Forum

Commenti Recenti

rss

di Maurizio Blondet

“Sottolineo che abbiamo l’unanimità, fra i 28, su cinque principi-guida della Unione Europea nella politica verso la Russia”: così Federica Mogherini, alta rappresentante eccetera e vicepresidente della commissione, all’uscita dal Consiglio Affari Esteri. La data della raggiunta “unanimità”: 14 marzo. Siccome il 17 marzo è fissato il vertice dei capi di governo europei, e si sapeva che Renzi e Orban avevano intenzione di opporsi alla proroga automatica delle sanzioni a Mosca, la Mogherini ha prevenuto la mossa dei due governanti e li ha legati alla “Unanimità” espressa in sede segreta da ministri degli esteri. E’ un esempio del golpe quotidiano che è l’esercizio del potere commissariale. Adesso sappiamo a cosa serve la Mogherini.

I “cinque principi” mogheriniani, suppostamente cogenti per gli europei nei rapporti con Mosca sono, una volta tradotti dalla neolingua orwelliana. Prima di sperare nel perdono della Commissione, Putin deve : abbandonare il Donbass al ‘governo’ di Kiev; restituire al detto governo la Crimea con tutti i suoi cittadini russi; accettare di buon grado di perdere il mercato europeo per il suo gas e greggio, mentre la UE cerca fornitori alternativi; chiudere i suoi media come RT e Sputnik che tanto male fanno alle menti europee, bisognose di iniezioni di verità somministrate in forti dosi da Euronews.

Nigel Farage ad alzo zero sulla Turchia: 75 milioni di persone con un prodotto interno loro pro-capite pari alla metà di quello dello Stato membro UE più povero, invaderanno l’Unione Europea. Finiremo per confinare con la Siria, con l’Iraq e con l’Iran. Far entrare la Turchia nell’Unione Europea a ottobre è la cosa più pazzesca, stupida e pericolosa che l’Unione Europea abbia fatto.


Fonte byoblu 

Trascrizione:

Nigel Farage: L’Unione Europea ha fatto molti errori durante la mia permanenza qui. Ho visto l’invenzione di una moneta che ha impoverito il Mediterraneo, ho visto l’idealizzazione dell’area Schengen condurre alla libera circolazione dei kalashnikov, e ogni mese e ogni settimana assistiamo al tentativo di creare un unico Stato Europeo, che naturalmente i popoli europei non vogliono. Ma la politica di asilo comune è certamente il punto più basso della politica dell’UE. La cancelliera Merkel ha tolto il tappo a una bottiglia di champagne e ha detto che chiunque poteva entrare. E adesso voi cercate di rimettere il tappo dentro e vi accorgete che non è possibile. Quindi vi siete rivolti a qualcun altro per venire a capo del vostro problema.

AGGIORNAMENTO: Putin annuncia il cessate il fuoco in Siria.
***
Durante un'intervista televisiva, un rappresentante del governo saudita ammette candidamente che il suo paese dispone dell'arma atomica da almeno due anni. Ecco la sua dichiarazione, preceduta da un commento di Giulietto Chiesa.


Fonte Pandora TV

Un articolo di Kurt Nimmo su Infowars che descrive i retroscena della trattative con il Pakistan.

Bundestag: Sahra Wagenknecht, del partito Die Linke, critica aspramente la politica di appoggio della Merkel verso il premier turco Erdogan.

Il fatto che la Turchia faccia parte della NATO, ovviamente, significa che gli stessi rischi di essere coinvolti in una escalation militare li corriamo anche noi.

Fonte Pandora TV.

di Vincenzo Ferraro

I sauditi aumentano la loro retorica mentre la Turchia bombarda in Siria per il secondo giorno consecutivo. Secondo i seguenti rapporti, l'Arabia Saudita ha creato un quartiere generale con la Turchia, in preparazione all'assalto congiunto in Siria. Il rapporto inoltre sostiene che gli aerei degli Emirati Arabi Uniti sono stazionati alla base aerea di Incirlik in Turchia ... la stessa base dove sono stati dispiegati ultimamente i jet sauditi. Jet sauditi in Turchia.

Il rapporto, indipendente e non verificato, è coerente e trasparente in merito ad una probabile invasione. Invasione in Siria. La Turchia ha già iniziato l'offensiva. Per il secondo giorno consecutivo la Turchia ha bombardato le postazioni dell'aviazione siriana e le postazioni curde. 

Claudio Messora ha intervistato il veterano dei Marines Vincent Emanuele, reduce dalla guerra in Medio Oriente. Questo è il racconto della sua terrificante, brutale esperienza e dell'odio che ha prodotto e che ancora produce nelle popolazioni invase, in nome degli interessi dei paesi occidentali.


Su Byoblu trovate la trascrizione completa dell'intervista (in italiano).

Dalla conferenza di Padova dello scorso 24 gennaio, Matteo Simonetti parla del "Piano Kalergi", delle orgini dell'Europa Unita, e degli interessi che si nascondono dietro ai fenomeni migratori:


Fonte Byoblu

L'intervento di Fulvio Grimaldi alla conferenza "È la stampa, bellezza!" del 24 gennaio 2016.


Fonte Byoblu

In questo video, che abbiamo pubblicato nel 2011, viene spiegato quale fosse il progetto di Gheddafi di creare una valuta pan-africana basata sull'oro posseduto dalla Libia, e viene suggerito che questo possa essere stato uno dei motivi determinanti che hanno spinto la Nato (Francia e Usa in testa) ad intervenire militarmente e a rovesciare il leader libico.

Con la pubblicazione di centinaia di e-mail tratte dalla corrispondenza di Hillary Clinton (che nel 2011 era ministro degli esteri Usa) è emersa oggi una conferma di quanto già suggerito inizialmente dal servizio di RT.

In particolare, in una e-mail spedita da un certo "Sid" alla Clinton nell'aprile 2011, viene rivelato che uno dei motivi che spinsero Sarkozy ad attaccare la Libia - con appoggio NATO ovviamente - fu proprio di impedire che Gheddafi creasse la valuta pan-africana su base aurea, che avrebbe danneggiato non solo tutti gli equilibri monetari internazionali, ma soprattutto gli interessi francesi in tutte quelle economie post-coloniali che ancora utilizzavano il franco francese come valuta di riferimento.

Il primo di tre documentari di Fulvio Grimaldi sull'Iraq, messo in rete da Pandora tv.

Girato nel '99, questo documentario mostra come fosse riuscito a rimettersi in piedi l'Iraq dopo la prima Guerra del Golfo. Grimaldi gira con uno stile asciutto e oggettivo, che gli permette di passare senza la minima sbavatura melodrammatica da argomenti come i tesori artistici della Mesopotamia alla devastazione umana perpetrata dalle bombe americane all'uranio impoverito.

Fulvio Grimaldi sarà a Campodarsego (PD) il 24 gennaio 2016, insieme a Giulietto Chiesa, Maurizio Blondet, Massimo Mazzucco, Claudio Messora e altri. (Vedi info-box "Eventi pubblici" nella colonna destra del sito).

ATTENZIONE: Immagini violente al minuto 2:03
Video di Francesco Santoianni

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO