Analisi crollo Ponte Morandi

Di più
11/10/2018 16:10 #21318 da Aigor
Analisi crollo Ponte Morandi è stato creato da Aigor
Apro questo thread di discussione per proseguire le analisi del post Ponte Morandi: continuano a prenderci in giro

Cercherò di seguire questo Thread e di gestirlo meglio che posso, chiedo a tutti di aiutarmi in due cose:
1) RESTARE IN TOPIC
2) SEGNALARE EVENTUALI SPAMMER

Grazie a tutti per il lavoro fatto e per il lavoro che verrà :shake:

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
11/10/2018 16:50 #21319 da Bandini
Risposta da Bandini al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Complienti per il lavoro che hai fatto. :clap:
Intanto ti segnalo altri due video recentissimi piuttosto "tecnici":
il primo in inglese con una bella ricostruzione geometrica tridimensionale del ponte

il secondo video è sempre di arch. Steccanella, con alcune conclusioni e ricostruzioni sulla struttura e le possibili dinamiche
Ringraziano per il messaggio: Aigor

Di più
11/10/2018 17:08 #21320 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Con calma li guardo (forse nel weekend, prima mi sa che non ce la faccio), comunque grazie

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
11/10/2018 18:35 #21321 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Accidenti... ci sono quasi a capire levante, ma mi sembra mancare un pezzo di strada.
Cioè se guardo quelli a terra è come se mi mancasse un quarto pezzo...
Possibile che si sia accartocciato sotto quello rigirato a 180°?
Mah...!

Ah, gnaffetto, ti ricordi che hai messo in evidenza nel video "oddio oddio" un pezzo che sembra tirato su in verticale appena prima dei lampi?
Bene, ho il forte sospetto che sia IL2... lanciato in aria dagli stralli e poi ripiombato a terra per traverso.
Deve esserci stato un colpo di ritorno in alto, una volta spezzato il piano strada a ponente, da far paura...
Ti torna?

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
11/10/2018 19:22 - 11/10/2018 19:40 #21322 da italofranc
Provo a mandarti un messaggio ma non so come si fa. E' la stessa procedura di prima per inserire delle foto?. Aiuto! aiutatemi non ci capisco un ca.......


Dunque, ho perso mezza giornata per rifare i calcoli dell'ARC?. Staccanella e ho delle buone notizie per voi. Rifacendo il calcolo che ha fatto lui a spanne (l'ho rifatto a spanne anch'io altrimenti non puo' essere seguito da tutti, un calcolo comunque serio che non credo che farà ridere gli strutturisti, almeno lo spero) salta fuori chiaramente di che cosa parliamo in termini di rottura degli stralli, prima causa del crollo presa dalla maggioranza come buona e indiscuttibile. Ora vado a lavorare altrimenti mia moglie divorzia e poi ve lo propongo.
Ultima Modifica 11/10/2018 19:40 da italofranc.

Di più
11/10/2018 20:31 - 13/10/2018 18:30 #21323 da italofranc
CALCOLO DELLA RESISTENZA DEGLI STRALLI A ROTTURA (13/10/2018)

Premessa: questo calcolo che considero a spanne perchè non fatto da un ingegnere strutturista permette comunque di tranquillizzare tutti quelli che fino ad ora hanno attribuito la responsabilità del crollo del Viadotto Morandi agli stralli. Spero vivamente che uno strutturista riprenda questo mio lavoro e provi a smentire le mie conclusioni, ne sarei lusingato e riprenderei fiducia nelle istituzioni. Fino a quando non ci sarà questa smentita, prendo tutte le mie responsabiltà nell'affermare che secondo me il Viadotto Morandi è stato fatto crollare senza ombra di dubbio.

Dati :
a) 4 stralli da 352 trefoli di 12,5mm di diametro (1,27 cm2) per una superficie resistente di complessivi 447,04 cm2 per ogni strallo.
b) Resistenza dell’acciaio usato come dichiarato da Morandi : R170 Kgf/mm2. Resistenza allo snervamento 150 Kgf/mm2, carico di esercizio 70 Kgf/mm2 cioè 7000 Kgf/cm2.
c) Massimo sforzo di esercizio ammissibile per strallo : 447,04 x 7000 = 3129280 Kgf pari a 3129 Tonnellate.
d) Massimo sforzo prima dello snervamento : 447,04 x 15000 = 6705600 Kgf pari a 6705 Tonnellate.
e) Massimo sforzo per la rottura dello strallo: 447,04 x 17000 = 7599680 Kgf pari a 7599 Tonnellate.
f) Impalcato della pila 9 : 4 elementi scatolari da 36 metri di lunghezza + mezzo Gerber per lato per una lughezza totale di 36 x 5 = 180 metri. Larghezza 18 metri. Altezza media della travata : (4,50+1,82)/2=3,16; Totale superficie nervature e solette mq 19,95; Peso di volume calcestruzzo armato 2500 Kg/m3 (in eccesso senza considerare che Morandi parla di calcestruzzo cellulare piu' leggero gettato in parte nell'impalcato).
g) Peso proprio massimo di un elemento da 36 metri di lunghezza o di un Gerber :
mc di calcestruzzi in media per elemento : 36 x 19,95 = 718,2 mc; peso elemento da 36 metri: 718,2 x 2500 = 1795500 Kg pari a 1795 Tonnellate.
h) Peso proprio di tutto l’impalcato lungo 180 metri, senza il sovrappeso dovuto al traffico, alla pioggia, al vento ecc., lungo 180 metri = 1795 x 5 = 8975 Tonnellate.

IPOTESI E CONSIDERAZIONI SULL’EVENTUALE CROLLO DOVUTO ALLA ROTTURA DEGLI STRALLI.
Ammettiamo che per pura sfiga non ci siano piu’ gli 8 supporti obliqui che normalmente reggono la piu’ parte del peso dell’intero impalcato, come se Morandi lo avesse sospeso ai piloni ad A tramite i 4 stralli.
Abbiamo calcolato che ogni strallo supporta un carico di esercizio di 3129 Tonnellate. I 4 stralli supportono insieme un carico di esercizio di 4x3129= 12516 Tonnellate, ben superiore alle 8975 Tonn. di peso dell’intero impalcato, che grava in realtà per di piu’ sugli appoggi obliqui che non abbiamo nemmeno considerato. Per arrivare al solo snervamento dell’acciaio di uno strallo bisognerebbe che l’impalcato pesasse piu’ del doppio e per arrivare alla sua rottura (snervamento e rottura in 10-15 secondi ?Improbabile!) piu’ del triplo.
Se poi reintroduciamo nel nostro calcolo gli 8 supporti obliqui che il bravo Morandi ha fatto costruire come appoggi elastici per l'impalcato, tutta la travata si comporta come un sistema continuo su 4 appoggi rigidi secondo Morandi. In conseguenza il peso dell'impalcato diminuirebbe teoricamente del 50%. Per sicurezza consideriamo questa riduzione di peso di solamente 30%, che comporta comunque una riduzione notevole dello sforzo per gli stralli che compensa la loro perdita di resistenza dovuta all'ossidazione e a la fatica in 50 anni di esercizio. Se si considerasse vera questa perdita di resistenza dei ferri degli stralli, la rimanente sezione sana dei ferri del 70% reggerebbe comunque e senza problemi la struttura in esercizio (siamo aldisotto del massimo sforzo di esercizio per cui la rottura e il crollo naturale con questi carichi non sono nemmeno da considerare). Questo fattore di sicurezza anche con una perdita di resistenza del 30% dovuto all'ossidazione, fatica ecc... è dimostrato dal seguente calcolo:
1) Carico di esercizio supportato da ogni strallo : 3129 Tonn.
2) Carico di esercizio supportato da 4 stralli : 12516 Tonn.
3) Carico di esercizio supportato da 4 stralli con una perdita di resistenza del 30% : 8761 Tonn.
4) Peso dell'impalcato che grava sui 4 stralli considerando che gli appoggi del cavalletto assorbono 30% del peso totale impalcato: 8975x70%= 6282 Tonn. inferiore ai 8761 Tonn. del punto 3).
Questa sicurezza (8761-6282=2479 Tonn.) ci permette di star tranquilli anche con dei sovraccarichi eccezionali. Infatti un delta di 2479 Tonn. corrisponde a ben 50 autotreni da 500 quintali cadauno lungo i 180 metri dell’impalcato e alineati nei 2 sensi di marcia , e senza considerare che:
a) La travata è stata gettata anche con una parte di calcestruzzo cellulare piu' leggero di quello con inerti naturali.
b) ai 352 trefoli resistenti ci sono ben altri 112 trefoli uguali e sussidiari della guaina che collaborano ad una uguale tensione unitaria.
c) I Gerber sono stati prefabbricati fuori opera con spessori di calcestruzzo inferiori a quelli usati nel calcolo e quindi sono meno pesanti.
Questi ulteriori fattori di sicurezza compensono largamente le sollecitazioni dovute a pioggia e vento non considerate fino ad ora nel nostro calcolo.
E’ evidente e dimostrato che non possono essere stati gli stralli la causa del crollo se da soli senza i supporti obliqui possono reggere tutto l’impalcato compreso qualsiasi sovraccarico dovuto al vento, traffico, pioggia ecc…, anche considerando una diminuzione del 30% della resistenza dovuto all'ossidazione dei ferri per altro assolutamente non riscontrata di quella importanza dalla commissione d’indagine. A maggior ragione con l'impalcato appoggiato al cavaletto, un crollo naturale in una manciata di secondi è impossibile, assurdo e ridicolo.

Come è possibile che uno strallo a pieno carico che deve reggere al massimo 8761:4 = 2190 Tonn, cioè 3,4 volte di meno del suo carico di rottura che è di 7599 Tonn., si riduca cosi' ? (guarda la foto seguente)



E' STATO TAGLIATO O FATTO SALTARE! BASTA PRENDERE PER IL CULO! DATECI IL VIDEO INTEGRALE DEL CROLLO!
Ultima Modifica 13/10/2018 18:30 da italofranc.

Di più
12/10/2018 09:39 - 12/10/2018 09:47 #21350 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Tutto perfettamente condivisibile :shake:

Solo un piccolo appunto, quando dici "ben inferiore alle 9720" immagino tu intenda "superiore" ;-)

Inoltre: senza stralli, sono stati necessari solo dei tiranti quasi in linea con l'impalcato per far stare su l'intera struttura, segno che era quasi in grado di stare su da sola... e il fatto che i fulcri fossero proprio in concomitanza dei piloni obliqui evidenzia il fatto che a rischio era, casomai, la parte di strada "dopo" i supporti obliqui.
In pratica, cedendo gli stralli a ponente - entrambi gli stralli (se mai avessero ceduto prima loro) - avremmo visto cascare i forse il gerber e una porzione di strada fino ai sostegni obliqui. Stop.
Non dimentichiamoci, infatti, che all'interno dell'impalcato vi era una serie di tiranti di acciaio.
Addirittura a levante il gerber è rimasto attaccato ad una porzione di strada...

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Ultima Modifica 12/10/2018 09:47 da Aigor.

Di più
12/10/2018 11:08 #21351 da italofranc
Si ''ben superiore'' grazie Aigor

Di più
12/10/2018 12:22 - 12/10/2018 12:23 #21352 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
@gnaffetto

Rispondo qui alla tua postata dall'altra parte :hammer:

Forse ho capito dov'è il pezzo che mi manca: guarda bene il gerber GL e il pezzo IL0 attaccato. In una foto si vede per traverso quello che sembra un pezzo di strada frantumato (rimangono solo i parapetti di cemento messi negli ultimi anni).

File allegato:


Non ne sono sicuro, devo trovare altre foto, ma che ne dici?

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Ultima Modifica 12/10/2018 12:23 da Aigor.

Di più
12/10/2018 13:55 #21354 da gnaffetto
secondo me è un pezzo del parapetto di IL1, quello di traverso.

infatti da quel lato mi sembra ci sia solo asfalto

Di più
12/10/2018 15:44 #21355 da Sacco
Risposta da Sacco al topic Analisi crollo Ponte Morandi
L’ex consulente: «Autostrade ci chiese di ritoccare i report»
«Autostrade pretese di vedere la copia preliminare del nostro report all’interno della quale proponevamo l’installazione d’un sistema di monitoraggio (sensori, ndr) che controllasse il viadotto in maniera continuativa. Al tempo stesso ci chiese se potevamo invece inserire la proposta d’un sistema più semplice e solo per un periodo temporaneo». Con l’obiettivo, è la convinzione dei magistrati che indagano, di risparmiare su un’apparecchiatura cruciale per la prevenzione dei rischi sul viadotto.
www.ilsecoloxix.it/p/italia/2018/10/12/A...nte_autostrade.shtml

Di più
12/10/2018 16:47 #21356 da gnaffetto
italofranc, se ti serve una conferma di uno strallo, che è dove avevo intuito, eccoti altre foto che lo confermano:



poi , c'e' una cosa INQUIETANTE in questo collage, vediamo chi se ne accorge (e tornano a posto 3 cosucce) !

Di più
12/10/2018 17:27 #21357 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
TI ho risposto di là perché pensavo che di qua non avessi scritto...!!!
Vi prego continuiamo qui la discussione sennò si doppia tutto :omg:

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
12/10/2018 18:19 #21358 da gnaffetto
ok rispondo qua, chiedo a massimo di chiudere l'altro post indicando di scrivere qua.

ehehehehe... dai vi lascio ancora qualche oretta per guardare bene... magari poi è colpa delle foto in bassa risoluzione!

Di più
12/10/2018 18:37 #21359 da bernuga
Risposta da bernuga al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Ci provo io:
Il disegno laterale del camion pare differente, quadrato invece che circolare, ma potrebbe essere il pannello che si è staccato nell’urto lasciando un buco quadrato, nel video sotto si vede qualcosa:

Di più
12/10/2018 19:41 #21360 da gnaffetto
si, c'hai preso bernuga!

l'ho detto che le foto in bassa risoluzione giocano brutti scherzetti (ma è colpa mia, ho dato troppo tempo ai viaggiatori).

tra l'altro mi sembra sia il camion di una persona che si è salvata dopo il volo di decine di metri, e fatalita' copre l'attacco dello strallo.

Beh, vuol dire che non siamo complottisti per forza, se saltano fuori evidenze logiche si accettano.

Di più
13/10/2018 08:59 #21372 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Ho riascoltato la testimonianza della lavorante all'ikea e devo dire che non ha niente a che vedere con ciò che mostrano i pochi video che abbiamo.
A parte il discorso degli stralli che si spezzano e cadono sulla carreggiata, cosa che dal video oddio oddio non risulta: si vedono gli stralli ancora appesi (per un attimo) quando la strada è già giù, e poi il discorso dei lampi associati al cedimento dell'acciaio degli stralli... nei video della area acologica si vede chiaramente che i lampi avvengono successivamente al crollo, dopo non prima...

O la sua memoria ha reintepretato quello che ha visto, oppure bisogna per forza pensar male... guarda caso aveva anche il supporto del professore di statica pronto da fornire...

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
13/10/2018 12:47 #21374 da gnaffetto
sulla tempistica dei lampi dell'area ecologica andrei cauto. ho detto che sono pesanemente manipolati.

sto affrontando un po' alla volta il particolare nel forum-archivio ( ipotesidilavoro.altervista.org/forum/viewtopic.php?f=7&t=19 ), ma dal video che ho fatto si capisce gia'

Di più
13/10/2018 14:35 #21380 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Ok, lo accetto, però nel video oddio oddio i lampi avvengono palesemente "dopo" il crollo di ponente...
Quindi ne non sono la causa, ma al limite la conseguenza.

Io per ora propendo per cariche inserite in profondità dei sostegni obliqui e nell'impalcato, per spezzare i cavi interni. Fatto quello il resto è gravità.
Fra l'altro lo ammette anche nel video delle iene l'esperto di demolizioni, peccato che nessuno abbia fatto notare, in trasmissione (ma guarda un po') che c'era un pontone al lavoro da tempo proprio lì sotto...

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
13/10/2018 16:42 #21400 da gnaffetto
comunque siano andate le cose , quello che è CERTO è che una serie di SOGGETTI ISTITUZIONALI (procura, guardia di finanza) hanno fornito dei video OGGETTIVAMENTE, PALESEMENTE e INCONTROVERTIBILMENTE MANIPOLATI.

un questo significa che l'evento è coperto dalle istituzioni - STOP

A differenza della guerra fredda e della strategia della tensione, quando lo stato si rese responsabile (attraverso manovalanza di destra, sinistra, criminale e militare) di attentati stragisti in nome della ragion di stato (in realta' una strategia NON per non far governare il paese dai comunisti ma per non correre il rischio di un allontanamento dall'area di "influenza" , eufemismo per indicare la situazione di colonia americana a aseguito della invasione della 2 guerra mondiale) dove esisteva un partito (il PC) che spiegava sul fronte dell'informazione cosa succedeva (vi sono molti archivi, articoli, interventi parlamentari che raccontano esattamente come gia' allora si sapesse) in questo periodo fa paura che non ci siano voci critiche (realmente, politicamente e non di facciata alla marciano') che denunciano perlomeno le incongruenze.

Si sente (io sento) il bisogno di aggregare queste realta' dissidenti (discriminando gli infiltrati naturalmente) e , proprio mentre sto scrivendo, pensavo di usare il forum ipotesidilavoro anche come luogo di ritrovo per chi è fuori da giochi di interessi, geopolitici, condizionali, ipnotici, ma chide solo di non essere preso in giro.

tu che sei di genova conosci qualcuno dei comitati (so gia' che si sono divisi, come è naturale perche' molti hanno ceduto alle offerte di silenzio del potere, esattamente come è stato fatto per i sopravvissuti del vajont) di quelli che vogliono conoscere la verita' (tipo la mamma della alpi) e che magari attraverso i periti ci mettono a disposizione i dati del crollo? e magari li fai venire nel forum ipotesidilavoro

ciao e grazie

Di più
13/10/2018 18:36 - 15/10/2018 00:37 #21404 da italofranc
Gnaffetto 537

#italofranc: hai preso in considerazione l'equilibrio della struttura con un solo strallo staccato?

Si, appena ho tempo sarà un piacere darti le mie cosiderazioni su questo punto, anch' io mi sono fatto questa domanda e ho una idea chiara dell'equilibrio in quella condizione.

Bisogna comunque premettere che, fino a quando un ingegnere patentato non smonta il mio cazzo di calcolo, io ho provato fino a prova contraria che è impossibile che si arrivi alla rottura e allo stacco di un primo strallo se non interviene la mano di Dio o la mano di qualche criminale, e questo anche se elimini gli appoggi del cavalletto.
Ultima Modifica 15/10/2018 00:37 da italofranc.

Di più
13/10/2018 19:05 - 14/10/2018 20:07 #21405 da italofranc
GNAFFETTO

Ho guardato la simulazione ASI (applied science international ) che hai fornito e fatta con un potentissimo software ELS :
MI FA PAURA!
Mi spiego. Se è vero che questa socièta d'ingegneria è conosciuta in tutto il mondo e fa una cagata di quel genere, chi ha richiesto questa simulazione del crollo deve essere talmente importante da costringere i dirigenti della ASI a fare qualsiasi cosa.
All'inizio guardando il video si è abbagliati dalla qualità della grafica del software utilizzato. Poi ci si rende conto che la struttura del viadotto viene presentatata nei minimi dettagli, con addirittura i diametri dei ferri da calcestruzzo e dei tirranti utiliizzati secondo quanto annunciato nell'articolo srcitto dallo stesso Morandi nel 1967 .
Finita questa bella presentazione molto impressionante, ci si aspetta che vengano esaminate le possibile cause del crollo come stiamo facendo noi controllando i detriti e le foto scattate subito dopo il disastro, le tensioni nei tiranti , la tempistica ecc... No! Si prende in considerazione solo il cedimento di uno strallo perche, secondo ASI, è l'opinione piu' diffusa. Un po' madornale ma va bene! A questo punto mi dico che ASI prenderà in considerazione l'equilibrio della struttura con un solo strallo staccato, interessantissimo e a fagiolo dato che qualcuno di voi mi aveva chiesto se lo avevo preso anch'io in considerazione. Delusione e rammarico! Il potente software a questo punto comincia a vomitare le stesse sequenze del crollo già viste nelle altre ricostruzioni in 3D, facendo cedere senza nessuna spiegazione tutti i 4 stralli nello stesso tempo, con il crollo del cavalletto per opera di non so quale spirito santo, il tutto senza considerare quello che è rismasto del cavalletto nelle foto dei detriti. Dopo di che, con tutti i 4 gli stralli che pendono inerti dal pilone, questo si sfracella da solo sugli altri detriti e non ci si cura affatto della posizione degli stralli a terra completamente differente dalla realtà. Bravi, meno male che abbiamo ASI e il loro potente software del cazzo!
Ultima Modifica 14/10/2018 20:07 da italofranc.

Di più
13/10/2018 19:26 #21406 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
@gnaffetto

Ti ricordi il tuo post #489?

Oggi ancora non hanno (per fortuna) levato la possibilità di percorrere il ponte morandi com'era prima del disastro.
A maggio 2018, cioè solo tre mesi prima, l'asfalto era perfetto... pertanto che motivo c'era di ricoprire due zone proprio in quei determinati punti?
L'immagine è presa nel punto esatto dove finisce il gerber
File allegato:

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
13/10/2018 19:45 #21407 da gnaffetto
molto preziosa l'immagine. inoltre fa' vedere che ad altezza camion l'altra carreggiata è visibile e quindi le strisce usabili come punto di riferimento.

un'altra considerazione: stavo cercando anche nelle riviste di "massa" alcune foto del disastro (oggi, chi, panorama, ecc). pensavo di vedere innumerevoli servizi strappalacrime sui superstiti, sugli eroi pompieri, .. invece NULLA (ho esaminato le copertine degli ultimi 2 mesi. Ho trovato solo un servizio sul finto camionista basko e monologhi su come sia necessario investire soldi nella manutenzione delle infrastrutture !

Mi ha deluso anche l'intervento streaming di massimo poche ore fa'.

Di più
13/10/2018 19:47 #21408 da Aigor
Risposta da Aigor al topic Analisi crollo Ponte Morandi
Belin, la simulazione è stupenda da lato tecnico, ma non ci azzecca una cippa con le macerie a terra e con i video del crollo...
Fa paura davvero...!

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)

Di più
13/10/2018 22:30 #21457 da gnaffetto
ho trovato una ricostruzione coerente (coi detriti) fatta gia 2 settimane dopo da una persona qualunque asiatica


addirittura il modellino 3d! 3dwarehouse.sketchup.com/model/aef7e149-...apse-Animation-Scene

mi viene da vergognarmi per le centinaia di migliaia di professionisti che (fatto accadutomi qualche giorno fa') quando gli chiedi se c'e' qualcosa di strano sulla dinamica ti rispondono che sei uno di quei fessacchiotti che leggono certe cose in internet e di cercare le fonti corrette, cioe' il nyt ! dettomi da un ingegnere civile!

Di più
13/10/2018 23:08 #21475 da Dinamite Bla
Chiedo anticipatamente scusa a tutti, voglio solo rilanciare il forum che qualcuno vuole disturbare. Ne approfitto anche per ringraziare Massimo e tutta la comunita di Luogocomune da cui ho imparato e continuo ad imparare tanto.

Quando la redazione avrà eliminato la discussione-spazzatura "seisentu" chiedo che vengano eliminati i miei post per il corretto svolgimento dell'analisi sul crollo del ponte che, a quanto pare, dà fastidio a qualcuno.

Ringrazio ancora Massimo e tutti voi per la serietà, l'impegno e la passione. Il vostro valore è inestimabile.

"Unico e comune è il mondo per coloro che son desti, mentre nel sonno ciascuno si rinchiude in un mondo suo proprio e particolare."

Di più
13/10/2018 23:08 #21476 da Dinamite Bla
Rilancio

"Unico e comune è il mondo per coloro che son desti, mentre nel sonno ciascuno si rinchiude in un mondo suo proprio e particolare."

Di più
13/10/2018 23:39 #21504 da Sacco
Risposta da Sacco al topic Analisi crollo Ponte Morandi
segnalate anche voi il tizio che posta ogni minuto ( è un bot )

Di più
14/10/2018 08:33 - 14/10/2018 08:41 #21522 da Rebelde
Risposta da Rebelde al topic Analisi crollo Ponte Morandi

Sacco segnalate anche voi il tizio che posta ogni minuto ( è un bot )


No, è un coglione!
Poverino, non sa proprio come sfogare le proprie frustrazioni esistenziali se non in questo modo.
Da ricovero....

Credo che, per evitare questi attacchi vigliacchi, Massimo debba dare la possibilità a due o tre utenti di fiducia
che moderino il forum quando è assente.
Altrimenti ci si ritrova poi con questi vigliacchi che non sanno fare altro che spammare con dei copiaincolla senza senso.
Ultima Modifica 14/10/2018 08:41 da Rebelde.

Tempo creazione pagina: 0.148 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO