Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Commenti Recenti

rss


TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE

"BURN, BABY, BURN!"
Tanto pagano le nonnine della California


di Massimo Mazzucco

03.06.04 - Dobbiamo scusarci con i grandi manager della Enron, per aver scritto male di loro, quando abbiamo insinuato (link in coda) che ci fosse il loro zampino dietro alla crisi energetica della California di tre anni fa: avremmo dovuto scriverne malissimo.


Non solo infatti era tutto vero, ma si è pure scoperto, oggi, che ci si divertivano sopra come dei matti.


Il merito della rivelazione va alla piccola contea di Snohomish, nell’estremo Nord della California, che ha puntato i piedi ed è riuscita ad ottenere, dalla Commissione Federale per l'Energia, i verbali delle registrazioni di alcune telefonate intercorse fra i vari dirigenti Enron nel Texas e quelli nelle varie succursali di rivendita in California. (L'energia in America è comprata e venduta esattamente come le mele o i pomodori - un tot al chilo-watt).  Eccone alcuni estratti, che la dicono lunga su una certa mentalità che pare accomunare ...

june30 SCELTI I PROTAGONISTI PER LO SCENEGGIATO DI MEZZ'ESTATE


Ma cosa succede, esattamente, dal 30 Giugno?


Dopo lunghe trattative, hanno finalmente firmato i protagonisti della mega-commedia a puntate che andrà in onda sugli schermi di tutto il mondo a partire dal 30 Giugno prossimo.


Nel ruolo del presidente ad interim (nel senso che appena sgarra lo tirano giù senza neanche avvisarlo) avremo il popolarissimo Ghazi Yawer (nella foto, chiaramente felice dopo la firma), noto businessman e leader tribale sunnita (nota il sottile messaggio subliminale: “dollaro e Islam possono anche andare d’accordo”), che si è distinto ultimamente per aver criticato la condotta americana in Iraq. Uomo quindi tutto d’un pezzo, a garanzia che gli Stati Uniti non hanno voluto mettere mano in questa scelta “tutta irachena”. A completare il cast dei saltimbanchi, avremo un primo ministro che risponde al nome di Iyad Allawi - ovvero un noto espatriato, che ha quindi tutte le prerogative...


IL FALLIMENTO DELLA GUERRA PREVENTIVA


di Fabio de Nardis


31.05.04 - Esattamente due anni fa, in un discorso all'Accademia Militare di West Point, George W. Bush enunciava per la prima volta la dottrina neocons della guerra preventiva. “La guerra al terrore non sarà vinta rimanendo sulla difensiva”, affermò il Presidente di fronte a una platea di cadetti. “Dobbiamo combattere il nemico, distruggere i suoi piani e affrontare la minaccia prima che essa emerga. Dobbiamo imboccare l’unico sentiero verso la sicurezza del mondo; il sentiero dell’azione. E questo paese - non abbiate dubbi - agirà”. Nel giro di dieci mesi Bush mantenne la promessa, inviando i soldati americani a 10.000 miglia di distanza dalle loro case per deporre Sadam Hussein, e dopo un paio di mesi di bombardamenti Baghdad cadde. Eppure oggi, l’impresa americana in Medioriente a molti appare come un deciso fallimento, tantochè nessuno si pone più il problema di estendere il conflitto alla Syria, Iran o Corea del Sud, come si paventava inizialmente.


L’intrapresa irachena, lungi dal dimostrare l’efficacia del principio, ...

L’AMERICA CREA I SUOI EROI E POI LI AMMAZZA

di Massimo Mazzucco

31.05.04 - Non bastava che Pat Tillmann, il popolarissimo campione di football americano morto in Afghanistan poco tempo fa, avesse dato “un calcio ai miliardi per morire fra le capre” (link in coda), ma salta fuori oggi che ad ammazzarlo sarebbe stato addirittuta uno stesso suo commilitone.

Al già spropositato numero di vittime del “friendly fire” – “fuoco amico” – della campagna d’Afghanistan, va così ad aggiungersi un episodio che la dice lunga sulle effettive capacità cerebrali dei leader dell’armata più potente dl mondo.

Ma come si fa a mettere, insieme alle tue truppe, anche degli afghani che combattono con te, senza però ricordarsi...

COSA C’E’ DIETRO KOBAR?

Quello che in queste ore sta succedendo a Kobar lo possiamo già leggere su tutti i giornali. A noi resta solo la misera possibilità di cercare di capirci qualcosa, prima che ci rovescino addosso la solita quintalata di letame informativo, che verrebbe subito etichettata come “verità dei fatti”.

Intanto, una cosa dovrebbe essere chiara un pò a tutti: mentre il mondo tiene costantemente gli occhi fissi sulle sabbie dell’Iraq, il vero braccio di ferro sull’intera partita dev’essere in corso, dietro le quinte, fra USA/Israele da una parte, e Arabia Saudita dall’altra.

E’ lì che si ci gioca il controllo del mercato globale del petrolio, e quindi il controllo, in senso lato di tutta l’economia globale che da questo dipende.

E per coloro che sostengono che in realtà siano CIA-Mossad a manovrare a proprio uso e consumo i vari attentati “arabi” nel mondo, lo spettacolare rapimento di oggi...

LO STRANO CASO DEL SIGNOR FERRARA GIULIANO

28.05.04 - Stando alle indicazioni della stampa odierna – da Panorama a l’Unità – il problema di cui dovremmo occuparci con particolare urgenza in queste ore è la posizione di presunta “rivolta” che il direttore di un foglio come tanti avrebbe messo in atto contro il nostro attuale presidente del consiglio.

Chissà perchè.

Un signore qualunque, tanti anni fa, decide di crearsi un nome, nel panorama politico italiano, nell’unico modo in cui sia possibile farlo nel nostro paese: sbraitando più forte degli altri. Forte di una decente preparazione scolastica, un certo Ferrara Giuliano si mette un giorno ad utilizzare l’ars locutoria (“ti fa su con le parole”, direbbe mia zia Rina) per ricordare al mondo ciò che da Aristotele in poi – passando doverosamente per Machiavelli - è una verità di certo inconfutabile: che sia possibile, su qualunque argomento, dire tutto ed il contrario di tutto, senza apparentemente contraddirsi mai.

Ma siccome molta gente questa verità o non la conosce proprio, o se l’era dimenticata, succede che da un giorno all’altro l’Italia scopre che “Giuliano è intelligentisssimo” [sic]. A quel punto – giustamente – il nostro sceglie di mettere a frutto la diceria popolare, e ...

MORIRE CON DIGNITÀ: HA VINTO L’INDIVIDUO. 

di Fabio de Nardis

28.05.04 - Il Procuratore Generale (Ministro di Giustizia) John Ashcroft ha perso un’altra battaglia con lo Stato dell’Oregon, nella lunga guerra per bloccare la legge sul suicidio assistito da loro approvata nel 1997. Ma quello appena conclusosi rappresenta soprattutto un ennesimo capitolo nell’eterna diatriba fra federali e stati singoli, per stabilire fino a che punto i primi possano ficcare il naso negli affari dei secondi, quando non vi siano di mezzo faccende che riguardano direttamente la federazione come tale.

E infatti la US 9th Circuit Court of Appeals of San Francisco, la corte federale* a cui Ashcroft si era appellato, oggi ha confermato che il suo tentativo di bloccare la legge non rientra nelle sue competenze. Il Giudice Richard A. Tallman - considerato uno dei membri più conservatori, all’interno di questa corte notoriamente “liberal” - scrive nella sua opinione che non solo “il Procuratore generale va oltre la portata della sua effettiva autorità nello Stato Federale” ma “il suo sforzo unilaterale di regolare la pratica medica generale, storicamente affidata ai legislatori dello Stato, interferisce con il dibattito democratico...

CAPORETTO NAJAF

Gli americani costetti a ritirarsi dalla città di Al-Sadr'.


L’avevano circondata con interi battaglioni, carri armati, elicotteri, sensori a infrarossi, mezzi di trasporto corrazzati, postazioni di visione notturna, recinzioni spinate, segnalatori elettronici, sacchetti di sabbia, palle da bowling e lattine di coca-cola. Avevano detto dateci Al–Sadr’ perchè è un cattivo e deve andare in prigione. Avevano dato ai cittadini “poco, pochissimo tempo” per ubbidire, se no sarebbe stato l’inferno.

Ma quando quelli hanno risposto con una pernacchia lunga un'ora, e hanno detto venite a prendervelo voi, se ci tenete tanto, i militari americani hanno cominciato a sospettare di non essere in un film western. Non avevano circondato infatti un qualunque villaggio di pellerossa, armati di frecce; avevano circondato una città santa dell’Islam, armata del Corano.

E infatti dopo un mese passato inutilmente ad abbaiare nella sabbia, la più potente armata del mondo...

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO