Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Prossimo Pretesto

Di più
13/07/2017 21:46 #10043 da marocg
marocg RE: Prossimo Pretesto
Fulvio Scaglione: “G20, la farsa sul terrorismo”
Pandora TV ha il piacere di presentare la prima puntata della rubrica “Mezzaluna”, di Fulvio Scaglione.
I leader del G20 hanno chiuso l’incontro di Monaco con una dichiarazione congiunta contro il terrorismo e i paesi che lo finanziano. Mossa di suprema ipocrisia, poichè sono proprio i paesi occidentali i primi a intrattenere rapporti commerciali con i finanziatori del terrorismo e a vendere loro enormi quantità di armi.
Pubblicato il 12 lug 2017 - PandoraTV - Mezza luna, di Fulvio Scaglione

---
Tra i commenti del G20 e' stato dato ampio spazio al linguaggio corporale degli attori, in particolare al modo in cui Trump invita alla stretta di mano.
Sono d'accordo che e' importante valutare anche questi aspetti, pero' le distrazioni di massa sono sempre in agguato.
D'altronde gli approfondimenti del mainstream sono archeologia, tutt'al più alternativa al "contapecore" per chi non trova di meglio per dormire.
Eppure sono necessari, per non perdere di vista la realta' della situazione nel panorama bellico internazionale con cui dobbiamo convivere.
Piu' sono "centrati" e piu' e' possibile (l/f)ocalizzare i pretesti: Benvenute le voci fuori dal coro.

Di più
15/07/2017 02:17 #10047 da marocg
marocg RE: Prossimo Pretesto
Cina: Una realtà con la quale dobbiamo fare i conti.
...
Cina: le mille Facce del Drago
Intervista a cura di Barbara Oioli per SakerItalia.it
Pubblicato: luglio 12, 2017 - Diego Angelo Bertozzi
sakeritalia.it/interviste/cina-le-mille-facce-del-drago/
---
La Cina investirà nella ricostruzione della Siria
Il governo cinese mostra la sua intenzione di aumentare la cooperazione in tutti i settori con la Siria, devastata da 6 di guerra per procura.
Notizia del: 11/05/2017 - Fonte: Hispantv
www.lantidiplomatico.it/dettnews-la_cina...ella_siria/82_20075/
---
"La Cina investe nella ricostruzione del Milan (A.C.)"
"Cina, stand by me"
...
Milan, Bonucci chiama Morata: "Dai, vieni anche tu..."
14 LUGLIO 2017 - MILANO
www.gazzetta.it/Calciomercato/14-07-2017...u-210299412604.shtml
P.S.: Dai cinesi, una boccata di ossigeno per rinverdire i vecchi fasti della Milano calcistica.
(chiedo scusa per il finale O.T., soprattutto a quelli di fede non rossonera).

Di più
16/07/2017 03:18 #10049 da marocg
marocg RE: Prossimo Pretesto
Pandora tv pubblica, in esclusiva italiana, la serie di brevi documentari di Alexander Chopov sulla guerra del Donbass, la guerra nascosta dall’Occidente.
---
DONBASS – episodio 1: “Una guerra per cosa?”
Il primo episodio ripercorre le tappe che portarono al colpo di stato di piazza Maidan, salutato dall’Europa come “rivoluzione” di popolo, ma di cui, fin da subito, è apparsa chiara sia l’ingerenza americana sia la componente neonazista che mise a ferro e fuoco Kiev.

DONBASS – episodio 2: “L’ esercito fantasma russo”
Il secondo episodio della serie DONBASS di Alexander Chopov affronta l’argomento che tenuto impegnati per mesi i mezzi corazzati della propaganda occidentale: l’invasione dell’esercito russo in Ucraina, l’intervento dei russi nella regione del Donbass. Con un’analisi accurata e ricca di elementi incontrovertibili. il servizio dimostra la falsità.

DONBASS – Episodio 3 – “Non guardare da un’altra parte”
Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere, questo si potrebbe dire della guerra che il governo di Kiev ha intrapreso contro le regioni di Donetsk e del Donbass e che i media occidentali continuano a classificare come una aggressione russa all’Ucraina, rovesciando così la realtà dei fatti. Moltissimi documenti e filmati in questi anni hanno mostrato come l’esercito di Kiev si sia accanito contro la popolazione civile delle due regioni a maggioranza russa, conducendo quindi una guerra non solo priva di ragioni, ma anche sporca e criminale. Questo terzo episodio di “DONBASS” si concentra proprio sull’aggressione dell’esercito ucraino sui civili.

DONBASS – episodio 4 – In realtà ci fanno morire di fame
La serie DONBASS, realizzata da Alexander Chopov e tradotta in esclusiva per l’Italia da Pandora tv, si conclude momentaneamente con il quarto episodio: un appello da parte di un gruppo di studenti della regione rivolto direttamente agli europei a informarsi e prendere consapevolezza su ciò che accade davvero nelle regioni del Donbass, una specie di “Hunger Games” della vita reale.

---
P.S.: [sottotitoli in italiano]
Per attivare i sottotitoli premi il tasto impostazioni di You Tube e seleziona la lingua desiderata.

Di più
19/07/2017 00:22 #10062 da marocg
marocg RE: Prossimo Pretesto
Le crisi a pretesto.
Perche' non apprendono dalle lezioni ?
Le storie si ripetono, il megafono mainstream puntualmente racconta la versione che i cerebrolesi vogliono sentire.
Nell'era interattiva i troll si prostituiscono per amplificare il sopraccitato megafono, nel tentativo di colmare il vuoto demenziale provocato dalle presstitute.
E' tempo di rispedire al mittente la spazzatura che cercano di tirarci per riprodurre a ochetta le menzogne pre-fabbricate.
Non c'e' tolleranza per i complici degli assassini, sono allo stesso livello (anche se qualcuno non se ne rende conto).
Sono entrambi mercenari che meritano tutto il nostro disprezzo, indichiamogli "LA STRADA VERSO CASA" a calci nel culo !
Buona visione:
CRIMEA, LA STRADA VERSO CASA [1° parte]
Pandora tv propone in versione italiana un documentario che nessuna tv italiana manderà mai in onda: “Crimea, la strada verso casa” racconta, con dovizia di immagini, documenti e testimonianze dirette, come si svolsero i fatti che, subito dopo il colpo di stato di Maidan, portarono al ritorno della Crimea nei confini della Federazione Russa.
Pubblicato il 11 mar 2016

...
P.S.: Ubaldo Croce1 anno fa
Veramente un bel servizio. La parte finale (prima della chiusura di Putin) è veramente commovente. l'amore che i russi hanno per la propria terra è straordinario,non ci sono parole per descriverlo.Una volta anche in Italia era cosi..Adesso,invece,Italia addio. Solo un miracolo potrà salvare un poipolo ( l'italiano) da una fine tragica e infame che si appresta a fare ( salvo una micra minoranza).
---
CRIMEA, LA STRADA VERSO CASA [2° parte]
Pubblicato il 31 mar 2016
Prezioso e spettacolare documento che nessuna tv italiana manderà mai in onda. Il ricongiungimento della Crimea alla Russia raccontato da Vladimir Putin e dai protagonisti che lo resero possibile, nel monumentale docu-film prodotto da Rossyia24. Pandora tv lo propone in esclusiva per l'Italia.

---
P.S.: Giulietto Chiesa.'La crisi ucraina'
Pubblicato il 16 set 2014
13 settembre 2014 presso la sede dell'Associazione Culturale "Maxim Gorky", ha tenuto "dibattito conferenza sulla" crisi ucraina "Present:. Dott .. Gulietto Chiesa

---
P.P.S.: Giulietto Chiesa: "Lezione agli asini"
Pubblicato il 04 lug 2016
Per anni la stampa ha raccontato che lo scudo missilistico che veniva costruito ai confini della Russia avesse una funzione difensiva nei confronti dell'Iran. Oggi è evidente che questa fosse una gigantesca panzana. Lo scorso 21 giugno Vladimir Putin ne ha chiesto conto ad un gruppo di giornalisti occidentali.

Di più
23/07/2017 03:27 - 23/07/2017 16:04 #10082 da marocg
marocg RE: Prossimo Pretesto
Distruzione di ...
---
Distruzione dell'Afghanistan:
La distruzione di Kabul
Pubblicato il 30 nov 2010
Questo è il video che mi ha chiarito il vero orrore e la follia della guerra civile Afghana. Kabul è passata quasi indenne dalla Jihad, ma dopo la caduta del regime di Najibullah e la sua guerra civile, le forze di Gulbuddin Hekmatyar hanno cominciato a sconvolgere la città. Alla fine, il 90% degli edifici era stato distrutto.

---
Distruzione dell'Iraq:
Pubblicato il 30 gen 2017
Questo è un video che tutti devono guardare. Trump sta semplicemente continuando quello che è esistito da oltre 50 anni

---
Distruzione della Libia:
30,000 Bombe sulla Libia - Video di Thomas Mountain
Pubblicato il 02 set 2011
CIA, Al-Qaeda e NATO una zuppa di depravazione, distruzione e omicidio - senza fine in vista!


In memoria della Libia distrutta da ISIS-NATO - R.I.P. 1º-9-1969 / 20-10-2011 Jamairihya e Gheddafi
Pubblicato il 21 ott 2013

---
Distruzione della Siria:
Siria: il 15 marzo 2011 scoppia la guerra. Sei anni dopo, solo distruzione
Pubblicato il 15 mar 2017
Tutto è iniziato sei anni fa. Era il 2011, era il tempo della primavera araba e in Siria le proteste contro il regime del presidente Bashar al Assad, si sono trasformate nella più grave crisi umanitaria che si sia mai vista in Medio Oriente negli ultimi decenni. Ai combattimenti tra milizie governative e forze anti- Assad è seguito un complicato risiko internazionale, con forze militari straniere coinvolte a sostegno dell'una o dell'altra parte, fazioni jihadiste e combattenti dei paesi vicini i…

SIRIA - Le verità censurate dai media occidentali
Pubblicato il 16 mar 2014
USA UE ISRAELE DOVE PUNTANO L'ATTENZIONE SCATTA LA GUERRA.. LA SCUSA è SEMPRE LA STESSA, SALVARE I POPOLI DAL TIRANNO.. LE CONSEGUENZE SONO PERDITA DELLA SOVRANITA' MORTE VIOLENZA E SCHIAVITU' FINANZIARIA DISTRUZIONE DEL TERRITORIO E DELLA CULTURA, IN FAVORE DEI FOLLI INTERESSI DEL MOSTRO FINANZIARIO ORMAI AL COLLASSO.. BUONA VISIONE

---
P.S.: Questo dovrebbe essere un monito per la O.N.U. se fosse degna di rappresentare le Nazioni.
Perche' mai si dovrebbe invocare l'intervento U.S.A. per dirimere conflitti in una nazione sovrana, con siffatto "pedigree" ?
FORSE e' perche' non si tratta di veri conflitti, ma di pretesti organizzati con complicita' conseguite per alimentare i piu' grandi affari degli ultimi 100 anni.
Visto che le storie si ripetono, continuando con Venezuela e poi Iran, cominciamo a togliere il FORSE.
E rivisitiamo la storia (meglio sarebbe riscriverla):
- Attacco di Pearl Harbor.
Pearl Harbor: il grande inganno di Franklin Delano Roosevelt
Sull’11 settembre 2001 molti hanno suggerito spiegazioni complottiste. Pochi invece hanno parlato del grande inganno della Casa Bianca dietro l’attacco giapponese di Pearl Harbor, laddove i documenti dimostrano ampiamente come davvero – in quel caso – la presidenza americana volle, cercò ed ottenne un attacco proditorio da parte dei giapponesi per avere un casus belli in grado di trascinare l’intera nazione americana in un’avventura bellica.
- Bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki.
Perché le bombe su Hiroshima e Nagasaki?
La O.N.U. dovrebbe essere completamente riformata:
Per condannare i fatti di Hiroshima e Nagasaki non e' mai troppo tardi, soprattutto impossibilitare le Nazioni a emulare/replicare.
La stessa cosa vale per i colpi di stato, nonostante siano stati ammessi con documenti ufficiali desecretati.
E poi con quelle gerarchie con diritto di veto che di fatto immobilizzano interventi umanitari nella direzione corretta del termine.
E poi con quelle sanzioni/embargo che tanti danni hanno causato allo sviluppo delle relazioni tra i popoli.
E poi ... l'elenco sarebbe lungo ...
P.P.S.: ... Bugiardi, complottisti, terroristi. Altro che guardiani del mondo. ...
Domanda:
Se i "meriti" delle imprese che ho evidenziato (e sappiamo che ne mancano molte altre) fossero per "assurdo esempio" opera della Russia, credete che dall'aeroporto Pagliano e Gori di Aviano AB non sarebbe gia' partito un F35 con B 61-12 a bordo ?
U.S.A. farebbe un sacrificio di Regina (la vecchia Europa) per dare scacco matto al R. usso
(e agli eredi di Nicola II). Quando si dice: Prendere due piccioni con una fava !
Ora se si ragionasse con lo stesso "metro" U.S.A.- Giappone:
Nel gennaio 2017 la popolazione mondiale ammonta a circa 7,477220 miliardi di persone.
Sempre nel 2017 la popolazione degli Stati Uniti d'America e' 326,474013 milioni di persone. Quando si dice: Il gioco vale la "candela" !
... Non tirare troppo la corda, Donald (o chi per te, oppure tu per loro), qualcuno
(magari diversamente pettinato) potrebbe pensarci (?). ...
Ultima modifica: 23/07/2017 16:04 da marocg.

Di più
24/07/2017 04:10 #10088 da marocg
marocg RE: Prossimo Pretesto
Questione di fede.
Confesso la mia ignoranza sul tema Eritrea (fosse solo questo ...).
Se non fosse per il sincero rispetto per le opinioni di Fulvio Grimaldi, continuerei ad occuparmi delle "mie" solite cose, cosi' mi immagino accada anche ad altri.
Pero' se Fulvio tratta questo argomento da diverso tempo, oltre alle sue esperienze personali, io credo che valga la pena acquisire informazioni utili, per ampliare il "quadro", attraverso una chiave di lettura, per me attendibile.
Ripeto per me, una questione di fede, non potrebbe essere diversamente dato che pochi ne parlano, come se fosse un angolo della terra dimenticato da Dio ma soprattutto dal mainstream.
Se poi per approcciarmi al tema "devo" fare la conoscenza del prete Zanotelli, la fede da porre e' se possibile in misura ancora maggiore (sempre per via della mia ignoranza).
Scelgo un argomento nel mezzo dell'articolo. ... Che ... Fulvio ce la mandi buona:
"Qual è il 53° paese africano, l’unico, che non ospita basi americane e, per sovrappiù, non chiede crediti dal Fondo Monetario Internazionale , né accetta diktat dalla Banca Mondiale, da Bruxelles, o da Washington e, orrore! persegue con determinazione una politica di equa distribuzione della ricchezza, ha alfabetizzato tutto il suo popolo nei 10 anni dopo i 30 della guerra di liberazione condotta contro l’Etiopia, sicario prima degli Usa, poi dell’URSS e poi, di nuovo, degli Usa? Che assicura sanità e istruzione a tutta la popolazione? E inopportunamente sta seduto sul nodo geopolitico, geostrategico e geoeconomico cruciale tra sud e nord, est ed ovest, sullo stretto di Bab el Mandeb, tra Mar Rosso e Mare arabico, Golfo Persico e Oceano indiano? E’ da lì deve essere rimosso perché serve agli Usa? E perciò ogni due per tre subisce l’attacco di un’Etiopia, vera tirannia che annega nel sangue le rivolte delle minoranze depredate, ma pro-occidentale e dunque sfuggita agli anatemi del missionari? Quale è il paese africano che, senza aver mai mosso un dito contro nessuno, ma deve spendere somme preziose per difendersi dal mandatario etiopico di Usa-UE-Israele, è alle solite sanzioni Usa. Onu e UE che ne vogliono sabotare lo sviluppo?"
fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/07/zanot...gnati-prima-lui.html
Non posso fare a meno di evedenziare questa analogia con Bolivia (mainstream ?):
Bolivia: Evo Morales dichiara «indipendenza totale» da Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale
www.lantidiplomatico.it/dettnews-bolivia...mondiale/5694_20948/
Siccome non ho dubbi che Evo Morales sta guidando il suo popolo nel cammino corretto, non posso che apprezzare le scelte fatte da Eritrea.
Un motivo in piu' per avvicinarmi agli altri argomenti sul tema, magari con l'aiuto di questa intervista che aggiunge altri elementi di riflessione:
Eritrea, una stella nella notte dell'Africa. Intervista a Fulvio Grimaldi.
Pubblicato il 23 lug 2017
Fulvio Grimaldi è un giornalista, inviato di guerra nei più importanti teatri bellici degli ultimi 50 anni. Vi proponiamo la conversazione avuta con lui, in cui si è trattato di imperialismo americano, Isis, Siria, Corea del Nord e, ovviamente, dell'Eritrea. Il Dvd "Eritrea una stella nella notte dell'Africa" è disponibile presso il suo blog: fulviogrimaldi.blogspot.it/

Di più
26/07/2017 06:26 - 26/07/2017 08:54 #10129 da marocg
marocg RE: Prossimo Pretesto
Effetto domino.
Riprendo dal mio thread : Giustizia!
(10125 - 25/07/2017 Il voto ha ancora ragione di essere segreto ?)
Non intendo farmi pubblicita', l'argomento e' pure pericoloso:
Esplosivo T4 proveniente da depositi della NATO (Organizzazione Gladio), comune alle stragi:
Piazza Fontana (MI),Piazza della Loggia (BS),Treno Italicus,Bologna,Addaura,Capaci,Via D'Amelio.
Salto alle conclusioni del giudice Imposimato per formulare la domanda (solo per lettori L.C.):
Date le responsabilita' (mandanti), per le stragi di Stato impunite che hanno caratterizzato la vita politica italiana dalla prima repubblica ad oggi, siamo pronti a sostituire le etichette ?
(... Salvatore Giuliano,Brigate Rosse, ecc. ...) ...
Dopo questa doverosa premessa e data la provenienza dei "consigli", voglio solo citare
dal minuto 34 del video di Imposimato:
"... anche della necessita' di fare qualcosa per Robert Kennedy ...
... la' si parla proprio della necessita' di fare azioni terroristiche per condizionare lo sviluppo della politica in una certa direzione ... "
Alla parte degli Stati Uniti d'America (cui si fa spesso riferimento) si potrebbe rimproverare di tutto tranne che siano distratti.
Se tanta attenzione hanno manifestato in Italia con la strategia della tensione, culminata spesso in STRAGI DI STATO, me li immagino all'opera in patria.
R.F.K e' la prosecuzione naturale dell'incidente di percorso del fratello John.
Dato che le Brigate Rosse non erano ancora state concepite in quelle zone hanno dovuto inventarsi personaggi improponibili per depistare la vasta platea "in erba".
Da Martin Luther King, a Malcolm X si puo' dire che questi "leader" non hanno avuto fortuna come profeti in patria.
Cattiva sorte anche per la voce fuori dal coro di John Lennon.
P.S.: "... Della necessita' di fare azioni terroristiche per condizionare lo sviluppo della politica in una certa direzione ... ", non c'e' alcun dubbio, se ha consentito l'impunita' agli eventi tragici dell' 11 Settembre 2001.
Almeno qui su L.C. sappiamo che le etichette post 11S:
Bin Laden, Al Qaeda, ISIS, Al-Nusra = BRIGATE ROSSE
Ultima modifica: 26/07/2017 08:54 da marocg.

Tempo creazione pagina: 0.210 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO