilità sociale eccezionale nel panorama della Storia del genere umano non significa che queste caste non esistano. E soprattutto non implica necessariamente che tali caste non cerchino di cristallizzare i privilegi acquisiti tramandandoli di padre in figlio.
Nel Medioevo tali caste erano abbastanza ben definite, poi in Europa almeno una serie di movimenti hanno cominciato a minare le relazioni tra una casta e quella superiore. Per es. il Rinascimento può essere letto in termini di ribellione della casta militare (i Nobili) su quella sacerdotale (la Chiesa), il Risorgimento (e la Rivoluzione Francese) in termini di ribellione della casta borghese su quella nobiliare, e il Comunismo in termini di ribellione della casta servile su quella imprenditoriale. In tal senso la lettura marxiana delle dinamiche sociali mi pare alquanto produttiva.
Adesso assistiamo non, come dice Marx, ad una eliminazione delle classi sociali (caste), ma solo alla loro mimetizzazione, ma soprattutto adesso abbiamo una casta servile (i liberi professionisti e certe categorie di lavoratori dipendenti) che sfrutta i restanti lavoratori dipendenti, in special modo gli immigrati devo dire.
Fino a qualche tempo fa era possibile progredire automaticamente nella scala sociale, ma questo processo si è dovuto fermare (abolizione della scala mobile e dell'equo canone solo per citare alcuni eventi) e adesso chi vuole progredire nella scala sociale (e acquisire ulteriori gradi di libertà) pur potendolo fare, ha bisogno di molta forza ed eventualmente di "un calcio in c*** o di un pizzico di fortuna.
La classe servile non si ribella perché l'alternativa è finire in mezzo alla strada a morire di fame. Prima di portare un uomo a sfidare una cosa del genere ce ne vuole; il capitalismo c'è riuscito però!
Redazione
#17 Redazione 2017-03-20 12:29
_IO: Citazione:
@ Redazione: Come ci si disiscrive dal sito?
Se hai postato commenti (come nel tuo caso) non si può cancellare l'account, altrimenti spariscono anche tutti i tuoi commenti. Se vuoi, semplicemente, cancello i tuoi dati personali e ti chiudo l'accesso. Ma il nome dell'account deve rimanere.

Fammi sapere in PM.
stecos
#18 stecos 2017-03-20 12:49
Premesso che odio il fatto di dover lavorare per vivere...mi sembra un po uno sfogo infantile sto video, anche un po miope a dire il vero.
I lavoratori poveri esistono da sempre, anzi vorrei dire che lavori storicamente votati relazionati con la povertá oggi offrono buone remunerazioni, vedi falegnami, fabbri, muratori, etc.
I braccianti, spazzini, lavapiatti, quindi i lavoratori senza studi ne competenze, poveri erano e poveri sono.
La gran novitá e semmai il laureato povero. Qui vedo spunti piú interessanti per una discussione.
In una comunitá gli studi e l economia dovrebbero appoggiarsi reciprocamente e oggi non succede, con la complicitá di tutte le parti in causa.
In una nazione sana, italiana o no, per lavare i bagni pubblici non dovresti nemmeno passare per un colloquio di lavoro. Allo stesso modo, mettere su uno stesso piano una laurea in filosofia e una in matematica non ha senso.
Resta poi il grande mostro delle multinazionali e dei mercati globali che stuprano le realtá locali alla stregua del ius primae noctis
Balanzone
#19 Balanzone 2017-03-20 13:29
Concordo con gli ultimi post che le classi sociali non si eliminano per il momento ma si assiste al balletto degli avvicendamenti fra quelli che vogliono andar su e quelli che non vogliono andar giù e basta. Marx infatti fa un ragionamento che, figlio del suo tempo, non tiene conto della Coscienza, il "fattore nascosto", che ancor'oggi nessun tipo di Scienza, neanche quella Economica o Sociale, riesce a prendere seriamente, perché o se ne ha consapevolezza o non te la può far vedere nessuno. Finché ciò non accadrà i risultati dei calcoli, delle previsioni, delle tendenze, ecc. saranno sballati.

Ad esempio, proprio Marx teorizza giustamente l'implosione del Capitalismo quando tutte le nazioni si saranno sviluppate, visto che l'eccedenza di prodotto e capitale che tutte queste nazioni producono, una dopo l'altra man mano che si sviluppano, non potrà più essere riversata sulle nazioni non ancora sviluppate e il sistema si blocca. Quindi cosa hanno fatto i capitalisti? Ringraziando Marx di aver mostrato loro il loro tallone d'Achille ed essendo nel contempo sprovvisti di Coscienza, da una parte hanno fatto in modo di riversare il surplus di prodotto e di capitali nelle nazioni povere, non per svilupparle ma per per controllarle, comprando imprese pubbliche o private in settori strategici: acquedotti, elettricità, trasporti, comunicazioni, ecc. mantenendo i prezzi più alti possibili e guidandone le politiche (esempio: Africa), d'altra parte creando le condizioni, le "crisi", per far retrocedere alcune nazioni sviluppate ad un rango inferiore (esempio: Europa Occ. che va giù mentre il Sud/Est asiatico va su); ciò in modo che nel mondo esistessero sempre tante nazioni povere nelle quali investire l'eccedenza!

Appare chiaro quindi che i problemi economici, sociali, ecc. si risolveranno solo quando l'Umanità sarà sufficientemente in empatia da rendere la sofferenza altrui impossibile solo da pensare in quanto la si sentirebbe come la propria sofferenza...
Paolab
#20 Paolab 2017-03-20 14:31
dall’articolo di Marco Della Luna marcodellaluna.info/.../...

“La giustizia potrà cambiare orientamento, cioè potrà riconoscere la illegittimità e incostituzionalità del sistema monetario e bancario vigente, solo se e quando l’opinione pubblica avrà capito come stanno le cose e continuare a negare l’evidenza sarà divenuto impossibile”



“L’attuale sistema economico sta per essere messo da parte. Presto o tardi ci sarà un riordinamento su vasta scala. Il sistema degli interessi sarà alla fine abolito in favore di un più accettabile incentivo ai profitti, ed il metodo col quale condurremo le nostre operazioni finanziarie in futuro si sposterà da un sistema di debiti ad un sistema di crediti che impedirà di finanziare le spese col debito pubblico. Ci vorrà un po’ di tempo perché questo cambiamento si attui, ma ciò avverrà, e quando si verificherà ci troveremo tutti su un terreno economicamente più solido, il che ci permetterà di vivere una vita più prospera. “ ( Bernardino del Boca – Rivista Età dell’Acquario n. 24/1983 pag. 46) da teosofia-bernardino-del-boca.it/.../...
Haytham
#21 Haytham 2017-03-20 16:22
Un corpo schiavo spinge la mente alla rivolta. Una mente schiava, soggioga il corpo in modo naturale ed efficiente.
fabiomln
#22 fabiomln 2017-03-20 17:20
Condivido l'articolo ma purtroppo oggi non basta più la lotta di classe.
Prima ci vorrebbe una lucidità mentale collettiva e una visione del futuro chiara.
Oggi il sistema è agonizzante e l'unico modo è cambiarlo integralmente.
Ad un sistema agonizzante (quello del mercato 'libero') abbiamo aggiunto situazioni che hanno accelerato l'agonia.
Ad esempio un mercato mondiale a cui partecipano tutti, anche quelli che hanno condizioni lavorative di gran lunga peggiori delle nostre, non può che far abbassare ulteriormente le condizioni dei lavoratori delle società più avanzate.
Oppure essersi andati a cacciare nell'eurozona ci ha tolto meccanismi per mantenere la competitività.
Ma il punto è che il sistema liberista consumistico si approssima alla fine.
Sarà sempre più impossibile dare lavoro a tutti poiché già oggi esiste capacità di sovra produzione in molti settori e sarà sempre più così. In futuro i beni li produrranno esclusivamente le macchine. Ma chi comprerà i beni senza persone con un salario? Il sistema crollerà a partire dalle periferie, poiché i più forti a competere manterranno per un po' posti di lavoro a scapito dei più deboli (vedi paesi del centro europa verso i PIIGS). Ma a tendere il sistema crollerà.
Bisogna intervenire imponendo regole uguali a chi vuole partecipare ad un mercato globale comune.
Poi bisogna tassare chi produce fino a valori prossimi al 90/95% degli utili e trovare sistemi per ridistribuire la ricchezza fra la popolazione. Questo andrebbe a vantaggio sia delle aziende (che altrimenti finirebbero con il fallire per mancanza di acquirenti) che dei 'non lavoratori' che riceverebbero un salario per il solo fatto di esistere.
Insomma, il meccanismo da mettere in atto è quello di ridistribuire i beni prodotti (e oggi abbiamo capacità produttiva senza precedenti) fra tutti gli appartenenti alla società. Questo sarà il sistema post liberista. Come arrivarci dipenderà dall'intelligenza di chi ci governa e qui temo che ci si arriverà attraverso periodi traumatici e di grande sofferenza per le persone (vedi Grecia).
horselover
#23 horselover 2017-03-20 17:48
allo schiavo devi dare da mangiare anche quando non c'è lavoro mentre il salariato puoi licenziarlo. bisognerebbe lottare per il diritto all'ozio
miles
#24 miles 2017-03-20 17:49
Un tempo, facevo il dipendente salariato.
Erano tempi diversi, il guadagno mensile mi bastava per tutti i miei sollazzi e ancora vanzava.
Pero' mi sembrava di non essere davvero libero, di avere il mio destino imbrigliato nelle decisioni altrui, e cosi' feci il grande passo:diventai imprenditore.
Dopo qualche anno mi accorsi di essere cascato dalla padella nella brace.
Se prima solo il mio destino era imbrigliato, ora lo era anche quello dei dipendenti, e i vincoli erano ancora più pericolosi.
Prima almeno qualche piccola tutela c'era, e poi il rischio era solo quello di perdere il lavoro, mentre dopo sarebbe bastata la svista di un impiegato per rischiare addirittura la galera.
Ora non faccio proprio niente.
Penso che il lavoro sia la peggior condizione in cui un umano possa andarsi a cacciare, e che il "potere" sappia usare questo strumento in modo magistrale.
redribbon
#25 redribbon 2017-03-20 18:32
Citazione:
#12 Adonis
Aveva perfettamente ragione Nietzsche quando scriveva che “postulare l’uguaglianza in una società di schiavi e salariati vuol dire aver perso la testa”.
Che è come dare ragione a Lenin quando diceva:
-"Ma questa democrazia è sempre compressa nel ristretto quadro dello sfruttamento capitalistico, e rimane sempre, in fondo, una democrazia per la minoranza, per le sole classi possidenti, per i soli ricchi (...)
Gli odierni schiavi salariati, in forza dello sfruttamento capitalistico, sono talmente soffocati dal bisogno e dalla miseria, che «hanno ben altro pel capo che la democrazia», «che la politica», sicché, nel corso ordinano e pacifico degli avvenimenti, la maggioranza della popolazione si trova tagliata fuori dalla vita politica e sociale.
Democrazia per un'infima minoranza, democrazia per i ricchi: è questa la democrazia della società capitalistica."

www.filosofico.net/.../lenin1.htm
m4x
#26 m4x 2017-03-20 18:56
E' morto David Rockefeller... penso che per uccidere la tritezza stapperò una bottiglia di Champagne ^_^
qilicado
#27 qilicado 2017-03-20 19:34
Il titolo del video è provocatorio. Ovviamente non va comparata la condizione di uno schiavo con quella di un lavoratore salariato.

Citazione:
Ma gli adattamenti più subdoli sono quelli che riguardano stili di vita che inducono cambiamenti antropologici.
Io parlerei più precisamente di cambiamenti epigenetici.

Adonis ha scritto:
Citazione:
Piaget, psicologo dell'età evolutiva affermava che il sapersi adattare è logica conseguenza di un comportamento intelligente. Io continuo ad avere dubbi seri su questa cosa anzi l'adattarsi forzatamente a situazione avverse è sinonimo di pura imbecillità, conformismo e, in fondo, anche di menefreghismo.
Sono stati geniali i padroni del mondo: hanno piegato le leggi della natura evitando di infrangerle. In questo caso hanno piegato il principio di adattamento, così quando ti ribelli a loro ti ribelli alla natura stessa. E di qui il Karma.

Per quanto riguarda Piaget, lui parlava così perché prima di diventare psicologo era un biologo. E' noto il suo binomio assimilazione-accomodamento preso dalla biologia e transposto nella psicologia dello sviluppo.
Veramente affascinanti i suoi studi.

Peonia Ha scritto:
Citazione:
capireste che insieme potremmo realizzare un "paradiso in Terra"
Secondo me abbiamo varcato da un pezzo il punto di non ritorno.

Balanzone ha scritto:
Citazione:
Marx infatti fa un ragionamento che, figlio del suo tempo, non tiene conto della Coscienza, il "fattore nascosto", che ancor'oggi nessun tipo di Scienza, neanche quella Economica o Sociale, riesce a prendere seriamente, perché o se ne ha consapevolezza o non te la può far vedere nessuno.
Semmai è il marxismo che fa quel ragionamento, è il così detto materialismo volgare. Il materialismo di Marx è un altra cosa: è l'interessarsi, per così dire, alle relazioni sociali inerenti determinati settori dell'esistenza. Nel suo caso il lavoro e la produzione.
Per quanto riguarda la coscienza, una delle intuizione marxiane più importanti, ma che ha lasciato lì come spunto senza approfondire, sta proprio nel dire che è "l'essere sociale che determina la coscienza e non viceversa". Per di più gli scritti di Marx sono un continuo domandarsi su come mai la coscienza comune non riesca a giungere alla verità, e come si formi viceversa una falsa coscienza della realtà.
Balanzone, intuisci correttamente che c'è un fattore nascosto. Questo fattore è nascosto perché siamo stati socialmente educati a nasconderlo.
Robin 1610
#28 Robin 1610 2017-03-20 21:05
Citazione:
E' morto David Rockefeller... penso che per uccidere la tritezza stapperò una bottiglia di Champagne ^_^
Saranno in lutto Monti & C.
Rettiliano o non rettiliano :-) nessuno è eterno.
veritassaphinho
#29 veritassaphinho 2017-03-20 21:38
Non desiderarlo troppo :-)

Citazione
#26 m4x 2017-03-20 18:56
E' morto David Rockefeller... penso che per uccidere la tritezza stapperò una bottiglia di Champagne ^_^

Potrebbe succedere anche a te che quando mancherai , i tuoi eredi si stapperanno una bottiglia di Moet , e si prenderanno poi a guerre legali per il tuo misero passaggio in questa terra e sarai ricordato come un pirla, forse qualcuno il 19 marzo metterà " ci manchi papà " ma sarà una burla nella verità
Daniel77
#30 Daniel77 2017-03-20 22:11
"Una figura sociale sconosciuta nella storia precedente: è la figura sociale del lavoratore povero. Cioè di colui che, pur lavorando, si trova in uno stato di povertà. Pur lavorando e percependo uno “stipendio” – diciamo così – riesce a malapena a far fronte alle sue necessità di base".

Consiglio al sig. Lo Monaco di studiare un po di Storia, anche su testi delle medie inferiori, prima di sparare coglionate di questo tenore, che sviliscono la tesi supportata anche se fosse corretta. Fra gli innumerevoli esempi che potrebbe trovare, consiglio i servi della gleba che sono anche vicini a noi in linea temporale.
Per questo e per molti altri motivi, non sono d'accordo con le conclusioni dell'autore, anche perché il tema richiede una trattazione molto più profonda ed esaustiva.
phobos
#31 phobos 2017-03-20 22:15
Un video perfetto per descrivere gli elettori del M5S!
Per l'ennesima volta, le "buffonarie" si concludono con un risultato sgradito al Guru e vengono annullate; eppure, l'elettorato grillino, che somiglia sempre più agli adepti di una setta, non batte ciglio.
In qualunque altro partito sarebbe scoppiato il finimondo; il M5S, invece, continua a volare nei sondaggi!
Ghilgamesh
#32 Ghilgamesh 2017-03-20 22:55
Citazione:
In qualunque altro partito sarebbe scoppiato il finimondo; il M5S, invece, continua a volare nei sondaggi!
Considerato il comportamento dei piddini dopo la pugnalata alle spalle di Renzi a Letta o il fatto che le primarie le avesse vinte Bersani (ma evidentemente il risultato non è piaciuto a un qualche guru, visto che quelle del 2012 vinte da Bersani, nell'indifferenza generale, son state poi rifatte nel 2013 in modo da avere il candidato voluto, proprio come in questo caso!) o, dall'altra finta parte, dove Berlusconi poteva candidare tranquillamente le sue mignotte senza che nessuno osasse fiatare ... hai qualche fonte per supportare quella che io considero una tua sonora puttanata?

O hai spacciato per fatti delle tue idee?
phobos
#33 phobos 2017-03-21 00:12
Ghilgamesh, Bersani non è riuscito a formare una maggioranza e si è fatto da parte, come dovresti ben sapere.
veritassaphinho
#34 veritassaphinho 2017-03-21 00:51
bravo Phobos. Oltre al fatto che un governo viene nominato ( a meno che non abbiano cambiato la costituzione a nostra insaputa il 4 dicembre) , non sono i dati delle urna ad incoronare un premier, ma la capacità di formare un governo
Ghilgamesh
#35 Ghilgamesh 2017-03-21 01:23
Non male phobos, io ti faccio 3 esempi e tu ne accenni solo uno... (con argomenti fra l'altro discutibili, dato che fra le cose che ben so, ricordo che non riuscì a fare il governo per colpa dei franchi tiratori del "suo" partito ... cosa che ricorda molto il fatto da te criticato SOLO per il M5S ... in finale era stato votato Bersani dagli elettori, ma i renziani e quindi Renzi, non approvavano, quindi hanno fatto in modo di cacciarlo per metterci Renzi ... esattamente come adesso ... ricordi finimondi tu? No! ricordi solo che non riuscì a fare una maggioranza!)

Ma la tua frase rimane Citazione:
In qualunque altro partito sarebbe scoppiato il finimondo; il M5S, invece, continua a volare nei sondaggi!
Sai dirmi almeno un altro partito in cui son successe cose simili ed è successo il "finimondo"?

Io direi di no!

E se non sai dirci manco un caso, allora la tua frase risulta falsa!

(che penso sia il motivo dei complimenti fatti da falsitàpigno! ^__^)
m4x
#36 m4x 2017-03-21 02:19
"Potrebbe succedere anche a te che quando mancherai , i tuoi eredi si stapperanno una bottiglia di Moet , e si prenderanno poi a guerre legali per il tuo misero passaggio in questa terra e sarai ricordato come un pirla, forse qualcuno il 19 marzo metterà " ci manchi papà " ma sarà una burla nella verità"

Mi stai dicendo che i miei futuri "eredi" se la caveranno con delle misere "guerre legali" per una bottiglia di Moet vuota ?

E' proprio vero, a volte ci si preoccupa per niente :hammer:
Sertes
#37 Sertes 2017-03-21 09:04
Carino questo articolo, potrei riscriverlo parola per parola per l'ipocrisia dei carnivori.

In pratica l'articolo parla di responsabilità personale per la situazione mondiale, e quindi è adattabile a tutte le grandi cospirazioni di pace.
adanos
#38 adanos 2017-03-21 10:32
"Pare che lo schiavismo sarà abolito in conseguenza della guerra [civile americana], e la schiavitù spazzata via. Io e i miei amici europei siamo in favore di questo sviluppo degli eventi, poiché lo schiavismo altro non è che il possesso del lavoro e porta con sé la cura del lavoratore, mentre il piano europeo, indicato dall'Inghilterra, prevede il controllo del capitale sul lavoro mediante il controllo dei salari. Questo risultato può essere raggiunto avendo il controllo sull['emissione dell]a moneta. Il grosso debito risultante dallo sforzo bellico, la cui contrazione i capitalisti si accerteranno che abbia luogo, deve essere utilizzata quale misura per il controllo del volume di moneta [in circolazione]; per ottenere ciò le obbligazioni devono essere utilizzate in qualità di base bancaria. Stiamo ora aspettando che il Segretario del Tesoro faccia una siffatta raccomandazione al Congresso. Non sarà opportuno consentire che il "greenback" [il dollaro emesso negli anni della Guerra civile dal governo americano, slegato da oro e argento], come è chiamato, resti in circolo un solo secondo di più, giacché non possiamo controllarne l'emissione, ma siamo in grado di controllare l'emissione di obbligazioni, e attraverso queste ultime di risolvere il problema bancario....Se tale criminale politica finanziaria, che ha le sue origine nel Nord America, si consolidasse come una pustola, allora il Governo sarà provvisto di proprio denaro senza alcun costo. Potrà ripagare i debiti e agire senza averne. Avrà tutto il denaro necessario per portare avanti la propria attività economica. Diventerà prospero in un modo senza precedenti nella storia del mondo.Un tale Governo deve essere distrutto, o distruggerà ogni monarchia del globo".

tratto dalla fantomatica "The Hazard Circular" della Banca d’Inghilterra anno 1862

orizzonte48.blogspot.it/.../...

Magari Massimo uno di sti giorni potrebbe intervistare Luciano Barra Caracciolo magistrato che cura il soppracitato blog ...
Decalagon
#39 Decalagon 2017-03-21 10:43
Citazione:
Carino questo articolo, potrei riscriverlo parola per parola per l'ipocrisia dei carnivori.

In pratica l'articolo parla di responsabilità personale per la situazione mondiale, e quindi è adattabile a tutte le grandi cospirazioni di pace.
Sarebbe una splendida idea ma qui su LC è difficile parlare di grandi cospirazioni come le religioni o l'industria zootecnica.
Sertes
#40 Sertes 2017-03-21 11:11
Ecco fatto:


di Riccardo Pizzirani su un testo precedente di Valerio Lo Monaco

L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe ripudiare. Ci adattiamo a mangiare cibo spazzatura, a respirare veleni, a stare in coda un’ora al mattino in tangenziale per andare al lavoro e un’altra ora la sera per tornare a casa.

Ma gli adattamenti più subdoli sono quelli che riguardano stili di vita che inducono cambiamenti antropologici. Uno di questi riguarda una nuova figura sociale della nostra contemporaneità. Una figura sociale sconosciuta nella storia precedente: è la figura sociale del carnivoro amante degli animali. Cioè di colui che, pur avendo in casa cani e gatti che tratta con amore, continua a mangiare carne. Pur passando del tempo a curare ed accudire i suoi animali domestici riesce a malapena a concepire che se mangia carne un animale viene ucciso.

Una volta c’era chi mangiava verdure e chi mangiava carne. Poi l'allevamento è diventato un industria, e quindi un business. E alle persone è stato concesso di mangiare carne in modo diffuso, come se fosse una conquista sociale. Un sistema messo a punto per esaltare i privilegi del palato facendo finta che essi non avessero un contrappeso in sevizie, sofferenze ed uccisioni. E ha funzionato, per un po’, perché ci siamo adattati a vivere in quello stato di bispensiero, facendo coesistere nella nostra mente due concetti diametralmente opposti, nascondendo così al nostro pensiero cosciente le responsabilità delle nostre scelte alimentari.

Oggi, però, che l'informazione è il bene maggiormente diffuso, quali alibi abbiamo per non vedere l'ovvio? Ben pochi. Oggi è l’era del “carnivoro amante degli animali”.

Animali allevati e fatti vivere per anni in condizioni spaventose e poi uccisi solo per un beneficio di palato di chi abita nei paesi industrializzati. E ciò nonostante ogni 9 cittadini del mondo, uno è denutrito. E sappiamo bene che lo stesso campo se coltivato a verdure nutre dai 9 ai 16 cittadini del mondo, ma se usato per alimentare 3 anni un animale, poi nutre 1 cittadino. Quindi non si tratta solo di limitare le sofferenze o le uccisioni di animali, ma di dare anche una risposta ad un bisogno concreto di altre persone come noi che soffrono la fame.

Eppure, a questa situazione ci siamo adottati. Mangiare carne lo consideriamo tanto normale da ambirlo, andando addirittura nelle piazze virtuali a protestare contro i vegani che ci ricordano che vivere senza crudeltà è possibile. È chiaro che sia giusto protestare quando il cibo non c’è, o alimentarsi di carne quando non ci sono davvero altre possibilità, ma la pubblicità commerciale è stata così pervasiva che chi sceglie un alimentazione non etica non ha nemmeno da dover fare i conti con la propria coscienza, seppellita sotto un mare di giustificazioni. Una condizione paragonabile ai malati di mente bipolari. Anzi, addirittura peggiore, perché almeno il bipolare ha coerenza in come si comporta in ciascuna delle sue due personalità, invece il “carnivoro amante degli animali” pretende di far coesistere due concetti opposti assieme, contemporaneamente.

Sino a che ci saranno nelle piazze virtuali persone disposte a protestare, con la sola ambizione di garantire il proprio privilegio del sapore a discapito della vita e della qualità della vita animale, nulla potrà mai veramente cambiare. Protestare per rivendicare un diritto del genere, per ambire dunque a diventare indiretti aguzzini, è come ostinarsi ad asciugare l’acqua caduta a terra da un lavandino otturato, senza rendersi conto che bisogna chiudere il rubinetto, invece di lasciarlo aperto.

La televisione – si dice – non fa che rispecchiare il mondo come è diventato. È vero, ma è anche vero che essa stessa contribuisce a formare quel mondo che poi racconta. E allora, se è vero che i cibi oggi disponibili non rispecchiano che il mondo nel quale viviamo, è altresì vero che noi continuiamo a perpetrare questo stesso mondo, decidendo di continuare ad adeguare la nostra etica al minimo, continuando a ritenerle la sofferenza animale normale e ineluttabile. Addirittura, prendendo in casa un animale domestico e fingendoci un “carnivoro amante degli animali”
Sertes
#41 Sertes 2017-03-21 11:14
Visto? Non c'entra nulla l'argomento specifico.

Abbiamo tanta gente che agogna ad un mondo ordinato e schematizzato perchè non vuole essere responsabile di scegliere la direzione che prende la sua vita, e di fare la fatica di cambiare in meglio. Seguire il gregge è più facile, meno faticoso.

Il lavoratore povero si merita un lavoro standard, una paga da fame, un informazione scadente, un politico ladro, un vaccino che fa ammalare, e una malattia terminale che si cura con un cancerogeno.
Anzi, protesta se qualcuno di questi elementi viene messo in dubbio!
miles
#42 miles 2017-03-21 11:57
Citazione:
Una figura sociale sconosciuta nella storia precedente: è la figura sociale del carnivoro amante degli animali. Cioè di colui che, pur avendo in casa cani e gatti che tratta con amore, continua a mangiare carne. Pur passando del tempo a curare ed accudire i suoi animali domestici riesce a malapena a concepire che se mangia carne un animale viene ucciso.
Una delle più grosse castronerie che mi sia capitato di leggere negli ultimi venti anni.
Ho due cani e sei gatti a cui voglio molto bene, anzi, un paio di loro penso di preferirli alla quasi totalità degli umani con cui interagisco.
Sopratutto i gatti sono carnivori puri, e ora con il risveglio della natura si sono fiondati nelle campagne qui attorno, e ogni giorno mi portano ogni sorta di animaletto (topi lucertole piccoli serpentelli talpe) con cui si divertono fino a che non muore, per poi se di loro gusto mangiarlo, altrimenti abbandonarlo con estrema naturalezza. Si chiama istinto naturale, fa parte del dna del gatto, che è considerato uno dei più formidabili cacciatori tra tutte le specie animali.
A me sembra al limite del ridicolo, se non demenziale, è il ragionamento che fa questo tizio, una sorta di proto vegano che non ha capito come funziona il mondo.
titano75
#43 titano75 2017-03-21 12:06
"Una volta c’era chi mangiava verdure e chi mangiava carne. Poi l'allevamento è diventato un industria, e quindi un business. E alle persone è stato concesso di mangiare carne in modo diffuso, come se fosse una conquista sociale" ....

Una volta esistevano le CANDELE e c'era chi ne aveva molte e chi nemmeno una ... poi la luce è diventata industria e quindi un business. E alle persone è stato concesso di avere LUCE ed energia a profusione, come se fosse una conquista sociale....

Una volta esistevano i carretti e c'era chi ne aveva uno e chi nessuno e quindi molti andavano a piedi .. Poi gli spostamenti sono stati sostituiti dalle macchine costruite dalle industrie e quindi un business. E alle persone è stato concesso di muoversi senza fatica in maniera diffusa, come fosse una conquista sociale ....

Una volta si conosceva solo il vicolo o il paese dove si abitava e forse qualcuno più fortunata conosceva anche un'altra città o paese... poi viaggiare è diventato un business. E alle persone è stato concessa la possibilità di ampliare la propria visione di ciò che abita , come fosse una conquista sociale ( ma vedo che non è proprio così, molti ancora vivono pensando che il mondo si fermi alla porta di casa )

Una volta ...

Una volta...

Mi sembra che sia un argomento che si possa adattare praticamente a tutto il nostro mondo....
Ma poi ... domandone .... il lavoratore povero ( giusto per rientrare OT ) che differenze può avere da il lavoratore meno povero o più ricco ?? Cioè , il lavoratore ricco è il solito stronzo da additare ?? ( è il solito raccomandato ? ) a no... è il solito coglione che rientra nei clichè del potere e che sfrutta il povero ? ...

Giusto per finire ...
parliamo di questa frase !!!
"Abbiamo tanta gente che agogna ad un mondo" .... Vorrei aprire un dibattito su cosa significhi questa frase ... mi sfugge...

Immagino che il concetto di MONDO ( giusto proprio per tornare al carnivoro amante degli animali ) debba essere considerato in quanto tale... ed immagino che quelli che vicino ad angkor wat, che coltivano ragni da mangiare , per far business sui turisti rientrino in quella etichetta .... Qui si è arrivati oramai a discriminare un ragazzino che va a pescare al fiume perchè fa la bua al pesciolino .....
I discorsi sul
"Abbiamo tanta gente che agogna ad un mondo ordinato e schematizzato perchè non vuole essere responsabile di scegliere la direzione che prende la sua vita, e di fare la fatica di cambiare in meglio. Seguire il gregge è più facile, meno faticoso."
non si possono fare alla cazzum ... O vale su tutto o non vale su un cazzo.
Anteater
#44 Anteater 2017-03-21 13:02
SertesCitazione:
Visto? Non c'entra nulla l'argomento specifico.

Abbiamo tanta gente che agogna ad un mondo ordinato e schematizzato perchè non vuole essere responsabile di scegliere la direzione che prende la sua vita, e di fare la fatica di cambiare in meglio. Seguire il gregge è più facile, meno faticoso.

Il lavoratore povero si merita un lavoro standard, una paga da fame, un informazione scadente, un politico ladro, un vaccino che fa ammalare, e una malattia terminale che si cura con un cancerogeno.
Anzi, protesta se qualcuno di questi elementi viene messo in dubbio!
Oh Gesù..Sertes avrai osservato il mondo...ci sono persone, tante, così stupide e confuse nella loro minima intelligenza che non puoi ne farle votare ne responsabilizzarle di appoggiare il sistema...

Fossimo in pochi, non cercherebbero di ridurci di numero..."subdolamente"..

$iamo tutti avvelenati e tutto sommato l'avvelenamento delle scie, quello sanitario e tutto il resto è abbastanza democratico..becca tutti! Ricchi compresi...pensa si può addirittura discuterne mentre si crepa in modo generalizzato...qualcuno può addirittura pigliare clorella zeolite semi di coriandolo e tutta la bibliografia ma poi c'è la predisposizione...e quella è a favore dei poveri geneticamente prossimi alla discarica...visto il tipo di intossicazione siam toccati.

Quindi cosa dire? Vogliamo arrivare a 10miliardi ed erodere del tutto il mondo? O amministrare il precario sapendo che non si è nati salmoni e ora siam obbligati ad una forte corrente contraria con orsi che ti acchiappano quando spicchi il volo...sembra la corsa degli spermatozoi tutti crepano meno che uno...

Slobbysta
giu42su
#45 giu42su 2017-03-21 15:47
Non è un problema solo di guadagno. L'uomo ha bisogno del lavoro non solo per la sopravvivenza materiale, ma, forse soprattutto, per una sopravvivenza mentale e morale. E' il lavoro che dà senso alla vita della maggior parte degli uomini, più della famiglia, dell'amore, della spiritualità. Guardatevi intorno. L'ambito lavorativo non si limita a fornire i mezzi materiali per la sopravvivenza; è la fonte del riconoscimento sociale, determina l'ambito sociale, le relazioni, i rapporti interpersonali della vita di un uomo. Senza lavoro l'uomo si sente perso perchè non trova più il senso della propria vita. Nel mondo "occidentale" l'inoccupato (disoccupato ma anche il mantenuto o quello che vive di rendita) è considerato zero, ignorato, inesistente, immorale. Quanti pensionati cadono in depressione? Quanti preferiscono (o preferirebbero) continuare a lavorare? Siamo miliardi di persone e, purtroppo, per ora, i creativi, gli artisti, gli evoluti, gli spirituali, i ricercatori, i curiosi della vita e del mistero della vita, quelli che riescono a vivere a pieno la vita anche senza lavoro e senza mezzi materiali, sono una minima parte. Il resto sono schiavi nel profondo della loro anima, forse persino nel dna. E i primi si trovano anche a dover combattere contro i sensi di colpa sollecitati dai secondi. Siamo nati schiavi. Addirittura, siamo stati creati per fare gli schiavi, secondo alcuni studiosi.
Condor96
#46 Condor96 2017-03-21 15:59
albainternazionale.blogspot.it/.../...

Probabile attacco false flag a Roma il 25 marzo, anniversario dei Trattati di Roma del 1957.
Sertes
#47 Sertes 2017-03-21 18:33
E domani è il giorno sacro di Skull & Bones 3/22
Sertes
#48 Sertes 2017-03-21 18:34
@miles:
lo so, quando ci dipingono come vittime siamo tutti arruffati contro il potere, quando invece ci spiegano che il NWO siamo noi e che con le nostre scelte siamo degli aguzzini allora la cosa non ci piace. Ma che strano, eh.
Valdez
#49 Valdez 2017-03-21 19:57
L’adattamento dei lavoratori ad ogni condizione contrattuale e lavorativa e a qualsiasi paga (al ribasso), è dovuto alla precarizzazione del lavoro, alla divisione dei lavoratori (“tutelati/non tutelati”), alla delegittimazione dei sindacati (cui loro stessi in parte hanno contribuito), alla mancanza di alternative e ad una “imposizione culturale” che si è affermata negli anni attraverso l’economia e la politica.

La globalizzazione e la crisi finanziaria ( necessaria secondo un autorevole europeista, per “far cedere dalle popolazioni parti di sovranità e di diritti) www.youtube.com/watch?v=nTHN0yitxBU , hanno dato contributi importanti allo smantellamento dei diritti e alla svalorizzazione del lavoro.

Ultimamente la politica dell’Unione Europe è rivolta alla “Competitività”; mentre la politica nostrana dopo aver per anni alimentato il clientelismo elettorale ha scoperto la “Meritocrazia”.

Infine a farci sapere che tutto questo è bene ci pensa una martellante campagna dei media (euro)globalizzati, di stampo anglosassone, secondo i quali viene inculcata nelle persone la credenza che se non guadagni abbastanza non è colpa delle politiche economiche (manovrate dalle lobby finanziarie), ma è colpa del lavoratore che non si è dato da fare abbastanza o non si è adattato al cambiamento (a suo sfavore): da qui il numero crescente di suicidi tra i disoccupati.
Tizio.8020
#50 Tizio.8020 2017-03-22 00:51
Citazione:


Infine a farci sapere che tutto questo è bene ci pensa una martellante campagna dei media (euro)globalizzati, di stampo anglosassone, secondo i quali viene inculcata nelle persone la credenza che se non guadagni abbastanza non è colpa delle politiche economiche (manovrate dalle lobby finanziarie), ma è colpa del lavoratore che non si è dato da fare abbastanza o non si è adattato al cambiamento (a suo sfavore): da qui il numero crescente di suicidi tra i disoccupati.

fine cit.


Questa è la morale Protestante: se sei povero è perchè Dio vuole così, idem se sei malato, se sei storpio etc.
Non tanto "colpa tua", ma merito degli altri.
"Ha successo, quindi vuol dire che il Signore lo sta aiutando".
Hai mai visto un WASP peroccuparsi per l'esistenza dei poveri?

I primi scioperi nelle grandi città americane, alla fine del 19° secolo, vennero repressi da cariche di polizia a cavallo, che sparavano sulla folla.
Spesso l'imprenditore creava artificialmente le condizioni per far scioperare i suoi operai, ed avere così la scusa di trasferire tutto lìamabaradan in una città diversa, che magari gli offriva condizioni migliori.
Le paghe degli operai al tempo della Rivoluzione Industriale erano calcolate in maniera tale da dover costringere l'operaio a far lavorare anche i familiari, che prendevano proporzionalmente meno di lui, ma lavoravano.
Era normale che i bambini stessero in fabbrica, sotto ai tavoloni dove si cuciva, a raccogliere i pezzi caduti e gli scampoli, e percepivano pochissimo.
Ma sommando le paghe di tutti i membri della famiglia, riuscivano a sopravvivere.
Ancora all'inizio del 20° secolo le Autorità usavano metodi illegali , fra cui arresti preventivi, per impedire ai sindacalisti di occuparsi delle vertenze nelle fabbriche.
Hanno sempre comandato loro, dividendo e creando conflitti, il primo nemico dell'operaio non era il padrone, ma il caposquadra che cercava di fregarti facendoti schiattare.

Dire "schiavo" non vuol dir nulla, troppe erano le figure accomunate sotto questa parola.
Dall'istitutore dei figli del padrone, al major-domus, che a volte a sua volta possedeva schiavi, ai vari lavoratori della casa , dei campi, per finire ai prigionieri di guerra mandati a consumarsi nelle miniere di zolfo (le latomie), tenuti senza cibo fino alla morte per consunzione.
Come oggi dire "dipendente", stai accomunando nello stesso nome Marchionne e l'ultimo dei precari!

La strategia della "rana bollita" la usano da più di trentanni, io ho iniziato a lavorare mentre andavo a scuola, anni '80, e ricordo solo una sfilza infinita di contratti "Formazione&Lavoro", in cui in teoria ti dovevano insegnare un mestiere, in realtà ti buttavano al lavoro subito, e ti tenevano solo due anni, dopodichè ne prendevano un'altro al posto tuo.
Esente da contributi, ci mancherebbe.

Però, chi aveva voglia di lavorare d'estate, trovava subito.
E non prendeva poco.
Nel 1987 un cameriere senza esperienza prendeva più di 1.500.000 £ al mese, per 12 ore al giorno sette giorni su sette, oltre a vitto ed alloggio.
Appena sono arrivati gli stranieri, le paghe son calate in maniera drastica.
Nel 2000 fra un lavoro e l'altro ho riprovato a contrattare.
Stesso albergo (ma tu avevi più esperienza), stesso lavoro (ma non davano più l'alloggio), l'offerta era di 2.000.000 £ (che parametrati al costo della vita era come dire "la metà di prima").
Domanda mia: come mai così poco??? 13 anni fa da apprendista mi davi 1.500.000 £ .
Risposta : trovo gli Albanesi a 1.200.000 £ .
Guerra fra poveri: così ci hanno sempre fregato i padroni!!!!

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO