Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu laterale
 

Torna al menù principale

INTRODUZIONE

FAQ - Le domande
più frequenti


Introduzione all' 11 settembre


I "neocons"


10 settembre: qualcuno sapeva


I precedenti storici


Patrioti per l'11 settembre

 
 Una questione di metodo

 
Un punto di partenza

1 - LA VERSIONE UFFICIALE

Colpevoli e mandanti


I 19 assi del cielo


  Le prove sospette


 Le identità al condizionale




La vera storia di Al-Queda

 
Chi  è Osama bin Laden?


La prova del nove


Sintesi capitolo 1

2 - GLI AEREI DIROTTATI

La difesa inesistente


Chi ha cambiato le procedure?


Cronologia comparata dei 4 voli


 War games
(in preparazione)

 
5 cronologie in 5 anni

 
 Il fallimento della difesa


LA PROVA DEL NOVE:

Un piano inesistente


Sintesi capitolo 2

 
3 - Il SEGRETO del PENTAGONO

Il doppio problema del Pentagono


Dove è finito l'aereo?


  I testimoni oculari


Il black-out di Grande Fratello

 
I falsi video del Pentagono


La tesi della disintegrazione


La tesi della penetrazione

 
Simulazione di reato


Operazione "Aquila Nobile"


LA PROVA DEL NOVE:

Il segreto del Pentagono


Hani Hanjour,
dilettante miracolato


Sintesi capitolo 3

4 - IL MISTERO DI UNITED 93

Un altro Boeing scomparso


I fatti riscontrati

DA QUI IN POI IL LAVORO E' ANCORA DA COMPLETARE

Le telefonate dal cielo
 
 
Lo schianto misterioso


  Abbattuto in volo?


  Il Jet bianco


LA PROVA DEL NOVE:
Una complicazione inutile


Sintesi capitolo 4
 
5 - Il WORLD TRADE CENTER

Le Torri che non dovevano crollare


Larry Silverstein,
l'uomo delle Torri



Il World Trade Center Plaza

 
5 anni di teorie contraddittorie

 
Le Torri gemelle

 
Un lampo sul muso del Boeing

 
Il mistero del pod 


La prova del nove

 
 Rapporto NIST: simulazione di collasso


Una potenza misteriosa
   
 
Le pozze di metallo incandescente

 
Acciaio: la cancellazione delle prove


Le demolizioni controllate


World trade center 7:
il più strano di tutti


Smoking Gun?


I pompieri raccontano


Crolli o demolizioni?


Sotto gli occhi di tutti

 
20 domande sulle Torrri Gemelle

 
Confutazione della versione
ufficiale del collasso


  Analisi del trasferimento
della quantità di moto

 
La distruzione del WTC: perché la versione ufficiale non può essere vera

 
Dieci teorie diverse a confronto


Rapporto 911 - Omissioni e distorsioni


115 menzogne sugli attentati
dell'11 settembre


Sintesi capitolo 5
 
6 - I  FAMILIARI DELLE VITTIME

Un popolo a parte


100 domande senza risposta


Sintesi capitolo 6

CONCLUSIONE

Un quadro di insieme


11 settembre

Il punto della situazione

Appendice 1:
STAMPA E TV

 
2006: Un'estate sorprendente


"OGGI"


Le Monde Diplomatique
 
 
 Il caso Diario / Popular Mechanics

PAGINE DI SERVIZIO

LE FONTI

Torna alla homepage di luogocomune

 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE



Questa sezione stata visitata: 4608512 volte


I 19 ASSI DEL CIELO

Sofisticati terroristi, o semplice banda di imbranati ?

Quella che segue è una breve ricostruzione dei fatti che avrebbero portato, secondo la versione ufficiale, i 19 dirottatori al loro appuntamento con le stragi dell'11 Settembre.

La preparazione

Verso il 1996, per motivi a noi non noti (al di là di un presunto, generico odio per l'Occidente), Osama bin Laden inizia a progettare, insieme al suo braccio destro Khalid Shaikh Mohammed, quelli che passeranno alla storia come gli attentati dell'11 Settembre. E' Khalid, seppure non parli una parola di inglese, ad occuparsi sin dall'inizio dell'organizzazione e della logistica dei medesimi. L'idea è quella di sequestrare aerei commerciali e di usarli come bombe volanti contro luoghi altamente simbolici del sistema occidentale, come le Twin Towers di Manhattan, il Pentagono, o la stessa Casa Bianca.

Vengono scelti 20 volontari, votati alla morte, che vengono divisi in 4 gruppi di cinque. Di ciascun gruppo, uno di loro si addestrerà a manovrare aerei di linea di tipo commerciale. Gli altri quattro si occuperanno del sequestro vero e proprio, che avverrà con il solo aiuto di coltellini tascabili.

Sempre per motivi che non conosciamo, Osama preferisce non approfittare delle mille conoscenze di cui dispone in medio oriente (Pakistan, Afghanistan, Siria, ecc.), dove potrebbe far addestrare comodamente i suoi uomini su dei veri aerei di linea, ma li manda in America - dove fra l'altro rischiano di dare nell'occhio - ad addestrarsi su piccoli aerei da turismo.
 
Le scuole di volo

In effetti costoro non solo non passano inosservati, ma divengono il vero e proprio zimbello nelle varie scuole, per essere decisamente negati in materia di volo. Faticano ad ottenere una qualunque licenza, e mostrano anzi notevole imbarazzo una volta sedutisi ai comandi dei simulatori di veri aerei commerciali. D'altronde, sarebbe come addestrarsi su un barchino da pesca col fuoribordo, e poi pretendere di saltare direttamente ai comandi della Achille Lauro.

L'aspetto davvero inquietante, riguardo alle scuole di volo, e che almeno quattro dei futuri assi sono stati  addestrati direttamente nella base navale americana di Pensacola, mentre un quinto comparirà addirittura nei corsi tenuti nella base CIA di Monterey, in California.

E' davvero questa la strategia migliore per preparare degli attentati di quel genere, senza rischiare di esser in qualche modo individuati prima di poter passare all'azione?

In ogni caso, le istruzioni per i 19 futuri martiri erano state chiarissime: dare il meno possibile nell’occhio, cercare di mescolarsi al tessuto sociale, evitare in ogni modo situazioni che possano portare ad un eventuale confronto con la legge. Nonostante ciò, molti di loro si fanno continuamente coinvolgere in litigi coi vicini, e vengono ripetutamente cacciati dai vari appartamenti in cui abitano. Mangiano e bevono inoltre usando quasi sempre la carta di credito, e si fanno vedere più di una volta a Las Vegas, dove vengono immediatamente notati per il solo fatto di essere musulmani (il gioco, l’alcohol e le donne sono rigorosamente proibiti dal Corano). Uno di loro riesce anche, tre sere prima degli attentati, a prendere una multa in autostrada per eccesso di velocità e guida con un solo faro. Anche lui fortunato, se la cava con una semplice multa, poichè il poliziotto che lo ha fermato non si accorge che il suo nome è fra quelli dei ricercati dall'FBI.

Per riassumere, diciamo che i 19 insospettabili si sono lasciati dietro una scia di indizi che avrebbe potuto essere ricostruita da un bambino di 10 anni.
 
Il 10 Settembre - giornata di pura follia

Di ciò che hanno fatto i 19 nel giorno precedente gli attentati, sappiamo abbastanza di una delle quattro cellule – quella capitanata dal “ring-leader” Mohamed Attà - ma quasi nulla delle altre tre. Si suppone però, per proprietà transitiva, che si siano comportate tutte più o meno nella stessa maniera.

Con una differenza: mentre gli altri tre gruppi avrebbero saggiamente dormito nella città di partenza, la mattina del 10 Settembre il gruppo di Attà, che già si trovava a Boston (sede di partenza del loro volo), si spezza in due. Tre di loro rimangono in città, mentre Attà e Alomari affittano una macchina e fanno improvvisamente rotta verso Portland, nel vicino Maine, a circa tre ore di distanza.

Qui non trovano di meglio che farsi “pizzicare” dalle varie telecamere (sotto) ad usare il Bancomat, a fare benzina, e a farsi un giro di shopping ai grandi magazzini.



Di certo se l'FBI avesse voluto disseminare delle prove del loro passaggio in quella città, non avrebbe saputo fare di meglio.

Progetto suicida

Dopo aver passato le ore serali - le ultime della loro vita - in questo modo perlomeno curioso, ai due resta appena il tempo di registrarsi in un motel, compiere le preparazioni di rito, ed andare a letto presto, poichè di buon’ora dovranno imbarcarsi su un volo locale che li riporterà a Boston, in coincidenza col fatidico AA11 per los Angeles.

Viene da domandarsi perchè mai i due abbiano compiuto questo viaggio, che li obbliga ad una coincidenza veramente risicata con il Boston-Los Angeles, mettendo a rischio la loro partecipazione all'intero progetto.

In effetti la coincidenza risulterà talmente stretta, che mentre i due fanno appena in tempo a raggiungere i compagni sull'aereo della American, la valigia di Attà rimane clamorosamente a terra. E pur essendo regolarmente registrata fino a Los Angeles, per qualche strano motivo non riparte affatto col volo successivo (come avviene di solito in casi simili), ma resta cocciutamente a girare sui nastri, tutta sola, finchè qualcuno la nota ed avvisa la polizia.

La valigia di Attà si trasforma così per gli investigatori in un prezioso Vaso di Pandora, dal quale escono:

- Il testamento autografo di Mohamed Attà.
- Il passaporto di Mohamed Attà.
- Un foglio, scritto in arabo, con le istruzioni dettagliate per le ultime 24 ore dei suicidi.
- Alcuni manuali di volo del Boeing 767.
- Una divisa di volo da steward della American Airlines, che risulterà poi rubata.
 
Concludiamo notando due cose:

1 - Se Attà non avesse avuto la folle idea di fare quella puntata estemporanea a Portland, mettendo a rischio l'intera operazione, noi non avremmo mai saputo cosa conteneva la sua valigia, per poter risalire così velocemente alla matrice degli attentati.

2 - Viene seriamente da dubitare dell'intelligenza di quest'uomo, che si porta appresso una valigia contenente svariati elementi che lo avrebbero inchiodato direttamente alla sedia elettrica, se solo fosse stato fermato dalla polizia - per un motivo  qualunque - prima di imbarcarsi per Los Angeles. (Come ti difendi, in un pomeriggio dell'11 Settembre, con tutta quella roba in valigia, quando gli altri tre gruppi hanno appena portato a termine la loro missione?)

Avremmo quindi un Osama bin Laden che mette l'operazione più importante della sua vita nelle mani di venti scapicollati, maldestri e disubbiedienti, e che poi fa gestire il tutto a distanza da una persona che non parla una sola parola di inglese. Ma al di là delle mille contraddizioni e incongruenze, la domanda di fondo che si può porre è questa: viste le affermazioni di Curt Weldon (nel video che segue), come si può riconciliare la versione ufficiale con il fatto - innegabile, sembrerebbe - che il Pentagono sapesse da oltre un anno dove si trovavano i terroristi?



E perchè il Pentagono non ha voluto che queste informazioni arrivassero all'FBI?

 

TORNA AL MENU PRINCIPALE






Powered by XOOPS 2.0 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA