Forum

Commenti Recenti

rss

Lorenzo Merlo, già collaboratore di luogocomune, presenta il suo libro “Sul fondo del barile”.

“Sul fondo del barile” è un libro che ha tre generi di lettori: chi trova conforto alle proprie posizioni; chi è in cerca del significato di apertura; chi cerca come svincolarsi dalle proprie chiusure.

É dedicato alla possibilità energetica che molti di noi non sentono neppure più. Sepolta sotto le macerie di idee materialiste, allontanata dal credo nel denaro e nella tecnologia, stuprata da una concezione dell’uomo ridotto a economia, profanata da una politica mai capace di valorizzare ciò che il razionalismo non è in grado di riconoscere come realtà.

Ma quell’energia è un filone di bellezza che già qualcuno sta raccogliendo. Si tratta dell’uomo circolare, ovvero di colui ricco della consapevolezza che senza assumersi la responsabilità del mondo, il mondo non sarà mai a sua misura.

La prima parte del libro, Caduta, è dedicata ad una sintesi socio-politica degli ultimi decenni a partire dalla boom economico del dopoguerra. Anni nei quali si possono scorgere le ragioni che hanno eletto il sentimento populista e abbandonato quello infatuato alle ideologie.

Non si può scappare. Decenni di politiche astratte, anzi attratte dalla sola dimensione economica, hanno prodotto il populismo. Nasceva orfano. Destra e sinistra lo rinnegavano mentre esalavano l’ultimo respiro. Ora è cresciuto e ha vita dura. Nel pensiero di ciò che sopravvive dei suoi avi ha spesso valore negativo, di cosa spregevole. Della sconsideratezza dei genitori non fa mai cenno. Un ossimoro bio-ontologico.

Il populismo è giovane e quindi più contraddittorio di quanto non si possa mediamente dire della anziana saggezza. Anche di questo è colpevolizzato. E lo è perché considerato incapace di sistemare in settimane il dissesto assoluto realizzato in anni e anni da chi lo ha preceduto. Anche su questo ciò che resta dei suoi antagonisti fonda le spesso inconsistenti se non risibili argomentazioni critiche nei confronti del loro generato.

Oltre che giovane e inesperto è dunque davanti all’immane piramide di macerie ereditate dalle politiche che, come tappeti volanti, avevano volato lontano da terra almeno dagli ottanta del secolo scorso. Era l’epoca della Milano da bere. L’edonismo aveva dato l’avvio alle danze e i ballerini ridevano di chi restava seduto estraneo a quel divertimento. Era partito un modo di concepire la realtà e concepire se stessi convinto che le grevità delle politiche sociali dalla nervatura etica, fino ad allora sistema nervoso di un’Italia che sapeva riconoscersi nei valori elementali, erano superate. Corpo morto che impediva all’Italia di essere alla pari con le potenze del mondo. Nonostante lo sfacciato spirito tardo-imperialista – forse solo un tentativo di imitazione della grandeur francese – quell’Italia morì insabbiata dalla corruzione fatta sistema politico, annegata nei Martini Dry dei radicalchic. Una morte per la quale nessuno mai si mise a lutto. La nazione si era sciolta, non c’era più, ma tutti pensavano al week end.

Ora, sul grande schermo del cinema della vita e dell’educazione, scorreva un modello differente da prima, quando tutti si rimboccavano le maniche e l’Italia era la loro Italia. Ora, sotto l’egida di un individualismo lasciato libero, le persone spendevano le loro migliori energie per sgomitare, sopraffare, arricchirsi… di un benefit, di una tv al plasma, di una Bmw, ognuno secondo la personale misura. E ciò che più conta, dannazz maledizz, con quell’unità di misura, misuravano il proprio successo, e il proprio diritto a pretenderlo.
Nel frattempo l’impegno sociale era stato sostituito da un altro diritto, quello del tempo libero. Un processo socio-entropico raccapricciante si era compiuto. Niente più Italia, comunità, nazione, comune sentimento di appartenenza. Pasolini era stato trucidato ancora.

La parte centrale, Presa di coscienza, si dedica agli aspetti della realtà che dimostrano la presenza e la vitalità di un modo di sentire il mondo alternativo a quello materialistico-economico.

Quando qualcuno nella sua politica – fosse anche solo per campagna elettorale – ha fatto cenno a valori non solo economici, quando si è sentito parlare di attenzioni verso aspetti che destra e sinistra non avevano nei loro sussidiari, molti di noi hanno alzato le antenne, hanno sentito una vibrazione, non solo politica, ma di partecipazione, che dai tempi del 68 non attraversava più i nostri corpi. Le urne si sono riempite come non accadeva dagli anni 70. La partecipazione socio-politica alla quale oggi assistiamo è il vero, primo elemento politico del giovane populismo. Chissà quando gliene verrà reso merito.

Chi ci ha lasciati in mutande seguita a riversare tutto il male possibile sul governo giallo-verde di questi mesi. Incredibilmente, senza averne coscienza, seguita a perdere consensi, alimentando nel contempo, in modo indirettamente proporzionale, le condivisioni nei confronti dei cosiddetti populisti. L’inconsistenza delle critiche e delle colpevolizzazioni, con le quali ciò che resta della vecchia classe dirigente tenta di restare a galla, sono evidenti a tutti tranne a chi le esprime.

Pur se giovani e ingenui, pur tra errori e poca etichetta, un altro fatto profondo, culturale si sta compiendo. Quei giovani, e non alludo solo alla compagine di governo giallo-verde, nonostante la loro diversa e lontana origine genealogica che dietro lo scudo delle rispettive ideologie, li spingeva a considerarsi nemici, ora, liberatisi dei pesanti orpelli, dialogano. Ora hanno in dote la legittimazione dell’altro, piuttosto che la criminalizzazione come base di partenza per guardare il mondo. Per vedere chi lo ha ridotto così. Per impegnarsi a recuperare il bambino che era stato gettato via con l’acqua sporca.

È una base sostanziale per un cambiamento culturale. Se prima senza volerlo eravamo scivolati nel grande imbuto del pensiero unico, quello che ci ha fatto credere che la globalizzazione non avesse controindicazioni; che dietro il dito del business is business davvero nessuno potesse vedere le nostre malefatte; che l’economia potesse a diritto capeggiare la piramide della vita, ora si percepisce che l’esigenza di una dimensione spirituale non è più solo embrione in uteri sparsi nel cosmo della società e sconosciuti tra loro. La qualità della vita, a partire dal Butan, non è comprimibile nel Prodotto Interno Lordo. In quello semmai ci starà la miseria di ancora vuole eleggerlo ad indicatore della qualità della politica. Non a caso gli stessi che reificano lo Spread più di quanto facciano con le cose, le persone.

Sul fondo del barile si conclude con Risalita, un lungo racconto sull’animo dell’uomo che potremmo essere.

Ma se la nuce di una luce, che gli affanni della sopravvivenza avevano dimenticato nel sottoscala dei valori, è rimasta accesa in questi anni di politica disumana, non deve bastare a soddisfare il sentimento di chi non si è mai sentito materialista, meccanicista, positivista. Quella nuce di luce ha bisogno delle personali rivoluzioni affinché l’utopia che ci hanno fatto credere fosse solo una bella idea, possa compiersi e reificarsi in educazione, in politica, in quotidiano, in vita, valori, bellezza.

È il compito di un uomo nuovo, circolare, protagonista del nuovo paradigma. Un uomo che cerca in sé quanto per troppo tempo è stato indotto a cercare fuori da sé. Il solo uomo che sarà in grado di compiere il cambiamento. Il solo capace di imparare dalla propria sofferenza piuttosto che pretendere la cura dagli altri.

È troppo? No, è niente per coloro che già sono in marcia verso la personale evoluzione. Per tutti coloro che sono l’incarnazione di una verità tanto banale quanto occulta: senza il personale cambiamento, nessuna società diversa da quella che critichiamo potrà essere generata. La metafora del velo di Maya, da ristretto fatto aulico sta scendendo in strada al nostro fianco. Ci farà risalire le rapide dell’opulenza e dell’attribuzione di responsabilità. E tutto cambierà.

Lorenzo Merlo

Acquista il libro

Aggiungi Commento   

peonia
#1 peonia 2018-11-07 22:55
"É dedicato alla possibilità energetica che molti di noi non sentono neppure più. Sepolta sotto le macerie di idee materialiste, allontanata dal credo nel denaro e nella tecnologia, stuprata da una concezione dell’uomo ridotto a economia, profanata da una politica mai capace di valorizzare ciò che il razionalismo non è in grado di riconoscere come realtà.

Ma quell’energia è un filone di bellezza che già qualcuno sta raccogliendo. Si tratta dell’uomo circolare, ovvero di colui ricco della consapevolezza che senza assumersi la responsabilità del mondo, il mondo non sarà mai a sua misura.
"

Interessante, da comprare e regalare...
peonia
#2 peonia 2018-11-07 23:06
"Ma se la nuce di una luce, che gli affanni della sopravvivenza avevano dimenticato nel sottoscala dei valori, è rimasta accesa in questi anni di politica disumana, non deve bastare a soddisfare il sentimento di chi non si è mai sentito materialista, meccanicista, positivista. Quella nuce di luce ha bisogno delle personali rivoluzioni affinché l’utopia che ci hanno fatto credere fosse solo una bella idea, possa compiersi e reificarsi in educazione, in politica, in quotidiano, in vita, valori, bellezza."

Sììììì è proprio così!!!
sindacatoumano
#3 sindacatoumano 2018-11-08 09:11
Sacrosanta la critica all'edonismo,al pensiero unico, alla "Milano da bere", all'inconcludenza delle vecchie ideologie,ecc. Ma che sia un nuovo "ismo" (nella fattispecie il populismo) a costituire una alternativa a tutto questo, mi sembra una favola. Quanto poi al fatto che sia il "governo del cambiamento" a poter dare delle risposte minimamente significative, mi sembra veramente l'ultima delle illusioni... Non vorrei essere cinico ma tutta questa "partecipazione" non la vedo, vedo solo un'ulteriore deriva consumista laddove l'oggetto del consumo compulsivo è costituito ormai anche dai partiti, dai movimenti e dai leaders, anch'essi destinati ad una obsolescenza programmata da chissà chi e chissà come...Prima di rivoltarci contro la dittatura dell'Economia e della Tecnica, quanto tempo perderemo e quante energie sprecheremo ancora dietro ai pifferai magici che ci portano solo ad annegare nelle cabine elettorali e nei "cambiamenti di governo"?
clausneghe
#4 clausneghe 2018-11-08 09:22
Citazione:
Chi ci ha lasciati in mutande seguita a riversare tutto il male possibile sul governo giallo-verde di questi mesi.
Vero. Però io (e quelli come me) sono ancora in mutande, e ne sono passati di giorni ... :-(

Non vedo nessuna rivoluzione e nessun "uomo circolare" in giro e non credo proprio che questo governo, che tanta ammirazione suscita nell'Autore, sia in grado di cambiare lo Status-quo e in generale alcunchè.

Non ci sono "uomini circolari" risvegliati dentro a questo governo, facciamocene una ragione, ESSI si comporteranno come i loro predecessori, lo stanno già facendo...
Adonis
#5 Adonis 2018-11-08 10:33
#4 clausneghe
Citazione:
Non vedo nessuna rivoluzione e nessun "uomo circolare" in giro e non credo proprio che questo governo, che tanta ammirazione suscita nell'Autore, sia in grado di cambiare lo Status-quo e in generale alcunchè.
Concordo in pieno. Ciò che si vede è sempre e solo una valanga di parole, di promesse, di propositi, per poi passare all’esultanza dell’uno (Salvini) ai danni dell’altro (Di Maio) che ingoia e zitto quando passa un dl al senato. E tutto ciò nello stesso esecutivo. Esecutivo tra l’altro – mi si consenta il termine – che ha velate laccature fasciste laddove 5 dissidenti che si rifiutano di schierarsi pretendendo giustamente di esprimere il loro libero pensiero, rischiano di essere cacciati fuori dal M5S per aver osato andare contro gli ordini del capo. Questa non è libertà, questo è fascismo vero e proprio (o comunismo totalitario che dir si voglia tanto sono la stessa cosa, cambia solo il colore di riferimento). Era tempo che non si sentiva più il termine probiviri e il M5S lo ha riesumato alla grande. Altro che populismo….
peonia
#6 peonia 2018-11-08 11:50
Fossi in voi, rifletterei dfi più su questa frase "É dedicato alla possibilità energetica che molti di noi non sentono neppure più."
sottintende molto, molto di più..

anche questa: ".. il compito di un uomo nuovo, circolare, protagonista del nuovo paradigma. Un uomo che cerca in sé quanto per troppo tempo è stato indotto a cercare fuori da sé. Il solo uomo che sarà in grado di compiere il cambiamento. Il solo capace di imparare dalla propria sofferenza piuttosto che pretendere la cura dagli altri."
Sertes
#7 Sertes 2018-11-08 11:50
Citazione:
Chi ci ha lasciati in mutande seguita a riversare tutto il male possibile sul governo giallo-verde di questi mesi. ... L’inconsistenza delle critiche e delle colpevolizzazioni, con le quali ciò che resta della vecchia classe dirigente tenta di restare a galla, sono evidenti a tutti tranne a chi le esprime.
Viceversa le critiche concrete che vengono fatte al governo giallo-nero dalle persone consapevoli vengono sistematicamente ignorate.
Il populista giallo è passato dalla democrazia diretta al verticismo più sfrenato: non si ascolta la base, anzi le votazioni passate vengono disattese, i contratti cambiati dopo il voto, le alleanze decise a porte chiuse, i nuovi contratti stilati con gli avversari politici e si fa testuggine: chi vuol dir la sua contro i vertici viene buttato fuori.
Invece l'autorazzista verde che aveva sede in Padania e combatteva i sudici, adesso è diventato nero, è quello che chiude i porti e nasconde il suo razzismo dietro il nome di nazionalismo, e così come colpisce i deboli salvaguarda i forti: tasse dimezzate per i ricchi, condoni per i disonesti.
E il matrimonio di convenienza è utilissimo ad entrambi per aver la scusa per allontanare quelle promesse elettorali che ora sono scomode: niente abolizione pensioni d'oro, niente abolizione ritardo di pensionamento "Fornero", niente reddito di cittadinanza, niente abolizione accise carburanti, niente abolizione prescrizione dopo il primo grado. Perchè? Ovvio! La scusa è "perchè si governa in due e l'altro lato non la vuole". Buffoni.
Le critiche concrete ci sono, e sono pure tante.
La Risalita è CONTRO queste persone qua, non a favore.
miles
#8 miles 2018-11-08 11:58
Lorenzo Merlo temo che non abbia ancora ben compreso che "l'umano circolare" su cui fa tanto affidamento per salvare l'umanità,
alla fine del salmo fabbisogna di tre cose: panza piena, figa da trombare, e tanto campionato di calcio.
E dopo quasi sessanta anni di mind masturbation da parte del sottoscritto sul tema, sono giunto a questa conclusione:

PER FORTUNA!!!!!
SuperGulp
#9 SuperGulp 2018-11-08 12:13
Nel momento in cui qualcuno promette di stravolgere un sistema e "facciamo finta che" sia
l'intenzione reale, chi stabilisce se sia meglio procedere a testa bassa contro il pachiderma,
oppure cercare di addomesticarlo con molta pazienza.

Nella vita reale se incontri un energumeno alto 2 metri che t'ha preso di mira, hai due
possibilità, o gli spari in fronte (perchè se non lo stendi subito so cazzi) oppure te lo fai
amico e cerchi di guadagnar la sua fiducia... magari una mattina si sveglia e si rende
conto che ora sei te che sei cresciuto e sei molto più forte di lui.

Capisco possano sembrare solo sogni, ma le cose cambiano, non esiste nulla di eterno.

Quando sento qualcuno pronunciare la parola "mai" mi faccio delle ricche risate, "mai"
è un invenzione, è un concetto che non esiste, è una parola di comodo.

Questo sistema marcio prima o poi cambierà in meglio, non è dato sapere quando, ma
sulla certezza non vi sono dubbi... magari non saremo noi a vederlo.
peonia
#10 peonia 2018-11-08 12:23
"Questo sistema marcio prima o poi cambierà in meglio, non è dato sapere quando, ma
sulla certezza non vi sono dubbi... magari non saremo noi a vederlo
."

NE SONO CERTA ANCHE IO! E SPERO DI VEDERLO.. :-P
peonia
#11 peonia 2018-11-08 12:28
Miles ti si addice la frase principe..."É dedicato alla possibilità energetica che molti di noi non sentono neppure più."

che peccato, che spreco...
Adonis
#12 Adonis 2018-11-08 13:04
peonia, che siano in molti oggi ad avere una visione distopica del futuro e che hanno perso ogni speranza riguardo un possibile cambiamento “in meglio” del mondo è un dato che ci può stare. Tutti noi - almeno quelli dotati del più becero buon senso – auspichiamo che le cose cambino in bene a tutti i livelli: ambientale, climatico, politico, sociale, economico… Il problema è che dai dati disponibili ad oggi non ci sono proprio i presupposti affinchè tali mutamenti avvengano, diventa solo pura illusione. Il confronto con i dati di realtà è fondamentale e basta guardarsi attorno per farsi un’idea di ciò che ci circonda. Certo come si dice, la speranza è sempre l’ultima a morire, ma questi cambiamenti epocali (in bene) io francamente non li vedo né e breve né a lungo termine.
Se poi ci mettiamo in mezzo anche la politica allora è finita… Perché la cosiddetta “arte del governare” è stata, è e sarà sempre una sonora presa per i fondelli dove prevarranno sempre gli interessi di pochi su collettività più che disorientate. Quando Miles cita la panza piena, la figa da trombare, e tanto campionato di calcio purtroppo fotografa una realtà che esiste, è concreta, non la si può negare. Ragionando sui grandi numeri sono queste – ripeto purtroppo – le basi sulle quali poggia la mentalità di tre quarti del pianeta.


#9 SuperGulp

Citazione:
Questo sistema marcio prima o poi cambierà in meglio, non è dato sapere quando, ma
sulla certezza non vi sono dubbi... magari non saremo noi a vederlo.
E sai che consolazione!! Non voglio essere disfattista ma credo che non vedranno niente neanche le prossime generazioni, rincoglionite da una tecnologia che sta azzerando ogni forma di comunicazione sana, schiave di rituali mediatici che definire deprimenti è poco. Di che politica usufruirà chi nasce oggi? Delle foto postate su Instagram? dei proclami di poche righe via Twitter? Leggerà la realtà che lo circonda attraverso i social???
juss
#13 juss 2018-11-08 13:10
io sto amore dei 5s &C. per il popolo non lo vedo proprio anzi....2 argomenti proprio sulla salute:

vaccini
5G

ci amano proprio!!!

ah..ps: non vorrei fossero addirittura strettamente collegati i 2...non vorrei aver anticipato troppo i discorsi futuri :)
miles
#14 miles 2018-11-08 13:17
Citazione:
Miles ti si addice la frase principe..."É dedicato alla possibilità energetica che molti di noi non sentono neppure più." che peccato, che spreco...
Peoniuccia....
Forse se i nostri destini si fossero incontrati quando eravamo ventenni avremmo fatto delle trombate epiche e non ci sarebbe stato nessun spreco credimi.
Ormai sono entrato in una fase della vita (e come ha fotografato benissimo Adonis nel precedente post) in cui (come disse Gep Gambardella nella Grande Bellezza) non posso più perdere tempo in cose che mi annoiano.
E gli "uomini circolari" rischiano di farmi collassare la mente quasi più di una puntata di "che tempo che fa".
Parsifal79
#15 Parsifal79 2018-11-08 14:45
#14 milesCitazione:
quando eravamo ventenni avremmo fatto delle trombate epiche
certo, e i posteri ne avrebbero tramandato il ricordo nei secoli a venire, tipo le 12 fatiche di Ercole :perculante:

epico
/è·pi·co/
aggettivo
1.
Attinente alle grandi narrazioni poetiche, volte all'esaltazione degli eroi.
"poesia e."
ESTENS.
Che oltrepassa di gran lunga i limiti delle comuni forze materiali e spirituali.
"un'impresa e."
miles
#16 miles 2018-11-08 15:40
Non fosse arrivato Parsifal a ricordarmi Pantagruel e Gargantuà stanotte non avrei dormito.....
Tianos
#17 Tianos 2018-11-08 15:42
ehehe però dai è vero...a una certa età si comincia a parlare di una passeggiata in montagna come la sclata dell'everest^^.
peonia
#18 peonia 2018-11-08 15:54
Miles, credo che il tuo "materialismo" forse abbia un senso in questa tua incarnazione..... non sta a me giudicare, ma lo trovo un handicap...
però ripeto, ti servirà.... ?! e chi lo sà...
flor das aguas
#19 flor das aguas 2018-11-08 16:16
Non ho ben capito che c'entra il governo col cambiamento col risveglio delle masse... forse bisognerebbe leggere tutto il libro per farsi un'idea.
Che questo mondo marcio cambiera' e' un dato di fatto secondo me, ma non certo grazie a questo governo pagliaccio e agli altri burattini che crediamo abbiano il potere quando invece non contano un cosi' detto.
Il cambiamento avvera' in maniera fisiologica, naturale, una volta toccato il fondo e badate bene che non lo si e' manco ancora sfiorato!
E peonia non ha torto quando parla di intenzione e energia. Ma per favore, non banalizzate questo concetto, che e' tra l'altro scientificamente provato e spiegato dai fisici moderni. Noi siamo in parte creatori della nostra realta', il problema e' rendersene conto e sapere come fare...
La terra con o senza di noi rivomitera' fuori tutto il marciume che non le appartiene. Queste sono le mie profezie, tenetele a mente :perculante:
miles
#20 miles 2018-11-08 16:26
Citazione:
Noi siamo in parte creatori della nostra realta', il problema e' rendersene conto e sapere come fare... La terra con o senza di noi rivomitera' fuori tutto il marciume che non le appartiene. Queste sono le mie profezie, tenetele a mente :perculante:
Molto d'accordo con queste ultime due frasi.
Noi siamo creatori della nostra realtà, e senza di noi la realtà sarebbe completamente diversa.
Ma questo non significa che ci sia qualche forza superiore o diversa che possa modificarla.
Si tratta semplicemente di autodeterminazione.
La natura ci spazzerà via, ma questo dipende solo dal fatto che le forze(intese come energia) che la governano sono al di là di ogni nostra capacità di governarle.
Sulle capacità dei fisici moderni di "teorizzare" senza purtroppo "dimostrare" quasi nulla, avrei dei seri dubbi....
flor das aguas
#21 flor das aguas 2018-11-08 16:59
Miles, ci sono diversi esempi e dimostrazioni fatte, purtroppo e' il passo successivo, fare 2+2 Che spaventa. E' comunque qualcosa Che sconvolge
horselover
#22 horselover 2018-11-08 18:03
il cambiamento è già in atto e il governo non c'entra per niente. chi sta davanti alla tv e al computer sarà l'ultimo ad accorgersene

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO