Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

Lo ha detto come se dicesse: "Carne, pesce, per me è la stessa cosa. Purchè il cuoco sia contento".

La dichiarazione di Trump sulla nuova posizione degli Stati Uniti rispetto alla questione palestinese è stata semplicemente disarmante. Di fronte alle telecamere, nella conferenza stampa congiunta, il presidente Trump ha detto: "Guardo alla soluzione a due stati, e guardo alla soluzione ad uno stato. Per me va bene qualunque cosa vada bene a voi - ha detto guardando Netanyahu - purché vi mettiate d'accordo".

Talmente sorprendente è stata questa dichiarazione che lo stesso Netanyahu si è messo a ridere in diretta televisiva.

Eppure, quello che può sembrare un grandioso "lavaggio delle mani" alla Ponzio Pilato, da parte di Donald Trump, potrebbe anche nascondere una verità molto più sottile: ovvero che almeno una parte dei palestinesi preferisca in realtà la soluzione ad un solo stato.

La soluzione a due stati, come tutti sappiamo, è quella sostenuta dalle Nazioni Unite e dalla comunità internazionale ormai da diversi decenni: due stati contigui, lungo i confini del 67, che si riconoscono a vicenda, con Gerusalemme est come capitale della Palestina.

Ma questa soluzione sembra ormai irrealizzabile, anche perché la frammentazione della Cisgiordania, causata dai continui insediamenti dei coloni israeliani, ha reso la mappa del territorio palestinese come un groviera ormai irriconoscibile. Si può anche continuare a ripetere che si vuole una soluzione a due stati, ma ormai manca proprio la continuità fisica in quello che dovrebbe essere il futuro Stato palestinese.

E a questo punto, per alcuni palestinesi, diventa quasi quasi più appetibile la situazione ad un solo stato, purchè vengano riconosciuti pari diritti, civili e religiosi, a tutti: ebrei, cristiani e musulmani.

Perché è proprio qui che sta il punto cruciale della soluzione ad uno stato: Netanyahu vorrebbe uno stato unico con doppio standard, uno per gli ebrei e l'altro per i palestinesi, ovvero sostanzialmente una situazione di apartheid. Questo ovviamente sarebbe inaccettabile per i palestinesi.

Il segretario del PLO, Saeb Erekat, ha invece dichiarato: “Contrariamente al progetto di Netanyahu di uno stato con un doppio sistema, l'apartheid, l'unica alternativa ai due stati sovrani democratici è un singolo stato democratico e secolare con pari diritti per tutti, cristiani e ebrei e musulmani, che comprenda tutta la Palestina storica".

La parola chiave qui è "secolare". Uno stato secolare infatti chiuderebbe la porta all'idea dei sionisti più esasperati, che invece vogliono uno stato marcatamente "ebraico". Ed infatti, i nemici più acerrimi di questa soluzione sono proprio i leader della destra fondamentalista, come Isaac Herzog, che hanno definito "triste e vergognosa" questa possibilità.

Insomma, sembra che comunque la si rigiri non ci sia il modo di far contenti tutti. Resta però il fatto che con una semplice battutina da cabaret - "uno, due, per me fa lo stesso" - The Donald ha praticamente rovesciato il tavolo da gioco della questione palestinese. Che dite, la sua sarà stata semplice disattenzione?

Massimo Mazzucco

Fonti CNN,  RT

Aggiungi Commento   

peonia
#1 peonia 2017-02-16 19:57
Per me, così d'acchito, senza rifletterci, è una "paraculata".... poi vedrò di rifletterci.... :-D
non credo che sia stata estemporanea.....chissà che c'è dietro?!
clausneghe
#2 clausneghe 2017-02-16 20:14
Mah, più che disattenzioni a me sembra che il Donald, da quando ha preso il Potere, incorra in ripetute cilecche e retromarce.
Dopo le dimissioni di Flynn ,che era la sua scommessa in politica estera, dopo la retromarcia sulla Crimea, che contrariamente a quanto da lui detto in campagna elettorale ora " è desiderio del Presidente che ritorni alla Ucraina come pure il Donbass", ecco che oggi al primo incontro del suo Segretario di Stato, Rex Tillerson con il ministro degli Esteri E. Lavrov, sono intervenuti gli uomini della scorta di Tillerson e lo hanno letteralmente portato via, non lasciandogli il tempo di finire il discorso.
Se il buon giorno si vede dal mattino andiamo bene, andiamo.. :oops:
Per quanto riguarda Israele e la Palestina, se dovrà buttarne giù uno dalla torre, stiamo sicuri che saranno i Palestinesi, a schiantarsi..
p.s. Mi sono informato meglio e ho saputo che poi l'incontro è avvenuto normalmente e si sono parlati, anche se a livello preliminare.
Davide71
#3 Davide71 2017-02-16 20:45
Ciao a tutti:
secondo Trump non sa niente, non sospetta niente e capisce poco.
Nella sua testolina girano questi pensieri:
"Ma come, con tutti guai che provocano gli immigrati messicani, i terroristi islamici, (e chissá cos'altro) perché nessuno fa niente? Ci penso io!"
Nessuno ha il coraggio di dirgli che gli immigrati messicani non fanno niente di male (non rubano il lavoro agli Americani di sicuro!) e i terroristi islamici sono finanziati dagli USA. Speravano lo capisse da solo, speravano...
Immagino che stia ancora cercando di spiegarsi adesso perché si deve occupare di quell'inutile staterello (Israele).
Anteater
#4 Anteater 2017-02-16 20:49
Ormai Israele ha mano libera, il concetto di Trump è palese: scambio netto e fine di sabotaggi commerciali, responsabilità proprie (per ognuno)nei limiti, appoggio cieco una volta che Israele ha appiccato il fuoco(politico?) in Iran...

Quel rimbambito lottizza il suo mandato "in~contro▪promesse"...la sua visione è delegare in cambio di qualcosa e tutto ciò si intreccia in un meccanismo simile ai vicini di casa..in stile americano!

Poi c'è un'opposizione ridicola...che acclama la Clinton...capitanata dagli "artisti" e combattuta da Clint Eastwood dagli occhi di ghiaccio...musiche di Morricone...ma cosa si vuol sperare...un documentario di Michael Moore? prefazione di John Kerry...
Per capire i recinti?
Anche una casa brutta è un recinto..
..ma soprattutto dover lavorar per vivere è un recinto...
La manodopera palestinese è piuttosto capillare nello stato ebraico...ci son poi gli arabi israeliani tralaltro...
Due Stati? Assolutamente si, con un corridoio per Gaza, altrimenti soccombono male e peggio...

Slobbysta
Shuran
#5 Shuran 2017-02-16 20:59
Come al solito The Donald stupisce tutti con una mossa ad effetto: rimette alle parti in causa la scelta sul da farsi, dando così seguito alle sue parole in campagna elettorale, ovvero che gli Stati Uniti devono smetterla di fare i "poliziotti" globali, e lasciare che gli stati si autodeterminino (gli stati, non i popoli).

La soluzione di un unico stato Israeliano sarebbe la migliore per due motivi: primo, i palestinesi non hanno infrastrutture (grazie ai raid dell'IDF), in secondo luogo, metterebbe in luce la vera natura dello sionismo, ovvero la discriminazione razziale motivata da una mentalità eugenetica.

Come riuscirebbero a giustificare di fronte all'opinione pubblica occidentale, come Netanyahu guadagnerebbe il consenso di una società multietnica come quella USA ("melting pot" per antonomasia) se sostenessero le vere intenzioni sioniste?

Come potrebbero convincere l'Occidente (e gli USA, che con aiuti economici sostengono lo shekel, che altrimenti sarebbe carta straccia) a seguitare nel credere che Israele sia "l'unica democrazia del medio oriente" mentre implementano misure di apartheid che vanno contro ogni diritto internazionale?

Mettere in luce le contraddizioni dello stato israeliano e della sua politica razzista offrendo nel contempo di donargli ancora più territorio è una mossa a dir poco geniale, io vedo solo aspetti positivi nella proposta.

The Donald non è un ingenuo, secondo me è uno dei più grandi figli di buona donna dei nostri tempi, non fatevi illusioni, molte cose sono preparate a tavolino da staff iper-specializzati, ben poco è lasciato al caso. ;-)
moga
#6 moga 2017-02-16 21:10
Ad un affairista come Trump è logico che interessi di più far contenti gli ebrei, che negli USA sono una potenza, piuttosto che i palestinesi che contano come il due di briscola!
Junkers87
#7 Junkers87 2017-02-16 21:16
Piena coerenza di Trump: "NON ME NE FREGA UN $%&$%, SONO PROBLEMI VOSTRI"
invisibile
#8 invisibile 2017-02-16 21:31
Citazione:
Insomma, sembra che comunque la si rigiri non ci sia il modo di far contenti tutti. Resta però il fatto che con una semplice battutina da cabaret - "uno, due, per me fa lo stesso" - The Donald ha praticamente rovesciato il tavolo da gioco della questione palestinese. Che dite, la sua sarà stata semplice disattenzione?
Perché disattenzione? Sta solo facendo quanto promesso in campagna elettorale.

Semplicemente ha fatto capire che il teatrino degli americani buoni che vogliono giustizia ed equità per i palestinesi, è finito.

Quello che ha detto, ai sionisti ed è questo il punto, è "fate come più vi conviene", mantenendo appieno la promessa elettorale di supporto incondizionato al sionismo (si lui non lo ha chiamto così, ma di fatto è così).

Quindi mi pare solo un inutile esercizio di stile pensare a una qualunque soluzione che possa migliorare le condizioni disumane dei palestinesi. Non cambierà nulla ma se cambia qualcosa sarà in peggio come è sempre stato, solo che adesso i sionisti non devono più partecipare al teatrino scandalizzandosi per i "progressisti americani" che appoggiano i cattivi palestinesi, perché hanno il suo appoggio esplicito ed incondizionato.
mis-under-star
#9 mis-under-star 2017-02-16 21:46
il nodo da scioglere è e sarà sempre e solo:
Gerusalemme Est ed il Monte degli Ulivi altresi chiamato Monte del Tempio o Spianata.
Del resto sono concetti noti e arcinoti,la Bibbia ne parla da oltre duemila anni... ;-)
Haytham
#10 Haytham 2017-02-16 22:09
E' ora che capiate che non esiste compromesso col giudaismo; anche se si trovasse, assisteremmo ad un rapido voltafaccia (terrorismo o altri mezzi rodati). Semplicemente: da una parte abbiamo il piano Yinon/Kivunim e dall'altra il mondo arabo (esclusi sauditi e pochi altri) che sostiene il non-diritto ad esistere di quel ghetto incistato in Palestina. Le due visioni, com'è ovvio, non possono coabitare.
peonia
#11 peonia 2017-02-16 22:27
La vedo pù come Shuran... perchè non credo che Magaldi, che ha scritto una trilogia sui Massoni -di cui è uscito solo il primo tomo, vedremo gli altri - abbia detto a caso che Trump è stato "aiutato" dalla Massoneria progressista. E se ha sconvolto così tanto il panorama statunitense non può permettersi di dire le cose ad capocchiam... quell che pensano che sia uno che "non sa niente, non sospetta niente e capisce poco",fanno lo stesso erore che abbiamo fatto con Berlusconi....che sembrava un "cretino" ma non lo è affatto, altra cosa confermata da Magaldi...
Vedremo il risultato....
Michele Pirola
#12 Michele Pirola 2017-02-16 22:33
Avete sentito che ieri Trump ha detto di voler spostare l'ambasciata americana a Gerusalemme??
blackbart
#13 blackbart 2017-02-16 23:39
Michele Pirola:
Citazione:
Avete sentito che ieri Trump ha detto di voler spostare l'ambasciata americana a Gerusalemme??
E' da un po' che Trump parla della "riesumazione" del progetto di trasferire l'ambasciata (per'altro Israele ha continuato a riservare un lotto di terreno proprio per l'occasione).
Si tratta di un messaggio politico forte: storicamente le ambasciate non sono ospitate nella capitale per rispettare la "sacralità" di Gerusalemme. In realtà la stessa capitale non dovrebbe essere Gerusalemme.

Quale sia il significato del messaggio è difficile dirlo: certamente rappresenterebbe un forte riconoscimento, da parte degli USA, di Gerusalemme come capitale.
Dunque un rafforzamento dell'autorità israeliana?
Secondo me non è detto.
Alla luce delle recenti dichiarazioni di Trump potrebbe invece essere l'opposto.

La proposta di un unico stato, come espresso nell'articolo, risolverebbe molti problemi ma obbligherebbe Israele ad abbandonare l'idea di uno stato ebraico.
In uno stato laico, l'idea di riconoscere ufficialmente Gerusalemme come capitale sarebbe naturale e acquisterebbe quindi un significato ben preciso.

Naturalmente Netanyahu sbava all'idea di un'unico stato ebraico (a cui spetterebbe.. testuali parole... la "gestione della sicurezza") ma realisticamente vedo molto improbabile, nel 2017, sdoganare presso l'opinione pubblica mondiale l'idea di un apartheid su base razziale (ebrei si nasce, non lo si può divenire).

Sono sicuro che, riflettendoci a mente lucida, Netanyahu abbia smesso di ridere: è evidente infatti che un unico stato laico significherebbe la fine del sionismo ma, a pensarci bene, il sionismo potrebbe aver esaurito la sua utilità nell'area oramai dominata da nuovi equilibri. Inoltre Trump ha dato chiari segni di voler intraprendere una politica, se non isolazionista, meno interventista.

"uno, due, per me fa lo stesso"

Sì, ha smesso di ridere.
Ne sono sicuro.
blackbart
#14 blackbart 2017-02-16 23:49
Haytham:
Citazione:
E' ora che capiate che non esiste compromesso col giudaismo
Non confondiamo sionismo con l'ebraismo oppure ti devo ricordare ancora una volta chi era il ratto baffuto?
Ah... vedete che sion sta perdendo colpi e vi agitate eh... bene bene :-x
Ora il giochino è finito.
Sappiatelo. :perculante:
Giova1488
#15 Giova1488 2017-02-17 00:18
Citazione:
Non confondiamo sionismo con l'ebraismo
ancora con ste differenze? ma perche' quegli stronzi infami che si vanno a vedere i bombardamenti su Gaza cosa sono, vietnamiti?

Citazione:
Ah... vedete che sion sta perdendo colpi e vi agitate eh... bene bene
ma che stai a di?

Citazione:
la fine del sionismo ma, a pensarci bene, il sionismo potrebbe aver esaurito la sua utilità nell'area oramai dominata da nuovi equilibri. Inoltre Trump ha dato chiari segni politici di voler intraprendere una politica, se non isolazionista, meno interventista.
ma che stai a di 2, la vendetta
blackbart
#16 blackbart 2017-02-17 00:26
Ecco l'altro camerata :perculante:

Giova1488:
Citazione:
ancora con ste differenze? ma perche' quegli stronzi infami che si vanno a vedere i bombardamenti su Gaza cosa sono, vietnamiti?
Sono sionisti, dovresti conoscerli bene. :-P

Dovresti provare ad aprirti alla pace e all'amore invece di avere questo oscuro odio nel tuo cuore. :perculante:

Citazione:
ma che stai a di 2, la vendetta
Dico che dovresti dare un'occhiata ai prossimi acquisti militari USA...

PS: a proposito di vietnam e vietnamiti...

Haytham
#17 Haytham 2017-02-17 00:50
@blackbart
Citazione:
Non confondiamo sionismo con l'ebraismo oppure ti devo ricordare ancora una volta chi era il ratto baffuto?
Ah... vedete che sion sta perdendo colpi e vi agitate eh... bene bene :-x
Ora il giochino è finito.
Sappiatelo. :perculante:
Su... Rieducational Channel!
Cassandra
#18 Cassandra 2017-02-17 01:12
Impossibile.
La demografia impedisce una soluzione del genere: nel giro di venti o trent'anni, Israele sarebbe uno Stato islamico, nel senso proprio di Stato con al governo islamici che fanno leggi islamiche. Magari 40 anni fa sarebbe stato possibile, quando i palestinesi erano laici e socialisti, ma oggi la propaganda wahabita ha reso tutti degli esaltati religiosi.
Soluzione improponibile.
JProctor_911
#19 JProctor_911 2017-02-17 02:52
Dirò una cosa ovvia, ma dichiarandosi indifferente in realtà non rimane indifferente.
Prende implicitamente le parti del più forte che invece una posizione netta ce l'ha.
La metafora di Pilato calza a pennello.
invisibile
#20 invisibile 2017-02-17 07:47
Haytham

Affermare che sionismo ed ebraismo siano la stessa cosa significa raccontare balle fare disinformazione.

Citazione:
Giova1488

Citazione: Non confondiamo sionismo con l'ebraismo
################

ancora con ste differenze?
Se differenze ci sono non è che spariscono magicamente perché a te fa fatica accettarle.
Solo un esempio:



Citazione:
ma perche' quegli stronzi infami che si vanno a vedere i bombardamenti su Gaza cosa sono, vietnamiti?
RIMOSSO M.M.

Sono tutti criminali, quelli che si godono i bombardamenti a Gaza come quelli che ammiri tanto.

Ladri ed assassini, che non hanno nemmeno la dignità di accettare le loro scelte e si nascondono dietro false ideologie.

I peggiori in assoluto, perché non sono solo ladri ed assassini, sono anche codardi.
Tianos
#21 Tianos 2017-02-17 09:50
ma scusa invisibile, Non si dovrebbe criticare sion per quello che fa? ci sono i naturei karta a difendere il vero ebraismo, gli altri se non si ritengono sionisti che allora lo accusino apertamente (sono gli unici che possono farlo e persino loro rischiano la censura e l'accusa di antisemitismo, i famosi coloro che odiano se stessi) che abbandonino israele e le case che hanno occupato dopo aver massacrato e ucciso famiglie, che siano loro stessi a fare un embargo e a pubblicizzarlo a più non posso verso il loro amato "stato".

RIMOSSO M.M.

Io di mio preteggerò con ogni mia forza i naturei karta (che sono i veri ebrei) uno non si sente Sionista? bene si converta al movimento dei naturei karta.

c'è una metafora per farti capire il concetto: durante le esecuzioni in tempo di guerra, ai fucilieri erano dati i fucili e solo uno di essi era caricato a salve, inconsapevoli a chi fosse arrivato il fucile a salve. cosi perchè uno era innocente tutti finivano per esserlo e nessuno avrebbe potuto portarli in futuro in giudizio...ma intanto uno moriva.
invisibile
#22 invisibile 2017-02-17 10:46
Tianos

Sono perfettamente d'accordo con te e non capisco da cosa hai pensato che non fosse così.

Puoi citarmi quello che non ti torna?

Ci deve essere un malinteso...
blackbart
#23 blackbart 2017-02-17 11:25
Tianos e Invisibile: secondo me state dicendo le stesse cose. :perculante:

RIMOSSO M.M.

Le ideologie nazionaliste sono vuoti a perdere, utili finchè fa comodo.

Già in questo thread, nel totale sgomento dei camerati, abbiamo avuto modo di ripassare cosa fosse realmente il nazismo e da chi fosse finanziato. Il che rende ovvio il mistero misterioso di come abbia fatto l'intera cupola criminale (da Hitler a Bormann, da Eichmann a Priebke) a trasferirsi in sud america e perchè, durante la farsa del processo di Norimberga, siano stati secretati documenti importantissimi che ne avrebbero permesso la cattura.
Ma qui parliamo di Sionismo e di Israele che, senza il nazismo, non sarebbe mai nato.
Le analogie con il nazismo sono però evidenti.
Abbiamo infatti tutti gli ingredienti tipici del genere.

RIMOSSO M.M.

Spunti di riflessione che lascio come esercizio all'attento lettore: :perculante:
Ci ritroviamo nella politica attuale?
Cosa è venuto meno a Israele e perchè?
Se l'ideologia Sionista fosse genuina, perchè i maggiori alleati di Israele sono le nazioni islamiche più fanatiche e teocratiche?
qilicado
#24 qilicado 2017-02-17 11:35
Per chi volesse vedere la scena di cui parla l'articolo, vi linko il momento della risposta di Trump. youtu.be/SmfseeZt5fA?t=14m :-)
peonia
#25 peonia 2017-02-17 11:53
qilicado grazie, non ero riuscita a vederla, sarebbe interessante ci fosse uno che sapesse interpretare la mimica facciale di Trump... :-D
blackbart
#26 blackbart 2017-02-17 12:24
Cassandra:
Citazione:
Impossibile.
La demografia impedisce una soluzione del genere: nel giro di venti o trent'anni, Israele sarebbe uno Stato islamico, nel senso proprio di Stato con al governo islamici che fanno leggi islamiche. Magari 40 anni fa sarebbe stato possibile, quando i palestinesi erano laici e socialisti, ma oggi la propaganda wahabita ha reso tutti degli esaltati religiosi.
Soluzione improponibile.
Palestinesi, curdi e iracheni sono sicuri che l'Isis sia una trovata di Israele per inchiappettarli.
Non condivido del tutto ma comprendo perfettamente.
In ogni caso, e nonostante tutto, sono popoli dotati di grande senso dell'umorismo.

Segnalo questo famoso video divertente, tratto da una serie televisiva satirica palestinese.

PS: qualcuno mi ricorda se (e come) è possibile incorporare un video youtube qui nei commenti? (ho provato di tutto)
Anteater
#27 Anteater 2017-02-17 13:24
RIMOSSO M.M.

Mah, tutto da dimostrare, a priori direi di no...basta aver letto anche Vladimir Žabotinskij it.m.wikipedia.org/wiki/Vladimir_%C5%BDabotinskij e che un'idea sionista praticabile si discuteva a Basilea molto tempo prima...

blackbartCitazione:
, abbiamo avuto modo di ripassare cosa fosse realmente il nazismo e da chi fosse finanziato.
Abbiamo?...io sinceramente non ho da ripassare proprio nulla...casomai aggiungere chiarezza...
..e chi non ha letto molti anni fa Walter Graziano?
Tra l'altro il nazismo va scomposto, altrimenti davvero si crea fanatismo..insomma ci son più voci da più sponsor, è ridicolo parlare di Wall Street ed impettirsi...

blackbartCitazione:
Se l'ideologia Sionista fosse genuina, perchè i maggiori alleati di Israele sono le nazioni islamiche più fanatiche e teocratiche?
Mi verrebbe voglia di risponderti superficialmente con un: son entrambi sémitique!
Ma in realtà perché il tuo commento è viziato...gli arabi non son certo i MAGGIORI alleati(...te lo vedi un caccia ebraico far rifornimento in Qatar?) per bombardare l'Iran?
Il maggior alleato sono gli USA FRANCIA e la City...+ i fautori dell'Europa unita...paradossalmente terrei d'occhio pure la laica Turchia...e tanti russi che contano son poi ebrei...

blackbartCitazione:
Le ideologie nazionaliste sono vuoti a perdere, utili finchè fa comodo.
Anche qui non generalizzerei...io amo il sardo...ma insomma senza del nazionalismo non avremmo l'orgoglio basco, una meno concreta Crimea...certi nazionalismi invece son stati dei toccasana...ricordo l'India di Gandhi...

..generalizzare è stupido...

Slobbysta
invisibile
#28 invisibile 2017-02-17 13:42
Citazione:
blackbart

Tianos e Invisibile: secondo me state dicendo le stesse cose
Lo credo anche io.
RIMOSSO M.M.

Ottimo riassunto :pint:
Shuran
#29 Shuran 2017-02-17 13:59
@ Anteater
Citazione:
Tra l'altro il nazismo va scomposto, altrimenti davvero si crea fanatismo..insomma ci son più voci da più sponsor, è ridicolo parlare di Wall Street ed impettirsi...
Ti sarei grato se ci illuminassi tutti su tutte le altre voci, basta anche un link che chiarisca la tua opinione, comincio io con questo che dice l'opposto di quanto da te sostenuto:
voltairenet.org/.../...

Grazie in anticipo per la risposta.
invisibile
#30 invisibile 2017-02-17 14:07
Citazione:
Anteater

Tra l'altro il nazismo va scomposto, altrimenti davvero si crea fanatismo...
Questa frase è un ossimoro.

RIMOSSO M.M.

Uno dei tratti citati di entrambi è la convinzione di essere superiori a tutti gli altri (popolo eletto/superiore) e quindi di avere il diritto (naturale/divino) di comandare su tutti gli altri, che è proprio una caratteristica di ogni fanatismo.
pierodeola
#31 pierodeola 2017-02-17 14:16
Non è disattenzione è realismo.La politica mondiale da ocidente viene elaborata e fatta dai sionisti.Dico sioist non ebrei che in larga parte non amano e non approvano la politica del premier.Ha vinto le elezioni promettendo chee lo stato palestinese non sarebbe mai esistito e su tale base politica riuscirà a mantenere il potere a lungo e a dimostrare che in Israele dominano i criminali e i laadri di terra,acqua e dignità umana. Anche Putin su tale argomento non fa nulla perchè il sionismo miliardario fa comodo e paura anche a lui. Il mondo è perduto e chi lo ha trovato sono sempre loro:le note vittime del presunto olocausto.
invisibile
#32 invisibile 2017-02-17 14:29
Ed arriiviamo alla realtà, dove il sionismo, il nazismo e tutte le etichette non esistono, perché sono solo rappresentazioni delle paure interiori create ad arte per poter controllare le persone.

Chi comanda il mondo da molti millenni conosce molto bene cosa è un essere umano e come metterlo in gabbia.

In fondo è molto semplice, basta creare la gabbia adatta ad ogni tendenza e le persone, convinte di aver fatto una scelta e di avere opinioni proprie, ci si rinchiudono da sole.

Sionisti, nazisti, ebrei od eschimesi, ricchi o poveri, intelligenti o stupidi, belli e brutti nazioni e bandiere, sono solo prigioni mentali dove ognuno a seconda di quello che sceglie per se stesso (inconsciamente quasi sempre), può sentirsi rassicurato ed identificarsi con qualcosa.

Ecco perché sembra così facile per chi comanda, non lo è, infatti le risorse impiegate per creare e mantenere tali illusioni sono enormi, sembra facile solo perché i prigionieri ci entrano da soli nelle gabbie, senza nemmeno rendersenen conto.


Ecco perché "vanno presi da piccoli", perché se sono o diventano grandi non li acchiappi più.
Haytham
#33 Haytham 2017-02-17 14:46
E niente, non c'è possibilità di dialogo... solo auto-appuntati maestri che dispensano lezioni a gratis a noi poveretti senza bussola. Se volessi ascoltare sermoni, frequenterei le chiese.

Peccato...
Pasquino
#34 Pasquino 2017-02-17 14:50
Per comprendere appieno le motivazioni che da sempre vedono l'america come il bastone di sostegno di israele, lo si potrà comprendere solo una volta conosciuta la vera storia dell'america: ovvero chi erano i coloni? Chi fu a promuovere lo schiavismo? Chi ha dettato dove e come promuovere le guerre a cominciare da quella di secessione? Chi muove i fili del congresso? ecc.ecc. www.disinformazione.it/.../
invisibile
#35 invisibile 2017-02-17 14:59
Citazione:
Haytham

E niente, non c'è possibilità di dialogo... solo auto-appuntati maestri che dispensano lezioni a gratis a noi poveretti senza bussola. Se volessi ascoltare sermoni, frequenterei le chiese.
Probabilmente non te ne rendi conto, ma sei proprio TU che hai impostato in questo modo la discussione.
l'inizio del tuo primo post:

Citazione:
Haytham

E' ora che capiate...
Proprio con il tono da prete che fa un sermone. Mancava solo l'amen.

Vuoi discutere nel merito?
Prego, di elementi ce n'è quanti ne vuoi. Invece pare che tu preferisca fare la lagna addossando ad altri quello che fai tu.

RIMOSSO M.M.


Tò, anche gli americani, e anche....

uscire dal circolo infernale no eh, capisco, fa strizzare il culo affrontare la vita senza stampelle ideologiche ;-)
Tianos
#36 Tianos 2017-02-17 15:13
@invisibile chiedo venia avevo interpretat male le risposte che avevi dato ad altri utenti.
Haytham
#37 Haytham 2017-02-17 15:15
Chiedo perdono Maestro, ma dopo quell'incipit io avrei aggiunto dell'altro. Invece di fossilizzarsi sulla lana caprina, si potrebbe magari discutere sul piano Kivunim e di come esso sia vagamente contro gli interessi del medio-oriente tutto, per dirne una. Non voglio trovarmi nei panni di Don Chisciotte e perciò, umilmente, ti auguro di allargare le fila dei tuoi proseliti con la tua commovente saggezza, di cui non mi ritengo degno.

Saluti.
Shuran
#38 Shuran 2017-02-17 15:17
Citazione:
Ecco perché "vanno presi da piccoli", perché se sono o diventano grandi non li acchiappi più.
Esatto, il condizionamento mentale deve cominciare durante l'infanzia, altrimenti diviene via via più complicato convincere un uomo od una donna che le ingiustizie sociali sono accettabili.

Ricordiamoci quindi che quando un israeliano vota per il Likud, per l'HaTnuah o per lo Yesh Atid non hanno in realtà una vera scelta, dato che le politiche verso i palestinesi non cambiano poi di molto.

Ma essendo gli israeliani stati indottrinati (come noi tutti, del resto) dalle proprie istituzioni, alcuni non si rendono conto delle contraddizioni sioniste, molti altri le intuiscono ma non colgono la magnitudine dei delitti perpetrati dal loro governo e dismettono la questione come "marginale", molti altri capiscono chiaramente cosa Israele fa ai palestinesi e vorrebbero ribellarsi, ma "tengono famiglia" e se ne lavano le mani (loro sì, veri Ponzio Pilato, non Trump che è arrivato da meno di un mese!!!).

Poi ci sono quelli che, pur essendo israeliani ed ebrei, riescono a capire la gravità della situazione (avendo vissuto, anche in prima persona, le stragi sioniste, magari accanto ai carnefici) e denunciano con i loro scritti le famose contraddizioni a cui facevo riferimento prima.

Due esempi (ma se cercate sono certo che ne troverete tanti altri) sono Gilad Atzmon ed Henry Makow, il primo ex soldato dell'IDF, il secondo un ebreo canadese che ha vissuto in prima persona il razzismo in Israele.

(RIMOSSO. M.M.)

Oppure credete che i tedeschi siano stati tutti nazisti? O gli italiani tutti fascisti?

Non facciamo di tutte le erbe un unico fascio, che poi si fa confusione. :hammer:
Shuran
#39 Shuran 2017-02-17 15:47
esempio di brutale uccisione perpetrata da un giovane soldato dell'IDF ad Hebron (alla fine è stato condannato per questo omicidio).



Purtroppo è da notare che i giudici che lo hanno condannato sono stati costretti ad avere un dispiegamento di forze di polizia non indifferente per evitare il linciaggio della folla che voleva l'impunità del soldato assassino.

Dire che tale "folla" abbia ricevuto il lavaggio del cervello è riduttivo, come si fa ad accettare che si possa sparare ad una persona disarmata ed inerme che giace a terra va oltre le mie capacità logiche, è un mio limite.

Solo se si considerano una "razza" diversa possono accettare un simile comportamento su quella persona e, di conseguenza, le atrocità commesse nei territori occupati.
Redazione
#40 Redazione 2017-02-17 15:58
ATTENZIONE: Tutti i riferimenti ad un possibile parallelo fra sionismo e nazismo sono sati rimossi. (Mi dispiace per la discussione, ma non possiamo rischiare).

Da adesso restate STRETTAMENTE in tema perfavore.
Michele Pirola
#41 Michele Pirola 2017-02-17 16:10
Citazione:
E' da un po' che Trump parla della "riesumazione" del progetto di trasferire l'ambasciata (per'altro Israele ha continuato a riservare un lotto di terreno proprio per l'occasione). Si tratta di un messaggio politico forte: storicamente le ambasciate non sono ospitate nella capitale per rispettare la "sacralità" di Gerusalemme. In realtà la stessa capitale non dovrebbe essere Gerusalemme. Quale sia il significato del messaggio è difficile dirlo: certamente rappresenterebbe un forte riconoscimento, da parte degli USA, di Gerusalemme come capitale. Dunque un rafforzamento dell'autorità israeliana? Secondo me non è detto. Alla luce delle recenti dichiarazioni di Trump potrebbe invece essere l'opposto. La proposta di un unico stato, come espresso nell'articolo, risolverebbe molti problemi ma obbligherebbe Israele ad abbandonare l'idea di uno stato ebraico. In uno stato laico, l'idea di riconoscere ufficialmente Gerusalemme come capitale sarebbe naturale e acquisterebbe quindi un significato ben preciso. Naturalmente Netanyahu sbava all'idea di un'unico stato ebraico (a cui spetterebbe.. testuali parole... la "gestione della sicurezza") ma realisticamente vedo molto improbabile, nel 2017, sdoganare presso l'opinione pubblica mondiale l'idea di un apartheid su base razziale (ebrei si nasce, non lo si può divenire). Sono sicuro che, riflettendoci a mente lucida, Netanyahu abbia smesso di ridere: è evidente infatti che un unico stato laico significherebbe la fine del sionismo ma, a pensarci bene, il sionismo potrebbe aver esaurito la sua utilità nell'area oramai dominata da nuovi equilibri. Inoltre Trump ha dato chiari segni di voler intraprendere una politica, se non isolazionista, meno interventista. "uno, due, per me fa lo stesso" Sì, ha smesso di ridere. Ne sono sicuro.
Vero, è da tanto che Trump ne parla, però la questione in questo momento è più viva che mai. Netanyahu ovviamente salta di gioia nell'idea di un solo stato ebraico. Mi auguro che Trump lasci l'ambasciata americana a Tel Aviv, sennò provocherebbe un'ira incredibile dei palestinesi. Speriamo, lo vedo impossibile, entro quattro anni risolvere il conflitto arabo-israeliano
Michele Pirola
#42 Michele Pirola 2017-02-17 16:14
Citazione:
ATTENZIONE: Tutti i riferimenti ad un possibile parallelo fra sionismo e nazismo sono sati rimossi. Da adesso restate STRETTAMENTE in tema perfavore.
Infatti, sono due idee completamente diverse. Parlando di israeliani, avete sentito che Le Pen vuole togliere la doppia cittadinanza ai cittadini franco-israeliani? All'inizio questa scelta mi sembrava sbagliata, perché pensavo che espellesse chiunque non scegliesse la cittadinanza francese, invece lei stessa ha detto che è un dovere accogliere e che non manderà a casa chiunque in possesso della doppia cittadinanza che non sceglie quella francese
blackbart
#43 blackbart 2017-02-17 16:18
Anteater:
Citazione:
Mah, tutto da dimostrare, a priori direi di no...basta aver letto anche Vladimir Žabotinskij it.m.wikipedia.org/wiki/Vladimir_%C5%BDabotinskij e che un'idea sionista praticabile si discuteva a Basilea molto tempo prima...
Naturalmente... l'idea della Terra Promessa ha radici lontane!
Migrazioni di ebrei in Palestina (come regione geografica) erano in atto fin dalla fine dell'800.
E non dimentichiamo che almeno la metà degli ebrei tedeschi, dopo le leggi razziali, emigrò all'estero (molti in USA) e una parte di questi andò ad ingrossare le ondate migratorie verso la Palestina.
Ma senza il nazimo non si avrebbe avuta la giustificazione forte alla creazione di uno Stato vero e proprio, comunque non come lo conosciamo oggi.
Anteater: non hai mai riflettuto sul fatto che l'Olocausto venga strumentalizzato per inviare finanziamenti oppure come copertura politica presso l'opinione pubblica mondiale?
Tutto può essere ma credo che, in assenza del nazismo, sarebbe stato molto difficile sdoganare l'idea di uno Stato ebraico e quindi, per definizione, razzista.

Citazione:
Tra l'altro il nazismo va scomposto, altrimenti davvero si crea fanatismo..
Il nazismo è per definizione fanatismo perchè, per funzionare, necessita di un pensiero nazionale unico, un forte indottrinamento e l'eliminazione di qualsiasi forma di dissidenza.

Citazione:
insomma ci son più voci da più sponsor
Certo. Un po' come l'affermazione che l'Isis sia una "creatura" di USA, Israele o Arabia Saudita sarebbe riduttiva, allo stesso modo possiamo dire che la Germania di Hitler era una grassa baldracca frequentata da molti puttanieri.

Citazione:
è ridicolo parlare di Wall Street ed impettirsi...
Il ridicolo è non accettare i fatti.

Citazione:
Mi verrebbe voglia di risponderti superficialmente con un: son entrambi sémitique!
Sarebbe superficiale ma anche fuori luogo.
Infatti non ho mai usato quel termine: la parola semita indica generalmente una etnia i cui rappresentanti più indicativi, a voler essere onesti, sarebbero proprio i palestinesi!
Verrebbe da pensare che l'equivoco linguistico a cui i media ci hanno abituato non sia casuale.

Citazione:
Ma in realtà perché il tuo commento è viziato...gli arabi non son certo i MAGGIORI alleati(...te lo vedi un caccia ebraico far rifornimento in Qatar?) per bombardare l'Iran?
Ce lo vedrei molto bene in verità visto che gli eserciti hanno una certa compatibilità.
E ancora meglio vedrei l'Arabia Saudita:

Ryiad finanziò, infatti, sia l’invasione israeliana del Libano nel 2006, con l’obiettivo di annientare il nemico comune rappresentato dalla resistenza libanese di Hezbollah, sia l’operazione su Gaza del 2008-2009, chiamata “Piombo Fuso”, che aveva come obiettivo quello di punire la resistenza palestinese nella Striscia non più allineata alla direttive saudite.

A livello militare, infatti, lo stato israeliano supporta, ufficialmente e non, tutte le iniziative e gli interventi di Ryiad. In Yemen, ad esempio, il governo israeliano fornisce armi e supporto logistico alle truppe saudite che combattono contro gli sciiti Houti, contribuendo ad un continuo massacro di civili. Lo stesso appoggio, anche se in maniera indiretta,c’è nei confronti dei gruppi jihadisti finanziati e sostenuti dai sauditi in Siria. LINK

Dicevo... Israele ha alleanze solide con le peggio teocrazie islamiche ma non certo per bombardare l'Iran... visti i fitti, seppur nascosti, rapporti commerciali.

Citazione:
Anche qui non generalizzerei...io amo il sardo...ma insomma senza del nazionalismo non avremmo l'orgoglio basco, una meno concreta Crimea...certi nazionalismi invece son stati dei toccasana...ricordo l'India di Gandhi...

..generalizzare è stupido...
E ancora più stupido non adoperare correttamente la lingua, quando per istruzione si dovrebbe essere in grado.
Ho parlato di ideologia nazionalista.
L'ideologia (specie quella della "bandierina" da sventolare) non ammette sfumature ed è perciò assoluta e immutabile e quindi, non essendo in grado di adattarsi, destinata a morire.
Le idee sopravvivono perchè evolvono, l'ideologia no.
(e le nazioni sono morte da un pezzo)

============================

Haytham:
Citazione:
sul piano Kivunim e di come esso sia vagamente contro gli interessi del medio-oriente tutto, per dirne una
Mi sembra una semplificazione. La destabilizzazione della Libia, ad esempio, sappiamo bene da chi e per cosa è stata voluta.
E' facile pensare che ci siano dei buoni da una parte e dei cattivi dall'altra e non vedere come gli interessi, in molti casi, siano molteplici e globali.

============================

RIMOSSO (M.M.)

Lo hai letto quello che ho scritto sopra?
blackbart
#44 blackbart 2017-02-17 16:29
Citazione:
ATTENZIONE: Tutti i riferimenti ad un possibile parallelo fra sionismo e nazismo sono sati rimossi. Da adesso restate STRETTAMENTE in tema perfavore.
Mi fa piacere che Trump confermi la propria solidarietà ad Israele, paese nostro amico, in modo da porre fine alla questione isrealiano-palestinese!111!!!
A quando un pieno riconoscimento dei diritti LBGT??? :-x

A parte gli scherzi... visti i tempi non faccio una colpa a MM ma, a questo punto, auguro a tutti buon proseguimento.

Citazione:
Lo hai letto quello che ho scritto sopra?
No perchè, coma sai, quando editi via ajax non hai modo di vedere le modifiche concorrenti su altri post (devi eseguire il refresh di pagina).
invisibile
#45 invisibile 2017-02-17 16:49
Massimo, non credevo che comparare SIxxx con NAxxx (ecco che scriviamo in codice... :-? ) mettesse a rischio il sito, in quanto il SIxxx è una ideologia, non uno stato, una razza o religione (ufficialmente).

Io sapevo che, almeno per ora questo rischio non c'era e che quello che è meglio evitare è fare paragoni tra ISxxx e Naxxx, altrimenti non l'avrei fatto

Sei sicuro?
invisibile
#46 invisibile 2017-02-17 17:04
Citazione:
Shuran

esempio di brutale uccisione perpetrata da un giovane soldato dell'IDF ad Hebron (alla fine è stato condannato per questo omicidio). Purtroppo è da notare che i giudici che lo hanno condannato sono stati costretti ad avere un dispiegamento di forze di polizia non indifferente per evitare il linciaggio della folla che voleva l'impunità del soldato assassino. Dire che tale "folla" abbia ricevuto il lavaggio del cervello è riduttivo, come si fa ad accettare che si possa sparare ad una persona disarmata ed inerme che giace a terra va oltre le mie capacità logiche, è un mio limite. Solo se si considerano una "razza" diversa possono accettare un simile comportamento su quella persona e, di conseguenza, le atrocità commesse nei territori occupati.
Infatti per arrivare a considerarsi di una razza diversa da qualsiasi altro essere umano, e come se non bastasse di una razza superiore con diritti superiori su altri, bisogna avere il cervello in pappa a causa di un lavaggio estremo, che purtroppo è più comune di quanto si pensi.

Quando parlo di prigioni mentali parlo di una cosa POTENTE in quanto capace di far vivere le persone fuori dalla realtà.

Stiamo parlando di follia che può arrivare al delirio.

Ogni guerra è basata sulla follia delirante, una patologia mentale seria e profonda.
Maksi
#47 Maksi 2017-02-17 17:36
Ma Soros è sionista o anti-sionista?
No, perché da certi ambienti sionisti è considerato un traditore, perché con alcune sue ONG appoggia interessi palestinesi; nonché, come sappiamo, è integralmente anti-trumpiano, che è filo-Israele.
Pro-LGBT, pro-negri, fautore del meticciamento no borders, anti-razzista militante... sembra rispecchiare il modello di molti qui dentro.
Quindi questo ebraismo miliardario d'elite è il vero ebraismo contro il sionismo piu' rozzo?
horselover
#48 horselover 2017-02-17 17:47
soros è palindromo
Giova1488
#49 Giova1488 2017-02-17 18:04
vabbe' ma non si puo' scrivere piu' un cazzo..rimosso rimosso rimosso rimosso..la paura fa novanta
non capisco a cosa serva un forum di discussione se non si puo' discutere
Haytham
#50 Haytham 2017-02-17 18:05
RIMOSSO.

Sei sospeso da questa discussione.

M.M.
Giova1488
#51 Giova1488 2017-02-17 18:07
Citazione:
tutti i riferimenti ad un possibile parallelo fra sionismo e nazismo sono sati rimossi.


Giova1488
#52 Giova1488 2017-02-17 18:10
Citazione:
Massimo, non credevo che comparare SIxxx con NAxxx (ecco che scriviamo in codice... :-? ) mettesse a rischio il sito, in quanto il SIxxx è una ideologia, non uno stato, una razza o religione (ufficialmente).
horselover
#53 horselover 2017-02-17 18:12
la soluzione migliore sarebbe nessuno stato.comunque nel lungo termine non credo che israele possa sopravvivere
Maksi
#54 Maksi 2017-02-17 18:16
Dove sono gli antichi Romani quando servono? 8-)
Redazione
#55 Redazione 2017-02-17 18:23
INVISIBILE: Citazione:
Massimo, non credevo che comparare SIxxx con NAxxx (ecco che scriviamo in codice... :-? ) mettesse a rischio il sito
Quello che credi tu non ha nessuna importanza.

Questa discussione è chiusa.
(Non posso tornare a controllare ogni 20 minuti, e visto che non la volete capire facciamo così).
social_observ
#56 social_observ 2017-02-19 01:18
A me sembra che sia una una presa di posizione pilatesca dettata dalla mancanza di buona volontà
da entrambe le parti negli ultimi 66 anni.
Michele Pirola
#57 Michele Pirola 2017-02-20 14:48
Ieri alle Iene hanno fatto vedere come vivono tra loro israeliani e palestinesi, mi sono messo le mani nei capelli! Parlavano di una famiglia palestinese che vive nel terrore: un soldato israeliano una volta ha spaccato la bottiglia di vetro in faccia a sua figlia palestinese e hanno tentato di strappare la bandiera palestinese, inoltre quando hanno chiesto soccorso all'esercito israeliano si sono rifiutati di darglielo. Sempre nella stessa città hanno fatto vedere una famiglia israeliana che vive nel terrore perché un terrorista palestinese ha ammazzato il loro figlio (israeliano) mentre dormiva e ha cercato di fare strage prima di essere ucciso. Speriamo che Trump o qualcuno trovi una soluzione.
Ps la città di questi due avvenimenti è Hebron, quelli delle Iene li hanno intervistati

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO