Forum

Commenti Recenti

rss

Manifestazioni in tutto il mondo, copertura mediatica da mondiali di calcio, e tutti a strapparsi i capelli per il "miracolo" di questa ragazzina che, "da sola", ha messo in moto la rivoluzione ambientale che salverà il pianeta.

Con un piccolo particolare, che tutti si dimenticano di citare: non esiste un solo partito al mondo, in nessuna delle nazioni più industrializzate, pronto ad accogliere e a fare proprio il messaggio ambientalista di Greta Thunberg.

Manca cioè l'anello di congiunzione fra le parole e i fatti. Ed è forse proprio questo il motivo per cui i media si sono buttati a corpo morto sul fenomeno Greta: perchè sanno tutti benissimo che nessuno farà comunque niente, e che questa faccenda è destinata a dissolversi nel nulla nell'arco di pochissimo tempo. Un po' come quando Bergoglio invoca "la pace nel mondo" serza rivolgersi a nessuno in particolare: lo dice, la notizia passa sui telegiornali, e dopo dieci minuti è già stata dimenticata.

Quindi con Greta si fa audience - e si distoglie la gente da problemi più reali e contingenti - praticamente a costo zero. E' il buonismo da un tot al chilo, quello classico di natura boldriniana che così ferocemente appesta il mondo del politically correct.

E' bello poter stare tutti con Greta, e quindi i media fingono di stupirsi per un fenomeno che in realtà loro stessi hanno creato. Ancora una volta la popolazione di pecore è caduta nella trappola dei potenti: una vetrina assolutamente inutile, che serve da valvola di sfogo per gli animi più sensibili e frustrati, ma che non porterà assolutamente a nulla di concreto. Lo zero a zero è garantito già in partenza.

Avete infatti visto un solo politico - in Italia o nel mondo - che abbia detto. "Cazzo, Greta ha ragione! Svegliamoci, facciamo qualcosa prima che sia troppo tardi"?

Non uno. Esattamente come previsto dal piano originale.

Ancora una volta, il grande esperimento di manipolazione mediatica è riuscito in pieno.

Massimo Mazzucco

Aggiungi Commento   

Andoram
#1 Andoram 2019-03-17 18:00
Ipotesi...si dice in giro... vero o falso?

GRETA THUNBERG E' UNA NUOVA TRUFFA-ROTHSCHILD
Un ragazzina di nome Greta Thunberg in brevissimo tempo ha conquistato una popolarita' mondiale, per arrivare a certi livelli lo puoi fare solo con il supporto dei Rothschild.
La Thunberg infatti fa parte di Climate Justice Now!.(1)

Tra i membri di questa organizzazione c'e' Friends of the Earth (2) fondata da David Brower
che proveniva da Sierra Club (3) controllato dai Rockefeller (4) ; Brower e' stato anche finanziato da
Robert Anderson (5) legato all'Aspen Institute (6) dei Rockefeller

La Thunberg ha partecipato al World Economic Forum (7) dei Rothschild

Mi è arrivata questa info...da FB
Parsifal79
#2 Parsifal79 2019-03-17 18:07
Ieri, leggendo per il terzo giorno consecutivo le dichiarazioni d’amore dei politici italiani a Greta Thunberg e le prime pagine dei giornaloni sui giovani di tutto il mondo che lo difendono dai grandi inquinatori, ho verbalizzato una fastidiosa sensazione che mi pervade da tempo: o sono pazzo io, o sono pazzi gli altri. Sono mesi che l’autoproclamato Partito del Pil ci spiega a reti, edicole e Camere unificate che bisogna sbloccare i cantieri, moltiplicare gli appalti, trivellare il mare, costruire nuovi quartieri, grattacieli e “boschi verticali” abbattendo quelli orizzontali (il “modello Milano”, mai più senza), cementificare e asfaltare ovunque, aprire discariche e inceneritori in ogni angolo, e guai a tassare le auto inquinanti perchè quelle ecologiche si fanno solo all’estero (qui non si usa) e non sta bene favorire lo straniero invasore e penalizzare la Fca, e guai a rinunciare a Tav, Tap, Terzo Valico, Gronda, estrazioni petrolifere, e pazienza per le aree verdi (gli alberi rompono i coglioni e non fatturano) o blu (i fiumi e i torrenti sono bagnati e non edificabili: meglio intombarli sotto il cemento).

I leader e i governatori pidin-forza-leghisti parlano a una sola voce come Carlo Verdone-Armando Feroci in riva al Tevere ne “Il gallo cedrone“: “Signori! Elettori! Ma ‘sto fiume ce serve o nun ce serve? … Se nun ce serve, e io dico che nun ce serve, levàmolo, sotteràmolo, prosciugàmolo! Seguitemi bene in questa mia straordenaria intuizione: al posto del fiume, una lunga lingua d’asfalto a tre corsie. Los Angeles! Risultato, due punti virgolette: traffico azzerato, inquinamento disintegrato, guardo a destra e vedo verde, guardo a sinistra arivedo verde, guardo in alto e vedo le rondini senza più l’ombra di un gabbiano, guardo in avanti e se score, signori, finalmente a Roma se score! Parafrasando la frase di un grande autore del passato ma di una modernità straordenaria, io dirò: con me se va nella città ridente, con me se va nell’eterno splendore. Grazie!”.L’ultima impellenza, urgentissima da 29 anni fino a tre giorni fa, era scavare subito nelle Alpi il buco più lungo del mondo per trasportare ad alta velocità merci inesistenti con qualche minuto d’anticipo da Torino a Lione, così da far girare 15-20 miliardi in un cantiere che finge di fare cose da 15 anni e ne durerebbe altrettanti creando la bellezza di 450 posti di lavoro e infestando di Co2 (12 milioni di tonnellate) e altre emissioni venefiche, cemento, acciaio, rame, amianto, materiali radioattivi e polveri la Val di Susa, che curiosamente non ne vuole sapere (subornata dai famigerati anarchici e/o dalle nuove Br).

I 5Stelle provano a dire no (insieme ai Verdi europei), Conte tenta di convincere i francesi che non conviene neanche a loro e tutti strillano che così tramonta lo sviluppo e arrivano la “decrescita infelice”, la bancarotta, l’apocalisse, finiremo tutti sotto i ponti o agli angoli delle strade col cappello in mano. L’altroieri l’ex pm Carlo Nordio, noto “garantista”, chiedeva sul Messaggero di depenalizzare l’abuso d’ufficio per sostituirlo con un apposito reato di omissione in atti d’appalto, per “sanzionare” finalmente con pene esemplari “chi non decide per sbloccare i cantieri”. Quali, non importa. Lavori utili o inutili, amici o nemici dell’ambiente, sostenibili o insostenibili, sono dettagli. L’importante è costruire altre grandi opere con grandi costi e grandi tangenti ma bassa occupazione, anziché fare piccole manutenzioni con bassi costi e alta occupazione contro il dissesto idrogeologico (su 700 mila frane in tutta Europa, 500mila sono in Italia). Ora, all’improvviso, tutti questi impuniti spasimano per Greta e le sue sorelle: ritratti strappalacrime, improbabili candidature al Nobel per la Pace, fiumi di retorica e titoloni del tipo: “E la politica che fa?”. Svetta su tutti Repubblica, che dopo averci illustrato per mesi, ogni giorno che Dio mandava in terra, gli effetti balsamici del Tav sull’ambiente e la salute, indovinate con chi se la prende? Con “le Cinque stelle che ormai non luccicano più”, cioè con l’unica forza politica dell’arco costituzionale che prova a bloccare quello scempio (sostenuto da Repubblica) e gli altri (le trivelle, sostenute da Repubblica), e viene attaccato da Repubblica per non aver bloccato pure il Tap e chiuso l’Ilva (sostenuti da Repubblica).

L’Agenzia dell’Energia ha documentato che, per domare il clima imbizzarrito, si dovrebbero lasciare sottoterra l’80% dei fossili: altro che trivelle petrolifere e gasdotti. Il decreto sulle energie rinnovabili fu bloccato due anni fa, indovinate da chi? Dai trafelati tifosi dell’incolpevole Greta, quelli che predicavano l’astensione per far fallire il referendum sulle trivelle (Pd, FI e Napolitano), varavano il mirabolante Sblocca-Italia (Renzi e Delrio) e approvavano 12 decreti Salva-Ilva per neutralizzare le indagini e garantire l’impunità ai vertici e ai commissari dell’azienda avvelenatrice. Monica Frassoni, leader dei Verdi europei e no Tav convinta, ricorda che basterebbe aumentare di un punto l’efficienza energetica per creare in Europa 366mila posti di lavoro e ridurre del 4% le importazioni di gas. E che l’Italia ha pagato 600 milioni di multe in 8 anni per le infrazioni alle regole europee sullo smaltimento dei rifiuti. Ma qui l’unico politico che parla di questi temi è Grillo, noto comico, mentre la cosiddetta informazione cadenza le nostre giornate al ritmo dell’armonioso fragore delle rotative misto al festoso sferragliare di supertalpe, turbine, scavatrici e betoniere. Poi, all’improvviso, tutti pazzi per Greta. Noi non abbiamo la fortuna di conoscerla. Ma le auguriamo di tenersi a debita distanza da questi gretini*.

Vieni avanti gretino* di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano del 16 Marzo 2019

infosannio.wordpress.com/.../vieni-avanti-gretino
Davide71
#3 Davide71 2019-03-17 18:27
Ciao a tutti:

i politici non fanno niente perché sanno benissimo che, se fanno qualcosa, non verranno mai più rieletti. La gente che li vota é la stessa gente che si é buttata in massa a comprare il caffé in capsule!
E comunque in Italia non siamo quelli messi peggio.
Finché gli Americani non capiscono che si devono dare una regolata non andiamo da nessuna parte. Peccato che, per loro, innanzi tutto viene la sicurezza nazionale, poi gli interessi dello Stato, poi l'American Way of life e poi l'ambiente!
Poi ci sono i Cinesi, che non ci stanno a rinunciare alle comodità del mondo moderno, e sanno benissimo che a nessuno gliene frega niente dell'ecosostenibilità di un prodotto; al mondo interessa solo che il costo sia più basso possibile!
Io, nel mio piccolo, qualcosa faccio, ma senza impiccarmi. Se tutti facciamo qualcosa, qualcosa deve per forza succedere...
Parsifal79
#4 Parsifal79 2019-03-17 18:31
Sergio Costa
14 marzo alle ore 10:00 ·

Si sente all’interno di un governo che mette al centro i temi ambientali?

Due settimane fa insieme al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al ministro dell’Agricoltura Centinaio e la ministra del Sud Barbara Lezzi abbiamo presentato un piano di intervento sul dissesto da 11 miliardi di euro. Il Ministero dell’Ambiente ha più di 6,5 miliardi a disposizione per la tutela del territorio. Abbiamo fatto una conferenza stampa e descritto questo piano finanziario e normativo. Quindi direi che sì, l’ambiente è decisamente al centro. Piuttosto, mi è dispiaciuto notare che su molti giornali, soprattutto su rinomati il giorno dopo quasi non ve ne fosse traccia

Ci dice le prossime tre cose che farà per rilanciare questi temi?

Sono a Nairobi al summit Onu sull’ambiente e chiederò che l’impegno internazionale sul marine litter, l’inquinamento della plastica in mare, sia vincolante per i Paesi e non solo una dichiarazione di intenti. A giorni arriverà al Consiglio dei Ministri il mio disegno di legge Salvamare, per far sì che i pescatori possano raccogliere e portare a terra la plastica pescata in mare, che adesso non possono fare, e a seguire, appena sarà pubblicata, adotteremo la direttiva europea sul divieto di vendita della plastica monouso. Stiamo firmando protocolli con le regioni più interessate dallo sforamento della CO2 per intervenire con fondi e azioni precise che mirano a ridurre il parco auto circolante e a puntare sul trasporto pubblico, magari elettrico.
Inoltre - e quindi siamo a più di tre - a fine marzo sarà pronta l’impalcatura della legge Terre Mia che prevede, tra l’altro, la confisca allargata dei beni di chi inquina, che così verranno trattati come dei mafiosi e il daspo ambientale: chi avvelena la terra deve andare via.

www.facebook.com/.../563185090858541?__tn__=K-R
starburst3
#5 starburst3 2019-03-17 18:35
Autorimosso
starburst3
#6 starburst3 2019-03-17 18:53
Gli spin doctor non dormono mai, dalla politica alla pubblicita', dalla propaganda pro a quella contro, tutto fa' brodo per buttarla in confusione e da questa confusione trarne vantaggi per chi li foraggia e finanzia,la simbiosi e' diventata cosi' evidente che il foraggiatore e' il foraggiato e viceversa.
Nel caso dei cambiamenti climatici e' stata creata una protesta che piu' neutra non si puo',sotto accusa l'essere umano in genere,reo di non rispettare l'ambiente in cui vive,senza pero' come dicono gli articoli di redazione e di travaglio, additare i responsabili con nome, cognome e indirizzo.
Non ci vuole molto per capire che anche questa e' propaganda condizionatrice,forse sono stato poco attento ma la colpa e' stata addossata solo all'utilizzo di energie con prodotti fossili o anche all'utilizzo del nucleare per fissione?
Perche' debbo ricordare che molti paesi, tra questi anche l'italia,considerano energia rinnovabile anche quella dell'atomo.
Certo e' che anche le rinnovabili saranno se non sono gia' in mano a quelli che hanno fatto fortuna con il petrolio ed il gas naturale, ma il grande assente da queste proteste e' proprio il nucleare, ma forse sono io che mi sono distratto.

IN RED WE TRUST
fefochip
#7 fefochip 2019-03-17 18:54
a mio avviso invece c'è molto di piu
i media all'unisono si muovono solo quando i loro padroni chiamano
gli stessi padroni che hanno creato il problema ambientale.

focalizzarsi sul global warming è una fesseria perche esso stesso è con ogni probabilità una cavolata che sarà strumentalizzata per qualcosa ancora di poco chiaro
tra l'altro non è l'assenza di politica il vero pacco perche al gore(piu politicizzato di lui....) già aveva propagandato la questione del riscaldamento globale

magari sdoganare la geoingegneria come una qualcosa di positivo per l'umanità che servirebbe per tentare di contrastare il global warming
lastampa.it/.../...
Citazione:

Pronto un test per “oscurare” il Sole, l’idea contro il riscaldamento globale
29/11/2018

Alcuni scienziati di Harvard e Yale suggeriscono di utilizzare la geoingegneria solare contro i cambiamenti climatici. Secondo una ricerca, pubblicata sulla rivista Environmental Research Letters , l’”iniezione di aerosol stratosferico” potrebbe dimezzare il tasso di riscaldamento globale. Ma per i critici questo metodo potrebbe essere una soluzione solo temporanea e presenterebbe comunque diversi rischi e difficoltà.
giulietto chiesa fa un analisi molto interessante

anche diego fusaro dice la sua




in ogni caso a mio avviso la vera domanda da porsi è perche prendere una perfetta sconosciuta e farla diventare una star?
sarebbe ingenuo rispondersi "perche meritava attenzioni questa coraggiosa bambina"
arma di distrazione di massa? bah forse che si forse che no , ce ne sono talmente tante di distrazioni e frammentazioni dell'opinione pubblica che una in piu serve e non serve

la chiave per comprendere è la questione di merito ovvero chiedersi perche le elites dominanti , quelle che controllano il mondo , quelle che lo hanno devastato con l'inquinamento
del loro sistema neoliberista tengono tanto a questo global warming teoria mai provata e dai contorni sfumati e ipotetici.


cosa hanno in mente? veramente c'è qualche sano di mente che ritiene che tali genere di persone possano avere delle resipiscenze?



carpeoro sul tema greta completamente impuntato sulla questione di merito senza chiedersi la stranezza di una bambina che "da sola" arriva dove è arrivata
e un fabio frabetti quasi in imbarazzo per questo
da questo minuto
youtu.be/ygbozr5h5kQ?t=987


Clima impazzito? ”No,è guerra climatica ”. Parla il generale Fabio Mini

jedanews.it/.../...
maryam
#8 maryam 2019-03-17 19:07
Fanno con maggiore facilità certi affari Massimo. GREEN DEAL. E indirizzano con sempre più facilità la spesa pubblica in certe direzioni.
Greta Thunberg e i grandi affari dietro gli scioperi sul clima

comedonchisciotte.org/.../

Cos'è il CO2? Cos'è il clima? Ormai siamo ad uno svuotamento di cervelli e di falsificazioni di significati, ...chiedete ai vostri figli cosa sono CO2 o clima, magari anche agli amici.
LA CO2 COME CAPRO ESPIATORIO E LA VIA VERSO UN ‘MONDO NUOVO’
nogeoingegneria.com/.../...
Parsifal79
#9 Parsifal79 2019-03-17 19:16
#7 fefochip Citazione:
cosa hanno in mente?
Credo che sia principalmente una questione di business.

23 settembre 2014 - Rockefeller dice addio al petrolio e si converte alle rinnovabili

I Rockefeller si uniscono a una lunga fila di istituzioni e grandi investitori che negli ultimi anni ha annunciato l'uscita da greggio e carbone e la conversione a energie alternative più pulite. Il New York Times ha contato almeno 180 organizzazioni, da fondi pensione a enti locali e religiosi, accanto a centinaia di finanzieri. Arabella Advisors ha stimato che in tutto sia stato promesso il ritiro di 50 miliardi di dollari da parte di investitori istituzionali e di oltre un miliardo da parte di investitori individuali. ilsole24ore.com/.../...
Primus eccetera
#10 Primus eccetera 2019-03-17 20:04
#7 fefochip
#8 maryam
Su di una cosa, però, ragazzi, siete troppo superficiali

L'anidride carbonica atmosferica è in netto aumento (da 170 a 400ppm, grosso modo, per i valori storici disponibili), che vi piaccia o no.

E che ci sia una probabilissima correlazione con il furibondo uso di combustibili fossili iniziato, grosso modo, 100 anni fa, è fuori discussione
La termodinamica finora non mi pare sia mai stata contestata come teoria di parte
E l'energia fossile che consumiamo in modo (sempre più) furente viene da CO2 ridotta a carbone/petrolio/gas in tempi geologici dalla clorofilla, non ci sono santi

Dovremmo tutti quanti renderci conto che quando apriamo una lattina di birra (la cocacola a me non piace) stiamo spendendo, tiro a indovinare ma i conti si possono fare abbastanza facilmente, l'anidride carbonica fissata da un paio di alberi in un anno. Spesa per produrre quei 20g di alluminio.
I costi energetici del nostro stile di vita dovremmo averli ben chiari, non è l'automobile sui cui abbiamo una giustificazione (mi serve per andare a lavorare), è praticamente tutto quello che facciamo, ad avere costi energetici spropositati.
Sertes vi dirà che è la fettina di carne, e basta diventare vegetariani...
Temo però che fin quando continueremo ad abusare energeticamente del nostro ambiente, senza accorgerci che plastica, carta, metalli, i-phone, praticamente qualsiasi cosa con cui abbiamo a che fare quotidianamente hanno un preciso (e molto elevato) costo energetico, assolutamente non paragonabile allo stile di vita di anche soli 80 anni fa, traviseremo tutti quanti il problema. Che esiste.

La bimba con la sindrome di Asperger è un buon esempio. A me (non me ne vergogno) a prima vista aveva intenerito.
Poi con lentezza son venuto a pensare, beh...ottimo specchietto per le allodole. Tutti in piazza per lei (a proposito, mi hanno mostrato foto di cessi incredibili risultanti da queste adunate. Con buona pace dello spirito delle adunate stesse), così la coscienza è apposto...andiamo a bere una birra.
E i produttori si fregano le mani.
BELLINI
#11 BELLINI 2019-03-17 20:04
Un giorno mi farò pagare
Tutto parte con l'idea dell'occidente di ridurre le importazioni di petrolio ed esportare i pannelli solari o altre tecnologie per la produzione di energie rinnovabili.
La scusa buona è: "tutti devono fare la loro parte" i Paesi poveri invece che usare il loro petrolio devono comprare le tecnologie occidentali.
Poi però negli Usa si sviluppa una tecnologia nuova per l'estrazione di petrolio chiamata fracking con la quale si può estrarre petrolio presente nel sottosuolo che in precedenza era presente ma non disponibile.
A quel punto gli Usa non hanno più interesse a rispettare l'accordo di Parigi e grazie allo shake oil e allo shale gas riescono a ridurre le loro importazioni di petrolio ed a produrre energia a prezzi più bassi che se usassero le rinnovabili.
L'Europa rimane spiazzata.
Oggi che si è scatenata la guerra tra Cina + UE vs USA, l'Europa fa pesare a Trump la sua decisione di stracciare l'accordo di Parigi.
La storia del surriscaldamento globale è una puttanata usata anche per ottenere il consenso sui futuri programmi di controllo climatico
kamiokande
#12 kamiokande 2019-03-17 20:13
Io non so quanto centrino i Rothschild ed i Rockefeller, ma di sicuro è una gran campagna virale per il libro della madre di Greta, che a parte la cantante lirica ed attivista contro il global warming (fatto puramente casuale), ha scritto un libro sulla malattia delle figlie ed ora ne esce un altro "scritto" da Greta. Sul fatto che i media si muovano solo al suono della voce del padrone non sarei così assolutista, infatti a tal riguardo vorrei ricordare una delle più grandi minchiate della storia recente



Che comunque è servita a raccogliere fondi contro la SLA.
Xerme17
#13 Xerme17 2019-03-17 20:35
Ho come l'impressione che tutta questa faccenda sia un bel trampolino di lancio per l'utilizzo della geoingegneria( che ormai è stata palesemente ufficializzata anche dai mass-media) come possibile se non unica soluzione al problema. Poco importa se da anni esistono diverse soluzione per sostituire il petrolio (dalla canapa all'utilizzo di energie pulite chiaramente in contrasto con gli interessi delle multinazionali). Intanto se il cima impazzisce c'e la geoingegneria che ci aiuta. Un po come a dire "vivete la vostra vita senza preoccuparvi delle conseguenze, intanto per qualsiasi problema c'e una medicina che vi aiuta". Quando in realtà basterebbe quantomeno una vita sana fatta di una buona alimentazione, attività fisica e di pensieri positivi. I problemi ci sarebbero lo stesso, anche se vivessimo in un mondo utopistico.. figuriamoci.. ma dato che non è così, sarebbe comunque un inizio. Come lo sarebbe l'incominciare ad usare il proprio cervello ed il prendere consapevolezza delle cose. Non si può vivere bene in una società dove le apparenze sono più importanti della sostanza e dove l'etica ed il buon senso sono messi all'ultimo posto.
Det.Conan
#14 Det.Conan 2019-03-17 20:42
Non so a voi ma a me questa Greta pare proprio un "prodotto di laboratorio".
Non è per niente una stupida, ascoltate il discorso pronunciato in Polonia davanti ai potenti.
Gliele ha cantate quattro in faccia, con un buon inglese, una padronanza di linguaggio e di comportamento impressionanti.
Una vera leader.
Inquietante.
Se avesse qualche anno in più e fosse maschio direi che è arrivato l'Anticristo di Vladimir Sergeevič Solov'ëv :hammer:
maryam
#15 maryam 2019-03-17 21:16
In piazza c'erano anche questi
www.facebook.com/.../?type=3&theater
Signore di Gibelletto
#16 Signore di Gibelletto 2019-03-17 22:15
#2 Parsifal79

Condivido appieno il pensiero di Travaglio da lei riportato.

Ho anche io un’impressione “lisergica” dell’intera vicenda.

Vediamo, secondo la vulgata del Corriere Serale e degli altri media mainstream italiani ed europei, le cose funzionerebbero più o meno così: ”una “bambina” svedese di 16 anni (questa l’età reale di Greta), con sindrome di Asperger, si sveglia una mattina e si fa araldo della lotta ambientalista contro il cambiamento climatico presso i circoli di potere, i Governi e le oligarchie mondiali. Queste oligarchie sono buone, la ricevono subito nei loro sontuosi palazzi, la ascoltano attentamente nei loro consessi, non pongono obiezioni alle argomentazioni persuasive della 16enne Greta e si pentono dei loro peccati, e, rinnovati spiritualmente, decidono che d’ora in poi presteranno la massima attenzione alle questioni ambientali, perché divenuti consapevoli che, in caso alternativo, noi tutti saremo destinati a precipitare nell’apocalisse ambientale..”
Questa la vulgata del Corriere Serale, della repubblica, dei telegiornalisti, e di tutti gli altri adepti dei media mainstream, che naturalmente appoggiano la lotta di Greta. Anche le genti italiche, come gli altri popoli europei, prestano attenzione alla “piccola” (ha 16 anni, e naturalmente possiamo considerare tutte le 16enni europee delle bambine piccole..) Greta e si convincono che ha ragione.. E’ credibile questa vulgata?

Queste oligarchie sono ovviamente le stesse che NON ricevono e NON ascoltano ingegneri dei politecnici italiani ed europei, geologi, meteorologi, medici, biologi, climatologi, che denunciano le varie amenità ambientali che sempre queste oligarchie (fra cui quelle italiane, che peraltro posseggono i suddetti media mainstream che appoggiano la “piccola” Greta) propugnano in Europa e nel mondo, e per averne coscienza basta informarsi, ad esempio leggendo i dati, reperibili in rete, di consumo del suolo nel ridente Nord Italia, o guardarsi le foto dal satellite che mostrano quanto è inquinata la Pianura Padana (peggio di Città del Messico, e poi si interrogano sul perché dei problemi sanitari della gente..), o informarsi su dove vengono “spedite” le scorie radioattive delle varie centrali nucleari europee o degli ospedali, basta persino andarsi a vedere cosa succede agli alberi, al verde pubblico a qualche chilometro da dove abitate in ogni sputo di città o paese di questa Italionia..
Ecco, tutte queste oligarchie, italioniche o europee, o americane, o planetarie, che non ascolterebbero mai l’ingegnere Claudio Cancelli, del Politecnico di Torino, che parla della TAV e di quale disastro rappresenti per l’ambiente di una misera valle italiana, e i mille altri poveri scienziati come lui preoccupati per le devastazioni ambientali in giro per il mondo, e quindi per la salute dei popoli, ascolterebbero con interesse la “piccola” Greta?

Sorprendente, davvero sorprendente..
sybill
#17 sybill 2019-03-17 22:25
LA GRANDE TRUFFA DEL RISCALDAMENTO GLOBALE
Sottotitolato in Italiano il documentario dell'emittente britannica Channel 4 "The Great Global Warming Swindle" del 2007, che smonta la teoria del "riscaldamento globale causato dall'uomo":
www.youtube.com/watch?v=1YxmOpRAT4g

Il CLIMATISMO: LA NUOVA IDEOLOGIA:
www.maurizioblondet.it/.../

DOSSIER - LA VERITA' SU CLUB DI ROMA, CLUB DI BUDAPEST E CLUB DI MADRID:
Le prove dell’assalto dei poteri di controllo all’ecologismo, all’olismo ed alla spiritualità, come strumenti di politica planetaria:
coscienzeinrete.net/.../...
Red_Max
#18 Red_Max 2019-03-17 22:46
vabbè comunque qualcosa si muove per me è positivo
lanuovaferrara.gelocal.it/.../...
ZORG
#19 ZORG 2019-03-17 22:59
#17 sybill
Citazione:
DOSSIER - LA VERITA' SU CLUB DI ROMA, CLUB DI BUDAPEST E CLUB DI MADRID
Molto interessante. ;-)
orano
#20 orano 2019-03-17 23:58
Greta, non è una bambina. E’ un leder, é divenuta tale non per caso ma nel momento e con uno scopo preciso. Farci sentire tutti responsabili del drammatico punto di arrivo del pianeta, perché tutti noi siamo a diverso livello inquinatori, o perché abbiamo per troppo tempo sopportato governanti incapaci a prospettare nuove vie di sviluppo e insensibili nel cogliere i richiami ad un uso più sostenibile e solidale delle risorse . E’ però evidente che il nostro modello di sviluppo non può essere modificato nei tempi ristretti che sarebbero necessari ed il messaggio politico e le battaglie sociali ricorrenti sono per incrementare tale sistema di sviluppo unico capace a far superare la crisi economica globale incombente. E poi chi vorrà da subito rinunciare all’auto, ai voli low coste, ai meravigliosi prodotti di questo inarrestabile consumismo, nessuno vuole rinunciare al proprio ruolo di consumatore e modificare il proprio stile di vita.
Quindi cosa fare? Chi ha governato le sorti del mondo con l’indirizzo ad uno sfrenato sviluppo e lo sperpero di risorse non rinnovabili godendone i risultati economici in ricchezza e potere oggi è pronto al salvataggio della situazione. Non lo farà gratis, perché saranno le masse a chiederlo. Se non si può ridurre l’effetto serra dal basso si può però ridurre l’energia solare che incide sul suolo dall’alto. Le tecniche sono certe ed efficaci, da anni sperimentate sopra le nostre teste senza dircelo anzi negando la loro esistenza. I mezzi sono pronti già attrezzati alla bisogna, i motori caldi.. Basta un si, ormai molto probabile, quasi certo.
Poi, vedremo…
Greta, nel chiasso generale, è stata proposta per il nobel. Visto e sentito il suo toccante e penetrante discorso rivolto ai capi delle nazioni con il quale è riuscita a cogliere un globale coinvolgimento di giovani e media, cosa raramente riuscita ad alcun intellettuale o letterato di grido, proporrei il nobel per la letteratura. Come a Bob Dylan.
fefochip
#21 fefochip 2019-03-18 00:11
#10 Primus eccetera
Citazione:
Temo però che fin quando continueremo ad abusare energeticamente del nostro ambiente, senza accorgerci che plastica, carta, metalli, i-phone, praticamente qualsiasi cosa con cui abbiamo a che fare quotidianamente hanno un preciso (e molto elevato) costo energetico, assolutamente non paragonabile allo stile di vita di anche soli 80 anni fa, traviseremo tutti quanti il problema. Che esiste.
io non sono affatto sicuro che si debba ricondurre tutto a una spesa energetica come se la produzione di co2 sia il problema, ma sti cazzi
i problemi sono ben altri che la co2
tutta una serie di merda di scarto non biodegradabile o biodegradabile con tempi di ere geologiche che invande l'ambiente primo tra tutte le scorie radioattive (di cui non parla greta com'è?)
l'aria di chernobyl ce la siamo respirata tutti perche ha fatto il giro del mondo e continua
fukushima ce lo siamo beccati tutti e continua
migliaia di test nucleari che hanno avvelenato l'ambiente ma tanto il problema non se ne parla quindi non è percepito
prodotti come la plastica che invande l'ambiente , percolati che avvelenano praticamente per sempre le falde acquifere e merda immessa nell'aria che fa venire di tutto e di piu
pesticidi con cui stiamo mettendo in grave pericolo la catena di impollinazione degli insetti , la minaccia al nostro microbiota e a quello della terra che la rende fertile
antobiotici in ogni allevamento e presi alla cazzo di cane come se fosse la panacea di ogni male tanto che i morti per antibiotico resistenze sta diventando un problema su scala globale
e sono le prime cose che mi vengono in mente

e mi viene a cagare il cazzo con la co2?

senti ma fatti un giro va
FranZeta
#22 FranZeta 2019-03-18 00:33
Ovviamente c'è sotto molto di più, come alcuni commenti già segnalano. Ci sono innanzitutto le prossime elezioni europee, fa piuttosto comodo che ci sia questa nuova moda per incanalare parte dell'emorragia di voti dei partiti socialisti e socialdemocratici verso verdi e simili piuttosto che sovranismi vari. C'è tutto il business delle rinnovabili, dell'ambientalismo un tanto al chilo, auto elettriche e cazzate simili.

Poi c'è quello che è forse il più quotato dei fini: abituare le nuove generazioni all'austerità, che si legge povertà diffusa, alla decrescita infelice ma necessaria per salvare il mondo. Si tratta invece di un nuovo travaso di ricchezza dalla massa all'1% che già la detiene, ma in quanto ricchezza finanziaria, cioè rendita, richiede periodici reset onde non fare saltare il banco. Insomma, se non sarà Greta sarà guerra.

Tornando ai giovani e giovanissimi, secondo me la vera chiave su cui puntano gli spin di questa operazione non è il clima, e nemmeno il futuro, che obiettivamente non gliene frega un cazzo (molto meno di un futuro telefono 5g in ogni caso), ma è il fatto che una ragazzina piuttosto sfigata e bruttina possa dall'oggi al domani diventare star mondiale. Un suo tweet è vangelo, la sua "amicizia" un privilegio, i like si contano a milioni. Questo gli frega ai ggiovani, per coltivare questo sogno sono disposti a credere che questa PR del mondialismo faccia davvero tremare i potenti. Gli adulti che ci cascano chiaramente non hanno alcuna scusante e sono solo inguaribili coglioni.
AJeX-97
#23 AJeX-97 2019-03-18 00:43
Ragazzi vi ho letto circa una guerra contro gli USA sovraesponendo nuovamente sto problema del riscaldamento globale - nebulosissimo ma forse reale ma se non fosse tanto nebuloso a prescindere non sarebbe tanto esposto nei media, ed anzi il successo della vulgata di Greta appunto sta nella sua vaghezza -, ed ecco appunto vi chiedo questo: ma negli Stati Uniti d'America come viene trattato - se viene trattato - il caso Greta? Proteste, scioperi, esposizione mediatica? Chiedo pure a Massimo che bazzica quelle zone.

Se i media americani non sono interessati a sponsorizzare questo fenomeno mediatico sarebbe un dato rilevante.
Signore di Gibelletto
#24 Signore di Gibelletto 2019-03-18 01:17
Sarò forse cinico, ma a me sembra che la chiave della vicenda “Greta” sia la solita: certi consessi di potere non si impegnano solo nel prefigurare i propri obiettivi, si impegnano anche nella scelta dei propri nemici, che solitamente sono utili idioti..
Questa 16enne svedese vestita come Pippi Calzelunghe, al posto di girare pantacollanata o trap come molte sue coetanee europee (ottimo quindi il costume di scena della “bambina”), è, come nemico, perfetta, nel suo essere totalmente inoffensiva per queste oligarchie...

Come già sottolinea Mazzucco nell’articolo, Greta, con la vaghezza dei suoi discorsi, riporta l’attenzione popolare su tematiche esclusivamente astratte, sottraendo l’attenzione dalle problematiche ambientali reali,oggettive (che sono poi quelle che Travaglio nel suo editoriale ha evidenziato, quelle che fefochip nel suo intervento ha evidenziato,quelle che tanti scienziati hanno evidenziato, quelle che tanti comitati di cittadini italiani hanno evidenziato ed evidenziano quotidianamente in ogni parte d’italia), permettendo quindi alle oligarchie europee, nazionali e locali di serbare lo status quo, e cioè il modello disfunzionale di supposto “progresso” (si intenda con questo termine il progresso economico per “gli amici degli amici” e le loro consorterie politiche).

Insomma, Greta è un buon feticcio con cui depurare senza alcuna fatica le nostre coscienze: appoggiando lei con qualche tweet, possiamo ignorare le ruspe che spianano quel che resta del parco naturale a qualche chilometro da casa per edificare la nuova autostrada,possiamo vivere in una delle zone più cementificate e inquinate del mondo come la Pianura Padana senza porci nemmeno il problema se sia salubre o meno, possiamo persino inneggiare alla/il TAV e sentirci, nel contempo, paradossalmente,“ambientalisti”.
Mentre i nemici veri di queste oligarchie,e penso ad esempio ai Gilet Gialli in Francia, o ai comitati dei valsusini in Italia, non riscuotono certo il gradimento di questi ottimati come Greta, le porte dei sontuosi palazzi del potere per loro restano ben chiuse, e piuttosto gli sono riservati i proiettili ad aria compressa che i reparti antisommossa gli sparano contro..
Primus eccetera
#25 Primus eccetera 2019-03-18 02:40
#21 fefochipCitazione:
senti ma fatti un giro va
hahaha io il giro lo faccio anche...ma quasi tutte le cose che hai citato tu, plastica antibiotici centrali (togliamo gli esperimenti nucleari sui quali non mi voglio incaxxare visto che ormai 2000 e passa esplosioni le hanno condotte), sono originate da una fame energetica di ordini di grandezza superiore a quella di 80 anni fa. I tuoi (miei) consumi, che ti piaccia o no, sono un centinaio di volte più elevati ed impattanti di quelli di tuo (mio) nonno e di quelli dell' 80% degli esseri umani di questo pianeta.
O ce ne rendiamo conto, oppure diamo la colpa ad altri imprecisati, cioè quelli che ci vendono il merdame di cui sopra. Pero' chi lo compra siamo noi.
Roberto70
#26 Roberto70 2019-03-18 06:48
Alla perfetta analisi di Travaglio aggiungerei anche che NOI non facciamo niente per ridurre la plastica, anzi i giornaloni sono pieni di pubblicita che ne incentivano l'uso! Il cambiamento inizia da ognuno di noi ma quanti sono disposti a cambiare le proprie abitudini? Fino allo scorso anno c'erano supermercati dove potevi comprare detersivo liquido portandoti dietro la tua bottiglia di plastica (sempre la stessa!). Risultato? Nessuno andava a prendere quel detersivo NONOSTANTE costasse di meno e adesso pure io sono costretto a comprare altre bottiglie di plastica. E che dire delle bottiglie biodegradabili che certo costano di piu ma parliamo di 10 centesimi che alla fine dell' anno diventano al massimo una pizza al ristorante (20 euro). Per non parlare degli allevamenti intensivi... io sono vegetariano (vegano non ci riesco). Per finire ricordo che alla fine degli anni 70 la maestra delle elementari ci fece fare una ricerca sulla fine del petrolio piu o meno nel 2020, mancano pochi mesi e probabilmente la figlia di quella maestra parlera' del 2070 e la nipote del 2120
No Ship
#27 No Ship 2019-03-18 06:58
Stiamo vivendo in un mondo (noi in particolare in una Nazione) senza più ideali! Ogni tanto tirano fuori dei personaggi che ci inducono a ragionare ed a volte scontrarci, su argomenti che vogliono loro, come se noi fossimo i responsabili del "problema".....La cosa più grave è che usano, per questi sporchi giochi, pure i bambini!!!
starburst3
#28 starburst3 2019-03-18 07:43
Posto un articolo che puo' contribuire alla discussione, ribadisco che rispetto all'argomento ho piu' volte espresso i miei dubbi sul condizionamento umano del clima planetario,condizionamento che puo' avere un suo perche' a livello locale (microclimi) ma non su quello globale, altre forze interne al pianeta ma soprattutto esterne influiscono in modo davvero enormemente superiore a cominciare all'attivita solare, maggiore responsabile delle variazioni climatiche del pianeta:

I fanatici del clima hanno un pubblico ricettivo. Un paio di generazioni di persone intelligenti che hanno imparato qualcosa a proposito della scienza a scuola dicono: se gli scienziati dicono che sarà cattivo, allora da cattivo diventerà peggio. Una di queste persone intelligenti, il candidato alla presidenza il Sen. Kamela Harris, dichiara che i cambiamenti climatici sono esistenziali e richiedono un’azione, a prescindere dai costi. Esistenziale? Un paio di gradi ipotetici Celsius sono esistenziali? Che ne pensi del senatore Sheldon Whitehouse che ha chiesto il rinvio a giudizio per i negazionisti. O l’ex presidente Obama che insinua che i negazionisti del cambiamento climatico non credono nella luna o pensano che sia fatta di formaggio verde. Sono abbastanza sicuro che abbiamo eliminato la teoria del formaggio verde molto tempo fa.

Il resto dell'articolo:
www.attivitasolare.com/.../

IN RED WE TRUST
horselover
#29 horselover 2019-03-18 07:48
continuiamo allegramente a inquinare, mica siamo gretini
Sertes
#30 Sertes 2019-03-18 08:39
Premesso che la storia della bambina prodigio è una farsa colossale,
"Manca cioè l'anello di congiunzione fra le parole e i fatti."
L'anello di congiunzione fra le parole e i fatti sei tu
Abbiamo postato numerosi articoli che dimostrano che la causa primaria dell'inquinamento mondiale è l'alimentazione animale.
Ma la paura di rinunciare alla bistecchina è tale che si finge che il problema debba essere risolto dall'alto: e finchè il cattivo NWO non ci da le auto elettriche noi ovviamente non possiamo fare nulla se non lamentarci di quanto sono cattivi ed insensibili.
Per fortuna i numeri non li puoi ammaestrare, e nutrire con i mangimi dell'africa i nostri animali, mentre in africa muoiono di fame e di sete, sarebbe un problema anche più grande dell'inquinamento.
Ma continuiamo pure a nasconderci dietro un dito, eh.
kamiokande
#31 kamiokande 2019-03-18 09:14
Dal sito della NASA:

nasa.gov/.../...

Non solo il continente antartico non si sta sciogliendo, al contrario di quel che dice il report dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), ma sta sottraendo acqua per trasformarlo in ghiaccio (0.23 millimetri per anno). Qualcosa non torna ...
fefochip
#32 fefochip 2019-03-18 09:17
#25 Primus eccetera
Citazione:
hahaha io il giro lo faccio anche...ma quasi tutte le cose che hai citato tu, plastica antibiotici centrali (togliamo gli esperimenti nucleari sui quali non mi voglio incaxxare visto che ormai 2000 e passa esplosioni le hanno condotte), sono originate da una fame energetica di ordini di grandezza superiore a quella di 80 anni fa. I tuoi (miei) consumi, che ti piaccia o no, sono un centinaio di volte più elevati ed impattanti di quelli di tuo (mio) nonno e di quelli dell' 80% degli esseri umani di questo pianeta.
O ce ne rendiamo conto, oppure diamo la colpa ad altri imprecisati, cioè quelli che ci vendono il merdame di cui sopra. Pero' chi lo compra siamo noi.
ma abbi pazienza sono pure daccordo ma il punto è cercare di focalizzare il punto della situazione
è come dire "bisogna far crescere il PIL" ma il PIL è una bussola rotta che ci porta verso il disastro
facciamo un ipotesi per assurdo: domani si riesce a trovare una fonte energetica illimitata e senza co2
tu pensi veramente che usciamo dalla buca dell'inquinamento della nostra biosfera?
manco penniente
per capirci meglio ti posto le parole di questo scienziato (che non conosco francamente)
che condivido in toto
huffingtonpost.it/.../...

Citazione:
Abbiamo postato numerosi articoli che dimostrano che la causa primaria dell'inquinamento mondiale è l'alimentazione animale.
si, si lallero
non poteva mancare il pretino veganino con la sua ricettina radical chic colpevolizzante del singolo individuo cattivo che mangia la bistecchina
peonia
#33 peonia 2019-03-18 09:24
Il problema del Cambiamento Climatico deve consistere per forza in una cosa o nell'altra, o può avere in sè tanti aspetti, alcuni preponderanti, altri meno ma tutti insieme creano il DANNO?!

All'epoca del martellamento sul Riscaldamento globale si condannava sempre tout court l'attività umana, che sicuramente influisce ma a parte mangiare le mucche, l'uomo fa tante altre cose odiose, specie i militari...
fefochip
#34 fefochip 2019-03-18 09:34
#33 peonia
Citazione:
ma a parte mangiare le mucche, l'uomo fa tante altre cose odiose, specie i militari...
te lo chiedo per favore ,possiamo lasciare la presunta morale fuori dalla finestra per un attimo e concentrarci sulle cose oggettive?
"odioso" è anche una violenza su un minore ma non è che inquina l'ambiente con la plastica o la radioattività
cerchiamo di capirci please

che poi ci sia una ovvia connessione tra tutte le cose è fuor di dubbio ma proviamo a essere un minimo focalizzati

Citazione:
Il problema del Cambiamento Climatico deve consistere per forza in una cosa o nell'altra, o può avere in sè tanti aspetti, alcuni preponderanti, altri meno ma tutti insieme creano il DANNO?!
ecco sacrosanto
hurricane87
#35 hurricane87 2019-03-18 09:38
Greta ha un imprinting : padre e madre attore e cantante oltre che nonno attore
Greta messa su QUEL palco per dire che siamo NOI i colpevoli :
"Smettetela di chiedere ai vostri figli le risposte al casino che avete combinato"
peonia
#36 peonia 2019-03-18 09:45
Fefo, con "odiose" mi riferivo all'inquinamento elettromagnetico, alla geoingegneria, alle microonde, ecc....

forse risentire questo vecchio video
Sertes
#37 Sertes 2019-03-18 09:56
Citazione fefochip:
non poteva mancare il pretino veganino con la sua ricettina radical chic colpevolizzante del singolo individuo cattivo che mangia la bistecchina

Contesta i dati, non il messaggero, buffone.
Sertes
#38 Sertes 2019-03-18 10:11
Testimonianza di un'attivista vegana presente alla manifestazione di Roma:



Visto che nessuno parlava di allevamenti intensivi principale causa del surriscaldamento globale, abbiamo più volte chiesto di intervenire pacificamente ma hanno rifiutato categoricamente.
Quindi abbiamo sentito il dovere di compiere un blitz e l'attivista ha fatto in tempo a dire tre cose basilari prima che gli fosse tolto il microfono.
Dall'ovazione di una parte dei partecipanti abbiamo capito che molti aspettavano un intervento in merito al problema gravissimo degli allevamenti, l'altra metà dei partecipanti non ha assolutamente compreso il messaggio, purtroppo questi ragazzi pensano che basterà fare meglio la raccolta indifferenziata o preferire la bicicletta alla macchina e soprattutto aspettare che i politici risolvano il problema del surriscaldamento globale, ma il vero potere è nelle loro mani,nelle vostre mani! veloce efficace immediato ossia la scelta VEGAN!
fefochip
#39 fefochip 2019-03-18 10:14
#37 Sertes
Citazione:
Contesta i dati, non il messaggero, buffone.
ti rode tesoruccio?
i dati a cui fai riferimenti sono fesserie perche parti da assunti miopi quindi non c'è niente da contestare , mi metterei a combattere con i mulini a vento
la co2 non è dimostrato manco per il cazzo che cambia il clima quindi tutta la tua pippa degli allevamenti animali cade come una pera
il problema è l'INQUINAMENTO ficcatelo in quel cervello arrogante che ti ritrovi e l'INQUINAMENTO non lo risolvi SOLAMENTE bonificando il discorso allevamenti intensivi moderni
e men che mai rompendo i coglioni a tutti con la tua fede che colpevolizza come un novello savonarola il prossimo che aimè ha bel altre gatte da pelare che astenersi dalla carne
per arrivare a qualche soluzione.
c'è l'enorme problema della produzione agricola fatta con pesticidi che ammazzano di tutto(api , microbiota della terra che la rende fertile e che ci ritroviamo dentro ai nostri cibi), industriale (dev davvero specificare qualcosa?), di produzione energetica (in particolare nucleare) , ecc, ecc che inquina a distrugge l'ambiente
però per carità una volta sanato il problema degli animaletti va tutto a posto

io sarò un buffone sertes ma sto in ottima compagnia con te e le fesserie da nazivegano che vai propagandando
ivi.72
#40 ivi.72 2019-03-18 10:20
Ci sono le europee.

Bisogna togliere voti ai populisti per dirottarli sui partiti "verdi" (casualmente tutti schierati con l'€uro, europa, mafia dell'accoglienza, vaccini ecc.ecc.). I partiti di sinistra sono finiti, sputtanati ed inservibili per i loro padroni banchieri e per i nobili che li hanno sempre diretti.


Si usa una ragazza con l'asperger come testimonial......cosi eventuali critici di questa farsa passano per bastardi che inquinano e non hanno rispetto per la povera-indifesa-spontanea adolescente con le trecce.

Ieri nelle elezioni in slovacchia chi ha fatto un inaspettato, dai locali, 40%?
Satirus
#41 Satirus 2019-03-18 10:23
Mi sa che ivi.72 ha perfettamente centrato il problema.
Sertes
#42 Sertes 2019-03-18 10:28
Massimo, puoi ricordare a fefochip che lui non è al di sopra delle regole?
Grazie
Ghilgamesh
#43 Ghilgamesh 2019-03-18 10:37
Discussione interessante.

Io non sono così sicuro sia stata costruita a tavolino ... è quello che dico, da un pò, anche qua sopra, occhio alle buone idee che avete, c'è gente che legge, pronta a rigirarvele contro!

Magari è stata proprio una sua idea, limitata dalle conoscenze che ha ... infatti anche secondo me il problema principale è di tipo energetico, risolto quello, gli altri problemi si risolvono.
L'inquinamento lo ripulisci, SE hai l'energia per farlo!
Il deserto lo fai diventare foresta, SE puoi desalinizzare acqua di mare senza problemi, avendo energia illimitata.
E pure per le scoregge delle vacche, così facciam contento Sertes, puoi costruire dei filtri, comodi tappi da mettergli al culo ... vabbè, il punto è che una soluzione, avendo l'energia, la trovi!

MA l'enrgia illimitata e gratis, cosa per me fattibile, NON te la daranno mai!

Non gli conviene ... per questo hanno rigirato la frittata con greta, sono affari, il petrolio non rende più come prima, vogliono cambiare fonti ... e vogliono farlo coi NOSTRI soldi!
Duluoz
#44 Duluoz 2019-03-18 10:38
Io infatti sono sempre rimasto perplesso del fatto che si parli sempre di CO2, temperature in aumento, ghiacci che si sciolgono ma mai nessuno parla dell avveleamento del nostro ecosistema perpetrato dalle nostre industrie e stili di vita. La discussione rimane ferma a CO2 si/no. Poi pero' ti becchi i tumori per la merda che respiri ma se quella non alza la CO2 allora va tutto bene.
flor das aguas
#45 flor das aguas 2019-03-18 11:17
L'ho detto molte volte, il riscaldamento globale è una grossa bufala e purtroppo questa ragazzina è vittima della propaganda. I gas serra non sono responsabili del riscaldamento globale, e tanto meno la co2, è il sole il responsabile, come è e come deve essere ed è sempre stato!
Signore di Gibelletto
#46 Signore di Gibelletto 2019-03-18 11:24
#44 Duluoz

Come ben scritto da Mazzucco, ed è questo il punto, nel fenomeno Greta: ” manca l'anello di congiunzione fra le parole e i fatti”. Invece che seguire Greta sui social network, e sproloquiare con lei, il mio parere è che dovremmo evitare di votare come presidente della Regione in cui risiediamo un tizio che ha nel suo programma colate di cemento su boschi e aree verdi, interessarci a quel che combina alle poche aeree verdi rimaste il nostro sindaco, cercare di informarci bene sugli effetti che hanno sulla nostra salute una serie di sostanze inquinanti e da dove provengono (ad esempio chi ha contezza che alcune indagini epidemiologiche svolte in Europa dimostrano che l’inquinamento prodotto dagli aerei ha effetti rilevanti persino sull’apparato cardiovascolare?), informarci sulla bonifica dell’amianto, richiedere conto tramite tutti i mezzi di cui possiamo disporre a provincia e Regione di ogni scelta ambientale, utilizzare bene le nostre capacità di critica quando tutti i media mainstream all’unisono sostengono questa o quell’altra “grande opera” (utile agli “amici degli amici”), insomma, interessarci di ciò che ci sta intorno in generale, che è poi quello che queste oligarchie, queste elite che vogliono serbare lo status quo, davvero non tollerano mentre le Grete con i loro discorsi astratti gli vanno benissimo..

P.S.
Consiglio comunque al buon Alberto Perino, leader dei popolo valsusino,di farsi crescere delle belle trecce lunghe, e vestirsi come Pippi Calzelunghe, e, così conciato, presentarsi a Bruxelles al Parlamento Europeo per parlare ai “potenti del mondo” della devastazione ambientale correlata al TAV.. sicuramente lo ascolteranno come “ascoltano” Greta..
Decalagon
#47 Decalagon 2019-03-18 11:25
Citazione:
I gas serra non sono responsabili del riscaldamento globale, e tanto meno la co2
Fonte?
flor das aguas
#48 flor das aguas 2019-03-18 11:27
Criticare gli allevamenti intensivi è come sparare sulla croce rossa, certo che creano danni e spreco di risorse, ma non porteranno certo al surriscaldamento globale. La paura del riscaldamento globale è strumentale, per creare i soliti mostri e tenerci sempre sotto scacco, farci pagare tasse inesistenti, venderci macchine ecologiche, impedire lo sviluppo di paesi sottosviluppati ecc... è nota come agenda 21, sarebbe interessante approfondire. Però nessuno vuole farlo, finisce sempre con la solita litigata vegani vs carnivori... e va beh
aledjango
#49 aledjango 2019-03-18 11:30
A me questa faccenda di Greta, mi ricorda tanto da vicino le bandierine stupide sui profili Facebook, wattshap, Instagram ecc. Quando ci sono gli attentati. Alla gente piace pulirsi la coscienza andando alla manifestazione contro l'inquinamento oppure mettendo la stupida bandierina.... Dopodiché quando I media finiscono di parlarne anche loro smettono di interessarsi.
Tutto questo in perfetta linea con quanto scritto da orwell.. In 1984. Purtroppo c'è poco cervello nelle menti della maggior parte delle persone.. E dobbiamo imparare a convivere... Con molta fatica. Con immensa fatica.
flor das aguas
#50 flor das aguas 2019-03-18 11:34
#47 Decalagon
L'ho postate centinaia di volte, in discussioni passate, ora sono in vacanza per alcune settimane e non ho il mio pc, non so come ritrovarle. Ma ci sono scienziati che ritengono che la co2 non sia responsabile come non lo siano i gas serra, ma solo l'attività sociale.
So che non apprezzi il soggetto, però se hai voglia e pazienza leggiti questo, è la prima cosa che ho googlato
www.thelivingspirits.net/.../
Decalagon
#51 Decalagon 2019-03-18 11:44
Non è vero che non apprezzo il soggetto, certo è che speravo in una fonte più scientifica.

Citazione:
Criticare gli allevamenti intensivi è come sparare sulla croce rossa, certo che creano danni e spreco di risorse, ma non porteranno certo al surriscaldamento globale
Quindi per i sostenitori di questa idea (ovvero che il GW non è causato dalle attività umane), 7,5 miliardi di persone e oltre 65 miliardi di animali sfruttati dalla zootecnia secondo te in alcun modo possono essere contribuenti alle modificazioni climatiche, nemmeno se questi sono i principali emettitori di gas serra e la prima causa di deforestazione, degradazione del suolo o perdita di biodiversità. Cioé si emettono gas serra molto dannosi come co2, metano e ossido nitroso (un gas a effetto serra con 296 volte il potenziale di riscaldamento globale del biossido di carbonio) e allo stesso tempo si disboscano le foreste per fare spazio a pascoli o colture di foraggio, PERO' secondo te questo non contribuirebbe in alcun modo ai cambiamenti climatici.

Mi pare un'idea molto campata per aria.
flor das aguas
#52 flor das aguas 2019-03-18 12:04
Citazione:
PERO' secondo te questo non contribuirebbe in alcun modo ai cambiamenti climatici.
Non secondo me, perchè io sono molto ignorante, però ho letto ricerche di scienziati e fisici che non credono che i gas serra siano responsabili e mostrano dati a mio avviso più convincenti come attività solare, e ho letto i libri di icke e ascoltato alcune sue conferenze dove porta fonti. Si tratta di credere a una versione o a un'altra. E alcuni insiders sono stati silenziati, perchè non possono contestare la versione ufficiale.
Insomma come al solito se una cosa non la puoi contestare vuol dire che si tratta di una bufala, e poi tutto questo interesse dei potenti per il gw secondo me è un altro campanello d'allarme. Poi avendo letto di agenda 21, e dei piani diabolici che ci sono dietro, il gw sembra proprio un ottimo pretesto.
Maksi
#53 Maksi 2019-03-18 12:04
L'Affare Greta e' ovvimente una costruzione mediatica e non c'e' bisogno di soffermarsi sulla questione piu' di tanto. Il modus operandi e' sempre lo stesso dei soliti: manipolare l'impulso emotivo delle coscienze. Sfruttare l'innocenza bambinesca per di piu’ in veste femminile (che esprime sempre una fragilita’ maggiore di una figura maschile) permette di far abassare le armi mentali, da non poter razionalizzare il vero fulcro del discorso. Come si puo’ controbattere alla »voce dell’innocenza«? I popoli occidentali sono assuefatti da tale sentimentalismo e sono ormai persi e rincogloniti, con un’idea del mondo assolutamente fuori della realta’ in stile Immagine di Lennon.

Vorrei pero’ soffermarmi sul fulcro della questione: l’ambiente. L’idea dell’ambiente come forma pura e incontaminata, che va preservata e purificata, e’ principalmente pagana. Questo concetto e’ ben presente nella rapresetazione romantica del mondo di seconda meta’ del ’800 nei circoli germanici i quali si ispiravano alla tradizione pre-cristiana (ariana). Cosi’ il capitalismo che il comunismo rigettavano questa visione del mondo e anzi da ambo le parti si spingeva all’indusrializzazione, alla urbanizzazione e allo sradicamento dell’uomo dalla terra. Queste due forme di industrializzazione hanno vinto la guerra e si sono spartite il pianeta. Poi’ l’industria comunista venne scaricata, pero’ l’intento era inglobarla nel circuito globalista attraverso le corporazioni finanziarie. Oggi lo scopo e’ la concentrazione del sistema finanziario a livello planetario (che gia’ c’e’, pero’ ci sono ancore dei circuiti fuori controllo). L’ultimo grande ostacolo a questa conquista e’ la nazione. In una nazione sovrana, radicata sul suo suolo e consapevole del suo valore di sangue, le regole finanziarie sono rigettate. Come si distrugge una nazione? Iniettando veleno ideologico ed e’ qui’ che il cd marxismo culturale aveva la sua funzione. Infatti la cultura degenerativa e’ un prodotto di matrice liberale, che vedeva la nazione come un ostacolo alla conquista del mondo. Non stiamo comunque parlando di nazione come stato, che e’ una forma burocratica, ma di comunita’ di un popolo, consapevole del proprio valore e destino, tutto quello che e’ concettualmente assente oggi nell’idea di sovranita’ nazionale. Ebbene, allora, perche’ di un tratto il circuito finanziario, sorretto dall’ideologia liberal-marxista, vorrebbe preservare l’ambiente? Si tratta di adeguare le infrastrutture. L’idea e’ di fare regredire le capacita’ industriali (che loro stessi hanno prodotto) delle nazioni, costruendo un circuito di distribuzione energetico nuovo, dipeso da un altro tipo di produzione, che sara’ esclusiva e verra’ distribuita come un credito. Per fare questo devono togliere le capacita’ industriali ad ogni nazione (con le risorse energetiche annesse: petrolio, gas, carbone...). L’ambientalismo di Lorsignori e’ tutto qui’: promuovere un circuito internazionale che si faccia carico del »problema«. Non si tratta di inquinamento, ma di controllo.

C’e’ pero’ un altro tipo di ambientalismo, al quale anche io faccio parte. Conservare il contatto tra l’uomo e la natura, depurificando sia l’almbiente che l’uomo stesso. Non un rapporto morboso (non e’ »amare« la natura, ma rispettarla), perverso o selvaggio in stile eremita frikettone hippie, che e’ piu una parodia di una spiritualita’ degenerata. Non e’ un’esigenza individualistica di rinnegare il progresso, ma sviluppare un rapporto integrativo tra l’esigenza umana di modellare la materia circostante (elevarla se possibile) e conservare la purezza della natura incontaminata. E’ inutile dire a quale modello mi ispiro.
Decalagon
#54 Decalagon 2019-03-18 12:19
Citazione:
Non secondo me, perchè io sono molto ignorante, però ho letto ricerche di scienziati e fisici che non credono che i gas serra siano responsabili e mostrano dati a mio avviso più convincenti come attività solare
Certo che l'attività solare contribuisce, ma non dirmi che distruggere foreste ed emettere tonnellate di co2, metano e ossido nitroso non aiuti questa attività alle modificazioni climatiche.
NiHiLaNtH
#55 NiHiLaNtH 2019-03-18 12:44
Citazione:
Non secondo me, perchè io sono molto ignorante, però ho letto ricerche di scienziati e fisici che non credono che i gas serra siano responsabili
ma cosa stai dicendo ?
quasi tutta la comunità scientifica è daccordo nell'affermare che il global warm ehm i cambiamenti climatici sono causati esclusivamente dalle attività umane
quindi secondo te l'onu, la nasa, e gli altri enti stanno mentendo??

scommetto che oltre ad essere negazionista dei cambiamenti climatici sei anche una no vax

:hammer: :hammer:
fefochip
#56 fefochip 2019-03-18 13:06
#42 Sertes Citazione:

Massimo, puoi ricordare a fefochip che lui non è al di sopra delle regole?
quali regole? quella che puoi dare del buffone a chi ti pare?
non ti facevo cosi tenerello che alla prima mezza battuta andavi a piangere da paparino

se ti fa sentire meglio ti chiedo scusa per il pretino e per il nazivegano (che erano comunque funzionali alla spiegazione)
adesso vediamo se la tua arroganza (lo dici di te stesso te lo ricordo) ti impedisce di chiedermi scusa per il "buffone" (che non era affatto funzionale al discorso)
flor das aguas
#57 flor das aguas 2019-03-18 13:07
#54 Decalagon
Citazione:
Certo che l'attività solare contribuisce, ma non dirmi che distruggere foreste ed emettere tonnellate di co2, metano e ossido nitroso non aiuti questa attività alle modificazioni climatiche.
Secondo alcuni scienziati sarebbe come una goccia nell'oceano...

#55 NiHiLaNtH
Ti dirò di più, sono talmente complottista e negazionista che nemmeno uso il termine no vax, perchè lo hanno creato loro, tutti questi termini per definire e catalogare il gregge (free vax, pro vax, no vax...) Ma vadano a fancu*o! Io sono io, e non ho bisogno di bandiere per auto determinarmi ;-)
fefochip
#58 fefochip 2019-03-18 13:10
#55 NiHiLaNtH
Citazione:
scommetto che oltre ad essere negazionista dei cambiamenti climatici sei anche una no vax
e in questa battuta c'è condensato tutto
:perculante:
fefochip
#59 fefochip 2019-03-18 13:23
#40 ivi.72
Citazione:
Ci sono le europee.
potrebbe essere una delle diverse spiegazioni
tuttavia questa bufala della co2 e del riscaldamento planetario indotto dall'uomo con la co2 è una cosa che viene da lontano,
quindi bisogna trovare una spiegazione meno immanente
fefochip
#60 fefochip 2019-03-18 13:34
ho questo pensiero:

fino a che l'uomo penserà che competere sia un vantaggio non ce la faremo mai
siamo condannati
finche l'uomo penserà che il progresso tecnologico è un fatto in se positivo e buono
siamo fottuti

sono le bussole che abbiamo (come il PIL) , i riferimenti sbagliati le peggiori bestie
polaris
#61 polaris 2019-03-18 13:34
Vedo che Scardovelli ha proprio funzionato :hammer:
Liviomex
#62 Liviomex 2019-03-18 13:44
Il progresso tecnologico è un fatto indubbiamente in se positivo , bisogna poi capire come viene declinato.

Riguardo agli allevamenti che l' energia utilizzata per manutenerli aumenti i livelli di CO2 è sicuramente vero , ma relativamente all' uso di derivati del petrolio usati in quei processi : puntarci il dito contro come IL problema mi sembra che non abbia senso
fefochip
#63 fefochip 2019-03-18 14:07
#61 polarisCitazione:
Vedo che Scardovelli ha proprio funzionato
per quanto mi riguarda sto cercando di fare dei passi (se non altro ho riconosciuto il problema), se tu pensi (o sertes mi viene da ridere)
di essere libero dall'ego (e quindi dal giudizio) vuol dire che non ti conosci affatto.

come ho già detto con altre parole non è che se una persona comincia un percorso di crescita interiore (e lo propone ad altri come ho fatto io sul sito) poi è disposto a farsi cagare in testa eh?

poi, visto che hai tirato fuori tu l'argomento non esiste niente di peggio dell'atteggiamento giudicante di certi vegani con il loro giudizio morale sull'altro che mangia carne

e sertes non fa certo eccezzione quando punta il dito e accusa chiunque mangi diverso da un vegano di essere la iattura del pianeta e l'autodistruzione personificata
fefochip
#64 fefochip 2019-03-18 14:09
#62 Liviomex
Citazione:
Il progresso tecnologico è un fatto indubbiamente in se positivo
personalmente sono convinto del contrario
mi sai argomentare la tua opinione?

il tuo fondamentalmelmente è il pensiero positivista che ci ha portato dove siamo , nello svuotamente di valori umani in nome di un progresso tecnologico che in realtà nulla aggiunge alla felicità dell'uomo che è radicata nel contesto sociale , il quale è stato devastato e frammentato proprio dall'erede del positivismo il liberismo prima e il neoliberismo attuale.
pencri93
#65 pencri93 2019-03-18 14:21
@Sertes

Nella tua interpretazione, credi che una scelta vegan sia l'unica percorribile?

Supponiamo di cercare una via di mezzo, credi che mangiare 150/200 grammi di carne a settimana sarebbe "sostenibile"?

Sono circa 7,5 / 10 kili l'anno, che in confronto ai 220+ che mangia l'americano medio sono una sensibile miglioria.
pencri93
#66 pencri93 2019-03-18 14:25
P.s.

Il progresso tecnologico è uno strumento, ragazzi.

Più avanziamo, più diventa facile fare sia del bene che del male.

Non credo possa essere in sé un fatto benevolo o maligno.
toussaint
#67 toussaint 2019-03-18 14:28
Il solito prodotto mediatico, stavolta direi anche di scarso livello.
La novella Giovanna d'Arco ambientalista, subito beccata in fallo mentre pranza in treno circondata di confezioni in plastica usa-e-getta e prodotti alimentari non a km 0.
Quanto all'eterna disputa sul mangiare carne, a me basta sapere che il monopolio della soia è in mani della Bayer-Monsanto per continuare a mangiare carne, se possibile prodotta da animali allevati naturalmente, la carne costa un po' di più ma è di una qualità imparagonabile e gli animali non soffrono, se non quando vengono uccisi.
Ma è la stessa sorte che toccherà a ciascuno di noi, è legge di natura...
ilmessaggero.it/.../...
fefochip
#68 fefochip 2019-03-18 14:34
#66 pencri93
Citazione:
Non credo possa essere in sé un fatto benevolo o maligno.
alcune cose sono maligne in se come ad esempio la bomba atomica , che ci fai oltre a farla scoppiare con tutte le conseguenze del caso?
le armi sono violente di per se stesse ma in particolari quelle di distruzione di massa non vedo applicazioni "benevole"

senza arrivare all'atomica comunque tanti piccoli progressi tecnologici in realtà portano con se problematiche non considerate che le rendono di fatto maligne
guarda i diserbanti per esempio cosa stanno producendo in termini di inquinamento ambientale , distruzione degli insetti impollinatori (con tutto quello che ne consegue) e impoverimento della terra (per via della distruzione/alterazione del microbiota della terra che la rende fertile)

insomma in maniera piu generale un "progresso tecnogico" deve essere tarato non tanto sulla tecnologia in se ma sull'intera equazione dell'uomo per poter essere considerato "positivo"
pencri93
#69 pencri93 2019-03-18 17:14
Credo siano stati cancellati parecchi commenti, mi confermate?

L'ultimo che vedo (sopra di me), risale alle 14:34.
ivi.72
#70 ivi.72 2019-03-18 17:18
Confermo la sparizione dei commenti.
paglia53
#71 paglia53 2019-03-18 17:23
#1 Andoram

Citazione:
Ipotesi...si dice in giro... vero o falso?

GRETA THUNBERG E' UNA NUOVA TRUFFA-ROTHSCHILD
susa eh, pero' non si puo' sostenere che greta "non e' nessuno, perche' dovrebbero dare retta a una ragazzina qualunque" e allo stesso tempo sostenere che greta ha rapporti con i ROTHSCHILD e tutti gli altri che hai elencato
quello di cui non si discute mai e' dell'impatto reale che abbiamo sul pianeta, o lo si minimizza, o ci si inventano megacospirazioni
dove non ce ne sono
Climate change, that's just a money grab by scientist... right?

This is all just a part of a natural cycle, right?


#10 Primus eccetera

Citazione:
Su di una cosa, però, ragazzi, siete troppo superficiali

L'anidride carbonica atmosferica è in netto aumento (da 170 a 400ppm, grosso modo, per i valori storici disponibili), che vi piaccia o no.

I livelli di anidride carbonica nell’atmosfera sono i più alti degli ultimi 800.000 anni

www.greenme.it/.../30833-piantare-alberi-co2


I livelli di CO2 nell'atmosfera sono così alti che piantare gli alberi non ci salverà

www.greenme.it/.../30833-piantare-alberi-co2
"I requisiti per un forte scenario di mitigazione che rimane al di sotto dell'obiettivo di 2° C richiederebbero una combinazione di un elevato apporto di acqua per l'irrigazione e lo sviluppo di catene di processo del carbonio altamente efficaci. Sebbene riteniamo che questa strategia di sequestro del carbonio non sia una valida alternativa alle riduzioni aggressive delle emissioni, potrebbe comunque sostenere gli sforzi di mitigazione se gestita in modo sostenibile".

fonte di questo artiolo
The limits to global‐warming mitigation by terrestrial carbon removal
agupubs.onlinelibrary.wiley.com/.../2016EF000469

CO2 in atmosfera: mai così alta in 800.000 anni

focus.it/.../co2-in-atmosfera-anidride-carbonica
In termini di inquinamento atmosferico, non occorre aspettare per allarmarsi: lo "smog" (mix di elementi tossici tra i quali la CO2) è responsabile già oggi di 6,5 milioni di morti ogni anno***.

***https://www.focus.it/scienza/salute/in-europa-s i-muore-di-smog
Duluoz
#72 Duluoz 2019-03-18 17:42
Si anche il mio commento e' sparito dopo che e' stato pubblicato correttamente
Aironeblu
#73 Aironeblu 2019-03-18 17:42
:pint: Consoliamoci, meglio un mondo di gretini che un mondo di accoglioni.
Decalagon
#74 Decalagon 2019-03-18 17:57
Citazione:
Secondo alcuni scienziati sarebbe come una goccia nell'oceano
Ringraziali per la loro opinione
Michele Pirola
#75 Michele Pirola 2019-03-18 18:08
Decalagon
Generalmente gli animalisti preferiscono attaccare chi mangia la carne.
Ma poi stanno in silenzio assordante quando si scopre che:
Da quando i vegani hanno cominciato a cibarsi di quinoa, il suo prezzo è triplicato tra il 2006 e il 2011, fino a raggiungere lo stratosferico record di 8 mila euro a tonnellata per le qualità più pregiate. In questo modo, dopo 5 mila anni di abitudini invariate, i contadini poveri della Bolivia sono stati costretti a modificare la loro dieta in modo tale da poter vendere tutta la “preziosa” quinoa prodotta.
In pochi anni, quindi, è stata compromessa la diversità biologica di quel territorio, destinato ora alla monocoltura. Situazione molto simile anche in Perù, con il risultato che, scrive Lenardon, “nei Paesi d’origine è diventato più conveniente mangiare l’hamburger di una multinazionale” che la quinoa.
google.com/.../...
horselover
#76 horselover 2019-03-18 18:09
ieri ci sono stati tantissimi morti in mozambico uccisi dal nostro modello di vita. potete attaccare quella ragazza quanto volete, ma il messaggio è incontestabile e su quello dovrebbero essere d'accordo tutti. gli scienziati che negano il problema sono pagati da chi vuole continuare a inquinare terra, aria e acqua per aumentare i dividendi con la scusa che non c'è unanimità nel mondo scientifico. fra questi ci sono i peggiori come teller e zichichi
Strazzy
#77 Strazzy 2019-03-18 18:35
Salve a tutti, raramente scrivo, ma seguo assiduamente.
Che la situazione Greta non sia spontanea (come del resto le manifestazioni a seguito), non mi sembra ci sia alcun dubbio.
Anche la situazione della co2 mi sembra eccessivamente pompata, l' impatto antropico riguarda il 5% dello 0,01% di biossido di carbonio presente in atmosfera (aumento complessivo dalla rivoluzione industriale ad oggi).
Anch' io ho provato a cercare delle risposte, immaginare le motivazioni ...........
Per una volta, faccio fatica vi assicuro ;-) , ho pensato in modo meno negativo:
Se ci fosse già la tecnologia per produrre energia in abbondanza senza ricorrere agli idrocarburi, sarebbe un problema gravissimo introdurre nella società odierna tale potente innovazione.
Tutta l' economia attuale è basata sul petrolio, possiamo immaginare come sia più indicato un cambiamento graduale, anzi molto lento, piuttosto che uno rapido e pericoloso.
Molte tecnologie già non vengono applicate per evitare disoccupazioni di massa repentine, la scusa del clima potrebbe giovare a gestire il problema, forzando un cambiamento di paradigma (disinvestimento e upgrade).
Primus eccetera
#78 Primus eccetera 2019-03-18 18:44
Si sono spariti un bel po' di commenti
magari a redazione han dato fastidio, siccome c'ero di mezzo mi scuso
Decalagon
#79 Decalagon 2019-03-18 18:47
Michele Pirola, quelle sono ovviamente delle panzane. In caso contrario prendi pure i tre paper migliori che dimostrano con dati alla mano quello che si afferma in quell'articolo, confrontato con altri 3 paper che dimostrano la devastazione ambientale della zootecnia (li puoi anche trovare negli articoli che ho scritto io, su LC), e poi tiriamo le somme.

Altrimenti evitiamo di linkare pacchi galattici per la difesa della propria irragionevolezza, usando la solita tecnica del cercare di tirare al proprio livello chi si prodiga per ridurre il proprio impatto ambientale su questo pianeta, accusandolo di fare peggio. Mi ricorda quelli che condividevano articoli-patacca che volevano sostenere che chi non mangia carne ammazza il doppio di animali in più perché per arare la terra e raccogliere le piante si ammazzano millemila insetti e roditori, robaccia smentita dall'uso della semplice logica, dato che chi mangia carne si rende complice sia di di questi che degli stessi animali abbattuti a scopo alimentare.

Piuttosto che prendere atto di un fatto oggettivo si preferisce sempre cercare di far vedere che "pure i vegani" inquinano di qua e di là, solo per trovare nuove scuse per fare ciò che si è sempre fatto per i propri egoistici scopi (in questo caso non voler rinunciare a qualcosa che piace al palato). Oh, per me potete continuare a credere a quelle che volete.

Decalagon
#80 Decalagon 2019-03-18 18:52
Guarda, ti mostro un esempio pratico per farti vedere quanto è una patacca quell'articolo. Ad un certo punto scrivono:

"La soia, ‘il più grande distruttore di foreste del mondo’
Lenardon riferisce che per coltivare soia, ad esempio, ogni anno sparisce il 3% della foresta pluviale in Argentina, una estensione di terreno grande come il Portogallo. Nel vicino Brasile, invece, dal 1978 ad oggi sarebbero spariti territori boschivi delle dimensioni di Italia e Germania messe insieme. Tutto per fare posto alla tanto amata (dai vegani) soia. Un disastro climatico planetario."

Giusto, bravi.

SI DIMENTICANO SOLO DI DIRE CHE IL 95% DELLA SOIA PRODOTTA A LIVELLO GLOBALE, SPECIALMENTE NELLE AREE DISBOSCATE DELL'AMAZZONIA E DEL CENTRO AMERICA, VIENE UTILIZZATA PER PRODURRE FORAGGIO.

Ma immagino che lo sapevi e stavi per pubblicare un articolo corretto, di un altro sito più autorevole.
ivi.72
#81 ivi.72 2019-03-18 19:13
#76 horselover

Citazione:
ieri ci sono stati tantissimi morti in mozambico uccisi dal nostro modello di vita. potete attaccare quella ragazza quanto volete, ma il messaggio è incontestabile e su quello dovrebbero essere d'accordo tutti. gli scienziati che negano il problema sono pagati da chi vuole continuare a inquinare terra, aria e acqua per aumentare i dividendi con la scusa che non c'è unanimità nel mondo scientifico. fra questi ci sono i peggiori come teller e zichichi
Quindi in Mozambico nn ci sono mai stati cicloni?
Neanche quelli tropicali?
Lo sai che il Mozambico è attraversato dall'equatore?

I dividendi delle corporation aumentano grazie alla propaganda finto-ambientalista.

Si perchè a partire dagli anni 80 con la scusa delle leggi le multinazionali hanno chiuso i siti produttivi qui in occidente, perchè inquinavano, per portarli in cina e paesi vari arretrati, dove oltre ad inquinare di più possono pagare poco i lavoratori.

Avevano bisogno di una scusa, mica potevano dire che volevano schiavi del secondo-terzo mondo, ed hanno finanziato studi che giustificassero quelle leggi.

Infatti nessuna delle previsioni catastrofiche fatte, dagli scienziati che vogliono farti credere al riscaldamento globale da CO2, si è avverata.

Ergo hanno ragione gli scienziati, come teller e zichichi, che smentivano i loro colleghi catastrofisti.
Michele Pirola
#82 Michele Pirola 2019-03-18 19:24
Decalagon
Citazione:
SI DIMENTICANO SOLO DI DIRE CHE IL 95% DELLA SOIA PRODOTTA A LIVELLO GLOBALE, SPECIALMENTE NELLE AREE DISBOSCATE DELL'AMAZZONIA E DEL CENTRO AMERICA, VIENE UTILIZZATA PER PRODURRE FORAGGIO.
Non ho trovato nulla in merito a ciò. Da dove viene quella percentuale?
redazione
#83 redazione 2019-03-18 19:26
Scusate ragazzi, oggi sono stato fuori. Rientro adesso e trovo:

1) Scazzi fra utenti, sui quali preferisco non commentare.

2) Lamentele su alcuni commenti spariti: Non so cosa sia successo, appena rientra mio figlio guardiamo il database, e vediamo se è possibile ripristinarli. (Vedo che anche adesso ci sono dei problemi, i commenti escono due volte nella colonna di aggiornamento in home).

Vorrei comunque chiarire una cosa: io non cancello MAI commenti senza avvisare o senza dare una spiegazione. Se quindi vedete un commento mancante, senza una mia spiegazione, vuol dire che si tratta di un problema tecnico, non di una mia scelta.

Io di solito mi limito a cancellare insulti a personaggi pubblici, istigazioni alla violenza o frasi che possano comunque violare la legge, ma metto SEMPRE la spiegazione per la rimozione (esempio recente qui luogocomune.net/.../... al commento #6).
Zanchini
#84 Zanchini 2019-03-18 19:38
Se volete farvi due risate addirittura questa Greta, l'hanno candidata al premio Nobel per la pace.....AHAHAH

Ecco il link della notizia:https://www.focus.it/ambiente/ecologia/greta-thunberg-candidata-al-nobel-per-la-pace


siamo al ridicolo!
pencri93
#85 pencri93 2019-03-18 19:49
@Sertes

Posto nuovamente un messaggio andato cancellato.

Secondo la tua prospettiva, la scelta vegana sarebbe l'unica alternativa percorribile o si potrebbe trovare una via di mezzo?

Supponiamo di consumare 150/200 grammi di carne a settimana. Staremmo parlando di circa 7,50 / 10kili l'anno, che sono una netta miglioria rispetto i 220+ che mangia l'americano medio.

Che ne pensi?
Sertes
#86 Sertes 2019-03-18 19:52
Che non partecipo a questo thread
NiHiLaNtH
#87 NiHiLaNtH 2019-03-18 19:53
adesso per giustificare la ldieta vegana si prendono per buone le puttanate sui cambiamenti climatici

e magari le scie chimiche servono a rallentare il riscaldamento globale

:-?

Citazione:
Se volete farvi due risate addirittura questa Greta, l'hanno candidata al premio Nobel per la pace
beh dopo i nobel a obama ci si può aspettare di tutto


Citazione:
Consoliamoci, meglio un mondo di gretini che un mondo di accoglioni.
più o meno sono gli stesssi

Citazione:
ieri ci sono stati tantissimi morti in mozambico uccisi dal nostro modello di vita
allora per espiare i nostri peccati dobbiamo accoglierli tutti

:hammer:
Primus eccetera
#88 Primus eccetera 2019-03-18 20:03
#82 Michele Pirola
Fidati, la % è corretta e forse perfino pessimista, nel senso che i mangimi per bovini e suini assorbono praticamente tutta la produzione di soia
E' la fonte di proteine d'elezione (da quando le farine animali sono state bandite thanks to muccapazza, e quelle di pesce sono salite alle stelle) per fornire ai mammiferi l'indispensabile contenuto proteico in dieta
La cosa casomai un po' ridicola è che ogni anno sparisca "il 3% della foresta pluviale in argentina" (superficie Argentina 2,8 milioni di km2), "superficie pari a quella del Portogallo" (90mila km2). Il 3% di 2,8 milioni sono giusto 90mila. Deduco quindi che l'Argentina è TUTTA foresta pluviale.
Con i numeri proprio non ci azzeccano. Come con la termodinamica, d'altronde.
peonia
#89 peonia 2019-03-18 20:06
riporto da FB:

Già nel Terzo Reich Hitleriano Germanico si utilizzava la stessa tecnica per richiamare le Masse ai propri servigi. Oggi quelle Famiglie, LE STESSE FAMIGLIE, ripropongono un copione già visto, cambia solo l'argomento, per il resto LA GEMELLA non fà una piega.
La giusta comunicazione è questa: Ciò che va detto con forza è che le fosche previsioni di sedicenti esperti di clima, giornalisti ed opinionisti di vario genere partono da un presupposto profondamente errato, in virtù del quale il clima viene visto come un'entità ferma ed immutabile. In sostanza, associare l'arretramento di un ghiacciaio ad un imminente disastro naturale è una balla colossale. Perché i ghiacciai, così come il clima in generale, sono da sempre in evoluzione, e continueranno ad esserlo a dispetto di chi ritiene che nulla debba muoversi di un solo millimetro. La brevità della vita umana, l'eccessiva selettività della nostra memoria, che tende a isolare e mitizzare singoli eventi sono i fattori che non ci permettono di avere una visione obbiettiva della realtà..

horselover
#90 horselover 2019-03-18 20:07
oggi a loro domani a noi,o cambiamo il modello di vita ci autocondanniamo
Cum grano salis
#91 Cum grano salis 2019-03-18 20:11
Non ho idea di chi sia questa Greta, è la prima volta che la vedo.
E non leggerò i commenti che avete postato.
Voglio essere ignorante su di lei e sulle vostre opinioni e vedere che ne tiro fuori a pelle.

Dall'articolo ho inteso che ha detto cose che io scrivevo nei temi delle medie negli anni '80 (e tutti voi immagino, chi prima chi dopo), con tante belle parole vuote, piene di speranza per il futuro dell'ecologia finché arrivò pure l'onda emotiva di Chernobyl.
Non starò a sentire che dice.

La butto lì, penso si tratti di questa struttura, nel mio ordine crescente di livello di importanza :

1) è la riproposizione di un format vincente, ma che fu attuato in un periodo storico sbagliato (non connesso, non social), quindi si è scelto come veicolo virale di sicuro impatto.
La sua versione originale, sicuramente più genuina è probabilmente questa (parliamo del '92) :

e qualche commento, se ci trovate delle similitudini (non mi ricordo che stava a dire)
manuelmarangoni.it/.../...

2) è fumo negli occhi per le europee, con finalità di manipolazione di massa al fine di dirottare i voti (verso chiunque, ma non sovranisti e no euro)

3) serve per creare divisione e discussioni, creando dibattiti sul nulla, affinché ci si scanni nelle polarità.
Non che l'argomento sia il nulla, anzi, ma perché come per i vaccini ci sono più cause concorrenti, e lo scontro si basa su questo non poter, per forza di cose, essere a conoscenza di tutto o pesare bene i singoli aspetti. Gli stessi scienziati, con gli stessi dati, dicono l'uno l'opposto degli altri. Figuriamoci su Whatapp e Facebook ed in TV !!

4) questi scontri servono a generare tanta bella energia, a scapito nostro, con minimo sforzo.

5) questa energia va raccolta, come da bravi studenti e seguaci obbedienti di RA :perculante: , sia in positivo (ad es. con i manifestanti dalle tante belle bandiere, striscioni e cori di speranza), e sia in negativo (ad es. con i manifestanti incazzati contro questo e contro quello).

6) è un'Eggregora, ben riconoscibile visivamente da tutti e al volo. Immediatamente.
Piccola, innocente e sufficientemente intoccabile nella sua ingenuità fanciullesca disarmante da apparire assolutamente innocua (parlo della ragazzina, ovviamente, lei è solo il Golem che le dà vita e la porta in giro)

Spero (per lei ed anche per me) di non sentirne più parlare, e che torni presto a scuola ad imparare mentre smaltisce la sbornia mediatica in cui l'hanno messa in mezzo per i propri fini.

Al massimo potrei essere curioso di capire chi ci sta soffiando dentro questo palloncino giallo coi cordini penzolanti.
paglia53
#92 paglia53 2019-03-18 20:19


addirittura gudrun himmler :perculante:
e poi schiavi della propaganda sono gli altri
paglia53
#93 paglia53 2019-03-18 20:24
Citazione:
Perché i ghiacciai, così come il clima in generale, sono da sempre in evoluzione
si, la loro prossima incarnazione sara' a forma di calippo


...e poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata...
paglia53
#94 paglia53 2019-03-18 20:26
Citazione:
Voglio essere ignorante
e' questo il problema di fondo
Bagu
#95 Bagu 2019-03-18 20:37
Buonasera, mi sono appena iscritto, nonostante vi legga da parecchio tempo.
Volevo contribuire alla discussione invitandovi al leggere questo link, e per i più scettici leggere anche altri post sempre nel medesimo sito che trovo estremamente interessanti.
Questo il link di Greta:
www.climatemonitor.it/?p=50470
peonia
#96 peonia 2019-03-18 20:42
Bagu, avevo visto una foto in cui si diceva che era autistica....ma non ho dato peso.... ora confermi..... :-o

huffingtonpost.it/.../...
aledjango
#97 aledjango 2019-03-18 20:49
Cum grano salis. Mi piace il tuo modo di scrivere..
Chissà perché sta storia di Greta mi fa venire in mente un sacco di cose che non c'entrano niente.... Per esempio in una puntata di South Park (cartone animato meraviglioso), ad un certo punto alla cassa del supermercato chiedono ai clienti di lasciare un dollaro, da dare in beneficenza per il caso umano del momento, e quando si presenta un cliente che non ne vuole sapere... Al microfono, il cassiere, fa sapere a tutti che il sig. Mario Rossi non è un bravo cittadino perché non dona un euro, con lo stupore di tutti gli altri frequentatori del negozio.
Ecco.. Questo sarà il nostro futuro..
redazione
#98 redazione 2019-03-18 21:10
Questione commenti cancellati. Mio figlio mi ha spiegato cosa è successo: oggi lui si è accorto che i commenti uscivano due volte nella colonna a sx in homepage. Ha provato a cancellarne dal database uno ciascuno, per ogni coppia, ma sono spariti tutti e due contemporaneamente. Vi chiedo scusa per i commenti perduti.

Il problema del doppione persiste. Cercheremo di risolverlo al più presto. (Ora non cancelliamo più niente, ovviamente).
starburst3
#99 starburst3 2019-03-18 21:15
Autorimosso
sartori
#100 sartori 2019-03-18 21:33
a me è venuto in mente che greta possa essere un'addotta utilizzata dalle solite forze che spadroneggiano (finchè glielo lasciamo fare) su questa matrix.
pensatore
#101 pensatore 2019-03-18 21:37
I fatti ad alto livello organizzati dal Potere Mondiale presentano sempre differenti chiavi di lettura, non solo perché favoriscono grossi interessi, comunque utili per mantenere fedeli e collaborativi i livelli sottostanti il vertice della piramide, ma anche per dissimulare il loro reale scopo dietro una cortina fumogena.
Partendo dal terrorismo del 2001, fino ad arrivare ai vaccini (di cui l’Italia rappresenta il primo test), ed ora a questa sceneggiata gretina.
La chiave di lettura risiede nella percezione del cambiamento in atto nel nostro(?) mondo a livello di specie umana, che non è riconducibile ad un insieme di fattori ma attuato attraverso questi.
Potremmo dire che oggi siamo di fronte ad una operazione “educativa” verso le nuove generazioni.
Primus eccetera
#102 Primus eccetera 2019-03-18 21:57
#95 Bagu
Grazie (e benvenuto)
Decalagon
#103 Decalagon 2019-03-18 22:08
Citazione:
Non ho trovato nulla in merito a ciò. Da dove viene quella percentuale?
"Negli ultimi 50 anni si è già perso quasi un quinto della superficie della foresta amazzonica per la produzione di soia, sì perchè la soia è l’ingrediente principale dei mangimi per animali. Se il 6% della soia prodotta al mondo è destinata direttamente al consumo umano, circa tre quarti vengono invece utilizzati per l’alimentazione animale"

fonte: www.lastampa.it/.../pagina.html

" Only about 6% of soybeans grown worldwide are turned directly into food products for human consumption. The rest either enter the food chain indirectly as animal feed, or are used to make vegetable oil or non-food products such as biodiesel. "

fonte: ucsusa.org/.../...

Due a caso, la prima fonte l'avevo inserita anche nel mio articolo "la carne è cancerogena anche per il pianeta"
1k8
#104 1k8 2019-03-18 22:09
Testing 123.
step
#105 step 2019-03-18 22:19
Ciao a tutti, commento poco-nulla ma seguo costantemente. Il fatto che la bimba 16enne sia una Asperger non può essere letto anche come un nobilitare l’autismo e quindi una promozione delle politiche pro-vax?
peonia
#106 peonia 2019-03-18 22:24
#98 Redazione, mi fate quasi tenerezza :-)
peonia
#107 peonia 2019-03-18 22:25
Potrebbe step, chissà...certo che il caso è complesso assai!!!
juss
#108 juss 2019-03-18 22:28
bellissimo...i grandi che si fanno dire da una bambina che questo stile di vita sta rovinando il nostro bel pianeta.
i grandi, gli adulti intendo, che la osannano. Ma dico...dovrebbero essere i grandi che insegnano questo ai bambini (quelli che lo hanno capito infatti lo fanno...quelli che non hanno capito aprono la bocca a cazzo e domani via con sto 2000 diesel)
non ho parole
Davide71
#109 Davide71 2019-03-18 23:44
Ciao a tutti:

in estrema sintesi la soia la usano in America per cuocere le patatine fritte e per dar da mangiare ai polli d'allevamento.
La soia deforesta come la palma da olio, se non di piú, e ce ne fosse uno che dice beh!
Nomit
#110 Nomit 2019-03-19 00:25
alimentazione onnivora vs alimentazione vegana

edo
#111 edo 2019-03-19 02:34
Quando i media mainstream pompano qualcosa, non e :pint: ' per il bene della maggioranza che li legge e ci crede... e' solo una nuova dose di tossine mentali.
Il prossimo piccolo eroe utile per parlare sul nulla, sara' contro tutte le malattie! Senza distinzione (noi non siamo razzisti).
Il successivo, contro tutti i "malvagi" compresi quelli delle fiabe.
Poi il mondo sara' perfetto. Protestate contro questo? Complottisti! :pint:
redazione
#112 redazione 2019-03-19 08:00
PRIMUS: Citazione:
Si sono spariti un bel po' di commenti magari a redazione han dato fastidio, siccome c'ero di mezzo mi scuso
Tu non c'entri niente. Ho spiegato la questione dei commenti ai post #83 e #98.

Ora mi sembra risolta.
BELLINI
#113 BELLINI 2019-03-19 08:24
I vegani ambientalisti salveranno il mondo fermando i B52
m.ilgiornale.it/.../1663174
Dopo anni anni e anni di fedeltà e devozione agli americani, gli europei si preparano a rompere tutti i rapporti già da tempo logorati.
Le eccessive pretese degli americani hanno generato un enorme malumore non solo in Europa ma in tutto il mondo.
Quelle teste di cazzo, egoisti e arroganti di merda non li sopporta più nessuno.
Vediamo se accetteranno l'isolamento o se scateneranno la guerra mondiale
peonia
#114 peonia 2019-03-19 09:55
Greta marketing strategico: i dati


www.moniataglienti.it/.../
peonia
#115 peonia 2019-03-19 10:38
Gretinismo..

peonia
#116 peonia 2019-03-19 10:46
anche Trump lo afferma....

Primus eccetera
#117 Primus eccetera 2019-03-19 10:53
e se lo dice Trump..... :-)
redazione
#118 redazione 2019-03-19 11:25
Ieri su facebook ho letto una frase bellissima:

"Sono due anni che protestiamo contro l'obbligo vaccinale e nessuno ci caga. Come cazzo ha fatto Greta?"
aledjango
#119 aledjango 2019-03-19 11:38
Non posso insultare.. Ma ne avrei una voglia..
Comunque provate ad andare a leggere l'articolo di massimo Gramellini (.. Adesso che ho scritto sto nome mi viene ancora più voglia..), intitolato Greta sgarbo.
Come facciamo a lottare, quando questi giornalisti hanno questo potere? È seguitissimo, tanti lo amano.. Io invece.... Vabbè avevo promesso di non insultare..
fefochip
#120 fefochip 2019-03-19 12:52
#118 redazione
Citazione:
"Sono due anni che protestiamo contro l'obbligo vaccinale e nessuno ci caga. Come cazzo ha fatto Greta?"
:hammer:
toussaint
#121 toussaint 2019-03-19 13:08
Vorrei sottolineare che la soia non è utilizzata solo per il consumo alimentare umano e animale, anzi.
Lo sviluppo convulso della produzione mondiale di soia, in mano a pochissime multinazionali, è stato dovuto soprattutto all'impiego nella produzione di biodiesel, il combustibile che si invocava quale sostituto dei combustibili fossili in una delle altre precedenti infatuazioni ecologiste da 4 soldi che periodicamente pervadono il pianeta.
Ad ogni modo, qualora volessimo sostituire completamente carne, formaggi, pesce nell'alimentazione umana servirebbero circa 185 milioni di tonnellate di soia all'anno, il 50% di quanto prodotto attualmente considerando anche gli altri usi.
Dunque, non si avrebbe alcun vantaggio, dato che annullando l'utilizzo per il biodiesel, si dovrebbe contemporaneamente aumentare l'utilizzo di combustibili fossili. pur continuando a consumare metà della foresta amazzonica rispetto a quanto si consumi oggi, insomma si tratta di allungarle la vita di pochi anni.
Tutto ciò senza considerare che la soia è un progestinico naturale, ossia ha una composizione chimica che emula quella dei progestinici, dunque ha un effetto negativo sulla fertilità maschile e un effetto teratogeno sugli organi di riproduzione femminili.
Non solo, sembra che la soia produca effetti negativi anche sulla tiroide.
Un riassunto degli effetti deleteri della soia, che non a caso era storicamente destinata al consumo animale e non umano (in modo che la sua nocività si riducesse nel passaggio):
www.dionidream.com/danni-latte-di-soia/
fefochip
#122 fefochip 2019-03-19 13:14
Dice che la vera minaccia per i potenti è Greta, la biondina, mica i gilet gialli. Difatti i potenti son così spaventati che la invitano ovunque, le stringono la mano, ci fanno fotografie assieme, la citano, la lodano, la fanno campeggiare su tutte le prime pagine dei loro giornali, lasciano che i cantori ufficiali le dedichino panegirici e insomma mettono un enorme faro su di lei e tutto quel che fa o dice.

Invece ai gilet gialli, che ovviamente non gli fanno alcuna paura, sospendono i diritti costituzionali; inventano leggi che vietano le proteste; schierano poliziotti in assetto da guerra a sparare in faccia con idranti e proiettili di gomma; li soffocano con fumogeni e lacrimogeni; li manganellano a morte; gli fan mutilare mani e occhi e altri pezzi assortiti; fracassano regolarmente i cellulari di chi riprende le violenze della polizia; massacrano di botte persino i medici della croce rossa che intervengono per curare i feriti - con tutti i media in fila per uno come paperelle a strepitare "quanto son cattivi questi tremendi gilet gialli". Insomma, il classico trattamento che da sempre un potente riserva a chi non gli fa nessuna paura, anzi, proprio non gliene fotte niente.

Mica come Greta.
Quella li terrorizza proprio.


Stefano Re
Cum grano salis
#123 Cum grano salis 2019-03-19 13:18
#97 aledjango
Citazione:
Cum grano salis. Mi piace il tuo modo di scrivere..
Chissà perché sta storia di Greta mi fa venire in mente un sacco di cose che non c'entrano niente.... Per esempio in una puntata di South Park...
Grazie aledjango! Non sei il primo a mostrarmi apprezzamento e spero non sarai neanche l'ultimo, ho un ego da mantenere e le bollette energetiche da pagare :hammer: :hammer: :hammer:
Tornando a noi...quello che hai scritto mi ha intrigato parecchio? Mi son detto : ma che avrà voluto dire con il fatto che gli vengono in mente un sacco di cose che non c'entrano niente ; e se invece mi stesse dicendo qualcosa inconsciamente?
E l'episodio di South Park (che nemmeno mi ricordo se l'ho visto, considerando quante stagioni sono), che attinenza può avere con quello che ho scritto?
E perché nonostante paglia53 mi abbia chiesto in PM di 'staccare' (con lui?), ed io gli abbia risposto che 'ho staccato' e poi mi sia dato alla pazza gioia per giorni solo su lc2mars per disintossicarmi dalle "scie chimiche parte 2" sul forum, adesso torna subito a provocarmi con le frecciatine gratuite senza argomentare?
Citazione:
#94 paglia53
Citazione (mia!!): Voglio essere ignorante

e' questo il problema di fondo
Proprio lui che chiedeva tregua dopo aver per primo aizzato lo scontro e che l'ha pure subito ottenuta, e di cui avevo scritto che se ci fosse qui su LC un sistema di filtro con reputazione tipo Ebay, i suoi commenti non mi sarebbero neanche apparsi alla vista, a tutto vantaggio del mio fegato (bile) e ghiandole surrenali (cortisolo)?

mmmhhhmmmm.....
Mi ci son buttato sopra come un orso affamato sul miele :-D

Allora...l'episodio che ti è venuto in mente senza un motivo (!?) si intitola, pensa un po' : "Spazio sicuro".
Ti va di andare a dare un'occhiata per vedere di cosa parla? southpark.fandom.com/it/wiki/Spazio_sicuro
Bene.
Poi mi sono letto un po' di commenti e scopro che Greta ha la sindrome di Asperger, parente stretta dell'autismo di cui avevo accennato qui per altri motivi
luogocomune.net/.../...
e poi poco dopo
luogocomune.net/.../...

Ok. Ma che diavolo c'entra con South Park con tutto ciò? Direi niente, ma...combinazione, per cercare l'episodio di cui parlavi, mi sono imbattuto sicuramente per caso ( :idea: ) in un altro episodio, perché con "supermercato" non trovavo niente e quindi avevo allargato la ricerca ad altri luoghi plausibili che avessero una "cassa" nel mondo di South Park e non solo, tipo un fast food.
Ti va di andare a dare un'occhiata anche qui per vedere di cosa parla?
southpark.fandom.com/.../La_sindrome_di_Hamburger
:-D :-D :-D

La mia fortuna è che non mi annoio mai perché mi diverto davvero con molto poco :hammer: , pomeriggi interi sulla spiaggia con quattro canne (quelle vere!! :perculante: ) piantate nella sabbia ed un sempre imprevedibile Super Tele... 8-)
P.s. Mica ora eh!, che avrei un infarto! Parlo di lontani ricordi spensierati, quando il colpo di calore era un illustre sconosciuto come le creme solari, e le ginocchia erano un campo di battaglia perennemente infuocato!
Cum grano salis
#124 Cum grano salis 2019-03-19 13:29
Doppione
Teoclasto
#125 Teoclasto 2019-03-19 13:38
"Aerosol in atmosfera per proteggere la Terra dai raggi solari": articolo su FOCUS di qualche tempo fa...

focus.it/.../...
Cum grano salis
#126 Cum grano salis 2019-03-19 13:41
Triplone.
Il sistema mi sta clonando!
fefochip
#127 fefochip 2019-03-19 13:59
#121 toussaint
ma tu sei un senza diovegan ! :-D
fefochip
#128 fefochip 2019-03-19 14:00
#118 redazione
Citazione:
Ieri su facebook ho letto...
aspetta aspetta che questa me l'ero persa nella tua citazione

ma quindi adesso leggi facebook???!?!?!?! :-o :-o :-o :-o :-o

:hammer:
Cum grano salis
#129 Cum grano salis 2019-03-19 14:08
#121 toussaint
Porca soia!!!! :-D
Signore di Gibelletto
#130 Signore di Gibelletto 2019-03-19 14:09
Stavo meditando. Ho pensato che adesso che, grazie a Greta, le oligarchie/elite italiane e europee e planetarie sono diventate buone, possiamo agevolmente rivolgerci a loro senza problemi. Proporrei quindi che qualunque lettore del sito o, in generale, qualunque italiano abbia una figlia/nipote circa dell'età di Greta la mandi subito in treno a Bruxelles con in mano una lista di richieste di migliorie su tutte le questioni più significative (ambiente, economia, istruzione, sanità, etc.), così che possano ricevere le ragazze e ascoltare con vivo interesse quanto hanno da dire.
Proporrei anche i Gilet gialli per il nobel per la pace, data la tenacia gandhiana che hanno nel ricevere quotidianamente una fraccata di botte e proiettili dai reparti antisommossa scatenatigli contro dal napoleoncino Micron. Sono certo la candidatura verrà immediatamente accolta.
Credo anche che, come italiani, potremmo richiedere al Parlamento europeo la restituzione della Corsica, dell'Istria e della Dalmazia.
toussaint
#131 toussaint 2019-03-19 14:13
Che poi c'è chi dice una cosa e chi l'esatto opposto.
Secondo questo studio pubblicato su Nature, dal 1982 al 2016 l'estensione delle foreste sarebbe aumentata anzichè diminuire e non di poco, di ben 2.24 milioni di km quadrati pari al 7,1% in più rispetto al 1982.
Incredibile, no?
www.nature.com/articles/s41586-018-0411-9
totalrec
#132 totalrec 2019-03-19 14:39
Non so se qualcuno lo ha già postato:

"Per contrastare l’ondata di “negazionisti climatici” e la diffusione di fake news sul global warming, uno dei principali portali di news olandesi, nu.nl, ha adottato la linea dura: chiunque lasci sul sito commenti che escludano responsabilità dell’uomo per il surriscaldamento globale viene bannato e i commenti vengono rimossi".

www.ilfattoquotidiano.it/.../5042134

Ogni volta che una bufala inizia a essere conclamata, la reazione dei suoi propugnatori è sempre la censura e la persecuzione dei dissidenti. L'ho visto avvenire con la bufala dell'olocausto, poi con quella dei vaccini, ora è la volta del global warming. Basterebbe già soltanto questo per chiarire quanto ci sia di "scientifico" in questa incredibile sequela di idiozie.
totalrec
#133 totalrec 2019-03-19 14:50
Sempre lo stesso articolo:
"Diciamo una volta per tutte: le opinioni non sono tutte uguali. Esistono opinioni informate, di diverso colore e propaganda mascherata da opinione. Sostenere che non c’è alcun riscaldamento globale, che il Nord Europa a temperature mediterranee e il Mediterraneo a temperature africane siano solo il risultato di fenomeni naturali sono concetti agli antipodi di anni di studi e di un’opinione largamente maggioritaria degli scienziati".

www.ilfattoquotidiano.it/.../5042134

Non avete una sensazione di deja-vu?
Cum grano salis
#134 Cum grano salis 2019-03-19 14:54
#131 toussaint
Eh certo, ognuno si focalizza su un parametro e perde la visione d'insieme del sistema.
Prendiamo la semplice equilibratura che fanno i gommisti : a parità di tutti i pesi in gioco (eguale forestazione totale), basta spostare il piombino dalla sua posizione che determina l'equilibrio nella rotazione (ad es. meno foresta pluviale ma più boreale) e subito la ruota comincia a vibrare->ha perso l'equilibrio->tutta la macchina poi balla.
Facciamolo su tutte e quattro le ruote (e con tutti i tipi di foresta) e vediamo in quanto tempo si svitano i bulloni, si sganciano i cavi e la macchina va in pezzi.

I sistemi complessi si chiamano così mica perché sono semplici da analizzare!

Edit : leggendo il post di totalrec, il discorso non credo sia tanto che la Terra sia per natura soggetta a riscaldamenti ed ere glaciali, ma che il cambiamento (ovunque sia diretto, se al gelo che al forno) stia avvenendo in tempi brevissimi rispetto ai tempi naturali, e questo non ha precedenti nella storia. L'unica novità siamo noi che ci stiamo sopra ormai in 7 miliardi e passa a far sempre più casino.
Primus eccetera
#135 Primus eccetera 2019-03-19 14:54
#131 toussaint
Se è vero, è abbastanza clamoroso.
Però a me l'articolo risulta poco chiaro. Ad esempio non si capisce bene il calo del 3% del global bare ground cover
Inoltre il riferimento chiave, il 5, non è linkato.
flor das aguas
#136 flor das aguas 2019-03-19 15:02
#132 totalrec
Citazione:
Ogni volta che una bufala inizia a essere conclamata, la reazione dei suoi propugnatori è sempre la censura e la persecuzione dei dissidenti. L'ho visto avvenire con la bufala dell'olocausto, poi con quella dei vaccini, ora è la volta del global warming. Basterebbe già soltanto questo per chiarire quanto ci sia di "scientifico" in questa incredibile sequela di idiozie.
Le dinamiche sono sempre le stesse, impressionante
peonia
#137 peonia 2019-03-19 15:09
Troppo forte :-P :hammer:

toussaint
#138 toussaint 2019-03-19 15:10
#135 Primus
Guarda, qui c'è la traduzione da Il Messaggero:
ilmessaggero.it/.../...

Comunque, il "Global bare ground cover" non è la copertura terrestre "nuda", ossia che non ospita artefatti umani come gli edifici ma anche le coltivazioni?
Se ho capito bene, allora i due dati (aumento foreste e calo superficie nuda) non sono in contraddizione, poichè si può avere un saldo netto della copertura nuda negativo pur con un incremento degli alberi.
peonia
#139 peonia 2019-03-19 15:20
E così abbiamo appurato che pure Il Fatto è schierato.... non che non lo sospettassimo, ma a volte ingannava...
totalrec
#140 totalrec 2019-03-19 15:25
Faccio notare che venerdì scorso, nella scuola in cui insegno, quasi tutti gli alunni hanno partecipato alla manifestazione per l'ambiente facendosi accompagnare col SUV dal papà. Sotto il mio liceo c'era una fila interminabile di macchinoni, molti col motore acceso, i quali attendevano serenamente che i mocciosi finissero di salvare la Terra per riportarli a casa al sicuro.
Faccio anche notare che i suddetti mocciosi possiedono almeno un telefonino e un tablet a testa, e in media li buttano nella pattumiera una volta all'anno, ogni volta che sullo schermo compare un righino o che la moda impone i nuovi modelli. Alla facciaccia dei paladini dell'ambiente.
Infine faccio anche notare che sempre i suddetti mocciosi hanno lasciato dietro di sé una scia di sacchetti di patatine, aeroplanini, lattine di cocacola, cartelloni del cazzo usati & cartacce varie che darà lavoro agli spazzini per tutta la prossima settimana.
Praticamente hanno inquinato l'ambiente più loro in mezza giornata che tutte le chianine settimanali del sabato che ho ingurgitato in vita mia (e che continuerò a ingurgitare, alla faccia loro e di chi gli tira i fili).
toussaint
#141 toussaint 2019-03-19 15:25
#134 Cum Grano Salis
Certo, ma allora ammesso che ci siano i cambiamenti climatici potrebbero entrarci ben poco con la CO2 e invece molto, che so, con l'inversione delle correnti sottomarine, magari indotta da un riscaldamento artificiale per via elettromagnetica, che so in Alaska?
O magari perchè qualcuno disperde strani aerosol nei nostri cieli?
Va a sapere...
Michele Pirola
#142 Michele Pirola 2019-03-19 15:33
Ok, grazie Decalagon.
Ps: in ogni caso non tutti gli animali che mangiano la soia vengono mangiati dagli uomini. Bisognerebbe individuare quanta soia effettivamente viene usata per produrre la carne, in percentuale
toussaint
#143 toussaint 2019-03-19 15:34
Qua invece un contributo di qualche anno fa non di un "complottista" ma di uno scienziato, sì uno di quelli con le "carte in regola" ma che attribuisce i cambiamenti climatici nn all'azione antropica ma all'attività solare:
ilgiornale.it/.../...

Il quale scienziato continua la sua battaglia scontrandosi con i globalwormisti sulle basi teoriche della modellazione statistica:
www.climatemonitor.it/?p=33306
toussaint
#144 toussaint 2019-03-19 15:37
#142 Michele Pirola
Non solo, vale anche "non tutti gli animali che sono mangiati dagli uomini si nutrono di soia".
Comunque, resta il fatto che io non me la sento proprio di andare dal pastore sardo a dirgli che è un nemico della Terra.
Anche perché me la rischierei di brutto...
toussaint
#145 toussaint 2019-03-19 15:42
Ma invece di pensare alla mia bistecca, perché gli scienziatoni non usano il loro cervellino per realizzare finalmente un c...o di sacchettino compostabile per l'umido che non inizi a colare dopo mezz'ora che cominci a versarci dentro l'organico?
Che invece quella contro la plastica è una delle poche battaglie ecologiste che abbiano veramente un senso, considerando la schifezza che ha invaso i nostri mari?
peonia
#146 peonia 2019-03-19 15:43
Totalrec, copio e diffondo il tuo commento... alla faccia degli ipocriti
carotene69
#147 carotene69 2019-03-19 15:44
Citazione:
#118 redazione 2019-03-19 11:25 Ieri su facebook ho letto una frase bellissima: "Sono due anni che protestiamo contro l'obbligo vaccinale e nessuno ci caga. Come cazzo ha fatto Greta?"
E' esattamente quello che penso anche io.... abbiamo manifestato a Pesaro (eravamo più di 70000 persone)...zero notizie.
Abbiamo manifestato a Roma....(decine di migliaia, non ricordo esattamente)...un caldo che si schiantava....su e giù come dei pirla davanti al niente mediatico !
Che dici Massimo...arruoliamo Greta per informare le masse sui vaccini ? :-)
toussaint
#148 toussaint 2019-03-19 15:48
Vi avanza una Greta da mandare a Bruxelles per passare da Quota 100 a Quota 95 (ma visto che ci stiamo anche Quota 90, non limitiamoci le prospettive)?
carotene69
#149 carotene69 2019-03-19 15:48
Potrebbe interessare questo:

www.theartofannihilation.com/.../

Tradotto in italiano:

vocidallestero.it/.../...

Non conosco l'autrice della ricerca, ma a lettura incompleta e superficiale, mi sembra valida.
Primus eccetera
#150 Primus eccetera 2019-03-19 16:42
#140 totalrec

ahahahahahahah questa secondo me dovrebbe costituire articolo a sè, sulla questione della bambinetta svedese.

IMPAGABILE, grazie
fefochip
#151 fefochip 2019-03-19 16:53
#140 totalrec

è pur vero che non è certo greta che ha inventato i radical chic con i loro marmocchi

a mio avviso il tema greta continua ad essere principalmente:
in quanto fenomeno mediatico non certo per gli sforzi della ragazzina
chi e perche sponsorizza greta? chi l'ha fatta diventare una star?

sarebbe un bel tema a scuola
Primus eccetera
#152 Primus eccetera 2019-03-19 17:05
@ toussaint
grazie, ho letto. E continua a non convincermi. Per esempio il fatto che calcolino le piantagioni di palma da olio etc come copertura alberata.
Michele Pirola
#153 Michele Pirola 2019-03-19 18:24
Toussaint
Ciao, io comunque credo al riscaldamento globale causato dall'uomo, però quello che critico adesso sono gli animalisti che puntano il dito contro chi mangia la carne, invece che puntarlo contro chi riversa in mare rifiuti tossici o contro chi ha permesso che si rilasciassero in mare tonnellate di petrolio in tutti questi anni.
Io la carne l'ho sempre mangiata e non solo quello, anche il pesce, le verdure, la pasta, il riso. Sono onnivoro, come l'essere umano generale.
Poi non mi piace neanche l'ipocrisia di certi manifestanti. Premesso che sono d'accordo col manifestare contro il riscaldamento globale e contro l'inquinamento, però ho visto gente lì che aveva le bottiglie di plastica, oppure fumava.
Anche questo contribuisce ad inquinare.
Ora, non ho niente contro chi fuma, né contro chi usa le bottiglie di plastica (io pure le uso). Però protestare chiedendo, fra le tante cose, uno stop alla vendita della plastica e portarsi in giro delle bottiglie fatte proprio in plastica lo reputo al primo livello di ipocrisia. Oltre al fatto che si lamentavano contro chi usava le auto a diesel che dicevano che creano tanto calore, ma poi gli stessi manifestanti fumavano una sigaretta (anch'essa può essere responsabile del surriscaldamento del pianeta, ovviamente a dosi elevate)
redazione
#154 redazione 2019-03-19 18:45
FEFO: Citazione:
ma quindi adesso leggi facebook???!?!?!?!
Non esageriamo. Me l'hanno segnalato.
maurixio
#155 maurixio 2019-03-19 19:14
Se questa storia di Greta fosse solo un pretesto per indurre la popolazione umana a considerare seriamente di adottare un approccio allo sfruttamento delle risorse naturali che tendano a chiudere un ciclo in modo biologico o molto vicino ai cicli naturali. Per me va benissimo.
Accetto volentieri anche la storia del globaluarming se in cambio non vedo merda in giro ad inquinare terreni mari e cieli.

si, il deja-vu c'è.
Decalagon
#156 Decalagon 2019-03-19 20:16
Citazione:
n ogni caso non tutti gli animali che mangiano la soia vengono mangiati dagli uomini. Bisognerebbe individuare quanta soia effettivamente viene usata per produrre la carne, in percentuale
Intanto abbiamo smentito la bufala secondo la quale "i vegani distruggerebbero il pianeta" mangiando soia, dato che più di 3/4 di questa è destinata agli allevanenti. Poi tutti gli animali da allevamento vengono mangiati, in quanto anche le mucche da latte o le galline ovaiole finiscono dal macellaio quando non riescono più a sostenere una produzione soddisfacente.
Decalagon
#157 Decalagon 2019-03-19 20:17
Citazione:
In ogni caso non tutti gli animali che mangiano la soia vengono mangiati dagli uomini. Bisognerebbe individuare quanta soia effettivamente viene usata per produrre la carne, in percentuale
Intanto abbiamo smentito la bufala secondo la quale "i vegani distruggerebbero il pianeta" mangiando soia, dato che più di 3/4 di questa è destinata agli allevanenti. Poi tutti gli animali da allevamento vengono mangiati, in quanto anche le mucche da latte o le galline ovaiole finiscono dal macellaio quando non riescono più a sostenere una produzione soddisfacente.
peonia
#158 peonia 2019-03-19 20:20
Intanto smentita la bufala... :-P

"Clima, l’esperto: “Non c’è nessuna emergenza, periodo eccezionalmente stabile. I seguaci di Greta sono tutti gretini”
"Già 20 anni fa scrivevo che questa storia del riscaldamento globale è una colossale 'Gretinata" !


www.meteoweb.eu/.../1239134
peonia
#159 peonia 2019-03-19 20:22
Fefo e Massimo non fate tanto gli snob su Facebook che tante cose interessanti e importanti girano proprio lì.... e in fondo ci state entrambe! :-P
Michele Pirola
#160 Michele Pirola 2019-03-19 20:31
Decalagon
Citazione:
Poi tutti gli animali da allevamento vengono mangiati
Oddio, io su questo non ci giurerei assolutamente. Anzi, sono molti i pastori o gli allevatori che si tengono i propri animali da compagnia finché non muoiono. A volte fanno il latte con le mucche, ma non vengono macellate tutte. Inoltre la macellazione deve avvenire secondo la legge. Non è che uno prende così e macella una mucca. Altrimenti finisci in galera (giustamente).
Citazione:
Intanto abbiamo smentito la bufala secondo la quale "i vegani distruggerebbero il pianeta" 
Hai smentito quella sulla soia, ma ciò che l'articolo dice sulla Quinoa rimane ancora valido. Ovvero in Bolivia è più conveniente mangiare un hamburger della Quinoa
aledjango
#161 aledjango 2019-03-19 20:33
Caro cum grano salis..
Mi vengono in mente un sacco di cose che non c'entrano niente, molto probabilmente perché Greta e le sue ovvietà, molto probabilmente in una società sana non avrebbero smosso di un millimetro nessuno... E quindi mi guardo South Park perché penso che gli autori siano geniali.. E soprattutto prendono beatamente per il culo la massa. E poi vuoi mettere una puntata di South Park al posto di un qualsiasi tg italiano...
Ps le stagioni del cartone di trey Parker e Matt ston sono 22
NiHiLaNtH
#162 NiHiLaNtH 2019-03-19 20:33
Citazione:
e questa storia di Greta fosse solo un pretesto per indurre la popolazione umana a considerare seriamente di adottare un approccio allo sfruttamento delle risorse naturali che tendano a chiudere un ciclo in modo biologico o molto vicino ai cicli naturali. Per me va benissimo.
seeeee


Soluzione 1:

-niente auto
-niente televisore o pc
-niente aria condizionata
-alimentazione esclusvamente vegana o al massimo ti mangi gli insetti
-abitazioni in mini appartamenti stile giappomese in palazzi altissimi
-niente più nazioni e conseguente governo mondiale


Soluzione 2:

-solo cibo ogm
-carne fatta in laboratorio
-eliminazione del biologico
-nucleare ovunque
-irrorazione totale della stratosfera con particelle riflettenti
Bagu
#163 Bagu 2019-03-19 20:54
Una breve riflessione su quanto letto finora: negazionisti (termine orrendo e offensivo) contro global wormisti antropici, vegani contro onnivori (i vegetariani sembrerebbero estinti schiacciati dei vegani), ignoranti climatici contro scienziati non schierati. Forse uno dei fini di questa gigantesca onda mediatica era proprio questo...un bel tutti contro tutti...insomma un bel caos pseudo scientifico dal quale solo chi l’ha creato potrà goderne indisturbato.
Cum grano salis
#164 Cum grano salis 2019-03-19 20:55
#161 aledjango
E come no! E lo dici a me! :-D
Ci ho riempito il thread lc2mars sulla falsa riga di South Park!
Mi son permesso pure il (rischiosissimo) lusso di prendere un bel po' in giro il fondatore di questo sito!
Spero vivamente si sia fatto almeno due risate dopo un'ennesima giornata di stress a dar retta a tutti noi, pazzi furiosi.
:hammer: :hammer: :hammer:
Decalagon
#165 Decalagon 2019-03-19 20:57
Citazione:
sono molti i pastori o gli allevatori che si tengono i propri animali da compagnia finché non muoiono. 
Ma hai idea di quanto pochi siano i fattori di cui parli tu? Non fanno nemmeno statistica.

Citazione:
Hai smentito quella sulla soia, ma ciò che l'articolo dice sulla Quinoa rimane ancora valido. Ovvero in Bolivia è più conveniente mangiare un hamburger della Quinoa
È una cazzata pure quella dato che la Bolivia, così come il Brasile, è fra i Paesi che subiscono la deforestazione a causa degli allevamenti (per pascoli e foraggio).
_IO
#166 _IO 2019-03-19 21:06
@l #134 Cum grano salis
... o più propriamente:
@l #134 Cum mica salis

Citazione:
I sistemi complessi si chiamano così mica perché sono semplici da analizzare!
I sistemi complicati (anche molto) possono essere spiegati grazie all'analisi.
I sistemi complessi (anche molto) possono essere spiegati grazie alle analogie (studio dei tipi).

Economia ed Ecologia hanno la stessa radice...
... possibile che ci si debba fare grandi complicazioni prendendo in considerazione la famosa farfalla che vola in Brasile?!?

:-D
:-D
:-D
ZORG
#167 ZORG 2019-03-19 21:50
#164 Cum grano salis

Ti ricordo che abbiamo l'ingrato compito di fornire una dignitosa alternativa extraterrestre a questa comunità.
Come latitante hai un futuro breve! :hammer:
maurixio
#168 maurixio 2019-03-19 22:12
Citazione:
seeeee
Soluzione unica: non mangiamo piu non caghiamo piu :-)

5000 anni fa il deserto del sahara era abitato e ventimila anni fa le alpi erano tutto un ghiacciaio, domani magari incomincia a piovere per trent'anni e finiamo come Macondo. Ma oggi la terra dei fuochi potebbe essere solo la punta di un fenomeno lasciato al mercato. Ecco io direi di cominciare dal mercato dello smaltimento. Come seconda cosa fare in modo che le risorse primarie utilizzate per qualunque prodotto alla fine del ciclo tornino ad essere risorse primarie.
redribbon
#169 redribbon 2019-03-19 22:35
la co2 non è tossica, al più è resposnabile dell'effetto serra e del riscaldamento, ma ci sono pareri contrastanti sull'argomento,
in ogni caso il problema sono tutte le altre sostanze tossiche che immettiamo nell'ambiente e che rovinano l'ambiente e noi, le polveri sottili, so2, no2, co, diossine, benzene e idrocarburi vari, polifenili, le sostanze radioattive, la plastica,
a proposito a Taranto i livelli di diossina sono tornati abbondantemente oltre i limiti www.ilfattoquotidiano.it/.../2500597
morta bambina a Taranto di cancro al cervello, c'entra qualcosa la diossina di Taranto, o si tratta di predisposizione genetica, o dell'inquinamento generale ?
bari.repubblica.it/.../...
quindi il problema primario e drammaticamente urgente per noi e per la terra è l'inquinamento, non la co2, in ogni caso fermando-limitando l'inquinamento si limita anche l'immissione in aria di co2.
In questa prospettiva a me potrebbe anche stare bene cambiare stile di vita, si intende che questo significa bloccare gli aerei a terra, subito, fermare gli automezzi alimentati con idrocarburi, interrompere il funzionamento delle centrali nucleari, smantellare le industrie o limitarne al minimo il funzionamento finché non troviamo il modo di produrre in modo ecologico...
ma non so se è fattibile, e i potenti che spalleggiano Greta hanno questo in mente?
totalrec
#170 totalrec 2019-03-19 22:58
maurixio:


Citazione:
Accetto volentieri anche la storia del globaluarming se in cambio non vedo merda in giro ad inquinare terreni mari e cieli.
Non credo proprio che la fregnaccia del global warming sia stata concepita per ridurre la quantità di merda che si produce. Credo che il suo scopo sia semplicemente quello di fare pressione sui paesi emergenti neoindustrializzati affinché la quota di produzione e vendita di merda sottratta alle nazioni geopoliticamente dominanti (USA e loro sottoposti) sia la minore possibile.
peonia
#171 peonia 2019-03-19 23:05
datato ma non sapevo.....
"«Il cambiamento climatico? Non esiste». E ora Trump fa entrare i negazionisti nelle scuole
A marzo del 2017 trecentomila professori americani di scienze hanno ricevuto una pubblicazione di un istituto, vicino a Trump, che nega il ruolo dell'uomo nel cambiamento climatico"


www.linkiesta.it/.../36386
Decalagon
#172 Decalagon 2019-03-19 23:39
Citazione:
la co2 non è tossica
AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
Primus eccetera
#173 Primus eccetera 2019-03-20 00:27
Ma quindi un vegano è così ignorante da non sapere queste cose? Basito...
L'anidride carbonica non è tossica
e per fortuna sennò, visto che la nostra espirazione ne contiene circa il 4% vol/vol, bisognerebbe mettere dentro le mamme che baciano il loro piccolo, per tentato avvelenamento
dai, per piacere, informatevi almeno sui concetti di base, è utile poi nella predica contro la bistecca
Decalagon
#174 Decalagon 2019-03-20 00:55
Va bene primus, allora fai così: visto che sono un coglione (e questo te lo potranno anche confermare in tanti qui dentro), comprati una bombola di co2 e fatti un bell'aerosol, con qualcuno li vicino che cronometra il tempo che ci metti a crepare per ipossiemia. Io dico meno di 5 minuti.
Scommessina?
Primus eccetera
#175 Primus eccetera 2019-03-20 01:38
Ignorante, non coglione
gli insulti li usi tu, io in genere li evito
parli di cose che non conosci (e mi viene un sospetto...)
i gas tossici sono una cosa (CO, NO, NO2 e cento altri)
La CO2 non è tra quelli, lasciatelo dire da un (altro) chimico visto che di me non ti fidi.Ma basta andare a leggere un'etichetta, veh
L'ipossiemia è mancanza di ossigeno, non avvelenamento. E otterrei lo stesso risultato del tuo aerosol usando N2 azoto puro. E' semplice, dove la CO2 o (l'azoto) sono il 100%, non c'è ossigeno, tutto li'.
Roberto70
#176 Roberto70 2019-03-20 07:01
Sono vegetariano dalla fine degli anni 90 quindi anche io contribuisco a tenere in vita quella schifezza chiamata "allevamento intensivo" per avere latte e formaggio sempre a disposizione (supermercato) ma almeno non contribuisco ai laghi di sangue animale che inquinano i fiumi ed, evaporando, pure l'aria. In ogni caso, il problema, non e' per il singolo che mangia la sua bistecchina ma milioni se non miliardi di persone che pretendono di mangiare la bistecchina, il formaggio e bere latte tutti i giorni (ultimamente sto comprando sempre piu spesso quello di mandorla, cazzo e' buonissimo! mentre quello di soia per me e' una merda). Per quanto riguarda la CO2 poco nociva, boh. Io ricordo che in passato (magari anche adesso non so) ogni tanto si leggeva di persone che si suicidavano lasciando l'auto accesa in garage.
Decalagon
#177 Decalagon 2019-03-20 08:22
Ok primus, facciamo la scommessina? Un aerosol di co2 e vediamo quanto tempo impieghi a morire?
Tanto non è pericolosa, no?
NiHiLaNtH
#178 NiHiLaNtH 2019-03-20 08:49
Citazione:
Non credo proprio che la fregnaccia del global warming sia stata concepita per ridurre la quantità di merda che si produce.
il problema è che nel 2019 non si possono leggere certi commenti
uno finisce per chiedersi quale sia l'utilità di tutto ciò
dell'informare correttamente le persone
tanto poi questi vogliono sempre il salvatore illuminato che dice loro cosa fare

Citazione:
Sono vegetariano dalla fine degli anni 90
vegetariano
non vegano
perchè un minimo di proteine animali servono all'uomo
redribbon
#179 redribbon 2019-03-20 09:01
@decalagon
@roberto70

Non è tossica la co2 che naturalmente serve ai vegetali, ti pare che madre natura mettesse una sostanza tossica per l'uomo così necessaria per le piante?
Lo è il monossido di carbonio co che sposta l'ossigeno dall'emoglobina e col motore acceso l'ambiente si satura di co a tal punto da avvelenare l'uomo,
ovvio che anche se togli l'ossigeno all'uomo facendogli respirare forzatamente co2 muore per mancanza di ossigeno, non perché la co2 sarebbe un veleno in sé.
La battaglia per l'ambiente di Greta andrebbe benissimo, purché si sposti la questione dal riscaldamento climatico, all'inquinamento di tutte le sostanze chimiche e altamente dannose per noi e per la terra che vengono emesse nell'ambiente,
è fuorviante fissarsi sul co2, che, anzi, forse è il meno pericoloso tra tutte le sostanze emesse dall'inquinamento.
Quindi ben venga la battaglia di Greta ma dobbiamo chiosare sull'inquinamento che sta distruggendo il pianeta e provocando non so quante morti annue di uomini, potrebbe capitare ad ognuno di noi!
fefochip
#180 fefochip 2019-03-20 09:29
#179 redribbon
Citazione:
è fuorviante fissarsi sul co2, che, anzi, forse è il meno pericoloso tra tutte le sostanze emesse dall'inquinamento.
ma infatti tutta la pippa sulla co2 è su questo presunto effetto serra
la tossicità della co2 è nel senso che per arrivare a concentrazioni tossiche si dovrebbe arrivare a oltre l'1% (10000ppm) in atmosfera , facciamo prima a morire tutti di inquinamento
per il resto delle sostanze emesse

che io sappia la co2 essendo un regolatore del respiro può essere tossica nel senso che se presente in quantità elevate in un ambiente sballa completamente il respiro involontario
e altera il ph del sangue

ma ci devono essere delle dosi elevate per un consistente periodo impossibile da raggiungere per le emissioni da combustione dove entrano in gioco ben altri gas tossici e velenosi.

insomma parlare della tossicità della co2 è un po come dire che troppa acqua fa male , si in teoria è possibile anche morire per troppa acqua ma è di fatto una cosa che può essere realizzata solo
in via teorica o volontariamente (e con difficoltà) o in particolari condizioni di produzione della co2 (che ricordo la beviamo quotidianamente con l'acqua frizzante)

a me sembra una tale cazzata questa cosa dell'effetto serra che sarebbe prodotto da un gas presente nell'atmosfera con lo 0,03 e basterebbe un incremento a 0,04 o 0,05 per fare chissà cosa
bah
flor das aguas
#181 flor das aguas 2019-03-20 10:59
Patrick Moore, ecologista canadese e membro di green peace dal 71 all'86, dice che non ci sono prove scientifiche per affermare che il riscaldamento globale sia provocato dall'uomo con le emissioni di co2. Addirittura durante la cosidetta miniera glaciale, le emissioni di co2 erano 10 volte maggiori di quelle di oggi.
Citazione:
There is some correlation, but little evidence, to support a direct causal relationship between CO2 and global temperature through the millennia. The fact that we had both higher temperatures and an ice age at a time when CO2 emissions were 10 times higher than they are today fundamentally contradicts the certainty that human-caused CO2 emissions are the main cause of global warming.’
dailymail.co.uk/.../...

Questo non vuol dire inquiniamo allegramente, semplicemente che non c'è correlazione tra co2 e aumento temperature, e che la scelta vegana è scelta personale, etica, di salute.... ma non deve essere usata come mezzo per far sentire in colpa il non vegano
Roberto70
#182 Roberto70 2019-03-20 11:07
Su amazon si trova a solo 5,20 €



provate pure la vostra bomboletta di CO2
Secondo me ci rimanete secchi (scherzo eh), chissa' magari avete ragione voi :-D
Maksi
#183 Maksi 2019-03-20 11:11
Citazione:
totalrec ha scritto:

Non credo proprio che la fregnaccia del global warming sia stata concepita per ridurre la quantità di merda che si produce. Credo che il suo scopo sia semplicemente quello di fare pressione sui paesi emergenti neoindustrializzati affinché la quota di produzione e vendita di merda sottratta alle nazioni geopoliticamente dominanti (USA e loro sottoposti) sia la minore possibile.
C’e’ di piu’. L’obbiettivo e’ adeuguare la produzione industriale con infrastrutture che sfruttino altre fonti energetiche. Una ragione e’ certamente geostrategica per »immobilizzare« la Cina come produttore (dipendente dalle fonti energetiche fossili) e la Russia come fornitore energetico (di gas), Iran (petrolio)... Hanno ususfruito del petrolio perche’ controllato dal sistema finanziario capeggiato dal Dollaro (FED). Oggi il Dollaro sta perdendo quotazione (gia’ lo sapevano da Bretton Woods che era inevitabile) e l’intento e’ quello di organizzare un altro sistema di produzione (energetica) con nuovi schemi e metodologie di sfruttamento e controllo. Questo implica un cambio di infrastrutture totale, per il quale serve tempo ed un cospicuo sforzo finanziario. La propaganda ambientalista dell’eco-sostenibilita’ e’ per garantire la copertura politica e morale a questa nuova forma industriale.

La tecnologia pulita e a costo zero c’e’ gia’, ma al sistema dominante attuale non giova un suo utilizzo, perche’ cadrebbe il controllo che hanno sui meccanismi di sfruttameno finanziario (monetario). Probabilmmete il nuovo sistema avra’ un’energia a credito. Non saranno le risorse il punto centrale (come oggi petrolio, gas, nucleare magari...), ma la tecnologia e le infrastrutture di distribuzione energetica. Si paghera’ una quota – magari una tassa - per avere l’accesso all’energia. Tutto questo ovviamente per garantire l’eco-sostenibilita’.

Hanno abbastanza fretta e nel mondo occidentale (USA, Europa, Australia...) il processo e’ gia’ in una fase avanzata, ma non ancora totalmente irreversibile. Sopratutto vorrebbero rendere le risorse fossili inutili, eliminando alla Russia una fonte si sostentamento e alla Cina il proprio carburante. Non sono comunque la Russia e la Cina attuali il vero pericolo (concorrenti, ma non ancora totalmente nemici), ma la loro possibilita’ di distaccarsi da tutto il sistema finanziario internazionale, perdendone il controllo. Gia’ successo il secolo scorso e sappiamo come sia finita.
Decalagon
#184 Decalagon 2019-03-20 12:19
Citazione:
Non è tossica la co2 che naturalmente serve ai vegetali, ti pare che madre natura mettesse una sostanza tossica per l'uomo così necessaria per le piante? 
Ma che significa sto ragionamento. Anche l'acqua è necessaria alla vita, ma se ne bevi troppa muori.

L'idea che la co2 non sia tossica per l'uomo non so dove l'hai presa, ma rimane una scemenza. E per quanto tu possa crederci, rimane una scemenza.
Altrimenti prenditi davvero una bombola (o un estintore a co2) e fai le tue prove.
Decalagon
#185 Decalagon 2019-03-20 12:23
Citazione:
 la scelta vegana è scelta personale, etica, di salute.... ma non deve essere usata come mezzo per far sentire in colpa il non vegano
Anche facendo finta che le emissioni di gas serra non contribuiscano ai cambiamenti climatici, gli alimenti di origine animale sono fra le prime cause di disboscamento, perdita di biodiversità, inquinamento idrico, spreco di risorse (idriche e alimentari), degradazione del suolo, ecc..

Quindi di cose per cui sentirsi in colpa ce ne sono parecchie.
Satirus
#186 Satirus 2019-03-20 12:35
Il diossido di carbonio è considerato tossico con concentrazioni superiori al 5% la concentrazione media nell'atmosfera è 0,04%
flor das aguas
#187 flor das aguas 2019-03-20 12:56
#185 Decalagonri
certo che alla gente piace tanto fare la morale agli altri. Non tutti mangiano prodotti dagli allevamenti intensivi, e poi ci sono gli ipocriti ambientalisti che vogliono salvare il mondo a bordo dei loro jet privati.
Io non conosco i dati dell'impatto di produzione di carni sull'ambiente, mi fido di quello che dici tu, che sei sicuramente più informato più di me.Dico solo che l'acqua non manca e il cibo non manca, è un ricatto morale, per giustificare assurdità come la necessità di ridurre la popolazione mondiale, tra le altre cose. Il problema sta anche e soprattutto sulla geoingegneria usata per scopi distruttivi invece che costruttivi. Le modificazioni del clima che causano siccità in california e alluvioni e pioggia perenne in irlanda sono sì causati dall'uomo, ma non è la co2 come vogliono farci credere...
Decalagon
#188 Decalagon 2019-03-20 13:18
Citazione:
Dico solo che l'acqua non manca e il cibo non manca, 
Dillo a quel miliardo di persone che non hanno cibo né accesso all'acqua potabile. O a quell'82% di bambini denutriti a causa del fatto che le risorse alimentari dei rispettivi Paesi vengono usati per nutrire gli animali di allevamento dei paesi industrializzati invece di loro.

Secondo Nature i cereali coltivati per gli allevamenti sarebbero in grado di nutrire 10 miliardi di persone, eppure noi siamo in 7,5 miliardi e quasi un miliardo muore di fame. Quindi è vero che ci sarebbero risorse per tutti, ma si preferisce privilegiarne alcuni a discapito di altri.
Questa è la realtà.
flor das aguas
#189 flor das aguas 2019-03-20 13:55
#188 Decalagon
Ma usano i paesi "sottosviluppati" da sempre per ingrassare l'occidente, e beffa delle beffe gli impediscono di evolvere e rendersi autonomi per via del riscaldamento globale. Le loro falde acquifere sono contaminate, i terreni resi aridi. A me sembra molto più complesso il problema e ridurlo al consumo di carne mi sembra riduttivo. Il consumo di carne non giustifica affatto la produzione sfrenata. Qui in irlanda per esempio si trovano praticamente solo carni prodotte in loco, perchè dici che l'acqua viene presa altrove, non capisco che necessità ci sia
Zara80
#190 Zara80 2019-03-20 14:03
I burattinai di Greta e i signori del denaro
flor das aguas
#191 flor das aguas 2019-03-20 14:10
Il problema è che i paesi del terzo mondo non hanno sovranità non sono padroni del loro territorio, sono sudditi che vengono affamati e sfruttati e se provano ad alzare latesta fanno la fine della libia, della siria e compagnia bella.
Gli danno elemosine coi vari aiuti umanitari, li vaccinano e gli portano quattro cereali scaduti, lo sfruttamento delle loro terre per i nostri foraggi non è un problema che si risolve smettendo di mangiare carne, perchè troverebbero comunque altri modi per affamarli
Decalagon
#192 Decalagon 2019-03-20 14:11
Il consumo di carne semicemente non è ecosostenibile e richiede grandi quantità di risorse per poterlo mantenere. Per questo è fra le prime cause di devastazione ambientale, perché se vuoi nutrire 6 miliardi di persone a carne, latte e uova devi sacrificare tutto il resto in nome del guadagno.
Il boicottaggio è l'unica arma che abbiamo per salvarci.
toussaint
#193 toussaint 2019-03-20 14:26
#152 Primus
Ma io non sponsorizzo quella ricerca (anche a me sembra che ci sia una tendenza generale ad abbatterli gli alberi, non ad incrementarli).
Volevo solo sottolineare che tra le ricerche scientifiche peer reviewed c'è veramente tutto e il contrario di tutto, dunque a chi e come si assegna la patente mondiale di "scienziato credibile"?
Cos'è, contano la qualità e quantità dei media che ti rilanciano, oppure i finanziamenti che ricevi (cose che spesso coincidono)?
O che altro?
Questo vorrei capire ma nessuno me lo sa spiegare.
Si continua a dipingere (da parte del mainstream, ovvio) la "SCIENZA" come un monolite di Kubrick che dispensa alle scimmie la verità, quando la realtà è tutt'altra...
Michele Pirola
#194 Michele Pirola 2019-03-20 14:31
Decalagon
Citazione:
È una cazzata pure quella dato che la Bolivia, così come il Brasile, è fra i Paesi che subiscono la deforestazione a causa degli allevamenti (per pascoli e foraggio).
Ok, quindi tu parti da una premessa che è "gli allevamenti intensivi causano deforestazione" e subito dici "allora è una cazzata che la Quinoa causa deforestazione". A parte il fatto che, anche supponendo che la premessa sia corretta (cosa tutta da vedere), non per questo le due cose sono collegate. È come dire "la mia casa sta crollando" (cosa tutta da dimostrare) quindi "la tua è perfettamente stabile". Eh no, bisogna vedere se anche la tua è stabile, altrimenti può essere che siano entrambe a rischio crollo. Ma una non dipende dall'altra
toussaint
#195 toussaint 2019-03-20 14:35
#153 Michele Pirola
Quello di cui parli non c'entra con la teoria mainstream sul Global Warming.
L'ho sottolineato anch'io l'enorme problema dell'inquinamento, del riversamento in mare della plastica, delle scorie nucleari che a nostra insaputa non si sa come stoccare (un problema enorme di cui nessuno parla) ecc. ecc.
Ma si parla solo di CO2, come mai?
Ti faccio un esempio, ammettiamo che domani riuscissimo ad annullare la produzione industriale di CO2, alimentando totalmente il nostro sistema produttivo con energie rinnovabili.
Bene, cosa c...o avremmo mai risolto se continuassimo a produrre plastica per i più svariati utilizzi?
Lo sapete qual è una delle più grandi fonti di inquinamento del mare?
Il pile che lavato in lavatrice perde centinaia di migliaia di fibre a capo che si riversano in mare, contribuendo a produrre le isole di microplastiche..
Bene, ormai buona parte del pile è ottenuto con il riciclo di bottiglie in PET.
Ossia, la raccolta differenziata inquina.
Ma de che stamo a parlà?
flor das aguas
#196 flor das aguas 2019-03-20 14:36
#192 Decalagon
Ma perdonami, certo che hai ragione, ma cos'è ecosostenibile di questi tempi? Lavorare è ecosostenibile? Vestirsi è ecosostenibile? Internet è ecosostenibile? Il progresso e tutto ciò che abbiamo ora non è ecosostenibile, è un fatto. L'uomo è da sempre onnivero, smettere di mangiare carne e prodotti animali non cambierà una mazza a mio avviso.
Finchè i padroni del mondo saranno al potere, non ci sarà mai prosperità per tutti, non ci sarà salvaguardia della salute e non ci sarà amore, solo odio, paura, guerre e supremazia, che distruggano il pianeta con la produzione di carne o altro.
Io ammiro quelli come te, onesti e che vogliono aiutare gli altri, lo dico davvero, non è retorica, ma credo solo che sia una lotta contro i mulini a vento, che sia un modo per risolvere un problema che non è risolvibile, un modo per deviare l'attenzione, per spostare l'energia su altro.
toussaint
#197 toussaint 2019-03-20 14:41
#163 Bagu

Citazione:
i vegetariani sembrerebbero estinti schiacciati dei vegani
Bè, si sa che quando il gioco si fa duro le posizioni intermedie vengono annichilite...
:-D
Michele Pirola
#198 Michele Pirola 2019-03-20 14:43
Toussaint
Beh, si potrebbe ad esempio investire sulle fonti rinnovabili, oppure ridurre i consumi fossili. Come altro si potrebbe incentivare l'auto elettrica o i mezzi pubblici elettrici, senza quella buffonata chiamata eco-tassa
Decalagon
#199 Decalagon 2019-03-20 14:45
@pirola Citazione:
Ok, quindi tu parti da una premessa che è "gli allevamenti intensivi causano deforestazione" e subito dici "allora è una cazzata che la Quinoa causa deforestazione"
No, la cazzata è sostenere che la quinoa "per i vegani" sia un problema maggiore dell'industria zootecnica. E infatti non lo è.

@flor Citazione:
Ma perdonami, certo che hai ragione, ma cos'è ecosostenibile di questi tempi? Lavorare è ecosostenibile? Vestirsi è ecosostenibile? Internet è ecosostenibile? Il progresso e tutto ciò che abbiamo ora non è ecosostenibile, è un fatto.
E siccome pensi che la nostra stessa presenza sul pianeta non sia ecosostenibile non abbiamo nemmeno il dovere di ridurre significativamente, dove possibile, il nostro impatto ambientale modificando il nostro stile di vita? Non è così che funziona.
flor das aguas
#200 flor das aguas 2019-03-20 15:17
#199 Decalagon
Citazione:
E siccome pensi che la nostra stessa presenza sul pianeta non sia ecosostenibile non abbiamo nemmeno il dovere di ridurre significativamente, dove possibile, il nostro impatto ambientale modificando il nostro stile di vita? Non è così che funziona.
Beh nonintendo proprio questo. Intendo dire che anche se non mangiassimo più carne ci sarebbe qualcos'altro che userebbero per metterci l'uno contro l'altro. Dico che ci stanno prendendo per il culo, facendo leva sui sentimenti, dico che è la solita tecnica disonesta che usano sempre. Dico che ci vogliono portare a una trasformazione uomo 2.0, che tutto ciò che fanno ha questo fine ultimo, modificando in primis il nostro modo di vivere e le nostre abitudini è tutto nella famosa agenda 21. Dico che dobbiamo prendere consapevolezza, è come pensare che se voti il partito meno peggio tutto andrà meglio, quando invece votare non serve a niente anzi è una trappola. Non so se mi sono spiegata, sembrerà un po' radicale come pensiero ma è tutto collegato in un certo senso.
Comunque sono andata molto ot, perchè alla fine come dice #195 toussaint questi mettono l'attenzione solo sul co2, e già questo dovrebbe far riflettere.

#198 Michele Pirola
Citazione:
senza quella buffonata chiamata eco-tassa
ecco anche questo è agenda 21
Tianos
#201 Tianos 2019-03-20 15:22
Io ho fatto 5 giorni di digiuno...sono ecologico? (e riparto domani con altri 4).
flor das aguas
#202 flor das aguas 2019-03-20 15:29
#201 Tianos
beh io mi stupisco che tu stia ancora in piedi :-?
comunque sei sicuramente più ecologico di me che mi sono appena strafogata una tavoletta di cioccolato :-D
Primus eccetera
#203 Primus eccetera 2019-03-20 15:34
#193 toussaintCitazione:
Volevo solo sottolineare che tra le ricerche scientifiche peer reviewed c'è veramente tutto e il contrario di tutto
Pienamente d'accordo.
Purtroppo hai toccato un punto dolentissimo.

M'è capitato una settimana fa di avere una lunga chiacchierata con un amico che è prof universitario di una materia estremamente tecnologica, non so quale minchiata informatica relativa a gestione/trasmissione dati d'immagine (lui è ingegnere elettronico come background) sull'argomento, che qui su LC è un po' un mantra, dell'articolo/pubblicazione scientifica "peer-reviewed".
La sua opinione è stata semplicemente desolante, per me (ho anche io una laurea scientifica ma ho smesso di occuparmi di quel mondo circa 25 anni fa, quindi me ne considero un profano).
In buona sostanza il suo quadro è questo: l'attendibiltà del concetto "peer reviewed" è al 90% una bufala.
Motivo: la comunità scientifica è praticamente tutta collegata (questo penso sia stato il grande cambiamento rispetto a 25 anni fa), e al di là dell'insinuazione che gli ho fatto io (da medio(cre) utente di LC, ho suggerito che ci sia una forte pressione/influenza/potere di modifica da parte del BigPharma di turno, cioè dei poteri economici che vogliono orientare l'opinione pubblica e di conseguenza i consumi), c'è proprio un concetto di "clientelismo" scientifico, tu fai il review a questo articolo (magari del cazzo) che ho fatto io, e io lo faccio a te, visto che tutti quanti, più o meno, siamo parametrati sul numero e non sulla qualità degli articoli che pubblichiamo. (di Rubbia ce n'è uno ogni 10 anni quando va bene, tanto per intenderci). Una tristezza.

Ho riflettuto a lungo se esporre queste considerazioni....e per il poco di ottimismo che mi resta, voglio sperare che la percentuale espressa da questo professore sia pessimistica, sballata a causa della sua eccellente etica personale (siamo amici da 25 anni, un po' penso di conoscerlo. Inoltre un prof che gira in birkenstock (falsi) non si mette mai la giacca ma non ha per nulla l'atteggiamento del fricchettone mi è istintivamente simpatico).
Però purtroppo mi ha confermato che anche il peer reviewed puo', ammettiamolo, essere un'etichetta di un prodotto farlocco.
Purtroppo se si vuole essere veramente sicuri dell'onestà di un prodotto scientifico, te lo devi studiare a fondo.
Vedi Mazzucco che si sta costruendo una cultura sui vaccini, studiandosi a fondo tutto quel che trova.
E vedi anche, in stra-piccolo, un microlavoro di sviscerazione di una pubblicazione scientifica riguardo alla menata del "consumo" di H2O per produrre 1kg di carne, che mi capitò di fare qualche mese fa.
Leggendola, per fortuna l'inglese ancora lo conosco, mi capitò di trovare l'inghippo in un'assunzione (che sballava tutte le cifre dell'articolo).
Non che ci abbia guadagnato molto, al di là dell'avversione dei vegani dl LC ("coglione, ammazzati con la CO2" etc).
La cosa buffa è che io capisco e rispetto questa avversione: siamo in un mondo che ti vende continuamente bufale, è ovvio che non appena si trova un "bollino qualità" per un concetto che ci è caro, lo si difenda a spada tratta.
Ma l'acqua non si consuma, nella produzione di carne...
e la CO2 resta un gas non tossico...
pazienza :-)
Michele Pirola
#204 Michele Pirola 2019-03-20 15:45
Decalagon
Ok, allora vai a dirlo anche a quelli che hanno realizzato quell'articolo. Gli mandi una mail e gli spieghi il perché si sbagliano. Anche se fino ad adesso di prove concrete di ciò che hai affermato se ne sono viste poche
Pavillion
#205 Pavillion 2019-03-20 15:54
#201 Tianos 2019-03-20 15:22
Io ho fatto 5 giorni di digiuno...sono ecologico? (e riparto domani con altri 4).


_____
Vissi di digiuno per rimettere la vita dopo aver assaggiato la mia.
Alcuni chef sono proprio incapaci.
Decalagon
#206 Decalagon 2019-03-20 16:03
@flor: Citazione:
Intendo dire che anche se non mangiassimo più carne ci sarebbe qualcos'altro che userebbero per metterci l'uno contro l'altro
Intanto smettiamo di mangiarla, e se poi proveranno ad usare altro per consumare le risorse planetarie inizieremo a boicottare anche il resto. Non possiamo però usare questo come scusa per non fare niente.

@pirola Citazione:
Ok, allora vai a dirlo anche a quelli che hanno realizzato quell'articolo. Gli mandi una mail e gli spieghi il perché si sbagliano. Anche se fino ad adesso di prove concrete di ciò che hai affermato se ne sono viste poche
Di prove ne ho portate a decine, specialmente nei due articoli che ho scritto a proposito dell'impatto ambientale dell'industria zootecnica. Mentre tu hai portato un articolo che vorrebbe accusare i vegani di distruggere il mondo con la soia, che è l'alimento principale degli animali da allevamento, e la quinoa, che si coltiva praticamente in tutto il mondo con un impatto ambientale decine di volte inferiore. E ti faccio presente che non tutti i vegani mangiano quinoa, anzi, direi che è destinato principalmente a chi ha intolleranza al glutine.
I vegani si soddisfano meglio con una teglia di patate al forno o una peperonata, ma anche riso basmati e crema di lenticchie, senza scomodare la quinoa (che mi fa personalmente cagare).
toussaint
#207 toussaint 2019-03-20 16:15
#203 Primus
L'acqua non si consuma mai (a meno che improvvisamente il Sole non ci bruci tutti ma in quel caso non mi preoccuperei dell'acqua), questa è un'altra leggenda che fa sinceramente ridere.
Più semplicemente l'acqua è disponibile oppure no, ma questo non ha nulla a che vedere col rubinetto aperto o chiuso il quale ha piuttosto a che vedere con la bolletta che pago, ma se a me va di regalare soldi alle società di distribuzione a chi frega?
L'emblema di tale mantra è Brad Pitt che non si lava per non risparmiare acqua come se magicamente l'elfo dell'acqua trasportasse via etere l'acqua, dal suddetto risparmiata, ai poveri bambini assetati dell'Africa.
Paradossalmente, il Global Warming scioglie i ghiacciai, produce più evaporazione dell'acqua marina, più precipitazioni e dunque falde freatiche più piene, sempre che non si estirpino gli alberi ma di nuovo questo è un altro problema.
Insomma, c'è un gran calderone mainstream-ecologista che in realtà non vuole risolvere alcun problema ma semplicemente proporre un nuovo modello consumistico e anche politico perché molti ormai si sentono fighi e di sinistra perchè "lottano per il pianeta" e nessuno lotta più contro il colonialismo, l'imperialismo, le diseguaglianze economiche.
Insomma, oggi essere ecologisti, a mio avviso, è molto "di destra", nel senso di conservazione dello Statu Quo.
Cum grano salis
#208 Cum grano salis 2019-03-20 16:36
#167 ZORG
sto tornando, scrivo quest'ultimo pippone e poi torno in pianta stabile lì, sapessi come mi son sentito bene in quei giorni...che gioia, che libertà, che allegria, condividere solo il proprio lato cazzeggiante, senza giudizio, e divertirsi con la fantasia più insulsa, invece di cercare di commentare seriamente le assurdità di questo triste pianeta assorbendo veleno e tossicità dal mondo !
-------------------------------------------------------------------------
#141 toussaint
Esatto, vai a sapere cosa causa che cosa ed insieme a chi. E chi meglio di te può capirlo, visto quello che hai passato con l'innocua e sicurissima amalgama... Da una piccola farfallina color metallo sui denti, fino al mondo intero che ti circondava. (per i curiosi, ne parlavamo qui luogocomune.net/.../...
Solo chi ci passa può capire certe cose, chi non fa un'esperienza col proprio sederino minimizza sempre tutto ed etichetta gli altri come visionari, esagerati e catastrofisti.

#166 _IO
Citazione:
I sistemi complicati (anche molto) possono essere spiegati grazie all'analisi.
I sistemi complessi (anche molto) possono essere spiegati grazie alle analogie (studio dei tipi).
Economia ed Ecologia hanno la stessa radice... ... possibile che ci si debba fare grandi complicazioni prendendo in considerazione la famosa farfalla che vola in Brasile?!?
Che i sistemi complicati e complessi possono essere analizzati e spiegati non è che lo scopro con queste due righe, né ho negato che si possa fare. Anche la forza di gravità che fa girare il sistema solare in equilibrio da eoni è ben analizzata e ben spiegata. Cosa la generi è tutt'altro paio di grosse maniche. Che avrai voluto dire? Boh!

E' possibile farsi grandi complicazioni cautelative e poi ridurle eventualmente alla luce delle analisi. Non aver fatto una diga adeguatamente alta a Fukushima e previsto generatori ausiliari a X+(fattore di sicurezza complicato) metri di sicurezza sopra il livello del mare perché tanto maremoti di una certa altezza nella storia di pochi secoli, cioé da quando si cominciò a misurarli, non c'erano mai stati.......
Appena un anno fa :
tinyurl.com/yxpmms3d
Io non ci scherzerei troppo (se stai scherzando ovviamente!) sulla complessità dei danni che quel singolo incidente dall'altra parte del mondo porta e porterà fino a noi e chi verrà dopo. Fai tu.
-----------------------------------------------------------
Comunque, anche senza scomodare la farfalla al di là dell'effetto a cui ha dato il nome, e visto che non vorrei sbilanciarmi senza spingermi troppo oltre con ipotesi via via meno fondate, il comportamento emergente è proprio quello globale ma non previsto dall'analisi del singolo elemento in un sistema complesso. La scoperta dei CFC in un laboratorio che poi porta un aumento dei valori di radiazione nociva al suolo ed aumento del rischio di melanomi 30 anni dopo a causa di un buco non previsto nell'ozono.
Va bene le faccine sorridenti e le frasi lapidarie senza argomentazione, ma non aiutano a capire. Comunque, chi volesse dare un'occhiata veloce :
Sistema_complesso
it.wikipedia.org/.../Teoria_della_complessit%C3%A0
Effetto_farfalla

Mi sono fatto questa idea, che avrà una sua sintesi alla fine del secondo post, abbiate pazienza : se non argomento, tanto vale che twitti in due secondi e chi se ne frega, che poi faccio altro :hammer:

Domanda : hanno senso le diatribe su 0 e 1 ed On ed Off, l'uomo sì, l'uomo no, CO2 sì o CO2 no, Sole sì, Sole no? A mio avviso questo livello di discussione rischia di diventare puerile, lo può fare solo chi non ha idea di cosa siano i sistemi complessi con più variabili interconnesse fra loro.
Lo vediamo dagli studenti di totalrec, che possono pensarla in tutti i modi alla moda ( :-D ), ma poi si comportano da bambini (e pure maleducati prima che ecologicamente orientati verso un'idea).

Sarà che il mio è un punto di vista ingegneristico, ma proprio non riesco a mandar giù che ci siano fior fior di scienziati espertissimi quanto si vuole nel loro campo, ma che non hanno mai studiato Teoria dei Sistemi, o che ignorino la Teoria del Caos e dei sistemi dinamici. Anzi, in certi casi devo dire che la sanno pure molto bene, ma la applicano fondamentalmente solo su dei sottoinsiemi di dati o di sistemi.
C'è chi guarda alle temperature, chi alla CO2, chi alla forestazione, chi al vapore acqueo, chi a quello che vuole lui. Ed ognuno lo fa benissimo, in maniera convincente, ognuno con la sua piccola fetta di problema in cui estrapola ed interpola i dati, che studia statisticamente quello o quell'altro, che osserva il suo dito invece della Luna. C'è chi allarma, e c'è chi rassicura.
Ma noto che spesso i dati che il singolo porta sono validissimi quanto si vuole se analizzati dal punto di vista statico, ma niente hanno a che vedere con la sicumera ostentata nell'analisi di una loro interpretazione dal punto di vista dinamico, cosa che il sistema Terra è, sia nell'allarme che nella rassicurazione.

I modelli climatici storici si basano su una (lunghissima) storia in cui l'uomo moderno non c'era : ma come si può pensare di interpolare qualcosa verso il futuro, quando c'è una variabile completamente nuova e che ha una brevissima storia di dati perturbativi su cui contare? Anche se si partorisce un modello perfetto, che spiega senza problemi il clima degli ultimi secoli e sembra o è proprio la quadratura del cerchio, che garanzie ci possono mai essere sull'incidenza della variabile umana nei tempi a venire?
E poi questa è roba da cluster di supercomputer di un certo livello, senza contare il fatto che anche la piccola variazione dei parametri del modello scelto è molto influente sui risultati. E la scelta del modello da simulare? Quale pesa meglio o peggio un certo numero di parametri? Ed i parametri, siam sicuri che ci siano tutti oppure ce n'è qualcuno che non conosciamo? O forse sono addirittura troppi e rischiano di sballare tutto o di portare fuori strada?
E li conosciamo così bene da poterli adeguatamente simulare? Già solo col meteo più di tanto in avanti non si può andare, e dati nuovi ce ne sono ogni giorno permettendo di affinare il modello in base ai risultati (ed infatti anche se in un intorno vicino bene o male ormai ci prende), ma figuriamoci il clima o i danni ecologici su proiezioni di decenni.
Giusto delle stime a grandi linee si posson fare, osando moltissimo, e quindi il principio di precauzione dovrebbe essere l'unico faro sul da farsi se si ha un minimo di serietà ed onestà intellettuale, invece di negare una possibilità di esito avverso e fare quindi scelte nette ed azzardate per amore del proprio modello : diciamo che N scienziati seri ed esperti affermino che l'uomo sul clima non conti, in base a loro modelli che applicati al passato funzionano perfettamente. Bene, allora facciamo pure che noi si continui a far tutto come al solito, come se nulla fosse, che tanto...
E se invece si sbagliassero, poi noi che facciamo? E se non noi ma chi ci seguirà, che potrà fare? L'amianto lo stiamo ancora pagando, ed era "sicuro". Ed il DDT? Sono farfalle avvelenate scappate dal laboratorio e poi si son rapidamente diffuse per decenni ovunque? Perché farsi tante complicazioni, come forse dice _IO. Ma sììì, chi se ne fotte! Take it easy, don't worry be happy :pint:

Questi scienziati fanno studi puramente teorici, e quando si fanno solo studi teorici non hai il culo perennemente in allerta rossa defcon 1 come quando devi fare calcoli ingegneristici, dove in ballo c'è da SUBITO l'incolumità o peggio la vita delle persone.
Ma di che si vuole andare a parlare!? Chiedetegli di apporre personalmente una firma che attesti la sicurezza di un qualcosa, da ora fino a fine vita prodotto ed anche molto oltre ed in disparate condizioni d'uso e di tipologia di utente, e poi vediamo se non vanno a considerare pure il diametro del capello nell'uovo bucato con l'ago nel pagliaio! :perculante:

Ora, dico io, a fronte di certe complessità (che bisogna avere l'umiltà di non presumere che non ci siano a prescindere), che dire poi delle persone comuni che si scontrano su uomo sì, uomo no, carne sì, carne no, global warming fake oppure no? Almeno il concetto matematico generale di Attrattore, tutta questa massa enorme che pretende di dire la sua senza voler essere contraddetta mai, ce l'ha ben chiaro in testa, ammesso che sappia cosa sia? (parlo in generale eh!, niente flame please, questa è ancora un'isola felice). Su quali basi CERTE può strillare che questo o quel parametro farà sicuramente convergere il sistema ecologico o climatico verso quella soluzione, o verso quello spazio delle fasi, invece che in una COMPLETAMENTE diversa? Portando forse le dichiarazioni degli scienziati di cui sopra (sicuramente sempre immacolati e senza alcun conflitto d'interessi, ovvio)?

Ecco perché capisco così bene la scelta di quel sito di news olandese che ha deciso di vietare certi commenti negazionisti al fine di mantenere proficuo il dibattito. Vogliamo davvero qui su LC parlare ancora di Terra piatta? Ancora?????
Che poi, santo il cielo pieno di stelle e di alieni falsi dei, è già saturo il mondo di siti, blog, pagine social e web radio : si può avere il sacrosanto diritto di decidere a casa propria delle regole di discussione oppure no, vista tutta la scelta vastissima che c'è in giro? Farsi un sito proprio ed accogliere tutti i negazionisti, ognuno la sua fazione di competenza...no? Troppa fatica? Meglio protestare in casa altrui? E che facciamo poi, neghiamo questo o quello ed andiamo avanti così o cosà?
Cum grano salis
#209 Cum grano salis 2019-03-20 16:41
Dicevo...chi interviene da fondamentalista, cioè come uno che la sua verità la porta per certa e non ammette ragioni, a fronte di tale complessità che sicuramente nemmeno intravede perché non ne ha spesso gli strumenti culturali, dimostra solo di essere presuntuoso e di essere un ignorante pieno zeppo di dati, fomentatore di scontro e divisioni tra chi invece vuole ragionare con serenità di cose complicate, se non altro non banali, ecco.
E poi... of course, last but not least, zero briciole di umiltà!
Vogliamo continuare a leggere di provocazioni, frecciatine, sorrisini, sberleffi, basse insinuazioni se non insulti? Buffone, pagliaccio, ignorante, coglione, ossessivo, molla la presa, ti consiglio di fare una pausa, non capisci niente, racconti le solite favole?
Passa proprio la voglia di confrontarsi, di mollare tutto e fare altro. Perché intossicarsi l'anima? Viene proprio voglia di...
...di andarmene a fare....il guru !

:-D

Che c'entri (anche) l'uomo o no, DEVE essere oggetto di dibattito, non si può escludere un accidente di niente neanche sotto una montagna di dati, perché l'uomo fa parte integrante del sistema e lo è sempre di più nel tempo, sia in numero che in forza impattante. Infatti è una variabile il cui impatto è sempre in costante crescita : con quale coraggio lo si può ignorare, anche ammesso che attualmente non ci sia in atto alcun cambiamento climatico di origine umana? Se anche l'uomo contasse solo per il 20%, già il sapere che senza il 21% di ossigeno nell'aria noi saremmo tutti morti e che con un solo terzo in meno (O2 al 14%) staremmo annaspando come se vivessimo a 4.000 metri
forrestgroupminerva.it/.../...
forrestgroupminerva.it/.../...
forrestgroupminerva.it/.../...
è sufficiente per capire istintivamente che la percentuale, per quanto bassa di qualcosa, può avere un'importanza vitale del 100% in altri sotto sistemi. Già basterebbe per nutrire almeno il dubbio prima di gridare convintamente al complotto, sia da un lato che dall'altro, qualunque esso sia.
Ma davvero si può pensare che un singolo aereo di linea (e mi limito a questo), che è costruito ed usato dall'uomo e che non ha la marmitta catalitica (!) e precedenti in natura, che consuma ogni ora, OGNI SINGOLA ORA di volo qualche tonnellata di combustibile fossile, poi scarichi solo fumi e fiumi di etere che svaniscono nel nulla invece che restare in atmosfera a far quanto meno polvere? Ma che...davero davero?

Quando non si conosce una cosa, nella testa di una persona, scienziato o meno, questa cosa non c'è, non esiste. Chiunque conosca poco, in generale, o davvero tanto ma di pochi ed anche difficili argomenti, molto spesso pensa che tutto ciò che esiste nello scibile umano sia tutto compreso nella sua testa, e sulla base di questi dati ovviamente valuta questo e giudica quello, su internet e non solo. Il bello del commento libero e democratico senza filtri è che 99 volte su 100 viene fuori il classico atteggiamento arrogante di chi sa poco e pretende pure di insegnare agli altri, senza che il dubbio lo sfiori mai neanche di striscio.
Chi conosce la chimica e la fisica, magari ignora la biologia marina, chi conosce l'astrofisica magari ignora la fluido dinamica ambientale o le correnti oceaniche e la geofisica. Quando per temi ad ampio respiro c'è scritto "parla l'esperto" stai sicuro che parla solo dal suo ristrettissimo e documentatissimo punto di vista monosettoriale, denigrando gli altri che la pensano diversamente.

Chi invece ne sa di più, ma veramente intendo, nel senso più ampio e variegato possibile, ha già incontrato mille e mille volte sulla sua strada la situazione molto scomoda in cui pensava che una cosa fosse in un modo e poi ha scoperto un mondo di altre possibilità, di altre sfumature, di altri orizzonti, di altra inaspettata conoscenza. E quindi, al contrario dei 'so tutto io', si avvicina ad ogni questione in maniera molto più cauta, molto più prudente, molto più possibilista e guardinga, perché, socraticamente parlando, sa di non sapere ; insomma possiede quella 'dotta ignoranza' nota solo ai più colti da secoli.

C'è chi dice che la CO2 non è un problema, ma è solo un discorso di cicli solari. Benissimo. Quanti decenni ci vorranno prima di scoprire se ha ragione o no? Ci possiamo permettere di aspettare inermi senza fare niente, senza cambiare niente? E' una cosa saggia per noi che non ci capiamo niente, che non siamo esperti?

A mio modestissimo avviso, direi che nell'attesa che i galli si scannino a dovere fra loro nello stabilire se il cambiamento climatico è una bufala o no, tutti noi, a voler esser saggi, dovremmo mantenere un comportamento equilibrato, sia con la bistecca e sia con l'insalata biologica, con l'uso del vetro e quello della plastica biodegradabile, con i prodotti a km 0 e con gli allevamenti che rispettano gli animali nella loro natura di preda e di predatore (che poi è fondamentalmente identica alla mia, non essendo io una pianta, neanche carnivora).

Ed io allora che faccio, nel mio ultra piccolo quotidiano che non salva di sicuro il mondo che forse non deve nemmeno essere salvato? Ad esempio, ogni tanto, un paio di mesi in media, mi prendo i miei bei bidoni da 25 e vado a prendere in montagna 150 litri di acqua con la macchinina a gas a 3 cilindri che, quei pochi che dà, chiamarli pure cavalli vapore è un complimento ma il loro dovere di muli da soma lo fanno bene, anche se mi perdo le stupende esperienze di guida su strade lisce e deserte della pubblicità che stuzzicano il mio ego di maschio dominante ed affermato col SUV, ammirato dalle donne col sorrisino compiaciuto ed ammiccante di apprezzamento sessuale di cui ho grande bisogno :-( ....e così non compro buste d'acqua da anni. Fate il conto voi di quante bottiglie di plastica non ho comprato e buttato, al di là del costo che comunque non è trascurabilissimo, purissimo e levissimo. E ne compravo, eh! E ne riempivo di differenziata! Ma ne faccio ancora tanta plin plin senza che mi parlino i passeri che volano dentro casa a scagazzare sui mobili e che foraggiano gente già milionaria di suo.
Ogni volta che ci vado sono l'equivalente di oltre 16 buste da 1,5 litri a bottiglia. Chi non ha delle fonti d'acqua in quota a disposizione avrà sicuramente qualcos'altro su cui investire, che so, un mercatino di prodotti locali, dei gruppi d'acquisto che sostengono aziende a km (quasi) 0, commercio equo e solidale, basta cercare e muovere un po' le chiappe oltre il supermercato sotto casa.
Chi non può, chi dice che la faccio facile, chi non ha tempo, chi questo e chi quello... : questo è il vero fake mentale del global warming e dell'inquinamento che bisognerebbe combattere, invece di fare i leoni da tastiera!
Non c'è bisogno di sapere chi ha ragione e chi torto, aspettando le calende greche che non arrivano mai, dovrebbe bastarci la consapevolezza di sé in relazione a questo limitato e delicato pianeta.

L'ho già scritto altre volte, trovo sia inutile protestare in strada, riempire i forum di protesta e poi basta, senza un dopo : se servisse a qualcosa, al solito, non ce lo lascerebbero fare.
La vera svolta ecologica ed ambientale dovremmo farla solo noi, cittadini prima che consumatori, con le nostre scelte, i nostri comportamenti, orientando il mercato, e soprattutto, ma sopratutto, ma soprattutto,..........il nostro portafogli!
Secondo me, non ha senso sbattersi troppo tra CO2, gas serra, ecosostenibilità, inquinanti, pesticidi, biodiversità, maltrattamenti di animali, allevamenti intensivi, polli in batteria, soia OGM, isole di plastica, vegani e nazi-vegetariani e carnivori... che quest'anno poi c'è stata pure una grande morìa delle vacche (cit. Totò). :perculante:
Ognuno dovrebbe trovare il proprio equilibrio con sé stesso ed i propri bisogni corporei-mentali-degustativi, ed il mondo che lo circonda ed in cui vive, in funzione della propria consapevolezza e conoscenza, senza cercare di convincere nessuno perché tanto ognuno sceglie il suo equilibrio, sempre diverso, sempre dinamico : può cambiare il giorno dopo o anche mai.

Un inciso, a proposito di equilibrio, per quando capita di avere tempo, io l'ho già guardato diverse volte, e torno a riguardarlo per farmi il richiamino vaccinale dopo un'abbondante grigliata alcolica e fumosa, con la testa piena di sensi di colpa, ma con tanta, tanta gioia dentro il cuore e soprattutto dentro la panza :hammer: :hammer: :hammer:


Trovato poi il proprio equilibrio consapevole, bisognerebbe ricordarsi sempre che tutte le aziende e multinazionali vogliono solo una cosa : la moneta sonante.

Sta solo e soltanto a noi decidere chi se la merita e chi no.

Di tutto, ma proprio di tutto il resto, e lo sappiamo benissimo, non gliene può fregare di meno a nessuno!
-------------------------------------------------------------
LC2MARS------>>>>STO ARRIVANDO!!! EH VAI!! ACCENDO LA CARBONELLA!!
...E ME NE VENGO A FARE...IL GURU !! :-D :-D :-D
ZORG
#210 ZORG 2019-03-20 18:23
#208 Cum grano salis
Citazione:
sapessi come mi son sentito bene in quei giorni...che gioia, che libertà, che allegria, condividere solo il proprio lato cazzeggiante, senza giudizio, e divertirsi con la fantasia più insulsa, invece di cercare di commentare seriamente le assurdità di questo triste pianeta assorbendo veleno e tossicità dal mondo !
Ridere fa bene all'anima .. ed è pure gratis! :-D
Cum grano salis
#211 Cum grano salis 2019-03-20 18:32
#210 ZORG
Ora non ho più scuse, non posso certo arrampicarmi sugli specchi!
Per ora.....
Lascia che mi arrivi a casa il prototipo dei guanti che ho ordinato, che poi ne riparliamo :hammer: :hammer: :hammer:
toussaint
#212 toussaint 2019-03-21 15:59
#209 Cum Grano Salis
Scusa, stavolta non ho capito.
Non credo che qualcuno abbia mai detto che un aereo di linea emetta aerosol con il quale farsi i fumenti!!!
La questione in discussione è un'altra, e cercherò di metterla piana perchè forse non si è capito dove si va a parare.
La tesi dei gretini è questa:
l'uomo sta provocando il cambiamento climatico che porrà fine (ATTENZIONE!!!) non al pianeta perchè quello può farlo solo un meteorite di enorme grandezza o l'esplosione di una Supernova, no, porrà fine all'umanità!
Alla luce di ciò, vale il detto "pochi, ma buoni!", no?
Dunque, la soluzione che non ti dicono espressamente ma che un semplice ragionamento logico e matematico ti può fornire consiste nella drastica riduzione della popolazione mondiale che non sarà raggiunta, come pensavamo ingenuamente noi complottisti, con stragi pianificate per mezzo di virus, epidemie di vario tipo, diffusione del cancro ecc.
No no, questa soluzione verrà ottenuta gradualmente imponendo (in questa fase sì che entra in gioco la forza ma una forza che otterrà l'appoggio entusiasta della popolazione "colta", "informata" ed "ecologista" perchè "è il pianeta che ce lo chiede") un drastico salto tecnologico-produttivo per il quale tre quarti della popolazione mondiale non è assolutamente attrezzata.
Ciò porterà ulteriore povertà, fame e morte per sottosviluppo permettendo così agli eredi ideologici del Club di Roma di festeggiare in un lasso di tempo sufficientemente breve il traguardo dei 500 milioni di sopravvissuti alla Green Revolution.
Nel frattempo, le industrie green avranno continuato imperturbabili a riversare alluminio, nichel, cromo, cadmio nei nostri fiumi e nella nostra terra, magari per fabbricare pannelli solari e auto elettriche.
Amen...
Michele Pirola
#213 Michele Pirola 2019-03-21 17:52
Decalagon
Ho citato la soia perché è il classico elemento vegetale che è più inquinante della carne, ma gli animalisti e i vegani stanno zitti. Preferiscono attaccare chi mangia la carne, ma quando poi si scopre che anche un alimento vegetale è inquinante allora lì diventano muti come pesci
horselover
#214 horselover 2019-03-21 18:22
animali e piante sono esseri viventi come noi che noi trattiamo con metodi da nazisti, il problema non è in quello che mangi, perchè chi ha fame mangia tutto (anche lo schifo del supermercato o del bar), ma nel modo come te lo procuri. agricoltura e allevamenti intensivi rovinano i terreni, impoveriscono i contadini trasferendo il valore creato alle industrie chimiche (che si liberano degli scarti di produzione spargendoli nei campi come "fertilizzanti"), meccaniche e conserviere. coi metodi naturali si può produrre molto più cibo (e più nutriente) le industrie potrebbero lavorare a ciclo chiuso senza inquinamento e scarti, ma non conviene agli azionisti, che nel loro anonimato raggiungono livelli di spietatezza assoluta e per il profitto immediato stanno cercando di rovinare il pianeta
Decalagon
#215 Decalagon 2019-03-21 21:15
Citazione:
Ho citato la soia perché è il classico elemento vegetale che è più inquinante della carne, ma gli animalisti e i vegani stanno zitti. Preferiscono attaccare chi mangia la carne, ma quando poi si scopre che anche un alimento vegetale è inquinante allora lì diventano muti come pesci
Ma che cazzo dici se ti ho appena dimostrato che il 94% della soia PRODOTTA AL MONDO è destinata AGLI ALLEVAMENTI.
Michele Pirola
#216 Michele Pirola 2019-03-21 22:00
Elia
Scusami volevo dire Quinoa. In ogni caso io ti avevo fatto notare che in realtà non tutti gli animali che mangiano la soia vengono mandati al macello. Quindi dire che la carne non è sostenibile perché sfrutta il 94% di tutta la soia prodotta è una barzelletta da Cappuccetto Rosso
Nichiren
#217 Nichiren 2019-03-21 22:05
Deca lascia perdere.
Fidati.

Te lo dico da vegetariano.
Sono (siamo) la prova vivente che l'uomo non necessità della carne per sopravvivere.
Questo fatto é incontrovertibile,il resto é aria,satura,tra le altre cose.

Un abbraccio.
Decalagon
#218 Decalagon 2019-03-22 00:16
Citazione:
In ogni caso io ti avevo fatto notare che in realtà non tutti gli animali che mangiano la soia vengono mandati al macello. Quindi dire che la carne non è sostenibile perché sfrutta il 94% di tutta la soia prodotta è una barzelletta da Cappuccetto Rosso
Sai cos'è la vera barzelletta? Condividere articoli che sostengono la distruzione del mondo a causa della soia cattiva dei vegani, quando in realtà il 94% della soia prodotta al mondo SERVE A PRODURRE MANGIMI PER ANIMALI DA ALLEVAMENTO. E poi te ne esci per riparare alla figuraccia sostenendo che il pirla che racconta favole perché "non è vero che tutti gli animali vengono mandati al macello" sono io.

Ma mi sa che forse hai ragione, ce ne devono essere alcuni che ogni tanto vanno pure al cinema. La colpa è di Hollywood che distrugge tutto con la soia per gli animali da cinema.
NiHiLaNtH
#219 NiHiLaNtH 2019-03-22 02:39
Citazione:
Te lo dico da vegetariano.
si ma in teoria il vegetariano le uova e i latticini li mangia
il vegano no
Roberto70
#220 Roberto70 2019-03-22 06:32
In teoria, le uova mi facevano schifo anche prima, il latte da un anno ca. bevo quasi sempre quello di mandorla (buonissimo) ma ai formaggi non riesco a rinunciare.
Nichiren
#221 Nichiren 2019-03-22 07:38
NiHi

Cambia,o mette in discussione quello che ho detto ?

(Teorie a parte)
redribbon
#222 redribbon 2019-03-22 08:51
Citazione:
Intanto smettiamo di mangiarla, e se poi proveranno ad usare altro per consumare le risorse planetarie inizieremo a boicottare anche il resto. Non possiamo però usare questo come scusa per non fare niente.
In realtà anche negli allevamenti il problema è sempre l'uomo che non prende i necessari provvedimenti per salvaguardare il pianeta e con esso noi:
il problema principale degli allevamenti (oltre al cibo necessario) sono gli escrementi animali, di cui una buona parte parte finisce in acqua, è la prima o tra le prime fonti di inquinamento delle acque, altra nel terreno, escrementi ricchi di ammoniaca che come dice la stampa:

Citazione:
Innanzitutto, i depositi di ammoniaca contribuiscono all’acidificazione del suolo e all’eutrofizzazione delle acque, portando alla formazione di alghe invasive in fiumi e laghi. Ma le emissioni eccessive possono comportare anche problemi per la salute pubblica. L’ammoniaca è infatti un precursore di protossido d’azoto e particolato atmosferico fine in grado di danneggiare le vie respiratorie. Si tratta di sostanze nocive che abbondano proprio nella Pianura Padana dove, anno dopo anno, si superano abbondantemente i limiti di legge.
Guido Lanzani, responsabile qualità dell’aria di ARPA Lombardia, spiega come proprio in concomitanza dello spandimento dei liquami - e il conseguente rilascio dell’ammoniaca - è possibile osservare valori record di PM10. Un aspetto su cui, a detta sua, si potrebbero fare importanti passi avanti per rendere l’aria più pulita.
www.lastampa.it/.../pagina.html

quindi negli allevamenti, come nelle emissioni delle auto a benzina-gasolio il problema è l'uomo che non prende i necessari provvedimenti per salvaguardare l'ambiente,
perché i modi ci sarebbero di non inquinare più con le auto o con gli allevamenti, solo che l'uomo ritiene questi metodi anti-economici.
Ecco il problema: l'uomo è mentalmente schiavo dell'economia.
Gente sana di cervello comincerebbe a riorientare tutto il sistema di produzione in modo ecologico e non dannoso, o quanto meno riducendo quanto più possibile l'inquinamento ambientale senza badare troppo a spese,
perché la salute della terra non ha prezzo, ed a qualche ignorante che non interessa un fico della salute della terra, vale ugualmente lo stesso discorso per gli uomini che la salute umana non ha prezzo.
Gli Stati non devono badare a spese quando si tratta di salvaguardare l'ambiente e la vita sulla terra, ma siccome sono lì chiusi nella loro miserabile mentalità di sottostare alle leggi dell'economia e di quanto denaro si ha, (imposta dalle elites e dal potere che vogliono mantenere le loro posizoni di potere?) ciò che viene giudicato antieconomico non viene fatto anche se avrebbe in realtà un valore immenso nel salvare l'ambiente.
Signore di Gibelletto
#223 Signore di Gibelletto 2019-03-22 12:22
Trovo davvero ottima l’analisi del “fenomeno Greta” effettuatada Arnaldo Vitangeli, sul canale “Lafinanzasulweb” (I burattinai di Greta e i signori del denaro).
Nel complesso, credo nessuno possa seriamente sostenere, al presente, che non esista una problematica ambientale, però è necessario definire quale. Che l’inquinamento da diossine uccida gli esseri umani è un fatto medico scientificamente acclarato, che l’amianto uccida gli esseri umani è un fatto altrettanto certo (circa 2500 vittime nella zona di Casale Monferratto, e attendiamo le vittime correlate all'amianto della ValSusa se continueranno con la TAV..) che l’inquinamento da benzene si correli ad una serie di patologie potenzialmente mortali per gli esseri umani pure, che gli allevamenti intensivi di animali siano un orrore dal punto di vista etico e siano anche pericolosi per gli esseri umani (visto l’utilizzo smodato di antibiotici che si fa in questi allevamenti,contribuendo quindi al fenomeno dell’antibiotico-resistenza batterica) pure, che la Pianura Padana sia la zona più inquinata dell’intera Europa e che ne risenta lo stato di salute delle popolazioni che vi abitano è un fatto dimostrato, che le scorie radioattive sparse in giro per l'Italia siano pericolosissime per gli esseri umani è un fatto noto ad una buona percentuale della popolazione, etc., e quindi non c’è affatto bisogno di tirare in ballo il surriscaldamento globale (global warming) per affermare la lesività (sull’uomo stesso e sulle altre specie del pianeta) delle varie forme di inquinamento ambientale prodotte dall’uomo occidentale-europeo e non europeo. Questi non sono concetti astratti, teorie, sono tutti fatti oggettivamente dimostrabili tramite una serie di dati medico-epidemiologici.

Il punto però è che un fenomeno come Greta, attirando l’attenzione della gente sui “massimi sistemi”, ossia su scatole concettuali spesso vuote, su discorsi astratti, distoglie l’attenzione della gente dai microsistemi, che invece rappresentano proprio l’oggetto del 90% dell’inquinamento ambientale prodotto dall’uomo. E’ per tale motivo che un partito legato ai peggiori interessi banco-finanziari e”palazzinari” come il Partito Demenziale può, ad esempio, tranquillamente sostenere Greta e la sua “lotta ambientalista” e nel contempo sostenere acriticamente la setta tavista e il loro idolo della devastazione (ambientale), ossia la/il TAV, come spiegano bene una frotta di ingegneri dei migliori politecnici italiani.. Greta Calzelunghe è un buon alibi per costoro, i peggiori devastatori ambientali, gli permette addirittura di riciclarsi come ecologisti..paladini dell’ambiente..
Mi pare condivisibile quanto scrive redribbon nel commento 222:
"Ecco il problema: l'uomo è mentalmente schiavo dell'economia.
Gente sana di cervello comincerebbe a riorientare tutto il sistema di produzione in modo ecologico e non dannoso, o quanto meno riducendo quanto più possibile l'inquinamento ambientale senza badare troppo a spese,
perché la salute della terra non ha prezzo, ed a qualche ignorante che non interessa un fico della salute della terra, vale ugualmente lo stesso discorso per gli uomini che la salute umana non ha prezzo."
Michele Pirola
#224 Michele Pirola 2019-03-22 13:23
Decalagon
Non ho capito. Tu vorresti dire "la carne è inquinante perché gli allevamenti intesivi sfruttano il 94% della soia". Io però ti ho fatto notare che non tutti quegli animali finiscono al macello. Bisognerebbe vedere la percentuale della soia destinata a nutrire gli animali con cui si produce la carne. Non vedere il numero generale di animali. Come dire "le macchine in Italia sono 50 milioni". Certo, il problema è che non tutte quelle non in funzione, ma solo una parte
Michele Pirola
#225 Michele Pirola 2019-03-22 13:27
Decalagon
Ah, poi volendo ci sarebbe anche questo. Te lo dedico:
Non è mangiare carne che uccide il Pianeta
www.lastampa.it/.../pagina.html

Tanti saluti :-)
Decalagon
#226 Decalagon 2019-03-22 16:36
E io ti dedico volentieri i miei due articoli "la carne è cancerogena anvhe per il pianeta" e "la disinformazione ambientalista", dove sono riassunti i dati ufficiali di studi internazionali che dimostrano come la zootecnia sia fra le prime cause di disboscamento, degradazione del suolo, inquinamento idrico, consumo di risorse, emissioni di gas serra, fame nel mondo, ecc...

E se non ti bastano qui c'è una lista con fonti dei vari problemi causati dagli alimenti di origine animale:

www.cowspiracy.com/facts

Saluti
toussaint
#227 toussaint 2019-03-22 16:46
Comunque, le chiacchiere stanno a 0.
Si dice che dovremmo ridurre le emissioni antropiche di CO2 dell'80%.
Bene, dato che la stima annuale è di circa 35 gigaton, dovremmo portarle a 7 gigaton.
Solo il processo di respirazione degli esseri umani genera circa 2,9 gigaton.
La produzione di un'auto elettrica genera da 20 a 45 tonnellate di CO2, SENZA CONSIDERARE L'ENERGIA ELETTRICA PER CIRCOLARE!!!
Bene, sostituiamo tutto il parco macchine attuale, circa 1,2 miliardi di veicoli, siamo a 30 gigaton, dunque già semplicemente respirando e sostituendo le auto avremmo esaurito il bonus per 7-8 anni, senza mettere in moto una sola auto!!!
E senza produrre nulla, morendo di fame, non costruendo più una sola casa ma neanche potendo manutenere le esistenti, perché anche le energie rinnovabili necessarie per queste attività producono CO2 (pannelli solari, pale eoliche ecc.), quindi superemmo il bonus.
Ma di cosa stiamo parlando?
Cosa c'è dietro tutta 'sta farsa?

P.S.: o per dirla in altri termini, se fosse vera la teoria mainstream, ormai è troppo tardi, ce potevano pensa' prima, dunque non mi starei a preoccupare più di tanto, balliamo sul Titanic e amen...
Anzi, sapendo che ci resta poco tempo meglio godersela, no?
Dunque, paradossalmente dovremmo aumentare i consumi...
Cum grano salis
#228 Cum grano salis 2019-03-22 18:46
#212 toussaint
Scusami toussaint, avevo ed ho mollato il thread.
L'esempio dell'aereo, come ho scritto tra parentesi che poi ce ne sarebbero mille altri volendo, era solo per sottolineare che non credo si possa escludere la causa umana, quando un solo aereo di linea brucia quel che brucia. Sul lato inquinamento, direi che è scontato. Sul lato climatico, non abbiamo dati di aerei che volano da 10.000 anni (sempre e solo riferendoci a questo piccolo sottoinsieme) in atmosfera, ma i modelli climatici naturali li fanno su tempi che niente hanno a che vedere con la nascita del trasporto aereo di massa, visto che ancora è passato poco più di un secolo dal primo volo!
Ora, non so se ricordi il dopo 11 settembre :
www.corriere.it/.../aereitemperatura.shtml
ed il traffico aereo sugli states sarà di certo aumentato negli ultimi 18 anni.
Adesso, ai giorni nostri, avere a spanne oggi 1,5-2 gradi in meno di temperatura media su una superficie grande quanto gli USA, ha necessariamente delle ripercussioni su una quantità di dati raccolti, oltre alle dinamiche di evaporazione dell'acqua, di calore latente, e di velocità di reazione chimica. Estendiamo all'Europa e tutto il mondo...
Nessuno scienziato pensa mai che la temperatura media su cui calcolano i modelli potrebbe avere un off-set negativo di 1,5-2 gradi in meno. Cioè, la Terra potrebbe essere in realtà molto più calda di quello che ci dicono, se non ci fosse tutta quella polvere (sto semplificando) di cui parlavo a mascherare le misurazioni.
Oltre il fatto che la media non pesa gli estremi : se io ho 36 gradi di temperatura media, ma ho una mano congelata nel freezer a -20 (quindi 56 gradi in meno) ed una a cuocersi nel forno a 92 gradi (56 gradi in più), mi sembra evidente, temperatura media alla mano, che sono in realtà in guai grossi, non è che sto benissimo, ecco.
Moltiplichiamo tutte queste poche considerazioni per tutto il resto dell'attività umana...che senso ha lottare ed incazzarsi per difendere questa o quell'altra idea?
Ho poi aggiunto il filmato sull'equilibrio acido-base, innanzitutto per comprendere cosa voglia dire avere a che fare con un sistema complesso, dove modifichi una cosa qua, e poi succede qualcos'altro d'inaspettato di là.

Ma anche che talune convinzioni alimentari che vengono difese a spada tratta, cercando pure di voler convertire gli altri, anche in buona fede, nascondono tutta una serie di dettagli e di ragionamenti di fino che se uno non li sa, pur nella convinzione di essere nel giusto, la sta prendendo di dietro da un'altra parte. L'esempio dell'olio di girasole nei prodotti bio da forno, per dirne uno? Io penso che sto facendo la cosa giusta, a questa cosa non ci penso o non la so, e mi sto imbottendo di robaccia fatta di olio degradato. Idem con il discorso della fibra, che uno ne mangia tanta di crusca, ma è quella che non è certificata perché bio non vuol dire niente sulla confezione se non ci sono le eco label e non mi ricordo più che altro, e contiene più inquinanti della roba non integrale.

E quindi, al di là delle agende varie di cui parli e che conosco, siccome scontrarsi fra noi su questo e su quello fa male come mangiare male, e comunque non ne veniamo fuori con tutti 'sti calcoli e modelli, e allora tanto vale che ognuno faccia il possibile per cercare il suo equilibrio (e quel video spiega bene il perché), quello che sia perché ognuno è diverso dagli altri, e tutto il gretinismo, catastrofismo, vatuttobenismo :-D , che se ne vada a quel paese.

In sintesi, se io so chi sono e dove sono, non ho bisogno che ci sia una religione col suo diverso dio sempre diverso da difendere a dirmi che non devo fare del male agli altri : ci arrivo da solo.
Perché se no vorrebbe dire che se non ci fosse un dio a dirmi fai così, fai cosà, allora io mi alzerei la mattina a rovinare la vita agli altri perché nessuno mi ha detto di non farlo.
Non so se ho reso l'idea.
Io mi comporto in un certo modo che ritengo sia quello giusto per me, per come mi sono impegnato a crescere, capire e conoscere. Poi di quello che gli altri a turno nei secoli dicono di fare...sticazzi! :-D
fefochip
#229 fefochip 2019-03-23 08:44
@ agli amici vegani e a chi intuisce che c'è qualcosa che non va nell'idea :"salviamo il pianeta diventando tutti vegani" (co2 a parte che è una puttanata e basta)

purtroppo gli amici vegani in nome di una sensibilità portata alle estreme conseguenze vedono il mondo o bianco o nero.

uccidi il pollo? sei cattivo non c'è altra risposta, ne fanno prima di tutto una questione morale.

personalmente la vedo diversamente ovvero è come vive il pollo il problema non tanto se muore o meno.

senza ombra di nessun dubbio gli allevamenti intensivi non sono solo dei lager di indicibili sofferenze per gli animali ma anche dei posti dove si alleva del pollo le cui carni sono insane.

i vegani/animalisti sostengono che la sofferenza passa fino a noi facendo diventare tossica la carne che mangiamo.

in un certo senso hanno ragione nel senso che una vita non da pollo ovvero libero di razzolare e fare quelle che fa un pollo normalmente crea tutta una serie di problematiche
(utilizzo di antibiotici , mangimi pieni di pesticidi -non è detto ma è conseguenza di tutto il sistema- carni meno nutrienti a causa di alimentazioni non naturali e monotone)
che rendono la carne insana dal punto di vista nutrizionale.

la soluzione offerta dal vegano è basta mangiare i polli.(e altri animali ovviamente ma è solo un esempio)

ma c'è una visione che a mio avviso è molto piu armonica per tutti ovvero l'integrazione di allevamenti e colture

in questo video si capisce molto bene cosa si intende



a mio avviso la natura va rispettata e questo non significa far sparire dalla faccia della terra l'impronta umana
limitandosi al paradigma vegano
rimarrebbe un impronta distruttiva e devastante con questo modo di fare (pesticidi, monocolture e logiche neoliberiste che prevalgono sul buon senso naturale)

vanno rispettati gli insetti e questo non significa amare gli insetti , non schiacciarli e lasciarli liberi di fare quello che cazzo gli pare

vanno rispettati gli animali e questo non vuol dire semplicemente non ucciderli

va rispettata la natura e questo non significa eliminare l'uomo per lasciarla in pace (anche se certe volte guardando a come abbiamo ridotto il pianeta verrebbe la considerazione che l'uomo non riesce ad integrarsi nella natura ma riesce solo a distruggerla)

a mio avviso la strada da percorrere è l'integrazione tra le varie parti in un equilibrio dove tutti trovano un po di giovamento.

ok faremo fuori i polli per mangiarli ma nel frattempo vivranno come polli sani e ci doneranno carni sane da mangiare

rispetteremo gli insetti senza sterminarli indiscriminatamente cosa che produce tutta una serie di squilibri lunghi qui da descrivere
ma li lasceremo liberi di vivere in determinate condizioni atte a mantenere un sano equilibrio tra le varie colture e piante

la via delle monocolture intensive con la logica dei pesticidi (che ricorda un po la logica dei vaccini ) è una iattura peggiore degli allevamenti intensivi
dal punto di vista della distruzione della natura e dell'abisso verso cui a grandi passi stiamo andando .

i pesticidi non solo distruggono insetti anche essenziali come le api (tanto per fare solo UN esempio) ma avvelenano la terra dove è presente il microbiota della terra
ancora non si parla molto di questo aspetto ma la fertilità di un terreno è dato proprio dalla sua carica batterica di batteri anaerobi sottoterranei (gli stessi che sono dentro di noi)

gli animali e non solo quelli di allevamento hanno delle caratteristiche fondamentali per il corretto ecosistema e il loro rispetto

è altrettanto fondalmentale per mantenere una natura sana e una biosfera adatta a una vita felice per tutti uomo compreso

insomma spero che gli amici vegani invece di scagliarsi sempre a testa bassa contro il mangiatore di cadaveri senza se e senza ma

provino per un attimo a considerare che c'è un ordine delle cose e questo ordine non è l'eden dove il leone vive accanto alla gazzella giocando a scala quaranta

e nemmeno dove ci sono allevamenti intensivi con le loro mostruosità ma un mondo fatto dall'integrazione delle parti

un mondo sano che non significa perfetto

il vegano in ultima analisi non cambia di una virgola questo mondo fatto di giudizi e accuse, fatto di umani con un ego smisurato.

insomma il paradiso può attendere, per ora proviamo a essere un pochino piu armonici tra di noi e con la natura
Decalagon
#230 Decalagon 2019-03-23 10:30
Citazione:
i vegani/animalisti sostengono che la sofferenza passa fino a noi facendo diventare tossica la carne che mangiamo
No, questo lo dicono gli spiritualisti.
Il vegano mostra i dati sull'impatto ambientale dell'industria dei cibi animali, che dimostra come questa sia devastante per il pianeta.

L'onnivoro invece trova solo scuse per non rinunciare al suo piatto preferito e per non riconoscere che questo tipo di alimentazione logora l'ecosistema e le nostre limitate risorse.
fefochip
#231 fefochip 2019-03-23 10:58
#230 Decalagon
Citazione:
L'onnivoro invece trova solo scuse per non rinunciare al suo piatto preferito e per non riconoscere che questo tipo di alimentazione logora l'ecosistema e le nostre limitate risorse.
hai mai considerato che con tutta onestà e sincerità c'è qualcuno che non la pensa cosi?
o per forza tu hai capito tutto di me e degli altri e il solo fatto che mi limita a non salvare il pianeta è la mia/nostra voglia di bistecca?
di tutto il discorso che ho fatto e del video non ti viene da proferire altro verbo se non le solite accuse
il solito puntare il dito saccente?
evvabbè
Decalagon
#232 Decalagon 2019-03-23 11:27
Citazione:
hai mai considerato che con tutta onestà e sincerità c'è qualcuno che non la pensa cosi?
C'è anche gente che non crede che il bicarbonato abbia effetti benefici contro diversi tipi di tumori solidi o che l'11 settembre sia stato un complotto ordito da Bin Laden, ma 10 anni su LC hanno insegnato (almeno a me) che contano solo i dati, non le opinioni.
fefochip
#233 fefochip 2019-03-23 11:35
#232 Decalagon
Citazione:
contano solo i dati, non le opinioni.
ma si ho capito, ne abbiamo parlato allo sfinimento e la tua solita posizione la comprendo ma non la condivido.
tu e tutti i veganisti duri e puri avete i DATI quelli incontrovertibili che ci dicono che il pianeta sta andando in malora per colpa dei mangiatori di bistecca

il problema di questi dati è che sono forniti dal mainstream , dallo stesso canale che dice che l'11 settembre è stato bin laden e che il bicarbonato non ha effetti sul tumore
alla greta per capirci

comunque ok , mi farò una ragione del fatto che ci reputi i distruttori del pianeta

e comunque complimenti per aver saltato a piè pari i DATI che non ti fanno comodo nel discorso che ho fatto sopra
Decalagon
#234 Decalagon 2019-03-23 11:53
Citazione:
il problema di questi dati è che sono forniti dal mainstream , dallo stesso canale che dice che l'11 settembre è stato bin laden e che il bicarbonato non ha effetti sul tumore alla greta per capirci
I dati non li fornisce il mainstream ma pubblicazioni scientifiche internazionali, che finora non sono state smentite da nessuno. Anzi, come ho dimostrato nel mio articolo "la disinformazione ambientalista" ci sono pure associazioni che ignorano volutamente questi fatti concentrando l'attenzione su problemi minori.

Citazione:
e comunque complimenti per aver saltato a piè pari i DATI che non ti fanno comodo nel discorso che ho fatto sopra
Non mi risulta. Hai pubblicato solo un video che accenna i danni provocati dai pesticidi, ma ne avevo parlato pure io nelle precedenti discussioni e avevo mostrato come 3/4 dei cereali coltivati a livello globale (su cui appunto vengono usati erbicidi e pesticidi pericolosi ed inquinanti) sono destinati al foraggio degli animali.

È un po' come la supercazzola dell'articolo pubblicato da Pirola, che vorrebbe accusare i vegani di distruggere il mondo con la soia quando poi solo il 6% di questa viene coltivata per produrre alimenti destinati alle persone.
fefochip
#235 fefochip 2019-03-23 12:02
#234 Decalagon
ok, buon lavoro.
Cum grano salis
#236 Cum grano salis 2019-03-23 12:20
#230 Decalagon
Guarda, senza andare in campi spirituali, il discorso dei peptidi o della mastite nel video che ho postato (peptidi di cui so nulla) per me ha un senso. Un animale che va a morire in catena di montaggio e che lo capisce, lo sente dall'odore, dai lamenti, quello che vogliamo, riempie il suo corpo di ormoni dello stress e chissà che altro, oltre ai medicinali che porta con sé dopo una vita contro natura.
Ma allo stesso modo, secondo questo ragionamento, si trovano in rete studi simili e seri sulle reazioni allo stress delle piante. Le oscillazioni dei parametri elettrici, chimici e gassosi sono coerenti ripetendo test di strappo di foglia o avvicinando del fuoco, ecc.
Cioè, vegano o carnivoro, entrambi, se non consapevoli, causano 'sofferenza' in modi simili. La 'bontà' non sta da nessuna parte. Non vedo perché tagliare di netto una pianta che vive in piena salute per cibarsene sia meno grave di uccidere un animale. La pianta non ha gli occhioni dolci e non emette suoni, ma a quanto pare è solo perché la conosciamo molto meno, non perché sia 'insensibile' al fatto che uno la vuol fare schiattare.

Tutti gli ecosistemi vivono in equilibrio, e noi non siamo al di sopra delle parti. Senza predatori la savana non avrebbe più erba, senza prede i predatori morirebbero. Aumenta uno, aumenta l'altro, scende uno, scende l'altro.
Mangiare tanta carne quanto un americano... è uno squilibrio senza senso che porta i danni ecologici che sappiamo. Ma se tutti loro domani diventassero vegani, con la stessa voracità carnivora, porterebbero squilibrio da un'altra parte.

Tra poco sarà pasqua, ed i cristiani di cui ho fatto parte per una vita, religione dell'ammmore, daranno inizio ad uno scempio senza senso di agnelli che mi fa venire il volta stomaco, solo perché siccome uno diceva che era l'agnello di dio mo' so' cazzi degli agnelli, non avendo noi niente a che fare con la pasqua ebraica.
Però, se mi compro un pollo che ha razzolato una vita e che ha massacrato con ferocia istintiva col becco tutto quello che ha incontrato nel giardino, io me lo mangio con gusto e senza rimorsi, ma il prossimo lo mangerò dopo un mese o due, non due giorni dopo, che poi ci vuole la batteria di polli solo per me.
Ma sarebbe lo stesso se mi comprassi il radicchio ogni due giorni : campi sterminati di radicchio da coltivazione intensiva e serre per averlo tutte le stagioni.

Fra i denti abbiamo 4 canini abbozzati, e dei ruminanti non abbiamo niente.
Non siamo né carne e né pesce.
Abbiamo un dentatura equilibrata così.
Qualcosa vorrà pur dire, questo mondo è fatto così e non possiamo campare d'aria, a qualcosa dobbiamo pur togliere la vita o interromperne un ciclo naturale. Il frutto, con i semi (che dovrebbero finire 'concimati' in terra, e non nella fogna o tra i rifiuti), mica nasce per noi, no? Né l'uovo e né l'agnello.
Facciamocene una ragione e quando sarà il momento avremo di che discutere animatamente con chi ci ha messo qua :hammer:

Bravo fefo, che dopo essersi alterato un bel po' :perculante: :perculante: :perculante: per difendere con i denti il suo pezzo di carne :perculante: :perculante: :perculante: ha inteso benissimo e poi integrato ulteriormente il senso del mio pippone dell'altro giorno :-D
Vieni su LC2MARS, ci sono le Fefofiche (si legge fefofish!!! ) che ti aspettano per comprare una birra marziana :pint:
L'invito è ovviamente rivolto anche a Sertes e a chiunque volesse mandar giù l'amarezza rimasta sul gargarozzo :-)

P.S. Spero, con la birra, di non aver pestato involontariamente qualche merdone ambientalista che ignoro, o qualche setta del luppolo, dei seguaci del malto d'orzo o degli anti monaci trappisti : l'ho detto in buona fede!
Io li odio i nazisti dell'Illinois :-D
Lv78
#237 Lv78 2019-03-23 18:05
Eccallà l'ennesima diatriba tra vegani e mangiatori di carne... Senza tirare in ballo tanti concetti e dati, io riassumerei la questione semplicemente così: si può stare in salute senza arrecare sofferenza e morte agli animali? Sì (anzi si sta anche meglio). E allora, siccome aborro la sofferenza e siccome voglio esserne il meno responsabile possibile, mi cibo solo di vegetali. Inoltre mangiare vegetali è una necessità fisiologica, mangiare animali non lo è, anzi è solo uno sfizio di gola. Senza tanti giri di parole.

@ Fefochip: visto il periodo, per caso hai trattato nel tuo sito l'argomento microbiota e allergie?
Michele Pirola
#238 Michele Pirola 2019-03-23 19:24
Decalagon
Citazione:
C'è anche gente che non crede che il bicarbonato abbia effetti benefici contro diversi tipi di tumori solidi o che l'11 settembre sia stato un complotto ordito da Bin Laden, ma 10 anni su LC hanno insegnato (almeno a me) che contano solo i dati, non le opinioni.
Bravo Elia. Eccone un esempio:

I ricercatori giungono a questa conclusione: “sostituire latte e carne con analoghi alimenti raffinati come il tofu potrebbe aumentare la quantità di terreno arato necessario per soddisfare il fabbisogno alimentare”
[...]
se la propaganda “etica” funzionasse veramente e smettessimo tutti di consumare prodotti animali, la deforestazione e il surriscaldamento terreste aumenterebbero
thevision.com/scienza/vita-di-un-vegano-non-etica/
Decalagon
#239 Decalagon 2019-03-23 19:54
Quello non è un dato scientifico, è un'opinione. Oltretutto basata sulla stronzata che i vegani mangino solo soia.

Vuoi dei dati veri? Tho:

Land required to feed 1 person for 1 year:

Vegan: 1/6th acre
Vegetarian: 3x as much as a vegan
Meat Eater: 18x as much as a vegan   [xvii]
Robbins, John. Diet for a New America, StillPoint Publishing, 1987, p. 352


Ancora? Tho

1.5 acres can produce 37,000 pounds of plant-based food.

1.5 acres can produce 375 pounds of beef.

Oppenlander, Richard A. Food Choice and Sustainability: Why Buying Local, Eating Less Meat, and Taking Baby Steps Won’t Work. Minneapolis, MN : Langdon Street, 2013. Print.


Non ti basta? Tho

A person who follows a vegan diet produces the equivalent of 50% less carbon dioxide, uses 1/11th oil, 1/13th water, and 1/18th land compared to a meat-lover for their food.   [xx]

E poi

Each day, a person who eats a vegan diet saves 1,100 gallons of water, 45 pounds of grain, 30 sq ft of forested land, 20 lbs CO2 equivalent, and one animal’s life.   [xiv]



Qui le fonti:

www.cowspiracy.com/facts

Ad ogni modo anche facendo finta che la soia sia la prima fonte di nutrimento dei vegani, ti informo che noi umani siamo 7 miliardi mentre gli animali a cui è destinata la produzione ATTUALE sono oltre SESSANTA MILIARDI. Quindi se anche gli allevamenti sparissero, e tutta la razza umana iniziasse a nutrirsi di soia, i danni all'ecosistema saranno sempre e comunque di molto inferiori.
Lv78
#240 Lv78 2019-03-23 20:11
@ Michele Pirola: "sostituire latte e carne con analoghi alimenti raffinati come il tofu potrebbe aumentare la quantità di terreno arato necessario per soddisfare il fabbisogno alimentare”

Qui c'è da dipanare una spessa coltre fumosa di disinformazione. Primo: non c'è alcuna necessità di sostituire carne e latte, non sono alimenti necessari e anzi sono dannosi. Per cui non c'è la benchè minima necessità di andare alla ricerca di eventuali alimenti che li possano sostituire. Secondo: tofu e minchiate varie sono alimenti tipici della tradizione cinese che non so chi e quando abbia fatto passare come alimenti necessari per chi non si ciba di carne e derivati animali per compensare fantomatiche necessità. Io il tofu l'ho mangiato due volte in vita mia giusto per curiosità (e non mangio carne da 20 anni), semplicemente mi cibo dei prodotti tipici della nostra terra, ossia frutta e verdura, cereali, legumi e semi (frutta secca), ossia l'alimentazione che dava sostentamento ai nostri nonni e bisnonni. Senza aver bisogno di tofu, seitan, quinoa o altre boiate varie. La quinoa nemmeno l'ho mai assaggiata, e non mi interessa farlo dato che non ne ho bisogno. Alla fin fine, a consumare cibi esotici sono ben più le personi comuni che al supermercato comprano ogni cosa senza chiedersi da dove viene o come è stato prodotto, basta ce sia a buon mercato, dopotutto non gliene frega una cippa o quasi, piuttosto che un vegetariano o vegano che un minimo si è informato.
Michele Pirola
#241 Michele Pirola 2019-03-23 22:52
Decalagon
Citazione:
Quello non è un dato scientifico, è un'opinione. 
Hai ragione, scusami. È un'opinione. Quando ti fa comodo è un fatto dimostrato, quando invece non ti fa comodo automaticamente diventa un'opinione personale dell'articolista.
Se vuoi ci sarebbe pure questo:
independent.co.uk/.../...
Ma cosa te lo dico a fare, è un'opinione personale :hammer: .
Michele Pirola
#242 Michele Pirola 2019-03-23 22:59
Lv78
Ciao. Io la carne l'ho sempre mangiata (solo a pensare alla griglia mi viene l'acquilina in bocca), ma in generale mangio di tutto. Carne, pesce, verdura, frutta, pasta, riso.
Penso però di avere uno stile di vita normale, non troppo inquinante. Non uso composti chimici di solito, in particolare i pesticidi (non li uso); inoltre non fumo e l'automobile la utilizzo non molto frequentemente. Anche perché sto quasi sempre in casa. Quando non vado in vacanza (ci vado d'estate di solito) sono quasi sempre in casa tutto il giorno, salvo ogni tanto qualche uscita per fare la spesa o qualche incontro con amici. Quindi non mi sembra di avere un grandissimo impatto ambientale
Decalagon
#243 Decalagon 2019-03-23 23:33
Citazione:
Hai ragione, scusami. È un'opinione. Quando ti fa comodo è un fatto dimostrato, quando invece non ti fa comodo automaticamente diventa un'opinione personale dell'articolista
Parli di te? Perché fino ad oggi hai ignorato tutti i dati scientifici che ho condiviso qui per ribadire le tue idee, aiutandoti con articoli fuffa come quello sulla soia. Vedi ad esempio il mio ultimo post, dove ho confutato la tua ipotesi secondo la quale la dieta vegana disrruggerebbe le foreste, spudoratamente ignorato per poter ribadire il tuo essere così prepotentemente irragionevole.

La realtà è una, e anche se la si ignora quella rimane.

Cias
Michele Pirola
#244 Michele Pirola 2019-03-24 08:37
Decalagon
E chi ha mai detto che tutti gli articoli da me linkati facessero riferimento alla storia della soia? O forse, molto più probabile, cerchi di fare in modo che gli altri capiscano che tutti gli articoli siano basati sulla storia della soua, facendo in modo che si possa dire "Ma cosa volete, è falso. È basato sulla storiella della soia, quindi è falso"?
Michele Pirola
#245 Michele Pirola 2019-03-24 08:43
Studio Usa: "La dieta vegetariana è nemica dell'ambiente"

repubblica.it/.../...
Decalagon
#246 Decalagon 2019-03-24 09:16
Grazie per lo studio-fuffa basato sulle calorie che era stato confutato nelle precedenti discussioni. Chi ha redatto quello studio è semplicemente un cretino perché come cazzo si fa a calcolare il fabbisogno calorico di una persona immaginando che si nutra di sola lattuga? Boh.

Ti riporto di nuovo questi, vediamo se stavolta li vedi:

1) Land required to feed 1 person for 1 year:

Vegan: 1/6th acre
Vegetarian: 3x as much as a vegan
Meat Eater: 18x as much as a vegan   [xvii]
Robbins, John. Diet for a New America, StillPoint Publishing, 1987, p. 352

2) 1.5 acres can produce 37,000 pounds of plant-based food.
1.5 acres can produce 375 pounds of beef.
Oppenlander, Richard A. Food Choice and Sustainability: Why Buying Local, Eating Less Meat, and Taking Baby Steps Won’t Work. Minneapolis, MN : Langdon Street, 2013. Print.

3) A person who follows a vegan diet produces the equivalent of 50% less carbon dioxide, uses 1/11th oil, 1/13th water, and 1/18th land compared to a meat-lover for their food.   [xx]

4) Each day, a person who eats a vegan diet saves 1,100 gallons of water, 45 pounds of grain, 30 sq ft of forested land, 20 lbs CO2 equivalent, and one animal’s life.   [xiv]
Aigor
#247 Aigor 2019-03-24 10:33
#236 Cum grano salis

Ti quoto al 100%.
Grazie del post che esprime anche il mio pensiero meglio di come avrei potuto fare io stesso :pint:
ZORG
#248 ZORG 2019-03-24 11:10
#247 Aigor
Citazione:
Ti quoto al 100%.
Io quoto te che quoti lui! :-D

Chi quota me che quoto lui che quota Cum grano salis? :hammer:
Decalagon
#249 Decalagon 2019-03-24 12:34
Cum grano salis
#250 Cum grano salis 2019-03-24 17:35
#248 ZORG
Allora io quoto te, che quoti lui, che quota me....
...ed abbiamo chiuso il grande cerchio della vita...
...siamo entrati in un loop spazio temporale...
...in un vortice multi dimensionale...
...sbucati in un altro universo...
...sovraccaricato il server di LC per sempre...

...e scoperto 'sto cazzo di moto perpetuo!...
che alla fine bastavano solo tre post di tre str.... qualunque come noi tre :hammer: :hammer: :hammer:

Comunque, io sono oltre i carnivori, vegetariani o vegani.
Sono molto, molto più avanti di tutti.
Io mi nutro solo di quello che non proietta ombra. :-D
ZORG
#251 ZORG 2019-03-24 17:51
#250 Cum grano salis
A me sinceramente sto stile vegano non mi ha mai convinto .. :roll:

Comunque la comunità di LC mi da grandi soddisfazioni .. ogni giorno imparo qualcosa.
Poi il giorno dopo arriva uno con un'altra teoria, mi convince, disimparo ciò che avevo appena imparato, e mi lancio sulla nuova.
Devo farmi un calendario per i giorni da dedicare a LC e quelli liberi, altrimenti ogni giorno cambio teoria.

Tutto questo sapere mi confonde! :hammer:
Cum grano salis
#252 Cum grano salis 2019-03-24 19:09
ZORG

Non ti dare proprio pensiero!!!

Su Marte, per ora, ci stanno solo le Scaramucche :



Sai che casino con gli anti insettariani-vegecarnivori :hammer:

Era per LC2MARS, ma già che c'ero...
Michele Pirola
#253 Michele Pirola 2019-03-25 14:20
Decalagon
Citazione:
Grazie per lo studio-fuffa basato sulle calorie che era stato confutato nelle precedenti discussioni. Chi ha redatto quello studio è semplicemente un cretino perché come cazzo si fa a calcolare il fabbisogno calorico di una persona immaginando che si nutra di sola lattuga? Boh.
Premessa errata. Nessuno dice che "ci nutriamo solo di lattuga", ma semplicemente dice che molti alimenti usati dai vegani e dai vegetariani hanno un impatto sull'ambiente molto maggiore della carne. In sintesi, la dieta vegetariana e vegana sono nemiche dell'ambiente. Ti piaccia o non ti piaccia, ma è così.
Gli studi che hai linkato, o meglio, le conclusioni degli studi da te postati, non so da dove siano presi, noto anche che negli ultimi due casi la fonte dell'articolo originale non è pervenuta:
Citazione:
3) A person who follows a vegan diet produces the equivalent of 50% less carbon dioxide, uses 1/11th oil, 1/13th water, and 1/18th land compared to a meat-lover for their food.  
Fonte? Boh
Citazione:
4) Each day, a person who eats a vegan diet saves 1,100 gallons of water, 45 pounds of grain, 30 sq ft of forested land, 20 lbs CO2 equivalent, and one animal’s life.  
Fonte? Boh

Nel primo e nel secondo caso c'è scritto il titolo di un libro. Quindi io dovrei leggermi tutto il libro per trovare quella conclusione lì, basata su non so quali dati, che contrastano con quelli di molti altre ricerche:
L'impatto ambientale della carne è allineato agli altri cibi
liberoquotidiano.it/.../...

Oppure, anche l'avocado risulta avere un grandissimo impatto sull'ambiente:
ilfattoalimentare.it/.../

Però di questo i vegani non ne parlano
Decalagon
#254 Decalagon 2019-03-25 20:18
Le fonti le trovi nel link originale che avevo messo prima, che ovviamente non hai nemmeno aperto:

www.cowspiracy.com/facts

Le fonti del punto 3) sono le seguenti (sul sito linkato sopra ci sono i collegamenti web)

"The carbon foodprint of five diets compared". Shrink That Footprint

Scarborough, Peter, et al. "Dietary greenhouse-gas emissions of meat-eaters, fish-eaters, vegetarians and vegans in the UK". Climactic Change. July 2014. Volume 125. Issue 2. pp. 179-192

Pimentel, David & Pimental, Marcia. "Sustainability of meat-based and plant-based diets and the environment". The American Journal of Clinical Nutrition. September 2003. vol 78. no 3 660S-663S

"Facts on Animal Farming and the Environment". One Green Planet.

"Vegetarianism and the Environment. Why going meatless is important". Vegetarian Guide

"Our Future Our Food. Making a Difference With Every Bite: The Power of the Fork!". Earth Save International

Ranganathan, Janet & Waite, Richard. "Sustainable Diets: What You Need to Know in 12 Charts". World Resources Institute. April 2016


Le fonti del punto 4) sono le seguenti:

Scarborough, Peter, et al. "Dietary greenhouse gas emissions of meat-eaters, fish-eaters, vegetarians and vegans in the UK". Climactic Change July 2014., Volume 125, Issue 2, pp 179-192

"Meat Eater's Guide to Climate Change and Health". Environmental Working Group. 2011

Ranganathan, Janet & Waite, Richard. "Sustainable Diets: What You Need to Know in 12 Charts". World Resources Institute. April 2016 (New)

"How much have you saved?" The Vegan Calculator (New)

Ogden, Lillie. "The Environmental Impact of a Meat-Based Diet". Vegetarian Times. (New)


Citazione:
Nessuno dice che "ci nutriamo solo di lattuga", ma semplicemente dice che molti alimenti usati dai vegani e dai vegetariani hanno un impatto sull'ambiente molto maggiore della carne. In sintesi, la dieta vegetariana e vegana sono nemiche dell'ambiente. Ti piaccia o non ti piaccia, ma è così.
No, non è così. O meglio: può sembrare così se confronti il fabbisogno calorico delle verdure con altri alimenti, dato che logicamente le verdure sono tra i cibi che hanno meno calorie degli altri in quanto sono composti principalmente da fibre e acqua.
Ma se ti fa stare meglio puoi continuare a crederci.

La realtà ovviamente è molto diversa, ed è spiegata bene anche nel paper della FAO "livestock's long shadow", da me già proposto nei miei articoli e nelle precedenti discussioni.
Lv78
#255 Lv78 2019-03-26 14:51
@ Michele Pirola: sul tuo stile di vita, visto che non usi o usi poco l'auto e tutto il resto che hai scritto niente da dire anzi complimenti, questo non toglie però che la produzione di carne a livello globale sia una delle maggiori cause di inquinamento e devastazione dell'ambiente.
Quanto agli studi che hai citato: senza combattere a colpi di studi vari, basta fermarsi a riflettere due minuti. Hai scritto: " In sintesi, la dieta vegetariana e vegana sono nemiche dell'ambiente": se anche ammettiamo che lo siano, la dieta onnivora lo è in maniera decisamente maggiore. Solo il fatto che la maggior parte delle coltivazioni eisistenti in tutto il mondo sono destinate agli allevamenti dovrebbe essere una risposta ineccepibile a quello studio che hai citato. Prova a immaginare se tutte quelle colture, invece che essere coltivazioni destinate agli allevamenti, fossero destinate a produrre cibo per l'uomo: saremmo sommersi di cibo in surplus rispetto alle effettive necessità! Ora, se per assurdo tutta l'umanità si cibasse solo di vegetali, ma anche non tutta, lasciando a chi non può coltivare vegetali la possibilità di continuare a mangiare animali (tipo gli Inuit per ovvi motivi e qualche altra popolazione che vive in zone sfavorevoli all'agricoltura) ma che dico tutta l'umanità, basterebbe e avanzerebbe quella "occidentalizzata", ci ritroveremmo con un'enorme quantità di terre prima destinate a produrre per gli allevamenti a discapito di foreste e boschi (o a discapito di colture a uso umano diretto). Se anche solo i paesi civilizzati e industrializzati decidessero di vivere di soli vegetali, avremmo un'enorme disponibilità di terre in più, prima destinate a produrre foraggi che si potrebbero riconvertire in foreste e polmoni verdi a beneficio di tutti noi. Il fatto che ad esempio l'Italia debba importare quasi la totalità dei mangimi (tra l'altro ogm dalle americhe e trattati con pesticidi da noi vietati) per potersi permettere di allevare animali, dato che è autosufficiente solo per circa un 10% per ciò che riguarda i foraggi, e che al contempo sia tra i primi esportatori di vegetali in Europa ti dice niente? Volendo lasciare i nostri tempi e andare a secoli e secoli fa (in cui non c'era certo l'attuale popolazione in esubero) Socrate sosteneva che una delle origini delle guerre fosse l'allevare animali: nel dialogo con Glaucone gli dice che per mangiare carne "avremo bisogno di molti maiali e di guardiani, e poi saremmo costretti a ricorrere più spesso ai medici. E gli allevamenti richiederanno spazi nuovi, sottraendo terreno all'agricoltura. Così, la città sarà costretta ad invadere i paesi vicini ed a fare la guerra". E questi concetti, come detto, sono stati partoriti non certo in tempi di cementificazione sostenuta e surplus di popolazione mondiale! Figuriamoci oggi.
Del resto basta che tu ipotizzi di avere a disposizione un ettaro di terra e a come utilizzarlo per la tua sopravvivenza: otterrai più cibo coltivandolo con vegetali per consumo umano o per coltivare vegetali per allevare qualche animale? Cosa ti garantirebbe maggiori quantità di cibo, l'avere ad esempio un kg di legumi o un kg di carne ottenuto con chili e chili di vegetali coltivati apposta? Non so se mi sono spiegato bene, spero di sì.
Lv78
#256 Lv78 2019-03-26 14:58
Tra parentesi: avocado nemmeno mai assaggiato, in compenso mi pare di aver sentito che vada alla grande col sushi che di certo non viene consumato dai vegani. Quinoa e altre robe esotiche nemmeno. Non so chi vi abbia ficcato in testa che chi mangia solo vegetale automaticamente si cibi di avocado, soia (non la mangio mai!), quinoa e boiate varie, quando siamo uno dei maggiori paesi esportatori di vegetali. Non c'è alcun bisogno di avocado o quinoa, abbiamo una gamma di vegetali (da quelli a foglia verde, ai legumi, ai cereali ecc...) invidiabile e che basta e avanza. Io personalmente evito prodotti esotici e mi cibo principalmente dei cibi che anche i nostri bisnonni vedevano regolarmente sulle loro tavole, che gli garantivano la sussistenza (carne e derivati sono da sempre stati cibo per i più abbienti, i meno abbienti li consumavano molto di rado, non a caso la gotta derivante dagli eccessi di questi alimenti venne definita come "malattia dei ricchi")e grazie ai quali avevano anche le energie per spaccarsi la schiena nei campi o nelle fabbriche: frutta e verdura, cereali, legumi, frutta secca, semi, ecc... tutti ben coltivabili da noi.
Lv78
#257 Lv78 2019-03-26 15:15
Sempre andando a tempi antichi, ricordo uno studio che diceva che il deserto del Sahara è tale (mentre prima era terra verde e fertile) a causa (o comunque anche a causa) della pastorizia: milioni di animali in greggi che nel corso dei secoli hanno via via estirpato dal terreno erbe e vegetali con cui si cibavano e calpestato nocivamente terreni fertili rendendoli di fatto aridi e poveri di vegetali, favorendo la desertificazione. E questo sempre secoli e secoli fa in cui la popolazione mondiale era uno sputo rispetto ad oggi. Secondo me siamo anche fortunati oggi a non essere vittime di una catastrofe naturale vista la popolazione attuale e i consumi attuali (o forse la catastrofe è in atto e non ce ne rendiamo nemmeno conto).
Tu e tutti gli altri potete mangiare carne solo grazie agli allevamenti intensivi, altrimenti non ci sarebbe tutta questa disponibilità quotidiana e a piacimento di carne (i nostri nonni ne sanno qualcosa): se per ipotesi non esistessero allevamenti intensivi ci sarebbe pochissima carne in circolazione da consumare quando pare e piace. L'alternativa? Gli animali selvatici non allevati, la caccia? In tal caso , per soddisfare la domanda, vedremmo sparire letteralmente gli animali selvatici dai loro habitat. Vedi tu quindi quale delle due, tra il vivere di soli vegetali e il vivere consumando anche carne e derivati, sia più o meno sostenibile.
webrasta
#258 webrasta 2019-03-27 08:58
Piccole soddisfazioni passeggere...

Senato batte Gretina 57-0: "Il Green New Deal è una farsa"

nypost.com/.../...

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO