Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Commenti Recenti

rss


TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE

[lib]oswcec.jpg[/img]

I RUOLI CAPOVOLTI

05.09.04 - E' davvero curioso osservare, nelle fotografie diffuse nelle ultime ore, come il terrorista sia a volto scoperto, mentre le forze dell'ordine rimangono rigorosamente incappucciate. E' anche curioso osservare l’espressione del terrorista, che appare più che altro terrorizzato lui stesso. A cose fatte, la presunta operazione indipendentista cecena mostra ancora meglio la sua grossolana mancanza di logica di fondo: abbiamo saputo infatti che armi e bombe erano state addirittura piazzate nella scuola con comodo anticipo, segno di una organizzazione cinica, astuta e meticolosa insieme. Che però si è completamente dimenticata del suo piano di battaglia, una volta che era riuscita ad attrarre su di se l’attenzione del mondo.

Non dovevano uccidere un bambino ogni ora, sotto gli occhi straziati dei genitori e quelli gelidi delle telecamere? Cosa è successo? Perchè non hanno potuto…

CURIOSE COINCIDENZE

Quando dieci anni fa, a Waco, Texas, ci fu il muso-a-muso fra l’FBI e i seguaci della setta biblica di David Koresh – cioè fra “società civile” e “ribelli” – si arrivò a un punto in cui la vicenda rischiava di trasformarsi nel piu grosso smacco della storia per gli agenti federali. Ottanta sciamannati, senza nome nè futuro, tenevano in scacco da ormai due mesi un vero e proprio esercito armato al di là di ogni decenza.

Bisognava a quel punto schiacciarli, perchè da una parte l’attenzione dei media si era focalizzata ipnoticamente sull’assedio, mentre dall’altra nulla lasciava presagire che i disperati si sarebbero arresi facilmente: come nei western piu tradizionali, “avevano cibo e munizioni in quantità”. Stanarli, quindi, non era possibile. Ma come fare ad attaccarli, quando tutto il mondo sapeva che la metà di loro erano donne e bambini?

Il caso volle che uno di loro, in una sera senza luna, ...

[lib]bconv400.jpg[/img]

BUSH ASCOLTA LA PROPRIA VOCE

03-09-04 - Finalmente, in conclusione della convention repubblicana che lo nomina ufficialmente candidato presidenziale, Bush ha parlato. Nel senso che la bocca si muoveva, dei suoni uscivano, e qualcuno là fuori applaudiva. Che poi abbia anche detto qualcosa, è tutta un’altra faccenda. Ma è ormai evidente, visto che i polls in molti stati-chiave si ostinano a rimanere in bilico fra lui e Kerry, che per mezza America un manichino vuoto come lui basta e avanza.

Viene davvero da chiedersi, al di là della personale preferenza politica, come sia possibile che una persona decisamente modesta, chiaramente limitata, e palesemente non in controllo di un solo gesto che compie, riesca comunque ad illudere mezzo continente americano ...

ANCHE PUTIN HA IMPARATO IL TRUCCO. 40 morti sul treno della Cecenia

Visto che il giochino funziona – avrà pensato - perchè non provarci anch’io? Ed ecco che alle 8 del mattino un treno di pendolari, nella zona della Cecenia ribelle, salta per aria e lascia sul campo 40 morti e almeno duecento feriti. Proprio mentre stanno per aprirsi, in tutta la Russia, le urne per le elezioni parlamentari di questo week-end.

E subito, come ormai da manuale, il contrito presidente fa sapere al mondo che “questo è un chiaro tentativo di destabilizzare il paese alla vigilia delle elezioni”, ma che “coloro che sono dietro questo orribile gesto non otterranno ciò che vogliono”. Ovvero, andremo tutti a votare compatti contro il terrorismo. Poi, già che c’è, Putin abbandona ogni pudore...

CHI E’ CECENO ALZI LA MANO

Nonostante tutto sembri indicarlo, io non riesco a convincermi. Non riesco a credere che dei veri “terroristi”, persino nella storica definizione delle Nazioni Unite che autorizzava Arafat ed “ogni popolo che viva sotto la dominazione straniera a combatterla con qualunque arma abbia a disposizione”, abbiano scelto di ricattare l’oppressore prendendo in ostaggio una scuola piena di bambini.

Per quanto i “ceceni” siano lì da vedere, l’equazione non regge. Prima di tutto, sarebbe una scelta politicamente suicida, poichè non c’è un solo essere pensante al mondo che possa illudersi ...

QUESTA PAGINA E' RISERVATA AI COMMENTI SULLE VIGNETTE DI GARIANO (e ovviamente ai fatti a cui si riferiscono).

IN TRE PAROLE BUSH ROVINA TUTTO

31.08.04 - Se non fosse che ci va di mezzo il futuro dei nostri figli, ci sarebbe da spanciarsi dalle risate dal mattino alla sera. L’intera convention repubblicana, che inizia oggi, era stata pensata dalle eminenze grigie della Casa Bianca, guidate da Karl Rove (nella foto con Bush), fin nel più minimo dettaglio. Prima di tutto, la scelta della sede stessa, tanto rischiosa quanto obbligatoria: New York. Per una campagna d’autunno incentrata sulla lotta al terrorismo – questa è la chiave scelta dal think tank del presidente per la propaganda elettorale – non si poteva che tornare sul luogo del delitto, e cercare di risvegliare nella gente quelle paure che in molti non sono ancora del tutto sopite. Il rischio stava nel voler andare a giocare la partita nella tana del leone: la California e New York sono i due stati democratici per eccellenza, e le manifestazioni di ieri, con quasi un milione di persone a dimostrare contro Bush per le strade di Manhattan, lo hanno confermato. Ma la gara elettorale è mediatica, e non fisica, e la presidenza si vince nei televisori, non nelle strade; giustamente quindi devono aver fatto il calcolo che, una volta passata la buriana iniziale, la strada per il successo sarebbe stata tutti in discesa.

Peccato che questa volta si siano dimenticati di mandare Bush a leggere le favole in qualche scuola elementare della Florida, ...

ADESSO TOCCA A CHIRAC - Sul rapimento dei due giornalisti francesi si allunga l'ombra del “mistero” Baldoni.

di Fernanda Alene

30.08.04 - Per cercare di capire qualcosa sulla morte di Baldoni, e quindi cosa ci possa essere dietro al rapimento dei due francesi (l'organizzazione sarebbe la stessa), possiamo fare due cose: la prima, è quella di leggere ed ascoltare tutto quello che c’è in giro, entrando a testa bassa in un polverone di contraddizioni talmente denso ormai che è difficile uscirne con una qualunque certezza in mano: Baldoni era in testa al convoglio, in coda, oppure era in seconda posizione? Gli autisti erano davvero affidabili, o dobbiamo ascoltare Scelli che sostiene il contrario? Il video dell’uccisione esiste, o erano solo immagini fisse? A che punto esattamente l’ambasciata ha saputo del rapimento? E chi era davvero questo Alì? Era lo stesso autista trovato morto, od un altra persona? Eccetera eccetera eccetera.

Oppure si può dimenticare tutto, ma proprio tutto quello che si è letto e sentito, ripartendo da uno dei pochi punti fermi di questa vicenda che sappiamo essere veri: Baldoni è stato ucciso, in Iraq, non si sa da chi nè perchè.

Sappiamo anche, però, che in Iraq c’è una coppia CIA/Pentagono che è venuta qui “per cambiare il mondo”, e che è ancora convinta ...

SHARON SI ESPANDE, ARAFAT SI PENTE

29.08.04 - Il primo ministro israeliano di certo in vacanza non ci è andato, in Agosto. Anzi, ha approfittato delle vacanze altrui per mettere a segno un’altro colpo, in quella sua perversa strategia, fatta di ipocrisia e di ambiguità, che finora pare avergli dato ottimi risultati.

Aveva appena finito di smantellare ben 4 insediamenti in quel di Gaza, provocando il pianto sconsolato di buona parte della nazione, che si è visto approvare dal governo la costruzione di circa 300 edifici per nuove abitazioni in Cisgiordania (West Bank). Il terreno, al momento, apparterrebbe ad un’altra nazione, ma questi piccoli dettagli devono essere passati in secondo piano, di fronte alla nota necessità di sicurezza che ha Israele. Evidentemente i balconi degli edifici serviranno ai coloni...

POWELL A LEZIONE DI DEMOCRAZIA

Il Segretario di Stato rinuncia ad Atene per sopravvenuti impegni

28.08.04 - Se c’è una nazione al mondo dove gli americani sono ancora meno amati che non in Francia, è certo la Grecia. Ne ha avuto la misura Colin Powell, che ha improvvisamente deciso di cancellare il proprio viaggio ad Atene, dove sarebbe comparso - non si sa esattamente in quale ruolo – sullo sfondo della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi. Nonostante il suo staff parli di “sopravvenuti impegni”, è ovvio che le crescenti dimostrazioni contro il suo arrivo, ad Atene, hanno suggerito il cambio di strategia.

Forse Powell, a furia di frequentare i falchi del Pentagono – per i quali i paesi minori, nel mondo, non sono che degli appezzamenti di terreno più o meno produttivi – si era dimenticato che in Grecia, ...

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO