Forum

Commenti Recenti

rss

In questo video, che abbiamo pubblicato nel 2011, viene spiegato quale fosse il progetto di Gheddafi di creare una valuta pan-africana basata sull'oro posseduto dalla Libia, e viene suggerito che questo possa essere stato uno dei motivi determinanti che hanno spinto la Nato (Francia e Usa in testa) ad intervenire militarmente e a rovesciare il leader libico.

Con la pubblicazione di centinaia di e-mail tratte dalla corrispondenza di Hillary Clinton (che nel 2011 era ministro degli esteri Usa) è emersa oggi una conferma di quanto già suggerito inizialmente dal servizio di RT.

In particolare, in una e-mail spedita da un certo "Sid" alla Clinton nell'aprile 2011, viene rivelato che uno dei motivi che spinsero Sarkozy ad attaccare la Libia - con appoggio NATO ovviamente - fu proprio di impedire che Gheddafi creasse la valuta pan-africana su base aurea, che avrebbe danneggiato non solo tutti gli equilibri monetari internazionali, ma soprattutto gli interessi francesi in tutte quelle economie post-coloniali che ancora utilizzavano il franco francese come valuta di riferimento.

Il primo di tre documentari di Fulvio Grimaldi sull'Iraq, messo in rete da Pandora tv.

Girato nel '99, questo documentario mostra come fosse riuscito a rimettersi in piedi l'Iraq dopo la prima Guerra del Golfo. Grimaldi gira con uno stile asciutto e oggettivo, che gli permette di passare senza la minima sbavatura melodrammatica da argomenti come i tesori artistici della Mesopotamia alla devastazione umana perpetrata dalle bombe americane all'uranio impoverito.

Fulvio Grimaldi sarà a Campodarsego (PD) il 24 gennaio 2016, insieme a Giulietto Chiesa, Maurizio Blondet, Massimo Mazzucco, Claudio Messora e altri. (Vedi info-box "Eventi pubblici" nella colonna destra del sito).

ATTENZIONE: Immagini violente al minuto 2:03
Video di Francesco Santoianni

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO