Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Commenti Recenti

rss


TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE

11 SETTEMBRE - UNA COSPIRAZIONE PLANETARIA BOLOGNA, SABATO 21-5 ALLE ORE 17.30 Parco del Dopolavoro ferroviario (entrate da via Stalingrado e da via Serlio)

Con la proiezione del film sull'11 Settembre "Painful Deceptions" di Eric Hufschmid

All'interno le informazioni dettagliate

"SIlVIO, NON ANDARE A NASSIRYA!"

Da Rumsfeld Berlusconi ha imparato anche il trucco della “fuga di notizie”


di Massimo Mazzucco

08.01.04 - Circa tre mesi fa, nel momento peggiore della campagna militare in Iraq, Rumsfeld non sapeva come fare per annunciare al mondo che la Casa Bianca gli voleva togliere il controllo delle operazioni – cosa poi avvenuta - senza farci la figura di quello che ha sbagliato tutto. Scrisse allora un finto “memo” (una nota interna), indirizzata agli altri capi dello stato maggiore, in cui esponeva loro “riflessioni” e “ripensamenti vari” di tipo strategico (come se fra loro non si parlassero già quattro volte al giorno). Peccato che qualche birichino abbia fotocopiato quel memo, e che questo sia finito sulle prime pagine di tutti i giornali. “Accidempoli”, esclamò Rumsfeld tutto seccato, mentre si dimenticava completamente di far cercare il trafugatore. Ecco che il mondo allora lesse il cambio di marcia operativo come l’effetto di un “ragionamento” di Rummy, e non come il sonoro calcio nel culo che invece si era preso quel giorno.

Ora Berlusconi non ha nessuna voglia di andare a Nassirya (perchè mai dovrebbe averla, d’altronde? Mica ci crede davvero, lui, all’onore, ai valori, al rispetto per chi rischia la vita per il tuo petrolio ecc..), e allora cosa ti fa? Guarda un pò di cosa riesce ad impadronirsi oggi il mondo italiano della comunicazione... proprio sull’ argomento! Leggete questo documento – che dovrebbe essere privato - e ditemi se davvero della gente che collabora strettamente con Berlusconi direbbe mai, a lui personalmente....

SCAPPATI COME LADRI DI POLLI

29.06.04 - Doveva essere la cerimonia che avrebbe dovuto finalmente risollevare l’immagine di Bush, e con essa quella altrettanto miseranda di tutta la “coalizione” dei ladri di petrolio: signori e signore, l’occupazione è finita (a parole, ovviamente), il paese è nelle vostre mani (sempre a parole), ora saprete finalmente cosa vuol dire vivere in libertà (si fa sempre per dire). Auguri e figli maschi.

Invece è sembrata più che altro la frettolosa consegna di chi ha venduto una macchina a un altro come semi-nuova, mentre sa benissimo che entro venti chilometri i pistoni si apriranno in due come noci di cocco seccate al sole.

Ecco, tenete, queste sono le chiavi della democrazia, ne ho fatte due copie, una per voi, una per i sunniti, così ci andate in giro un pò per uno senza litigare. Ai curdi ho già fatto consegnare le pelli di daino per lavorare ai semafori. Così appena arrivano i semafori si potranno godere anche loro un pò di democrazia. Ricordatevi di cambiare spesso il filtro dell’olio, e tenete d’occhio l’usura dei copertoni, mi raccomando. E poi, qualunque cosa, il telefono ve l’ho lasciato (quello del bar)... e via che non hai finito di parlare e sei già col piede sulla scaletta dell’aereo. Tempo che quello decolla....

LÀ DOVE OSANO I CALABRONI

di Anna M.

28.06.04 - Disse una volta Ferruccio De Bortoli: “L'economia italiana è paragonabile ad un calabrone: non c'è legge fisica che spieghi come possa volare, ma vola”.

E di miracolo in miracolo, pare addirittura che oggi il nostro ministro Tremonti – la longa manu economica del Berlusconi-pensiero - abbia trovato la "ricetta" magica per far volare anche il tozzo calabrone là dove osano solo le aquile: semplicemente, ridurre le tasse, e contemporaneamente tagliare le spese pubbliche. Che sarebbe poi, in soldoni, la politica fiscale di Bush, uno dei pochi dal quale Berlusconi pare accettare di buon grado indicazioni e consigli.

Ma negli Stati Uniiti la" Bush Tax" si è rivelata, come previsto da molti repubblicani stessi, un autentico flop: basti pensare che chi ha un reddito annuo superiore ad 1 milione di dollari, ne risparmia 110 mila di imposte, mentre il 60% degli americani, che forma la base della piramide reddituale, risparmia la bellezza di 304 dollari in tutto. Soldi che non fa nemmeno in tempo a contare, ...

d ,

ESPLODE FAHRENHEIT, VINCENDO ADDIRITTURA FUORI CASA

28.06.04 - Al di là delle più rosee previsioni dello stesso Michael Moore, il suo film-documentario anti-Bush ha portato a casa nel week-end di apertura ben 21 milioni di dollari, battendo tutti i grossi film commerciali in programmazione (che contano su un numero di sale dieci volte superiore), e strapazzando qualunque record precedente dei documentari stessi. (Il suo Bowling for Columbine, Oscar dell’anno scorso, deteneva già il record di incassi assoluto, con 21 milioni di dollari complessivi). Ma la cosa più sorprendente – e forse l’elemento che potrà fare davvero la differenza, ora di Novembre - è che il documentario non è stato affatto ignorato dai sostenitori di Bush, come invece prevedevano tutti i “santoni” della comunicazione. Mentre alla Casa Bianca ci si consolava dicendo “in fondo, lo andranno a vedere solo quelli che tanto già votano per Kerry”, il botteghino ha registrato il tutto esaurito addrittura ...

Chi è interessato può scaricare qui (file wav.zip, 3 MB, ca. 16 min.) la trasmissione di oggi di Radio Spazio Aperto dedicata alla scie chimiche, con l'intervento dell'On. Ruzzante, che da due anni aspetta una risposta alla sua interrogazione parlamentare sulle scie.



I COMMENTI SULLE SCIE CHIMICHE PROSEGUONO IN QUESTO SPAZIO

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO

I "commenti liberi" possono anche essere utilizzati da chi vuole aprire una vera e propria discussione su un determinato argomento (come quello delle scie chimiche, ad esempio). Nel caso, segnalatelo con un post iniziale, e se la cosa prende quota magari riserviamo il resto dei commenti a quell'argomento, aprendo una nuova cartella per i commenti liberi.

COMMENTI LIBERI n.7

Tutto MENO le scie chimiche, che continuano a essere discusse nell'ultimo articolo.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO