Forum

Commenti Recenti

rss

Commenti aperti sul crollo del ponte di Genova.

.

 

Aggiungi Commento   

redazione
#1 redazione 2018-08-14 18:17
Dirò solo due banalità:

Banalità #1: Quindi da adesso io mi devo preoccupare ogni volta che mi metto in autostrada, prima di attraversare un ponte o un viadotto qualunque?

Banalità #2: Ma prendere subito TUTTI i miliardi di euro destinati alla TAV, e investirli invece nella messa in sicurezza delle strutture esistenti no?
horselover
#2 horselover 2018-08-14 18:21
meglio evitare le autostrade
Pyter
#3 Pyter 2018-08-14 18:25
Ai tempi di Asinov si parlava di teletrasporto poi non se n'è fatto più niente.
Dipende
#4 Dipende 2018-08-14 18:26
Pare che l'ingegner Morandi sbagliasse spesso i calcoli...

le strutture in cemento hanno bisogno di costante manutenzione che evidentemente non siamo in grado di garantire

Intanto le vittime sono 35 e stanno ancora estraendo corpi
horselover
#5 horselover 2018-08-14 18:30
tutti i manufatti in cemento armato con più di 50 anni di vita sono a rischio anche se fatti a regola d'arte. a caltanissetta un ponte dell'autostrada è crollato due giorni dopo l'inaugurazione, ma era fatto col cemento impoverito. nell'autostrada catania messina manca il ferro e il cemento con cui le ditte hanno dovuto costruire le ville ai poliziotti della stradale per essere lasciate lavorare in pace
Dipende
#6 Dipende 2018-08-14 18:30
GianRa
#7 GianRa 2018-08-14 18:39
Avanti con l'austerità , austerità,austerità,austerità , tagli di bilancio , privatizzazioni , pareggio di bilancio in costituzione per restituire giustamente al banchiere centrale che lo ha creato dal nulla l'inesistente debito del popolo italiano.Euro,Più Euro ancora Euro evviva la nEuro.
Ce lo chiede l'europa.

Quanto impiegherà a capire un popolo di 65 milioni di coglioni , Anzi di Accoglioni ?
pencri93
#8 pencri93 2018-08-14 18:48
Qualche ingegnere saprebbe spiegare "brevemente" il perché delle due cavità riempite di foratini all'interno del ponte?
Tonki
#9 Tonki 2018-08-14 18:49
Buona occasione per ricordare che le autostrade sono di Benetton e altri e questi non hanno migliorato in alcun modo le strade, ma anzi siamo a questo punto e si sono totalmente arricchiti.

Buona occasione anche per pensare di riappropriarsene e di chiedere risarcimenti spropositati.
Dipende
#10 Dipende 2018-08-14 18:51
Parecchi testimoni parlano di un fulmine che avrebbe colpito la struttura pochi istanti prima del crollo.
I bagliori che si vedono nel video non sono dovuti al fulmine, ma alla rottura di cavi/centraline elettriche, comunque può un fulmine indebolire una struttura di cemento e farla crollare?
mik300
#11 mik300 2018-08-14 18:52
il ponte era vecchio,
questo s'è capito,
come il 90% dei ponti italiani..

ma vorrei capire la dinamica del crollo,
i due e più bagliori c sono stati,
poi è venuto giù il pilone..

mi dicano che sono stati tranciati i cavi dell'alta tensione
a lato dell'autostrada e chiudiamo il capitolo "lampi"..

ilgiornale.it/.../...

sulla tav sono perfettamente d'accordo,
scuole strade e ponti..
sono quelli che vanno messi in sicurezza
non un buco nella montagna che non serve a nessuno
solo a riempire la mangiatoia x pochi
(compresi i sindacati,
ho giusto sentito su radio1 la segr. cisl
equiparare ponti e tav
,
secondo me la mazzetta, contributo, finanziamento,
chiamatelo come volete,
arriva anche a loro)
Paolab
#12 Paolab 2018-08-14 18:54
con riferimento ai commenti su C.L. del 11-8- #312 - corriere.it/.../...
#329 - età del viadotto e #331 – cemento armato perde sua qualità in 50 anni:
amarcord ....
Il 24 9 1993, ore 18,30 crolla il ponte sulla tangenziale di Biella, costruito nel 1968
Il ponte fu chiuso solo pochi minuti prima del crollo grazie alle insistenti telefonate di un anziano cantoniere che aveva notato che uno dei piloni si muoveva .I giornali locali non hanno mai riportato ringraziamenti delle autorità a quel cantoniere che ha sicuramente salvato molte vite umane.
peonia
#13 peonia 2018-08-14 18:57
autorimosso
branzac
#14 branzac 2018-08-14 18:58
Citazione:
Tonki
Buona occasione anche per pensare di riappropriarsene e di chiedere risarcimenti spropositati.
Si, ma io i risarcimenti li chiederei a quelli che hanno venduto le infrastrutture ai privati.

Citazione:
Redazione
Banalità #2: Ma prendere subito TUTTI i miliardi di euro destinati alla TAV, e investirli invece nella messa in sicurezza delle strutture esistenti no?
Solo se affidiamo i lavori di ripristino a imprese giapponesi....
mabel
#15 mabel 2018-08-14 18:58
Ennesima dimostrazione delle conseguenze della privatizzazione!
Invece di usare i soldi (nostri) per alta velocità, tav ecc... bisognava utilizzarli per sistemare le infrastrutture fatiscenti del paese allo sbando!
Ora cominceranno a creare la causa del crollo dando la colpa al maltempo e al fatidico fulmine!
Certo, un ponte progettato per resistere al maltempo come anche terremoti!
E via con le differenti correnti di pensiero per distogliere l'attenzione del popolo dalle vere cause (privatizzazione).
Un po come per il crollo del torri gemelle che sono palesemente crollate a causa di demolizione controllata ma i media e la vu
continuano imperterriti a dire che è stato a causa degli incendi.
E ci saranno ancora una volta gli infiniti processi tra rimbalzi di accuse tra appaltanti, appaltati subappaltanti subappaltati.....
Sveglia, l'italia è un paese allo sbando, abbandonato a se stesso....
Non cè alcuno controllo..... sveglia!
eco3
#16 eco3 2018-08-14 18:59
Citazione:
Banalità #2: Ma prendere subito TUTTI i miliardi di euro destinati alla TAV, e investirli invece nella messa in sicurezza delle strutture esistenti no?
Della messa in sicurezza delle strutture e della loro costante manutenzione dovrebbero occuparsi coloro che gestiscono le autostrade ricavandone introiti miliardari.
Aironeblu
#17 Aironeblu 2018-08-14 19:05
Dopo Bologna anche Genova, autostrade italiane sotto attacco?
E se a qualcuno, che so, la Francia, facesse comodo boicottare le infrastrutture italiane?
I testimoni parlano di grande boato prima del crollo,

questa racconta di lavori che stavano facendo qualche giorno prima sul viadotto
www.youtube.com/watch?v=n5XU3Fxo0-M

e nello spezzone in diretta del crollo si vede e si sente (min. 0,20) una chiara esplosione proprio nel punto del crollo (magari lampi che per coincidenza si scaricavano proprio in quel punto?)
www.youtube.com/watch?v=qILmZ7CMHYA

Non avanzerei ipotesi, ma stiamo a vedere.
horselover
#18 horselover 2018-08-14 19:08
trovo assurdo che un ponte a 50 anni sia vecchio, ponti in pietra o in acciaio durano per secoli e secoli
Aironeblu
#19 Aironeblu 2018-08-14 19:12
@Mik 300
Citazione:
mi dicano che sono stati tranciati i cavi dell'alta tensione a lato dell'autostrada e chiudiamo il capitolo "lampi"..
No, perche' oltre ai lampi si sentono le esplosioni
mik300
#20 mik300 2018-08-14 19:13
www.ilfattoquotidiano.it/.../4559203

Genova, crollo di ponte Morandi. Rosso: “Le cause del crollo non sono idrauliche, il pilone non sembra essere stato eroso”

Renzo Rosso è professore ordinario di Costruzioni Idrauliche e Marittime e Idrologia nel Politecnico di Milano: "Non è colpa del fiume, nel senso che la pila non è stata scalzata"
alexbell64
#21 alexbell64 2018-08-14 19:31
Scrivo nuovamente su luogocomune dopo tanto tempo, perché questa cosa mitocca abbastanza da vicino.
Sono ligure, non genovese, ma a Genova vado abbastanza frequentemente, e sul Ponte Morandi sono transitato decine, anzi, centinaia di volte.
Prima, sono stato al telefono un'ora buona con un mio amico genovese.
Lui ha 71 anni, ha visto nascere e crescere quel ponte, ha visto fare la Sopraelevata e tante altre opere cittadine.
Mi diceva che si ricordava di quanto avessero trivellato per raggiungere la roccia sicura e ferma sottostante, e quanto calcestruzzo avessero iniettato per consolidare le basi dei pilastri.
Gli stessi poggiano su dei basamenti che se ci vai vicino, sono simili a piccole montagne.
Lui non è complottista come me, ma condivide molte perplessita' e dubbi, su quel crollo così repentino e, per certi versi, anomalo, di stamattina.
Infatti è una cosa che ho pensato dopo un po' che guardavo le immagini, continuamente trasmesse da tutte le reti televisive e su internet, delle macerie del ponte.
Qual'è l'anomalia?
Be', io non sono ingegnere edile, ne' architetto, nemmeno geometra.
Però ho visto crollare dei ponti, non direttamente, ma da filmati.
Ho visto dei crolli di ponti celebri, tipo quello di Tacoma, o di Point Pleasant.
In TUTTI i crolli di ponti che ho visto, c'è una costante semplice, che tutti possiamo notare: a cedere, sono i piani viabili, le strutture sospese, le campate.
Non ho ancora visto, a parte quello di Genova, un ponte cadere e sbriciolarsi a quel modo a partire dal pilone principale di ancoraggio.
In genere i piloni, o antenne dir si voglia, restano al loro posto, anche quando vengono travolti dalla furia di un fiume in piena, o quando crollano le campate per eventi di altro genere.
A Genova no.
A Genova il ponte più maestoso, imponente della Liguria, che fa?
Crolla, rovina, cede di schianto uno dei basamenti principali.
Piloni di dimensioni incredibili tranciati di netto alla base, vedere i filmati, e vedere la foto in basso postata a piè di post.
Ecco, vorrei che qualcuno provasse a fornirmi una spiegazione plausibile.
(PS Come nel caso delle Torri Gemelle e del TWC7 di New York nel 9/11, mi sono detto...non è che magari cede prima da una parte, si inclina, ne va' giù un pezzo, si accascia su un fianco, poi ne crolla un altro pezzo e così via, come sarebbe "fisiologico" aspettarsi da un crollo di una struttura di cemento e acciaio di quella portata...no, ceduto di schianto, andato giù a pezzi come se fosse stato.....lo dico?? ....MINATO nella base...Mah! )
Dipende
#22 Dipende 2018-08-14 19:45
l'unico filmato del crollo che ho visionato parte quando il crollo è già cominciato, il pilone viene giù dopo il segmento, sbriciolandosi dall'alto presumo per la tensione creata dal crollo, ci sono altri filmati?
horselover
#23 horselover 2018-08-14 20:02
certe foto che ho visto mi fanno temere che il prossimo potrebbe quello tra agrigento e porto empedocle (prog. morandi)
eddyx
#24 eddyx 2018-08-14 20:08
E intanto, seguendo gli indizi si scopre:
ilsecoloxix.it/.../...
it.wikipedia.org/wiki/Gronda_di_Genova
urbancenter.comune.genova.it/.../...
www.google.com/.../

La cosa interessante del pdf (urbancenter) è che il ponte Morandi rientrava in tutte e tre le prime ipotesi come integrato, mentre le altre 2 prevedano la vera e propria demolizione del medesimo,quindi il ponte Morandi veniva considerato sempre fondamentale anche se da più parti ritenuto vetusto e pericoloso! Fondi stanziati per il progetto 5 miliardi!

primocanale.it/.../...
aggiungo anche questa.

nota da wiki "Uno dei problemi sorti in fase di progetto è costituito dal destino del Ponte Morandi, viadotto dell'Autostrada A10 che attraversa il torrente Polcevera, realizzato nel 1967 da Riccardo Morandi, che negli ultimi decenni ha necessitato di diverse operazioni di manutenzione straordinaria fino al crollo del 14 agosto 2018: secondo alcune versioni del progetto di potenziamento gli elevati costi di manutenzione, e le due corsie per direzione ormai insufficienti per reggere il traffico del tratto autostradale, avrebbero reso più conveniente demolire il viadotto, per ricostruirne un altro (o due) più a nord, ma questo avrebbe comportato un non trascurabile aumento dei costi nella realizzazione della gronda di Ponente. "
peonia
#25 peonia 2018-08-14 20:22
sul mio diario FB un amico dice che uno ha sentito 4/5 botti in sequenza...

qui la mappa dei fulmini
lightningmaps.org/.../...
juss
#26 juss 2018-08-14 20:32
lavori alcuni giorni prima....a pensar male, diceva qualcuno, a volte ci si piglia....aspettiamo attivissimo??
peonia
#27 peonia 2018-08-14 20:35
Juss pensavo male anche io, specie dopo aver sentito che venia giù come farina...:-O
juss
#28 juss 2018-08-14 20:46
credo Peonia che sia ora di smettere di parlare di notizie negative...tutto ciò ci distrae dalla vita e alimentiamo il male che ci vuole opprimere. Perchè non iniziamo ad aprire discussioni invece sul bene? Certo, lo so che le brutte notizie attirano di più le lunghe discussioni perchè ognuno trova mille modi per argomentare mentre è molto più difficile argomentare il bene...io l'ho buttata li...
peonia
#29 peonia 2018-08-14 20:53
ma magari si potesse!!!! è che siamo in guerra e guerra sia!
mik300
#30 mik300 2018-08-14 20:55
@peo

ma i bagliori, almeno 2/3 in sequenza
partono da sotto..
e non si vede la linea del fulmine..
dopo i codesti bagliori il pilone si accartoccia
(la strada era già venuta giù..)

a me pare strano..

può essere che i mass media mettono in mezzo i lampi
perchè i bagliori c sono, poche storie..
x depistare insomma..

mi dicano che a lato della strada
correva il cavo dell'alta tensione
e chiudiamo il discorso..
ma fino a quel momento voglio vederci chiaro..


ripropongo per l'ennesima volta
il video, quello di "oddio ! oddio! mi sento male..!"

i flash si vedono nei primi secondi,
e sembrano 2/3 rapidi in sequenza..
ma sti fulmini picchiano a mitraglia ??

nel 1° frame si intravede uno dei bagliori da sotto,
il fulmine non c'è, no?

ilgiornale.it/.../...




vi ricordate il periodo quando i treni deragliavano in continuo??

non vorrei che per ammansire il governo
non potendo usare la carta del terrorismo islamista
(sennò la lega da sola prende il 40%)
allora usano la carta del sabotaggio..

magari la prossima volta deraglia un treno o affonda una nave..
o fanno saltare una diga..
juss
#31 juss 2018-08-14 21:00
peonia :cry:
mik300
#32 mik300 2018-08-14 21:11
video.corriere.it/.../...

Ponte crollato a Genova, il camionista miracolato: «Un boato e sono volato giù, non ricordo altro»
amantido17
#33 amantido17 2018-08-14 21:19
Io sono un geometra, ho appreso poco a scuola sui ponti, essendo ampiamente fuori dalle competenze di un diplomato, però conosco il cemento armato. Spero che emergano testimonianze a riguardo dei minuti antecedenti il crollo perché il conglomerato di cemento armato NON cede di schianto, ma "avvisa", cioè mostra deformazioni, fessurazioni e/o movimenti anomali prima di collassare, come nel caso del citato cantoniere di Brescia. Altri casi sono quelli dei ponti crollati per eccesso di peso (carico eccezionale) o per lavori in corso mal eseguiti (allargamento campata).
Ho notato spazi vuoti dalle immagini, non so se riempiti con qualcosa, ma la cosa trova un senso se si fa riferento alla sezione resistente calcolata. Il vuoto può in determinati casi avere una funzione di alleggerimento; parlando molto più in piccolo (e semplice), per esempio, le pignatte di un solaio altro non sono che un cassero a perdere che facilita la posa in opera dell'impalcato e livella il soffitto.
Comunque,personalmente, escluderei in toto, quale causa diretta, pioggia e fulmini dal novero di cause scatenanti il crollo. Sono palliativi come il kerosene che scioglie il metallo delle torri....

MA non ho ancora capito: erano p non erano in corso lavori di manutenzione? Il comunicato di Autostrade parla di un carroponte per manutenere la soletta del piano viabile....
E come mai Toninelli è l'unico politico ad insistere sulla carenza di manutenzione? Secondo voi è un discorso generico che deriva dalla querelle sulla tac?

A cose diverse non voglio pensare....

Nota: quel ponte mi è parso strutturalmente "strano", non ne conosco i dettagli costruttivi però i tiranti in c.a. non li avevo mai visti. Solitamente sono di ferro. Se uno ha ceduto potrebbe (trattasi di ipotesi quasi al buio) avere innescato un cedimento a catena dove le varie componenti strutturali ai sono, progessivamente, "tirate dietro" le altre.... {vero quello che afferma che in genere i piloni/torri di solito non crollano}
redazione
#34 redazione 2018-08-14 21:20
BRANZAC: Citazione:
Solo se affidiamo i lavori di ripristino a imprese giapponesi....
Tu scherzi, ma io una volta sono andato a Tokio, a girare un documentario per la Rai. Sono rimasto là 10 giorni, e in dieci giorni dalla finestra del mio albergo ho visto LETTERALMENTE smontare e ricostruire un ponte di 3 campate in mezzo alla città. Avevano squadre di centinaia di operai, che si alternavano a turni ininterrotti di 8 ore ciascuno, giorno e notte. in dieci giorno lo hanno smontato, portato via, e ne hanno costruito uno nuovo.
mik300
#35 mik300 2018-08-14 21:30
@amantido

Citazione:
Nota: quel ponte mi è parso strutturalmente "strano", non ne conosco i dettagli costruttivi però i tiranti in c.a. non li avevo mai visti. Solitamente sono di ferro
a giudicare da una foto (recente) del ponte
li avevano integrati con cavi d'acciaio..



sul fatto che era vecchio
siamo d'accordo..
(lo sono il 90% dei ponti italiani)
voglio solo capire come e perchè è venuto giù a quel modo..
e i 2/3 bagliori che si vedono sotto prima del crollo..
macco83
#36 macco83 2018-08-14 21:31
#33 amantido17
I tiranti in cemento possono aver tirato giù il pilone già fragile. Quindi si spiegherebbe perchè sia crollata prima la strada del pilastro.
Edit: ovviamente ipotizzando che dei tiranti possano fare ciò.
horselover
#37 horselover 2018-08-14 21:45
è strano (o no?) che ci siano tutti questi fiimati del crollo
Traterraecielo
#38 Traterraecielo 2018-08-14 21:45
REDAZIONE

Citazione:
Tu scherzi, ma io una volta sono andato a Tokio, a girare un documentario per la Rai. Sono rimasto là 10 giorni, e in dieci giorni dalla finestra del mio albergo ho visto LETTERALMENTE smontare e ricostruire un ponte di 3 campate in mezzo alla città. Avevano squadre di centinaia di operai, che si alternavano a turni ininterrotti di 8 ore ciascuno, giorno e notte. in dieci giorno lo hanno smontato, portato via, e ne hanno costruito uno nuovo.
Ah, ma allora è possibile fare una cosa del genere! Ma pensa un po'… Ah, già, ma ci vogliono i soldi. Il Giappone infatti può permettersi di spendere in opere pubbliche di qualsiasi entità perché i soldi che stampa sono i suoi. Lasciamo perdere la famosa laboriosità del popolo che è addirittura patologica tanto che i pensionandi si vergognano di andare in pensione e fingono di andare al lavoro anche dopo essere in pensione. Ma è un'altra storia…
Sulla questione Ponte Morandi, che per i prossimi giorni sarà il pane quotidiano dei quotidiani (scusate il giro di parole) che prenderanno la palla al balzo per attaccare il Governo, come spudoratamente fa quello di Scalfari, ho scritto una mia visione sul blog che curo. Scusa Massimo se approfitto ma mi permetto di veicolare sull'articolo linkandolo qui: traterraecielo.live/2018/08/14/uomo-fermati/
macco83
#39 macco83 2018-08-14 21:48
#35 mik300
Quei cavi della tua foto sono stati installati solo nella prima campata..la più lontana dal pilastro crollato..
aledjango
#40 aledjango 2018-08-14 21:50
Ho fatto l'istituto tecnico per geometri e 25 anni fa la mia professoressa di tecnica delle costruzioni ci disse in classe che lei è suo marito non attraversavano mai il ponte di Genova perché sapeva che erano stati usati materiali addirittura di seconda mano come per esempio i tiranti in acciaio..
Mi è tornato in mente appena ho sentito la notizia del crollo.
starburst3
#41 starburst3 2018-08-14 21:55
Pare che l'ingegner morandi davanti alla sua creazione abbia esclamato.....non son degno di te!Non ti merito piu'....
Pero' se lo sono beccato i genovesi.
Non si esclude nulla,neanche gli "avvertimenti" stile strategia della tensione,nel senso che quello che sta' per cadere si lascia cadere o si incoraggia a cadere ,tante e tali sono le competenze, che lo scarica barile sembra un gioco di societa', a livello simbolico poi se vogliamo ne troviamo una che e' grossa come una balena...Genova, culla del m5s.

IN RED WE TRUST
peonia
#42 peonia 2018-08-14 21:58
mi dicono che il Tg3 ha detto che ci sono ricoverati di abitazioni sottostanti il ponte per ustioni da scoppio... :roll: scoppio de che?!

il 7 agosto a Grado sono scomparsi 300 kg. di tritolo....

repubblica.it/.../...

che sia stato utilizzato per quel Ponte già tanto chiacchierato?! così la scusa era già bella e pronta?!

chi aveva previsto attentati o similia in Italia? non me lo ricordo ma ricordo la cosa... :-(
Signore di Gibelletto
#43 Signore di Gibelletto 2018-08-14 22:10
Di fronte ad una tragedia immane come quella di Genova, mi permetto di esprimere anche il mio parere in questa discussione:
1)Questa tragedia, purtroppo, appare simile ad altre recenti, e a me pare simile alla tragedia di Pioltello (un incidente ferroviario in cui persero la vita tre povere donne, in un treno deragliato perché incredibilmente, almeno a leggere i dati che riportano vari giornali, venne riparato il binario danneggiato con del legno) nella concatenazione causale, secondo la logica elementare aristotelica. Non mi sembra infatti così difficile comprendere che, in assenza di un’adeguata manutenzione, qualsiasi infrastruttura, ma direi in generale qualsiasi manufatto umano, va prima o poi incontro a deterioramento e distruzione.
2)Allora non dovrebbe forse risultare chiaro a qualsiasi aspirante Sherlock Holmes che la responsabilità degli incidenti che funestano l’Italia ricade su chi ha “stornato” i soldi necessari alla manutenzione della rete infrastrutturale esistente in progetti degni di una fetida grandeur, come le varie “grandi opere”? Perché mai l’hanno fatto, credo sia la domanda da porci. E perché costoro non pagano mai il fio di quel che hanno combinato? Perché mai?
Questi disastri non sono forse il frutto di precise scelte della solita oligarchia sotto il cui tallone tutti noi stiamo , che però, come sempre, quando accade la tragedia, rifiuta di assumersi ogni responsabilità personale (e penale)?
3) Anzi, ed è la cosa che sconcerta di più, e mi indigna come italiano, approfittano persino di questa tragica occasione, che gli fornisce visibilità, “per rilanciare” le “infrastrutture collaterali”, come la cosiddetta Gronda (si vedano i vari telegiornali, e persino le dichiarazioni sui teleschermi di un importante politico di quella città). Sono davvero esseri senza alcuna morale, spietati. Finché ci ritroviamo questi qua, incollati alle loro sedie, non c’è neanche bisogno dei “rettiliani”. Sono peggio questi.

Saluti cordiali.
amantido17
#44 amantido17 2018-08-14 22:13
Molto interessante la foto di Mik300 #35: i cavi di rinforzo pertanto erano stati messi in opera proprio nella porzione di ponte crollata? Un simile intervento altera non di poco il comportamento della struttura e un eccessivo irrigidimento può essere negativo se altera eccessivamente gli equilibri tra le componenti strutturali. Col passare del tempo può erodere la solidità strutturale se ripartisce in modo disomogeneo le sollecitazioni tra le varie componenti.
Però, fior di ingegneri e studi hanno monitorato il ponte nei decenni, pertanto quanto ipotizzato sopra mi sembra improbabile.
In generale quello che sorprende è che ci si può aspettare, in determinate circostanze, delle lesioni, ma non un crollo così rovinoso e totale!


Anch'io ho notato subito i bagliori durante il crollo, ma la ragione mi ha fatto pensare a:
- lampi sullo sfondo
- bagliori dovuti hai danni arrecati alla linea ferroviaria

La "pancia" però mi ha fatto temere altro, ma come detto, cerco di non pensarci.

I botti possono essere parti strutturali che cedono in sequenza, tipo i tiranti...
amantido17
#45 amantido17 2018-08-14 22:21
Aggiungo che i moderni criteri di progettazione utilizzano gli Stati limite e non solo le sollecitazioni strutturali. I progettisti pertanto calcolano le componenti strutturali anche in modo da progettarne la lesione "controllata" e financo il crollo parziale, in modo da scaricare e dissipare l'energia in modo mirato, al fine di evitare il collasso totale della struttura.
Tianos
#46 Tianos 2018-08-14 22:25
sta a vedere che salta fuori anche una assicurazione per crollo, magari fatta un paio di mesi fa.
Nomit
#47 Nomit 2018-08-14 22:28
Dall'eleco di titoli di Tgcom
( tgcom24.mediaset.it/.../... ):

Primo bilancio ufficiale: 11 morti accertati e 7 feriti gravi

Rixi: "Le vittime sono almeno 22, 4 estratti vivi" [22 = 11x2]

Al San Martino ricomposte 22 vittime, in arrivo altri 7 corpi

Al lavoro 300 vigili del fuoco con 92 mezzi

Tra le 19 vittime trasferite al Policlinico San Martino c'è anche un bambino di 10 anni [19 +10 =29]

Sono 440 gli sfollati, 11 i palazzi evacuati [440 = 11 x40]

Il ponte è crollato alle 11.30 sulla A10.

edit: tolta parte sull'oroscopo, ho beccato l'unico sito che sbaglia l'ascendente :-(
peonia
#48 peonia 2018-08-14 22:38
Genova sarà la nostra più grande vergogna

"Il crollo del viadotto di Genova è solo l’ultimo di una serie interminabile di crolli sulle strade e sulle autostrade italiane negli ultimi due anni: le nostre infrastrutture cadono a pezzi. Viaggiare non è più sicuro, e Genova sarà ricordata come la nostra più grande vergogna. Cosa dovrebbe fare uno Stato, adesso, per proteggere i suoi cittadini?"


www.youtube.com/.../
macco83
#49 macco83 2018-08-14 22:38
#44 amantido17
no, vedi link
il pilone crollato è il primo sulla sinistra.
peonia
#50 peonia 2018-08-14 22:43
Nomit potrebbe essere, chissà, miei amici avevano detto che "qualcuno" progettava disastri... :-(
juss
#51 juss 2018-08-14 22:45
Citazione:
mi dicono che il Tg3 ha detto che ci sono ricoverati di abitazioni sottostanti il ponte per ustioni da scoppio... :roll: scoppio de che?! il 7 agosto a Grado sono scomparsi 300 kg. di tritolo.... che sia stato utilizzato per quel Ponte già tanto chiacchierato?! così la scusa era già bella e pronta?! chi aveva previsto attentati o similia in Italia? non me lo ricordo ma ricordo la cosa... :-(
sicuramente saranno stati i russi...anzi i troll russi

non paghiamo più nulla ad uno stato che investe i nostri soldi in

-vaccini e in rimborsi milionari da danni da vaccini essendo l'italia l'unico paese dove il cittadino non può far causa alla casa farmaceutica ma la deve fare all'istituto di sanità...si si avete sentito e letto bene

-difesa militare al costo di 80milioni di euro al giorno!!!! avete sentito bene ancora!!!

-80 miliardi circa di interessi alla bce...si avete sentito bene!! 80 MILIARDI di euro all'anno!!! investireoggi.it/.../...

e queste teste di minkia si sborano addosso per aver risparmiato 40 milioni in stipendi e aver fermato 4 navi di merda e lasciano fare queste porcherie sulla nostra pelle dando la colpa ai fulmini o al cemento. Mettono in galera i lampi e le betoniere??

Ma dico, avete ancora voglia di mantenere sti delinquenti con il vostro lavoro da dipendente o da imprenditore??
se non anticipate i tempi vi arriverà una clava in testa che nemmeno immaginate. Agite prima. Aiutiamoci e uniamoci per difendere il nostro territorio.
Nomit
#52 Nomit 2018-08-14 22:49
Citazione:
sicuramente saranno stati i russi...anzi i troll russi
non credo... i troll russi avrebbero fatto saltare il ponte nella notte tra il 13 ed il 14 agosto...
peonia
#53 peonia 2018-08-14 22:49
Certo anche un modo per distrarci da altro.... :-o
alexbell64
#54 alexbell64 2018-08-14 22:53
Per rispondere ad amantido17 ed a chiunque si ponga interrogativi di tipo tecnico, credo che questo risponda a molti di voi: retrofutur.org/.../...
alexbell64
#55 alexbell64 2018-08-14 22:56
Anche questa intervista credo sia piuttosto interessante. Non spiega cmq perché un pilone di quel genere sia potuto crollare così, in stile "Twin Towers"... primocanale.it/.../...
alexbell64
#56 alexbell64 2018-08-14 23:03
Ci sono poi ulteriori considerazioni da fare, riguardo al carico che sopportava quella struttura.
Fino agli anni '90, le due carreggiate del ponte erano suddivise da un doppio guard-rail.
Poi, a seguito di diversi incidenti che coinvolsero mezzi pesanti, con conseguente "scavalcamento" o sfondamento del guard-rail, si optò per le barriere dette "New jersey", più robuste e maggiormente sicure, ma che hanno l'inconveniente di pesare qualcosa come 2520 kg L'UNO.
Se voi calcolate che ogni spezzone di barriera è lungo 4 metri, provate a fasre la moltiplicazione, per un km di ponte (ma è quasi 1200 metri) quanto peso è stato aggiunto in pianta stabile per l'installazione delle nuove barriere... qui un link della società che li costruisce e distribuisce schoenthaler.com/.../barriere-new-jersey-in-cls
Aigor
#57 Aigor 2018-08-14 23:10
Vorrei fare un pò di chiarezza, abitando a Genova...

Quelli che vedete sulla prima campata non so cosa siano, ma passandoci accanto sembrano tutto fuorchè tiranti in acciaio. Paiono piuttosto tubi (e cosa contengano non lo so).
Ho sentito una registrazione vocale di un'intervista (spero di avere presto il link alla fonte) dove si spiega in modo chiaro che il ponte era stato costruito in c.a perchè soluzione temporanea in attesa dell'autostrada da costruirsi nel tratto ideale, che non era quello.
Doveva durare 15-20 anni mentre si faceva il tronco nel posto giusto ed era stato fatto in cemento armato perchè più economico e più facilmente demolibile.
Ovviamente, il lavoro nel posto giusto non si è mai fatto... ed è rimasto lì x 50 anni, il c.a. non mantiene le sue caratteristiche di robustezza così a lungo... infatti.

Nel dramma è stato un vero miracolo non abbiano ceduto le altre campate, costruite su case e vie di grossa percorrenza.

Se poi vogliamo seguire piste "insolite", beh... la mente la tengo aperta, non si sa mai, ma a giudicare da certe foto che ho visto e dallo stato del c.a. che vedevo ogni volta che andavo all'area ecologica a portare rifiuti, proprio sotto il crollo, il quadro era veramente critico: ferri dell'armatura arrugginiti a vista e pezzi di cemento che si staccavano.

EDIT: Ho visto ora il link sopra di alexbell al post 54, beh mettiamo pure che all'interno di quei tubi ci siano cavi di acciaio a rinforzo, la domanda è: perchè dal 93 in poi non sono stati messi anche a quelli delle altre campate?
pencri93
#58 pencri93 2018-08-14 23:13
Citazione:
i flash si vedono nei primi secondi,
e sembrano 2/3 rapidi in sequenza..
ma sti fulmini picchiano a mitraglia ??
Guarda, qui a Roma ne sta facendo uno dietro l'altro, anche a ritmo di 4-5 nel giro di un secondo.
GiuseppeGiovanni
#59 GiuseppeGiovanni 2018-08-14 23:15
Tutti i testimoni che ho visto nei vari tg riferiscono: prima ho sentito un boato e dopo ho visto crollare il ponte. Fossi nella polizia scientifica, cercherei tracce di esplosivo...
peonia
#60 peonia 2018-08-14 23:24
#59 GiuseppeGiovanni

magari trovano i 300 kg di tritolo scomparsi il 7 agosto.... :-P
monua
#61 monua 2018-08-14 23:32
Grazie Massimo per aver contribuito ad aprirci gli occhi; oggi pensavo e ripensavo che, a suo tempo, qualquno mi aveva messo una pulce nell"orecchio: "La NATO vuole che ci prepariamo alla guerra La Nato ci chiede di rinforzare i ponti e le strade, per permettere il passaggio di carri armati e mezzi pesanti in caso di una guerra contro la Russia. Già due settimane fa la portavoce della Nato, Oana Lungescu, aveva dichiarato che la Nato intende creare due nuove centrali di comando in Europa, perché "la capacità di dispiegare velocemente le forze dell'alleanza è importante per la difesa collettiva della Nato". Ieri è stato lo stesso segretario della Nato Stoltemberg, nell'incontro con i ministri della difesa alleati, a chiarire meglio questo concetto: "Una centrale di comando - ha dichiarato - riguarderà l'Atlantico, e servirà a rinforzare le nostre capacità di proteggere le vie del mare, che sono di fondamentale importanza per l'alleanza transatlantica. Dobbiamo essere in grado di spostare eserciti e truppe attraverso l'Atlantico, dal Nord America verso l'Europa. Ci sarà poi una seconda centrale di comando, responsabile degli spostamenti delle truppe all'interno dell'Europa, cosa che è ovviamente altrettanto importante". "Dobbiamo anche assicurarci - ha aggiunto Stoltemberg - che le strade e i ponti siano abbastanza robusti da reggere il passaggio dei nostri veicoli più grossi, e che le reti ferroviarie possano supportare un rapido spostamento dei carri armati e dei mezzi pesanti. La Nato ha dei requisiti militari rispetto alle infrastrutture civili, e queste vanno aggiornate per essere sicuri che le attuali necessità militari siano garantite. Ma questo non è un lavoro che la Nato può svolgere da sola. Richiede uno stretto coordinamento con i governi nazionali e con l'industria privata. Anche l'unione europea gioca in questo caso un ruolo importante. Quindi la Nato e l'unione europea devono continuare a lavorare spalla a spalla su questo argomento di vitale importanza." E sempre due settimane fa, la portavoce Nato aveva dichiarato: “Gli alleati stanno modificando le leggi nazionali per permettere agli equipaggiamenti militari di transitare più rapidamente attraverso le frontiere, e stanno lavorando per rafforzare le infrastrutture nazionali." A noi però nessuno ha detto niente. Come mai?"
amantido17
#62 amantido17 2018-08-14 23:43
#57 Aigor
Un ponte provvisorio, di quel tipo, di c.a.? Facilmente demolibile ?
Direi proprio di no, le strutture provvisorie, in genere, sono di metallo o di elementi prefabbricati.
Inoltre le strutture strategiche di c.a.sono fatte per durare (indicativamente) 100 anni, quello che può abbreviare la vita operativa, cioè la durata di esercizio in condizioni di sicurezza è la modifica di importanti presupposti progettuali quali il carico di utilizzo: ponte calcolato per il passaggio (numeri ipotetici) di 10 milioni di veicoli all'anno, che ne sopporta 25 milioni all'anno.
monua
#63 monua 2018-08-14 23:47
... chiunque abbia architettato e realizzato questa strage, ha sicuramente cercato di prendere più piccioni con una fava: il governo attuale sarà massacrato (con il consenso dell'opinione pubblica); le infrastrutture si faranno (niente contro), ma senza più chiedere il permesso a nessuno.
peonia
#64 peonia 2018-08-14 23:55
zeppelin
#65 zeppelin 2018-08-14 23:58
interessante analisi di Carlo Bertani:
comedonchisciotte.org/perche-non-ci-ascoltano/
AJeX-97
#66 AJeX-97 2018-08-15 00:15
Oh, io al momento del crollo del ponte, nell'unico video reperibile, quello dell'"oh Dio", sento chiaramente un forte rumore, che ricorda tipo una lamiera percossa, e vedo dei bagliori provenire da sotto il ponte.
I lampi non vengono da sotto e i tuoni non fanno rumori nello stesso momento dei lampi...

Qui ragazzi al secondo 28, delle varie riproposizioni viste è la più chiara. Si vedono i bagliori dal basso contemporanei ai rumori

youtu.be/Mfth83DeJvc
zeus66
#67 zeus66 2018-08-15 00:23
Riporto un mio commento già pubblicato da Blondet, leggermente modificato per renderlo più chiaro:

"Sarò un inveterato complottardo, ho anche pensato che Genova è la città di Grillo.

Il quale ieri se ne è uscito con una dichiarazione assurda e contraria riguardo a quello che ha sempre affermato (riguardo l'omeopatia).

Come se fosse stato minacciato e dovesse dimostrare qualcosa a "qualcuno" e al più presto...

Si sappia che....in Italia (ma non solo) le maggiori opere strategiche e in prospettiva, militari, di viabilità (ponti e viadotti) sono, fin dalla costruzione, MINATE, o, in subordine, hanno degli alloggiamenti nei piloni per inserire l'esplosivo. Le "chiavi" sono in mano alla NATO.

Un esempio, i ponti sul Tagliamento.

Questo serviva a rallentare l'eventuale avanzata delle forze del Patto di Varsavia in caso di invasione. Chi seguiva questo era la disciolta Fanteria d'Arresto (di cui ho fatto parte).
Comunque quasi tutte le opere "sensibili" sono minate, specie al nord.

Non voglio arrivare a conclusioni affrettate, ma è la prima cosa che ho pensato. Ma, credo,...da non sottovalutare assolutamente.

A chi penso ? Ai francesi...
Paracelso
#68 Paracelso 2018-08-15 01:29
BRANZAC:
Citazione:
Solo se affidiamo i lavori di ripristino a imprese giapponesi....
Redazione

Citazione:
Tu scherzi, ma io una volta sono andato a Tokio, a girare un documentario per la Rai. Sono rimasto là 10 giorni, e in dieci giorni dalla finestra del mio albergo ho visto LETTERALMENTE smontare e ricostruire un ponte di 3 campate in mezzo alla città. Avevano squadre di centinaia di operai, che si alternavano a turni ininterrotti di 8 ore ciascuno, giorno e notte. in dieci giorno lo hanno smontato, portato via, e ne hanno costruito uno nuovo.
Minchia, che è?... il circo Medrano?
nygandy
#69 nygandy 2018-08-15 02:38
A me sembra l'inevitabile conseguenza del degrado strutturale dei manufatti ferro-cemento.
Dobbiamo accettare il fatto che queste strutture abbiano una loro vita e che dal 1967 il traffico stradale sia forse quadruplicato in quella tratta.
Le opere pubbliche vanno manutenute e dove sia possibile rifatte.
Se non si agisce in tal senso la rovina è certa.
Ora la preoccupazione è che l'Italia è il paese dei ponti e dei viadotti come forse nessuno altro paese al mondo e c'è il rischio idrogeologico e quello sismico...
Mi sembra semplicemente che di disgrazie come questa ce ne siano state, di colpo, più di qualcuna recentemente, il mio timore è che possa esserci un aumento esponenziale dei rischi proprio a partire da ora, considerando che la rete stradale e autostradale è quasi tutta risalente appunto agli anni 50/60/70...
Aironeblu
#70 Aironeblu 2018-08-15 02:51
Zeus 66
Citazione:
penso ai framcesi
Allora abbiamo una telepatia.
Stranamente tra i soccorritori oggi c'erano anche i vigili del fuoco francesi.
Aironeblu
#71 Aironeblu 2018-08-15 03:03
Allora, semplifico lo schema strutturale per i non addetti ai lavori:
Il viadotto era costituito da una serie di piloni verticali che sostenevano le campate orizzontali. I piloni in cls resistono solo a compressione, sostengono il peso del ponte, mentre le sezioni delle campate devono resistere a flessione e taglio, ovvero anche a forze di trazione, per le quali è vitale l'armatura in acciaio nella parte inferiore delle campate.
È possibile che ceda la campata per ossidazione dell'armatura, NON è possibile che crolli il pilone su sè stesso.
La sola possibilità che il pilone possa cadere (CADERE, ovvero ribaltarsi, e non crollare su sè stesso) è un cedimento delle fondazioni, cosa peraltro già negata dalle perizie ingegneristiche e geologiche.
Questo crollo non è normale.
starburst3
#72 starburst3 2018-08-15 07:05
#67 Zeus66
Citazione:
A chi penso ? Ai francesi...
#70 Aironeblu
Citazione:
Allora abbiamo una telepatia.
Stranamente tra i soccorritori oggi c'erano anche i vigili del fuoco francesi.
Tanto per restare in tema e creare un piccolo OT, questi signori hanno invaso il mercato delle telecomunicazioni in italia con la compagnia iliad, da quello che ho saputo da chi si e' abbonato, la copertura e' maggiore rispetto alle altre compagnie telefoniche ed e' capillare,ringraziamo i nostri collaborazionisti/mezzadri che continuano a vendere pezzi della ormai disastrata economia italica,mai come oggi siamo trattati da colonia con la scusa del volemose bene europeo.
P.S. Nel continuare il mio "delirio" simbolico iliad in francese vuol dire iliade,il poema di Omero che parla della guerra e della relativa presa della citta' stato di Troia, avvenuta appunto con il famoso "cavallo di troia" simbolo universalmente riconosciuto della presa con l'inganno e astuzia di una citta',stato o qualsiasi altra cosa soggetta a conquista e predazione.

IN RED WE TRUST
david
#73 david 2018-08-15 07:15
A sentire i telegiornali e leggere i giornali, sembra che i responsabili
siano quelli dei 5stelle.
Torrido
#74 Torrido 2018-08-15 08:09
Dove era il ministro delle infrastrutture negli ultimi 4 anni,Del Rio?ah si interessava dei migranti! Nessuna interrogazione?
Teoclasto
#75 Teoclasto 2018-08-15 08:14
@#34 Redazione
@#40 aledjango

Associo i due commenti perché chiariscono il problema, certo non solo italico ma molto italico, dell'individualismo del "chi se ne fotte" eretto a sistema di pensiero e oramai pervasivo di ogni realtà.
Il ponte è caduto perché progettato male:
(www.ilfattoquotidiano.it/.../4558835)
ma l'articolo postato fa riferimento a dichiarazioni autorevoli e circostanziate di 2 anni fa: si è preoccupato qualcuno della denuncia?
E così per ogni cosa: si agisce solo di fronte alla catastrofe; anzi, in alcuni casi confidando nella "manna" economica del disastro (vedi intercettazioni terremoto a L'Aquila).
Mi ricordo di un colloquio, anni fa, avuto con un parente titolare di una ditta di impiantistica: quello che lo preoccupava era il rallentamento del "mattone" a seguito della crisi del 2007, e non che il nostro territorio (locale e regionale) fosse diventato negli anni una colata di cemento senza più tracce di verde; tradotto: " che me ne fotte se non resta neanche più un albero in piedi; l'importante è che l'azienda e gli introiti prosperino...
Questa incapacità di "pensare in comune" è uno dei nostri mali inestirpabili: cito sempre il buon Montanelli, che stigmatizzava gli italiani così:
www.youtube.com/watch?v=KBt_mtaU6rs
P.S. ancora più chiara questa: www.youtube.com/watch?v=mSOITusNwGI
robcoppola
#76 robcoppola 2018-08-15 08:18
Una settimana fa Bologna con l'autobotte e ora Genova.

Queste coincidenze non mi convincono per niente, visto i tantissimi interessi in gioco che godono per simili tragedie.

Il problema è che anche se fosse qualcosa di premeditato non lo scopriremo mai.

Per Bologna il caso è stato chiuso facilmente come un banale incidente. Per Genova si troverà presto qualche capro espiatorio, addossando loro le pessime condizioni del ponte.

Il boato sentito dai testimoni ? Facile rispondere per chi vuole chiudere subito il caso: un tuono.

Non mi aspetto altro.
ARULA
#77 ARULA 2018-08-15 08:19
Non so voi... ma a me guardando queste immagini non vengono in mente dei fulmini, mi sembra una demolizione controllata.
ARULA
#78 ARULA 2018-08-15 08:23
@72 starburst3
Io non credo che sia una strategia per avere le concessioni... a me viene in mente un "avvertimento" o una vendetta. Le guerre si fanno anche così.
BELLINI
#79 BELLINI 2018-08-15 08:28
Eh no!!!
Chi ha la concessione delle autostrade deve fare la manutenzione. I soldi della Tav sono quelli degli italiani.

Comunque in Sicilia c'è un ponte progettato da Morandi che è chiuso da tempo perché a rischio crolli.
Pare che Morandi quando ha progettato quel ponte e quello di Genova abbia detto:
"I miei ponti sono efficaci e sicuri. Lo dice la Scienza. Voi avete studiato ingegneria per 30 anni? No. Allora tacete somari."
Ahahahah
robcoppola
#80 robcoppola 2018-08-15 08:35
Dall'ultimo post di Danilo Toninelli
Citazione:
I vertici di Autostrade per l’Italia devono dimettersi prima di tutto. E visto che ci sono state gravi inadempienze, annuncio fin da ora che abbiamo attivato tutte le procedure per l’eventuale revoca delle concessioni, e per comminare multe fino a 150 milioni di euro.
Se non sono capaci di gestire le nostre Autostrade, lo farà lo Stato.
it-it.facebook.com/.../1144857245652371
starburst3
#81 starburst3 2018-08-15 08:38
#78 ARULA

Non ho scritto di strategia per avere concessioni (post 41), strategia della tensione significa appunto seminare paura e insicurezza, destabilizzare per stabilizzare, che sia avvertimento o vendetta, siamo purtroppo "esperti" in questo paese di minacce piu' o meno velate o evidenti,se hai visto il video di Messora,lui parla di 11 settembre italiano, lui che non ha mai accettato la versione ufficiale sull'11 settembre cosa pensiamo abbia voluto dire?

IN RED WE TRUST
ARULA
#82 ARULA 2018-08-15 08:45
@81 starburst3
Non ho visto il video di Messora... vado a vedere
ARULA
#83 ARULA 2018-08-15 09:16
@81 starburst3
Quale video??
starburst3
#84 starburst3 2018-08-15 09:18


IN RED WE TRUST
ARULA
#85 ARULA 2018-08-15 09:20
Leggendo tra le righe... Non è stato proprio direttissimo.
fefochip
#86 fefochip 2018-08-15 09:24
leggendo alcuni vostri commenti mi pare il delirio.

cosa c'è di strano nel pensare che sia stato un ponte costruito male? tutto, ma proprio tutto fa pensare
che quel ponte è stato costruito male da subito, se n'erano accorti da tempo e avevano anche cercato di fare qualcosa.

tutto è possibile ma spazziamo via almeno un eventuale motivo di sabotaggio al governo attuale
che non potrebbe essere coinvolto in nessun modo
penso che nemmeno quelli che credono nei troll russi riuscirebbero a credere che se cade un ponte costruito 50 anni fa
il governo insediato da 3 mesi ha qualche responsabilità

mi è piaciuta molto la dichiarazione di toninelli che ventila una possibile gestione da parte dello stato di austostrade se queste sono così inefficenti nel fare manutenzione.

per come la vedo io (e con piacere ho visto anche fusaro) tutti i settori strategici (trasporti , telecomunicazioni , energia, poste, banche) devono essere a gestione e proprietà dello stato con buona pace dei soliti che si preoccupano dei nullafacenti dello stato (solo invidia perche ci vorrebbero stare loro nello stato)
starburst3
#87 starburst3 2018-08-15 09:26
Ci mancherebbe, gia' sta' sotto doppio controllo segreto ;-) se comincia a parlare di demolizione controllata gli affibiano subito un tso!
A meno che dopo grillo anche lui abbia avuto un cedimento strutturale ed accettato la versione della scienza "scientificamente dimostrata"!!! :-o
Scherzo,in questo momento sono solo ipotesi,lui e' meglio,per il momento che rimanga sul vago.

IN RED WE TRUST
ARULA
#88 ARULA 2018-08-15 09:30
@86 fefochip
Ma lo hai visto il video... a me fa pensare male e non per eccesso di complottismo.
Ed è innegabile che di bastoni tra le ruote negli ultimi mesi ne abbiamo messi a qualcuno.

E si ho sentito Toninelli che parla di "sospendere" la concessione non di toglierla. E il problema è che bisogna prima leggersi bene il contratto di concessione che è, a tutti gli effetti, un segreto di stato. Vuoi vedere che alla fine questi non pagheranno nulla?
corriere.it/.../...
NiHiLaNtH
#89 NiHiLaNtH 2018-08-15 09:33
il ponte a genova non è qualcosa di inaccessibile e invisibile come le colonne portanti del wtc, se c'era qualcosa di strano si vedeva
horselover
#90 horselover 2018-08-15 09:37
infatti si vedeva che era malconcio.
ARULA
#91 ARULA 2018-08-15 09:39
Ma vedevi il video... a me non sembrano fulmini e nemmeno tuoni.
fefochip
#92 fefochip 2018-08-15 09:39
#88 ARULA
Citazione:
Ma lo hai visto il video... a me fa pensare male e non per eccesso di complottismo.
quale video ? quello oddio oddio oddio , dove non si può capire nulla ?

Citazione:
E il problema è che bisogna prima leggersi bene il contratto di concessione che è, a tutti gli effetti, un segreto di stato. Vuoi vedere che alla fine questi non pagheranno nulla?
ci saranno tutte le multinazionali cattive, tutti i poteri sovranazionali che ci mettono i bastoni tra le ruote ma se ci
dimentichiamo noi stessi che
il popolo è SOVRANO e lo stato è la sua manifestazione fattiva, la sua organizzazione.
tradotto lo stato in pratica può fare quello che gli pare, basta fare le leggi opportune
horselover
#93 horselover 2018-08-15 09:51
il delirio di onnipotenza dell'uomo che vuole dominare la natura, il mito della velocità che ci fa "guadagnare" tempo e gli appalti pubblici al ribasso sono le vere causa di questa tragedia e di quelle che seguiranno.
fefochip
#94 fefochip 2018-08-15 09:52
io capisco la tragedia, capisco l'incredulità.
ma cavolo aspettiamo a formulare ipotesi,
non abbiamo niente di niente e già partono le ipotesi più fantascientifiche

ma varamente ci fa bene quest'esercizio di impazienza?
AJeX-97
#95 AJeX-97 2018-08-15 09:54
Così però facciamo come i debunkers che dicono di non credere ai nostri sensi e alle nostre sensazioni perché "non può essere".
Non c'è nulla di strano che un ponte progettato 50 anni fa che ha avuto varie manutenzioni in questi anni crolli così? Se non c'era nulla di strano non ci facevano edizioni straordinarie.

Non si vuole giungere a conclusioni, ma negare, negarsi, che nel video "oddio, oddio", l'unico video disponibile, si sentano dei forti rumori in concomitanza con dei bagliori provenienti dal basso significa pervertire la nostra percezione sulla base di pregiudizi, specie considerando che questi rumori precedenti al crollo sono stati testimoniati da tutti i testimoni.

Poi nessuno può saperla a oggi così lunga ma quei boati e quei bagliori ci sono, questo è poco ma sicuro. E su questi è lecito volerci vedere chiaro.
ARULA
#96 ARULA 2018-08-15 09:56
@92 fefochip
Ripeto: a me non sembrano ne fulmini ne tuoni. E poi può crollare la campata, ma il pilone mi pare difficile.
Non so... ovviamente non è il mio mestiere, ma mi pare strano. E accetto chiarimenti da chi sia più informato di me in materia.
Il ponte senz'altro può cadere e ne cadono tanti, ma non in questo modo.

fefo prima bisogna leggersi i termini delle concessioni. Io ho lavorato per una azienda che aveva una concessione del vaticano (e infatti la cosa mi stupiva non poco) dove praticamente ogni responsabilità finiva al vaticano. Infatti durante una guida un turista ha fatto un volo allucinante dalla scalinata di una cripta che pensavo fosse morto. Io mi sono spaventata a morte il mio superiore era tranquillissimo. Mi ha detto: Tanto... qualunque cosa succede la responsabilità non la paghiamo noi.
Con questo non voglio dire che non sarei contenta se togliessero tutte le concessioni ai privati che hanno dato negli ultimi decenni, ma bisogna vedere come gliele hanno date. E nel caso decidere di cambiare finalmente le leggi se possibile.
mik300
#97 mik300 2018-08-15 10:00
@macco

se aguzzi la pupilla si intravedono i tiranti in acciaio
anche nelle altre campate,
d'altronde, perchè una si e le altre no?

@amantido

Citazione:
Anch'io ho notato subito i bagliori durante il crollo, ma la ragione mi ha fatto pensare a: - lampi sullo sfondo - bagliori dovuti hai danni arrecati alla linea ferroviaria
si, la linea ferroviaria
può essere una spiegazione plausibile,
però a veder le foto,
mi pare un pò distante dal pilone
invece i due e più bagliori sembra proprio
che provenissero da sotto..

ribadisco,
non avessi sentito i botti
e visto i bagliori
avrei creduto tranquillamente al cedimento strutturale..
siccome ho visto,
allora voglio vederci chiaro..
ma sui tg fanno vedere il video integrale?

toh..
guarda tu il caso..
stava tramando qualcosa??

liberoquotidiano.it/.../...

Emmanuel Macron, il presidente francese sparito da una settimana: è chiuso nella sua residenza con Brigitte

13 Agosto 2018

Emmanuel Macron è sparito da una settimana. L'ultima foto del presidente francese risale al 7 agosto. Dopodiché più nulla. Macron si è rinchiuso con la first lady Brigitte in un bastione del XVII secolo, da cui non escono mai.

che stiamo sulle balle
e vogliono farcela pagare
mi sembra notorio a tutti..
Supernova
#98 Supernova 2018-08-15 10:06
Ciao, cmq a me ha colpito la testimone che diceva che il ponte è venuto giù come se fosse di farina, in aggiunta ai lampi ho pensato subito a una demolizione. Vedendo oggi gli attacchi ai 5s per essersi opposti a una galleria che avrebbe snellito il traffico sul ponte e le polemiche sulle grandi opere tornate alla ribalta sui media la cosa mi puzza parecchio....
fefochip
#99 fefochip 2018-08-15 10:08
#95 AJeX-97
ma porca paletta, il tizio che pensi che ha avuto una intuizione a fare il filmato?
voleva far vedere ai suoi i fulmini che erano tantissimi in quella zona (lo ha pure detto nell'intervista)
e i fulmini si sa sono seguiti dai tuoni

boh

edit
Citazione:
Se non c'era nulla di strano non ci facevano edizioni straordinarie.
no infatti , una notizia la danno solo se c'è un motivo ....come per i troll russi? :perculante:
Zina
#100 Zina 2018-08-15 10:11
Non mi spingo fino all'ipotesi del sabotaggio però devo ammettere che quei 300 kg di tritolo in giro li ho pensati parecchio in questi giorni. Comunque se si trattasse di evento provocato il ponte Morandi era la cosiddetta "vittima perfetta" perché stava già con un piede nella fossa. Non sappiamo fino a che punto fosse malmesso addirittura da cadere come un castello di sabbia ma era di sicuro famoso per non essere molto affidabile
robcoppola
#101 robcoppola 2018-08-15 10:14
Direttamente dalla fonte, vediamo cosa dice Luigi Di Maio
Citazione:
I responsabili della tragedia di Genova hanno un nome e cognome, e sono Autostrade per l'Italia.
Per anni si è detto che le gestioni private sarebbero state migliori di quelle statali.
E così, oggi, abbiamo uno dei più grandi concessionari europei che ci dice che quel ponte era in sicurezza e non c'era niente che facesse immaginare il crollo.
Autostrade doveva fare la manutenzione e non l'ha fatta. Incassa i pedaggi piu' alti d'Europa e paga tasse bassissime, peraltro in Lussemburgo.
Bisogna ritirare le concessioni e far pagare le multe.
Il ministro Danilo Toninelli ha già avviato le procedure per il ritiro della concessione e per comminare le multe. Se un privato non è in grado, le autostrade le gestirà lo Stato. Prima di tutto si dimettano i vertici!
it-it.facebook.com/.../1858515587518312
maryam
#102 maryam 2018-08-15 10:16
Escono fuori adesso tante cose, speriamo che esca anche la verità. Importante sarebbero i video sull' autostrada, ma per ora pare che non si veda nulla

Andare piano con le sparate sì, è controproducente.


Nel 2012 il M5s si scagliava contro l'opera che avrebbe alleggerito l'autostrada. E nel 2013 ospitava i comitati che dicevano: "Quel ponte starà su per altri 100 annhttp://www.ilgiornale.it/news/politica/i-no-gro nda-sul-sito-m5s-crollo-ponte-favoletta-1565093.ht ml
AJeX-97
#103 AJeX-97 2018-08-15 10:16
#fefo

Questo non cambia di una virgola le impressioni sensibili che lascia il filmato circa i bagliori e circa i boati.
Ben diverse dalle impressioni sensibili lasciate da un filmato su tuoni e fulmini.

Poi se per te non può essere, okay, non può essere. Per me non è ma potrebbe essere.
ARULA
#104 ARULA 2018-08-15 10:19
@fefochip
Magari è un normale cedimento strutturale, ma mi pare strano tutto qui. Non ho le competenze per affermare con certezza il contrario, ma posso esprimere le mie perplessità. Ma nessuno qui dentro ha studiato ingegneria?
AJeX-97
#105 AJeX-97 2018-08-15 10:23
Ah e sul fatto che "oddio oddio" stesse filmando Per i fulmini non saprei proprio: quando il video inizia, lui sta riprendendo il ponte che è già crollato, cioè è già successa una cosa straordinaria che vale la pena filmare, non sta riprendendo per caso, quando inizia il video che stiamo vedendo è già successa una cosa straordinaria che è oggetto della sua attenzione.
Se stava riprendendo da prima sarebbe bello e utile vedere il video dal principio.
robcoppola
#106 robcoppola 2018-08-15 10:26
Citazione:
Escono fuori adesso tante cose, speriamo che esca anche la verità.
La probabilità che ciò accada tende a zero per ovvi motivi.

In gioco di sono questioni gigantesche, ad esempio la gestione PRIVATA contro quella PUBBLICA, la "necessita" di nuove grandi opere ....

Una Italia piena di problemi sulle infrastrutture è una manna dal cielo per chi la desidera sottomessa. Infatti per rimediare serviranno enormi investimenti. Ottimo salasso per ostacolare i piani del governo come il reddito di cittadinanza, flat tax ecc....
fefochip
#107 fefochip 2018-08-15 10:26
ragazzi le costruzioni vengono giu pure da sole eh?
a due passi da casa mia, anni fa, un palazzo in piena notte si è letteralmente sbriciolato senza che nessuno lo avesse toccato.
poi si scoprì che avevano tempo prima tagliato una colonna per far passare dei camion nei garage e c'era una tipografia che stampava allegramente generando continuamente
vibrazioni. uniamoci al fatto che con ogni probabilità il cemento era di pessima qualità (alto tenore di sabbia).
la tragedia è stata grave come quella del ponte (scusate il paragone ma è per far capire l'entità )27 persone, tra cui 6 bambini tutti morti nel sonno (il crollo è avvenuto di notte tra l'altro mentre stavo proprio a due palazzi di distanza in un locale )
il vero scandalo è che alla fine furono tutti assolti.
iltempo.it/.../...

nessun complotto solo merda, c'è pure quella e fa molte piu vittime

a proposito del ponte di genova non dimentichiamoci della cause OVVIE
il trasporto di merci si è intensificato negli anni con TIR sempre piu grossi e pesanti , ma le strade non hanno seguito di pari passo
i carichi trasportati.
non ci dimentichiamo delle cose FONDAMENTALI
(date un occhiata al video della gabanelli)
corriere.it/.../...
mik300
#108 mik300 2018-08-15 10:27
corriere.it/.../...


Genova, crolla il ponte sull’A10: la corsa delle auto finita nel vuoto e «l’esplosione come una bomba»
200 metri di A10 crollano sulla ferrovia e sui magazzini. Il video e le grida incredule: «Dio mio, ma che sta succedendo?». I testimoni raccontano di un fulmine poco prima della tragedia I corpi recuperati sono 31, ma ci sono ancora tanti dispersi

la versione del corriere..

Non ci sono tremolii, non ci sono i segnali premonitori che secondo alcuni annunciano un terremoto. Crolla, e basta. Spiegano gli esperti della Protezione civile che il cedimento non avviene dal basso, dal pilastro centrale, ma dal punto più alto, dagli stralli, i grandi sostegni laterali che ai genovesi suscitavano paragoni orgogliosi con il ponte di Brooklyn. Poi è un effetto domino. Crollano 200 metri di carreggiata e infine cede il secondo dei tre piloni in cemento armato che raggiungevano i novanta metri di altezza e sorreggevano i 1.102 metri di lunghezza della struttura.


cioè si è staccato uno strallo dalla carreggiata?

faccio solo osservazioni,
impressioni del momento..

al centro si vede come un foro,
avete presente quei fori nelle cave
dove si mette la dinamite?

poi le parti del piloni nelle altre parti evidenziate
è come se fossero state decapitate di netto..

f_z
#109 f_z 2018-08-15 10:31
Citazione:
#21 alexbell64 2018-08-14 19:31

In TUTTI i crolli di ponti che ho visto, c'è una costante semplice, che tutti possiamo notare: a cedere, sono i piani viabili, le strutture sospese, le campate. Non ho ancora visto, a parte quello di Genova, un ponte cadere e sbriciolarsi a quel modo a partire dal pilone principale di ancoraggio. In genere i piloni, o antenne dir si voglia, restano al loro posto, anche quando vengono travolti dalla furia di un fiume in piena, o quando crollano le campate per eventi di altro genere. A Genova no. A Genova il ponte più maestoso, imponente della Liguria, che fa? Crolla, rovina, cede di schianto uno dei basamenti principali. Piloni di dimensioni incredibili tranciati di netto alla base, vedere i filmati, e vedere la foto in basso postata a piè di post.
Non sono in grado di darti spiegazioni, ma condivido i tuoi stessi dubbi.
Mi pare che ci sia qualcosa di anomalo in quel crollo "tutto in una volta".
redazione
#110 redazione 2018-08-15 10:31
alexbell64: Citazione:
Per rispondere ad amantido17 ed a chiunque si ponga interrogativi di tipo tecnico, credo che questo risponda a molti di voi: retrofutur.org/.../...
Ho letto nei commenti del tuo link che esisteva una ricerca fatta dall'Università di Genova, intitolata "il consolidamento del viadotto sul Polcevera", scritta dalla prof. Giovanna Franca, che sarebbe misteriosamente sparita dalle pagine del web poche ore dopo il crollo del ponte. A quanto pare la ricerca parlava di fenomeni di erosione osservati all'interno del cemento dei piloni.

Qualcuno riesce a recuperarla?
fefochip
#111 fefochip 2018-08-15 10:32
ragazzi impariamo un po di pazienza e rimaniamo con gli occhi aperti
ok il tritolo magari lo hanno rubato, magari no. ma era pur sempre un residuato bellico magari non utilizzabile (non mi intendo di esplosivi)
in ogni caso se hanno utilizzato quello è ovviamente un attentato di "basso livello" , servizi segreti e militari hanno a disposizione ben altri mezzi.

vedremo se ci sarà un guadagno da parte di qualcuno, ma se non c'è difficile gridare al complotto.
fefochip
#112 fefochip 2018-08-15 10:33
#105 AJeX-97 Citazione:
quando il video inizia, lui sta riprendendo il ponte che è già crollato, cioè è già successa una cosa straordinaria che vale la pena filmare,
se avessi sentito le parole di chi ha filmato avresti escluso questa possibilità
è il video che ha postato ARULA
dice chiaramente che comincia a vedere quello che succede direttamente dentro il cellulare
soloincompagnia
#113 soloincompagnia 2018-08-15 10:34
mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2016-10-28/crolla-cavalcavia-milano-lecco-diversi-feriti-183435.shtml?uuid=ADadrPlB&utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook
Vero è che quando una tragedia fa notizia ne seguono altre simili solitamente pescate in giro per il mondo. Ma dove, se non su LC, si può chiedere di approfondire queste coincidenze? Grazie a tutti.

P.s. Seguo da anni MM ma questo è il mio primo intervento, quindi colgo l'occasione per ringraziare tutta la comunità di LC per ciò che è.
Primadellesabbie
#114 Primadellesabbie 2018-08-15 10:42
Le ragioni del crollo, un pezzo alla volta per ora, di un Paese di posteggiatori abusivi (già doganieri, prima del Risorgimento)?

Eccola in 4 secondi, dal secondo 0:18 al 0:22, banchetto 'da campo' con esemplare modulistica messa a punto in lunghe e fruttuose riunioni di lavoro "interdisciplinari", istantaneamente allestito accanto alle 'nostre' macerie (chissà che invidia gli americani che con tutta la loro organizzazione non ce ne avevano accanto alle loro!), espressione suprema e sintesi di una filosofia di vita largamente condivisa ed intimamente appagante:

www.youtube.com/watch?v=UiGsjIQKC8s
macco83
#115 macco83 2018-08-15 10:44
Concordo con Fefo prima di saltare a ipotesi azzardate ricordiamoci che il ponte era a quanto pare fatiscente ed è crollato proprio il pilone con le fondazioni praticamente nel letto del torrente.
AJeX-97
#116 AJeX-97 2018-08-15 10:50
Bravo Fefo, ma non sprecare bit, avevo già scritto che quindi sarebbe bello vedere il video dal principio.
Ma le immagini a nostra disposizione partono col ragazzo che già inquadra il ponte. Proseguono con bagliori e boati che sembrano provenienti da sotto il ponte, e col crollo di un'altra parte di quest'ultimo.
AJeX-97
#117 AJeX-97 2018-08-15 10:52
#115 macco

Infatti, non saltiamo a conclusioni affrettate, quali per esempio ""non può essere perché non può essere"".
Il cedimento strutturale rimane la causa privilegiata per tutti, questo al momento non c'è bisogno nemmeno di sottolinearlo.
Senna
#118 Senna 2018-08-15 10:52
Citazione:
(lo sono il 90% dei ponti italiani)
Lo sono anche nel resto d'Europa e del mondo. Ma i video ufficiali di Autostrade Italiane dove sono? Hanno telecamere alle entrate e uscite di tutte le gallerie, quindi dove sono i filmati ufficiali? Ci sono telecamere ovunque, ad ogni incrocio, rondò, etc. e nessun video del ponte? Almeno si potrebbe chiarire la causa dei 2 bagliori che si vedono e che nessuno tra RAI, SKY e mediaset ha osato vedere!
fefochip
#119 fefochip 2018-08-15 10:54

Di Maio e Salvini: "Revoca della concessione ad Autostrade
e multa di 150 milioni". Toninelli: "I vertici si devono dimettere"


repubblica.it/.../...
robcoppola
#120 robcoppola 2018-08-15 10:54
Citazione:
Concordo con Fefo prima di saltare a ipotesi azzardate ricordiamoci che il ponte era a quanto pare fatiscente ed è crollato proprio il pilone con le fondazioni praticamente nel letto del torrente.
Che l'opera fosse in pessime condizioni non ci sono dubbi. Molto strano è che sia crollata all'improvviso senza che gli ingegneri responsabili (e non credo proprio che siano incompetenti o folli) se ne siano minimamente resi conto.

È proprio l'aspetto della presunta precarietà dell'opera che è un fenomenale punto di forza per celare una ipotetica demolizione controllata.

Abbiamo già visto quanto siano affidabili le autorità internazionali riguardo l'11 settembre, nonché l'esercito dei disinformatori della carta stampata e tv ...
fefochip
#121 fefochip 2018-08-15 10:56
se un complotto c'è è quello del capitale , del turbocapitalismo (come dice fusaro) che è disposto a tutto pur di guadagnare sfruttando e spremendo
come limoni le nostre risorse, territorio e la salute

ragazzi, qui dobbiamo riprenderci il paese che insieme alle sue infrastrutture sta andando in malora altro che complotti .
fefochip
#122 fefochip 2018-08-15 10:58
grandissima ammirazione per i vigili del fuoco
persone come noi, che tra tutti quelli che chiacchierano si tirano su le maniche e lavorano da eroi silenziosi
fefochip
#123 fefochip 2018-08-15 11:03
#120 robcoppolaCitazione:
Che l'opera fosse in pessime condizioni non ci sono dubbi. Molto strano è che sia crollata all'improvviso senza che gli ingegneri responsabili (e non credo proprio che siano incompetenti o folli) se ne siano minimamente resi conto.
se gli ingegneri gli fosse lasciata carta bianca stai sicuro che i ponti non crollerebbero. (salvo rarissimi casi di incompetenza )
è dai tempi dei romani che l'ingegneria ha dimostrato che se si vuole fare una cosa che dura ci si riesce (leggi colosseo)
il punto è che le valutazioni(e ovviamente anche le costruzioni) sono forzate dagli interessi economici e quindi un viadotto spremuto fino all'osso per non spendere
tanto se muore qualcuno ...cazzo gliene frega a quelli che ci hanno guadagnato?
-ZR-
#124 -ZR- 2018-08-15 11:07
@ Massimo

?

retrofutur.org/.../...

-ZR-

salvatela se vi riesce e reputate interessante (secondo me si) la pagina, io non so come si fa...
fefochip
#125 fefochip 2018-08-15 11:09
ragazzi la società Atlantia è un gruppo internazionale che gestisce autostrade in tutto il mondo

CHE CAZZO GLIENE FREGA SE MUOIONE DELLE PERSONE? TANTO I RICAVATI SARANNO SEMPRE DI PIU DEGLI EVENTUALI RIMBORSI

COSI' RAGIONANO LE SPA
mik300
#126 mik300 2018-08-15 11:10
qualcuno dice che i bagliori
provenivano dall'alta tensione della linea ferroviaria..
a me pareva provenissero più da sotto..
bah..
forse può essere a veder bene

robcoppola
#127 robcoppola 2018-08-15 11:12
#123 fefochip

Gli ingegneri responsabili diventeranno i principali capri espiatori da parte della società autostrade.

Hanno forse scelto dei kamikaze pronti a farsi massacrare per mantenere quel posto di lavoro ?

Tutto è possibile anche se lascerei spazio alla possibilità ad altre ipotesi senza credere a nessuna in mancanza di prove solide.

Ad ogni modo parto già dal non credere alla versione ufficiale, troppo inquinata dai peggiori interessi ...
fefochip
#128 fefochip 2018-08-15 11:17
#127 robcoppola
Citazione:
Hanno forse scelto dei kamikaze pronti a farsi massacrare per mantenere quel posto di lavoro ?
no, solo persone disposte a dire qualunque cosa in cambio di soldi.
Citazione:
Ad ogni modo parto già dal non credere alla versione ufficiale, troppo inquinata dai peggiori interessi ...
c'è una versione ufficiale?
peonia
#129 peonia 2018-08-15 11:19
"Concordo con Fefo prima di saltare a ipotesi azzardate ricordiamoci che il ponte era a quanto pare fatiscente ed è crollato proprio il pilone con le fondazioni praticamente nel letto del torrente."

Io invece non sono d'accordo, voler essere sempre, e rimanere, "coi piedi per terra" a volte è un limite. Ricordo bene quando l'11/9/2001 dicevo che era un falso, TUTTI rispondevano "ma va, ti pare che ammazzano così tante persone loro" (che tra l'altro poveretti pochi erano americani); ci sono voluti anni per arrivare alla conclusione che era come avevo sentito e molti ancora non ci credono!
Ora molte persone nel web sentono che la cosa puzza, che anche l'altro incidente sulla tangenziale di Bologna puzza, e quindi solo cercando bene, APERTI alla ricerca, si possono capire eventuali piani atti a destabilizzarci, nel frattempo hanno colpito l'immaginario italiano e non solo... :-(
macco83
#130 macco83 2018-08-15 11:21
#120 robcoppola
Citazione:
È proprio l'aspetto della presunta precarietà dell'opera che è un fenomenale punto di forza per celare una ipotetica demolizione controllata.
Ciao, se volevano demolirlo potevano farlo alle 3 del mattino quando non passava quasi nessuno. Ok che sono disposti a tutto, ma qui non serviva la diretta tv o esportare guerre democratiche.
peonia
#131 peonia 2018-08-15 11:21
Esatto Robcoppola è quello che ho detto anche su Byoblu
Faccio notare che pochi giorni prima,volendo parlare di complotti invece!, il Corriere ha pubblicato questo, così la spiegazione è ovvia..... si tratta di un semplice crollo annunciato ....bla bla bla..

s15.postimg.cc/7tyxwrtq3/ponte_morandi.jpg
fefochip
#132 fefochip 2018-08-15 11:25
#129 peoniaCitazione:
Ricordo bene quando l'11/9/2001 dicevo che era un falso, TUTTI rispondevano "ma va, ti pare che ammazzano così tante persone loro" (che tra l'altro poveretti pochi erano americani); ci sono voluti anni per arrivare alla conclusione che era come avevo sentito e molti ancora non ci credono!
marina bisogna guardare alla fine il cui prodest.
checchè ne dicano gli attivi e i cicappari il cui prodest della versione ufficiale è infinitamente piu debole (odiano il nostro stile di vita) di quello/i della versione che si è pian piano delineato in questi anni.

finche non si trova un cui prodest che abbia un senso da qualche parte ....rimaniamo a guardare in maniera molto attenta e vedremo.
robcoppola
#133 robcoppola 2018-08-15 11:27
Citazione:
Ciao, se volevano demolirlo potevano farlo alle 3 del mattino quando non passava quasi nessuno. Ok che sono disposti a tutto, ma qui non serviva la diretta tv o esportare guerre democratiche.
La presenza dei morti rende il problema estremamente più grave, l'impatto sull'opinione pubblica è di gran lunga maggiore.

Sia chiaro che non scarto del tutto il crollo naturale, lo vedo però poco probabile rispetto ad altre ipotesi che hanno come protagonista la manina dell'uomo (controllata da interessi enormi).
fefochip
#134 fefochip 2018-08-15 11:29
vabbè ragazzi che vi devo dire, ok

è stata la nato che vuole farci fare una figura di merda nel mondo, insieme ai francesi che sono notoriamente i piu stronzi dell'universo (e guarda caso ci stanno dei volontari francesi dei vigili del fuoco per recuperare e nascondere le prove) di concerto con la cia e il mossad che comunque ci mettono lo zampino sempre,
e tutto questo si evince chiaramente dai lampi e dai boati del filmato fatto dal signor "oddio oddio"

ah mi dimenticavo il messaggio di traverso a grillo perche è genovese e non crede nell'omeopatia e siccome la cabala dice 1X3 fa 3 allora tutti in culo a te
macco83
#135 macco83 2018-08-15 11:30
#129 peonia
Ti capisco ma allora vale anche il discorso opposto..basta un video non chiaro e tutto puzza? Comunque sarebbe utile vedere le webcam sul quel tratto e aspettare una prima perizia (sperando non la facciano quelli del NIST).
starburst3
#136 starburst3 2018-08-15 11:31
#134 fefochip
Citazione:
insieme ai francesi che sono notoriamente i piu stronzi dell'universo

Quoto.

IN RED WE TRUST
ARULA
#137 ARULA 2018-08-15 11:43
Casualità...
Crolla il ponte ma dalla rassegna stampa sparisce il nome dei Benetton
Dipende
#138 Dipende 2018-08-15 11:43
Io il video l'ho rivisto più volte e non vedo stranezze clamorose.
Forse gli sviluppi mi smentiranno, ma a me sembra tutto “normale”
Se si da buono per “normale” il fatto che se n'è venuta una intera sezione di un ponte vecchio, progettato male da un ingegnere che aveva già fallito in passato, che non hai mai avuto la manutenzione adeguata nonostante fosse un'arteria principale molto trafficata e soprattutto costruita sopra delle abitazioni!!
Sertes
#139 Sertes 2018-08-15 11:43
ARULA
#140 ARULA 2018-08-15 11:44
Autorimosso
starburst3
#141 starburst3 2018-08-15 11:45
A parte le ipotesi,vediamo chi c'e' dietro la societa' autostrade :
La società che gestisce più km di autostrade è Autostrade per l’Italia. Fa parte del gruppo Atlantia S.p.A., che ne possiede il 100% del capitale sociale e che fa riferimento, come principale azionista, alla famiglia Benetton.
Che tra l'altro ha un cognome francesizzante ;-) :-D Scherzo eh.
Benetton altra famiglia appartenente alla famigerata merdle class, apprezzatissima dal presunto centrodestra e dal presunto centrosinistra,che manovra a piacimento e che sta' facendo danni pure in patagonia.
Il resto dell'articolo, redatto il marzo 2017 ma che sembra scritto ieri.
lintellettualedissidente.it/.../...

IN RED WE TRUST
ARULA
#142 ARULA 2018-08-15 11:45
Ciao sertes,
Tolgo la mia.
eco3
#143 eco3 2018-08-15 11:46
#134 fefochip

Citazione:
vabbè ragazzi che vi devo dire, ok

è stata la nato...
...utilizzando, dopo averli trafugati, i 300 kg di TNT recuperati da un vecchio siluro della II guerra mondiale che erano stati lasciati momentaneamente incustoditi.
horselover
#144 horselover 2018-08-15 11:47
i morti creano emozione, ma l'impatto lo avranno i genovesi nei prossimi mesi (o anni)
udire
#145 udire 2018-08-15 11:52
@Redazione

è forse questo l'articolo che cercavi?

Il consolidamento del Viadotto sul Polcevera.

di Giovanna Franco.


Grande infrastruttura degli anni sessanta progettata da Riccardo Morandi, il viadotto che sovrappassa la valle del Polcevera, zona densa di tessuto urbano e impianti ferroviari, ha subito, dopo approfondite indagini, un intervento di consolidamento. La particolare aggressività ambientale, fattore che ha determinato il grave degrado della struttura, ha imposto una diversa soluzione tecnologica del sistema di precompressione degli stralli in cemento armato: nuovi cavi sono stati posti all'esterno della sezione in calcestruzzo e lasciati in vista per facilitare il controllo e la manutenzione. La soluzione adottata, sebbene mantenga lo schema statico a catenaria e la concezione strutturale originaria degli stralli, modifica l'immagine del viadotto, aggiungendo un elemento estraneo all'unitarietà materica della figura morandiana.

Il Ponte strallato del viadotto autostradale sul torrente Polcevera, che collega Milano e Genova con la Riviera dei Fiori, progettato da Riccardo Morandi, fu inaugurato nel 1967. Il viadotto si sviluppa per una lunghezza totale pari a 1000 m circa, suddivisa in 11 campate di luce variabile. Le campate maggiori, tra la pila n.8 e la spalla 12 (le cui luci sono compresa tra 145 e 207 m), sono state realizzate con tre speciali sistemi bilanciati, sorretti da piloni con forma di antenna (costituiti da due strutture ad "A" collegate tra loro a metà altezza e in sommità, a circa 90 metri da terra), alle cui estremità (42 metri sopra il piano viario) sono ancorati gli stralli. In ciascuno dei tre sistemi bilanciati l'impalcato, costituito da un cassone cellulare in cemento armato precompresso e due solette (estradossale e intradossale), è ancorato in quattro punti (due nei piloni e due negli stralli). I tiranti sono costituiti da fasce di trefoli di acciaio speciale di diametro pari a 1/2", che passano sopra l'antenna per mezzo di una speciale sella, costituita da lamiere e profilati annegati nel getto di calcestruzzo. Gli stralli sono avvolti in una guaina di calcestruzzo che, per il suo peso, ha assunto una configurazione a catenaria. La guaina in calcestruzzo è posta in coazione con i trefoli per mezzo di altri cavi, paralleli a quelli già in esercizio, anch'essi di diametro pari a 1/2" che la precomprimono in modo tale che, al passaggio dei sovraccarichi, si determini una decompressione del calcestruzzo, senza raggiungere il valore zero. I vantaggi di questo ardito sistema strutturale consistevano nell'eliminazione della fessurazione delle guaine, nella riduzione dell'ampiezza del campo di variazione delle sollecitazioni nell'acciaio e nella riduzione della rotazione della travata.
Il sistema, però, non era esente da problemi. Già nei primi anni settanta lo stesso Morandi verificò il manifestarsi dei primi difetti dovuti probabilmente anche alla particolare aggressività dell'ambiente esterno (per la presenza di aerosol marino e di inquinanti gassosi industriali). A partire dagli anni ottanta il ponte è stato oggetto di interventi di consolidamento, i più significativi dei quali sono quelli intrapresi nel 1993 sugli stralli della pila 11 (la più vicina al centro urbano di Genova). Analogamente a quanto già era stato realizzato sul resto della struttura, infatti, anche nella pila 11 era stato programmato un intervento di parziale integrazione e di protezione del calcestruzzo, ma alcune verifiche preliminari, condotte per meglio calibrare gli interventi, avevano messo in luce una situazione ben più preoccupante, che si manifestava con la presenza di cavità e degradi concentrati, soprattutto all'attacco degli stralli con il traverso in sommità dell'antenna. È stata dunque avviata una campagna di monitoraggio, attraverso indagini distruttive e non, localizzate ed estese, per definire con precisione lo stato di conservazione dei materiali e della struttura e i necessari interventi di consolidamento.
Sono stati effettuati diversi tipi di saggi sui materiali: prove sclerometriche di "pull out" per le guaine in calcestruzzo, per determinarne la resistenza; prove a ultrasuono e di carbonatazione, sempre sul calcestruzzo, per verificarne lo stato di degrado; prove di liberazione delle tensioni, per valutare la precompressione della sezione in calcestruzzo; prove di resistenza degli acciai (su alcuni campioni di trefolo estratti dalla guaina); prove riflettometriche, per determinare lo stato di conservazione dei trefoli. La "mappatura di potenziale", condotta per mezzo di elettrodi posti sulla superficie dello strallo, ha permesso di valutare il probabile stato di corrosione delle armature lente al suo interno. A queste analisi è stato affiancato il rilievo geometrico degli stralli che ha consentito di valutare la variazione delle frecce di ciascun elemento strutturale al variare dei carichi accidentali. Ha completato il quadro delle analisi un'esplorazione mirata con endoscopio, effettuata nei punti critici, all'estremità dell'antenna. Le indagini hanno dunque messo in luce il grave stato di ossidazione dei cavi interni di precompressione: numerosi trefoli erano tranciati o fortemente ossidati, con avanzata riduzione della sezione. Altri trefoli apparivano invece visibilmente rilasciati, lasciando supporre una loro rottura a valle del punto di osservazione. Si è poi deciso di sottoporre la struttura a una fase completa di monitoraggio, estesa anche agli interventi di consolidamento, per controllare la variazione delle deformazioni e delle tensioni su alcune sezioni significative. Il monitoraggio è stato affiancato a prove dinamiche, per mezzo di accelerometri e trasduttori di spostamento estensimetrici, per valutare il comportamento dinamico del manufatto prima, durante e dopo l'intervento.
La fase diagnostica ha evidenziato una situazione ben più grave rispetto alle forme di degrado cui sono solitamente soggette le infrastrutture realizzate con gli stessi materiali, dovuta, probabilmente, alla particolare concezione strutturale ideata da Morandi. Gli stralli infatti, elementi generalmente tesi, sono in questo caso soggetti a compressione, come anche la guaina di rivestimento, in calcestruzzo, che ha funzione collaborante. Questo particolare accorgimento ha potuto eliminare l'insorgere di fessurazioni nel calcestruzzo, difetto tipico del materiale; allo stesso tempo, però, non ha permesso di effettuare alcuna operazione ispettiva e manutentiva sui trefoli d'acciaio, che in molti casi avevano già raggiunto lo snervamento.
L'intervento di consolidamento, progettato dall'ing. Pisani, collaboratore di Morandi all'epoca della costruzione del ponte, non ha modificato lo schema statico, rispettando la tipologia strutturale dello strallo con guaina compressa collaborante e prevedendo la messa in opera di nuovi cavi esterni, per consentirne la futura manutenzione, in apposite guaine in polietilene, affiancati alle facce verticali degli stralli esistenti, con l'aggiunta di un sistema di cavi corti, nella parte terminale, per trasferire il tiro dai cavi vecchi a quelli nuovi.
L'intervento, condotto senza interrompere il traffico veicolare (facendo uso di apposite strutture provvisionali, rimaste poi in dotazione della società Autostrade), è stato realizzato nelle seguenti fasi. 1) Risanamento e conservazione della guaina in calcestruzzo carbonatata e lacunosa, secondo le consuete procedure di integrazione del calcestruzzo (scalpellatura e asportazione delle parti ammalorate, lavaggio con vapore d'acqua e spazzolatura dei ferri ossidati, risarcimento degli spessori, ripristino della sezione originaria con malta premiscelata autolivellante fibroadditivata stesa a più riprese. 2) Protezione e impermeabilizzazione della superficie degli stralli tramite posa di rete di vetroresina e strato di malta di 5 mm di spessore e ciclo completo di pitturazione con prodotti impermeabilizzanti. 3) Intervento di consolidamento strutturale, per mezzo di posa in opera di nuovi cavi esterni, che rispettano l'originaria configurazione a catenaria. Questa fase è stata particolarmente delicata, perché ha richiesto successivamente il taglio dei vecchi trefoli, per evitare una eccessiva compressione dei cavi interni e, di conseguenza, l'esplosione del calcestruzzo. Sono state poste in opera cravatte in acciaio porta cavi, lungo lo strallo, a distanza pari a circa 4 metri, con funzione di supporto delle nuove guaine esterne in polietilene. I nuovi cavi, affiancati ai vecchi tiranti, ricevono una forza di precompressione che garantisce alla guaina in calcestruzzo le tensioni di precompressione originarie.

web.archive.org/.../franco.html
peonia
#146 peonia 2018-08-15 11:58
macco83 io quel video non lo considero anche perchè non ci vedo molto...ma parlo delle testimonianze, ecc. e poi RIPETO come mai ci sono parecchie persone abitanti atto il ponte che sono ricoverate per "ustioni da scoppio"???? che è scoppiato????
peonia
#147 peonia 2018-08-15 12:00
Inoltre avevo letto un testo della NATO che parlava di necessità di ponti e autostrade sicure per passaggio mezzi pesanti da guerra...non riesco a ritrovarlo!
trovato:
"La NATO vuole che ci prepariamo alla guerra La Nato ci chiede di rinforzare i ponti e le strade, per permettere il passaggio di carri armati e mezzi pesanti in caso di una guerra contro la Russia. Già due settimane fa la portavoce della Nato, Oana Lungescu, aveva dichiarato che la Nato intende creare due nuove centrali di comando in Europa, perché "la capacità di dispiegare velocemente le forze dell'alleanza è importante per la difesa collettiva della Nato". Ieri è stato lo stesso segretario della Nato Stoltemberg, nell'incontro con i ministri della difesa alleati, a chiarire meglio questo concetto: "Una centrale di comando - ha dichiarato - riguarderà l'Atlantico, e servirà a rinforzare le nostre capacità di proteggere le vie del mare, che sono di fondamentale importanza per l'alleanza transatlantica. Dobbiamo essere in grado di spostare eserciti e truppe attraverso l'Atlantico, dal Nord America verso l'Europa. Ci sarà poi una seconda centrale di comando, responsabile degli spostamenti delle truppe all'interno dell'Europa, cosa che è ovviamente altrettanto importante". "Dobbiamo anche assicurarci - ha aggiunto Stoltemberg - che le strade e i ponti siano abbastanza robusti da reggere il passaggio dei nostri veicoli più grossi, e che le reti ferroviarie possano supportare un rapido spostamento dei carri armati e dei mezzi pesanti. La Nato ha dei requisiti militari rispetto alle infrastrutture civili, e queste vanno aggiornate per essere sicuri che le attuali necessità militari siano garantite. Ma questo non è un lavoro che la Nato può svolgere da sola. Richiede uno stretto coordinamento con i governi nazionali e con l'industria privata. Anche l'unione europea gioca in questo caso un ruolo importante. Quindi la Nato e l'unione europea devono continuare a lavorare spalla a spalla su questo argomento di vitale importanza." E sempre due settimane fa, la portavoce Nato aveva dichiarato: “Gli alleati stanno modificando le leggi nazionali per permettere agli equipaggiamenti militari di transitare più rapidamente attraverso le frontiere, e stanno lavorando per rafforzare le infrastrutture nazionali."
fefochip
#148 fefochip 2018-08-15 12:01
#143 eco3Citazione:
...utilizzando, dopo averli trafugati, i 300 kg di TNT recuperati da un vecchio siluro della II guerra mondiale che erano stati lasciati momentaneamente incustoditi.
giusto.... il diavolo si nasconde nei dettagli :perculante:
peonia
#149 peonia 2018-08-15 12:02
Bologna, Genova,ci sarà una terza?! speriamo di no.... ma i Mostri giocano..
starburst3
#150 starburst3 2018-08-15 12:04
Dagli al benetton, postiamo piu' cose che abbiamo, un altra famiglia di psicopatici senza empatia,mettiamo in evidenza quelli che sono i danni che provocano.
Non se ne ha mai abbastanza di notizie che riguardano questi presunti imprenditori,pronti a svendere appena il limite di guadagno si abbasso un po'.
Cosi' in malafede che come ha detto brevemente giordano,neanche due parole per le vittime.
Occhio che tra i redattori di la verita',figura un certo attivissimo,capace di lavorare sia per belpietro che per la boldrini,voi direte che differenza c'e'? La differenza sta' nel fatto che attivissimo come ogni "contractor" lavora un po' qua e un po' la'. :-D

IN RED WE TRUST
mik300
#151 mik300 2018-08-15 12:06
ok,
forse i bagliori sono della linea alta tensione della ferrovia,
però la sequenza del crollo non mi convince..
a giudicare il video,
quello di "oddio ! mi sento male!"
è andata così,
parte 1,
parte 2 (tranciamento linea tensione ferrovia)
parte 3 pilone..
ma codesto non cade dalla parte sbagliata?
cioè mancando il contrappeso della parte 1
non dovrebbe piegarsi all'indietro?
invece crolla dalla parte opposta,
bah..





sentiamo che c dicono i vari esperti ingegneri..
sulla esatta dinamica del crollo..

però accidenti !
vedo e rivedo il video,
a me sembrano detonazioni..
e insieme ai bagliori
si sentono dei botti..

cioè quando una linea dell'alta tensione viene tranciata
non si sente il botto, no?
Michele Pirola
#152 Michele Pirola 2018-08-15 12:22
Ciao Sertes :-)
Aironeblu
#153 Aironeblu 2018-08-15 12:24
@Arula
Citazione:
Ma nessuno qui dentro ha studiato ingegneria?
Io sono architetto e ho studiato (bene) statica, scienza delle costruzioni, consolidamento e tutto quanto serve a comprendere il funzionamento delle strutture.
Il crollo su se' stesso del pilone e' impossibile, esattamente come lo era il crollo su se' stesse dell Twin Towers. Il pilone deve resistere solo a sforzi di compressione, e ilcalcestruzzo serve proprio a resistere a compressione, e non esiste l'ipotesi che col tempo perda capacita' di resistenza, la materia non scompare nel nulla con il tempo. Quando cede una struttura in cemento armato, cede sempre nelle parti soggette a sforzi di taglio, flessione o trazione, come in questo caso le campate del ponte.
Come ha gia' osservato qualcuno, nei crolli dei ponti le parti che cedono sono le campate orizzontali, mai i piloni verticali, e sfido chiunque a trovare un crollo dove siano venuti giu' i piloni.
La sola possibilita' che cadano (che CADANO, che si ribaltino, non che crollino verticalmente su se' stessi) i piloni di un ponte e' quella di un cedimento delle fondazioni, che in questo caso e' stata subito smentita (anche perche' i cedimenti delle fondazioni sono fenomeni molto lenti e vistosi, e c'e' tutto il tempo di rimediare, vd torre di Pisa)
Il crollo non e' normale.
pencri93
#154 pencri93 2018-08-15 12:33
A me viene da ridere.

Sono passate 24 ore e qualcuno sembra già aver deciso che sia stata una demolizione.

E ci abbiamo buttato in mezzo il nome degli americani che, si sa, non fa mai male.
fefochip
#155 fefochip 2018-08-15 12:33
#151 mik300
Citazione:
cioè quando una linea dell'alta tensione viene tranciata
non si sente il botto, no?
magari del cemento che cade da 90 metri (o 45 a seconda) su delle case ha la brutta caratteristica di farli i botti
pencri93
#156 pencri93 2018-08-15 12:34
Citazione:
Bologna, Genova,ci sarà una terza?! speriamo di no.... ma i Mostri giocano..
Ma che collegamento c'è fra le due?
zlatorog
#157 zlatorog 2018-08-15 12:35
mmm..
premetto che sono piuttosto ignorante in materia, ma ho qualche esperienza personale soprattutto riguardo a fulmini ed elettricità.
Diciamo che un cavo percorso da centinaia di amperes che viene tranciato è assolutamente in grado di generare un forte bagliore, vi basta pensare ai flash delle fotocamere che possono contare solo su una misera batteria.
Da ragazzo mentre spellavo un filo nella cabina elettrica di un grande condominio un capello di filo di rame è finito proprio fra i morsetti principali (quelli da cui si dipartivano tutte le derivazioni). Il risultato è stato un'esplosione e un lampo accecante, ci ho messo + di 10 minuti a riprendere la vista e l'udito...solo per un filino di 0,1 mm finito nel posto sbagliato con una tensione di 380V. Per cui i bagliori possono essere assolutamente compatibili con la rottura dei cavi, fra l'altro non è da escludere che anche all'interno del ponte possano passare cavi elettrici.

Riguardo all'ipotesi fulmine...beh, un fulmine può fare molti danni. Nel lontano 1984 mentre dormivo in tenda su una spiaggia durante un temporale, un fulmine ha colpito una grande roccia nelle vicinanze (delle dimensioni di un edificio a 2 piani) spezzandola in due e causando un boato che sembrava una bomba atomica.
Fra l'altro se si fosse trattato di un fulmine è ovvio che non si veda la scarica nei filmati visto che la visibilità era pessima.
Rimane da chiedersi, sempre che si sia trattato di fulmine, come mai non siano state installate protezioni (x es parafulmini) sulle antenne del ponte. I fulmini si scaricano in genere sulle punte più in alto, e le antenne dei ponti possono essere un punto di scarica ideale. Gli stralli sono in acciaio e se colpiti da un fulmine credo si possano sciogliere e spezzare facilmente.

L'ipotesi sabotaggio certo non è da escludere, anche se mi sembra improbabile, e di certo se così fosse non ci sarebbe stato bisogno di rubare l'esplosivo di Grado :-) Un "lavoro" del genere di certo non verrebbe svolto da dilettanti che hanno bisogno di rubare l'esplosivo...

Cmq il cedimento credo sia l'ipotesi più probabile. Il cemento armato si degrada, e pure rapidamente. L'acqua si infiltra fino a raggiungere il ferro dell'armatura interna e lo fa arrugginire. Arrugginendo esso aumenta di volume e spacca il calcestruzzo che lo circonda. E' un fenomeno comunissimo che affligge praticamente tutti gli edifici in c a dopo qualche decennio, soprattutto i poggioli e in genere le strutture più esposte agli agenti atmosferici.
Che il ponte in questione fosse un' opera piuttosto ardita (anzi direi cacata fuori dal vaso) è fuori discussione, che le sue condizioni di conservazione non fossero ottimali pure.
Ho letto che addirittura l'impalcato sia stato soggetto a dislivelli in seguito rimediati con vari interventi.
Insomma quel ponte era gravemente malato e non c'è da stupirsi troppo se la sua morte fosse dovuta a cause naturali.

Come mai ha ceduto il pilastro anzichè le strutture soprastanti? Beh...in verità non lo sappiamo cosa ha ceduto per primo, i filmati non lo mostrano. Potrebbe essere crollata per prima la parte superiore che si è trascinata dietro il pilastro.

Cmq le ipotesi che possiamo sollevare noi sono fini a se stesse, giusto per scrivere qualcosa, visto che non siamo esperti in materia e anche se lo fossimo non sappiamo nulla riguardo l'opera in questione e la dinamica del crollo.
C'è da sperare che chi si occuperà di studiare la cosa siano persone competenti e soprattutto oneste, i morti non torneranno in vita e il ponte non si ricostruirà da solo, ma almeno, se ce ne sono, verranno accertate le responsabilità.

Fra l'altro mi chiedo chi sia stato l'incauto a consentire la costruzione del viadotto sopra le case...o di costruire le case sotto al viadotto...anche escludendo un crollo della struttura un camion o un veicolo che in seguito a un incidente cadono giù non è poi un' eventualità così impossibile...

E sono assolutamente d'accordo sul disastro delle privatizzazioni selvagge. Certi settori non possono e non devono sottostare alle regole del profitto. Dove c'è di mezzo la vita delle persone (vedi sanità e sicurezza, ma ci aggiungerei anche istruzione e informazione e perchè no anche acqua ed energia) non è ammissibile che ci sia il lucro a dettare le regole.
Dipende
#158 Dipende 2018-08-15 12:35
Citazione:
Io sono architetto e ho studiato (bene) statica, scienza delle costruzioni, consolidamento e tutto quanto serve a comprendere il funzionamento delle strutture.
Il problema è che il video comincia a crollo già avvenuto, ma facciamo conto che la prima a crollare sia la campata orizzontale più distante da chi riprende il video.
Questo causa uno stress al pilone che è legato dai cavi rivestiti in cemento, ma rimane su, poi viene giù la seconda campata orizzontale che stressa ulteriormente il pilone che già compromesso quasi si sbriciola.
Potrebbe essere una cosa del genere?
f_z
#159 f_z 2018-08-15 12:37
Citazione:
#153 Aironeblu 2018-08-15 12:24
Come ha gia' osservato qualcuno, nei crolli dei ponti le parti che cedono sono le campate orizzontali, mai i piloni verticali, e sfido chiunque a trovare un crollo dove siano venuti giu' i piloni. La sola possibilita' che cadano (che CADANO, che si ribaltino, non che crollino verticalmente su se' stessi) i piloni di un ponte e' quella di un cedimento delle fondazioni, che in questo caso e' stata subito smentita (anche perche' i cedimenti delle fondazioni sono fenomeni molto lenti e vistosi, e c'e' tutto il tempo di rimediare, vd torre di Pisa) Il crollo non e' normale.
Grazie della testimonianza.
Proprio la vista del pilone che viene giu' tutto assieme come se non avesse nulla sotto mi ha fatto venire il dubbio...associato con i botti e l bagliori puzza ancora di piu', dato che come e' noto i fulmini vengono prima dei tuoni, non contemporaneamente.
Aironeblu
#160 Aironeblu 2018-08-15 12:38
@Fefochip
Citazione:
cosa c'è di strano nel pensare che sia stato un ponte costruito male? tutto, ma proprio tutto fa pensare che quel ponte è stato costruito male da subito, se n'erano accorti da tempo e avevano anche cercato di fare qualcosa.
Se il ponte fosse stato costruito male da subito sarebbe crollato 40 anni fa.
Se invece avesse avuto carenze di manutenzione (cosa molto probabile, anzi sicura), tipo armature di acciaio scoperte, e se non si fosse intervenuti per rimediare (anche questa cosa molto probabile), sarebbero potute crollare le campate orizzontali, ma MAI i piloni, che non hanno bisogno di acciaio per stare su (l'acciaio che contengono serve ad altro).
Sostenere che un pilone verticale di cls possa crollare verticalmente su se' stesso e' come sostenere che possa crollare su se' stesso (come farina) un muretto di cemento: ne hai mai visto uno?

Citazione:
voleva far vedere ai suoi i fulmini che erano tantissimi in quella zona (lo ha pure detto nell'intervista) e i fulmini si sa sono seguiti dai tuoni
Appunto, i fulmini sono SEGUITI dai tuoni, non si verificano contemporaneamente ai bagliori.

Citazione:
tutto è possibile ma spazziamo via almeno un eventuale motivo di sabotaggio al governo attuale che non potrebbe essere coinvolto in nessun modo penso che nemmeno quelli che credono nei troll russi riuscirebbero a credere che se cade un ponte costruito 50 anni fa il governo insediato da 3 mesi ha qualche responsabilità
Sabotaggio non significa necessariamente creare un disastro per addossare le colpe al governo, puo' essere molto piu' semplicemente creare un disastro per creare difficolta' nelle infrastrutture e incertezza nella percezione dell'affidabilita' del paese, sia per i suoi abitanti che per eventuali partner economici.
redazione
#161 redazione 2018-08-15 12:43
UDIRE: Molte grazie. Leggendolo si capisce chiaramente come i problemi fossero molteplici, e si intuisce che le misure "riparatorie" non abbiano mai veramente risolto i problemi originali.

Il solito metodo-tampone, finchè un giorno viene giù tutto.

***

AIRONE: Citazione:
La sola possibilita' che cadano (che CADANO, che si ribaltino, non che crollino verticalmente su se' stessi) i piloni di un ponte e' quella di un cedimento delle fondazioni,
Perchè è "la sola" possibilità? Non è possibile che il pilone sia stato trascinato in basso dagli stralli a cui era attaccata la parte crollata?

Mica ha ceduto da solo, quel pilone, di colpo e per i cazzi suoi. E' venuto giù subito dopo il crollo della campate. A cui appunto c'erano attaccati gli stralli d'acciaio.
redazione
#162 redazione 2018-08-15 12:46
RAGAZZI, va bene non escludere niente a priori. Ma usiamo anche il cervello perfavore. Altrimenti ha ragione Fefo a prenderci tutti per il culo.
fefochip
#163 fefochip 2018-08-15 12:46
#153 Aironeblu
io sono ingegnere e pure io qualcosa ho dovuto studiare qualcosa di scienza delle costruzioni (anche se onestamente sono diversi anni che non tocco un libro dell'argomento)
se guardi l'unico filmato disponibile io vedo chiaramente come il pilone si ribalti.
non solo , se guardi il filmato dei soccorritori si nota che la base del pilone è rimasta pressochè intatta.

tra l'altro staticamente parlando non capisco come puoi affermare che dei ponti non possano ribaltarsi i piloni che sono tenuti in piedi dalle tensioni in equilibrio dei tiranti

se cede ad esempio uno dei tiranti mi aspetto che la struttura stradale si torca e poi crolli.
venuto a mancare la tensione da un lato immancabilmente mi aspetto che crolli anche dall'altra parte portando con se parte del pilone
Luxio
#164 Luxio 2018-08-15 12:51
Citazione:
Appunto, i fulmini sono SEGUITI dai tuoni, non si verificano contemporaneamente ai bagliori.
Eh no ragazzi!!! Fulmine e tuono avvengono contemporaneamente. È più veloce il suono o la luce?
-ZR-
#165 -ZR- 2018-08-15 12:53
Massimo il post #124 é quello che cercavi? Inoltre ci sono un sacco di immagini all'interno potrebbero essere utili per chi in questo post è architetto o ingegnere

-ZR-
cheddyved
#166 cheddyved 2018-08-15 12:53
Cerco di fare chiarezza soprattutto in ordine ad un eventuale complotto...è chiaro, e deve esserlo, che bisogna andare cauti con supposizioni di questo tipo; quando ieri ho visto le uniche immagini disponibili, pur non avendo messo in dubbio la bontà, inizialmente, di ciò che veniva presentato come un crollo di un ponte già problematico,qualcosa in quelle immagini( e poi nelle foto successive) mi ha subito disturbato...il lampo precedente al crollo del pilone ma, prima di tutto il boato precedente il crollo dello stesso che si può ascoltare nel filmato che ho visto integralmente oggi. Ma questo, che non propriamente si può definire certo probante o anche indiziario ( fulmini, tuoni,cavi dell'alta tensione, boato dovuto al piano stradale che impattava il suolo e altre motivazioni che anche plausibilmente sono immantinenti venute fuori), unito alle testimonianze che parlavano di boato e susseguente crollo, è stato, da essere una semplice sensazione, amplificato notevolmente da ciò che il mainstream cominciava da subito ad insinuare( movimento che si opponeva a nuove soluzioni cementizie per ovviare al ponte Morandi, il soffiare da destra sulla necessità di nuove grandi opere e infrastrutture( qualche minuto è durato il" ristrutturiamo l'esistente"), il contratto di Autostrade s.p.a. e Atlantia "blindato" nel contenuto come un segreto di stato, l'interessamento vorace della francia ai nostri asset strategici ( liquidare Benetton per sostituirlo con altri, come con i Riva all'ilva) ... Tutto ciò non richiede un intervento necessariamente diretto, potrebbe anche esser stato " lasciato accadere "per prendere 5-6 piccioni con una fava e, finalmente, autorizzare alla privatizzazione di fatto od occulta e l'espropriazione della poca influenza statale rimasta... e tanto altro possibile tra chi è abituato ad intrallazzi sulla pelle dei buoi. Sono sensazioni, forti magari, ma a questo punto non so se sia meglio pensare ad un complotto o pensare che ogni ponte che andremo a varcare da oggi in poi possa essere l'ultimo...
fefochip
#167 fefochip 2018-08-15 12:54
#157 zlatorogCitazione:
E sono assolutamente d'accordo sul disastro delle privatizzazioni selvagge. Certi settori non possono e non devono sottostare alle regole del profitto. Dove c'è di mezzo la vita delle persone (vedi sanità e sicurezza, ma ci aggiungerei anche istruzione e informazione e perchè no anche acqua ed energia) non è ammissibile che ci sia il lucro a dettare le regole.
IN PARTICOLARE quando sanzioni e multe sono abbondantemente inferiori ai lauti guadagni intascati.
150 milioni di euro di multa parla toninelli, e qualcuno qui pensa davvero che siano gli utili di un anno di gestione di autostrade? (parlo proprio di utili al netto delle spese eh)
mabel
#168 mabel 2018-08-15 12:54
Aspettando i filmati delle videocamere della rete autostrade per l'italia (non ce le faranno vedere mai),
mi attengo all'unico filmato esistente che riprende il momento del crollo...
Ebbene, quei lampi, quei boati, si, lo hanno proprio buttato giù!
Attentato? Attacco per indebolire il governo? O per farlo rientrare nei ranghi? chi lo sa....
Sta di fatto che lo hanno fatto saltare quel ponte!
maryam
#169 maryam 2018-08-15 12:57
#147 peonia

Già. :-(
BELLINI
#170 BELLINI 2018-08-15 13:03
CNN: "Ponte crolla in Italia dopo tempesta violenta"

Logico. Se ci fossero stati 40 gradi avrebbero intitolato:"Il caldo eccessivo sgretola il ponte"

edition.cnn.com/.../...
BELLINI
#171 BELLINI 2018-08-15 13:08
#fefochip

L'utile netto per la concessione della autostrade è circa un miliardo di euro. Se gli danno 100 milioni di multa, lasciano cadere tutti i ponti.
macco83
#172 macco83 2018-08-15 13:17
Cmq la base del pilone é intatta. Hanno ceduto solo parte piú fragile compresa tra il piano strada e la base, le torri sopra il piano strada ed i tiranti.
ps: il tuono é il suono del fulmine.
f_z
#173 f_z 2018-08-15 13:19
Un'altra cosa che puzza e' che sui mass media, per quello che ho potuto vedere finora, l'unica ipotesi considerata e' il cedimento strutturale, e questo prima che sia partita qualunque investigazione in merito (se mai partira').

L'impressione iniziale e' che stiano cercando di far passare questa versione. Vedremo.
fefochip
#174 fefochip 2018-08-15 13:22
#171 BELLINI
Citazione:
L'utile netto per la concessione della autostrade è circa un miliardo di euro. Se gli danno 100 milioni di multa, lasciano cadere tutti i ponti.
esatto , l'unico vero complotto accertato sotto gli occhi di tutti

ma multe e polemiche a parte , parliamo un secondo di politica.

perche quel miliardo se lo babbano dei privati (benetton in testa) e non può essere pubblico? dove sta il vantaggio per la collettività ?
juss
#175 juss 2018-08-15 13:29
ok vado totalmente contro corrente:
Conte ha detto che se i privati non sono in grado di fare manutenzione lo stato si deve riappropriare delle autostrade (il senso era questo anche se non l'ho scritto benissimo)

Potrebbe essere stato un movimento che si contrappone a quelle forze capitalistiche e, non potendo riappropriarsene in modo "normale" (siamo in guerra), allora escogita questa mossa: facciamo andare giù un ponte (scegliendo una giornata dove c'era poco traffico visto il maltempo, ma dovevano pur sempre fare una cosa ecclatante), e con questa scusa ci (lo Stato) riappropriamo di un bene pubblico.

Non fantascienza...di più...non ho mangiato peperonata purtroppo ma dei pomodori e peperoni crudi con cipolla....
ARULA
#176 ARULA 2018-08-15 13:31
@fefochip
Nessuna privatizzazione è mai stata utile per la collettività. Serviva a portare avanti il neoliberismo e la globalizzazione.
Quindi ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri e servizi da terzo mondo.
peonia
#177 peonia 2018-08-15 13:31
Scusate ma il maltempo può causare tali danni? allora siamo davvero dei coglioni involuti dato che le "rovine" romane e altre resistono da millenni!
NiHiLaNtH
#178 NiHiLaNtH 2018-08-15 13:32
Citazione:
mi attengo all'unico filmato esistente che riprende il momento del crollo...
dove si vede solo la seconda parte del crollo l'inizio non è stato ripreso

i lampi sono avvenuti quando la strada ha colpito il terreno
BELLINI
#179 BELLINI 2018-08-15 13:32
#fefochip

Ma sì hai ragione.
Hai sentito in qualche TG la parola Benetton?
Vediamo cosa decide il governo ma è cosa risaputa che questi hanno preso le concessioni e non hanno fatto gli investimenti e le manutenzioni.
Logicamente la politica avrà intascato.
La galera è poco, altro che 100 milioni. Hanno ammazzato le persone.
amantido17
#180 amantido17 2018-08-15 13:33
#145 udire
Grazie per avere recuperato lo scritto tecnico postato, molto interessante e specifico, sia a riguardo della peculiarità degli stralli, sia a riguardo dei pesanti lavori di vero e proprio consolidamento (non manutenzione) strutturale degli stralli del pilone limitrofo a quello crollato.
Le specifiche confermano le opinioni tecniche espresse da altri strutturasti interpellati in queste ore... insomma, cose risapute!
Allora Perché non sono stati eseguiti gli stessi lavori anche sui piloni 10 (quello crollato) e 9 ? Costi elevati? (quelli relativi ai lavori sul pilone n.11, di inizio anni '90, furono altissimi. Tant'è che mi risulta che sin dal 2009 fu fatta una valutazione economica per cui conveniva rifare il ponte piuttosto che consolidarlo).

Molte delle persone sfollate probabilmente staranno fuori per anni, altre dovranno traslocare (con indennizzo) perché è impensabile lasciare sotto un viadotto, anzi attaccate al viadotto, palazzine piene di persone. Una follia urbanistica di decenni or sono.

Avevo pensato anch'io a quegli stralli, particolari, che ho appreso essere occultati nel cls per (da quanto ho capito) motivi estetici. Questa scelta strutturale si è dimostrata opinabile se non discutibile. È emblematico che questo ponte abbia 2 "gemelli", quello libico è stato chiuso nel 2017 per degrado strutturale (i libici l'han capito meglio di noi, pare), quello venezuelano compromesso dall'urto di una petroliera in un punto non previsto (è stata valutata come carenza progettuale), è stato ripristinato.


E poi sì, il collasso totale del pilone è strano, concettualmente anomalo, pertanto "sospetto"....
peonia
#181 peonia 2018-08-15 13:33
pencri93 date, numeri, numerologia.
fefochip
#182 fefochip 2018-08-15 13:34
#175 juss

MA CHIARO, HA STATO IL GOVERNO
che siccome vuole riappropriarsi di autostrade allora mina un ponte per addossare la colpa alla società che lo gestisce.

peccato che lo stato che è SOVRANO fa il cazzo che gli pare e come ha venduto e fatto le privatizzazioni se ne riappropria (si chiama esproprio), basta fare le leggi.
peonia
#183 peonia 2018-08-15 13:34
BUON FERRAGOSTO A TUTTI! :-o
fefochip
#184 fefochip 2018-08-15 13:36
comunque ....

sono stati i manichini di tommix 8-)

si vede qui , quo e qua
fefochip
#185 fefochip 2018-08-15 13:38
#176 ARULACitazione:
Nessuna privatizzazione è mai stata utile per la collettività. Serviva a portare avanti il neoliberismo e la globalizzazione.
Quindi ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri e servizi da terzo mondo.
perfetto, che aspettiamo a invertire la rotta?
BELLINI
#186 BELLINI 2018-08-15 13:40
Io se fossi il governo cambierei solo una cosa.

Chi decide la manutenzione necessaria è lo Stato, poi la concessionaria DEVE eseguirla.
E gli faccio rifare mezza Italia.

Di sicuro se sono gli ingegneri della concessionaria a dover decidere le manutenzioni, finisce così: "il ponte era monitorato, è stato un crollo inaspettato".
fefochip
#187 fefochip 2018-08-15 13:41
#180 amantido17
Citazione:
Allora Perché non sono stati eseguiti gli stessi lavori anche sui piloni 10 (quello crollato) e 9 ?
perche l'eventuale multa per non farli (o le mazzette per rinviarli) costano meno dei lauti incassi a danno di tutti gli italiani
ecco il motivo , ecco il complotto sotto gli occhi di tutti senza scomodare , nato, cia , mossad o servizi segreti francesi o il tuono spaziale di goldrake
fefochip
#188 fefochip 2018-08-15 13:43
#179 BELLINICitazione:
Logicamente la politica avrà intascato.
e adesso vediamo se con questi che hanno fondato sull' "onestà" la loro politica, cambierà la solita solfa
f_z
#189 f_z 2018-08-15 13:44
Citazione:
#175 juss 2018-08-15 13:29
ok vado totalmente contro corrente: Conte ha detto che se i privati non sono in grado di fare manutenzione lo stato si deve riappropriare delle autostrade , allora escogita questa mossa: facciamo andare giù un ponte e con questa scusa ci (lo Stato) riappropriamo di un bene pubblico.
Vedo molto piu' probabile un appalto miliardario ad una societa' del gruppo delle pecore colorate per la ricostruzione...
fefochip
#190 fefochip 2018-08-15 13:45
#178 NiHiLaNtHCitazione:
i lampi sono avvenuti quando la strada ha colpito il terreno
non dire cazzate quello è
juss
#191 juss 2018-08-15 13:45
fefochip ho scritto infatti fantascienza...anzi di più...:) :) anche se a volte sono le cose più strane quelle vere...ma questa proprio non può essere :che uno Stato sotto scacco a destra e a manca si tiri giù un ponte per riappropriarsi (con la scusa dell'incapacità a fare manutenzione, con queste notizie che, se ci penso, possono essere influenzate da un 54enne silurato prima di approdare a un posto importante riguardo l'informazione e che di queste tecniche ha già spiegato molto) senza cause e tribunale di un bene venduto illegalmente da delinquenti che ci hanno portato in questa situazione...potrebbe effettivamente essere un piano troppo intelligente :)
BELLINI
#192 BELLINI 2018-08-15 13:51
Bisognerebbe conoscere il contratto di concessione.

Se crolla il ponte, a chi spetta ricostruirlo?
Allo Stato o alla concessionaria?
Probabilmente dipenderà dalla causa del crollo.
Se la causa è mancata manutenzione, sarà la concessionaria a dover ricostruirlo.
Se la causa è la tempesta, il fulmine, l'aria acida da inquinamento delle fabbriche vicine, il bagliore di luce o il terrorismo (e qui si nota che i Benetton non sono Silverstein) sarà lo Stato a doverlo ricostruire.
fefochip
#193 fefochip 2018-08-15 13:52
#156 pencri
Citazione:
Bologna, Genova,ci sarà una terza?! speriamo di no.... ma i Mostri giocano..
Citazione:
Ma che collegamento c'è fra le due?
Citazione:
date, numeri, numerologia.
ma pure te che cazzo di domande fai a pencrì?
l'ho scritto prima 1X3=3 tutti in culo a te , da qui si dipana tutto!
oggi come oggi si fa presto ad arrivare dall'uovo alla bomba atomica
youtu.be/f8j4m3RgfWo?t=129
amantido17
#194 amantido17 2018-08-15 13:54
Informazione di carattere generale, OT.
I crolli di manufatti, in generale, non sono infrequenti, anche a causa della fragilità del ns bel paese. Dopo il crollo di quel fabbricato vicino alla ferrovia era allo studio una legge per cui un edificio con più di 50 anni perdeva l'agibilità e doveva essere verificato a livello strutturale.
Io sono emiliano, ma da articoli letti mesi or sono a Milano è già previsto dai regolamenti locali. Ci sono anche termini per ottemperare a questo obbligo.

L'ho specificato perché tutta l'Italia post bellica, ricostruita col boom anni '50 e ' 60, non solo le infrastrutture, devono/dovranno affrontare le problematiche connesse al passare del tempo.
Nessun allarmismo, però bisogna avere la consapevolezza di ciò.
AJeX-97
#195 AJeX-97 2018-08-15 13:55
#178 Ninlanth

Non so è un ipotesi, mi pare un po' un ipotesi di salvataggio per provare a spiegare in qualsiasi modo plausibile o meno.
Mi pare che boati bagliori e nuovo crollo siano consequenziali e quindi correlati e mi aspetterei un rumore ben diverso da una strada che colpisce un terreno, che poi logicamente non farebbe alcun bagliore.
fefochip
#196 fefochip 2018-08-15 13:58
guardate che cazzo di cemento ....
www.facebook.com/.../?id=100010339777032

e comunque fa parte della base dei piloni rimasta integra, ma le parti piu in alto?
redazione
#197 redazione 2018-08-15 13:59
ZR: Citazione:
Massimo il post #124 é quello che cercavi?
No, cercavo l'articolo di cui si parla in quel post. Lo ha trovato UDIRE, al post #145.
BELLINI
#198 BELLINI 2018-08-15 14:00
La domanda è: perché l'hanno lasciato cadere invece che chiuderlo e ricostruirlo?
Questi hanno volutamente uccidere?

1) quando crolla diamo la colpa a qualcun altro, così lo rifacciamo a spese dello Stato, intanto intaschiamo il pedaggio e risparmiamo sulla manutenzione
2) perché se lo chiudiamo, quelli vogliono il preavviso e nel mentre costruiscono un'altra strada che ci toglierà il traffico anche dopo averlo ricostruito
3) intanto paghiamo le mazzette a tutti, possiamo anche ammazzare chi ci passa sopra che intanto non ci fanno niente
4)...
fefochip
#199 fefochip 2018-08-15 14:06
#198 BELLINI
4)intanto intaschiamo il pedaggio e risparmiamo sulla manutenzione e sull'eventuale ricostruzione. cerchiamo di dare la colpa dell'eventuale crollo a cause a noi estranee e se proprio ci va male paghiamo la multa tanto ci guadagnamo sempre
BELLINI
#200 BELLINI 2018-08-15 14:07
#fefochip

Sì però è omicidio
Se sai che crolla, sai che ci saranno i morti

Non è mancata manutenzione alle buche delle strade.
Se viene giù il ponte è un distrastro.
Senza contare i danni che avranno i genovesi.
ARULA
#201 ARULA 2018-08-15 14:09
Ponte Morandi prima del crollo
fefochip
#202 fefochip 2018-08-15 14:12
#200 BELLINI
Citazione:
Se sai che crolla, sai che ci saranno i morti
forse che si, forse che no. e intanto ci si guadagna
e poi "sai" chi? un SPA? senza un volto ed una coscienza, che è fatta solo per fare soldi?
BELLINI
#203 BELLINI 2018-08-15 14:13
Anche le Spa hanno i responsabili legali e dovrebbero essere processati per omicidio.
È omicidio stradale ammazzare la gente se sei ubriaco!
fefochip
#204 fefochip 2018-08-15 14:14
#203 BELLINI
Citazione:
Anche le Spa hanno i responsabili legali
si infatti le carceri sono piene di amministratori delegati di SPA multinazionali
juss
#205 juss 2018-08-15 14:18
IL fatto è che sempre di più dobbiamo aver paura ad uscire di casa: o un attentato, o un crollo, o i binari che non funzionano, o la scuola che cade. Per poter sopperire a questa cosa, l'unica strada è quello di riappropriarci della nostra terra , dei nostri beni, della nostra capacità intellettuale (che va sempre più all'estero) e della nostra moneta (nostra nel senso che ce la stampiamo quando cazzo ci pare e serve indifferentemente che sia euro o lira o tallari). E per fare questo bisogna far capire agli ipnotizzati che le cose stanno diversamente!!
BELLINI
#206 BELLINI 2018-08-15 14:21
#fefochip

Tu ragioni però ogni tanto sbarelli

Madoff ha preso 3000 anni di galera (più o meno)
I vertici di Tyssen Krupp sono stati condannati forse anche loro per mancata manutenzione
Dopodiché lo so anche io che la legge non è proprio uguale per tutti.
Le leggi ci sono. Mancano gli uomini che le fanno rispettare e che puniscono chi le viola
pencri93
#207 pencri93 2018-08-15 14:24
@fefochip: per essere chiari (battute a parte), non è che io sostenga l'impossibilità di una demolizione, ma santo iddio prima di proporre teorie alternative aspettiamo almeno che ce ne sia una ufficiale!

P.s. e, magari, anche le basi per argomentarle.
ARULA
#208 ARULA 2018-08-15 14:25
@204 fefochip
Citazione:
si infatti le carceri sono piene di amministratori delegati di SPA multinazionali
Hai notato anche tu questo sopraffollamento di amministratori delegati nelle nostre patrie galere? ;-)

@206 BELLINI
In Italia non vanno in carcere.
fefochip
#209 fefochip 2018-08-15 14:28
#207 pencri
Citazione:
@fefochip: per essere chiari (battute a parte), non è che io sostenga l'impossibilità di una demolizione, ma santo iddio prima di proporre teorie alternative aspettiamo almeno che ce ne sia una ufficiale!
e soprattutto se proponiamo teoria alternative che poggino su qualcosa di concreto e non su un filmato da un cellulare in una zona dove non si vede un cazzo per le condizioni meteo e che veramente non dice una cazzo di niente.
sennò facciamo come tanti tommix e buttiamo manichini per le strade
BELLINI
#210 BELLINI 2018-08-15 14:31
www.lastampa.it/.../pagina.html

Quelli di Thyssenkrupp per la morte di 7 operai hanno preso da 6 a 8 anni di carcere per omicidio colposo e mancate operazioni antinfortunistiche. Sono finiti dentro, poi non so quanto ci sono restati.

Qua che differenza c'è?
Che ne hanno ucciso di più.

Cazzo, per voi sono già assolti perché in Italia non va in galera nessuno.
Non è vero. E dovreste chiedere giustizia invece che dire: "Intanto non verranno mai condannati".
peonia
#211 peonia 2018-08-15 14:34
che significa " la strada ha colpito il terreno" ????????
ARULA
#212 ARULA 2018-08-15 14:35
@210 BELLINI
Non che la cosa mi faccia piacere... anzi.
thyssenkrupp manager condannati ma a piede libero.
www.ilfattoquotidiano.it/.../4339173
AJeX-97
#213 AJeX-97 2018-08-15 14:36
@fedochip

Il fatto è che non è vero che non dice un cazzo di niente.
Tu hai deciso che non dica niente, cosa palesemente falsa, perché non vuoi che venga sollevato alcun dubbio.
Invece qualcosa la dice per volerci vedere chiaro; ovviamente non abbastanza da voler trarre delle conclusioni.
fefochip
#214 fefochip 2018-08-15 14:38
#208 ARULACitazione:
Hai notato anche tu questo sopraffollamento di amministratori delegati nelle nostre patrie galere?
ma in ogni caso a fronte del denaro le persone fanno di tutto, e si prendono il rischio di finire in galera.

ma rubano di tutto cazzo pe du spicci e uno pensa davvero che per miliardi non accettino il rischio di finire in galera a vita?
e andiamo ....

situazioni:
1)guadagni una cifra onesta, ma se ti comporti male puoi guadagnare miliardi ma potresti anche finire in galera a vita
(in ogni caso con quei miliardi li puoi dare a giudici , avvocati e politici e cavartela)

2)guadagni una cifra onesta, ma se ti comporti male puoi solo finire in galera a vita

secondo te ci sono piu persone che scelgono di comporsi male nel gruppo 1 o nel gruppo 2?
ARULA
#215 ARULA 2018-08-15 14:39
Cavolo... questa è la prima volta che sono d'accordo con quello che dice questo soggetto.
Renzo Piano alla Repubblica: "I ponti non crollano per fatalità. Nessuno dunque venga a dirci questo"
Non è certo colpa della casualità né della topografia della fragile Genova. Io non so cos'è accaduto, posso dire però che non credo al fatalismo che considera incontrollabile l'anarchia della natura, dei fulmini e della pioggia. I ponti non crollano per fatalità. Nessuno dunque venga a dirci che è stata la fatalità".
huffingtonpost.it/.../?ncid=fcbklnkithpmg00000001
f_z
#216 f_z 2018-08-15 14:39
Citazione:
#210 BELLINI 2018-08-15 14:31
Cazzo, per voi sono già assolti perché in Italia non va in galera nessuno.
Che differenza c'e' tra l'essere assolti e il non andare in galera per qualcuno che della propria fedina penale non glene potrebbe fregar di meno dato che puo' comprare interi stati?
BELLINI
#217 BELLINI 2018-08-15 14:40
#212 ARULA

www.google.it/.../amp

Parli di uno fuori per far intendere che sono tutti fuori. Non è vero.
E comunque, lo cominciamo il processo per omicidio colposo a carico dei dirigenti di Atlantia o non serve perché intanto non finiscono in galera?
ARULA
#218 ARULA 2018-08-15 14:41
@214 fefochip
Risposta superflua...
Bakunin
#219 Bakunin 2018-08-15 14:42
Incredibile che dopo un solo giorno sia stata avviata la revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia e sia stata ripetuta la parola "statalizzazione" ! Ma vi sembra che prima si ipotizzassero soltanto interventi del genere ? Certo, poi ci vorrebbero galera per i vertici e multe miliardarie per queste merde di sciacalli, però già sentire parlare di togliere ai privati per rilanciare le gestioni pubbliche, dopo decenni di martellamento sulle magnificenze del privato e delle inefficienze del pubblico, è oro colato !
fefochip
#220 fefochip 2018-08-15 14:44
#210 BELLINICitazione:
Non è vero. E dovreste chiedere giustizia invece che dire: "Intanto non verranno mai condannati".
ma santo dio non capisci che quando ci stanno in gioco vite umane non me ne frega niente della "giustizia" e delle condanne? (edit che non riportano in vita le persone)
IO VOGLIO CHE NON SI RIPETA MAI PIU'
e se continueremo ad affidare la vita a delle società multinazionali private il cui interesse è fare SOLDI a scapito di qualunque cosa ivi compresa la MIA VITA
episodi di questo tipo continueranno!
per questo dico nazionalizzazione dei settori chiave di uno stato come quello dei trasporti e infrastrutture
società autostrade deve essere statale
solo DOPO questa cosa si possono pensare alle pene per chi non adempie al proprio dovere e chi si intasca mazzette per girarsi dall'altra parte

è esattamente come nel settore SANITA' , io affido la mia vita a delle industrie farmaceutiche che hanno il solo interesse di fare SOLDI e non di curarmi
BELLINI
#221 BELLINI 2018-08-15 14:44
#216 f_z

"Pochi ma qualcuno in galera c'è.
Voi neanche volete processarli."

Era questo quello che intendevo dire.
fefochip
#222 fefochip 2018-08-15 14:46
#215 ARULACitazione:
Cavolo... questa è la prima volta che sono d'accordo con quello che dice questo soggetto. I ponti non crollano per fatalità. Nessuno dunque venga a dirci che è stata la fatalità".
sacosanto!
se è stato un fulmine a innescare il crollo non cambia niente
perche tanto per cominciare non è stato fatto un sistema di scaricamento a terra adeguato?
mica è la prima volta che c'è un fulmine no? tra l'altro come ho detto ponti e antenne sono i maggiori esposti a questo tipo di attacchi da parte del meteo
tutto ciò che ha una punta ed è alto è a rischio
starburst3
#223 starburst3 2018-08-15 14:47
Continua l'aggiornamento delle malefatte benetton,
Forniture all'esercito: Nel febbraio 2003, a ridosso della guerra in Iraq, fece scalpore la notizia apparsa su “ La Repubblica ", in base alla quale la nave italiana "Strada Gigante", posseduta da una società di trasporti partecipata dalla famiglia Benetton, trasportava materiale bellico per conto dell'esercito britannico (“ La Repubblica ", 27 febbraio 2003).
Collaborazionismo/mezzadro!

Paradisi fiscali: Benetton ha filiali in Corea del Sud, Hong Kong, Lussemburgo, Svizzera, considerati paradisi fiscali dalla legislazione italiana .
Evidentemente legislazione italiana serva e prona agli interessi di famiglie della merdle class.

Lavoro: Benetton ottiene parte dei suoi prodotti da terzisti localizzati in Cina, paese che vieta ogni libertà sindacale. Inoltre ha collegamenti produttivi con Argentina, India, Lituania, Turchia, Ucraina, Ungheria, paesi che ostacolano fortemente le libertà sindacali (“Corriere del Veneto", 13 maggio 2004; Bilancio 2004).
Il 16 aprile 2003 si è concluso il processo promosso da Benetton contro Riccardo Orizio, giornalista del "Corriere della Sera" che nell'ottobre 1998 aveva pubblicato un servizio sulla presenza di lavoro minorile alla Bermuda e alla Gorkem Spor Giyim, due fabbriche turche che producevano abbigliamento a marchio Benetton. Di professione terziste, non lavoravano direttamente per Benetton Group, ma per il suo licenziatario turco Bogazici Hazir Giyim. Il servizio, che conteneva nomi, cognomi e foto, pose Benetton in grande imbarazzo anche perché l'articolo attribuiva al proprietario della Bermuda la seguente dichiarazione: “I rapporti tra noi e l'azienda italiana sono amichevoli e di intensa collaborazione. Loro sono i miei principali clienti”. L'articolo affermava anche che i capi di vestiario prodotti alla Gorkem recavano l'etichetta "Made in Italy". Per difendere la propria immagine, Benetton querelò Riccardo Orizio per diffamazione. In base alla documentazione presentata dal "Corriere della Sera" e a dichiarazioni rese dai testimoni, il Tribunale ha sentenziato che: “L’utilizzo, nelle aziende subfornitrici del licenziatario turco di Benetton, di lavoratori-bambíni" è "circostanza risultata sostanzialmente provata". Tuttavia ha condannato Orizio a 800 euro di multa, perché ha sbagliato nell’”affermare in modo perentorio che in una di queste aziende venissero prodotti capi con il marchio made in Italy per conto dell'azienda italiana" ("Corriere della Sera", 12.10.1998 e 21.05.2003).
A proposito di italiani brava gente.

Il resto dell'articolo:
www.disinformazione.it/benetton.htm

IN RED WE TRUST
BELLINI
#224 BELLINI 2018-08-15 14:48
# fefochip

Senza offesa, mai stai delirando

Le persone verranno sempre uccise, ruberanno sempre, ecc.
Bisogna punire chi si comporta male, se è possibile.
In Russia ai tempi di Stalin non c'erano le Spa ma qualche innocente moriva lo stesso.

Crollano anche i ponti sulle strade provinciali e statali. Lì non c'è profitto. Ma negligenza e corruzione non mancano
fefochip
#225 fefochip 2018-08-15 14:48
#218 ARULA
@214 fefochip
Risposta superflua...
si ovvio era solo per continare il discorso con BELLINI
ARULA
#226 ARULA 2018-08-15 14:48
@217 BELLINI
Da quello che ho letto sono 2 fuori nonostante la condanna.
E qui quello che stiamo cercando di farti capire è che il sistema, anche giudiziario, è creato per proteggere questi soggetti da eventuali danni collaterali. Se si fossero spaventati di qualcosa tu pensi che avrebbero fatto arrivare le autostrade e i ponti a questo livello d'incuria nonostante gli aumenti spropositati dei pedaggi?
Questi si sentono sicuri.
E ancora ripeto non abbiamo letto cosa c'è scritto nei contratti di concessione che sono segreti... e secondo voi perchè si dovrebbero tenere segreti se non ci fosse qualcosa da nascondere?
Guarda spero di sbagliarmi sinceramente e di vedere finalmente cambiare rotta, ma penso a tutte le leggi vergognose che i politici hanno fatto per loro e i loro amichetti compresa l'ultima che salva chi si è appropriato dei soldi dell'unicef e penso sempre più convinta che si sentono troppo sicuri... e sono sicura che sanno benissimo perchè.
fefochip
#227 fefochip 2018-08-15 14:50
#221 BELLINI
Citazione:
Voi neanche volete processarli.
ma leggi quello che scrivo o te lo inventi?
e leggi il post 220 cazzo
fefochip
#228 fefochip 2018-08-15 14:51
#226 ARULA
sottoscrivo ogni parola
BELLINI
#229 BELLINI 2018-08-15 14:51
# ARULA

Sono stati condannate 8 persone mi pare. 2 tedeschi sono fuori.
ARULA
#230 ARULA 2018-08-15 14:56
@229 BELLINI
Citazione:
Sono stati condannate 8 persone mi pare. 2 tedeschi sono fuori.
Guarda il caso...
Calipro
#231 Calipro 2018-08-15 14:56
Per caso c'è qualche sismografo vicino al ponte? Ad es. di qualche università?

Da un tracciato sismografico magari potremmo capire qualcosina di più
starburst3
#232 starburst3 2018-08-15 14:57
Uno dei tanti amici dei benetton:
La vera vita di Mr Billionaire
I casinò gestiti dalla malavita. Le truffe ai tavoli verdi. I rapporti con la mafia catanese. Fino all'amicizia con Craxi. Tre giornalisti hanno scavato nella storia di Flavio Briatore, emblema vincente di una certa Italia
di Mauro Munafò

espresso.repubblica.it/.../...
P.S. Uno dei tanti amici dei benetton con cui ha fatto carriera e' un certo oliviero toscani,vittima anche lui di un "cedimento strutturale" :-D Si dice che adesso vaghi per cimiteri politici alla ricerca del cadavere di gramsci, che pare appena saputo della notizia sia fuggito rivoltandosi velocemente nella tomba!!

IN RED WE TRUST
BELLINI
#233 BELLINI 2018-08-15 14:58
# fefochip

Leggo leggo
Basta nazionalizzare per risolvere tutto.
Così non ci saranno più morti, non ci saranno più gli assassini e non servirà fare i processi.

L'importante è crederci.

Si sa che a Chernobyl la centrale nucleare è esplosa perché le multinazionali accecate dai profitti non hanno fatto la manutenzione
ARULA
#234 ARULA 2018-08-15 14:59
Quanto Super-Guadagna Autostrade per l’Italia rispetto alla gestione ANAS? Leggete e divertitevi
scenarieconomici.it/.../
mik300
#235 mik300 2018-08-15 15:00
#39 macco

Citazione:
Quei cavi della tua foto sono stati installati solo nella prima campata..la più lontana dal pilastro crollato..
(forse) avevi ragione tu,
sentendo anche i tg,
a quanto dicono,
i rinforzi in acciaio sugli stralli
non era su tutte le campate..
quella rinforzata ha retto,
quella non rinforzata o in corso di rafforzamento
è crollata..

pare che sia andata così..

se poi, conoscendo i punti deboli del viadotto,
qualcuno ha agevolato
non posso dirlo,
ma non escludo nemmeno a priori..
Calipro
#236 Calipro 2018-08-15 15:01
#222 fefochip

Soprattutto un fulmine avrebbe preso la punta in alto del pilone e si sarebbe sgretolata solo quella.



Ci sono delle foto ravvicinate, recenti, del pilone? Perché prima di cedere "naturalmente" si sarebbero dovute vedere delle crepe.
ARULA
#237 ARULA 2018-08-15 15:04
Autorimosso
BELLINI
#238 BELLINI 2018-08-15 15:08
Toh, un cavalcavia PUBBLICO è venuto giù

Colpa delle multinazionali
amantido17
#239 amantido17 2018-08-15 15:08
Sento dire per TV che è impellente:
- cercare superstiti (sacrosanto e di primaria importanza);
- sgombrare l'alveo del fiume (giustissimo, dal 1970 Genova ha avuto 7 alluvioni);
- ripristinare viabilità e la linea ferroviaria (importante);
PERÒ, bisogna consentire a tecnici e periti di visionare attentamente lo stato dei luoghi ed i materiali, effettuando rilievi precisi, al fine di meglio comprendere il meccanismo di collasso, prelevando campioni in specifici e determinati punti al fine di potere effettuare tutte le necessarie/opportune/indispensabili prove di laboratorio. Questa operazione deve essere molto accurata, se verranno fatte prove generiche, dovute alla mescolanza delle macerie frettolosamente rimosse, si rischia di allontanarsi dalla verità.
Parlo per esperienza diretta, riferita al crollo do un macchinario di cantiere...evento moooolto più semplice e di ridotte dimensioni, ma comunque di analisi complessa e complicata. Che portò ad una perizia finale al limite del ridicolo, per un addetto ai lavori.
horselover
#240 horselover 2018-08-15 15:08
la fiducia nello stato la trovo ingiustificata, comunque ora il governo ha l'occasione di mostrare cosa saprà fare di fronte a una emergenza vera e non inventata
Calipro
#241 Calipro 2018-08-15 15:12
#233 BELLINI
Citazione:
Si sa che a Chernobyl la centrale nucleare è esplosa per colpa dei profitti delle multinazionali
A me non risulta.
Da quanto ho capito io, era un'installazione militare alla quale è stato ordinato di fare dei test per vedere se l'impianto avrebbe retto senza le misure di sicurezza.
Solo che il personale andava bene solo per gestire la quotidianità e non certo per affrontare emergenze.

Il vero rischio del nucleare russo non riguardave i sistemi di sicurezza, ma le emerite testine di cazzo che li andavano a disabilitare per i "test"
fefochip
#242 fefochip 2018-08-15 15:12
#233 BELLINICitazione:
L'importante è crederci.
ok dai , hai ragione tu
continuiamo cosi , fiduciosi che la galera risolverà tutto.
vedi come è facile banalizzare i discorsi dell'altro se si fa finta di non capire?
starburst3
#243 starburst3 2018-08-15 15:15
A proposito di oliviero toscani macchinetta fotografica al servizio dei benetton e del pd, ancora non ha detto nulla sul crollo del ponte e sulle vittime italiane,forse perche' sono italiane?
Un altro collaborazionista/mezzadro,che usa il suo "talento" per i suoi scopi personali,oliviero!Dov'e' la maglietta rossa per protestare contro le morti provocate dai tuoi amici?
Ponte Morandi, la rabbia contro i Benetton e Toscani: "Per le vittime di Genova metti la maglia rossa?"

Il resto dell'articolo:
liberoquotidiano.it/.../...

IN RED WE TRUST
fefochip
#244 fefochip 2018-08-15 15:16
#240 horselover
Citazione:
la fiducia nello stato la trovo ingiustificata
nessuna fiducia
io parlo di sfiducia del privato perchè è un problema sistematico
la diffidenza deve essere anche nel pubblico e pronti a denunciare ogni cosa che non va.

mai sentito parlare di passare dalla padella nella brace?

però fare finta di non capire o semplificare tutto con l'accetta non serve per comprendersi eh?
Calipro
#245 Calipro 2018-08-15 15:23
#242 fefochip

In realtà basterebbero anche le multe.

Io farei così: lo Stato concede al concessionario l'usufrutto delle Autostrade.
Però in caso di incidente dovuto a cattiva manutenzione, sono 100 milioni di Euro e 6 mesi di galera per direttissima ai gestori, per ogni vittima.

Con un minimo di 1 miliardo (10 vittime) di capitale da tenere obbligatoriamente in appositi conti correnti bloccabili dallo Stato in qualunque momento.
starburst3
#246 starburst3 2018-08-15 15:23
#244 fefochip

Appena si parla male delle privatizzazioni tirano fuori l'ex unione sovietica! Ma per piacere!Se e' morta e sepolta l'ideologia comunista figurarsi quella neoliberista.
Chi specula in borsa (perche' in borsa si specula,non si gioca) e' un mascalzone!!!!

IN RED WE TRUST
fefochip
#247 fefochip 2018-08-15 15:25
#246 starburst3Citazione:
Appena si parla male delle privatizzazioni tirano fuori l'ex unione sovietica! Ma per piacere!Se e' morta e sepolta l'ideologia comunista figurarsi quella neoliberista.
vaglielo a spiegà
fefochip
#248 fefochip 2018-08-15 15:34
Il crollo di ponte Morandi sulla A10 ha un solo responsabile: l’AUSTERITÀ (di Giuseppe PALMA)

scenarieconomici.it/.../
altro particolare politico/economico su cui riflettere
come la modifica della costituzione con il pareggio di bilancio
Al2012
#249 Al2012 2018-08-15 15:36
Utilizzo immagini postate da altri utenti



Nella visione delle tre campate si nota che sui tiranti della campata più destra, quella prima dello svincolo tra Genova ovest e Genova est, sono stati fatti dei lavori di rafforzamento.



Ovviamente questi lavori fatti nel 1993 sono stati eseguiti perché si erano evidenziate delle precarietà nella struttura in c.a. dei 4 tiranti che sostengono e mantengono in equilibrio le due campate stradali ai lati del pilone centrale.
Bisogna tenere presente che l’acciaio è molto resistente alla trazione, caratteristica che non ha il cemento e i tiranti sono sottoposti ad una continua trazione e vibrazione.

Per me sembra ovvio, che essendo una struttura in equilibrio, se viene a mancare, per rottura, un sostegno fondamentale come uno dei quattro tiranti, lo squilibrio che si genera porta al collasso strutturale della intera struttura.

Quindi condivido quanto detto da #36 macco83 in merito al crollo del pilone centrale, che può anche essere interessato dal crollo delle struttura della campata e dai tiranti.

Allora la domanda giusta da farsi e quella fatta da #180 amantido17

Citazione:
Allora Perché non sono stati eseguiti gli stessi lavori anche sui piloni 10 (quello crollato) e 9? Costi elevati? (I lavori sul pilone n.11 furono altissimi. Tant'è che mi risulta che sin dal 2009 fu fatta una valutazione economica per cui conveniva rifare il ponte piuttosto che consolidarlo).
E come giustamente dice #187 fefochip

Citazione:
perche l'eventuale multa per non farli (o le mazzette per rinviarli) costano meno dei lauti incassi a danno di tutti gli italiani
ecco il motivo , ecco il complotto sotto gli occhi di tutti senza scomodare , nato, cia , mossad o servizi segreti francesi o il tuono spaziale di goldrake
Anch’io sono di Genova, e sopra a quel ponte sarò passato innumerevoli volte.

L’autostrada che va da Voltri a Genova, oltre ad essere un importante snodo autostradale, è praticamente la circonvallazione di Genova essendo l’unica alternativa alla Aurelia, che per gran parte ha una corsia per senso di marcia, quindi per spostarsi in modo più rapido si usa (si usava) l’autostrada.

Dopo il lutto per le vittime e i danni fisici dei feriti, il crollo del ponte di “Brooklyn” è un duro colpo per la viabilità e il commercio di Genova ….
fiammifero
#250 fiammifero 2018-08-15 15:41
Siamo il Paese in cui resistono egregiamente, e sono ancora percorribili, perfino con i camion, ponti fabbricati in pietra duemila anni fa e crollano quelli recenti in cemento armato, anche senza terremoti e frane, dalla Lombardia alla Sicilia, con una regolarità impressionante. Stessa osservazione può essere fatta per le strade (l’Appia Antica ha 2300 anni), per i palazzi e per i monumenti. Se la tecnologia e i materiali sono migliorati decisamente, perché siamo funestati da crolli?
starburst3
#251 starburst3 2018-08-15 15:45
Benetton,Fiumicino e Alitalia:
Magliette, golfini, camicie e pantaloni: Benetton è questo, ma è anche tanto altro. Un gioco delle tre carte consentirebbe alla famiglia trevigiana di rigonfiarsi le tasche di soldi pubblici grazie al raddoppio dell'aeroporto Internazionale "Leonardo da Vinci", che coi suoi 12 miliardi di euro di spesa previsti è la più imponente opera infrastrutturale d’Italia mai pensata.
Come un affare da 12 miliardi di euro e' arrivato ai 20 miliardi e si e' sgonfiato per il flop dell'aereoporto stesso, coinvolto anche l'ex ministro delrio,quello per l'accoglienza.
Articolo del 2015:
lintellettualedissidente.it/.../...
Articolo del 2018:
www.ilfattoquotidiano.it/.../4133129

Il progetto di fiumicino risale al 2009, e nel 2009 succede questo:

Nel 2009 il Board della Celtic League invitò la Federazione Italiana Rugby a presentare due franchigie italiane al fine di valutarne l'ammissione a partecipare al torneo a partire dalla stagione 2010-11; la prima selezione, effettuata nel giugno 2009, vide le prescelte in Roma e a Viadana[5], cosa questa che provocò, a livello politico, le proteste di quei partiti, in particolare la Lega Nord, che proposero interrogazioni parlamentari per chiedere conto dell'esclusione di Treviso dalla rosa di candidati a partecipare alla Celtic League[6]. L'esclusione di Treviso o di una possibile franchigia mista con Petrarca e Rovigo denominata "Dogi", scatenò un profondo malumore in tutta la regione, con tanto di raccolte firme nelle piazze per chiedere che venisse riesaminata la possibilità di ammissione per una squadra veneta, storicamente patria del rugby in Italia.

Nell'ottobre 2009 una commissione di revisione nominata dal presidente federale Giancarlo Dondi e presieduta dal trevigiano Zeno Zanandrea (Una commisione federale di riesame per l'ammissione del benetton treviso,presieduta da un trevigiano!!!! )!!ribaltò la decisione di qualche mese prima togliendo a Roma la candidatura[7] riportando quindi in corsa Treviso, che si dichiarò disponibile ad allestire una squadra per la Celtic League; l'esclusione di Roma provocò a sua volta vibrate proteste nella Capitale, la cui franchigia aveva avuto le garanzie di supporto economico da parte di Comune, Provincia e Regione; a gennaio 2010, tuttavia, il board della Celtic League, di fronte alle scarse garanzie economiche che le candidature di Treviso e Viadana presentavano, espresse poca fiducia sulla possibilità di un ingresso immediato delle squadre italiane[8]; con un comunicato stampa in cui Dondi attribuisce al Board della Celtic League il fallimento delle trattative per via delle presunte aumentate richieste di garanzie economiche, che tuttavia la League stessa sostiene fossero note già dall'inizio delle trattative[9] la questione sembrava dover essere definitivamente archiviata, ma il reperimento di 3 milioni di euro, di cui la metà diviso in parti eguali tra Viadana e Treviso e il resto a carico della stessa FIR( ma guarda un po'!!! Sara' entrato in ballo anche il progetto per fiumicino? Da 12 a 15 miliardi di € ), offerto alla Celtic League come copertura delle spese iniziali, ha riaperto le trattative[10] e, infine, l'8 marzo 2010, il Board della Celtic League ha deciso all'unanimità l'ammissione delle due franchigie italiane a partire dalla stagione 2010-11[11].

IN RED WE TRUST
BELLINI
#252 BELLINI 2018-08-15 15:45
# fefochip

Il pubblico è meglio del privato.
Dimostralo.

Per me non cambia un cazzo.
"Non deve ripetersi mai più", parole tue.
E i ponti pubblici crollano.

Tu banalizzi. Sono capace anche io di dire nazionalizzazione.
Cerchiamo esempi di nazionalizzazione.
Il più recente è il Venezuela.
Stanno morendo di fame. Big Pharma non li ammazza più perché non hanno i soldi per comprarsi le medicine.

In Sicilia o in Calabria i forestali (qua al nord si dice che ci siano più forestali che piante) bruciano i boschi per fare gli straordinari.
È l'avidità delle multinazionali?
O l'avidità dell'uomo?

In carcere non ci sono dirigenti di Spa.
Quanti politici ci sono in carcere?
Quanti dirigenti pubblici?
Quanti magistrati?

L'Ilva era pubblica.
Prima di privatizzarla inquinava di più.
Perché?
Perché gli uomini sono uomini. Che lavorino nel pubblico o nel privato cercano tutti di fare i soldi e di inculare gli altri.

Le uniche due cose che si possono fare sono: cercare di fare in modo che i controllati non paghino i controllori e sanzionare duramente chi sbaglia.

Nazionalizzare non serve a un cazzo.
macco83
#253 macco83 2018-08-15 15:48
#249 Al2012
Ciao. Secondo me si potrebbe ridurre di molto il disagio se in tempi brevi si riuscisse ad allacciare ge-est con ge-aeroporto sfruttando lo stradone nuovo lungomare canepa con un collegamento DIRETTO cioè senza semafori. Il che prevede costruire un sottopassaggio (stile matitone) proprio di fronte alla staz di cornigliano (sull' aurelia intendo).
GrauSam
#254 GrauSam 2018-08-15 15:49
Parlando con dei semplici "muratori", mi hanno fatto notare che il sale usato per sciogliere il ghiaccio e la neve ("Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma"), non scompare nel nulla, ma si infiltra nelle fessure del ponte e corrode, per quanto vuoi lentamente, l'acciaio ed il cemento. Fosse stato previsto un sistema efficace di canalizzazione delle acque, e mantenuto efficiente con la dobuta manutenzione, magari si sarebbero potuto evitare la degradazione dei materiali.
Sicuramente sarebbe anche utile verificare se le quantità e la qualità del cemento presente, sia quello previsto dal progetto?
Spendere miliardi di €uro per un opera inutile come il TAV, dove ci sono tanti problemi infrastrutturali in Italia è una cosa che solo in Italia può succedere: il buon senso del padre di famiglia, dovrebbe aiutare lorsignóri ad individuare le vere priorità di un paese. :hammer:
ARULA
#255 ARULA 2018-08-15 15:56
Solo un pidiota può...
BELLINI
#256 BELLINI 2018-08-15 16:03
fefochip

La Rai è pubblica, Mediaset è privata.
La Rai è in perdita.
Mediaset in Utile.
Il Servizio fa cagare da entrambi le parti.

Se la Rai non esistesse, saresti qui a sostenere che ci vorrebbe l'informazione pubblica così la TV direbbe la verità perché quella privata che vive di pubblicità non parlerebbe mai male di chi compra gli spazi pubblicitari.

Per fortuna la Rai esiste.
Mi pare l'esempio più lampante che nazionalizzare è un disastro.

byoblu e luogocomune sono PRIVATI
branzac
#257 branzac 2018-08-15 16:09
Citazione:
BELLINI
byoblu e luogocomune sono PRIVATI
Beh, se è per questo, ( sintetizzando estremamente ), l ' euro è in mano a banche PRIVATE.....
Al2012
#258 Al2012 2018-08-15 16:13
Facendo riferimento al mio intervento #249 …..

«Rinforzare il Morandi». Tre mesi fa un bando da 20 milioni di Autostrade
ilsole24ore.com/.../...


Nell’articolo si può leggere che l’opera di manutenzione prevedono:

“Il rinforzo degli stralli di pila numero 9 e 10. Poiché quelli di pila 11 sono stati oggetto di rinforzo già negli anni 90”

Che dire?

Scusate il ritardo ….

°°°

#253 macco83]/b]
Io sono del ponente, praticamente un eremita, comunque spero che quello che dici sia fatto in tempi brevi ..
Ciao.
ARULA
#259 ARULA 2018-08-15 16:14
@256 BELLINI
E' un esempio che non funziona per niente.
La rai non funziona da quando ha cominciato ad imitare "merdiaset".
La rai non funziona perchè hanno fatto in modo che non funzionasse. Non è una TV di stato è una tv di partito che segue le regole del neoliberismo.
Io non so quanti anni hai , ma da quando ci sono le privatizzazioni le cose costano molto di più e i risultati sono pessimi sotto tutti i punti di vista. LA tua opinione al riguardo è quella che ti hanno inculcato negli anni dove statale era simbolo di corruzione e mal funzionamento. Ma la realtà è quella di ieri... i ponti crollano e i privati si sono arricchiti. eppure tu hai ancora la percezione che sarebbe meglio il privato...
Se non capisci come funziona il "sistema" è inutile anche solo prendere l'argomento.
fefochip
#260 fefochip 2018-08-15 16:15
#255 ARULA

se vai sulla suo profilo fb in questo momento ha collezionato 862 insulti diversi
:hammer:
redazione
#261 redazione 2018-08-15 16:19
FEFOCHIP, BELLINI: Abbiamo capito che la pensate in modo diverso. E' inutile insistere, pur di avere ragione a tutti i costi. Evitate di avvelenare questo thread, perfavore.
horselover
#262 horselover 2018-08-15 16:20
pubblico o privato non cambia niente perchè è sempre un oligarchia a controllare tutto. oggi anche la casalinga di voghera possiede azioni senza contare niente come i cittadini nelle aziende statali
ARULA
#263 ARULA 2018-08-15 16:21
@260 fefochip
Sempre troppo pochi per una merda simile. Un bel gulag mi sembra la soluzione migliore...
Se fosse stato un simpatizzante della destra o del governo già ci sarebbe l'accusa di fascismo su tutti i giornali.
zlatorog
#264 zlatorog 2018-08-15 16:21
#255 ARULA

Non si possono leggere ste cose...se a scrivere fosse stato un leghista dicendo il contrario tipo "chissenefrega dei morti in mare" o simili, gli avrebbero già chiuso la pagina e denunciato alle autorità per istigazione all'odio...

Tornando al ponte, è abbastanza ovvio che la prima ipotesi è quella del cedimento trattandosi di un' opera vecchia, già nata male e che ha sempre dato problemi.
Quello che mi chiedo è se c'erano telecamere in modo da poter vedere il filmato del crollo dall'inizio e da più vicino.
Le autostrade pullulano di telecamere che fruttano multe...non è strano che proprio in un luogo così trafficato e delicato non ce ne siano state?
Praticamente a ogni in kilometro c'è una telecamera e li niente?
starburst3
#265 starburst3 2018-08-15 16:25
#259 ARULA #260 fefochip

Ma insomma!!!Basta cosi', se uno ha le capacita' e le qualita' e' giusto che privatamente investa i suoi soldi e ne ricavi i dividendi alla fine dell'anno,se qualcun altro non le ha e' giusto che si becchi la dura legge neoliberista!
Darwin,malthus,spencer..docet.

IN RED WE TRUST
ARULA
#266 ARULA 2018-08-15 16:25
@264 zlatorog
Citazione:
Quello che mi chiedo è se c'erano telecamere in modo da poter vedere il filmato del crollo dall'inizio e da più vicino. Le autostrade pullulano di telecamere che fruttano multe...non è strano che proprio in un luogo così trafficato e delicato non ce ne siano state? Praticamente a ogni in kilometro c'è una telecamera e li niente?
E' da ieri che me lo chiedo... ancora nessun filmato. Di strano è strano, ma vuoi mettere la sfiga in certe situazioni?
fefochip
#267 fefochip 2018-08-15 16:26
#261 Redazione
Citazione:
#262 horselover pubblico o privato non cambia niente perchè è sempre un oligarchia a controllare tutto.
eh mancava la "terza via" :perculante:
(da mo che non rispondevo più)
starburst3
#268 starburst3 2018-08-15 16:27
#266 ARULA
Citazione:
E' da ieri che me lo chiedo... ancora nessun filmato. Di strano è strano, ma vuoi mettere la sfiga in certe situazioni?
Prova a chiedere i filmati e i video a toscani e' lui l'uomo immagine dei benetton.

IN RED WE TRUST
horselover
#269 horselover 2018-08-15 16:29
l'autostrada palermo catania è dell' anas (cioè pubblica) eppure anche lì è crollato un ponte (o due)
ARULA
#270 ARULA 2018-08-15 16:30
@258 Al2012
Ho letto anche questo:
I LAVORI DOVEVANO INIZIARE SUBITO DOPO L’ESTATE, MA EVIDENTEMENTE I CALCOLI ERANO SBAGLIATI E NON RISULTA FOSSERO INSTALLATI SENSORI PER MONITORARE IN TEMPO REALE LA TENUTA DEL VIADOTTO.
AUTOSTRADE È, DI FATTO, L’UNICO CONTROLLORE DI SE STESSO, ESEGUE CON PERSONALE PROPRIO ISPEZIONI E (AUTO)CERTIFICAZIONI, O LE AFFIDA A CONSULENTI PAGATI DA LORO.
Questa non è privatizzazione è regalo.
maryam
#271 maryam 2018-08-15 16:31
#256 BELLINI

Per esempio in Germania la autostrade non sono in mano ai privati
mi sa che non funzionano peggio
ARULA
#272 ARULA 2018-08-15 16:31
@268 starburst3
La sua foto migliore.
fefochip
#273 fefochip 2018-08-15 16:32
#269 horselover la risposta sta già qui #248 fefochip
starburst3
#274 starburst3 2018-08-15 16:32
#269 horselover
Citazione:
l'autostrada palermo catania è dell' anas (cioè pubblica) eppure anche lì è crollato un ponte (o due)
Si ma bisogna sempre fare i conti della serva:
Citazione:
Quanto Super-Guadagna Autostrade per l’Italia rispetto alla gestione ANAS? Leggete e divertitevi
scenarieconomici.it/.../

IN RED WE TRUST
f_z
#275 f_z 2018-08-15 16:36
Citazione:
#266 ARULA 2018-08-15 16:25
Praticamente a ogni in kilometro c'è una telecamera e li niente? E' da ieri che me lo chiedo... ancora nessun filmato. Di strano è strano, ma vuoi mettere la sfiga in certe situazioni?
Quelle telecamere servono solo per perseguitare i poveracci.
Quando succedono cose grosse come queste e ci sono i ricconi coinvolti, le telecamere smettono di funzionare. :-D
starburst3
#276 starburst3 2018-08-15 16:38
#272 ARULA

Ahahahaha, peccato che non l'abbia fatta sul momento,del resto mica e' un inviato tipo Terzani o Grimaldi, pensa...essere la' mentre il viadotto va giu', la sua ultima dichiarazione....ho fatto la foto della mia vita!!! :roll:

IN RED WE TRUST
Heisenberg
#277 Heisenberg 2018-08-15 17:01
Per Rosario Marcianò il ponte è stato demolito con delle esplosioni: m.facebook.com/.../
Signore di Gibelletto
#278 Signore di Gibelletto 2018-08-15 17:02
#255 ARULA

Alcuni di questi andrebbero inquadrati, dal punto di vista della scienza criminologica, come puri psicopatici.
Mi viene in mente un bel libro a riguardo: "Psicopatici al potere", da rileggere..
ARULA
#279 ARULA 2018-08-15 17:06
@278 Signore di Gibelletto
Situazione preoccupante...
fefochip
#280 fefochip 2018-08-15 17:09
#277 Heisenberg

Citazione:
Rosario Marcianò Propendo per le cariche esplosive alla nanotermite già posizionate giorni prima e fatte esplodere volutamente durante il temporale.
ormai la visione di certi complottisti è a imbuto, non esiste altra spiegazione che il complotto
almeno in questo caso non ha detto che è "tutto finto" :oops:
fefochip
#281 fefochip 2018-08-15 18:00

Quando il M5S parlava della "favoletta del ponte che sta per crollare" per bloccare la variante

repubblica.it/.../...

risposta di SocialTv Network
NiHiLaNtH
#282 NiHiLaNtH 2018-08-15 18:01
Citazione:
Propendo per le cariche esplosive alla nanotermite già posizionate giorni prima e fatte esplodere volutamente durante il temporale.
eh si le famose cariche alla nanotermite
tutti sappiamo benissimo come sono fatte e che effetto hanno

nanotermite contro il cemento??

:hammer:
peonia
#283 peonia 2018-08-15 18:05
Heisenberg il link non funziona...

Comunque restano sempre fuori 300 KG di TRITOLO scomparsi nel nulla!
il 7 agosto a Grado...

sono andata sulla sua pagina ed ho trovato questo:
"Ripubblico questo intervento, prontamente rimosso da Facebook:

www.facebook.com/.../2151661701747269…

IL CROLLO DEL PONTE MORANDI E' UNA DEMOLIZIONE CONTROLLATA?

E' chiaro che la magistratura non accerterà mai la verità. Soprattutto quella di Genova, che già conosco e che, tra le altre cose, mi accusa di rapina a mano armata mai avvenuta. Se i poteri occulti hanno deciso che il ponte doveva crollare, i togati non batteranno ciglio.

Il filmato è stato, con molta probabilità, realizzato appositamente. Al solito modo... in stile false glag, far vedere e non far vedere e creare spannung sul fatto, tanto che la voce pare essere stata aggiunta dopo, per coprire i rumori di fondo con le esplosioni probabili, che pare si sentano.

La Liguria pare essere proprio una regione da sacrificare. Non so dirti se ci sia stato il dolo ma dopo i nubifragi degli scorsi anni penso che nella mia regione le disgrazie assumano un significato diverso da quanto potrebbero assumerne in altre. Come ha scritto ultimamente anche mio fratello Antonio, tra lo scontro di due logge mondialiste la liguria può, nel panorama nazionale, configurarsi come spartiacque o una specie di Rubicone per le forze antagoniste al potere.

Indovinate chi ha effettuato le riprese del ponte che crolla? Davide Di Giorgio. In tutta evidenza un esponente di una certa corrente di pensiero che ben conosciamo.

www.facebook.com/.../10216940507334688

Il suo profilo:

Technical Service Desk presso Ansaldo Energia
Precedentemente Help Desk/Technical Support presso Selex ES
Precedentemente Animatore scientifico presso Festival della Scienza
No alle pseudoscienze: www.facebook.com/NoAllePseudoscienze/

www.facebook.com/digio1988 "

strano però eh!
Zina
#284 Zina 2018-08-15 18:11
Ora tutta questa rabbia nei confronti dei Benetton solo perché è successo il fatto quando si sa che in Italia c'è un manipolo di signorotti che praticamente controlla tutto e che si è impadronita di tutto. In questo paese abbiamo il vizio di accorgerci che siamo nella melma solo quando ci scappa il morto. A proposito di infrastrutture la concessione per l'attraversamento dello stretto di Messina è da decenni nelle mani di una sola società/famiglia al cospetto della quale anche le ferrovie dello stato di scansano. Un monopolio senza concorrenza e senza gara noto a tutti e che danneggia enormemente la popolazione costretta ad usufruire di un servizio pessimo e per fortuna non sono successi eventi tragici
ARULA
#285 ARULA 2018-08-15 18:33
CdM a Genova: decretato stato d'emergenza, avviata revoca concessione ad Autostrade
Citazione:
Il premier Conte: orientati a nominare commissario ad hoc. Proclamato un giorno di lutto nazionale e stanziati subito 5 mln

Il governo si riunisce a Genova per le prime, immediate misure di emergenza dopo il crollo del Ponte Morandi.

Presenti in Prefettura il premier Giuseppe Conte, i ministri dell'Interno Matteo Salvini, delle Infrastrutture Danilo Toninelli e del Lavoro Luigi Di Maio. Gli altri ministri erano collegati da diverse località.

Conte ha detto che l'esecutivo è orientato verso la nomina di un commissario ad hoc per la ricostruzione e che disporrà la revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia ancor prima degli esiti delle indagini.

Il governo - ha spiegato il premier - ha decretato lo stato d'emergenza per 12 mesi e disposto un primo stanziamento di 5 milioni a valere su fondo per emergenze nazionali. Proclamato anche un giorno di lutto nazionale, da far coincidere con i funerali delle vittime.
Ma che ci fanno con 5 milioni... ci comprano le caramelle?

Edit: comunque aspettiamo di leggere il contratto della concessione.
fefochip
#286 fefochip 2018-08-15 18:50
#285 ARULACitazione:
Ma che ci fanno con 5 milioni... ci comprano le caramelle?
Stato d'emergenza per 12 mesi, primi 5 milioni di euro, avvio della procedura di revoca della concessione alla Società Autostrade.
huffingtonpost.it/.../...
"Questo governo farà di tutto per evitare che tragedie del genere si verifichino nuovamente - ha detto Giuseppe Conte in conferenza stampa - Abbiamo avviato la procedura di revoca della concessione alla Società Autostrade, al di là delle risultanze penali che spettano alla magistratura. Non possiamo attendere, noi abbiamo l'obbligo di fare viaggiare i cittadini in sicurezza, per cui ci muoveremo per la revoca perché non c'è dubbio che ad Autostrade incombeva l'obbligo e l'onere di curare la manutenzione di questo viadotto".

i 5 milioni chiaramente sono tanto per iniziare, probabilmente per le prime opere di sgombero e demolizione dei detriti, ovvio che serve molto di piu per ripristinare una grande opera come quella o una equivalente.

ma il messaggio per ora che mi è piaciuto di piu appunto è che non aspettano gli esiti delle indagini ma pisciano autostrade

vediamo cosa succederà, speriamo se ne riappropri lo stato
InFlames
#287 InFlames 2018-08-15 18:59
rainews.it/.../...
Ritrovati i 300 kg di TNT e già fatti brillare.
Aperto a tutte le ipotesi ma bisogna rimanere lucidi. Il fatto che ci siano stati botti mi sembra anche normale, non penserete che cada in silenzio un ponte per 100m?
I bagliori se guardate con attenzione sono di colore blu elettrico, probabilmente della linea ferroviaria sottostante. Attendiamo sviluppi nell'indagine prima di tirare conclusioni affrettate. Tanto se c'è qualcosa di strano salterà fuori, come per il WTC.
Alcune volte, le tragedie succedono e basta perché devono succedere. Il ponte ha 50 anni, costruito per un tipo di traffico e un peso dei mezzi che è stato ampiamente superato da anni, probabilmente con scarsa o nulla manutenzione per merito di amministrazioni indecenti e avide. Era nell'ordine delle cose, c'è una causa e c'è un effetto.
zlatorog
#288 zlatorog 2018-08-15 19:03
Il mio complottismo va oltre...penso che Marcianò sia stato indotto (o sotto minacce o semplicemente ingannato) a tirar fuori la storia della demolizione controllata del ponte per farci ridere in faccia e screditare le sue teorie sulle scie chimiche.

Ovviamente niente si può escludere, ma quella del sabotaggio mi sembra francamente un'opzione assai remota.
Almeno avrebbero dovuto farci schiantare sopra un aereo dirottato...metti che qualcuno vedeva e filmava da vicino il momento dell'esplosione. Metti che con le indagini che verranno svolte anche per verificare la composizione chimica del cemento vengano fuori tracce di esplosivo.
Quando una struttura del genere crolla è ovvio che si sentano boati simili a esplosioni.

Che gli stralli fossero molto malconci era stato riscontrato già diverso tempo fa e infatti quelli di una delle 3 torri erano stati rifatti (e infatti quella parte non è crollata).
Se cede uno strallo visto il delicato equilibrio di quel ponte è abbastanza credibile che venga giù tutto.

Cmq resta che sarebbero da vedere i filmati delle telecamere di sicurezza.
ARULA
#289 ARULA 2018-08-15 19:12
@286 fefochip
ma che significa 12 mesi di stato d'emergenza?
Trimegisto
#290 Trimegisto 2018-08-15 19:14
Da Genovese emigrato all'estero, vivo con dolore, da distante, la tragedia della mia amata città.
Un abbraccio a tutti i Fratelli di Madre Superba; una poesia a lei dedicata [postata su FB Amixi do Zeneize da Matteo Mac Niccolai]:

Derûa un pónte,
Derûa unn-a stradda,
Derûan i nervi de chi,
Segûo,
O pénsa:
Poéivo êse la.
Derûa unn-a çitæ,
Oua ciú izolà,
Derûa a sò economía,
Frágile e insegûa.
Derûa a fêde,
Ne-o çè,
Ne-o destìn,
Ne-a vitta.
Derûan e brássa
De chi o spála,
Derûa, pezánte,
O magón,
In sce nòstre spalle.
Tûtto derûa,
Fêua che noiâtri.
Génte dûa,
Inospitále,
Morciónna e
Con a tèsta cömme un mazabécco.
Pe chi o no ne conosce.
Génte che travaggia,
Camálli,
Portoâli,
Carbounée.
Artexánn-i,
Banchiêri,
Capitann-i e Mainè.
Villan in scie prie.
Superbi,
Òrgogliôzi.
Fêi!
Inscìste,
Inutilmente,
O çê,
In scia nóstra çitæ.
Che da ægua,
Brátta,
Róvinn-e e
Bombe,
A l'é sempre sciortìa.
E alua che l'inse,
Zena,
Domán ti saiè ancún ciú bella!

Crolla un ponte,
Crolla una strada,
Crollano i nervi di chi,
Consapevolmente,
Pensa:
Avrei potuto essere li.
Crolla una città,
Ora più isolata,
Crolla la sua economia,
Fragile ed insicura.
Crolla la fede
Nel cielo,
Nel destino,
Nella vita.
Crollano le braccia
Di chi sta spalando,
Crolla, pesante,
Lo sconforto
Sulle nostre spalle.
Tutto crolla,
Tranne noi.
Gente dura,
Inospitale,
Musoni e
Testardi.
Per chi non ci conosce...
Lavoratori,
Camalli,
Portuali,
Carbonai.
Artigiani,
Banchieri,
Capitani e Marinai.
Agricoltori sulle rocce.
Superbi,
Orgogliosi.
Fieri.
Insiste,
Inutilmente,
Il cielo
Sulla nostra città.
Che da acqua,
Fango,
Macerie e
Bombe,
Ne è sempre uscita.
E allora che cominci,
Genova,
Domani sarai ancor più bella.
fefochip
#291 fefochip 2018-08-15 19:18
#287 InFlamesCitazione:
Ritrovati i 300 kg di TNT e già fatti brillare.
rimane la nanoterminte :hammer:
fefochip
#292 fefochip 2018-08-15 19:21
#289 ARULA
Citazione:
@286 fefochip
ma che significa 12 mesi di stato d'emergenza?
medium.com/.../...
peonia
#293 peonia 2018-08-15 19:26
mi sarei aspettata ben altro BRILLAMENTO...a voi sembra davvero che quell'esplosione sia di 300 kg di tritolo? :-o
peonia
#294 peonia 2018-08-15 19:31
Genova, i soccorritori sospesi in aria salvano un ferito incastrato tra le lamiere dell’auto

www.ilfattoquotidiano.it/.../4560780
fefochip
#295 fefochip 2018-08-15 19:40
#293 peonia
:-o :oops:
BELLINI
#296 BELLINI 2018-08-15 19:59
horselover SEI UN GRANDE

Come sarebbero state le Autostrade pubbliche:
1) niente casse automatiche, cioè cassieri ai caselli
2) cassieri malati perché nel pubblico statistiche alla mano ci si ammala il doppio che nel pubblico (ma per qualcuno non è vero)
3) Manutenzione: certo, tanta però fatta in modo da far saltare fuori i soldi per tutti e magari fatta male così si può mangiare ancora
4) nessun ponte privato che crolla perché quelli che crollano sarebbero tutti pubblici


In Germania funziona meglio il pubblico del privato in Italia, ma mi sa che funziona meglio anche il privato

(e chiudo il discorso)

Fra un po' crolleranno le scuole e per fortuna quelle sono restate pubbliche. Ah già è colpa dei banchieri privati.

E la Rai ha sempre fatto ottima informazione fino all'arrivo di Mediaset che ci ha raccontato che l'Uomo è andato sulla Luna.
starburst3
#297 starburst3 2018-08-15 20:02
Luciano è il maggior latifondista della regione. Su cui gli indios rivendicano i loro diritti. Dopo la vittoria in tribunale e una discussa donazione, per l'azienda il caso è chiuso. E invece...

www.vita.it/.../39717

IN RED WE TRUST
Senna
#298 Senna 2018-08-15 20:05
Citazione:
Per esempio in Germania la autostrade non sono in mano ai privati mi sa che non funzionano peggio
Sono ottime e completamente gratuite, a pagamento solo per i mezzi pesanti.
Zina
#299 Zina 2018-08-15 20:14
In Italia quello che non funziona non dipende dal fatto che sia gestito dal pubblico o dal privato. È la testa delle persone che non va. La mentalità chiusa di guardarsi ognuno il proprio orto e il non pensare al bene comune. Questo è il male. L'egoismo di chi vuole solo arraffare per fot..ere il prossimo. Questo è un problema che coinvolge dal piccolo proprietario di terreno che si frega la strada restringendola per ingrandire il proprio in barba al fatto che questo gesto potrebbe costare la vita a qualcuno perché non permette ai mezzi di soccorso di passare fino al grande imprenditore che arraffa a destra e a manca senza fare il suo dovere che è quello di garantire sicurezza. Questo è un paese marcio. Non posso pensare diversamente
cocis
#300 cocis 2018-08-15 20:16
anche a me il crollo. sembra strano.. :roll:
BELLINI
#301 BELLINI 2018-08-15 20:16
I pedaggi autostradali vengono decisi dal Ministero.
Però diamo la colpa ai privati.

www.google.it/.../amp

I privati non fanno le manutenzioni e gli investimenti dovuti perché lo Stato si è sempre girato dall'altra parte e anche questa volta invece che fargli il culo, fanno scena.
Senna
#302 Senna 2018-08-15 20:28
Citazione:
e anche questa volta invece che fargli il culo, fanno scena.
Cazzo sei un vegente? Il ponte è crollato ieri e ad oggi cosa avrebbero dovuto fare?
Heisenberg
#303 Heisenberg 2018-08-15 20:36
#288 zlatorog
Citazione:
Il mio complottismo va oltre...penso che Marcianò sia stato indotto (o sotto minacce o semplicemente ingannato) a tirar fuori la storia della demolizione controllata del ponte per farci ridere in faccia e screditare le sue teorie sulle scie chimiche.
Certo, è stato minacciato con la nanotermite.
BELLINI
#304 BELLINI 2018-08-15 20:40
#302 Senna

L'ultimissimo perché altrimenti Massimo mi caccia.

Chiedere ai vertici di una società privata di dimettersi, togliergli la concessione di un'autostrada che non è agibile perché è appena crollato un ponte e minacciare 150 milioni di multa ad una società che ne guadagna più di 1000, quando sono morte decine di persone e una città è bloccata è una pagliacciata.

I vertici devono andare in galera, la sede della società deve essere spostata dal Lussemburgo all'Italia e pagare come minimo un anno di utili cioè 1 miliardo di euro.
I ponti autostradali non crollerebbero più anche se dati in concessione ai privati cattivi, però potrebbe cadere il governo.
Ahahahah
zlatorog
#305 zlatorog 2018-08-15 20:42
#303 Heisenber

Hahahahahahah...o forse si è bevuto il cervello a furia di respirare alluminio e bario :-)


Cmq alla fine HA STATO PUTIN!
Signore di Gibelletto
#306 Signore di Gibelletto 2018-08-15 20:48
#215 ARULA

E invece i ponti "crollano per fatalità"...almeno per La7, che al tg scodella un servizio (una specie di editoriale) a favore della concessionaria automobilistica dei benettoni..ci si sarebbe aspettato un atteggiamento neutro da un grande telegiornale e invece.. un servizio così...resto davvero deluso da La7..resto davvero sconcertato da quanto questa tragedia sta evidenziando..
La realtà che si intravede...psicopatici, criminali, servi della gleba, incapaci, affaristi spietati..

Chi ha davvero in mano questo paese?
ARULA
#307 ARULA 2018-08-15 20:57
@306 Signore di Gibelletto
La7 ovviamente è in linea con l'ancien régime.
Ancora non abbiamo informazioni non condizionate dal PD e quindi la menzogna è d'obbligo.
ARULA
#308 ARULA 2018-08-15 21:01
Toninelli
Citazione:
Desecreteremo integralmente tutti i contratti in essere con i concessionari #autostrade e li pubblicheremo sul sito del @mitgov. Inoltre con il Governo del cambiamento non ci saranno più convenzioni che avvantaggiano i gestori privati a discapito dello Stato. #maipiù #Genova
mabel
#309 mabel 2018-08-15 21:08
Citazione:
Chi ha davvero in mano questo paese?
i banchieri, i grandi imprenditori, le grandi aziende, ecc....
Insomma, i privati.
Hanno in mano tutta quanta l'italia e influenzano a piacimento la politica e l'informazione.
Hanno il coltello dalla parte del manico, sono da tempo intoccabili e possono fare quel che vogliono...
Tanto non li arrestano mai, i processi infiniti lo dimostrano.
Rimbalzi di responsabilità tra appalti e subappalti vari e alla fine nessun colpevole!
Ecco cosa è la privatizzazione!
Dai in mano al privato il patrimonio e le risorse di uno stato e questi sono i risultati...
E spolperanno l'italia fino all'osso, tanto è in mano loro, le leggi glielo consentono...
Pubblico o privato?
Meglio il pubblico ovviamente.
Perchè, riducendo ai minimi termini, se le cose non vanno bene la responsabilità è dello stato e non di nessuno!
Inoltre i soldi spesi sono dello stato e rimangono nello stato.
Infatti la differenza sta proprio qua, i soldi.
Il privato si prende i soldi per i lavori, ecco la differenza!
Semplice e pura logica elementare.
Signore di Gibelletto
#310 Signore di Gibelletto 2018-08-15 21:53
E con ancora più sconcerto prendo atto dei titoli dei grandi giornali italiani..ebbene, cittadini italiani, secondo gli araldi dell’informazione del nostro paese, un responsabile di questo crollo c’è..
Siete curiosi?
E chi sarà mai, secondo i nostri grandi giornali, i nostri Holmes?
Ebbene, il colpevole è…rullo di tamburi..il colpevole è…il colpevole è….ebbene, i responsabili del crollo sono i comitati di cittadini contro la cosiddetta Gronda..e perché sono i colpevoli? Per questa prova : un comunicato, su un forum collegato al Movimento5 Stelle, in cui avevano l’ardire di riportare testualmente uno stralcio di una relazione pubblica della concessionaria per le autostrade dei benettoni, in cui si assicurava la solidità del ponte..
Ma per gli arguti giornalisti italioti, i responsabili non sono chi doveva occuparsi del monitoraggio e della manutenzione di questo ponte, no, non sia mai, sono invece i comitati contro la Gronda..BRAVI GIORNALISTI …. geniali..geniali..geniali !!!
Ah, naturalmente sono gli stessi giornalisti che hanno scoperto tra oggi e ieri che le opere in cemento armato costruite negli anni 50-60, secondo i tecnici possono durare circa una sessantina d’anni e basta, e poi vanno ricostruite.. e quindi, secondo la logica elementare, i soldini per cosa dovrebbero essere utilizzati? Magari appunto per riparare (quando possibile) e ricostruire, poiché oramai è necessario, tutta la rete infrastrutturale esistente o invece per iniziare faraoniche “grandi opere?
Ah, ma la colpa non è di questa banda che ha in mano l’Italia, che sta crollando pezzo per pezzo, la colpa è dei comitati dei cittadini e dei 5 stelle..elementare Watson..
Iddio salvi Socialtv network..che, come altre volte, ha sbufalato l’ennesima delle fake news di questi giornalai del menga..
unoqualunque
#311 unoqualunque 2018-08-15 22:07
Ok ragazzi! Avete detto tutto?
Aspettiamoci di tutto !!!
Buonanotte
Parsifal79
#312 Parsifal79 2018-08-15 22:32
#304 BELLINICitazione:
Chiedere ai vertici di una società privata di dimettersi, togliergli la concessione di un'autostrada che non è agibile perché è appena crollato un ponte e minacciare 150 milioni di multa ad una società che ne guadagna più di 1000, quando sono morte decine di persone e una città è bloccata è una pagliacciata.
I vertici devono andare in galera, la sede della società deve essere spostata dal Lussemburgo all'Italia e pagare come minimo un anno di utili cioè 1 miliardo di euro.
I ponti autostradali non crollerebbero più anche se dati in concessione ai privati cattivi, però potrebbe cadere il governo.
Ahahahah
Non so come funziona nel mondo immaginario in cui vivi tu, ma qui le sentenze, le pene e il risarcimento danni li deve decidere un giudice, non il governo.
Aironeblu
#313 Aironeblu 2018-08-15 22:44
@Massimo #161
Citazione:
La sola possibilita' che cadano (che CADANO, che si ribaltino, non che crollino verticalmente su se' stessi) i piloni di un ponte e' quella di un cedimento delle fondazioni,
Perchè è "la sola" possibilità? Non è possibile che il pilone sia stato trascinato in basso dagli stralli a cui era attaccata la parte crollata? Mica ha ceduto da solo, quel pilone, di colpo e per i cazzi suoi. E' venuto giù subito dopo il crollo della campate. A cui appunto c'erano attaccati gli stralli d'acciaio.
Il pilone sosteneva le campate tramite gli stralli prima del crollo, quando era intatto e funzionava normalmente. Il fatto che la campata ceda (e puo' succedere) e resti attaccata al pilone tramite i tiranti in acciaio non cambia nulla per il carico del pilone, che sosteneva quello stesso carico prima del crollo. Il massimo che sarebbe potuto succedere sarebbe stato il ribaltamento dell'intero pilone, perche' il carico diventa asimmetrico, ma non il crollo su se' stesso.


Dall'immagine aerea si comprende meglio lo schema strutturale: i piloni sono composti da varie travi che sostengono direttamente la soletta orizzontale stradale, e due puntoni a forma di "A" che sostengono ancora la soletta tramite i tiranti in punti piu' lontani. Un'ottima struttura.
Se cede una parte di soletta orizzontale, si staccherebbe solo quella porzione e le altre resterebbero su, appoggiandosi sui vari puntoni verticali o sui tiranti.
Se cedesse invece uno dei tiranti crollerebbero le due parti di soletta stradale intorno al nodo del tirante, ma non quelle sostenute direttamente dai puntoni del pilone. Non vedo come il cedimento dei tiranti possa causare il crollo dei piloni sotto il livello stradale (magari la parte superiore si' perche' subisce torsioni e sbilanciamenti di carico, ma quella sotto il piano stradale e' un'altra parte di struttura)
Che ceda il pilone invece e' da escludere, poiche' il cls si comporta come un materiale lapideo e non perde la capacita' strutturale con il tempo.
A mio avviso il crollo e' inspiegabile staticamente.
Salva81
#314 Salva81 2018-08-15 23:18
@Aironeblu
dall'unico filmato ahinoi poco chiaro del crollo, pare di distinguere uno dei due stralli penzolare, come se il piano stradale a cui era collegato si fosse liberato dal giunto che lo interconnetteva.

[EDIT] Ho rivisto meglio il filmato.
Pare di vedere il pilone collassare in due momenti, prima la grossa "A" che guarda Bolzaneto con lo strallo che penzola ancora ancorato in cima, successivamente la "A" che guarda il mare collassa dalla parte opposta ma resta ancora su qualche istante sulla sua verticale.
Non si riesce a capire la dinamica iniziale del crollo, e se gli stralli abbiano ceduto nella parte ancorata al piano stradale o in cima al pilone.

A mio avviso una spiegazione sensata potrebbe essere che vi sia stato un improvviso disequilibrio nella distribuzione dei pesi tra le due "A" e i rispettivi stalli. Difatti nella fase finale del collasso il pilone si divide, quindi come se nella fase iniziale vi fosse stata una dinamica che ha portato un solo lato del pilone, una sola "A" e i suoi due stalli a tenere l'intero piano stradale. Mi sembra anche sensato ipotizzare non un crollo simmetrico, proprio per via di ciò che dici, a pilone sano e saldo in cima le campate avrebbero retto perlomeno parte del piano stradale prossimo al pilone, ma è come se nel cedere il piano stradale avesse creato delle forti torsioni dati dalla enorme disuguaglianza, tali da compromettere il giunto che teneva assieme le due "A" in cima al pilone che si è successivamente rovesciata a terra in due tempi. Almeno questo e quanto mi suggestiona il filmato.


Per quanto riguarda i bagliori sembrano provenire dal basso e alle spalle del pilone quindi proprio dalla ferrovia.

Che ne pensate?
Aironeblu
#315 Aironeblu 2018-08-15 23:40
@Salva 81
Si, certamente il cedimento di uno dei tiranti causerebbe grandi squilibri nella parte alta della "A", e potrebbe anche far collasare la parte superiore di questa "A". La parte inferiore al piano stradale pero' non dovrebbe assolutamente cedere, essendo una parte differente della struttura che non e' interessata dagli sforzi degli stralli.
Invece i piloni sono crollati fino alla base (10 metri di altezza).
Diciamo che se fosse saltato un tirante, sarebbe di conseguenza saltato anche il suo gemello parallelo, perche' si sarebbe trovato a sostenere da solo il carico che precedentemente era distribuito su due tiranti. E questo avrebbe comportato sicuramente ilcrollo delle due campate stradali in prossimita' del nodo dei tiranti. A questo punto le due "A" del pilone si sarebbero trovate con un carico asimmetrico dall'altra parte del piano stradale, quella non ancora crollata, con gli altri due tiranti ancora integri che sollecitano la struttura con uno sforzo orizzontale non piu' bilanciato dai tiranti saltati. E questo, se le due "A" non sono opportunamente armate per resistere a questo eventuale sforzo, avrebbe causato il crollo delle parti superiori delle due "A", tirate giu' dai tiranti ancora integri, e il conseguente crollo di altre due fette di piano stradale.
Pero' sarebbero dovute rimanere su tutta la parte delle "A" sottostante al piano stradale, e tutto il resto dei puntoni del pilone al di sotto della strada, perche' non avrebbero subito sollecitazioni impreviste. In altre parole, doveva spezzarsi solo la parte superore delle due "A", trovo stranissimo che sia crollata anche la parte sotto il piano stradale e le campate in prossimita' del pilone.
Speriamo salti fuori qualche filmato piu' chiaro.
Salva81
#316 Salva81 2018-08-15 23:46
Ho editato, guarda se le nuove considerazioni che ho inserito, ne aggiungono di tue.
Salva81
#317 Salva81 2018-08-15 23:58
Sarebbe utile capire la direzione del il collasso delle due "A".
Inoltre avrebbe ancora più senso se la parte che ha ceduto non fosse lo strallo ma una o più delle travi a sostegno del piano stradale, avrebbe lasciato tutto il peso agli stralli e da li si che ti tira giu le due "A". Quindi se il cedimento avviene qui:



che ne pensi
peonia
#318 peonia 2018-08-16 00:04
INTERESSANTI TUTTI E DUE I VIDEO DI SOCIAL TV SULLE MENZOGNE, SU TUTTI GIORNALI, DELLE PAROLE DETTE SUL PONTE MORANDI DAI 5 STELLE, MENTRE NON E' COSI'..
magari li avete visti, ma posto il secondo se non...

Salva81
#319 Salva81 2018-08-16 00:21
Airone, ecco cosa rimane del pilone. La base "quadrata" sembra quasi intatta, sparite le due "A" esterne e la rottura NON NETTA parte da dove giuntano le travi che puntellano il piano stradale sulla strutura BASE. Si contano però solo due giunti su quattro



cosa rimane i due box rossi per confronto sembra che manchino adirittura due giunti su 4

horselover
#320 horselover 2018-08-16 00:23
se il ponte fosse stato tirato giù con l'esplosivo questo discolperebbe la società concessionaria, i progettisti e i costruttori e non resterebbe che inveire contro un misterioso nemico che qualcuno indica nei francesi solo perchè gli stanno antipatici
RiccardoM
#321 RiccardoM 2018-08-16 00:39
@tutti quelli che dicono che il crollo non è spiegabile (senza bombe, attentati, alieni, ..)

So di non sapere niente in costruzioni e cemento armato ma nella mia vita di cose ne ho fatte e viste, e dilettandomi in meccanica e tanto altro mi rendo conto di quanto complesse possano essere certe dinamiche.

Per questo vorrei chiedere a chi sostiene che "staticamente" la dinamica è inspiegabile di rifletterci un attimo: ma chi lo dice che l'evento può essere validamente analizzato solo dal punto di vista "statico" dall'inizio alla fine?
L'intuito mi dice che non lo è affatto!

Può darsi che mi sbagli ma permettetemi un abbozzo di spiegazione (senza pretese):

Per quanto ne ho capito i tiranti in cemento "precompresso" hanno all'interno un'anima di acciaio armonico che li tiene precaricati rispetto al peso che dovranno sostenere di modo che il cemento di cui sono fatti non lavori MAI in trazione visto che il cemento NON resiste a trazione (almeno.. il carico a trazione è 1/10 di quello a compressione).

Immagino che le anime in acciaio armonico (che è elastico) di questi tiranti siano di fatto delle molle fortemente precaricate in trazione. Nel momento che dei tiranti si spaccano a metà (come da testimonianze oculari) cosa accadrebbe? La tensione del precarico dovrà essere dissipata..

Per capirci: prendete la A formata dai tiranti con la cima dei piloni e 'tagliate' la gamba destra della A... il vertice prenderebbe una sberla elastica verso sinistra/alto e la parte inferiore della gamba destra farà altrettanto con il piano stradale facendolo collassare (mancato supporto + sberla).. si sbilancerebbero tutte le forze statiche con trasferimenti di carico credo molto rapidi.. qui mi fermo perchè non sono in grado di stimare cosa potrebbe succedere poi.

Detto questo posso ipotizzare che:

1) Se salta il tirante 'di destra' per cattivo stato di conservazione posso ipotizzare che anche quello di sinistra sia li-li per tirare il calzino e che quindi lo possa seguire a ruota quasi 'per simpatia' con ulteriori 'sberle' alla struttura.
2)Il pilone che normalmente deve sorreggere forze statiche di compressione non risponda bene a forze asimmetriche che generano dei momenti torcenti, specie in caso di trasferimenti di carico molto rapidi come nel caso in cui saltino prima i tiranti da un lato e che il piano stradale inizia a cadere.

Quindi quei tiranti sono come elastici.... nei ponti classici con arcate o campate autoportanti e piloni in cemento che lavorano solo in compressione è diverso perchè il cemento è di fatto incomprimibile e se va giù una campata non ci sono grossi momenti elastici sui piloni, almeno non quanti se ne avrebbero con dei tiranti che saltano..

Per chiudere, circa botti e lampi, avete mai visto e sentito operare uno di quei taser da borsetta cinesi? il rumore delle scintille di qualche centimetro è molto forte.. molto... come piccoli scoppi. Li c'erano linee di alta tensione e non credo che quei botti siano totalmente incompatibili con il crollo.
RiccardoM
#322 RiccardoM 2018-08-16 00:43
... avete mai visto rompere una corda d'acciaio per trazione? Le sberle che tira?
maryam
#323 maryam 2018-08-16 01:07
AIUTO!

Chi sa dare una lettura a queste informazioni?


Questa vibrazione è una registrazione delle onde sismiche causate dal collasso. Ogni parte del crollo era come un gigantesco martello che colpiva la terra sotto il ponte, inviando onde nella terra che sono state registrate al sismometro ~ 7 km dal ponte.

Cosa vuol dire?

Guardate la sua pagina del sismologo che ha postato su twitter twitter.com/ALomaxNet e twitter.com/ALomaxNet/status/1029327847238848512 Vorrei lumi su queste uscite.
peonia
#324 peonia 2018-08-16 01:22
Pazzesco maryam.....:-O
Bakunin
#325 Bakunin 2018-08-16 01:43
@ Bellini

I tuoi ragionamenti su pubblico/privato sono di una banalizzazione sconcertante. Ovvio che si può gestire in modo pessimo anche il pubblico, ma, per definizione, il pubblico è parte e proprietà della comunità, della società, mentre la parola "privato", non so se lo sai, prende proprio origine dal fatto che si priva la comunità di un qualcosa a favore di un singolo o di un ristretto gruppo di persone.

Negli ultimi decenni, il mantra neo liberista, che parte infatti da molto molto lontano, ha sapientemente prima massacrato il pubblico attraverso gestioni scellerate, mafiose, inefficienti, clientelari, illegali, straccione, per far disamorare la gente dal concetto di "pubblico", facendo si che l'equivalenza pubblico=inefficienza/brutto/sciatto/spreco fosse marchiata a fuoco nelle menti della gente, preparando così la strada per le famose privatizzazioni, che tutto avrebbero dovuto risolvere per incanto.

Sappiamo benissimo come è andata a finire: i servizi sociali, anche quelli che ben funzionavano, sono crollati e le privatizzazioni hanno procurato danni immani, favorendo ulteriormente la precedente illegalità e arricchendo ancora di più maneggioni e, soprattutto, potentati. Tutto figlio dell'ideologia portata avanti con forza distruttrice e devastante dai tempi di Reagan e Thatcher, la cultura dell'"ognuno faccia per sè" e "la società non esiste". La criminale Europa ha fatto il resto a suon di austerità, pareggi di bilancio, deficit pubblico al 3% e spending review, che hanno depauperato ogni residua risorsa pubblica, imponendo la logica privata aziendale allo Stato, che azienda non è e che dovrebbe occuparsi di servizi per i suoi cittadini, spendendo a debito e stampando moneta.


Ora, se tu sei un fan di queste logiche aberranti, fatti tuoi e la discussione muore qui, perchè si andrebbe a trattare di altro. Se invece vogliamo fare un sereno confronto per vedere cosa arrechi maggiori benefici alla gente, proviamo a parlare di un pubblico nelle mani giuste, che promuova nuovamente una cultura di condivisione, di senso della comunità, di beni e strutture di tutti, di servizi che non possono essere assolutamente messi in mano ai privati, come quelli dell'istruzione e della salute, della socializzazione, dei soccorsi, delle pensioni, delle tutele dei diritti e del controllo del rispetto delle leggi.

Ricostruire insomma una minima idea di società civile, che non debba tagliare sulle spese per la autopompe dei pompieri come in Grecia, o che non sia in grado di monitorare e manutenere le vie di comunicazione del paese, come accade da noi. Ironizzando in modo così dilettantesco e becero sulle "multinazionale brutte e cattive", ti rendi semplicemente complice ideologico di questo branco di iene.
RiccardoM
#326 RiccardoM 2018-08-16 01:47
sarò troppo stanco ma non capisco cosa ci sia di strano nella registrazione sismografica.

Solo l'orario è diverso con quanto ripetuto dalle TV (11:36 vs 11:50).. ma avevo già notato che una testimone oculare dava lo stesso orario del sismografo mentre il giornalista la correggeva... ma credo siano i media a ripetere all'infinito un'imprecisione della prima ora copiandosi ed amplificandosi a vicenda..
alexbell64
#327 alexbell64 2018-08-16 03:02
Il Professor Brencich, dell'Università di genova, queste cose le diceva da tempo...ma non è stato ascoltato... www.facebook.com/tg3rai/videos/1797746440300924/
starburst3
#328 starburst3 2018-08-16 07:13
#320 horselover
Citazione:
contro un misterioso nemico che qualcuno indica nei francesi solo perchè gli stanno antipatici
Se ti stai riferendo a me, ti dico tranquillamente che puoi banalizzare i tuoi discorsi,ma non quelli degli altri,il fatto che vedo nei governi francesi e nelle loro intelligence dei nemici giurati del nostro paese lo sto' argomentando con fatti storici e fonti affidabili (vedi fasanella),da molto tempo, se a te invece sta' bene cosi' o non ritieni che dette lobby non siano un pericolo e' un tuo punto di vista,ma non banalizzare i discorsi degli altri,a questo punto mi sorge anche il dubbio che tu i post li legga tutti.Senza che vai a leggere il mio post dei commenti liberi,basta che vai alla notizia del fatto su l'ennesima svendita dei nostri collaborazioni/mezzadri ai francesi,che hanno in mano la nostra economia anche per merito dei liquidatori de noantri,in ultimo la compagnia telefonica iliad, di cui presto sentiremo parlare.
Per quanto riguarda lo stato che svende ai privati e che decide le loro tariffe e' facile giudicare e' come se faccio una rapina in banca e mi trovo la strada spianata, per forza all'interno ho i basisti!

IN RED WE TRUST
Adonis
#329 Adonis 2018-08-16 07:58
Riguardo a questa immane disgrazia le chiacchiere stanno a zero. Si possono fare mille ipotesi, mille ragionamenti, mille illazioni, sta di fatto che le opere pubbliche qui in Italia non usufruiscono di un’adeguata manutenzione e vengono lasciate marcire nello strafottimento generale soprattutto della politica. In tutta questa storia c’entrano tutti gli ultimi ministri delle infrastrutture che se ne sono sempre altamente fregati dello stato in cui versano gran parte delle nostre opere pubbliche. Un Delrio che – come giustamente osservava qualcuno – digiunava per lo ius soli o pensava primariamente a fare il bravo e devoto neocatecumenale – dov’era quando si trattava di fare il suo lavoro controllando e monitorando viadotti, ponti, sottopassi, ecc..?????? E tutti i suoi predecessori?????
Bene farà il governo a revocare le concessioni ad Autostrade per l’Italia perché qui si tratta solo di putride commistioni tra affari e politica, punto. Adesso ci sarà come al solito lo scaricabarile in cui le colpe verranno sballottate da una parte all’altra senza arrivare ad una verità attendibile. Mi auguro veramente che i responsabili di questa tragedia (perché ormai è assodato che si tratti di errori umani) vengono scovati e puniti a dovere restando ben chiusi nelle patrie galere.
Dopodiché consiglio vivamente di visionare il video postato da peonia (#318 peonia) in cui si chiariscono bene tante cose che, ovviamente, per caso sfuggono agli altoparlanti del mainstream.
fefochip
#330 fefochip 2018-08-16 08:16
da quello che mi risulta i comitati no gronda , grillini o meno hanno affermato che il ponte poteva andare avanti benissimo con delle manutenzioni dai costi ragionevoli.
queste dichiarazioni tuttavia sono state fatte sulla base di una relazione TECNICA presentata da AUTOSTRADE. quindi di chi è la responsabilità se il ponte crolla?
dei comitati no gronda o della relazione tecnica di autostrade che rassicurava tutti?
preso atto di questo cosa si aspetta a fare l'indagine tecnica del perche è caduto il ponte?
perchè nanotermiti permettendo la responsabilità di quel ponte da chi l'ha costruito passa a chi lo gestisce e quindi se crolla anche per eventi atmosferici avversi o per carichi di passaggio eccessivi (il che francamente mi pare un pò una bufala nel caso specifico) COMUNQUE va cambiata la mano di chi gestisce perche rimane EVIDENTE che non l'ha saputo fare e se non l'ha saputo fare in quel caso di fargli continuare a gestire la rete autostrade e di conseguenza la vita delle persone non mi pare una grande idea. quindi non capisco proprio chi ritiene assurdo levare la concessione ad autostrade perchè è un atto dovuto , al limite si aspetta la relazione tecnica dell'indagine sul crollo che escluda atti di terrorismo/sabotaggio in modo da comminare una sanzione adeguata alla catastrofe accaduta sia sul piano civile che penale.
Senna
#331 Senna 2018-08-16 08:35
Citazione:
TGCOM: L'eventuale revoca della concessione ad Autostrade comporterebbe un risarcimento alla società che è intorno ai 15-20 miliardi.
20 miliardi di calci nel culo ad Autostrade!!!!
peonia
#332 peonia 2018-08-16 08:35
Fefo guarda video di Social TV che ho postato sopra, se già non lo hai fatto

www.youtube.com/watch?v=0g7rciExF2s


anche questo Report del 2004 è interessante sulle Autostrade..

facebook.com/.../...

anche all'estero qualcuno parla di nanotermite :-D



mi ha colpito il commento di un mio amico, assolutamente pragmatico in genere, che dice:
"Riflettendo a freddo si capiscono le cose molto meglio. Anch’io senza vedere le immagini ho pensato per un nano secondo, ma se fosse stato comandato ?Ma poi il pensiero è immediatamente svanito.
Poi ascolto e vedo i vostri video e dico, ma allora il mio assurdo pensiero non era così assurdo.
Vedo i lampi, vedo un pilone di cemento tagliato e penso ma i piloni non crollano mai così, di solito crolla la parte alta.
E poi proprio il 14 agosto con pioggia e nebbia, in seguito esce la storia del fulmine come per coprire il lampo anomalo, proprio mentre crolla il ponte.
E allora mi domando come gli antichi, a chi giova tutto questo?
Perché è lì che dobbiamo andare a riflettere. Si attaccano i Benetton ma non credo che siano loro il motivo, anche se fanno parte di una importante cordata.
Vuoi vedere che qualcuno difende l’Alta Velocità ?"
BELLINI
#333 BELLINI 2018-08-16 08:38
#324 Bakunin

Quasi tutto quello che non funziona è colpa del pubblico.
1) il Parlamento non fa leggi rigorose sulla corruzione
2) il Governo non fa pressione politica su nessuna autorità di controllo
3) l'Antitrust non funziona
4) la magistratura è mite coi potenti e dura con le persone comuni
5) le società pubblica (eccetto quelle monopolistiche tipo Eni che corrompe i governi africani proprio come una società privata) sono sprecone ed inefficienti.
6) il più grande fallimento bancario italiano per adesso è Mps, banca il cui controllo era in mano al Comune e alla provincia di Siena

Il privato funziona benissimo: fa spietatamente i suoi interessi.
Il pubblico si è venduto al privato prima ancora di privatizzare.

Ma facciamo finta che le autostrade tornino in mano pubblica. Chi farà i lavori di manutenzione?
Un'impresa edile pubblica o privata?
Il privato farà cemento di scarsa qualità, quindi serve una società pubblica o il compito dello Stato è limitarsi al regolare, controllare e sanzionare?

#312 Parsifal
Nel mondo in cui vivo io, il governo ha un potere enorme se vuole.
Negli Usa la Monsanto è stata condannata a 280 milioni di euro per il cancro ad un giardiniere. Non pensi che il governo possa andare dal giudice di secondo grado e "convincerlo" a confermare o ad annullare la pena in base agli accordi che prenderla con la Germania?
O non pensi che sia stato il governo stesso a suggerire quella condanna?
Quella condanna è semplicemente un'arma di ricatto politico per le trattative sul commercio internazionale.
Adonis
#334 Adonis 2018-08-16 08:41
Lunedì prossimo dovrò attraversare un viadotto che già di suo mette i brividi, quello tra Carsoli e Tagliacozzo sull’A24 ROMA-PESCARA L’AQUILA.
Ammetto di avere un bel po’ di paura perché veramente questa struttura e sospesa a varie decine di metri e cadendo giù non si avrebbe scampo. Ha ragione Massino all’inizio di questa discussione e le sue non sono assolutamente delle banalità perché ronzano in testa anche a me e da tempo….
#1 Redazione
Citazione:
Dirò solo due banalità:
Banalità #1: Quindi da adesso io mi devo preoccupare ogni volta che mi metto in autostrada, prima di attraversare un ponte o un viadotto qualunque?
Banalità #2: Ma prendere subito TUTTI i miliardi di euro destinati alla TAV, e investirli invece nella messa in sicurezza delle strutture esistenti no?
saccente
#335 saccente 2018-08-16 08:44
atlantia.it/.../...

relazione azionisti atlantia, per chi è curioso di sapere dove finiscono i salati pedaggi.
avete forse visto in tv un bello schema che riassuma lo stato dei gabelli autostradali in europa?
ma qualcuno pensa davvero che uno stato con i gabelli autostradali pissa essere competitivo contro uno stato che non li ha? già solo viziare quella questione sarebbe un attacco all’economia di un paese..
amantido17
#336 amantido17 2018-08-16 08:47
Ieri sera ero a cena con una amica di Grado, gli ho parlato dei 300 kg di tritolo. Con un sorriso mi ha detto che la voce che gira è: un "mistero" estivo (che sembra, cioè si ipotizza, essere stato "alimentato" in loco) per attirate l'attenzione .... e turisti. Il tritolo è stato fatto brillare in mare.
MrStewie
#337 MrStewie 2018-08-16 08:51
A voler cercare unicamente in una direzione, qualche informazione si trova.
Non sono sufficienti, ma non sono inesistenti.
Certo è che con un ponte messo così male, non c'era bisogno di molta dinamite...
C'è anche una ferita da ustioni che stava sotto il ponte.

Genova, crolla il ponte sull’A10: la corsa delle auto finita nel vuoto e «l’esplosione come una bomba»
corriere.it/.../...

«La struttura è venuta giù così repentinamente e in un modo tale che a me ha fatto pensare alla dinamite. Certo, non c’è nessun elemento che possa avvalorare una tesi del genere né è stata avvertita una forte esplosione. Ma rende l’idea della portata dell’evento su cui bisognerà fare assoluta chiarezza non trascurando alcuna ipotesi». Il procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi, ha annunciato l’apertura di un fascicolo con le imputazioni di omicidio plurimo e disastro colposi a carico di ignoti.
www.nextquotidiano.it/crollo-genova-ponte-cause/

"Abbiamo sentito un botto e la casa oscillare da una parte all'altra. Abbiamo pensato a un terremoto"
video.repubblica.it/.../313088?refresh_ce

Un boato tremendo e poi lo schianto al suolo.
“Noi abitiamo a circa 5 chilometri dal ponte, ma abbiamo sentito un botto pazzesco. Eravamo in casa, quando abbiamo sentito un vero e proprio boato
www.democratica.com/focus/genova-ponte-morandi/

“Ho sentito un botto tipo un tuono, poi la vicina mi ha chiamato per dirmi che era crollato il ponte,” racconta Romina.
www.tpi.it/2018/08/14/genova-ponte-testimonianza/

Tra i feriti una signora di 75 anni che presenta delle ustioni: era in basso, sotto il ponte, ed è rimasta ferita nel crollo.
quotidiano.net/.../ponte-morandi-genova-1.4089742
fefochip
#338 fefochip 2018-08-16 08:53
#332 peonia
Citazione:
Fefo guarda video di Social TV che ho postato sopra, se già non lo hai fatto
ecco, perche non mi caghi ,,,bla bla bla #281 fefochip :perculante:
fefochip
#339 fefochip 2018-08-16 08:54
#301 BELLINI
Citazione:
I pedaggi autostradali vengono decisi dal Ministero.
questa fantasia di " sogni mostruosamente proibiti" mi era sfuggita :hammer: :hammer:
BELLINI
#340 BELLINI 2018-08-16 08:59
Fefochip

È così, se poi il Ministero si è venduto, un pochino sarà colpa del Parlamento che non fa leggi contro la corruzione, del governo che non verifica i calcoli per computare i pedaggi e della magistratura che non mette in galera i corrotti e corruttori?
Tutti poteri pubblici

Te lo rimetto così leggi

www.google.it/.../amp
raba1980
#341 raba1980 2018-08-16 09:03
Non voglio entrare nel merito delle cause del crollo del ponte perchè non ho elementi per giudicare in maniera approfondita, infatti è necessario conoscere a fondo la struttura ed il suo grado di conservazione per poter emettere giudizi. Posso portare solo il mio bagaglio di conoscenza ed esperienza personale in quanto fa parte del mio lavoro la gestione delle infrastrutture stradale, tra cui i ponti.
A mio parere per il 99% le cause del cedimento strutturale derivano dalla carente manutenzione e dalla sottovalutazione dei segnali che la struttura probabilmente dava da tempo. Prova ne è il continuo distacco di calcinacci e parti dall' impalcato del ponte, segno che c'era in atto un movimento e delle tensioni a livello di armature in acciaio che disgregavano il cls. Altro forte dubbio che mi sovviene è che l' aggravio del peso sulla struttura dovuto alla posa dei New Jersey spartitraffico possa aver sollecitato oltre misura le già provate strutture portanti. Basta fare due conti per capire il notevole apporto di peso che tali spartitraffico hanno portato alla struttura.
Ma saranno le autorità competenti a stabilire le cause del crollo e le eventuali responsabilità ma quello che voglio portare all' attenzione di tutti è che di queste situazioni ce ne sono a migliaia, vere e proprie bombe pronte ad esplodere e tutte causate dalla cronica mancanza di programmazione tipica del nostro paese. Il CA ha una vita utile di 60/70 anni se tenuto in buono stato di manutenzione ed ormai in Italia siamo già oltre tale limite per centinaia di strutture. E' solo questione di logica e buon senso per capire che la priorità non siano le grandi opere ma la manutenzione di quelle esistenti, ma la manutenzione non porta voti ai politici e visibilità ai privati e quindi rimane la sorella povera dei LLPP. Adesso voglio togliermi un sassolino contro quel delinquente di del rio,il genio che ha distrutto le Province tagliandogli tutti i fondi e lasciando migliaia di km di strade e scuole al più completo abbandono. Sapete cosa mi viene risposto quando relaziono sullo stato dei ponti della mia zona di competenza? Non ci sono soldi...ecco questo è il risultato della spending review e di tutte le balle che ci hanno raccontato per anni, compresa la più grande cazzata mai sentita...le privatizzazioni. Solo un paese di deficienti può privatizzare le infrastrutture strategiche quali autostrade, dorsali telefoniche, acqua e tutto il resto. Per tutti quelli che sostengono che il privato è efficienza posso affermare in tutta sicurezza e per esperienza personale...che sono tutte fregnacce. Il privato ricerca solo una cosa, il profitto, e sui servizi e la loro gestione questo vuole dire solo una cosa...tagli. Tagli ai servizi, alla loro qualità e riduzioni salariali ai dipendenti. Potete immaginare che se una Società Autostrade, che macina utili ogni anno, lascia marcire le sue infrastrutture potete ben capire quale sia lo stato di abbandono delle strade provinciali su cui circolano ogni giorno milioni di utenti.
ARULA
#342 ARULA 2018-08-16 09:04
LA FANNO FRANCA O LI ARRESTATE?
I ponti sono simbolo di storia e di modernità. Abbattete i muri, costruite ponti. Ma se crollano come a Genova, chi paga?

Scusate la domanda, ieri era Ferragosto, e stiamo qui a chiederci se almeno stamane i carabinieri siano andati a prendere qualcuno per schiaffarlo in galera dopo la strage di martedì. O la fanno franca?

Perché sul nostro diritto a circolare ci si deve guadagnare? Perché i profitti di qualcuno debbono essere prioritari rispetto alla nostra sicurezza? Se portiamo la nostra auto alla revisione, ci massacrano. Ma un ponte, chi lo revisiona?
Francesco Storace
www.francescostorace.eu/.../
fefochip
#343 fefochip 2018-08-16 09:10
#340 BELLINI
Citazione:
Tutti poteri pubblici
si però la devi fa finita, io ho smesso di toccare l'argomento ma se non la smetti tu aspettiamo massimo
Tianos
#344 Tianos 2018-08-16 09:22
@bellini

Sembra tu abbia quasiinteressi personali nelprivato tanto ti terrorizza l'idea che qualcosa sia pubblico, in ogni caso alcune banali motivazioni perchè le autostrade dovrebbero essere pubbliche

1)pubblico o privato possono corrompersi uguali, ma nel pubblico delle teste cadono in ogni caso.
2) in un monopolio naturale come le autostrade (non esistono due tratte di autostrade contigue di due società diverse che puoi scegliere a seconda del qualità prezzo) è controproducente dare ad un privato la gestione, esso privatizzera i guadagni e socializzerà le perdite. questo nel privato è legale, nel pubblico illegale.
3) proprio perchè nel privato si cercano i guadagni , senza concorrenza (monopolio naturale) i prezzi saranno paurosamente alti e manodopera e qualità sempre bassi.
4) le opere pubbliche come le autostrade, la sanità, l'istruzione ecc. fanno parte di un organismo piu' vasto che conviene anche in caso di corruzzione, far funzionare bene, nel privato diventa solo un orto personale, e la sua efficenza o meno non fa parte di un progetto piu' grande.
5)La società privata non e sprecona, ma efficentissima nel limare ogni voce per lei superflua, e trarre il piu' alto profitto possibile, ma in caso di grandi società sopratutto monopolistiche avviene a grave danno della popolazione generale (esempio sta avvenendo anche nelle ferrovie, alcune tratte poco usate sono state chiuse con grave danno dei piccoli paesi che servivano perchè non portavano abbastanza guadagno)
6) Il piu' grande fallimento mondiale è stato della banca lemhan brothers, banca privata, che ha avviato un periodo di crisi e recessione nel mondo che ancor oggi si sta ingrossando. Il nostro stato, in particolare, è parassitato da interessi privati che dovrebbero per prima cosa essere epurati come una malattia.
fefochip
#345 fefochip 2018-08-16 09:22
#342 ARULA
Citazione:
Perché sul nostro diritto a circolare ci si deve guadagnare?
bella domanda , me lo chiedevo pure io...non so se te ne sei accorta :-)
peonia
#346 peonia 2018-08-16 09:22
Hai ragione Fefo,è che ho visto e letto talmente tanta roba e non solo qui, che mi era sfuggito...o meglio dimenticato... :-o
mik300
#347 mik300 2018-08-16 09:26
ho sentito e letto che c'era un appalto a maggio di quest'anno
per rinforzare anche l'altra campata con stralli d'acciaio..

poi più nulla,
intanto le macchine sotto passavano..
"tutto apposto dottò..!"

la campata con gli stralli rinforzati ha retto,
l'altra è venuta giù..

i bagliori credo che siano dovuti alla linea dell'alta tensione
della ferrovia che passava giusto sotto,
al momento mi sento di dire che siamo al solito
"finchè la barca va.."
=speculazione e menefreghismo..
negligenza, imperizia, dolo eventuale, ecc. ecc.



spero che facciano la pelle a questo benetton..
amministratori, vice-amministratori, ecc. ecc.

se non sono capaci di garantire la sicurezza delle strade
che prendono a fare i soldi del pedaggio??
che facciano altro..
dopo la galera, si capisce..

potevano fermare il traffico o contingentarlo..
ridurre la velocità, ecc.
fino alla messa in opera dei nuovi stralli,
invece no..
avanti tutta fino allo schianto..
charliemike
#348 charliemike 2018-08-16 09:57
primocanale.it/.../...

Citazione:
Crollo Ponte Morandi, Suetta: "La causa? Frequenza di risonanza"
mercoledì 15 agosto 2018
Crollo Ponte Morandi, Suetta:

SAVONA - A poco più di 24 ore dal crollo del Ponte Morandi, a Primocanale, interviene anche l'ingegnere savonese Giampiero Suetta, direttore "San Giacomo Research Center" il laboratorio congiunto DITEN (Dipertimento d'Ingegneria Navale, Elettrica, Elettronica e Reti di Telecomunicazione).

"Secondo me, una seria e concreta ipotesi non banale come causa del crollo, credo possa essere la "Frequenza di risonanza del Ponte"; crollo che nulla ha a che vedere con la manutenzione o altro. Tale Frequenza di risonanza dipende unicamente dalla dimensioni fisiche dell'oggetto e dai materiali usati. È noto che in caso di risonanza un oggetto può anche esplodere. Nello specifico se la massa dei mezzi in coda fermi a motore acceso con frequenze di oscillazioni meccaniche anche delle carrozzerie fosse stata vicino alla citata Frequenza di Risonanza del ponte le microoscillazione del ponte sicuramente avrebbero potuto subire un graduale aumento sell'ampiezza sino al crollo. Ipotesi non impossibile" spiega Suetta.

L'analisi dell'ingegnere ponentino va oltre: "Basterebbe posizionare dei sensori misuratori di stress staing-gage) ed effettuare una misura anche una volta all settimana e mettere i dati in grafico. Così facendo dal grafico emergerebbe per tempo una eventuale modificazione strutturale. Stiamo presentando con l'Universitá degli Studi di Genova un brevetto per il controllo di pareti pericolanti in edifici storici".
Non sono ingegnere ma, quel ponte è su da 50 anni. Fosse una frequenza di risonanza dovuta ai mezzi avrebbe dovuto crollare ben prima.
ARULA
#349 ARULA 2018-08-16 10:00
@fefo
Non ricordo... dove?
Ma ovviamente domanda legittima. ;-)
Però considera che siamo al punto dove qualcuno comincia a chiedersi perchè dovremmo avere l'acqua pubblica... figurati se per questi esseri non dobbiamo pagare la circolazione.
mik300
#350 mik300 2018-08-16 10:02
questa gente va messa ai lavori forzati,
il gabbio è troppo poco,
sentite qua..

www.ilfattoquotidiano.it/.../4561059

Autostrade: “Noi corretti, lo dimostreremo. Piano di ricostruzione in 5 mesi”. Bond Atlantia ai minimi storici
La replica della società dei Benetton è arrivata in serata. “In relazione all’annuncio dell’avvio della procedura di revoca della concessione, Autostrade per l’Italia si dichiara fiduciosa di poter dimostrare di aver sempre correttamente adempiuto ai propri obblighi di concessionario, nell’ambito del contraddittorio previsto dalle regole contrattuali che si svolgerà nei prossimi mesi. E’ una fiducia che si fonda sulle attività di monitoraggio e manutenzione svolte sulla base dei migliori standard internazionali. Peraltro non è possibile in questa fase formulare alcuna ipotesi attendibile sulle cause del crollo”. E conclude: “Autostrade per l’Italia sta lavorando alacremente alla definizione del progetto di ricostruzione del viadotto, che completerebbe in cinque mesi dalla piena disponibilità delle aree. La società continuerà a collaborare con le istituzioni locali per ridurre il più possibile i disagi causati dal crollo”.

vogliono pure ricostruire, loro, il ponte!!
clima di impunità generale, sudamerica..
ARULA
#351 ARULA 2018-08-16 10:04
Autostrade (Atlantia), ecco tutte le anomalie su pedaggi e controlli. Parla il prof. Arrigo
di Michele Arnese
startmag.it/.../...
ARULA
#352 ARULA 2018-08-16 10:07
@350 mik300
Vuoi la verità?
Mi preoccupano le clausule segrete del contratto di concessione.
Per questo si sentono sicuri.
Secondo voi se non si fossero sentiti sicuri avrebbero lasciato le autostrade e i ponti in queste condizioni?
peonia
#353 peonia 2018-08-16 10:07
Buongiorno a tutti vi giro il messaggio che mi è appena giunto. Se qualcuno si sente di dare una mano ...... grazie per l’attenzione.

Buonasera'' Mi ha chiamato adesso la coordinatrice per gli animali sfollati di Genova del ponte'' e mi ha chiesto di trovarle persone disposte a stallare cani gatti uccelli tartarughe eccetera'' se qualcuno del gruppo può stallare .'si tratterebbe solo per il periodo che le persone non hanno una casa dove andare Se c'è qualcuno o conoscete qualcuno se potete dare il mio numero che vi metto in contatto con la signora che se ne occupa grazie
Simona D'Antoni 327 9477640
Calipro
#354 Calipro 2018-08-16 10:33
#350 mik300

Citazione:
]E’ una fiducia che si fonda sulle attività di monitoraggio e manutenzione svolte sulla base dei migliori standard internazionali. Peraltro non è possibile in questa fase formulare alcuna ipotesi attendibile sulle cause del crollo
Ma sono fantastici...
I migliori standard internazionali...col sistema brevettato di Morandi che casualmente non si usa più
nessuna ipotesi attendibile...certo è proprio impossibile stabilire un'ipotesi per questo crollo misterioso...
Calipro
#355 Calipro 2018-08-16 10:44
#342 ARULA

Probabilmente la faranno franca come galera e probabilmente anche come soldi. Possono avere danni come valore delle azioni e dal mancato guadagno futuro, soprattutto per i marchi Benetton.
Sempre che il governo riesca a cacciarli come concessionario, cosa non scontata.

Bisogna infatti vedere i famosi accordi segreti cosa dicono.


Come avevo detto, ci vuole la punizione automatica per direttissima.
Crolla un ponte senza attentato terroristico? Galera e megamulta per direttissima, calcolati sulla base delle vittime, con fondo di garanzia che il concessionario tiene depositato e che lo Stato può sequestrare immediatamente.


Ma se aspetti che i processi partano e che si stabiliscano le dinamiche e si conteggino i danni per le vittime ecc. questi la faranno franca. Come minimo scappando all'estero alla Craxi.
Anche perché avranno degli ottimi avvocati e magari qualche PM potrebbe non fare il suo mestiere fino in fondo, con qualche incentivo.

Solo un meccanismo automatico può fare realmente paura a questo tipo di gente e rendere conveniente la manutenzione seria.
mabel
#356 mabel 2018-08-16 10:59
Come ti faccio crollare il ponte?
Semplice!
Basta solamente far saltare quei piloncini portanti tutta la struttura!
I piloni sono quegli 8 messi a V sulla base quadrata, sotto alle A, che sostengono la strada!
(non riesco, non so, come inserire dal mio pc un'immagine creata, spero abbiate capito)
Quella parte è la più importante per tutta quanta la stabilità del ponte.
Togli quei piloni e l'unica cosa che può continuare a sorreggere la struttura
sono i tiranti attaccati alle A e alla strada!
Quindi, tutt ala strada non ha più sostegno e tutto il peso scarica sui tiranti e le A che ovviamente hanno ceduto man mano che i tiranti cedevano provocando fortisssime vibrazioni con effetto elastico!
La domanda ora è, come mai quei piloni che sostenevano la struttura hanno ceduto?
Tutti e 8 assieme nello stesso momento?
Oppure li hanno fatti saltare e bastava una minima caricha per farli cedere.
Li hanno fatti saltare a comando proprio durante il temporale, durante i lampi e i tuoni nascondendo così
il botto dell'esplosione e la luce dell'esplosione!

ps. due lampi in rapida successione non sono un fulmine.
Perchè allora significherebbe che due fulmini hanno colpito lo stesso punto
in momenti distanti tra loro di pochimi decimi di secondo.
Questo è impossibile!
Plausibile invece che si tratti proprio di esplosioni controllate, rapide in sequenza!
Due infatti sono i bagliori visti, il primo fa saltare i primi 4 piloni portanti, il secondo gli altri 4!
macco83
#357 macco83 2018-08-16 11:05
#355 Calipro
Citazione:
Come avevo detto, ci vuole la punizione automatica per direttissima.
Sono morte piú persone nel crollo del ponte che per il morbillo negli ultimi 10 anni..e i decreti d'urgenza li fanno per il vaccino obbligatorio e non per la messa in sicurezza delle strade..oppure ipotizzano progetti maestosi fattibili coi tempi italiani in 100 anni (gronda con 13 nuovi viadotti e 23 nuove gallerie..!!!) Cioé in 50 anni non riescono a mantenere un viadotto come si deve ma si impegnano a farne 13 nuovi in 10 anni..!!!
peonia
#358 peonia 2018-08-16 11:08
Secondo voi.. che ci leggete?

"Il Terzo Valico va messo da parte e va preferito il potenziamento della linea ferroviaria esistente Genova-Milano". Lo ha detto il candidato premier del M5S Luigi Di Maio intervistato da un'emittente televisiva locale . "Il Terzo Valico è un'opera per cui si stanno sperperando soldi, non è strategica, - sottolinea Di Maio - va potenziata la linea esistente verso Milano per permettere il trasporto delle merci dal porto di Genova, per spendere in modo oculato i soldi degli italiani". "Il mio obiettivo non è andare contro le grandi opere, è preoccuparmi di come si stanno spendendo i soldi degli italiani", afferma Di Maio aggiungendo che il M5s definanzierà anche la Gronda autostradale di Ponente. "Bisogna soprattutto investire sulla mobilità sostenibile, - sottolinea Di Maio - utilizziamo i soldi della Gronda per potenziare il trasporto pubblico, per potenziare la mobilità condivisa, soprattutto quella elettrica, per permettere il trasporto dei passeggeri su ferro".

ansa.it/.../...
Signore di Gibelletto
#359 Signore di Gibelletto 2018-08-16 11:26
#349 ARULA

Come già detto, dal punto di vista medico psichiatrico non sono normali, lo sembrano solo. Appartengono infatti a quella specifica patologia della psiche, che prende il nome di psicopatia, ben studiata da Hare. Che, se non ricordo male aveva in mente di dedicare specifici studi agli "psicopatici integrati", cioè a quegli psicopatici che invece di dedicarsi alla criminalità spiccia, o a diventare assassini seriali, assumono rilevanti ruoli di potere in società, ma poi non continuò le sue ricerche in questo settore per la difficoltà di studiare questa specifica categoria di psicopatici.
Signore di Gibelletto
#360 Signore di Gibelletto 2018-08-16 11:38
#309 Mabel

Concordo. Quel che mi preoccupa è la domanda: come ne usciamo?
Io ho avuto la ventura di nascere negli ultimi decenni dello scorso secolo, e ho così potuto assistere all'inizio della scalata di questa gentaglia al potere nel nostro paese. Hanno traviato sui loro maledetti giornali persino la scienza medica, creando un conflitto nella popolazione tra favorevoli e contrari ad una medicina che non è nemmeno quella che si legge sui testi di medicina, ma è la loro giornalismo-medicina spacciata per medicina. Hanno cementificato l'italia in maniera indegna. Sono responsabili di precise scelte strategiche che hanno portato ad esiti drammatici, come questa tragedia epocale, come l'incidente ferroviario di Pioltello, come il crollo di vari ponti, cavalcavia autostradali. Ci hanno indottrinato per anni sulla necessità di tav, e "grandi opere varie", evitando accuratamente di avvisarci che la rete infrastrutturale, in cemento armato, esistente non poteva superare il mezzo secolo e doveva essere sostituita. Ce lo dicono ora, lo confessano sui giornali candidamente, e nessuno dice nulla. Siamo in una situazione incredibile. Questo paese è in mano loro, schiavo di questi criminali e delle loro baldracche.
Basteranno un Di Maio, un Byoblu, un Foa, un Socialtv network a difenderci dalle loro corazzate?
Calipro
#361 Calipro 2018-08-16 11:40
#359 Signore di Gibelletto

Forse una soluzione potrebbe essere la pubblicazione obbligatoria dei profili psicologici dei dirigenti per le aziene quotate in borsa.
intendo con esami psicologici approfonditi.

Così da sapere quali aziende sono dirette da malati mentali e quindi sapere chi boicottare.
Del resto io potrei diventare un'azionista e prima di acquistare azioni andrei tutelato con informazioni adeguate sullo stato di salute dei dirigenti.

O come possibile azionista mi devo fidare dei comunicati ufficiali dei miei stivali e della foto "rassicurante" col capello brizzolato e la cravatta?
Signore di Gibelletto
#362 Signore di Gibelletto 2018-08-16 11:49
#361 Calipro

Lo psicopatico non presenta sintomi psichiatrici maggiori (ad es. fenomeni dispercettivi, quali le allucinazioni uditive o visive). Può essere individuato solo con uno studio approfondito, avvalendosi anche di test quali l'MMPI-2. Ovviamente questi sono al vertice del potere, quindi nessuno li può andare a studiare. Hare non aveva problemi a studiare i comuni psicopatici, poteva andare persino nelle carceri a fargli tutte le domande che voleva. Nessuno invece può arrivare nemmeno vicino a questi qua. Nessun obbligo vale per loro. Loro comandano.
Calipro
#363 Calipro 2018-08-16 11:50
#360 Signore di Gibelletto

Io sono ancora più preoccupato per l'intelligenza Artificiale che potrebbe sostituire i dirigenti entro un decennio.

Quando sarà ora di decidere quale sia il "modello vincente" del dirigente, sicuramente utilizzeranno gli psicopatici e ci saranno dirigenti virtuali ancora più "efficienti" dei malati mentali in carte e ossa
ARULA
#364 ARULA 2018-08-16 11:50
@355 Calipro
Temo anch'io che non pagheranno purtroppo e senza neanche scappare. Del resto Craxi non scappò fece un accordo con Di Pietro.

@359 Signore di Gibelletto
Citazione:
non continuò le sue ricerche in questo settore per la difficoltà di studiare questa specifica categoria di psicopatici.
Posso intuire le difficoltà che trovò. :roll:
Comunque questi soggetti vengono creati da bambini, non è solo una questione di genetica. Infatti quelli che non si allineano ai loro voleri e necessità vengono eliminati. Vedi il figlio di Agnelli e altri rampolli di queste note famiglie. Anche nei Rothschild stessi ci sono strane morti trai giovani della famiglia... tutte morti o suicidi strani.
A loro servono così.
Anche il dominio degli inglesi nei secoli passati non lo considero casuale riguardo a questo argomento. I rampolli e i figli dei nobili non venivano mai cresciuti dai genitori e se per caso si affezionavano troppo alla tata la licenziavano subito perchè l'affetto rammolliva il carattere. Dovevano essere delle macchine senza scrupoli e l'affettività era solo una cosa per i poveri. Ed infatti anche i matrimoni erano semplici contratti per affari o per scalata sociale. L'amore, nel caso ne fosse rimasto qualcosa, non era ben visto ed era ostracizzato con ogni mezzo. Una cosa da borghesi e da poveri... da gente di poco valore.
Simpatici questi Inglesi vero?
Niente è casuale in certe cose.
Aironeblu
#365 Aironeblu 2018-08-16 11:55
@Salva 81 #319

Se dovesse essere un cedimento "naturale", la sola possibilita' che vedo e' il cedimento dei tiranti, che erano la parte piu' delicata della struttura. Ma come dicevo nelcommento #315, il cedimento dei tiranti avrebbe causato solo il crollo parziale del piano stradale in corrispondenza dei nodi dei tiranti, senza sollecitare la parte inferiore della struttura.
Non riesco a capire come possano essere collassatate le due coppie di 4 puntoni che costituivano la parte interna del pilone, si sarebbero dovute spezzare al limite le due parti superiori delle "A".

@RiccardoM
Citazione:
Per quanto ne ho capito i tiranti in cemento "precompresso" hanno all'interno un'anima di acciaio armonico che li tiene precaricati rispetto al peso che dovranno sostenere di modo che il cemento di cui sono fatti non lavori MAI in trazione visto che il cemento NON resiste a trazione (almeno.. il carico a trazione è 1/10 di quello a compressione). Immagino che le anime in acciaio armonico (che è elastico) di questi tiranti siano di fatto delle molle fortemente precaricate in trazione. Nel momento che dei tiranti si spaccano a metà (come da testimonianze oculari) cosa accadrebbe? La tensione del precarico dovrà essere dissipata.. Per capirci: prendete la A formata dai tiranti con la cima dei piloni e 'tagliate' la gamba destra della A... il vertice prenderebbe una sberla elastica verso sinistra/alto e la parte inferiore della gamba destra farà altrettanto con il piano stradale facendolo collassare (mancato supporto + sberla).. si sbilancerebbero tutte le forze statiche con trasferimenti di carico credo molto rapidi.. qui mi fermo perchè non sono in grado di stimare cosa potrebbe succedere poi. Detto questo posso ipotizzare che: 1) Se salta il tirante 'di destra' per cattivo stato di conservazione posso ipotizzare che anche quello di sinistra sia li-li per tirare il calzino e che quindi lo possa seguire a ruota quasi 'per simpatia' con ulteriori 'sberle' alla struttura. 2)Il pilone che normalmente deve sorreggere forze statiche di compressione non risponda bene a forze asimmetriche che generano dei momenti torcenti, specie in caso di trasferimenti di carico molto rapidi come nel caso in cui saltino prima i tiranti da un lato e che il piano stradale inizia a cadere.
Anche qui, mi sembra tutto corretto il tuo schema di crollo, ma valido solo per la parte superiore al piano stradale: Cosa ha fatto crollare invece gli 8 piloni che sostenevano direttamente il piano stradale con una seconda struttura? Per semplificare diciamo che i piloni erano costituiti da una struttura esterna, formata dalle due "A" che reggevano i tiranti, e una struttura interna, formata da due coppie di 8 puntoni che reggevano direttamente la porzione stradale corrispondente al pilone. Tolte le due "A" esterne, doveva restare su la parte interna della struttura, con la relativa porzione stradale. Anzi, le due "A" avrebbero dovuto spezzarsi solo nella parte superiore e restare intatte a livello stradale.

A sentire tecnici ed esperti vari pare infatti che il crollo sia inspiegabile, i piloni non avevano dato il minimo segnale di cedimento e la struttura e' venuta giu' in modo anomalo. Vediamo se arrivera' qualche informazione utile a comprendere meglio.
mabel
#366 mabel 2018-08-16 11:55
#360 Signore di Gibelletto

Concordo su quanto hai detto.
Vorrei aggiungere che la responsabilità maggiore l'hanno gliitaliani che hanno voluto, votato e mantenuto un certo sistema politico per più di 20 anni. 20 anni nei quali si sono potute vedere le peggiori manovre per togliere diritti e soldi ai cittadini.
Cio nonostante la maggioranza degli italiani ha continuato a votarli essendo completamente indottrinati dalle tv gestite dal regime che tiane per lepalle l'italia....
Come dire, alla maggioranza degli italiani piace mangiare merda tutti i giorni, quella che continuano a proporci.
Di conseguenza a questa maggioranza degli italiani ben gli sta!
Oggi come oggi lamentarsi di come stanno le cose è puramente da coglioni.
Avete voluto questo sistema?
queste sono le conseguenze!
Italiani coglioni, ignoranti e venduti al feticcio politico di turnno!
Calipro
#367 Calipro 2018-08-16 11:56
#362 Signore di Gibelletto

Non ci siamo capiti: io intendo fare i test PRIMA che diventino dirigenti. Quando hanno appena iniziato la scalata al potere e sono ancora pesci piccoli.

Tanto la loro natura non cambia, quindi fare il test prima o dopo non dovrebbe cambiare molto, giusto?
ARULA
#368 ARULA 2018-08-16 11:59
A proposito di psicopatici...
I soldi. Ecco i "valori" che interessano ai Benetton
Signore di Gibelletto
#369 Signore di Gibelletto 2018-08-16 12:15
#367 Calipro

Dal punto di vista medico quel che sappiamo è che:

1)non possono cambiare
2)non esiste psicoterapia o farmacoterapia che funzioni su questi.

Tanto per farsi un'idea, pensi ad un Izzo integrato e dirigente di una grossa società quotata in borsa.

Saluti.
Senna
#370 Senna 2018-08-16 12:21
Citazione:
E invece i ponti "crollano per fatalità"...almeno per La7, che al tg scodella un servizio (una specie di editoriale) a favore della concessionaria automobilistica dei benettoni..ci si sarebbe aspettato un atteggiamento neutro da un grande telegiornale e invece.. un servizio così...resto davvero deluso da La7..resto davvero sconcertato da quanto questa tragedia sta evidenziando.. La realtà che si intravede...psicopatici, criminali, servi della gleba, incapaci, affaristi spietati..
E il programma di la7 condotto da quei 2 pagliacci "STALIN+TOPO GIGIO" che sparano e propagando cazzate pro PD da mesi?
NiHiLaNtH
#371 NiHiLaNtH 2018-08-16 12:21
Citazione:
anche all'estero qualcuno parla di nanotermite
il mondo pieno di gente che apre la bocca e je da fiato
eco3
#372 eco3 2018-08-16 12:48
#356 mabel
Citazione:
Plausibile invece che si tratti proprio di esplosioni controllate, rapide in sequenza!
Due infatti sono i bagliori visti, il primo fa saltare i primi 4 piloni portanti, il secondo gli altri 4!
Inspiegabile per me è invece il fatto che a fare questa ipotesi siano non i facenti parte del gruppo Benetton, ma alcuni utilizzatori (a loro rischio e pericolo) della rete autostradale.
Sarà forse perché il gruppo Benetton è informato del fatto che un esame, anche non particolarmente approndito, è in grado di accertare eventuali tracce - anche minime - di esplosivo?
Pyter
#373 Pyter 2018-08-16 12:49
Hannah Arendt.
– La maschera, la persona –

“ Lasciate che vi rammenti l’origine etimologica della parola «persona», che deriva dal latino ‹persona› e rimane pressoché immutata in tutte le lingue europee, con la stessa unanimità con cui, ad esempio, la parola «politica» è stata mutuata dal greco ‹polis›. Non è certo privo di significato che una parola tanto importante del vocabolario odierno, una parola usata in tutta Europa per discutere di faccende giuridiche, politiche e filosofiche, derivi da una stessa fonte antica. E come se, in effetti, in questo antico vocabolario vibrassero accordi destinati a risuonare poi, con diverse modulazioni e va-riazioni, in tutta la storia intellettuale dell’Occidente.
‹Persona›, in ogni caso, definiva originariamente la maschera che ricopriva il volto «personale» dell’attore e serviva a indicare agli spettatori quale fosse il suo ruolo nel dramma. Nella maschera, imposta dal dramma, c’era però una vasta apertura, più o meno all’altezza della bocca, attraverso cui la voce dell’attore poteva passare e risuonare, nella sua nuda individualità. Ed è proprio da questo «risuonare attraverso» che deriva il termine persona: il ‹verbo per-sonare›, «risuonare attraverso», è quello dal quale deriva infatti il sostantivo ‹persona›, «maschera». I romani furono i primi a usare il termine in un senso metaforico: nel diritto romano, ‹persona› indicava chiunque fosse in possesso di diritti civili, a differenza del semplice ‹homo›, che designava un membro della specie umana, diverso senz’altro da un animale, ma privo ancora di una specifica qualifica o distinzione – ragion per cui ‹homo›, come il greco ‹anthropos›, veniva anche usato con disprezzo per designare quanti non godevano di protezione giuridica.
Personalmente, trovo interessante quest’uso metaforico della parola in latino, se non altro perché esso stimola a elaborare ulteriori metafore, che sono in fondo il pane quotidiano del pensiero concettuale. La maschera romana descrive con grande precisione il nostro modo di apparire in società, quando non ci presentiamo in veste di cittadini nello spazio pubblico riservato alla parola e all’azione politica, ma siamo invece accettati a pieno titolo come individui, senza ridurci per questo a semplici esseri umani. Noi tutti appariamo sempre sul grande palcoscenico del mondo venendovi riconosciuti per il ruolo che la professione ci assegna e prescrive, in quanto medici o avvocati, autori o editori, insegnanti o studenti, e così via. Ma è attraverso questo ruolo che qualcosa di diverso si manifesta, o che qualcosa «risuona attraverso». Questo qualcosa è assolutamente idiosincratico e indefinibile, eppure è facilmente identificabile. Per questo, non veniamo confusi con altri quando i ruoli improvvisamente cambiano; quando per esempio uno studente riesce finalmente a diventare un insegnante; o quando quella tale ospite da cui ci troviamo, di professione medico, ci serve da bere invece di curarsi dei propri pazienti. In altre parole, il concetto di ‹persona› ci consente di vedere e capire – è questo il profitto che io qui tendo a trarne – che i ruoli e le maschere che il mondo ci assegna, e che noi dobbiamo accettare e perfino guadagnarci per prendere parte alla grande commedia del mondo, sono scambiabili. Non sono inalienabili, nel senso in cui si parla di «diritti inalienabili», non sono una maschera incollata al nostro volto, non sono tratti specifici del nostro io piú intimo, nel senso in cui la voce della coscienza – come in molti ancora credono – può essere un tratto specifico della nostra anima.”


HANNAH ARENDT, “Responsabilità e giudizio” Einaudi 2004
f_z
#374 f_z 2018-08-16 12:49
Citazione:
#365 Aironeblu 2018-08-16 11:55

A sentire tecnici ed esperti vari pare infatti che il crollo sia inspiegabile, i piloni non avevano dato il minimo segnale di cedimento e la struttura e' venuta giu' in modo anomalo. Vediamo se arrivera' qualche informazione utile a comprendere meglio.
Anche a me quel "tipo" di crollo sembra inspiegabile.
Hai qualche link o fonte che citi tecnici ed esperti che condividono i nostri dubbi?
Finora sembra che dappertutto si continui a parlare di "cedimento strutturale", prima ancora che un solo detrito sia stato analizzato...

Noto con piacere che c'e' qualcuno come Salva 81 e Aironeblu che si sono tenuti fuori da San Siro, onore a voi! :-D
Cheto
#375 Cheto 2018-08-16 12:49
#342 ARULA & Fefochip
Citazione:
Perché sul nostro diritto a circolare ci si deve guadagnare?
Mah, avevo sentito qualche anno fa una spiegazione alla radio, plausibile, mentre viaggiavo in autostrada in Francia. Il concetto è che le grandi opere dovrebbero essere pagate di più da coloro che le utilizzano di più, e il sistema dei pedaggi parrebbe quello migliore. Un po' come l'acqua e l'elettricità, che sono pure un diritto, per intendersi, ma si pagano in base al consumo che se ne fa. Il fatto che poi queste vengano privatizzate è illogico, secondo me, ma questo è un altro discorso.
Signore di Gibelletto
#376 Signore di Gibelletto 2018-08-16 13:37
#357 macco83

Semplicemente perché a questi non importa nulla delle vittime e del benessere della popolazione. Agli psicopatici non importa nulla di nessuno, anzi.. Si possono definire, dal punto di vista della psichiatria sociale, come "predatori intraspecie", quindi può immaginarsi quale sia la loro visione del popolo ligure e italiano. La gronda, non essendo per nulla idioti, sanno bene che non avrebbe impedito questa tragedia, visti anche i tempi di realizzazione, ma sono interessati al denaro che gli porterebbe e approfittano dell'occasione ghiotta per aver la risonanza mediatica che gli serve a convincere la gente...tutto qua, semplice.
Se qualcuno crede ancora a quel che dicono questi, o si fa convincere ancora, bene, ha ragione Mabel, è un problema di questo popolo, un problema nostro non loro. Loro sono deviati psichicamente, e si comportano di conseguenza. Ripeto: sono inquadrabili come "predatori intraspecie", veda lei...
fefochip
#377 fefochip 2018-08-16 13:47
#375 ChetoCitazione:
Un po' come l'acqua e l'elettricità, che sono pure un diritto, per intendersi, ma si pagano in base al consumo che se ne fa. Il fatto che poi queste vengano privatizzate è illogico, secondo me, ma questo è un altro discorso.
tu confondi il significato della parola "guadagno" con "giusto pagamento per utilizzo"
quando paghi il casello 1/4(cifra messa li da me a spanne) di quel pedaggio va in tasca ai benetton (o chi per loro)il resto per manutenzione (si fa per dire) ,ecc
insomma si intascano NETTI 1 miliardo l'anno (tolte le spese quindi)
me lo spieghi in due parole perchè?
mik300
#378 mik300 2018-08-16 14:03
immagino già la difesa di benetton:
"è stato un fulmine!"
perizie-contro perizie-quarto grado (rete4)
appello->cassazione->PRESCRIZIONE = TUTTI ASSOLTI..

Intanto fanno sapere che vogliono, come da contratto,
in caso di recesso, gli utili fino al 2042 (scadenza concessione)
=20 miliardi di euri..
lo stabiliscono loro, si capisce..

capito i contratti firmati dai precedenti governi???
non solo possono fare danni,
ma li dobbiamo pure pagare!!
ARULA
#379 ARULA 2018-08-16 14:08
Citazione:
La discussione sui costi che lo Stato dovrebbe affrontare a causa del ritiro della concessione alla societa' Autostrade e' semplicemente paradossale. Chi e' responsabile della morte di 40 persone, vittime della sete di denaro di privati senza scrupoli, si chiama assassino. E gli assassini in un Paese normale vanno spogliati dei loro beni e messi in galera. Qualsiasi altro ragionamento e' complice e superfluo
Francesco Toscano.
Mi veniva in mente questo modo di affrontare la questione alla Putin.

Quando lo stato è stato e non servo.
p.s. la faccia dei proprietari... si stavano cagando sotto. :-D
Mentre i Benetton sono tranquilli. Tanto sanno che non gli succederà nulla.
juss
#380 juss 2018-08-16 14:12
Citazione:
#357 macco83 2018-08-16 11:05 Sono morte piú persone nel crollo del ponte che per il morbillo negli ultimi 10 anni..e i decreti d'urgenza li fanno per il vaccino obbligatorio e non per la messa in sicurezza delle strade.
Questa è da scrivere a caratteri cubitali davanti a tutte le scuole e davanti a tutti i ponti d'italia

Arula...Putin..."mi ridia la penna" !!! Miliardari che fanno immense figure dimmerda.

Citazione:
#378 mik300 2018-08-16 14:03 Intanto fanno sapere che vogliono, come da contratto, in caso di recesso, gli utili fino al 2042 (scadenza concessione) =20 miliardi di euri..
Si possono pagare quando escono di galera con una condanna a 1000 anni!!!
mik300
#381 mik300 2018-08-16 14:32
@mabel

Citazione:
Plausibile invece che si tratti proprio di esplosioni controllate, rapide in sequenza! Due infatti sono i bagliori visti, il primo fa saltare i primi 4 piloni portanti, il secondo gli altri 4!
anche io avevo notato i bagliori
e cercavo di capire il perchè,

-poi s'è capito che giusto sotto passava la ferrovia
con annesse linee dell'alta tensione
che sono saltate col crollo del ponte..
(controllate su maps.google)

-poi s'è capito che la campata con gli stralli rinforzati d'acciaio ha retto,
l'altra è venuta giù,
(c'era un appalto, maggio 2018, per adeguare anche questa,
cantiere mai partito intanto le macchine passavano,
"finchè la barca va..")
basta che parte un solo strallo su 4,
il resto è tutto effetto domino,
"simul stabunt, simul cadunt",

al momento 2+2=4
se poi escono fuori altri elementi
cambio risultato..

al momento siamo alla speculazione, rapacità
dei titolari della concessione
e compagine societaria annessa..
=il solito insomma, delinquenza e latrocinio..

galera e lavori forzati..
dopo aver risarcito il danno, si capisce

c hanno propinato per decenni la favola che il privato era meglio
e lo stato era inefficienza e sprechi..
(bocconi e bocconiani..)
non è che per tutto questo tempo
c hanno preso per il kulo??
Cheto
#382 Cheto 2018-08-16 14:39
@377 fefochip
Citazione:
insomma si intascano NETTI 1 miliardo l'anno (tolte le spese quindi) me lo spieghi in due parole perchè?
In due parole: Se lo stato appalta la costruzione di un ponte a una impresa di costruzioni, è ovvio che questa incassi un utile nella transizione, perché il guadagno è la sua ragione di essere. Idem per tutte le prestazioni di servizi appaltate.
Detto questo, non riesco a capire la logica delle privatizzazioni dei beni e dei servizi che lo stato deve obbligatoriamente offrire. Vedrei anche bene che lo stato avesse le proprie imprese di costruzioni, ecc., se amministrate secondo il new public management (che non è più tanto "new", a dire il vero) o, in altre parole, secondo principi di qualità e redditività e non secondo principi di interesse politico e corruzione.
Ticaisem
#383 Ticaisem 2018-08-16 14:48
Salvini:
"Nel 2018 non è possibile morire così.Se ci sono vincoli europei che ci impediscono di spendere soldi per mettere in sicurezza le scuole dove vanno i nostri figli o le autostrade su cui viaggiano i nostri lavoratori, metteremo davanti a tutto e a tutti la sicurezza degli Italiani".
Scusate l'ignoranza, ma per caso sta parlando di "sovranità monetaria" ? Per caso sta parlando di "pareggio di bilancio in costituzione" ? La bomba sta per esplodere o per implodere ?
Ormai mi pare evidente che per la massa rincoglionita vedere degli uomini di stato, di governo in particolare, andare a genuflettersi a Bruxelles come dei bambini che vanno a farsi dare i compiti per casa dai "maestri" sia una cosa del tutto normale. Non ci si scandalizza nemmeno più. Una volta i pizzini di Draghi a Monti qualche innocua riga sui giornali la facevano scrivere. Ormai la normalizzazione della schiavitù tecnocratica è all'apice. Cosa ci aspetta nell'immediato futuro? La grecia?
fefochip
#384 fefochip 2018-08-16 14:53
#382 ChetoCitazione:
Se lo stato appalta la costruzione di un ponte a una impresa di costruzioni, è ovvio che questa incassi un utile nella transizione, perché il guadagno è la sua ragione di essere. Idem per tutte le prestazioni di servizi appaltate.
peccato che tutta la rete strade e autostrade sono state costruite dallo stato e a un certo punto sono state date in concessione
perchè?
(mi sa che non hai visto il video della gabanelli )
f_z
#385 f_z 2018-08-16 14:54
Citazione:
#383 Ticaisem 2018-08-16 14:48
Salvini: "Nel 2018 non è possibile morire così.Se ci sono vincoli europei che ci impediscono di spendere soldi per mettere in sicurezza le scuole dove vanno i nostri figli o le autostrade su cui viaggiano i nostri lavoratori, metteremo davanti a tutto e a tutti la sicurezza degli Italiani". Scusate l'ignoranza, ma per caso sta parlando di "sovranità monetaria" ? Per caso sta parlando di "pareggio di bilancio in costituzione" ? La bomba sta per esplodere o per implodere ?
Niente di tutto questo: sta facendo solo la cosa che gli riesce meglio: fare campagna elettorale!
Ticaisem
#386 Ticaisem 2018-08-16 14:58
Citazione:
Niente di tutto questo: sta facendo solo la cosa che gli riesce meglio: fare campagna elettorale!
mi sa che hai ragione
fefochip
#387 fefochip 2018-08-16 15:06
a proposito dei bagliori visti durante il crollo....
bagliori in cielo che sembravano fulmini ambientali ...
www.youtube.com/watch?v=wjhR68J1Rk4

edit
qualcuno è riuscito a rimediare i filmati delle telecamere di sorveglianza?
ormai sembra praticamente ovvio che sia stato uno strallo a cedere
fefochip
#388 fefochip 2018-08-16 15:25
questa porcata degli accordi presi tra stato e autostrade deve essere gestita in maniera diversa da un semplice contenzioso
www.youtube.com/watch?v=yyag5viNd8M
autostrade è riuscita a farsi firmare dei contratti capestri con la classe politica del tempo compiacente.
la soluzione a mio avviso è molto semplice e non può risolversi in un tribunale.
si aprono dei fascicoli su truffa aggravata ai danni dello stato su tutti i politici coinvolti all'epoca e si disconosce qualunque contratto secretato che riguardi beni pubblici e/o
che contengano clausole vessatorie ai danni dello stato.
si fanno LEGGI opportune del caso e si opera con la FORZA sequestrando di autorità i beni di autostrade e suoi soci fino all'ammontare ritenuto congruo per
il risarcimento dei danni
inutile dire dove si possono ficcare le clausole secretate di recesso
e ovviamente si indaga e si schiaffa in galere chiunque sapesse del ponte e ha taciuto o rinviato il problema
Zina
#389 Zina 2018-08-16 15:36
#388fefochip
Condivido pienamente! Quale criminale firma un contratto con clausola rescissoria da venti miliardi?! Un contratto in cui le clausole più importanti sono coperte da segreto di stato!!!
fefochip
#390 fefochip 2018-08-16 15:40
quando si può essere rustici ma nella ragione piena al 100%
www.youtube.com/watch?v=aREaC9wmzYM
Cheto
#391 Cheto 2018-08-16 15:48
@384 fefocip Citazione:
tutta la rete strade e autostrade sono state costruite dallo stato e a un certo punto sono state date in concessione perchè? (mi sa che non hai visto il video della gabanelli )
Non so perché, dimmelo tu. Immagino che sia perché i politici avranno ricevuto ordini in tal senso in una qualche riunione Bilderberg o su qualche panfilo inglese. Non so.
Secondo te, se i governi di questi anni avessero fatto gestire dallo stato le autostrade, sarebbero in migliori condizioni e ci sarebbero state meno ruberie?
---
Per quanto riguarda il filmato di Report, ammetto di non averlo visto, come anche non ho letto tutti i 383 post, sbagliando. Il filmato adesso l'ho visto, e mi chiedo come mai la situazione non sia cambiata dopo una simile denuncia.
fefochip
#392 fefochip 2018-08-16 15:54
Gli inquirenti genovesi hanno acquisito tutti i video disponibili sul disastro. La Procura ha acquisito inoltre gli atti riguardanti la progettazione, la realizzazione e la manutenzione dell'opere. "Di fronte a una tragedia del genere non voglio sentir parlare di limiti di spesa o di norma", dice il procuratore Cozzi rainews.it/.../...
fefochip
#393 fefochip 2018-08-16 16:07
Citazione:
Secondo te, se i governi di questi anni avessero fatto gestire dallo stato le autostrade, sarebbero in migliori condizioni e ci sarebbero state meno ruberie?
a mio avviso autostrade ha "spremuto" le infrastrutture (se hai visto il video lo dicono anche li chiaramente che ritardavano le opere )e quindi ci ritroviamo sicuramente
con delle autostrade peggiori di prima o di quanto sarebbero potuto essere e con 20 miliardi in meno di sicuro. poi quante mazzette sarebbero partite in una gestione statale non lo so, ma sempre meglio mille mazzette che una sola a benetton ...almeno i soldi si sarebbero distribuiti un po di piu.

adesso dicono che c'è il governo del cambiamento , è una buona occasione per provarlo
Andrea Bini
#394 Andrea Bini 2018-08-16 16:16
Ieri sera ho cenato con architetti, secondo loro il crollo del pilone non e' anomalo: ha ceduto la soletta stradale da un lato e poi i tiranti hanno tirato giu' tutto. Il problema del cemento armato rispetto al ferro e' che prima non si poteva monitorare eventuali crepe nella struttura (ora si puo' ci sono rilevatori di alterazioni anche minuscole, ma va fatto bene e ovviamente costa) e sostituire i pezzi logorati. I ponti in ferro dell'800 sono tutti in piedi, per non parlare della torre Eiffel.
Vapensiero
#395 Vapensiero 2018-08-16 16:37
@ Redazione Citazione:
Tu scherzi, ma io una volta sono andato a Tokio, a girare un documentario per la Rai. Sono rimasto là 10 giorni, e in dieci giorni dalla finestra del mio albergo ho visto LETTERALMENTE smontare e ricostruire un ponte di 3 campate in mezzo alla città. Avevano squadre di centinaia di operai, che si alternavano a turni ininterrotti di 8 ore ciascuno, giorno e notte. in dieci giorno lo hanno smontato, portato via, e ne hanno costruito uno nuovo.
Confermo appieno. Lo zio di mia moglie è l'AD (o CEO chiamatelo come vi pare) di una grossa azienda di lavori stradali a Tokyo. So di riparazioni, anche grandi, fatte durante la notte. Il giorno dopo, è come non fosse successo nulla. Altro che palle...
macco83
#396 macco83 2018-08-16 16:57
Telecamere:
Per chi non lo sapesse se scaricate la app "My Way Autostrade" potete vedere con gli occhi della webcam che riprende il ponte. É ancora attiva, perfettamente funzionante e ha visto tutto dalla galleria di levante. Prima o poi i filmati usciranno e chiariranno molti dubbi.
pensatore
#397 pensatore 2018-08-16 16:58
La dinamica del crollo, un discorso tecnico sulla base delle foto in rete.

Le campate del ponte sono costituite da tre parti distinte: le travature sotto il piano stradale che si dipartono dai piloni (a destra e a sinistra) ed arrivano fino al punto in cui sono sostenute dai tiranti in acciaio, poi la parte centrale che è semplicemente appoggiata alla punta di queste mensole (o ai pilastri alla fine del ponte).
I tiranti si uniscono in sommità sostenuti dalle due aste inclinate che reggono la forza trasmessa da questi, in pratica il peso di una campata (metà di quella destra e dell’altra).
La rottura del tirante sinistro (riferendosi all’unico filmato) lascia cadere la mensola e di conseguenza la campata a questa appoggiata, per cui il pilone si trova ora a sostenere il tiro del solo lato destro (mezza forza però squilibrata).
Questa forza tende a far ruotare verso destra tutta la sommità “tirando” l’asta inclinata di sinistra che si “distacca” per la rottura dei cavi di precompressione (che vengono meno al loro compito di fronteggiare una tale situazione).
La rotazione fa abbassare l’estremità della mensola destra e quindi cadere la campata centrale appoggiata.
Mancando i tiranti gran parte del peso delle mensole, in caduta ma ancora unite al centro del pilone, va a gravare sui puntoni (sono quelle due aste inclinate che partendo dal basso dei piloni sostengono la strada nelle vicinanze come due braccetti sollevati), e questi per effetto del maggior peso e della rotazione imprevista si rompono, aggravando così la sollecitazione sui pilastri principali che a loro volta collassano.

I dubbi:
- perché si è rotto il tirante? Non si tratta di cavi di precompressione annegati nel calcestruzzo ed invisibili, era una struttura tenuta sotto controllo.
- perché l’altra campata è integra? Il progetto prevedeva certamente il caso di mancanza di una campata da un lato (del resto il ponte è stato costruito a pezzi).
- dalle immagini appare che le macerie siano cadute in verticale, dall’alto, e questo è anche ovvio ma implica che il tirante della corsia di marcia e quello della corsia opposta si siano rotti insieme, il che è assolutamente impensabile (forse la ricostruzione esatta e convincente della dinamica del crollo dissiperà questo dubbio).

Il contesto:
- in un discorso tecnico non trova posto l’analisi del contesto riferito allo stato ed all’evoluzione voluta o temuta della politica a livello mondiale e nel piccolo laboratorio italiano, oltre ad altri fatti recenti che collegati tra loro formano un disegno coerente con la visione globale di quelli che hanno preso la famosa "pillola rossa" di Matrix.
redribbon
#398 redribbon 2018-08-16 20:07
Citazione:
#1 Redazione

Banalità #1: Quindi da adesso io mi devo preoccupare ogni volta che mi metto in autostrada, prima di attraversare un ponte o un viadotto qualunque?

Banalità #2: Ma prendere subito TUTTI i miliardi di euro destinati alla TAV, e investirli invece nella messa in sicurezza delle strutture esistenti no?
Ci dobbiamo preoccupare ogni volta che andiamo in strade comuni prima che in autostrada, oltre che per gli incidenti, per la manutenzione scarsa delle infrastrutture fatta, o mancata dai precedenti governi, come diceva il Prof. Marco Ponti l'anno scorso in occasione del crollo del ponte sull'A14
www.quotidiano.net/.../crollo-ponte-a14-1.2954582
e come testimoniano le seguenti immagini:











www.panorama.it/.../crollo-ponte-genova-precedenti

Servono ogni anno molti soldi per la manutenzione delle infrastrutture in Italia, prima che il tetto delle scuole caschi sui nostri bambini

retedeglistudenti.it/.../crollo-virgilio-01.png

o prima che voliamo giù da un ponte, e non bastano i soldi della TAV,
ma siccome dobbiamo tenere "i conti in ordine", dobbiamo cioè rispettare i parametri europei del fiscal compact, il pareggio di bilancio, la spending review,
non ci sono soldi per manutenere le infrastrutture!
Poi se qualcuno muore perché casca un tetto pazienza, l'importante è stare nell'UE, come diceva Letta "morire per l'euro!".
In compenso il PD al governo, che non riusciva a manutenere le infrastrutture italiane adeguatamente, stanziava 4,6 miliardi di euro per fare arrivare gli africani in Italia!

www.ilnazionalista.it/.../
gino sighicelli
#399 gino sighicelli 2018-08-16 20:37
dal video emerge soprattutto un'informazione: nel momento in cui il filmato venne prodotto la campata sospesa tra il pilone n° 8 ed il pilone n° 7 era già crollata, mentre la parte più alta del pilone n° 8 (la sua così detta 'antenna') solo in quegli istanti stava cominciando a crollare anch'essa; verosimilmente venendo o essendo stata trascinata dalla campata già crollata (mediante i tiranti che la sostenevano) oppure, in alternativa, in conseguenza dello squilibrio provocato dal già avvenuto crollo della campata crollata tra il pilone 8 ed il pilone 7 (ma forse anche a causa del già precedentemente avvenuto crollo anche della campata preesistente tra il pilone 9 ed il pilone 8)

mi meraviglio dei tanti commentatori che nonostante l'esistenza di questo documento continuano ad imputare la causa del disastro al crollo della pila n° 8

ma soprattutto mi meraviglio di chi palesemente dimostra di non saper “fare 1 + 1”, in relazione a lampi ed ai botti imputati quali indizi delle presunte cause del crollo ...

youtu.be/Mfth83DeJvc
Azrael66
#400 Azrael66 2018-08-16 20:44
Prima l'esplosione sull'autostrada a Bologna, poi il crollo del ponte a Genova, oggi un sisma del 5.0 in Molise: lassù qualcuno ci odia...
Haytham
#401 Haytham 2018-08-16 20:48
Citazione:
lassù qualcuno ci odia...
Più probabile che siano quaggiù.
mabel
#402 mabel 2018-08-16 21:06
Avete notato che nessun responsabile di autostrade per italia si fa vedere in faccia?
E' mai possibile che non si possa vedere, sentire, la loro versione dei fatti se non con stralci di comunicati?
Come mai nessun giornalista ne intervista uno?
Perchè così nessuno li riconosce, li identifica visivamente associandovi il nome!
Comunque eccoli quà:
www.autostrade.it/chi-siamo/management
redribbon
#403 redribbon 2018-08-16 21:22
A Firenze attenzionati due ponti sull'Arno progettati da Morandi: il Vespucci ed il San Niccolò, in particolare il Vespucci accusa nella pila di sinistra un azione di erosione dell'alveo del fiume per il quale a settembre inizieranno dei lavori di consolidamento, per il San Niccolò si tratta di manutenere i giunti
firenze.repubblica.it/.../...
horselover
#404 horselover 2018-08-16 21:42
questo morandi doveva avere solide raccomandazioni
cocis
#405 cocis 2018-08-16 21:43
è vero che alcuni sono stati sbalzati a terra da spostamenti d'aria? :pint:
peonia
#406 peonia 2018-08-16 22:43
Secondo voi il Ponte era così?

monua
#407 monua 2018-08-16 23:30
Calipro
#408 Calipro 2018-08-16 23:35
#383 Ticaisem

Forse Salvini vuole sfruttare questa tragedia per tentare qualche mossa disperata a Settembre.

Qualora non ve ne foste accorti, è appena andata deserta un'asta di titoli, apeta a tutto il mondo, per 600 milioni:
liberoquotidiano.it/.../...
"Italia sotto attacco, asta Bot deserta e spread alle stelle. Borghi: "O la Bce ci aiuta o muore l'euro"

Fino a qualche mese fa andavano via miliardi in titoli, come il pane. E adesso non si è presentato nessuno per 600 milioni.

Probabilmente hanno tutti paura (temo molto fondata...) che le agenzie di rating ci declasseranno il debito a junk (spazzatura)

Se dovesse capitare, sarà illegale per i fondi pensioni detenere titoli di Stato. Le banche si ritroveranno di fatto titoli tossici da propinare a qualcuno.
Per non parlare dello spread che dovremo sobbarcarci per piazzare nuovo debito.

E tutto questo in vista della fine del QE della BCE, che attualmente sta limitando lo spread artificialmente. E mancando ancora il DPEF da fare.


Il gioco si sta facendo duro, vedremo di che pasta sono fatti Salvini e Di Maio.
Michele Pirola
#409 Michele Pirola 2018-08-16 23:54
Ho un brutto presentimento
Teoclasto
#410 Teoclasto 2018-08-17 00:19
E ci mancava pure il terremoto:

www.ilfattoquotidiano.it/.../4563267
Signore di Gibelletto
#411 Signore di Gibelletto 2018-08-17 00:25
#370 Senna

Concordo con quanto riporta. I due fanno comprendere bene, purtroppo, l'attuale linea di quel canale, e dei dirigenti di quell'organizzazione che qualcuno chiama ancora partito, e pure democratico, ma che pare sostanzialmente la lunga manus operativa dei gruppi che hanno ridotto il nostro paese in questa maniera.
E' interessante constatare, leggendo le loro dichiarazioni, quali sono all'attualità le principali preoccupazioni di quell'organizzazione:
1) difendere la concessionaria per le autostrade dei benedettonidi;
2) inneggiare alla cosiddetta Gronda.
Delle vittime parlano poco, a quanto pare non risultano per loro interessanti.
Viene il sospetto che difendano solo le loro fonti di...fonti culturali...ma è solo un sospetto ovviamente, perché, come tutti sappiamo, il gruppo dirigenziale di quell'organizzazione...volevo dire: di quell'organizzazione che un tempo fu un partito...è sicuramente composto di uomini retti e probi..
Infine, per la rubrica "il proverbio della sera", un proverbio latino: pecunia non olet.
Saluti a tutti.
ARULA
#412 ARULA 2018-08-17 08:50
@408 Calipro
Che a settembre inizierà la guerra è indubbio.
Si intuisce anche dalla serenità della sinistra i loro padroni li avranno rassicurati.
Cheto
#413 Cheto 2018-08-17 10:20
Anche in Svizzera i ponti crollano laregione.ch/.../... Un viadotto autostradale costruito con strutture prefabbricate precompresse (nella tratta Mendrisio-Lugano) ha dovuto essere rifatto dopo soli 35 anni, nel 2003-3004.

"Limiti e pregi del precompresso
Le strutture prefabbricate precompresse sono costruite assemblando elementi in calcestruzzo armato precompresso attraversati da trefoli d’acciaio ad altissima resistenza che con la loro messa in trazione comprimono il calcestruzzo conferendogli le caratteristiche meccaniche desiderate. Nella realizzazione di viadotti e ponti, la messa in compressione di più moduli posati in serie porta a ottenere il risultato statico progettato. «Si tratta di un metodo diffuso in tutto il mondo – annota Denis Rossi – ma poco utilizzato in Svizzera, dove ben presto ci si è resi conto dei suoi limiti. Il costante monitoraggio cui sono sottoposte le nostre vie di comunicazione ha permesso d’individuare un serio problema nel viadotto di Melano. I segnali erano molto evidenti: non avrebbe retto per molti anni ancora. Da qui la decisione di procedere con la demolizione integrale e la ricostruzione secondo il metodo del ‘calcestruzzo monolitico’ gettato in opera, già usato con successo negli anni 70 e 80 per il completamento delle tappe successive dell’autostrada A2 in Ticino, in particolare con i grandi viadotti in Leventina e sul Monte Ceneri»."
Senna
#414 Senna 2018-08-17 10:40
Citazione:
Anche in Svizzera i ponti crollano
E' diverso, non è crollato, l'hanno demolito ed sotto costante monitoraggio.
miles
#415 miles 2018-08-17 11:58
Arrivo solo ora, e ho dato una rapida lettura ai numerosi post, leggendone di tutte e di più(ma un po' me lo aspettavo)
L'ipotesi più verosimile è che abbia ceduto uno strallo, e che tale cedimento abbia fatto cadere la parte della campata che appoggiava sulle due travi a sbalzo sorrette dai tiranti e il conseguente trasferimento di carico abbia tirato giù anche il pilone come si vede bene dall'unico filmato, dove il crollo parte chiaramente dall'alto e non dal basso.
Penso che bisognerà prepararsi se non si interviene a demolire prima, nei prossimi decenni, al crollo di TUTTI i manufatti in cemento armato che iniziano ad avere più di 60/70 anni.
Ponti e palazzi compresi.
apoc2007
#416 apoc2007 2018-08-17 12:35
perché nessuno parla più del fulmine (che poi non sembra proprio un fulmine ma qualcos'altro...)

www.youtube.com/watch?v=zIuzd-EaQGg
Agent 007
#417 Agent 007 2018-08-17 14:31
apoc2007
#418 apoc2007 2018-08-17 20:49
gotcha

La più improbabile della lista è quella secondo cui il ponte sarebbe stato distrutto di proposito con dell’esplosivo, e il crollo farebbe parte di un qualche tipo di complotto più o meno internazionale

la più improbabile?

www.youtube.com/watch?v=zIuzd-EaQGg

cmq attendiamo la spiegazione di qualche illuminato ingegnere

Postulato di Persig: Il numero di ipotesi razionali che possono spiegare un qualsiasi fenomeno è infinito.
Aironeblu
#419 Aironeblu 2018-08-17 22:20
Pare che la procura di Genova, sotto la guida di Cozzi, abbia acquisito i filmati di tutte le telecamere in zona, non solo le due sistemate direttamente sul viadotto,



ma anche quelle delle vie sottostanti il ponte, Su via Nicola Lorenzi vi sono almeno quattro telecamere speed dome ad alta qualità di proprietà di Ansaldo Energia che possono aver ripreso, dal basso, da diverse angolazioni, il viadotto mentre sprofondava. Qualche centinaio di metri dopo, una dopo l’altra, altre speed dome dell’Amiu, la municipalizzata dei rifiuti e, lungo via Greto di Cornigliano, quelle di uno rappresentante di materiali edili, della Fabbrica del Riciclo e del Bic, il Business Innovation center dell’Incubatore di Genova. Sull’altro lato dell’impalcato, sempre nelle strade sottostanti, lungo via Argine del Polcevera, gli investigatori visioneranno le immagini riprese dalle telecamere del Centro tachigrafi digitali e di Iveco Liguria e dell’Isola Ecologica nel cui sedime sono precipitati alcuni spezzoni di calcestruzzo di Ponte Morandi danneggiando tre mezzi dell’Amiu.

Su via Nicola Lorenzi vi sono almeno quattro telecamere speed dome ad alta qualità di proprietà di Ansaldo Energia che possono aver ripreso, dal basso, da diverse angolazioni, il viadotto mentre sprofondava. Qualche centinaio di metri dopo, una dopo l’altra, altre speed dome dell’Amiu, la municipalizzata dei rifiuti e, lungo via Greto di Cornigliano, quelle di uno rappresentante di materiali edili, della Fabbrica del Riciclo e del Bic, il Business Innovation center dell’Incubatore di Genova. Sull’altro lato dell’impalcato, sempre nelle strade sottostanti, lungo via Argine del Polcevera, gli investigatori visioneranno le immagini riprese dalle telecamere del Centro tachigrafi digitali e di Iveco Liguria e dell’Isola Ecologica nel cui sedime sono precipitati alcuni spezzoni di calcestruzzo di Ponte Morandi danneggiando tre mezzi dell’Amiu.

Vediamo se esce fuori qualche chiarimento, o se sara' coperto da segreto di stato anche questo.
orne
#420 orne 2018-08-17 22:22
Ciao a tutti.
Non so se qualcuno l'ha già postata, non sono riuscita a leggere tutti i post, semmai mi scuso.
Qui c'è una testimonianza oculare che aggiunge particolari secondo me importanti:

www.ilfattoquotidiano.it/.../4565805
peonia
#421 peonia 2018-08-18 07:13
".....Se la notizia fosse solo questa, sinceramente, avremmo evitato di scrivere ciò che state leggendo.

La sera prima del crollo, il video
Ma c’è una coincidenza abbastanza inquietante che dovrebbe lasciare un attimino perplessi sia i teorici del complotto, sia chi rifiuta a priori certe speculazioni.

Se per assurdo fosse stata una demolizione controllata, chi e quando avrebbe messo le cariche esplosive? Forse dei misteriosi uomini sarebbero saliti sul ponte la sera precedente e avrebbero piazzato l’esplosivo senza che nessuno si accorgesse di nulla? Bastano queste domande per smontare tutte le teorie della cospirazione.

Però, incredibilmente, una coincidenza inquietante sembra avvalorare le assurde ipotesi dei complottisti.

Nell’ultimo filmato che vi proponiamo, potete vedere un intervento in diretta di un telespettatore di Sky.

Il signore di Genova che sentite parlare al telefono, ha inviato al canale televisivo un filmato che ha registrato lui stesso la sera prima del crollo.

Mentre lo mandano in onda, la conduttrice chiede: «Che cosa ha filmato?». L’autore risponde:

«Quella sera stavo guardando un film e da casa mia si vede quella parte di ponte che adesso non c’è più.

Quella sera c’era un forte temporale e mi faceva effetto vedere tutte quelle luci e i lavori che continuavano.

Certo, siamo abituati a vedere i lavori, la chiusura dell’autostrada, ma quella sera lì faceva davvero effetto vederli e quindi ho filmato questi pochi secondi proprio per questo motivo, ecco».

E la conduttrice ci mette il carico: «Fa impressione pensare che poche ore dopo quel ponte sarebbe crollato». Il signore riprende la parola:

«Da casa mia vedevo proprio quella parte che adesso non c’è più. Ho voluto mandare questo video anche per delle persone mie amiche che sono sfollate e abitano proprio nei palazzi vicini e volevano far vedere questo video, ecco».

Ora: quante possibilità ci sono che proprio la sera prima del crollo di un ponte vengano effettuati lavori straordinari, di notte e sotto un temporale, nell’esatto punto in cui il ponte crollerà poche ore dopo?

Se non si tratta di un complotto (e noi non abbiamo nessuna prova per affermarlo), è comunque grave: quei lavori straordinari potrebbero significare che qualcuno si era accorto di qualcosa prima della tragedia che ha distrutto decine di famiglie…"


www.informarexresistere.fr/.../
orne
#422 orne 2018-08-18 13:21
@421 peonia

Citazione:
Ora: quante possibilità ci sono che proprio la sera prima del crollo di un ponte vengano effettuati lavori straordinari, di notte e sotto un temporale, nell’esatto punto in cui il ponte crollerà poche ore dopo?
Qui una testimonianza di una persona che viveva sotto al ponte. Al minuto 1:15 la conferma che da almeno quattro anni tutte le notti c'erano gli operai a lavorare:

primocanale.it/.../...

Io da genovese posso affermare che da almeno venti anni (svariate volte ogni anno) e per lunghi periodi quel tratto di autostrada veniva chiuso la notte per lavori.
Quel ponte l'ho percorso centinaia di volte e, ogni volta, non vedevo l'ora di lasciarmelo alle spalle. Appena lo imboccavi iniziavi a sentir tremare tutto, a ogni giunto la macchina sussultava. Certo, sentire Bertolaso l'altra sera che ha detto che anche lui, se il traffico glielo permetteva, quando si trovava a transitarci sopra violava i limiti di velocità per uscirne il prima possibile non ha fatto piacere.
maruje
#423 maruje 2018-08-18 16:32
Sto focalizzando gli ultimi giorni, questa immane tragedia creerá uno tzunami.
I padroni del discorso sono in netta difficoltá e hanno perso completamente la ragione.
Continuano a fare eco ai mostri liberisti senza alcun imbarazzo morale.
Il popolo non è mai stato cosi cosciente ed unito.
Tv e giornali rischiano grosso!
Tutto l'apparato di potere ora è soggetto al cambiamento e non è più una richiesta timida della maggioranza, è sacro dovere di giustizia! L'onda prenderá dentro qualsiasi cosa incontri che non si pieghi ad essa.
Li vedo veramente male i vari burattini del capitale.
Questo sará il vero compimento della divina giustizia ad onore dei caduti
rygel
#424 rygel 2018-08-18 16:51
Devo fare una premessa importante; Non c'è l'ho in nessuna maniera con Attivissimo, quello che però vorrei portare all'attenzione è il come uno che si definisce Debunker si comporta quando viene debunkato.

Ignoro secondo quale criterio lui si qualifichi «cacciatore di bufale» visto che non risulta che abbia nessuno studio specifico in un qualunque settore, anzi, sulla sua pagina Wikipedia c'è scritto che di professione è traduttore tecnico-scientifico italiano-inglese quindi il fatto che si metta a pontificare su svariati argomenti come se li trattasse dalla mattina alla sera non si capisce come possa essere preso sul serio, senza dimenticare il particolare che lui si spaccia per informatico quando in verità non ha nessun titolo in materia.

Ma veniamo al dunque; Paolo Attivissimo ha risposto ad un tweet di un utente, tale Walter Rapetti, il quale a sua volta ha postato un tweet con uno screenshot preso dal sito movimento5stelle.it e citando Il Post, neXtQuotidiano, La Stampa, il Corriere della Sera ed il Sole 24 Ore.

Il tweet di Walter Rapetti recita:

Sapete quale forza politica si è opposta alla costruzione del nuovo ponte autostradale a Genova? Parlando della «favoletta del crollo del Morandi»?



E con forza politica è evidente come si riferisca al M5S.

La risposta di Attivissimo al tweet è la seguente:

Crollo Ponte Morandi, una «favoletta»: Qualcuno, se ha dignità e cervello, sta rimpiangendo amaramente questa e altre parole.



Dove nasce il problema? Lo vediamo subito.

Lo screenshot riportato da Walter Rapetti proviene si dal sito del Movimento 5 Stelle ma se si va a leggere alla fine del testo si può vedere come lo stesso sia firmato dal «Coordinamento comitato Nogronda» (vedi pagina su archive.org), inoltre, il titolo del manifesto inizia con «Crescita felice: comunicato del Coordinamento dei comitati No Gronda» che è un'ulteriore evidenza di come questo non sia stato scritto dal M5S.

L'accusante Rapetti evidenzia anche la parola favoletta estrapolandola però del tutto dal suo contesto facendo credere che gli autori, quelli del Coordinamento comitato Nogronda, etichettino come favoletta il fatto che il Ponte potesse crollare invece è esattamente il contrario, sono, tra gli altri, l'ex Presidente della Regione ad utilizzare la favoletta dell'ipotetico crollo del Ponte per puntare alla costruzione della Gronda.

Ecco il paragrafo interessato:

Altra "cecità", la ciclica riproposta del declassamento della A10 (ignorando che, secondo la stessa Società Autostrade, il declassamento minerebbe l'utilità della Gronda). Ci viene poi raccontata, a turno, la favoletta dell'imminente crollo del Ponte Morandi, come ha fatto per ultimo anche l'ex Presidente della Provincia, il quale dimostra chiaramente di non avere letto la Relazione Conclusiva del Dibattito Pubblico, presentata da Autostrade nel 2009. In tale relazione si legge infatti che il Ponte "...potrebbe star su altri cento anni" a fronte di "...una manutenzione ordinaria con costi standard" (queste considerazioni sono inoltre apparse anche più volte sul Bollettino degli Ingegneri di Genova).

A fronte di quanto visto sopra possiamo tirare le seguenti conclusioni:

1) Il M5S è totalmente estraneo alle accuse che gli vengono fatte da Rapetti e dai giornali.

2) La parola «favoletta» è stata estrapolata dal suo contesto perdendo il significato originario.

3) Paolo Attivissimo ha dato visibilità ad una fake news.

La cosa più grave non è tanto l'accusa senza nessun fondamento fatta da Rapetti verso il M5S e riportata a pappagallo da diversi giornali ma è che Attivissimo l'abbia a sua volta rilanciata facendo credere che fosse verità, questo dimostra come non si sia nemmeno preso la briga di approfondire la questione e di dedurne le corrette conclusioni.

Ma non è tutto, agli utenti che hanno risposto al tweet di Attivissimo facendogli notare l'errore nel quale è incappato lui ha preferito non rispondere, non rettificare, sorvolare e fare finta di niente, del resto lui è il paladino della corretta informazione, figuriamoci se casca con tutti e due i piedi in una così evidente fake da due soldi, invece questa volta è stato proprio lui vittima dello stessa sistema che tenta di combattere passando per uno dei troppi untori di fake news che circolano sul web.
Bucefalo80
#425 Bucefalo80 2018-08-18 17:38
Ciao a Tutti,
i famosi bagliori del video potrebbero essere i cavi della sottostante linea ferroviaria oppure i cavi che percorrevano l'esterno della carreggiata sul ponte oppure un fulmine ecc ecc...
In tutti i casi fino ad ora nessuno ha mostrato chiaramente da cosa sono stati creati questi bagliori, solo supposizioni.
Ma visto che a quanto pare il video ufficiale ripreso dalla telecamera sul ponte non potrà essere visionato:
liberoquotidiano.it/.../...
Ho paura che questi bagliori resteranno sempre un mistero; e quindi nemmeno si potrà dire "si erano i cavi della linea ferroviaria o altro" (non basta la supposizione ma devi confermare ciò che sospetti, questo vuol dire vedere EFFETTIVAMENTE i cavi che sotto al peso delle macerie vengono tagliati e producono scintille).
A parte questo la cosa che in questi giorni mi tormenta è l'affermazione di questo inviato de "La vita in diretta estate" nella puntata del 15 agosto 2018 su rai1, dove dice che "..sono state fatte esplodere delle piccole cariche dagli artificieri per cercare di aprire dei varchi.... per raggiungere le automobili..."
Questo dettaglio non è mai stato detto (o almeno io non l'ho mai sentito dire) nei telegiornali. Hanno aggiornato momento per momento tutti i modi e le strategie di ricerca ma mai hanno menzionato l'uso di cariche esplosive per spostare o sminuzzare i blocchi di cemento.
Il video in questione è reperibile qui:
raiplay.it/.../...

(ma solo dopo aver effettuato l'iscrizione) e l'inviato è al 1:33:20

Qualcuno sa se effettivamente hanno utilizzato queste cariche durante le ricerche dei sopravvissuti?
Red_Max
#426 Red_Max 2018-08-19 14:18
E pensare che volevano fare le centrali nucleari, per fortuna siamo stati più prudenti.
Purtroppo gli incidenti capitano, i rischi vanno valutati molto attentamente.
casalingo_di_voghera
#427 casalingo_di_voghera 2018-08-30 00:34

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO