Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Abbandonarsi fiduciosamente.

Di più
16/07/2017 17:54 #10053 da keturas
keturas ha creato la discussione Abbandonarsi fiduciosamente.
Penso che non ci sia gratificazione migliore che abbandonarsi a Dio(come un bambino che si getta da un muretto e va a cadere FIDUCIOSO tra le braccia del suo papà).Gesù invitava i discepoli ad essere semplici(come bambini) e non prevenuti per accogliere la Sua parola.La Parola di Dio riferita da Gesù è il motore che ci fa agire.Dire a Dio ciò che ci sta a cuore in confidenza è la SICUREZZA totale.Questo vale anche (e forse di più) se ignoriamo le grandi costruzioni teologiche,se non sappiamo trovare parole per rendere esplicita la nostra fede,se non ne possediamo bene i termini, se ci riteniamo,insomma,"gli ultimi della classe".Non dimentichiamoci che questi ultimi sono i POVERI DI SPIRITO,i "piccoli" del Vangelo e sono dichiarati "beati" e benvoluti da Dio.Non ci sono richieste rinunce estreme(specialmente se non abbiamo i talenti per farle)per cui non è sbagliato desiderare alcuni piaceri del corpo godendone in modo equilibrato.(Gesù distribuiva pane,guariva corpi e sappiamo che ha provveduto anche ad assicurare il vino ad una coppia di sposi!).Immergersi nella bellezza della Natura,gustare cose buone,ascoltare musica,vivere una sessualità non estrema sono tutti DONI che Dio ci permette di usufruire con la raffinatezza di quella sensibilità che Lui stesso ha trasmesso al corpo.Le penitenze estreme del medioevo erano bestemmie perchè si pensava così di risolvere da soli il problema delle tendenze sbagliate e perverse del corpo(opera di influssi malvagi).Con le auto lesioni e macerazioni si pensava di mettere l'anima al sicuro scavalcando così l'aiuto divino.Dio non chiede questo!Siamo abituati a vedere Dio secondo un'immagine stereotipa dell'iconografia abituale che ce lo presenta come un vecchio saggio con la barba bianca.In effetti un'immagine spirituale è difficile averla(luce,aria,energia: é tutto MATERIA!).La vecchiaia(attribuita all'immagine di Dio)è tipica di un corpo soggetto al tempo e la barba è un carattere maschile e questi non sono attributi di uno Spirito.Nonostante ciò penso che,fin che siamo nel mondo,Dio ci permetta di vederlo secondo la nostra personale inclinazione e forza della mente:madre,padre,uomo,donna,giovane,anziano,cinese,africano(basti pensare alle visioni!).L'importante è non togliere lo Spirito a queste immagini.Anche il culto dell'immagine sacra(dipinto,statua) è stato molto discusso ma il concetto è lo stesso.Quando baciamo la foto di una persona cara sappiamo che il corpo bacia la carta ma lo Spirito è rivolto allo Spirito di quella persona e lo tocca!Dio è luce e ci ha dato la vista per contemplarlo,Dio è sapore e ci ha dato il gusto per gustarlo,Dio è suono e ci ha dato le orecchie per sentirlo,Dio è profumo e ci ha dato il naso per odorarlo ,Dio è intelligenza e ci ha dato la mente per capire la Sua Presenza,Dio è soffio vitale e noi lo respiriamo,Dio è amore e ci ha dato il cuore per amarlo,Dio è vita e ci ha dato gli organi riproduttivi per propagare la Sua Vita,la capacità di formare dei corpi in cui Lui può vivere.Dio si è fatto cibo per noi(EUCARESTIA) e ci ha dato lo stomaco per digerirlo e diventare "carne" nella nostra carne.Anche il culto che si rende a Dio è molto personale(chi recita litanie,chi si inchina,chi canta,chi danza)Niente è sbagliato purchè non sia solo esteriorità ma sia l'ESPRESSIONE del nostro essere spirituale.Il male stesso può assumere vari aspetti (non ha un aspetto ripugnante con corna o altre brutture).Se il male risulta ripugnante è meno pericoloso perchè lo si può evitare ma a volte il male per ingannare può apparire bello e trarre in inganno.Dio può concederci uno Spirito forte per riconoscere il male in quanto il male resta sempre male.

Di più
19/07/2017 20:18 #10063 da mc
mc RE: Abbandonarsi fiduciosamente.

Dio può concederci uno Spirito forte per riconoscere il male in quanto il male resta sempre male.


Uhmm. Se per me Dio fosse il male (concettualmente, s'intende), sentendo questa realtà nel profondo del mio Spirito, come dovrei regolarmi essendo Dio stesso la fonte del mio "forte" dubbio?

Secondo me, esternalizzare le responsabilità che dovrebbero essere del tutto umane, concedendogli le attenuanti generiche di "prove di fede" e attribuendole a non precisate influenze maligne, pretendendo di cancellarle senza conseguenze etico-morali e coscenziali con il solo credere di essere nel Verbo, per me, dicevo, questo è il male.

Poi, che vuol dire "anche il culto ... Può essere personale"? Che ognuno si crea le proprie regole morali e su quelle stila classifiche di appropriatezza comportamentale e magari contempla i propri misfatti nella propria versione di culto, direttamente approvato dalla ovvia benedizione del Dio adorato?

Agire in nome di Dio è particolarmente pericoloso anche perchè non si tende facilmente ad ammettere la ragione dell'uomo rispetto alla parola divina e questo può creare ... conflitti, sia sociali che interiori oltre ad essere, il più delle volte, una abitudine molto "irrazionale". Sempre, secondo la mia opinione, chiaro.

Il concetto di divinità è il Male:
Saremmo molto più evoluti (soprattutto socialmente) se non fossimo ancora ancorati al culto del mistero.

Ciao
mc


Tempo creazione pagina: 0.150 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO