Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

Di Jim Jatras, un avvocato di Washington DC, analista politico e specialista degli affari dei media e del governo.

La piena entità dei danni alla pace e alla sicurezza internazionali causati dagli attacchi alla Siria guidati dagli Stati Uniti impiegheranno del tempo per essere chiariti. Ma il suo impatto sul concetto stesso di legalità negli affari internazionali è già evidente.

In poche parole, la nazione più potente del mondo e i suoi principali satelliti, il Regno Unito e la Francia, hanno gettato lo Stato di Diritto nel cestino. L'unica "legge" ora è la legge della giungla. Non si può tornare indietro.

Ironia della sorte, l'attacco stesso è stato rivendicato dai suoi autori come l'applicazione della legalità, non della sua cancellazione. Ad esempio, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha definito il presunto uso di armi chimiche da parte delle forze siriane "una chiara violazione delle norme e degli accordi internazionali" che "richiede una risposta collettiva ed efficace da parte della comunità internazionale" (1).

Lasciando da parte per un momento la domanda su cosa sia realmente accaduto nella città siriana di Douma, Stoltenberg sa molto bene quale sia il meccanismo per una risposta collettiva da parte della comunità internazionale. È nell’accordo costituente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite "stabilire l'esistenza di qualsiasi minaccia alla pace, alla violazione della pace o all'aggressione" e adottare azioni congiunte militari o non militari per "ristabilire la pace internazionale e la sicurezza” ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite (2). Tale azione è soggetta al veto da parte dei membri permanenti: Stati Uniti, Russia, Cina, Regno Unito e Francia.

Viene una certa nausea, a vedere le stesse dinamiche che si ripetono all'infinito. Gli americani inventano false flags, i media gli fanno da cassa di risonanza, e poi gli americani attaccano il bersaglio che avevano scelto già molto prima della false flag.

Poi dopo un po' salta fuori che la false flag era - appunto - falsa, ma ormai il fatto è avvenuto, la gente dimentica, e si può ricominciare daccapo.

Non se ne può più. Se esiste un inferno, i primi che dovrebbero andarci sono i giornalisti che avallano con la loro finta ignoranza questa sequenza infinita di bugie vomitevoli.

Massimo Mazzucco

Comunicato Congiunto Blogger Italiani

La situazione militare in Siria e attorno ha ormai raggiunto il livello di guardia. Il presidente americano si accinge a prendere decisioni la cui portata e la cui pericolosità sono inimmaginabili.

Le accuse ad Assad di avere bombardato con armi chimiche il centro di Douma non sono né provate né sensate. Il rischio di uno scontro diretto con la Russia, su qualcuno degli scenari che sono già da tempo in fibrillazione, è imminente. La Russia ha già messo in stato di allarme tutte le sue difese, su tutti i fronti.

Di fronte al silenzio e alla menzogna del mainstream italiano e occidentale, noi blogger italiani facciamo appello, tutti insieme, ai partiti italiani, affinché si esprimano immediatamente chiedendo al nostro alleato principale di non commettere altre sciocchezze e di attendere il risultato di una commissione internazionale che accerti le responsabilità.

Michele Geraci, economista, docente di Economia e Finanza all’Università di New York a Shanghai, racconta a Byoblu la Cina e la società cinese, la loro forma di Governo, la loro economia e la guerra dei dazi, dal loro punto di vista.

Argomenti trattati: Il concetto capovolto di democrazia: il governo "interpreta" quello che la popolazione vuole - Come è avvenuto il miracolo economico cinese - Industrializzazione rapida e inquinamento - 800 milioni di persone sollevate dalla povertà - Mancanza di libertà di stampa - La stabilità della nazione viene prima di quella dell'individuo - Controllo demografico, storia e politica del figlio unico - Prima le infrastrutture, poi i flussi migratori dalle campagne alle città - Enormi investimenti cinesi in Africa - La situazione geopolitica: guerra dei dazi e politica di Trump - L'intermediazione cinese nella questione coreana - Effetti della globalizzazione all'interno dei singoli paesi - Rotta artica, la "terza via della seta".

Fonte Byoblu

di Maurizio Blondet

L’accusa del governo May a Mosca, di aver avvelenato l’ex spia Skripal e la figlia, si sta sgretolando. Rivelandosi per quella che è: una immane “fake news” di Stato, e magari un false flag mal riuscito. Ieri la notizia che il direttore di Porton Down (i laboratori militari britannici per le armi chimico-batteriologiche) ha ammesso: non abbiamo la prova che il Novichock usato (o che sarebbe stato usato) contro Skripal sia di origine russa.

Il punto è che il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson aveva assicurato, in un tweet del 22 marzo e subito diffuso nel mondo, che “analisi  condotte al laboratorio di Scienza e Tecnologia Bellica di Porton Down da esperti di livello mondiale hanno appurato che si tratta dell’agente nervino militare Novichok prodotto in Russia”. Insomma il governo aveva impegnato la parola dei suoi scienziati di fama mondiale senza averli interpellati, e prima che conducessero le indagini.

E  non hanno ancora cancellato una dichiarazione dell’ambasciatore britannico a Mosca Laurie Bristow che il giorno 22 marzo aveva convocato la stampa estera per confermare l’accusa.

di Maurizio Blondet

Quando il governo USA espelle 60 diplomatici russi e 18 paesi europei, di cui 15 della UE, fanno altrettanto in una mossa clamorosa e concertata basata su falsità – la situazione è ovviamente gravissima. Aspettarsi una minima spiegazione di “cosa c’è dietro” è prematuro. Certo è che chi “c’è dietro” è un potere enorme. Che ha uno scopo di rottura  totale fra Russia e Occidente.

Noi possiamo solo mostrare come il fraseggio usato da tutti i paesi UE per spiegare le espulsioni, anch’esso concordato, sia assurdo sul piano logico, diplomatico, e legale: Donald Tusk: “E’ altamente probabile che la Federazione Russa sia responsabile di questo attacco [il supposto avvelenamento della spia Skripal] e non c’è altra spiegazione possibile”. Jean-Yves Le Drian, ministro degli Esteri di Parigi : “… Convenuto che non esisteva altra spiegazione plausibile che la responsabilità della federazione russa”.

Teresa May: “….Nessun altro paese ha la capacità, l’intenzione o il motivo per tale aggressione …La sfida della Russia durerà negli anni a venire”.

Interessante intervista a tutto campo di Claudio Messora a Maurizio Blondet

Argomenti trattati: Un ricordo delle torri gemelle - L'avvento dei neocons - La setta dei Lubavitch - I sionisti-cristiani in USA - Gli interessi petroliferi di Israele - Il ruolo degli USA nella crisi ucraina - Motivi dietro alla distruzione dell'Iraq - Analisi della situazione in Corea - Al Quaeda e ISIS creazioni USA-Israeliane-Saudite - Attentati di Parigi come risultato della guerriglia fra servizi - Rita Katz - Charlie Hebdo, Netaniahu e il Mossad - Fake News e leggi repressive - Il nuovo totalitarismo "democratico" ...

 Gli americani proprio non riescono a rinunciare al loro sogno imperialistico. Evidentemente ce l'hanno nel DNA.

E' ancora fresca la sconfitta della loro adorata ISIS da parte dei russi, che già gli omini verdi del Pentagono si stanno ingegnando per creare un'altra forza militare che possa destabilizzare la Siria.

La nuova genialata di Washington si chiama BSF, che significa Border Security Force (forza di sicurezza di confine), che sta venendo impiantata nel nord della Siria, vicino al confine con la Turchia.

Questa forza è composta in buona parte dagli ex-combattenti della Syrian Democratic Forces (SDF), i militanti curdi già sostenuti apertamente da Washington, ai quali andranno ad aggiungersi altre unità di non chiara origine (probabilmente guerriglieri riciclati dall'ISIS e mercenari della peggior risma, come al solito).

E' in corso ormai da giorni una martellante campagna mediatica che mira a far passare l'Iran come una nazione dalla pesante dittatura repressiva e totalitaria. Il governo iraniano invece accusa "alcuni paesi stranieri" di sobillare dall'interno le rivolte, per cercare di destabilizzare ed eventualmente rovesciare l'attuale regime iraniano. La musica la conosciamo, la sceneggiatura delle "primavere arabe" ormai assomiglia talmente a se stessa da non meritare nemmeno più di essere commentata.


Questi estratti dal documentario di Fulvio Grimaldi "Target-Iran" spiegano molto bene i veri motivi per cui questa nazione rappresenti un ostacolo enorme per gli Stati Uniti e i loro alleati, nel controllo di una zona geostrategica di fondamentale importanza come è appunto l'Iran.

Matteo Renzi non sa perdere. Abbandonato a destra e a manca dai suoi compagni di merende, in previsione di una sconfitta elettorale catastrofica, e con la ferita del referendum perduto che ancora gli brucia, il buon Renzi ha pensato bene di rivolgersi alle logge di oltreoceano per farsi dare una mano. E così gli arriva in soccorso Joe Biden, che si sveglia un bel mattino e dichiara che la Russia "ha interferito nel processo politico del referendum italiano", e che continua a farlo "aiutando i partiti populisti come Lega e 5 Stelle".

I bravi servi del potere italiani raccolgono il messaggio, e lo rilanciano sulle pagine dei loro giornali.

Da La Stampa di oggi leggiamo: "Mosca ha interferito con il referendum costituzionale italiano del 2016, sta interferendo con la campagna per le prossime elezioni, e gli Usa hanno le prove. Lo conferma a «La Stampa» Michael Carpenter, già vice assistente segretario alla Difesa per Russia, Ucraina, Eurasia e Balcani, direttore per la Russia al Consiglio per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, e coautore col vice presidente Biden dell’articolo su «Foreign Affairs» che denuncia questa offensiva del Cremlino."

La Nato ci chiede di rinforzare i ponti e le strade, per permettere il passaggio di carri armati e mezzi pesanti in caso di una guerra contro la Russia.

Già due settimane fa la portavoce della Nato, Oana Lungescu, aveva dichiarato che la Nato intende creare due nuove centrali di comando in Europa, perché "la capacità di dispiegare velocemente le forze dell'alleanza è importante per la difesa collettiva della Nato".

Ieri è stato lo stesso segretario della Nato Stoltemberg, nell'incontro con i ministri della difesa alleati, a chiarire meglio questo concetto: "Una centrale di comando - ha dichiarato - riguarderà l'Atlantico, e servirà a rinforzare le nostre capacità di proteggere le vie del mare, che sono di fondamentale importanza per l'alleanza transatlantica. Dobbiamo essere in grado di spostare eserciti e truppe attraverso l'Atlantico, dal Nord America verso l'Europa. Ci sarà poi una seconda centrale di comando, responsabile degli spostamenti delle truppe all'interno dell'Europa, cosa che è ovviamente altrettanto importante".

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO